A Good Day Going Bad – BDSM

di | 21 de Giugno, 2022

Ho finalmente un giorno libero domani, dopo tanto tempo in cui non riesco a vedere niente di diverso sulla mia scrivania. Tante commissioni, appuntamenti e lavoro. Sono fortunato ad avere un lavoro oggi con la situazione attuale e sono grato per qualsiasi lavoro extra quando avrò il tempo per farlo. Se domani il cielo è sereno andrò in spiaggia a fare il bagno al mare, ma per il resto della giornata farò la doccia, guarderò la tv e mi riposerò…

La sveglia mi ha svegliato alle 8:30. Non troppo presto, soprattutto perché mi alzo qualche ora prima ogni giorno per andare in ufficio. Veloce viaggio in bagno per lavarmi la faccia e finire di svegliarmi con l’acqua fredda. Prossima fermata, colazione. Mentre brindo e mi allungo, guardo fuori dalla finestra per vedere com’è il tempo oggi. Sembra chiaro e spero che rimanga così. Il tempo è abbastanza instabile durante questo mese, ma perfetto se vuoi andare in spiaggia e goderti qualche ora per diversi motivi: la gente di solito non ci va in questo periodo e negli ultimi giorni ha piovuto un po’, il che aiuta anche; le persone hanno anche paura quando vedono pietre in mezzo alla strada, il che mi porta a un’altra motivazione, ci sono meno persone e più pace e spazio.

Finisco la colazione e mi dirigo verso la spiaggia. Non c’è quasi nessuno sulla strada, tutti stanno lavorando. Suono una canzone e sorrido, pensando che gli unici conducenti aggressivi che incontrerò sulla strada per la spiaggia sono meno di quelli che potrei incontrare andando in ufficio.

Arrivo molto velocemente; tra altri due giri sarò al parcheggio… Il resto sarà sole, sabbia, acqua e nitro. Poco prima dell’ultimo tornante che dà accesso alla spiaggia, vedo il semaforo arancione… Non ho fretta e aspetto il semaforo verde; Seguo la musica picchiettando con i pollici sul volante e osservo il parcheggio. Confrontando con l’alta stagione, sembra che le persone siano scomparse da questo pianeta. Forse c’è un’evacuazione di cui non sono a conoscenza dopo averla completamente rovinata. Nei miei pensieri mi sono anche reso conto che con così poche persone ea quest’ora del mattino posso continuare a guidare per altri quindici minuti e raggiungere la prossima spiaggia molto più pulita e molto più piccola; anche meno vento e meno persone in generale. Penso che oggi sia il giorno perfetto per partire. Anche quando incontro molte persone, non mi aspetto di incontrare nessuno oggi. Detto fatto. Dopo un quarto d’ora di tornanti, stradine, pendii e alcuni sassi sulla strada causati dalla pioggia e un’ultima discesa arrivo al parcheggio. Questo non è buono come l’altro, ma questo è l’unico aspetto negativo (a parte le rocce sulla strada). Non me ne preoccuperò, non credo che un grosso sasso cadrà e distruggerà la mia macchina.

Quando arrivo sulla sabbia, non c’è nessuno sulla spiaggia. La marea scende poi, a piedi nudi, scelgo il posto che voglio. Stendo l’asciugamano, mi tolgo la maglietta e faccio il bagno in pantaloncini (questa spiaggia è inutile). Dopo aver usato la crema solare, inizio ad ascoltare la musica con il volume abbastanza basso da sentire l’oceano in sottofondo. Dopo una lunga trance al sole e alla brezza marina, mi sdraio sui gomiti e guardo l’acqua. Sembra che più persone abbiano raggiunto la spiaggia. Sento qualcuno che usa la crema solare qualche metro dietro di me sulla sinistra e una coppia che stende gli asciugamani sul pavimento all’estrema destra, cercando la propria privacy. Penso che sia ora di andare a nuotare.

Mi alzo e cammino verso la riva. La mia pelle è umida per il sudore del sole caldo. L’acqua è terribilmente fredda. È un po’ difficile per me entrare in acqua, ma ci riuscirò tuffandomi prima a capofitto; l’acqua mi arriva alle ginocchia quando entro in mare… Un passo, due, tre, a metà coscia… Adesso! Tuffo! Fa così freddo. Ogni mio muscolo si irrigidisce e comincio a nuotare. L’acqua fredda non mi farà male, soprattutto dopo aver sparato ieri prima di andare a letto e dopo aver visto il telegiornale internazionale. Per venti minuti ho guardato un film su un canale che non conoscevo in televisione. Apparentemente mostra film per adulti che iniziano a tutte le ore. Ho continuato a guardare il canale per curiosità e sono rimasto ipnotizzato per venti minuti dai corpi e dalle scene che venivano riprodotte sulla mia TV. Il tocco di una donna era evidente da quello che avevo visto sporadicamente fino a quel momento. Nella scena che ho visto c’era una donna alta, circa 1,70 m, che indossava stivali alti, una minigonna rossa e una camicia bianca. Sembrava molto sicura di sé e usata e dominava il ragazzo nella scena solo con il suo sguardo. Dopo un po’ c’erano dei fili e in quel preciso momento ho smesso di guardare il film perché ho capito che ora era. Stavo per uscire dall’acqua ma preferisco continuare a nuotare per un po’ perché la mia mente mi ha ingannato pensando a quei minuti del film e ho bisogno di rilassare una parte del mio corpo prima di tornare sulla sabbia e il mio asciugamani. L’acqua fredda mi aiuta, così come l’esercizio, quindi mi avvicino alla spiaggia tra le onde che sono iniziate quando ero dentro ed esco con cautela per non cadere a terra.

Dopo la gita in mare al mio asciugamano, mi do un’occhiata in giro. Ci sono ancora poche persone sulla spiaggia. La coppia sta giocando in acqua a una certa distanza da un bodyboarder.

All’ingresso della spiaggia ci sono tre ragazze in topless, di cui una fuma. Il resto, qualche asciugamano vuoto, uno accanto al mio e uno tra il mio e le ragazze in topless. Presumo siano di proprietà di due persone che comprano qualcosa al bar all’ingresso della spiaggia (se si può considerare un bar, è una baracca/forno di metallo lunga circa quattro metri). Dopo la rapida occhiata, scuoto il mio asciugamano e lo rimetto sulla sabbia, prendo il libro che porto qui, in inglese per continuare a esercitarmi. In questo momento, dopo che la temperatura è cambiata di nuovo dall’acqua a questo sole, mi sento così stupida che non mi rendo conto che bagnerò il libro (sciocco, è carta e tu sei fradicio), quindi mi stesi la mia schiena e metto giù il libro. leggendo fino a quando non si asciuga chiudendo gli occhi e iniziando a sentire quella sensazione di riscaldarmi di nuovo dal sole e il mio stesso sangue che inizia a scorrere dove serve. Tra la sensazione di calore e il rumore del mare, sprofondo in una nuvola, leggermente assonnato e stordito dagli sbalzi di temperatura. La mia mente torna allo stesso pensiero che avevo quando ero in acqua e vedo di nuovo quella donna, vedo di nuovo i suoi stivali alti, ma la sua gonna rossa e la camicia bianca sono scomparse, lasciando il posto a mutandine nere, nascondendosi appena possibile; un perizoma con solo una coulisse nella parte posteriore e con poco tessuto davanti e a forma di “V”. Sopra, un reggiseno con un tessuto molto sottile che finge di nascondere malissimo il capezzolo rosa che sfugge sopra, come un’intuizione. Evidenzia, se possibile, curve che meritano di essere adorate in ginocchio.

Un attacco mi fa uscire dal mio sogno, dalla mia mente confusa, e ritorno alla consapevolezza assoluta di dove mi trovo, del calore e dell’umidità intorno al mio corpo, e mi rendo anche conto che il sogno ha svegliato una parte della mia anatomia che sembra allungarsi senza chiedere il permesso e senza rendersi conto che il sogno è finito e puoi riposarti di nuovo. Sarà meglio girarsi, sdraiarsi a pancia in giù e leggere per un po’. Sebbene sia qualcosa di naturale, ora non è il momento di attirare l’attenzione in questo modo. Quando comincio a girarmi, sento di nuovo lo schiocco che mi ha fatto lasciare andare il mio momento edonistico e onirico. Ora conosco l’origine della crisi e mi fa sistemare il prima possibile e più velocemente di quanto vorrei, cercando di nascondere un po’ la mia condizione. È una donna con occhi chiari e capelli neri, lisci e lunghi al collo. Sta mangiando una mela verde e sembra terribilmente difficile, o almeno questa è la mia impressione perché non me l’aspettavo. Almeno non si è accorta che per un attimo ho perso il controllo mentre dormivo delegando il controllo a un’altra parte del mio corpo molto diversa dal mio cervello. L’acqua di mare che ricopre la mia pelle ora è secca e rimane solo nitro, il che significa che posso riprendere il mio libro. Voglio finire alcuni capitoli prima di tornare a casa; È ancora presto. Quando prendo il libro, guardo la donna con l’asciugamano. Lei finite la mela e mettete il torsolo in un sacchetto di plastica. Mi guarda negli occhi e sorride. Le sorrido, ma mi sento un po’ a disagio con le mie labbra serrate. Guardo di nuovo in basso e apro il libro al page builder. Penso che la mela croccante sia perché è così fresca, dopotutto non può essere così dura come pensavo e nel suo sorriso è ovvio che i suoi denti sono naturali, non d’acciaio; Non sono sicuro dei suoi occhi. Non c’è da stupirsi che mangi la frutta perché dopo aver visto il suo corpo, sembra una donna che si prende cura del suo corpo. Delle belle curve, niente di esagerato, ma lo scalpello per esercizi si nota… Dopo un minuto insensato, torno alle pagine e mi concentro sul linguaggio di Shakespeare.

Ho letto per 25 minuti così concentrato che ho smesso di sentire i rumori intorno a me; il libro mi ha assuefatto al punto da perdermi quando lo finisco. Un cellulare che squilla mi fa uscire dal momento della lettura, ma lo ignoro e continuo a leggere. Pochi secondi dopo, lo sento sulla schiena, calda dal sole, qualche goccia d’acqua gelida che cade che finalmente mi fa uscire dalla lettura. Alzo lo sguardo e mi rendo conto che il cellulare che squilla appartiene alla mia vicina in un asciugamano e quando lo ha sentito squillare si è messa a correre per rispondere alla chiamata e come danno collaterale del suo ritorno dal mare, mi ha spruzzato parecchio. La vedo inginocchiata velocemente sull’asciugamano, ansiosa di rispondere alla chiamata. Lo splendore della sua forma piena di minuscole perle salate porta nuove immagini alla mia mente e nuove reazioni al mio corpo. Fruga nella borsa e tira fuori il cellulare; così lei risponde e tutto ciò che fa è imprecare, borbottare, lasciando il telefono dove l’ha sollevato. È una straniera, il che si sposa bene con la sua pelle bianca e gli occhi chiari. Si sdraia sull’asciugamano mentre metto giù il libro e comincio a guardare il mare per stenderla sulla mia schiena. Riapplico la crema solare sulla pelle e sostituisco i suoi occhi chiari con il blu del mare.Quando ho finito, continuo a leggere per altri 20 minuti.

Capitolo finito. È ora di fare un altro tuffo in mare, ora ci sono più onde di prima. Mi alzo, vado a riva ed entro in mare finché lo scroscio del mare non raggiunge la mia vita. Calcolo la cadenza delle onde e quando ne ho la possibilità salto dentro e scendo sotto l’onda successiva. Fa freddo per me, ma un po’ più fresco dell’ultima volta, e sto iniziando a nuotare per abituarmi. Il mare comincia a diventare più aggressivo; niente di insolito o pericoloso se non si è spinti da un’onda sulla spiaggia. Sembra che il bodyboarder veda la possibilità di goderselo un po’ di più.

Guardo dal mare verso la spiaggia e vedo come le onde si infrangono su di essa e anche io lo sconosciuto mi avvicino alla parte dove l’acqua schizza. Spero che sappia cosa sta facendo perché ora guardandola sembra piccola e se non è abituata alle onde potrebbe ritrovarsi con un ricordo molto brutto sulla pelle. Lo ignoro e continuo a nuotare per un po’.

Dopo un minuto guardo di nuovo la spiaggia lasciandomi le onde alle spalle per vedere se il mio vicino in asciugamano sta ancora cercando di entrare in mare, succederà che le onde mi solleveranno su e giù senza ulteriori conseguenze. Lei non c’è – ci pensò due volte, se ne pentì e tornò alla sua valigetta – credo. Guardando le mie cose nella sabbia per vedere se va tutto bene, non la vedo. All’improvviso e mentre galleggiavo nel mare un’ombra mi passa sotto, bianchissima. Sorpresa! Sa nuotare perfettamente, forse meglio di me… Appare a circa cinque metri dalla mia schiena. Incredibile! Prende fiato, mi guarda e nuota lentamente verso di me e inizia a parlare:

-Ciao, non voglio disturbarti, ma ho visto il tuo libro e non volevo interrompere la tua lettura. È in inglese, giusto?

-Ehh-. Penso per un momento. Secondo l’accento, deve essere inglese.

-Parli inglese?- Continua a parlare.

-Sì, penso di sì.- Penso di sembrare stupido.

-Ok bene. Per un momento ho pensato che fossi un altro idiota che non sapeva nemmeno dire una parola. – Non ti biasimo, penso di sì anche in questo momento.

-No, so parlare bene, credo.

-Sembri un po’ imbarazzato, ti sto mettendo a disagio?- Disse sorridendo e guardandomi negli occhi.

-No no.

-Spero tu sappia parole con più di una sillaba- dopo aver detto che sta ridendo.

-Scusa, non sono a disagio, solo un po’ sorpreso. Cosa posso fare per lei? – Finalmente riesco a dire qualcosa che indica che ho più di cinque anni.

– Da dove vieni ? – Penso che dovresti chiederlo.

– Vengo da qui.

– Vivi in ​​mare? -Sembra che prenderla in giro sia un’abitudine.

-No, voglio dire, sono spagnolo, abito a pochi chilometri da qui.

-Oh! Serio! Guardandoti, pensavo che potevi essere facilmente uno dei miei vicini; Vengo da Bristol, sto ancora scherzando.

– No, scusa, non ci sono mai stato.

-Va bene. Sono arrivato qui una settimana fa e rimarrò altre due settimane. Voglio visitare i posti nei dintorni e se sei del posto forse puoi consigliarne di buoni.

Per i prossimi tre minuti vi racconto alcuni luoghi tipici e meno tipici, che in effetti sono anche migliori di quelli visitati da tutti. Durante la nostra conversazione, si è avvicinata un po’.

-Grazie. Posso farti un’altra domanda? – mi chiede.

-Sì, naturalmente.

-Penso che sia una spiaggia per nudisti perché non indossi nulla. Ce ne sono diversi o questo è l’unico?

– Ce ne sono altri.

-Eccellente. Sembra essere più tranquillo rispetto al resto delle spiagge. Chiederò dove sono più tardi, ma per ora mi basta acqua; è freddo come l’inferno.

– Sì, ma puoi abituarti.

-Non so. Sembra che ti piaccia e anche il tuo corpo, perché sembri più rilassato qui che sulla sabbia.

-Chi?

-Sto parlando del ‘il tuo cervello’, scusa, voglio dire ‘il tuo amico’- disse puntando il dito verso il basso.

-Ehhh…

-Almeno sembra che tu “fossi” più rilassato quando nuotavo sotto di te, il tuo amico sembrava più piccolo.

Dopo averlo detto, si tocca una delle sue zanne con la lingua e si tuffa di nuovo sotto di me, ma questa volta vedo come mi guarda. Sono senza parole e l’unica cosa che posso fare è nuotare perché il mio sangue è tornato dove non dovrebbe essere. Quand je regarde le sable, je vois que la femme de Bristol est maintenant hors de la mer, marchant sur le sable, mais elle porte son bikini dans sa main gauche, ce qui signifie pour moi que j’aurai besoin de plus de temps pour nuotare.

Dieci minuti dopo, esco dall’acqua e mi dirigo verso il mio asciugamano. Mi sdraiai a pancia in giù cercando di riscaldarmi dal sole sulla schiena. La mia vicina mi chiede dove sono queste spiagge e io le rispondo gentilmente. Dopo un po’ mi dice che deve andarsene. Si alza e si veste, una minigonna e una maglietta corta e ampia senza maniche di cotone che mi permette di vedere circa due dita sopra il suo ombelico. Prima di partire mi chiede:

-Hai una busta di plastica dove posso mettere il mio bikini? È tutto bagnato e non voglio bagnare il seggiolino dell’auto, è di un noleggio.

-Sì, penso di averne uno.

Lo cerco nello zaino e glielo do.

-Addio, ragazzo del posto- disse infilando il bikini nella busta di plastica.

-Arrivederci. Me ne andrò dopo che avrò finito il prossimo capitolo, gli dico, accarezzando il mio libro.

Prendo il mio libro e continuo a leggere. Questo capitolo è breve, quindi lo finirò prima di partire, dovrebbero bastare una ventina di minuti; ma dopo cinque minuti vedo qualcuno fermarsi alla mia destra:

-Scusa, ma ho un problema con l’ottima macchina che ho noleggiato. Non mi interessa. Ho chiamato il servizio clienti e mi chiedono dove sono. Potresti per favore? – ancora la donna inglese.

-Sì, dammi il telefono e ti dirò dove sei.

– Non dirmi. Parlano inglese, quindi lascia che facciano il loro fottuto lavoro e soffrano. La macchina non parte e se soffro anche loro.

-Ok io rispondi e dille dove si trova.

– Ripeti – mi chiede – Non ti capisco – sporgendosi per ascoltarmi meglio.

Quando si accovaccia, le sue ginocchia sono all’altezza della mia testa, dandomi una visuale perfetta mentre il suo bikini è bagnato nella borsa che le ho dato. Arrossindo leggermente per l’ondata di caldo che all’improvviso mi ha colpito il corpo, ho ripetuto le istruzioni per arrivare in questo posto.

– OK, ci sto – disse alla persona dall’altra parte della linea – Oh merda! Apetta un minuto. – Sembra che qualcosa non va. “La ragazza dall’altra parte della linea mi ha detto che avevo due opzioni: aspettare circa un’ora e mezza o andare a casa e domani sistemeranno un’altra macchina davanti alla porta del mio appartamento”, mi ha detto. .

-Cattive notizie. Ti brucerai al sole se rimani qui, gli dico.

-Dico. Ma mi avevi detto che saresti partito tra poco. Potresti portarmi a casa? È vicino? Circa 20 o 25 minuti.

-Ok nessun problema.

– Porto tutte le mie cose in macchina. A presto.- Mi disse alzandosi e uscendo.

Chiudo il libro dopo aver finito il paragrafo e mi vesto. La cosa buona di non indossare i pantaloncini da bagno è che non si bagnano, il che significa che sarò comodo e fresco quando torno a casa. Mi alzo e vado alla mia macchina. Sulla via del ritorno, la incontro. è in piedi contro un’Audi nera senza difetti tranne che il motore non si avvia.

-Seguimi. La mia macchina è laggiù,” gli dico, aiutandolo a caricare alcuni dei suoi bagagli.

“Proprio dietro di te” risponde mentre la sento ridere.

Arriviamo alla macchina, metto le sue borse nel bagagliaio e mi dirigo al suo appartamento.

-Come ti chiami?

-Io sono Jane.

– E come ti chiami, autista?

-Chiamami John, sarà più facile per te.

– Se lo dici tu, John – risponde lei.

Continuo a guidare, girando verso le sue indicazioni, e arriviamo in un quartiere molto lussuoso.

-È qui – mi disse. Quando fermo la macchina, continua. – Spero che tu possa accettare un invito al lancio. Dopo tutto il tuo aiuto, è il minimo che posso fare per ringraziarti.

-Non è necessario. Ma grazie.

-Insisto. E ho bisogno di aiuto per mettere tutte queste cose nell’appartamento.

– Va bene, ti do una mano.

Siamo entrati nell’edificio. Tutto è molto nuovo, ma sembra che ci sia del lavoro da fare e che sospetto che ci sia della polvere dalle ultime riparazioni. Abbiamo preso l’ascensore corretto dei tre che ha l’edificio. Entra per prima e preme il pulsante per salire, fino al livello 20; ci sono 25 livelli. L’ascensore arriva e si parte. Pensavo ci fossero circa sei appartamenti per piano, ma qui ce ne sono solo due.

-Va bene, eccoci qui. Benvenuto nel mio appartamento per le vacanze”, mi ha detto dopo aver aperto la porta in attesa che entrassi.

-È molto grande

– Davvero? – ride.

-Più di quanto mi aspettassi.

-Lascia i bagagli qui, in questa stanza- mi disse indicando una stanza a sinistra dell’ingresso- e seguimi in cucina. Ho fame.

Lascio le valigie e mi dirigo in cucina. Non ho mai visto un appartamento così grande e luminoso. Quando arrivo in cucina è ovvio che non hanno badato a spese. È una cucina moderna che sembra un ristorante di lusso: superfici metalliche, un rubinetto con un tubo flessibile, un enorme frigorifero con accanto un congelatore delle stesse dimensioni, un grande tavolo di vetro e un bar… Pochi secondi, tutto è lavorando e andando in giro alla ricerca degli ingredienti di cui ha bisogno. C’è un balcone vicino alla cucina che è della stessa lunghezza.

-Ti piace il balcone. Dai un’occhiata mentre finisco, non essere timido. Impiegherò circa altri 5 minuti.

-Perfetto! Deve essere una bella vista.

-È un sì.

Vado dalla cucina al portico e resto un po’. Sento l’odore dell’aria fresca, non c’è rumore e si vede lontano da qui. È l’edificio più alto che si possa vedere nella zona. Dopo qualche minuto in cui ho distolto lo sguardo, mi giro per vedere se ha bisogno di aiuto. Sembra che abbia tutto sotto controllo. Si avvicina al frigorifero, lo apre e inizia a cercare qualcosa. Riesco a vedere come si china, cercando qualcosa negli scaffali più bassi mentre le sue gonne si alzano e la sua camicia pende giù. Ho una tale visione che sono sorpreso. Quindi termina la sua ricerca e si volta. Distolgo lo sguardo e fingo di distogliere lo sguardo. Improvvisamente, sento qualcosa cadere a terra:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *