A Symbolic Message – BDSM

di | 21 de Giugno, 2022

Questo era il posto. Dal soffitto già basso pendevano pesanti travi di legno. Densi sbuffi di vapore si levavano dalla cucina, odorosi di agrodolce, e si mescolavano a nuvole sabbiose di fumo di tabacco. Candele appese all’interno di lampade di carta, pericolo di incendio. Per Mel, sembrava qualsiasi altra casa di noodle squallida nel paese, ma era sicuramente il posto giusto.

“Sei intelligente!”

Tesoro si voltò.

C’era un uomo lì, basso, estremamente pallido e con i capelli nerissimi. “Eri l’unico a cercare qualcuno?”

“Sì,” disse Mel con cautela. “Non dirlo ad alta voce.”

L’uomo aprì la bocca, esitò e sembrò dimenticare quello che stava per dire. Poi si raddrizzò. “Sei andato all’Universalità?”

“pronunciato ‘università’. Sì.”

Gli occhi dell’uomo pallido si spalancarono. Saltò in punta di piedi. ” È vero ? Le ragazze vanno lì per scegliere il marito?

Mel lo notò allontanarsi dall’uomo. Qualcosa nella sua energia distratta e maniacale era vagamente ripugnante. “Al contrario,” disse Mel freddamente. “Istruzione significa indipendenza economica. L’università è la via d’uscita”.

” Abbastanza per ?

“Matrimonio.”

“Perché vuoi una via d’uscita dal matrimonio?”

Dietro l’uomo pallido, una donna incappucciata si fermò e guardò i due uomini. Con un sorriso, ha scoperto una palla di vetro vuota da una borsa sul fianco.

L’uomo pallido cominciò a sciogliersi. I suoi vestiti tremarono verso la sfera di vetro, poi gli caddero di dosso. Le dita delle mani e dei piedi cominciarono a scomparire e cadde all’indietro come se fosse stato spazzato via da un vento improvviso. Ma non è caduto a terra. Si rimpicciolì, volò e scomparve finché, con un lampo magico, scomparve dal mondo esterno. Ora era alto solo tre pollici, confinato all’interno della sfera di vetro della donna.

La donna sorride al suo prigioniero. «È ora di andare al mulino, tesoro. Presto sarà il tuo turno.

Non appena si rese conto di dove si trovava, l’uomo pallido salutò Mel, sorridendo come un idiota. Così si sedette obbediente mentre sua moglie lo infilava nella sua borsa.

Non era stata stregoneria. Non era stata un’anomalia cosmica, o una sorta di spaccatura nella realtà. Quest’uomo era l’ostaggio di sua moglie perché non era un uomo. Era un ragazzo mostro.

Quando era più giovane, Mel credeva che i ragazzi mostro fossero una reliquia del passato, un barbaro accessorio del matriarcato che era scomparso con il maternalismo autoritario medievale che ne derivava. Ora conosceva la triste verità: in tutto il mondo, gli uomini erano ancora trasformati in mostri per il servizio di donne codarde. A volte gli uomini erano costretti a bere il nettare speciale che avviava la loro trasformazione. Altre volte erano costretti a respirare i gas che salivano dal suolo in grotte remote, oppure erano esposti a tempeste di radiazioni polari che turbavano le menti degli uomini ma lasciavano illese le donne. I modi in cui gli uomini potevano essere trasformati in mostri erano terribilmente numerosi.

E i risultati furono ugualmente imprevedibili. A volte le loro orecchie si trasformavano in orecchie di gatto e diventavano giocose, giocose e stravaganti. A volte le corna crescevano sulla loro fronte e la loro pelle era rossa come il sangue sottostante. A volte spuntavano code abili e sensibili come le loro mani. Per alcuni, come questo sfortunato uomo pallido, era più surreale. A volte un alone di luce circondava la testa del ragazzo mostro, brillando in modo diverso per mostrare cosa stava pensando. A volte un ragazzo mostro acquisiva la capacità di diventare invisibile o addirittura, l’abilità più ambita di tutte, di cambiare forma. Qualunque fosse l’effetto sul suo corpo, il ragazzo mostro invariabilmente tornava stordito, sconsideratamente felice e incrollabilmente fedele alla prima donna su cui aveva posato gli occhi. Sarebbe diventato il perfetto servitore, il perfetto schiavo, il perfetto collaboratore nel sistema oppressivo del matriarcato.

Mel ha avuto la fortuna di crescere in un paese civile dove gli uomini erano su un piano di parità con le loro sorelle e mogli. E aveva pensato che il resto del mondo fosse altrettanto illuminato. Quanto è ingenuo! Che etnocentrismo! Ora sapeva meglio, ed era venuto in questo povero angolo del mondo per affrontare l’ingiustizia.

Ma non poteva farcela da solo. Mel era venuta in questa casa per incontrare qualcuno e, mentre scrutava per la sesta volta la clientela della noodle house, finalmente la trovò.

Era un’operaia, probabilmente sotto i quarant’anni, ma già anziana. Braccia forti pendevano da un’ampia cornice con un ventre piatto incongruo. La maglietta e i pantaloni intrecciati in fabbrica erano quelli che si trovano in tutto il mondo (tale era il miracolo della produzione di massa). li, ha dato un’idea del loro patrimonio culturale. Portò alla bocca la scodella di zuppa, ingoiando il brodo fumante e le tagliatelle con una velocità sgraziata.

Non sembrava molto, ma Mel aveva cercato per quasi un mese di trovare una donna disposta a fare ciò che era disposta a fare. “Posso sedermi? ” gli chiese.

La donna annuì. “Allora…” si sporse in avanti, appoggiando i gomiti pesanti sul tavolo, “tu sei il ragazzo a cui faccio la mancia.”

“Sì, sono l’uomo di cui hai una soffiata.”

“Disimpegnarsi”. Abbassò la voce. “Sai che è stato un grosso rischio far sapere che volevi aiutare a eliminare i monster trader. Se le persone sbagliate ti avessero sentito dire questo, saresti andato via in un istante e non ti ho mai incontrato”.

Altre storie erotiche  Mistress Doreen Ch. 04 - BDSM

Deglutì; probabilmente aveva ragione. “Beh… siamo fortunati che non l’abbiano fatto.”

“Mi chiamo Nuan… ascolta, se dici sul serio, dobbiamo parlare in segreto. Vieni nel mio appartamento e ti ascolterò.” Si alzò.

‘Finire!’ pensò Mel mentre la seguiva per la strada.

Questo paese era il quinto più grande del mondo, comprendendo quasi 1,5 milioni di chilometri quadrati all’interno dei suoi confini. C’era molto spazio per costruire, ma per qualche ragione le loro città erano estremamente dense. Le bancarelle del mercato crescevano come erbacce ovunque c’era posto, e muli, cavalli e buoi si aggiravano tra la folla, stipati di branchi di chissà cosa, senza calpestare nessun piede. Non che Mel ne senta l’odore, almeno.

Due uomini sono scesi in strada in preda al panico, portando un terzo uomo su una barella. Vittima di un incidente in officina, probabilmente in viaggio da un medico. Un mostro si fece da parte ei tre secchi d’acqua accatastati nelle sue braccia ondeggiarono pericolosamente. Continuava a camminare, a dondolarsi ubriaco, mormorando “scusa signora” ogni volta che versava qualcosa. Una giovane donna, troppo ben vestita per camminare senza protezione in questa parte della città, strappò l’orlo del suo qipao al maschio goffo, rivolgendogli uno sguardo altezzoso. Mentre si allontanava da lui, Mel vide il suo viso vigile e intelligente.

Sentì una fitta di attrazione, che immediatamente respinse. Si guardò i piedi, odiandosi. L’attrazione sessuale per le donne non era altro che uno strumento che usavano per affermare il loro dominio sul genere oppresso, e lui vi partecipava volentieri. “Sarò felice quando potrò trascorrere di nuovo del tempo con altri uomini”.

“Hmm?” Nuan lo guardò da sopra la spalla.

“Non è niente.” Scattò. “Beh, no, non lo è. Le donne qui usano il proprio corpo a proprio vantaggio. Gli accessori moderni come i vestiti e il trucco ne migliorano l’attrattiva. Aumenta artificialmente il loro potere di dominare gli uomini senza nemmeno trasformarli. in mostriciattoli.”

“Il potere di dominare gli uomini? Che idiota te l’ha detto? Le donne non si vestono per attirare gli uomini. Si vestono per essere belle, è così semplice.”

Le sopracciglia di Mel si corrugarono. “Quell'”asino”, disse freddamente, era il mio insegnante di studi maschili del primo anno. Era l’uomo che mi ha aperto gli occhi sull’oppressione che i miei fratelli devono affrontare nel mondo. È stato lui a insegnarmi che il mondo aveva bisogno del mio messaggio. ” Lui ha finì con uno sguardo di sfida.

“Ti ha coinvolto in tutta questa faccenda dell'”eroe”, vero? Forse non è poi così male.”

“Era solo d’accordo con me?” pensò Mel. “Sì… sì, era un grande uomo.”

C’è stata una pausa.

“Era qui.” Nuan si nascose in una vecchia porta di assi di legno.

Varcando la porta e su per una scala stretta, Mel la seguì in una stanza dove vecchie pentole erano allineate su uno scaffale, da cui pendeva un tubo di legno. sulla parete e alcune ciotole sporche di cibo erano su un tavolo con le bacchette inclinate pigramente. Una finestra quadrata, di appena due piedi di lato, lasciava entrare un piccolo raggio di sole.

Mel morse le parole: ‘È così?’

“Non è molto,” disse Nuan, “ma i ragazzi della padrona di casa tengono lontani i ladri, ed è quello che vuoi davvero.” Si appoggiò a un muro vuoto, l’unico nell’appartamento. “Quindi vuoi infiltrarti nella rete di schiavi locali?” Esponili dall’interno. E non hai nemmeno intenzione di farci soldi, vero?

“Neanche un centesimo. Non sono un mercenario. Non è giusto che gli uomini abbiano un ruolo subordinato nella società semplicemente perché sono più vulnerabili alla corruzione mentale.”

“Sei una specie di riformatore? Tip ha detto che è stata una cosa una tantum. Ha detto che tornerai a casa dopo questa crisi”.

“Io sono.”

“Quindi vuoi distruggere un’operazione di schiavitù e poi andartene?”

“Sì. Quando lo faremo, invieremo un messaggio simbolico che trattare le persone come una proprietà ha delle conseguenze”.

«Un messaggio simbolico, eh? Pensi che tutti i gangster, i magnaccia e i rapitori cambieranno idea?

Mel si accigliò. “Sono pronto a farlo contare.”

“Ah…” Nuan si appoggiò allo schienale e sorrise. “Quindi è così che giochi.” Lo fissò per un momento lungo, silenzioso, a disagio. Ha sviluppato un sorriso malvagio. “Sai una cosa, ragazzo? La vita è breve. Ti aiuterò e, nello spirito delle cose, non ti chiederò soldi. Ti voglio. Niente soldi, niente connessione, niente Servizi. ” Lei sorrise. “Beh, in realtà, un sacco di servizio.”

“So cosa intendi,” sibilò.

“Oh, non essere così freddo!” Non dirmi che non hai mai fatto un tale favore a una ragazza.

“Mai”, ha mentito.

“È vero?” Si alzò. “Beh, se vogliamo davvero sabotare l’operazione di schiavismo locale, ho dei preparativi da fare. Persone con cui parlare, cose da comprare, domande da porre e… beh, vedi l’idea.” Lei gli puntò un dito forte. Mentre sono via, resta qui e non rubare niente. Se lo fai, la padrona di casa ti picchierà, quindi lo farò io”.

Si sedette dritto. “Quanto tempo dovrò aspettare?”

“Dammi tempo fino a domani mattina. Se riesco a trovare tutti di fretta, non ci vorrà prima di mezzogiorno e possiamo tentare un’infiltrazione stasera.”

Prima che se ne rendesse conto, Nuan era fuori. Mel si lasciò cadere sulla sedia e sospirò, respingendo tutta la sua frustrazione e incertezza, lasciando dietro di sé solo una pacifica risoluzione. Finalmente era in atto un piano! Una giornata di ozio era un piccolo prezzo da pagare per avere la possibilità di inviare un messaggio a questi trafficanti di esseri umani.

Altre storie erotiche  Mistress Doreen Ch. 01 - BDSM

* * *

Nuan era tornato in sole sette ore. Aveva lasciato la città esausta dal lavoro ed era tornata come un delinquente selvaggio.

Era un semplice cambiamento per un effetto così drammatico. Ha appena cambiato la sua camicia di lana con una spessa pelle e si aggiunge un coltellino tascabile inguainato al fianco. Nel suo fisico maschile, il piccolo strumento è diventato terrificante. “Se ci intrufoliamo nella tana dello schiavista”, disse, “devo assomigliare al giornale”.

Tesoro si alzò. “Sono pronto!”

“Calmati, ragazzo. Prima che siamo pronti, c’è un’altra cosa, e per questo ho bisogno di te.”

“Comunque, sono pronto.”

“È un uomo. Vieni con me.”

In precedenza, Mel aveva esplorato solo le nuove aree industriali pesanti della città. Ora Nuan lo ha portato nel centro sovraffollato e sottofinanziato che lo sviluppo si era lasciato alle spalle. Mel non aveva mai visto una tale densità. Le capanne furono costruite sopra altre capanne o scavate sotto di esse. Non c’erano muri semplici; finestre, scale, passerelle e cancelli facevano buchi ovunque. Odorava di fumo – tabacco e molto peggio – e sentiva canti bevuti. Da qualche parte sottoterra, nel groviglio di trincee e tunnel scavati nella collina, le donne hanno acclamato un incontro.

“Sei sicuro di non ripensare l’intera clausola tutta in una volta?” chiese Nuan dal nulla. “Sai, questi schiavisti sono piccoli, ma se funziona, possiamo affrontare quelli più grandi. Fai un vero cambiamento”.

“Confermo quello che ho detto prima. Solo una volta.”

“Sono sorpreso. Arrestare spacciatori è il lavoro perfetto per un ragazzo sfacciato come te. Tutto fuoco e scintille, ecco cosa sei.” Lei rise. “‘Sparky’. Sarebbe un buon nome da spogliarellista per te.”

“Devi?”

«Non dirmi che non ci hai mai pensato. Hai un bel corpo, lo sapevi? Se entrassi in affari, saresti pronto per venti, trent’anni.

Mel ci aveva davvero pensato. Per quanto degradante fosse il lavoro sessuale, per quanto contrario alla liberazione maschile, non poteva fare a meno di immaginarlo. Un angolo giovanile della sua mente, affamato di attenzioni femminili e privo di rispetto di sé, desiderava spogliare la propria carne per il piacere dello sguardo femminile, scambiare la propria individualità con la sua approvazione. “Penso che sarei bravo in questo.”

“Questa è una buona cosa, perché è per questo che ho bisogno di te.”

“Chi?”

“No, niente volo. Puoi tenere i tuoi vestiti. Sei solo il mio regalo Zallin. Sai cos’è?”

“E’ una corruzione”, avrebbe voluto dire. “È una svolta di reciprocità in uno strumento di dominazione femminile”. Invece, ha detto, “Zallin è un’usanza locale in cui un ospite offre i servizi sessuali di suo marito come regalo alla sua hostess”.

“Sì, ma il cazzo di un ragazzo Zallin è off limits. La signora che stiamo visitando, non ti farà fare niente di troppo intenso. Baciala, massaggiala e dille che è carina, quel genere di cose.” di solito è qualcosa chiamato Blossom Trail, è lì che inizi con un bacio sulle labbra e poi…

“So cos’è un sentiero fiorito.”

La faccia dura di Nuan si contorse in un punto interrogativo. “Come fai a saperlo?”

Il miele arrossisce. “Cercare.”

“Mm. Ad ogni modo, quando dico ‘Sparky, sai cosa fare’, questo è il punto di partenza.”

“È assolutamente necessario?

«Se vuoi un favore, non presentarti senza un regalo, Zallin. È così da sempre, quindi è meglio che ti abitui. Si avvicinò a una porta e diede tre colpi decisi, ponendo fine alla conversazione.

La porta si aprì di una fessura, poi un uomo l’aprì. Solo che non era un uomo. Era più alto di qualsiasi uomo reale, il suo lungo collo si alzava di sei piedi da terra prima di abbassarsi bruscamente. La sua faccia vigile guardò Mel al di sopra di un mento incredibilmente forte. La sua pelle era rossa – non color rame, come le minoranze indigene del Tawantinsuyu meridionale, ma di un feroce cremisi – e le scaglie gli incrostavano la parte esterna delle braccia e delle gambe. Squame più piccole accentuavano i suoi zigomi e le tempie, quasi come se indossasse un elmo, tranne per la sua criniera arancione brillante che gli pendeva sciolta lungo il collo.

“Un ragazzo drago!” Mel dubitava che fossero reali.

La testa del ragazzo drago ruotò sul suo collo flessibile. “Saluti,” ringhiò, la sua voce troppo forte anche per il suo petto massiccio. “La signora ti sta aspettando.” Con un lento, aggraziato passo indietro, li fece entrare.

Nuan intervenne come se il ragazzo drago fosse solo un altro ragazzo mostro. Mel non riusciva a convincersi a essere così disinvolta. Quando il ragazzo drago lo guardò, si bloccò. “C-posso aiutarti?” ha combattuto.

«Conosco la tua missione, Melchior Atamaugh», borbottò il ragazzo drago. “Hai un buon cuore. Ma attraverso i tuoi occhi, vedo un uomo che dice a se stesso bugie.

“Come puoi so chi sono?

Sorrise. “Vedo con più che occhi, ragazzo. Non pensare che i ragazzi mostro siano sempre meno.” Premette un dito sottile e forte nello stomaco di Mel. “E non dimenticare mai che sei solo un uomo.” Si ritirò, muovendosi come se non pesasse nulla.

Altre storie erotiche  Ray Ch. 03: Charade

Il miele è rimasto congelato.

“La tua signora sta aspettando”, aggiunse il drago.

Imbarazzata, Mel abbassò la testa e seguì Nuan in una squallida cucina di legno. Nuan sedeva dall’altra parte del tavolo di legno accanto a un’altra donna, magra e con indosso solo un semplice vestito e un grembiule.

La donna guardò Mel, fece un leggero sorriso, poi guardò Nuan. “Perché adesso?” È lì che ha chiesto. “Non sei un rischioso.”

Nuan sospirò. “Man mano che invecchi inizi a capire che non c’è assicurazione, non proprio. Quindi puoi provare cose rischiose. Questo ragazzo straniero vuole farlo e ha bisogno di aiuto, quindi me lo ha chiesto, quindi ora io” ti chiedo. Mi ricorda… Sparky? Sai cosa fare.

Entrambe le donne si girarono a guardarlo e Mel si ricordò all’improvviso di cosa avrebbe dovuto fare. Per le strade sembrava scandaloso, ma qui in una capanna di tronchi medievale sembrava in qualche modo naturale seguire un’usanza così medievale. Si avvicinò al tavolo, si inginocchiò e strisciò.

La donna con cui Nuan ha parlato indossava un abito casual che metteva in mostra la maggior parte delle sue gambe. Con sollievo di Mel, si lavò i piedi; odorava solo di sapone.

Mel pensò al Sentiero dei Fiori. Ora che era sotto il tavolo, era un po’ tardi per baciare in bocca la padrona di casa e scendere, ma potevo comunque fare una versione troncata. Si chinò, attento a non gravare su di lei, e le baciò l’interno della coscia. Si fermò, aspettando una sorta di risposta.

“Allora”, disse la padrona di casa, “Nuan, vuoi renderti giustizia da sola? A chi dai la colpa?”

Mel continuò a baciarla, leccandole le labbra in modo che fossero bagnate ma non troppo, e posando delicatamente un bacio ogni quindici centimetri sulla gamba destra della donna.

“Stiamo cercando la banda di rapitori, quella guidata da Guan-yin.”

“Vuoi dire Acqua dolce?” Colui che ha preso possesso della grotta? La sua gamba si tese sotto le labbra di Mel. “Perché le stai cercando? Capisce. È l’unica persona che sembra crescere al mondo.” Sospirò. La sua gamba si mosse un po’ e Mel poté sentire i suoi muscoli rilassarsi. “Ognuno in questi giorni sta cadendo a pezzi e invecchiando”.

“Può darsi che stia bene, ma è il modo in cui lo fa che non mi piace. Fare soldi trasformando gli uomini in troie? Non è giusto.”

«Dai, Nuan, sai che è quello che sono comunque. Il gas lo spinge fuori.

Mel si fermò e fece uno sforzo concertato per non registrare la sua infrazione. Poi, in un supremo sforzo di volontà, si alzò in piedi e si leccò la caviglia.

“Non tutti gli uomini sono uguali”, ha detto Nuan. “Quando un uomo non usa il suo giudizio e una ragazza si approfitta di lui, beh, è ​​colpa sua se è stupida. La correttezza è giusta. Le persone intelligenti tengono il guinzaglio e gli asini si leccano gli stivali. È così che funziona. “

Quando Nuan lo disse, la hostess alzò il piede e le sue dita giocarono con le labbra di Mel. Non appena li separò, lei si fece strada nella sua bocca e lui avrebbe potuto rifiutarla o succhiarle le dita dei piedi come un vero regalo di Zallin. Ha scelto di succhiare.

“Ma”, continuò Nuan, “questa faccenda del traffico di mostri? Non è vero. Se sei un uomo e sei di bell’aspetto, non puoi fare niente. I furbi, gli stupidi, sono tutti catturato. non ho alcuna possibilità.”

La hostess ride cupamente. “Vuoi che la vita sia giusta? Nuan, se la vita fosse giusta, dovremmo chiudere tutti i bordelli di mostri in questa città.”

“Vorrei che potessimo farlo. Non fraintendermi: amo il buon servizio tanto quanto qualsiasi altra donna, ma questi bordelli si stanno spingendo troppo oltre. Gli uomini dovrebbero avere la possibilità di ottenere qualcosa di meglio”.

” Perché ? Cosa ti fa?

“Hai figli?”

Il miele ha smesso di succhiare. “Che razza di domanda è questa?” Prima che qualcuno potesse accorgersene, riprese la sua guarigione.

“Non ci sono ancora bambini”, fu la risposta.

“Sì”, disse Nuan. “Due figlie, e lavorano per il produttore di insegne attraverso Donkey Lane. E anche io ho un figlio. E sapendo che tipo di minaccia deve affrontare, quante persone vogliono usarlo come un giocattolo sessuale, come non è nemmeno vivo.” …mi viene la pelle d’oca. È sposato con una ragazza che ha legami per proteggerlo, ed è una buona cosa, perché se non lo fosse, non so cosa farei.

C’è stata una pausa. La hostess premette le dita dei piedi nella bocca di Mel, e non era per divertimento. “Sono solo una donna, Nuan. Cosa vuoi che faccia contro Guan-yin?”

Mel percepì il cambiamento di tono. Adesso cercava scuse.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *