A Subtle Fire Ch. 01 – BDSM

di | 28 de Giugno, 2022

Non ero abituato a rispondere agli annunci personali, ma questo ha attirato la mia attenzione. Innanzitutto, chi scrive ancora annunci personali sul giornale locale? Queste pagine sono piene di servizi di escort velati o hotline sessuali in questi giorni, tutti in lizza per l’attenzione. In secondo luogo, l’annuncio si è distinto, non per la sua audacia, ma per il suo sottofondo di scorrettezza. Dieci parole chiave basse in Times Roman da 8 punti in mezzo a un mare di maiuscole e punti esclamativi:

“La donna risoluta cerca l’uomo collaborativo per una relazione discreta e contenuta.”

L’unico cenno al mondo moderno è stata l’inclusione di un indirizzo email indefinito.

Ogni parola era stata ponderata con cura, ma il messaggio era chiarissimo: ecco qualcuno che cercava una sottomessa legata alla schiavitù. L’uso della parola discreta mi suggeriva che avesse una relazione vanigliata o che il suo lavoro le richiedesse di mantenere la sua vita pubblica e privata ben compartimentata, forse un insegnante o un medico. Potrebbe anche spiegare perché faceva pubblicità sul giornale locale invece di stare in uno dei club bdsm della città.

Ho capito. All’epoca uscivo con la mia fidanzata di lunga data, un termine ridicolo quando entrambi avete 40 anni. Eravamo entrambi felici di vivere separati e di avere il nostro spazio, quindi il matrimonio non è mai stato nelle carte. Avevamo una relazione felice e amorevole e il sesso era ancora così bello dopo tutti questi anni in cui ci conoscevamo. Abbiamo giocato legate diverse volte, comprato un paio di cerchietti e un gatto a nove code, ma non le è mai piaciuto molto. Semplicemente non era il suo genere e ne ero felice. O così ho pensato.

Vedere l’annuncio ha cambiato tutto. Mi ha ricordato il motivo per cui volevo che provassimo il pezzo bondage in primo luogo: amavo quella sensazione di impotenza e perdita di controllo quando sei legato e disciplinato. Penso che sia quello che ha fatto incazzare la mia ragazza. Non riusciva a capire perché qualcuno volesse quello che stavo chiedendo e non poteva davvero farmi del male. Mi sono ricordato che abbiamo litigato, inventato per farci esplodere il cervello e siamo andati avanti con le nostre vite. Ho seppellito i sentimenti fuori portata. Ancora.

Sapevo di dover inviare subito un’e-mail a questa donna “risoluta”. Mi sono presentato come Tim e mi sono rivolto a lei come Mistress affermando che pensavo di essere l’uomo giusto per le sue esigenze, ma ero nuovo sulla scena e non avevo idea di cosa stessi facendo. Ha risposto il giorno successivo chiedendo di me e dei miei desideri. Era naturale aprirle i miei sentimenti più profondi, anche se era una perfetta sconosciuta. Sembra che andiamo d’accordo e passiamo le prossime settimane a scambiarci email sempre più intime.

Alla fine, le nostre conversazioni via e-mail sono arrivate al punto in cui mi ha invitato a farle visita di persona e a dimostrarmi degno di servirla facendo il primo di una serie di test. Mi ha dato un indirizzo e mi ha detto di aspettare che la “scena” iniziasse non appena ho varcato la porta. Mi ha chiesto una parola sicura per sapere quando avevo davvero preso tutto quello che potevo sopportare e in preda al panico per cosa potesse davvero significare ho scelto una pesca a caso, dopo averne mangiata una durante il pranzo. Questo sembrava divertirla, poiché ha firmato l’istruzione di arrivare alle 21:00 di venerdì, seguita esattamente da un’emoji color pesca e da un applauso.

A quel tempo, non pensavo davvero che potesse esserci alcun effetto sulla mia relazione esistente. Non mi sentivo come se nulla fosse cambiato tra noi. Stiamo ancora uscendo, mangiando insieme, condividendo battute, guardando la TV, annusando film tristi e scopando come facciamo sempre. Non abbiamo mai dichiarato la nostra relazione esclusiva, ma per quanto ne so, siamo stati entrambi fondamentalmente monogami per tutto il tempo trascorso insieme. Di tanto in tanto l’uno o l’altro di noi flirtava con qualcun altro in un club o, nel caso della mia ragazza, aveva un contatto intimo ballando, ma di solito ci ridevamo le volte che ci incontravamo e poi ci baciavamo se la storia fosse abbastanza rischiosa .

Il più anziano di me, guardando indietro ora, scuote la testa per quanto ero ingenuo. La mia unica scusa è che all’epoca pensavo che sarebbe stato una volta sola e avrei finito, avendo graffiato quel prurito.

Venerdì ho incontrato alcuni vecchi amici di un vecchio lavoro per un drink, soprattutto in nome del coraggio olandese, ma alle 8:30 li ho lasciati al bar e sono andato all’indirizzo dato. Si è rivelato essere un appartamento molto costoso in un magazzino ristrutturato. Ho premuto il pulsante di invio sull’interfono e ho detto chiaramente “sono io” nel microfono. Mi ha chiamato e finalmente ero alla porta dell’appartamento, le farfalle che mi cadevano dentro in attesa.

Mi vestivo in modo elegante ma neutro con una camicia blu, jeans e stivali Chelsea, pensando che probabilmente li avrei persi comunque nei primi dieci minuti. Non avevo idea di che aspetto avesse o cosa avrebbe indossato. Feci alcuni respiri profondi e bussai alla porta. Ho sentito dei passi avvicinarsi, decisamente tacchi alti su un pavimento di legno, e la porta si è aperta.

Era qualche centimetro più bassa di me, forse 5’10, ma questo era a vantaggio dei tacchi di 4 pollici che indossava. Le sue gambe e il suo corpo erano tonificati come quelli di una ballerina con cosce sode e forti e un ventre piatto. Guardo una tuta nera fatta di un tessuto liscio che premeva e sollevava insieme i suoi piccoli seni. Le sue braccia erano nude, separate da un tatuaggio di un drago cinese in corsa su una spalla. La sua mano sinistra teneva un frustino, in attesa al suo fianco.

Ma è stato il suo viso a farmi riprendere fiato. Era naturalmente molto carina, con un trucco minimale per accentuare gli occhi e le guance. Aveva un viso tondo con le lentiggini e un sorriso affascinante. I capelli neri corti e tagliati incorniciavano perfettamente i suoi lineamenti. Avrebbe potuto facilmente aver superato i trent’anni, anche se sapevo che era più vicina ai suoi 50 anni.

Ho appena avuto il tempo di registrarla prima che mi ordinasse di entrare.

“Resta lì”, ha detto, indicando con il suo frustino. “Piedi divaricati e mani dietro la schiena. Non guardarmi se non ti do il permesso.”

Obbedii, sentendomi nervosamente eccitato. Ha chiuso la porta e l’ho sentita girare la serratura, sigillandoci entrambi.

“Ricordi la tua safeword?

“Sì signora, sta pescando.”

“Sì, pesca, così in forma,” disse con voce divertita. “Quando userai la tua safeword?”

“Quando non ce la faccio più.” Ho risposto.

Ha fatto oscillare la frusta e mi ha punto sul lato della faccia e ho urlato senza pensare. Solo più tardi, quando ho capito quanto si allenava duramente con la frusta, ho imparato che aveva un perfetto controllo della posizione e della forza.

“Mi chiamerai sempre padrona.”

“Sì signora, non dimenticherò in futuro.”

“Quando userai la tua safeword?”

“Quando non ce la faccio più, signora”, ho ripetuto correttamente.

“Quando non sopporti cosa?”

“La signora dei dolori”.

“Sì”, ha risposto. “Usa la tua password quando il dolore è insopportabile o trovi la situazione troppo intensa. Mi fermo e ti darò il tempo di riprenderti o finire. Non aver paura di usarla.”

“Grazie signora.”

“Sai perché sei qui?

“Per dimostrare che sono degno di servirla, signora”

“E se non riesci a dimostrarti degno?” »

“Cuscirò ogni contatto e non la rivedrò mai più, signora.” Ne abbiamo discusso via e-mail fino a stasera.

“Giusto. Ora togliti i vestiti e mettili sulla porta d’ingresso. Non ti serviranno finché non te ne andrai.”

Mi sono tolto le scarpe ei calzini, mi sono tolto la maglietta ei pantaloni lasciando per il momento la biancheria intima. L’ho piegato tutto e l’ho messo sul pavimento accanto alla porta. Preparandomi, mi sono tolto i boxer e mi sono alzato con le mani dietro la schiena, nuda davanti a una donna che non era la mia ragazza per la prima volta da anni.

Ho sentito il suo sguardo critico su di me, anche se potevo vedere solo i suoi piedi. Consapevolmente, mi stavo trattenendo lo stomaco. Non ero grassa, ma il mio corpo mancava di definizione e, rispetto alla sua pelle tonica e luminosa, mi sentivo pastosa e cadente.

La punta del frustino mi ha toccato il braccio e poi l’ha colpito con forza contro il mio petto.

“Quando è stata l’ultima volta che ti sei allenato?” lei chiese

“Non mi alleno da un po’, signora”, dissi, “facevo pesi, ma ho perso l’abitudine”.

“Se superi il test di stasera, spero che ti alleni bene. Il tuo corpo apparterrà a me e non mancherai di rispetto alla mia proprietà trattandola in questo modo.”

“Sì signora.”

La frusta si mosse intorno al mio corpo, toccando e accarezzando varie parti fino a toccare il mio cazzo, che tremò in risposta. Lo sollevò nella frusta, muovendolo avanti e indietro per controllare. Ho sentito la mia faccia diventare rossa.

“Non tagliato… interessante,” disse.

Fece scorrere di nuovo il polso e colpì il mio cazzo due volte con la punta della frusta. Sussultai per il dolore improvviso.

“In ginocchio ora,” scattò. “Faccia contro la mia scarpa.”

Caddi in ginocchio, grato per la protezione che offriva il mio cazzo, anche se consapevole che ora il mio culo e le mie palle erano scoperte. Premetti naso e labbra contro la punta di cuoio della sua scarpa. La frusta schioccò attraverso il mio corpo, una piccola danza lungo la mia schiena e lungo il mio fianco facendomi venire i brividi lungo la schiena. Tirò indietro il piede e la sentii camminare dietro di me, seguita dalla sensazione della frusta contro il mio culo. Batté ritmicamente, poi scivolò a riposare contro le mie palle penzolanti. Mi irrigidii, preparandomi a un’esplosione di dolore. Ho sentito una goccia di sudore scorrermi sulla fronte e sul naso.

“Potrei farti implorare pietà in trenta secondi”, disse in tono piatto. “Tutto il tuo corpo trema. Sei sicuro di essere abbastanza forte per servirmi?”

“Io sono la Signora, lo voglio più di ogni altra cosa.”

Ho sentito la frusta lasciare le mie palle e mi sono preparato come meglio potevo. L’ho sentito oscillare nell’aria e mi sono sentito urlare. Non c’era dolore. Ha riportato la frusta contro il mio scroto.

“Non ho ancora iniziato e ti sto guardando gemere sul pavimento. Non credo che tu sia tagliato per questo. Dovresti vestirti e andartene.”

La sentii allontanarsi, ma non osavo alzare la testa per vedere dov’era. Ho elaborato quello che avevo sentito. Non mi aveva ordinato di andarmene. Mi stava mettendo alla prova, dandomi un’ultima possibilità di tornare alla mia vita da vaniglia. Pillola rossa o pillola blu.

“Per favore, dammi la possibilità di mostrarti che posso farlo, Lady. L’ho voluto per tutta la vita e non voglio sprecare questa opportunità, devo essere il vero me stesso. Ho paura, sì. è perché sono sull’orlo di un abisso e non so fino a che punto vada. Signora, per favore guidami e ti sarò eternamente dedicato”.

Non ha emesso un suono. Mi inginocchiai nel silenzio insopportabile.

“Per favore… signora” sussurrai.

Poi l’ho sentita avvicinarsi a me e la frusta era sotto il mio mento alzando la testa per guardarla. Lei torreggiava su di me, ma i nostri occhi si incontrarono e si trattennero per un lungo momento.

“Puoi restare,” disse. “Fai una doccia e pulisciti accuratamente. C’è un rasoio e una crema in bagno che userai per rimuovere tutto il tuo corpo e i peli del viso. Non voglio lasciare traccia. Usa l’olio dopo. Poi torna a e aspetta le mie istruzioni.”

Si voltò e attraversò la porta in fondo al corridoio, chiudendola dietro di sé.

rasato? Non ero particolarmente pelosa e, a parte il viso, non mi ero mai rasato nessuna parte del corpo prima. Ho già visto donne fare le gambe e le braccia prima e anche aiutare la mia ragazza a radersi la figa una volta, ma non ho mai avuto un rasoio così vicino alle mie aree sensibili prima.

Tuttavia, avevo appena risolto il problema, quindi non avevo dubbi sul fatto che avrei dato la caccia e rasato tutti i capelli che potevo trovare. Ci vorrebbe una spiegazione quando rivedrò la mia ragazza, ma attraverserei quel ponte quando si arriva a questo.

In questo caso, radermi gambe, braccia, petto e spalle è stato facile. Ho gestito le mie ascelle con solo un piccolo taglio e poi ho passato molto tempo a lisciare il rasoio attorno al mio cazzo e alle mie palle. Non avevo idea di come farmi il culo e ho finito per chinarmi di lato a guardarmi tra le gambe allo specchio. Ma alla fine, ho pensato che fosse fantastico. Ho fatto la doccia, lavato tutto due volte e ho applicato l’olio per bambini su tutte le aree che avevo rasato. Mi ha lasciato uno spazzolino da denti che ho usato e quando sono uscita dal bagno ero rosa, lucida e color menta.

Varcai la porta in fondo al corridoio e mi trovai in un grande spazio aperto che conteneva una zona cucina a un’estremità, un letto all’altra e un salottino al centro. Le finestre erano enormi, dal pavimento al soffitto e affacciavano su un altro edificio buio di fronte, forse un ufficio. Enormi travi in ​​legno del soffitto coprivano la stanza a circa otto piedi dal pavimento. La parete alla mia sinistra era interamente ricoperta da uno specchio che, alla luce del giorno, faceva sembrare vasto il grande spazio.

La stanza era leggermente illuminata da una combinazione di piccole lampade e un cerchio di candele su un tavolo basso. La mia padrona era seduta su uno dei lunghi divani con le gambe sul sedile. Con un gesto aggraziato, vuotò il flute da champagne che teneva in una mano e, facendo scivolare le sue belle gambe calzate lungo il divano, si alzò in piedi.

“Resta vicino allo specchio”, ordinò. “Mani dietro la testa, gambe divaricate, occhi dritti in avanti.”

L’ho fatto e mi sono ritrovato alla luce tremolante delle candele: più nudo che mai. Si avvicinò a me, avvicinandosi.

“Questa è la tua posizione di presentazione”, ha detto. “Quando ti dico di presentarti, dovresti avere questo aspetto.”

“Sì signora,” risposi, sentendo l’eccitazione della sua presenza.

La sua mano scivolò sul mio petto sentendo la mia morbidezza. Mi ha toccato l’ascella, poi mi ha accarezzato le braccia, sembrando soddisfatta. Era proprio dietro di me, il suo respiro sul mio collo. La sua mano mi circondò e mi toccò l’anca. Potevo sentire, e attraverso lo specchio, vedermi irrigidirmi al suo tocco. Potevo vederla dietro di me mentre guardava la mia erezione crescere allo specchio mentre faceva scivolare la mano lungo il mio inguine liscio. Ha preso le mie palle e le ha fatte rotolare in mano.

Poi ha afferrato il mio albero, ancora scivoloso per l’olio. Fece scivolare lentamente la mano lungo la mia lunghezza e afferrò la punta. Poi ha tirato il mio prepuzio per rivelare la testa gonfia del mio cazzo, sorridendo come se avesse un nuovo giocattolo con cui giocare. La sua mano libera correva lungo il mio corpo, sentendo la mia morbidezza mentre continuava a massaggiarmi il cazzo in modo atrocemente lento.

Gemevo di piacere e una piccola goccia di pre-sborra apparve sulla punta del mio cazzo. Lo prese con il pollice e lo strofinò sulla mia testa sensibile.

“È zont?” mi ha sussurrato.

“Sì signora,” sospirai.

“Dimmi quanto ti senti bene.”

“Mi sento così bene, signora. La tua mano intorno al mio cazzo è così stretta e calda. Ogni movimento che fai invia scosse di piacere attraverso il mio cazzo e nelle mie palle.”

“So che vuoi venire, vero?” disse mentre la mano sul mio cazzo accelerava il suo movimento.

“Sì, signora. Mi eccita così tanto, ho solo bisogno di venire.”

“Non sono sicura che dovresti ancora,” sussurrò, baciando la nuca. “E se ti lasciassi sborrare e tu non potessi prenderti duro con me più tardi quando avrò bisogno di te dentro di me?”

“Posso farcela, posso essere duro con te, signora. Sarò sempre duro con te.” Le mie ginocchia erano deboli al pensiero della sua figa calda che avvolgeva il mio cazzo.

“Non voglio che mi deludi,” disse dolcemente, “Ma sei così vicino, vero?”

“Sì signora. Sono molto vicino.”

“Scommetto che se metto in giro le mie dolci labbra rosse il tuo cazzo è duro ora, verresti proprio sulla mia lingua, vero?”

“Sì signora. Oh mio Dio, non posso trattenermi signora.” mi sono lamentato.

Improvvisamente la sua mano scomparve e mi afferrò per le braccia invece di impedirmi di chinarmi e finire ciò che aveva iniziato. Urlai per l’angoscia, il petto stretto e il respiro affannoso. Per tutto il tempo, potevo vederla allo specchio sorridere dietro di me mentre il mio cazzo pulsava, ansioso di liberarsi.

Alla fine, i sentimenti si placarono e mi rilassai un po’, consapevole che lei mi aveva momentaneamente lasciato. Quando tornò, portava una sbarra di metallo con cinghie a ciascuna estremità e un lungo pezzo di corda rossa.

Si inginocchiò ai miei piedi e legò le cinghie intorno a ciascuna caviglia in modo che le mie gambe fossero divaricate dalla sbarra. Ero molto consapevole che il mio cazzo duro era proprio accanto alla sua faccia mentre lavorava. Lei lo guardò e si asciugò una lunga striscia di pre-sborra prima di baciarlo dolcemente sulla punta.

“Mmmm,” disse sensualmente e si alzò con la corda tra le mani.

“Unisci le mani qui”, ha detto, indicando lo spazio tra di noi. Feci come aveva detto e lei mi legò velocemente i polsi, avvolgendo la corda intorno a ciascuno diverse volte, quindi infilando l’estremità lunga tra di loro per fissarli. In seguito ho appreso che si trattava di una semplice cravatta a doppia colonna, uno dei nodi fondamentali del suo repertorio.

Prese l’estremità libera della fune e la gettò su una delle travi in ​​alto, tirandola verso il basso finché le mie mani non furono sopra la mia testa. Ha aggiustato la posizione e mi ha fatto il nodo ai polsi in modo che non potessi tirarli indietro.

” Che cosa ? ha chiesto quando ha ritenuto che fosse finita.

Non mi sono sentito male. I miei piedi erano piatti sul pavimento, ma le mie braccia erano dritte sopra di me, quindi piegare leggermente le ginocchia mi avrebbe messo il peso sui polsi. “Mi sento a mio agio signora, anche se non so per quanto tempo posso tenere le braccia così prima che inizino a farmi male”.

“Bene. Penso che tu possa mantenere il lavoro abbastanza a lungo.”

Mi sono studiato allo specchio. Le mie gambe erano più larghe delle mie spalle e il mio cazzo stava spingendo oscenamente fuori dal mio inguine glabro. Il mio corpo era teso con le braccia sopra di me, legato dalla bella corda rossa. Mi sentivo vulnerabile e avevo paura di quello che sarebbe successo dopo.

Ho ricevuto presto la mia risposta. Venne verso di me tenendo una frusta di cuoio al suo fianco. Era lungo circa trenta pollici in totale, costituito da un robusto manico e circa due dozzine di cinghie di cuoio che oscillavano forme sensuali mentre camminava.

Lo tenne davanti a me, tenendolo con entrambe le mani.

“Dato che è la tua prima volta, userò una frusta a bassa intensità sulla schiena. Le code sono in pelle più chiara che riduce l’impatto”, ha spiegato. “Sono sicuro che lo sentirai anche se le code sono sottili. Vedi quanto sono lunghe? Ciò significa che si muovono più velocemente nell’aria e pungeranno quando atterrano.”

Ha trascinato i suoi cazzi sul mio petto, strofinandoli contro i miei capezzoli duri. Formicolio di energia erotica mi percorse. Poi il cuoio mi ha graffiato la gola e lei mi ha portato la frusta alle labbra. L’ho baciato meccanicamente e ho visto che gli piaceva. Si è avvicinata a me e ha preso i suoi cazzi sui miei fianchi e sul mio inguine. Potevo sentire i suoi seni premere contro di me mentre si allungava e mi baciava. Il mio cuore è esploso alla sensazione e al gusto di esso. La mia lingua premette contro le sue labbra, ma lei mi ha negato l’accesso e si è allontanata.

La sua mano afferrò il mio cazzo teso e lo accarezzò lentamente con una presa salda.

“Il cuoio era buono contro la tua pelle?”

“Sì signora.”

“Contiene una fiamma segreta all’interno. Ne hai sentito il calore?

“L’ho fatto, signora.”

“Hai bisogno di sentirlo bruciare contro il tuo corpo, vero?”

Scuoto la mia testa. Avevo la gola secca.

“Rilascerò il fuoco sottile in te…”

Riuscivo a malapena a parlare. Ero di nuovo al limite e lei lo sapeva.

“Siete pronti?”

“Per favore signora…”

“Guarda. Senti.”

Mi ha tolto la mano e mi sono sentito come se avesse portato con sé una parte della mia anima. Si posizionò dietro di me, una gamba in avanti, il braccio che stringeva la frusta dietro di lei e di lato. La luce tremolante delle candele proiettava ombre sulla sua pelle. Alzò di scatto il braccio e apparvero i lembi di pelle.

Li ho visti attaccare prima di sentirli. Ero un po’ disconnesso come se stessi guardando qualcun altro attraverso una finestra. Poi il pungiglione di due dozzine di piccole fruste echeggiò attraverso la metà destra della mia schiena e io ondeggiai contro la corda che mi teneva i polsi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *