A Stimulating Life Ch. 09 – BDSM

di | 18 de Giugno, 2022

Essere una schiava del sesso nuda è fisicamente impegnativo, umiliante e spaventoso… ma anche sessualmente eccitante.

Durante il mio tempo con Victoria Wellington, ero costantemente nuda e circondata da altri schiavi anch’essi nudi. Naturalmente, ogni schiavo nel suo dominio era stupendo, con glutei sodi e perfettamente modellati, muscoli lunghi e magri e pelle liscia che luccicava di sudore per le continue fatiche che eravamo costretti a svolgere.

La sfilata infinita di corpi nudi era uno stimolo visivo costante per la mia libido maschile. E di notte ero incatenato e aperto così non potevo toccarmi o cercare di alleviare la mia tensione sessuale.

C’erano rare occasioni in cui il mio cazzo si afflosciava, ma Victoria aveva delle regole in atto e qualsiasi schiavo maschio che avesse perso l’erezione sarebbe stato immediatamente circondato da cameriere che avrebbero messo le mani sul suo corpo nudo e lo avrebbero stimolato fino a quando il suo cazzo non fosse pieno. dolorosamente eretto.

Ho 22 anni e sono costantemente stimolata sessualmente, quindi di solito è facile per me mantenere l’erezione. Tuttavia, c’è stata un’occasione in cui il mio cazzo è diventato molle e in pochi secondi è stato notato il cedimento del mio cazzo e quattro membri dello staff di Victoria sono entrati.

“Posizione di ispezione”, ha chiesto uno, e mi sono subito messo in piedi con le gambe divaricate, le mani dietro la testa, le dita intrecciate, i gomiti tirati indietro e il petto in avanti, lasciando il mio corpo nudo vulnerabile e disponibile per gli altri. fare quello che volevano con me.

“Se la signora Wellington vede il tuo cazzo in questo stato triste e vuoto, sarai punito”, mi ha detto una delle donne. Poi mi ha schiaffeggiato due volte forte sul mio culo nudo e ha ordinato all’altro personale di stare in piedi su entrambi i lati dei miei fianchi e di tirarmi le natiche.

Dal modo disinvolto e deciso in cui la prima donna si fece carico della mia umiliazione, pensai che avesse più autorità delle altre donne che avevano messo le mani sul mio corpo. E mentre il mio culo veniva allargato da due donne, una terza donna con gel lubrificante freddo si fermò dietro di me e spinse prima forte e poi con la punta delle dita contro la delicata carne rosa del mio ano.

Una grande folla di spettatori si formò intorno a me e osservò con grande interesse mentre sentivo due dita penetrare e sondare in profondità nel mio culo. Con così tante persone che osservavano l’umiliante impalamento del suo ano, mi sentivo degradata e impotente e non riuscivo a reprimere un gemito.

Deglutii a fatica mentre le sue dita sondavano ed esploravano il mio sensibile orifizio. Ho cercato di non contorcermi, ma le dita dentro di me hanno trovato così tante terminazioni nervose reattive da spingere e spingere e c’erano così tante persone che bramavano il mio corpo nudo e si godevano la mia umiliazione che era impossibile rimanere indifferenti.

“Zitta,” chiese la più alta delle quattro donne, il suo bel viso incorniciato da onde di capelli biondo platino, “Vogliamo il tuo cazzo duro ed eretto. E questo richiede la tua silenziosa obbedienza.”

La donna bionda che mi rimproverò era facilmente alta quanto me e aveva una voce autorevole che sembrava aggirare il centro logico del mio cervello e prendere il controllo diretto dei miei muscoli. Sembrava che fossi incapace di disobbedirgli. Era facilmente alta un metro e ottanta, magra ma con muscoli magri e una corporatura forte e atletica. I suoi occhi erano di un vibrante blu elettrico e quando ho incontrato il suo sguardo ho sentito la forza e la determinazione dietro quegli occhi.

Dopodiché, non ho potuto incontrare il suo sguardo e ho distolto lo sguardo, il mio respiro era instabile, il mio labbro inferiore tremava e ho fatto del mio meglio per rimanere fermo di fronte alla donna bella e intimidatoria mentre le dita interrogative dentro di me premevano sul mio prostata. .

Poi un’alta valchiria bionda di una donna avvolse casualmente la mano sinistra attorno alla base del mio cazzo e tirò lentamente, tirando su il mio cazzo e stringendo l’asta. Il mio cazzo ha risposto quasi istantaneamente, ispessindosi mentre lo teneva nella sua presa. Il mio pene si è gonfiato e indurito e lui se ne è accorto.

“È molto meglio”, ha detto la splendida bionda mentre continuava ad afferrare il mio cazzo e a ruotarlo nella sua presa, “È un ragazzo carino e ben educato”.

Il mio cazzo ha continuato a crescere mentre la donna intimidatoria ci ha giocato e la testa del mio cazzo è diventata viola e gonfia e una chiara goccia di liquido viscoso è apparsa all’apertura della mia uretra.

Rimasi senza fiato e dozzine di spettatori ben vestiti stavano sul prato e guardavano il mio corpo nudo girarsi. Ho obbedientemente tenuto le gambe divaricate mentre le dita dentro di me pompavano la carne arrotondata e reattiva della mia prostata.

La folla ha continuato a crescere e il numero di sguardi indiscreti è diventato schiacciante. Forse cinquanta persone si erano radunate per assistere alla mia umiliazione e la folla di spettatori continuava a crescere. E più gli occhi invadenti spuntavano per vedere come veniva violato il mio corpo nudo, più mi sentivo nudo ed esposto. Le mie gambe erano divaricate, le mie dita sottili affondavano in profondità nella mia fessura anale intima, premendo sensualmente contro quella ghiandola nascosta, suscitando un gemito dalle mie labbra da ragazzo ogni volta che le sue dita vi sfioravano.

Mi sentii arrossire e arrossire per l’imbarazzo mentre venivo aggredito sessualmente di fronte a cinquanta o sessanta spettatori lussuriosi e ben vestiti. La maggior parte di coloro che rimasero a bocca aperta davanti alla mia nuda umiliazione erano donne, ma c’erano alcuni uomini ben vestiti che sorridevano apprezzando la mia degradazione.

Altre storie erotiche  The VFW Hall - BDSM

La donna che teneva il mio cazzo iniziò ad afferrare il mio cazzo eretto con entrambe le mani e tirare il mio prepuzio lungo l’asta rigida finché non fu allungato il più umanamente possibile. Mi contorcevo mentre alcuni degli spettatori si avvicinavano per dare un’occhiata più da vicino al mio tormento e sussultavo mentre le dita dentro di me spingevano più forte contro la carne della mia prostata.

Alcune persone tra la folla hanno iniziato a scattare foto quando il mio pene ha iniziato a pulsare violentemente. I miei gemiti tormentati e il fremito delle mie membra erano per loro un grande divertimento. Gli piaceva vedere ragazzi nudi soffrire per il piacere.

E quando ero arrossita, ansimando e sul punto di eiaculare, la bionda atletica ha rilasciato la presa sul mio cazzo e le dita esploratrici sono state strappate dal mio culo. Il mio cazzo era così duro che mi faceva male e le gambe tremavano. Inarcai la schiena e sentii che l’angoscia del potente orgasmo dentro di me veniva negata.

“Il tuo cazzo deve essere sempre così duro,” la bionda atletica con gli occhi azzurri intensi appena prima di schiaffeggiare la mia erezione con la mano destra, “Non lasciare che si ammorbidisca di nuovo.”

Ho avuto poco tempo per riprendermi dalla mia prova. Un altro impiegato corse goffamente con stivali da equitazione in pelle e insistette che avesse un messaggio dalla signora Wellington.

“Ha ospiti che vogliono vedere lo schiavo”, disse, “quello schiavo”.

Mi fece un cenno con la mano e fu deciso che sarei stata rimessa al guinzaglio con i polsi ammanettati dietro la schiena. Un collare di metallo era chiuso con un lucchetto intorno al mio collo e un collare a maglie di catena era attaccato al mio colletto. I miei polsi erano legati dietro la schiena ed è stato dichiarato che ero pronto per essere presentato alla signora Wellington.

“Andiamo, Bel Ragazzo,” disse la bionda alta mentre mi tirava il guinzaglio e mi tirava in avanti, impotente.

Nudo, legato, al guinzaglio, completamente e umiliantemente eretto, fui condotto attraverso il prato. C’erano persone qua e là che mi fissavano, godendosi la mia nuda umiliazione mentre ero al guinzaglio.

Un giovane snello in abito doppiopetto stava bevendo da una tazza di pietra quando gli sono passato davanti. Quando mi ha notato, ha sorriso, ha alzato il bicchiere e mi ha mandato un bacio.

Una giovane donna in abiti equestri mi vide al guinzaglio e salutò la donna grossa che mi tirava dicendo: “Bella, Heidi!

Le due donne hanno parlato brevemente. Mi contorcevo a disagio mentre il compagno di Heidi osservava il mio corpo nudo dalla testa ai piedi con uno sguardo affamato e predatore. E poi il partner di Heidi mi ha schiaffeggiato giocosamente il culo nudo prima Heidi mi tira il guinzaglio ancora una volta e io devo seguirla.

Sono stato guidato da altri spettatori che hanno esaminato apertamente il mio corpo nudo, osservando ogni dettaglio mentre sono stato costretto a superarli ed entrare nella casa principale. Una volta dentro, Heidi mi ha condotto attraverso diversi corridoi e ha aperto le porte che davano a un ufficio.

“Ecco,” disse, sganciando il colletto dal mio colletto e sbloccandomi le manette. Entrai. Heidi rimase nel corridoio e chiuse le porte dell’ufficio. Mi sono guardato intorno e la prima cosa che ho notato è stata la sig. Wellington, seduto dietro un grande tavolo di mogano.

«Puoi avvicinarti», disse la signora. Wellington imperiosamente. Ero nudo e al guinzaglio. Avevo imparato molto tempo fa che gli schiavi nudi dovrebbero essere rispettosi e sottomessi alle donne imperiose. Perciò, anche se non mi era stato ordinato di avvicinarmi a lei, ho proceduto come se l’avessi fatto e sono andato veloce e silenzioso verso di lei a piedi nudi.

Quando ero a un braccio di distanza da lei, mi è stato detto di fermarmi, poi lei ha risposto: “Mantieni la posizione”.

Durante il mio addestramento da schiavo mi erano state insegnate nove diverse posizioni di schiavo. La posizione di attesa significava che lo schiavo doveva stare in piedi con le gambe divaricate, la testa alta, gli occhi bassi, le braccia dietro la schiena, i gomiti piegati e le mani alzate per non coprire in alcun modo le natiche. Ho preso posizione senza pensare. Un’addestratrice di schiavi di nome Mistress Faith mi aveva addestrato in posizioni da schiavo per infinite ore prima che fossi venduta all’asta. Potevo assumere una qualsiasi delle nove posizioni di schiavo quando comandato in modo riflessivo come sbattere le palpebre quando i miei occhi erano asciutti.

“Oggi avete visite”, la signora. Wellington mi ha informato: “Li spedirò presto, ma prima penso che dovremmo preparare il terreno. Preferiresti essere impalato in una prigione con le sbarre, legato, piegato con il culo in aria o legato appeso a il soffitto? , con un cinturino in pelle stretto intorno ai polsi?

“È raro che un’amante chieda l’opinione di uno schiavo su queste cose”, risposi, sospettando una sorta di trucco.

“Esatto, tesoro,” rispose la Sig. Wellington, “Di solito le preferenze di uno schiavo sono considerate irrilevanti e uno schiavo deve solo sopportare i capricci del suo padrone o della sua amante, ma ti amo moltissimo. Hai lavorato sodo e hai mostrato un vero talento da pony. Mi sento un è dovuto un certo grado di benevolenza”.

Ho ringraziato la signora Wellington per avermi permesso di scegliere come attaccarmi e ho scelto di appendere al soffitto. La signora Wellington ha quindi premuto un pulsante e una barra trapezoidale è scesa dolcemente dal soffitto e ha interrotto la sua discesa quando è stata all’altezza dei miei capezzoli.

Altre storie erotiche  Humiliating Revenge - BDSM - Literotica.com

“Stai lì e stendi la mano davanti a te, tesoro”, disse la signora. Wellington, “Ti legherò i polsi alla sbarra.”

I miei polsi erano stretti e bloccati alla sbarra. Così la signora Wellington tornò alla sua scrivania e premette un altro pulsante, alzando la sbarra, portandomi con sé le braccia. La barra ha continuato a salire finché il mio corpo non è stato esteso e i miei talloni sono stati sollevati da terra.

“Sei molto attraente così”, disse la Sig. Wellington mentre esaminava la mia nudità allungata, “I tuoi muscoli si irrigidiscono quando sei in piedi e le curve del tuo corpo sono visibili.

Mi sono sentito più esposto e vulnerabile dal modo in cui ero intrappolato. Quindi la signora Wellington ha premuto un pulsante sul suo telefono e ha detto a uno dei suoi subordinati di inviare visitatori nel suo ufficio.

Mi contorcevo a disagio perché non avevo idea di chi fosse autorizzato a entrare nel suo ufficio e non avevo idea di cosa mi avrebbero fatto. Ero nudo e indifeso. Chiunque potrebbe farmi qualsiasi cosa.

Una porta si aprì e io guardai oltre la mia spalla nuda per cercare di intravedere le persone che avrebbero assistito alla mia nuda umiliazione.

“Beh, non è bello?” Ho sentito una voce femminile chiedere e poi ho visto apparire il viso di una bella giovane donna.

Non l’ho riconosciuta, nemmeno quando si è avvicinata e si è fermata davanti a me. Sembrava esotica, con lunghi capelli neri che cadevano a onde, pelle color miele e occhi che brillavano di vivo interesse.

“Puoi toccarlo se vuoi”, disse la Sig. Wellington alla donna esotica e all’improvviso le sue mani erano su di me i suoi palmi e le dita scivolarono delicatamente sulla parte superiore delle mie cosce poi mi prese a coppa il culo e mi strinse le natiche mi passò le mani nell’addome e lungo il busto, accarezzando il mio petto liscio prima di giocare con i miei capezzoli.

Sono costantemente nuda e in un costante stato di tensione sessuale, quindi quando questa donna mi ha fatto scorrere le mani su tutto il corpo il mio respiro è diventato rapidamente irregolare e quando mi ha tenuto lo scroto e ha giocato con le palle non riuscivo a sopprimere un gemito.

“È così morbido”, ha detto, facendo scorrere le mani sul mio petto, “Niente peli sul petto, niente peli a palla, niente capelli da nessuna parte”.

“Gli uomini sembrano molto più infantili, carini e nudi quando li depili o li radi”, ha detto saggiamente la signora Wellington, “tutti i peli del corpo si intromettono”.

Poi la donna mi ha tenuto il culo con una mano mentre con l’altra ha afferrato il mio cazzo e ha iniziato a strofinare il pollice sulla mia testa gonfia e violacea. Rabbrividii e sussultai mentre il mio cazzo dolorosamente eretto pulsava nella sua mano.

“È molto ricettivo”, ha detto la signora Wellington mentre mi contorcevo e sentivo tutto il mio corpo inondare di sensazioni erotiche e formicolio.

“È una puttana”, ho sentito un’altra voce femminile dire dietro di me. Ho girato la testa, cercando di vedere chi l’ha detto. Guardarmi alle spalle era difficile nel mio stato legato, tuttavia, la donna che mi chiamava puttana si allontanò gentilmente da dove potevo vederla.

“Cassandra? dico guardandola. Cassandra era una delle mie colleghe ballerine al Chandler Theatre. Era vestita in modo casual con scarpe da corsa, blue jeans e una maglietta nera. Durante questo periodo ero completamente nudo ed esposto. Mi fece un sorriso malizioso, poi sentii il mio viso arrossire febbrilmente per l’imbarazzo.

“Te l’avevo detto che era adorabile”, ha detto Cassandra alla donna esotica, poi si è girata verso di me e ha detto: “Questa è Gina. È un’autista di Uber. Ha sentito Nari e me parlare di te come schiava sessuale nuda. e ha detto non ci addebiterebbe nulla per averci preso se la portassimo e le lasciassimo incontrarlo di persona”.

Le mie gambe tremavano leggermente mentre Ginny continuava a giocare con le mie palle. Li tenne nel palmo della mano e li sollevò leggermente come per pesarli. Il mio cazzo e le mie palle sono stati rasati e Ginny è stata felice di vedere quanto fossero morbidi. Mi venne in mente che Cassandra aveva appena detto che stava parlando con Nari in macchina. Mi chiesi se Nari fosse lì nell’edificio. E prima che io dica qualcosa ad alta voce, anche Nari entra nel mio campo visivo.

Nari era un altro ballerino del Chandler Ballet Theatre. Era irresistibilmente bello, era anche il mio ragazzo. Quando ci siamo incontrati per la prima volta era estremamente sottomesso sessualmente, ma recentemente la sua personalità è cambiata ed è diventato molto più dominante.

Nari ha toccato in modo seducente una delle mie cosce e ha tirato la mia gamba verso di lui, lasciando i miei genitali ancora più evidenti di prima. Ha usato entrambe le mani per dare vita alla mia gamba e Ginny ha scelto quel momento per afferrare l’asta del mio cazzo.

“È così duro,” si meravigliò Ginny mentre strinse forte il mio cazzo gonfio, “è come se il suo cazzo fosse scolpito nel granito.”

E mentre le mie gambe erano divaricate, Ginny ha fatto scorrere le dita lungo il solco tra le mie natiche e ha strofinato la punta delle dita sulla carne delicata del mio ano. Rabbrividii al contatto inaspettato con una parte così intima della mia anatomia e Gina si ritrovò con un sorriso divertito stampato in faccia.

Altre storie erotiche  Femdom Farms Ch. 07

“Oh, è adorabile quando lo fa,” disse Ginny, poi premette il dito contro la carne morbida del mio ano molto più forte, facendomi rabbrividire ancora una volta.

“Lo amiamo così tanto”, ha detto Cassandra ha risposto: “Adoro vederlo contorcersi e gemere quando è tutto nudo e indifeso in quel modo”.

Ginny ha continuato a esaminare il mio intero corpo nudo. Le sue mani vagavano per il mio corpo nudo, sentendomi dai capezzoli alle ginocchia. Sembrava che le piacessero molto i miei capezzoli, strofinandoli e pizzicandoli finché non erano gonfi e duri e stavo urlando di dolore. Mi contorcevo e contorcevo i miei legami mentre lei continuava a pizzicare e torcere i miei capezzoli finché non erano diventati rossi e ipersensibili, poi fece scorrere le dita sul mio stomaco teso e giù fino al mio cazzo.

Ha pizzicato la testa del mio cazzo teso, facendomi contorcere ancora di più. Poi ha cominciato a pizzicare con forza il mio prepuzio. Gemevo in agonia mentre abusava del mio cazzo, poi si fermò e commentò: “Pensavo che tutto il dolore avrebbe reso il tuo cazzo morbido, ma è più difficile che mai”.

Quindi ha preso un sorso di pre-sborra dalla testa del mio cazzo e l’ha avvicinato alle mie labbra. La signora Wellington mi ha ordinato di aprire la bocca e leccare lo sperma dalle sue dita. Con tutti che guardavano, mi sentivo a disagio, ma aprii la bocca e succhiai i miei succhi appiccicosi dalle dita di Ginny.

Poi ha fatto scorrere le mani sulle mie cosce e si è mossa su e giù per le curve del mio culo. Ha commentato come gli uomini siano inclini a oggettivare le donne e come fosse giusto che lei avesse l’opportunità di oggettivare me. Ha detto a Nari che doveva essere orgoglioso di avere un ragazzo con un culo così stretto e perfetto mentre mi accarezzava le mani su e giù. Poi ha pizzicato la mia natica destra vicino alla carne sensibile dove le curve del mio sedere incontrano la parte posteriore delle mie cosce.

Le è piaciuto il gemito che ho fatto quando mi ha pizzicato il culo, quindi l’ha fatto di nuovo. Poi ha infilato un dito tra le mie natiche e ha spinto con insistenza il mio delicato ano rosa. Ho sentito la punta delle dita premere contro il mio buco del culo e lei ha detto: “Ha un bel culo”. Sono geloso che tu abbia un cazzo che puoi usare per impalare il suo culo e io no.

Il suo dito tremò, costringendomi ad aprire il buco del culo, poi fui impalato. Ha rimosso il dito invadente, ma pochi secondi dopo ha impalato il mio ano con due dita. Mi contorcevo e mi lamentavo per l’intrusione e Ginny rise, divertita dalla mia reazione.

Dopo aver fatto un’esplorazione approfondita, si è girata verso Nari e ha detto: “Mi aspettavo di vedere il suo culo tutto rosso e coperto di segni di frusta. È appena sfregiato”.

“Più uno schiavo è obbediente, meno viene punito”, ha spiegato la signora Wellington, “Inoltre, Scott ha una pelle incredibile. Si riprende molto più velocemente degli altri schiavi dopo il colpo di frusta. I lividi scompaiono dalla sua pelle in circa la metà del tempo come il lividi e lividi su altri schiavi”.

“Mi piacerebbe vedere Scott con dei segni rossi sulla pelle”, disse Ginny piacevolmente, “Sarebbe orribile da parte mia chiedere a Scott di essere frustato solo per il mio divertimento?”

La signora Wellington rise felice e rispose: “Cara ragazza, non sarebbe orribile! Ho pagato un sacco di soldi per questo schiavo e uno dei vantaggi della proprietà degli schiavi è che puoi frustare i tuoi schiavi per i motivi più banali… un ospite.”

Tutti erano d’accordo sul fatto che soddisfare il desiderio di Ginny di farmi frustare fosse una buona idea. La signora Wellington ha avuto diverse fruste nel suo ufficio. Nari esaminò le fruste nelle sue mani e scelse quella che preferiva usare sulla mia pelle nuda.

“Questo non farà troppo male,” mi assicurò Nari, “Certo, perché è una frusta così morbida, può volerci molto tempo per ottenere un bel colore per il sedere e la parte posteriore del culo, le gambe. “

mi sono lamentato. Quello che Nari mi prometteva era una ciglia lunga e dura per dare alla mia pelle un “buon colore”. Stava per farmi male, e stavo per contorcermi e contorcermi in modo imbarazzante mentre venivo frustato… tutto per il divertimento di un autista di Uber.

La signora Wellington mi ha tenuto la frusta contro il culo. Aveva molta esperienza quando si trattava di frustare gli schiavi e le percosse erano veloci e furiose, affettandomi il culo, poi le cosce, poi ancora una volta il mio povero culo maltrattato.

“Aaaahhh! Ahhh! Ahia! Sussultai per il dolore e le mie gambe si sollevarono, lasciandomi penzolare dai polsi mentre il mio corpo si contorceva, traumatizzato dal dolore. Il mio corpo nudo indietreggiò con pungente colpo dopo colpo, tuttavia, il modo in cui ero legato rendeva superflua la mia contorsione. Non avevo abbastanza libertà di movimento per evitare i colpi brucianti che si abbattevano sulla mia pelle nuda.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *