An Evening Soiree – BDSM

di | 5 de Agosto, 2022

Alla serata hanno partecipato bene i vertici dell’alta società cittadina. C’erano presidenti di università e amministratori delegati oltre a semplici stranieri come me. Queste raccolte fondi erano costose e il mio budget era limitato per ottenere i biglietti, ma ho sempre voluto partecipare. Inoltre, l’artista onorato dall’evento era un amico di famiglia e ho pensato che fosse importante andarci, per mostrare il mio rispetto.

Ero vicino al bar a bere un bicchiere di vino quando è venuta. Facilmente la donna più bella che abbia mai visto, tutti quelli che l’hanno vista sono stati costretti a girarsi e a fissare. La sua gonna lunga e fluida era tagliata in alto su una gamba, modellando perfettamente il suo corpo aderente. Il suo maglione bianco era attillato e scollato sul petto, e aveva i seni per sfoggiare uno sguardo senza sembrare una troia da quattro soldi. Non faceva male il fatto che i gioielli intorno al collo, appesi tra quei seni, valessero probabilmente quattro o quattro milioni o più. Aveva i capelli raccolti e tirati indietro, lontano dal viso, e indossava un paio di occhiali. Per me, quello era il colpo di grazia, l’unica cosa che la distingueva davvero.

È andata direttamente da qualcuno e si è intromessa nella conversazione. Pensando di avere abbastanza piacere per gli occhi per un momento, ho afferrato il mio bicchiere di vino e sono andato a incontrare Frederich, l’artista lontanamente imparentato. Non sorprende che fosse circondato da molti ammiratori, ma mi vide, si scusò e si avvicinò. “Cugino Giacomo!” Egli ha detto. “Sono contento che tu l’abbia fatto.”

“Non mi sarei perso Frederich. Che scena qui stasera.”

Sorrise. L’ego di Frederich rivaleggiava in dimensioni con la luna e accarezzarla manteneva uno dalla sua parte buona. “E tutto per festeggiare… beh… io!” sta ridendo.

“Non voglio alienarti dai tuoi ammiratori laggiù,” dico piano in modo che la mia voce non regga.

“Oh, no, no, tienimi,” insistette, poi si avvicinò. “La stessa noiosa conversazione più e più volte, sai?” Egli ha detto.

Ho sorriso. “Come stanno andando gli ultimi progetti?”

“Bene,” disse. “O non bene. Dipende dal mio umore se mi piacciono le mie creazioni.”

“E Janine?

“Sta andando alla grande, in realtà.” Janine era sua moglie e una donna molto bella a pieno titolo. Era da qualche parte – mi ha visto e mi ha salutato e io le ho risposto, ma è stata trascinata in mezzo alla folla e ho perso i contatti con lei.

“Mi fa piacere sentirlo.”

” E tu ? Hai già finito il college?

“Il prossimo semestre”, dissi.

“E allora?”

“Dio, devo trovare un lavoro.”

“Che banalità,” sorride.

“Raccontamelo. Tutti quei prestiti studenteschi da ripagare.”

“Ach, starai bene, cugino.”

Apparve una nuova voce. “E dimmi Frederic, chi è questo giovane robusto che chiami tuo cugino?”

Ci voltammo entrambi a guardare; era la dea che avevo visto prima.

“Aaaaahhhh Marlene che piacere essere venuta!” Frederich è entrato nella sua modalità “politica” (come pensavo), dove ha fatto sembrare l’unica persona nell’intero universo che poteva attirare la sua attenzione.

“Non avrei perso, non con i soldi che ho speso per il suo lavoro negli ultimi due anni”, ha detto. Si voltò verso di me e tese la mano. L’ho preso e ho notato una leggera pressione. “Sono Marlene McWilliams”, ha detto.

La famiglia McWilliams era una di quelle famiglie benestanti della città. Un po’ come il Carnegie a New York all’inizio del secolo. “Sono James Shell, Marlene. Piacere di conoscerti.”

“E tu sei cugino di Frederich?”

“Da parte di mia madre”, confermai.

“Sei stato benedetto con qualcuno dei tuoi talenti artistici?”

“No signora,” sorrido. “Solo forse la sua altezza. Frederich ed io abbiamo superato la maggior parte degli ospiti, e sei e tre. Anche noi eravamo entrambi esemplari fisici; Avevo giocato a football al college per due anni prima che un infortunio al ginocchio mettesse fine a tutto questo. Mi è stato detto che avrei potuto avere una possibilità con i professionisti, ma il mio ginocchio era morto. Così sono diventato di nuovo uno studente normale e in un’altra scuola. Mi è piaciuto, ma era costoso.

“È un peccato tesoro, i tuoi talenti artistici sono quasi impareggiabili.” Non potei fare a meno di inclinare la testa, perché a tutti sembrava che le sue parole grondassero di pesanti allusioni. E con la coda dell’occhio ho notato che Frederich guardava in basso e si girava leggermente. E poi qualcuno gli ha dato un colpetto sulla spalla, e giuro che è stato con un senso di sollievo che si è allontanato dalla conversazione.

“È sempre stato così,” gli dissi, indicando il suo rapido movimento colloquiale. “Penso che il periodo più lungo con cui abbia mai parlato con lui sia stato quindici minuti.”

Lei sorrise. “Sono cinque minuti in più del mio meglio. Forse la famiglia ha i suoi privilegi! ha preso in giro leggermente.

“Il tuo… gioiello è impressionante.” dissi, non sapendo nient’altro da dire.

Ride dolcemente, quasi educatamente. Forse molto educatamente. “Lo dici perché ammiri i gioielli, o perché ammiri i seni tra i quali riposano i gioielli?”

Ho deglutito a fatica. “Ehm si? Ho detto di tornare al mio standard, che era un po’ sarcastico, soprattutto di fronte a una situazione un po’ difficile.

Ha incrociato gli occhi con i miei e ne sono stato consumato. “Oh andiamo, mio ​​robusto giovanotto, sicuramente puoi ammettere che ammiri la carne?”

Ho ingoiato un po’. Il suo sguardo… sembrava predatorio. E all’improvviso mi sono sentito un po’ come una preda. “Okay, sì, le tue tette sono spettacolari. Proprio come il resto di voi. Sicuramente l’avete già sentito.”

Sorrise dolcemente, interrompendo il momento minaccioso. “Sempre, mia cara, sempre.” Mi ha accarezzato la mano. “Dovrei scappare, ma… se vuoi?”

“Sì?”

“Non andartene finché non ti trovo.”

“Bene,” dico. La mia libido parlava per me lì, perché non avevo altre vere ragioni per restare. Non era come se fossi riuscita a socializzare con qualcuno, e ora stavo per sembrare sciocca aspettandomi una donna sposata più anziana? È stata una decisione stupida, ma il mio uccello non pensava che fosse stupido. Il mio cazzo pensava che fosse la decisione migliore che avessi mai preso, almeno negli ultimi quindici minuti.

Così ho finito per fare una bella chiacchierata con una coppia di anziani al bar. Spiegai che ero cugino dell’artista e che ero lì per sostenerlo. Parlavano a bassa voce, costringendomi a piegarmi verso di loro per sentirli, dato il rumore bianco del balbettio intorno a noi, ma la conversazione è stata abbastanza piacevole. Poi si sono allontanati. Mi girai verso il bar per un altro bicchiere di vino, solo il terzo della notte, quando una voce femminile colta parlò accanto a me.

“Sono felice che tu mi abbia obbedito”, disse Marlene dolcemente. “Mi chiedo se vuoi accontentarmi di più?”

“E come potrei farlo?” Ho chiesto.

Sorrise di nuovo dolcemente. “Se mi offri il braccio, ti chiederò di accompagnarmi alla mia macchina”, ha detto.

“Oh. Sì, decisamente, Marlene,” dissi. Ho messo il bicchiere di vino vuoto sul bancone e ho offerto il mio gomito. Posò con grazia la mano sul bastone, e poi l’ho scortata fuori dalla festa. Ero consapevole che c’erano molti occhi che seguivano i nostri movimenti, e anche se sapevo che era perché ero con lei… avere così tanti occhi che mi guardavano mi lasciava scossa.

“Come va?” Ho chiesto.

“Fare cosa, tesoro? »

“Tutta l’attenzione, sempre, su di te”, dissi.

“Ci sono abituato, col tempo. È noioso però.”

“Posso immaginare.” Ci stavamo avvicinando alla porta d’ingresso del museo dove si teneva la festa e un cameriere in cravatta ci ha aperto la porta. Siamo usciti nell’aria gelida di novembre.

«La mia macchina è di sotto» disse, annuendo sui gradini di marmo. “Sicuramente puoi portarmi un po’ più in là.

“Assolutamente.” Camminavo con cautela, prendendomi il mio tempo, notando che alzava un po’ la gonna prima di fare un passo per non calpestare l’orlo del vestito con il piede. Una Una volta al piano di sotto, un autista gli tenne aperta una porta.

“Mi accompagni ulteriormente, James?” chiese lei dolcemente.

“Se vuoi, Marlene”, risposi.

“Eccellente.” È salita in macchina con la massima grazia possibile mentre io barcollavo all’interno. Accarezzò l’ampio sedile di pelle sul retro della limousine. “Non mordo.” Sorrideva come un lupo. “Molto.”

“Ci sono.” Sono scivolato e lei mi ha messo la mano sulla parte superiore della coscia. Il tocco era in qualche modo innocente anche nella penombra e con la finestra aperta il tocco di privacy era qualcosa di completamente diverso. Tutto quello che potevo sentire era il calore della sua mano sulla mia gamba. Nient’altro importava in quel momento.

“È molto meglio tesoro,” lasciò che il soprannome le rotolasse dolcemente sulla lingua come se lo facesse da anni. “Sei d’accordo?”

«Sì, Marlene, sono d’accordo» dissi. Non riuscivo a rilassarmi, nemmeno un po’. Essere così vicino a lei, inalare il suo profumo delicato e avere quella mano sulla mia gamba ha avuto un impatto sul mio stato mentale. Non era eccitazione – non avevo un’erezione – ma c’era qualcosa nei modi calmi di questa donna che mi attirava e mi teneva profondamente. Sospettavo anche che lei sapesse e mi stesse prendendo in giro, ma per cosa? Non ne avevo idea.

“Fumi o ti droghi, James?” lei chiese.

“Cosa? Io? No, per niente,” dissi. “Giocavo a calcio”, dissi e iniziai a raccontare la storia velocemente. “Sono in un’altra università ora. Mi sono laureato la prossima primavera”, ho riferito.

“E cosa pensi di fare con la tua laurea? lei chiese.

Ho scrollato le spalle. ” Non so. Ho fatto uno stage l’estate scorsa, ma… beh… se è un lavoro professionale, allora non so se sono nel campo giusto.

“Ma stai ancora proseguendo la tua laurea? Girò leggermente il corpo, abbastanza per potermi guardare. La sua mano, tuttavia, non si mosse.

“Sì, lo sono. È importante per me”, dissi.

“Va bene. L’istruzione è la chiave del successo nella vita”, ha detto. “Anche se ci sono molte strade per il successo”, aggiunse a bassa voce un momento dopo.

Poi ha abbassato il finestrino. “Hector? All’appartamento, per favore,” disse.

“Sì, signora”, ha detto dal davanti, poi ha premuto il pulsante per riattivare la finestra della privacy. L’auto svoltò in un’altra strada, questa più collinosa. L’auto ha oscillato un po’ e per caso abbiamo colpito una buca abbastanza forte che mi sono sentito spingerlo.

“Ops, scusa”, dissi automaticamente.

“Perché scusarsi per qualcosa quando non è colpa tua?” ha chiesto ragionevolmente. “Non è che potrei essere matto a meno che non sia in città per il misero stato delle sue strade.”

“Vero, immagino. Forse sono solo educato.”

“Cortese. Gentile è una parola.

“Sì, sì, lo è,” dissi, curioso di sapere come avrebbe potuto rispondere. La sua voce era caduta.

“Mio marito, per esempio, è estremamente educato. Non me ne parla mai quando porta a casa la sua segretaria per scoparla.”

Ho deglutito a fatica. Non è quello che mi aspettavo di sentire da lei. Ho quindi scelto di non rispondere a questo commento principale.

Mi ha accarezzato il ginocchio. “Non preoccuparti, tesoro. Mio marito ed io abbiamo evoluto la nostra relazione in tanti modi. Lui trova ciò di cui ha bisogno nelle cagne vuote e io trovo ciò di cui ho bisogno nei ragazzi forti”. Mi sorrise, evocando ancora una volta il pensiero di predatore e preda. “Entrambi abbiamo le nostre esigenze e scegliamo classi che soddisfano tali esigenze”.

In questo momento l’auto si è fermata. Tirò via la mano e se le mise entrambe in grembo, incrociando le mani l’una sull’altra sulle gambe incrociate in attesa che l’autista aprisse la portiera. Quando lo fece, si voltò a guardarmi. «Vieni, certo?

«Sì, Marlene» convenni. Scivolai sul sedile e scesi dall’auto, e supponendo che volesse una scorta all’edificio, mi sono messo accanto a lei e le ho offerto di nuovo il braccio.

“Così premuroso,” mi ha fatto i complimenti e insieme siamo entrati nell’edificio. Il portiere sapeva di essere in vista e mantenne un’espressione di pietra, non tradendo i suoi pensieri mentre gli passava accanto. Lui le fece un cenno del capo, un gesto che lei ricambiò. Una volta dentro, premette rapidamente la tastiera vicino all’ascensore sei volte. La portiera della macchina si è aperta e siamo entrati; questa macchina non aveva pulsanti. La porta si chiuse e lui iniziò a salire rapidamente. Quando si fermò con calma e lentamente, le porte si aprirono e uscimmo nel soggiorno di un condominio attico.

“Merda,” sbottai sottovoce in completo stupore per il posto. Sebbene scarsamente illuminata, potevo vedere le opere d’arte su ogni parete (quella di mio cugino era ben visibile) e le pareti di vetro offrivano la vista più impressionante della città che abbia mai visto.

“È notevole”, concordò. È andata più a fondo nell’appartamento e io l’ho seguita. Lei ha indicato. “Ecco il bar. Stasera è la notte del whisky per me. Scegline uno, di almeno diciotto anni, e versami due dita, per favore. Puoi scegliere quello che ritieni opportuno.” Mentre continuava ad andare avanti, virai verso il bar. Ho trovato una bottiglia con un marchio che in precedenza mi era piaciuto, gli ho servito due dita e ne ho abbinato una per me. Li metto entrambi sul bancone e metto via la bottiglia.

Quando sono uscita da dietro il bancone, Marlene è andata via dov’era. L’unica differenza nel suo abbigliamento era che aveva messo i gioielli da qualche parte. Altrimenti, la stessa scollatura attillata e il vestito lungo e fluido. Le ho passato il bicchiere, che mi ha ringraziato mentre lo ha preso, poi abbiamo brindato e abbiamo bevuto il nostro primo sorso. Ad essere onesti, è stato il whisky migliore e più morbido che abbia mai assaggiato.

“Allora tesoro, sei impressionato da questo appartamento?”

«Sì, Marlene», dissi. Mi chiedevo se dovevo dargli un soprannome, ma non mi è venuto in mente nessuno. Inoltre, avevo la sensazione che provare una cosa del genere si sarebbe rivelato imbarazzante e avrebbe potuto rovinare l’ovvia tensione sessuale tra noi due.

“È il mio posto preferito, spesso la mia casa in questi giorni”, ha detto, lasciando che una traccia di tristezza entrasse nel suo tono. “Ma raramente sono sola”, ha aggiunto. “Sono perfettamente in grado di vivere da solo senza annoiarmi.”

“Squilla…”

Lei sorrise e mi accarezzò la mano. “Non sembra niente. È appena. Si allontanò da me, alzando entrambe le braccia prima di girare un po’ il busto avanti e indietro. Per quanto cercassi di non guardare i suoi seni mentre si muoveva, l’azione li faceva ondeggiare e ogni speranza che avrei potuto avere di non guardare era delusa. “Mi piace stare qui, però,” disse, rilasciando un braccio, alzando l’altro per bere un altro sorso.

“Anche io,” dissi.

Sorrise serena. “La tua scuola. È qui sull’isola?”

“No, nel Connecticut. Ho preso un treno.”

“E cosa, avevi intenzione di prendere il treno stasera?” lei chiese.

“Sì.”

“Vedo.” Posò il bicchiere. “Lascia che ti faccia una domanda molto diretta, James.

“Inseguire.”

“Vuoi fare il tuo treno, o vuoi sapere quali prelibatezze posso riservarti?”

Inutile dire che la mia mascella si è leggermente abbassata. “Immagino che preferirei scoprire… cosa hai in mente.”

“Certo che lo è,” disse dolcemente. “Troverò un modo per riportarti a casa domani.” Fino ad allora,” disse, la voce che si riduceva a un sussurro intimo, “credo che tu… sei… mio.

In questo momento nei film, gli uomini sorridono con sicurezza. Si fanno avanti, avvolgendo le loro braccia forti intorno alla vita stretta della donna, la prendono in braccio e la portano nella sua camera da letto, dove lui la adagia delicatamente sul letto e inizia il processo di fare l’amore con lei.

In quel momento, ho sentito che toccarla avrebbe provocato uno schiaffo sulla mano.

“Suona… intrigante.”

“Intrigante.” Inclinò la testa. “Questa è una buona parola. È quasi buono come curioso. E devo ammettere che mi sento come se fossi molto curioso di sapere quali sono le mie intenzioni nei tuoi confronti”.

A questo commento, ho potuto solo annuire con la testa diverse volte prima di rispondere finalmente “Sì, Marlene”.

“Parliamo delle mie intenzioni, James, vero?” lei dice. Spazzò via il bicchiere e tese la mano alla mia. L’ho preso e lei mi ha stretto le dita sulla mano e mi ha tirato con sé. Entrammo nella sua camera da letto, un letto king-size con le coperte tirate giù, i cuscini ammucchiati sulla testiera. “Le mie intenzioni, James, sono di soddisfare al meglio i miei desideri. Sicuramente un uomo della tua… statura… può fornire a questa donna la soddisfazione che richiede?

Scossi un po’ la testa; mi ha confuso. O forse il mio cervello era annebbiato da pensieri sessuali. “Posso”, ho detto senza la sicurezza che un attore proietterebbe.

“Bene.” Si sedette ordinatamente sul letto, appollaiato sul bordo del letto. Posò il bicchiere sul comodino. “James, caro, per favore, mettiti in ginocchio,” disse, puntando il dito indice teso proprio davanti ai suoi piedi, e toglimi le scarpe.Sono Jimmy Choo, James, quindi stai attento.

“Sì, Marlene,” dissi cadendo in ginocchio. Adesso mi trovavo in una strana situazione. Mai in vita mia mi sono inginocchiato davanti a una ragazza. Ma quando ho visto i suoi bei piedi, le sue gambe lunghe e il modo in cui il suo viso mi guardava con un’espressione raggiante, mi sono sentito… non necessariamente a casa, ma che ero nel posto giusto. Il posto giusto. L’ho trovato strano.

Pensieri a parte, tenni le scarpe con cura e leggerezza con entrambe le mani e le sollevai dai suoi piedi. Il suo sospiro, udibile, suonava come puro sollievo. Ho messo la scarpa col tacco alto davanti al comodino e ho fatto lo stesso con l’altra scarpa. Questo l’ho messo accanto al primo. Quindi l’ho guardata.

“Vuoi sapere un segreto sulle donne, James?” stava facendo le fusa.

“Sì.”

“Un uomo che può fare un massaggio ai piedi buono e squisito è un uomo che vale la pena mantenere”, sorride. Le sue dita si contrassero nei calzini.

Senza una parola, ho messo le mie mani su entrambi i lati del suo piede sinistro. Ho iniziato a pressare, pressare e impastare la carne. Ho inclinato il piede all’indietro e ho fatto scorrere il pollice dal tallone alla punta, e l’ho ripetuto più e più volte finché non ha ottenuto un sospiro irregolare. “Dio, è così bello, James,” si congratula con me senza fiato. “Non fermarti, mia cara, per favore non fermarti.”

“No, Marlene,” annuii. Le mie mani sono rimaste piuttosto impegnate, lavorando sulle dita dei piedi, tra le dita dei piedi, l’avampiede, l’arco plantare e il tallone. Girò più volte il piede verso la caviglia. “Non dimenticare l’altro piede”, mi chiese.

Il fatto che mi sentissi un po’ a disagio in ginocchio sul pavimento duro mi è stato spinto nella testa. Meglio non pensarci. Mi sono concentrato maggiormente sull’altro piede, portando tanto piacere e sollievo quanto il primo. Dopo altri cinque o dieci minuti di lento contatto fisico, mi ha chiesto di fermarmi.

«Posso alzarmi, Marlene? chiese James dopo il suo comando. “Mi fanno male le ginocchia, specialmente il ginocchio malato.”

“Beh, sì, se non altro per allungarli”, ammise. Ho provato ad alzarmi, ma il mio ginocchio infortunato ha ceduto e sono quasi caduto a terra. Ho allungato una mano per stabilizzarmi finché il dolore acuto al ginocchio non si è attenuato un po’. Così mi sono alzato e ho dovuto sollevarmi da terra con le mani, vista la debolezza del ginocchio. Gemevo mentre lo cullavo avanti e indietro, e tra i miei gemiti e il silenzio, entrambi sentivamo il suo ginocchio spezzarsi a disagio.

“Deve far male,” disse.

“Sì,” dico un po’, ora grato che il dolore sembri attenuarsi.

“Puoi continuare?” lei chiese.

“Oh sì, starò bene presto”, lo rassicurai.

Lei sorrise. “Dato che sei sveglio, puoi metterti comodo. Per favore, togliti la giacca e appendila nell’armadio.” disse, indicando un armadio che aveva diversi attaccapanni vuoti. Sono andato – o più esattamente zoppicando – verso l’armadio e mi sono tolto la giacca. “E ora la tua maglietta,” disse. Che ho sbottonato e riattaccato con cura. “I pantaloni, mia cara, puoi toglierti i pantaloni ora”, ordinò. Ancora una volta ho obbedito e ho appeso questo oggetto nell’armadio con gli altri.

«Torna da me», disse. La mia gamba stava meglio, quindi non dovevo girarmi. In piedi lì con la mia maglietta e pantaloncini grigio chiaro, mi sentivo un po’ sciocco, persino imbarazzato.

Si alzò e mi voltò le spalle. “Tesoro, per favore rimuovi con attenzione questo maglione dal mio corpo”, ha detto. Ho prestato attenzione, rendendomi conto che il tessuto era leggero e morbido e che la combinazione di leggero e morbido sarebbe probabilmente costata più di quanto l’avessi realizzata in un anno. Sono stato estremamente attento.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *