A Pilloried Crotch – BDSM

di | 5 de Agosto, 2022

“Allora, come stai, Cedric?” Autry è rimasto colpito dalla sua resistenza. Il Pelourinho do Pênis sembrava il vecchio ceppo coloniale che tenevano nel seminterrato.

La differenza era che le azioni avevano tre fori, uno per il collo e due per le mani, per tenere il ragazzo (Always Cedric) piegato e appeso lì…

Quella cosa era un blocco rettangolare con un foro, uno solo, tagliato a metà.

Autry ha tirato fuori la metà superiore e ci ha messo il cazzo e le palle di suo marito, quindi l’ha chiusa bene.

E poi c’era una bellissima serratura. FOTOGRAFIA!

Il nascondiglio di legno era su un palo ed era abbastanza alto da permettere a Cedric di stare in punta di piedi in modo che non gli pendesse dall’inguine.

Oppure appenderlo dolorosamente, con le canne leggermente bluastre, per dare sollievo ai piedi, che si sentivano tesi.

Autry aveva i polsi di Cedric ammanettati dietro la schiena per evitare di interferire con il “processo di sottomissione”.

“Nessuna interferenza qui.”

Anche così poteva usare un bastoncino di salice che aveva portato dalla sua casa di campagna per lacerare il suo membro non protetto e molto esposto.

Cedric era un po’ flaccido, e questo non aiutava la tensione nel suo cazzo.

Ma virile, si muoveva avanti e indietro tra le tensioni, un po’ scrotale e poi un po’ in punta di piedi.

Cedric allungò i piedi e guardò affettuosamente Autry.

Una rossa minuta con un seno ingannevolmente grande, era riluttante a farsi coinvolgere dai capricci del marito.

Ma poi si è resa conto poco più di un anno fa che tirarsi giù i pantaloni per la piccola frustata quando si era dimenticato di prendere il bucato o aveva perso le chiavi lo aveva sorprendentemente concentrato.

Tutto quell’ADD per adulti era davvero una stronzata.

Autry si avvicinò alle natiche del pene e dimenò i suoi seni sul viso di Autry, e il suo profumo avvolse il suo viso sudato.

Altre storie erotiche  Discord Pt. 01 - BDSM

Il seno di Autry era racchiuso in un bikini e indossava anche jeans attillati e sbiaditi.

“Non ti piacerebbe giocare con i miei cari, Cedric?”

Autry scosse i seni in faccia a Cedric.

“Vorresti che mi strappassi i capezzoli e te li facessi succhiare.”

“Sì signora.” disse Cedric facendo un respiro profondo.

“Scommetto che lo sei. Ma quelle belle tette grosse non sono per qualche mostro che vuole che il suo cazzo sia bloccato alla gogna.

Il mio ragazzo, Alphonzo, che ho dovuto scaricare per sposarti a causa dei miei prestiti studenteschi, è l’unico con pieno accesso”.

Fare amicizia di nuovo con Alphonzo era stata una vera spinta per il gioco femminile in generale, pensò Autry.

“Phonnie” è stata la luce della sua vita. Anche se Cedric, con il suo piccolo dinkie, era almeno un buon fornitore.

Povero Cedric, piangeva pensando al fatto che non le toccava i seni con le mani da quasi un anno, per non parlare delle strane cazzate che stavano succedendo altrimenti.

Stupri alla cintura, clisteri purificanti, imparare a camminare con i tacchi alti mentre si bilanciava un’enciclopedia sulla testa facevano tutti parte del processo.

Phonnie è stata felice di dare qualche frustata alla piccola “maricon” della sua amata Autry e ha persino lasciato che Cédric gli succhiasse le palle…

Era stato uno dei compiti più onerosi.

Ma ora la gogna del pene stava davvero alzando la posta.

Autry si strofinò i seni contro il petto di Cedric, irritando le trappole che aveva messo sui suoi stessi capezzoli, e si chinò un po’, per strofinare un seno sul suo cazzo frustrato e gonfio.

Autry si girò e si strofinò il culo morbido di jeans, così frizzante contro il cazzo gonfio di Cedric, negò quei quattordici giorni, poi si voltò di nuovo e si chinò per infilare il suo cazzo tra la sua morbida scollatura.

Altre storie erotiche  Femdom Farms Ch. 05

Poi Autry fece un passo indietro, sorridendo nel vedere che gli occhi di Cedric erano chiusi in estasi. Prese la familiare frusta da cane, una cosa di due piedi, e la fece scattare sopra la testa del suo cazzo.

Nell’ultimo anno, Autry è diventato un esperto in questo!

Il contrasto tra i suoi seni morbidi e le sue ciglia ruvide dalla punta d’acciaio non è passato inosservato a Cedric, che ha aperto gli occhi urlando di dolore.

Voleva così tanto afferrare il suo cazzo ora caldo, ma ovviamente le sue mani erano ammanettate dietro la schiena.

“Cosa c’è che non va piccola?” chiese Autry. Si avvicinò a lui e lo baciò, come avrebbe fatto Ginger nella vecchia serie “L’isola di Gilligan” quando stava cercando di manipolare gli altri sopravvissuti.

Autry allungò una mano e fece scorrere le sue morbide punte delle dita e le lunghe unghie su e giù per il cazzo di Cedric. Sussultò ancora una volta.

Cedric possedeva Buttermilk Falls Hammer-n-Tongs, che vendeva attrezzature e forniture per la cucina, e non ha badato a spese per costruire questa cosa.

“Per favore, ne ho abbastanza di Autry, davvero.” C’era una lacrima negli occhi, anche se il suo cazzo ora era liscio con il precum in mano.

“Che cosa è?” Autry ha notato che Cedric non aveva ancora usato la parola sicura.

“Voglio uscire. Stavo andando a guardare la partita questo pomeriggio, e il mio cazzo sta davvero male in questo momento. E i miei piedi stanno diventando insensibili, la pianta dei miei piedi.”

Autry fece il broncio e fece un passo indietro. “Mi avevi detto che volevi questo. Non ho costruito questa cosa malvagia. Non credo che ci fermeremo ora.”

Cedric era irritato, ma di nuovo il suo cazzo è diventato ancora più duro.

Altre storie erotiche  Please Let Me Serve You Pt. 11 - BDSM

“Insisto perché tu mi lasci andare. Ti ordino di essere tuo marito.”

Autry ride felice. “Penso che andrò a fare la spesa.”

Uscì dalla stanza, infilando il culo nei comodi jeans sbiaditi.

Naturalmente, Autry non avrebbe lasciato la casa.

Non voleva che Cedric crollasse in quella dannata gogna, cadesse e magari si tagliasse i genitali.

Lorena Bobbit non lo era.

Di tanto in tanto, Autry lanciava un’occhiata a Cedric, che la fissava in modo drammatico.

Una o due volte, Autry si è tolta la maglietta e si è strofinata l’olio di cocco sui seni mentre si leccava le labbra per lui, poi l’ha lasciata per circa un’ora per lavorare alla sua tesi di dottorato.

Le gambe di Cedric erano davvero intorpidite adesso, ei suoi piedi sembravano un inferno. Ma era così eccitato da ciò che la sua disonesta moglie gli aveva messo addosso.

Certo, è stata un’idea sua, ma Autry ha avuto un modo per fargli del male: la sequenza sbagliata.

Sarebbe tornata per stuzzicarlo senza pietà con i suoi seni? Avrebbe usato di nuovo la frusta del cane sul suo cazzo, o sarebbe uscita e schioccare le sue guance non protette?

Avrebbe portato Phonnie e avrebbe lasciato che la sporca ecuadoriana le ridesse in faccia, meravigliandosi della strana merda in cui si erano cacciati i gringo?

Ha minacciato di coinvolgere la sua dipendente preferita, Shannon, una bionda con le tette allattata artificialmente per competere con Autry… e umiliarla.

Cedric non le avrebbe permesso di affrontare tutto questo.

Dio, ha sposato la donna giusta.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *