Angel and Nicola – BDSM

di | 30 de Giugno, 2022

(NdR: questa storia è più D/s che BDSM)

Qualcosa accadde a Nicola la prima volta che vide il gruppetto di nuove leve. La sua attenzione fu attirata da una delle donne, non solo attratta… affascinata. Non aveva idea del perché. Era la serenità sicura del viso della donna, incorniciato dalle morbide onde dei suoi capelli castani, che sembravano avere riflessi naturali? Erano i suoi accattivanti occhi grigio-blu? O forse le sue labbra carnose, leggermente incurvate in un’espressione di vigile divertimento? Nicola aveva sentito dire che le labbra erano descritte come “sexy” – ora le vedeva davvero. Qualcosa le echeggiò nel petto e sapeva di aver deciso quale di queste persone sarebbe diventata la sua assistente personale.

Si è rivolta al gruppo. “Ciao e benvenuto alla Landing Corporation. Sono la signora Nicola Burgess, il vostro diretto supervisore. Lei è stata intervistata diverse volte, lo so, e ha superato questi ostacoli magnificamente, come dimostrano i rapporti che ho ricevuto. “Attualmente ci avete tre aperture, e voi tre siete state scelte per riempirle. Stava ora mettendo i nomi di questi rapporti in faccia davanti a sé, e presto scoprì che la donna che l’aveva incuriosita era Angel Hunter. Affidando alle altre due persone le loro missioni , ha informato Angel che sarebbe stata la sua assistente personale.

Angel lo ringraziò dolcemente, suonando stranamente quasi come se la sua scelta fosse una conclusione scontata. Mentre le altre due nuove reclute lasciavano l’ufficio di Nicola, iniziando i loro incarichi, le due donne erano ormai sole. Fino a questo punto, lo sguardo di Nicola su Angel era fisso sul viso. Ma ora si prese un momento per guardare la donna da capo a piedi. Angel era vestito in modo professionale, con una camicetta bianca frizzante e una semplice gonna nera al ginocchio. Era ancora chiaro che Angel aveva una figura che quasi tutte le donne avrebbero invidiato, con seni generosi, vita stretta, fianchi e glutei ben fatti e gambe lunghe e ben fatte.

Durante questa valutazione fisica della bruna, il cuore di Nicola ha battuto un po’, e ha dovuto deglutire per cercare di bagnarsi la gola improvvisamente secca. “Cos’ha quella donna?” si chiede mentalmente Nicola. Mentre inspirava, un odore allettante le stuzzicava le narici. “È un profumo sottile ed esotico?” ha immaginato. “O è lei?” Schiarendosi la voce, iniziò a spiegare i doveri immediati di Angel.

Da parte sua, Angel si sentiva leggermente divertito, ben consapevole dell’effetto che stava avendo sul suo nuovo capo. Era facile per lui emanare un’aria di fiducia, poiché la vasta ricchezza del suo fondo fiduciario gli era stata consegnata il giorno del suo ventunesimo compleanno. A differenza degli altri due candidati, non desiderava disperatamente ottenere il lavoro, ma pensava che sarebbe stata un’esperienza interessante e un’opportunità per approfondire le sue conoscenze. Non essendo una persona dedita alla falsa modestia, sapeva di essere capace, bella, ricca e intelligente – una combinazione potente. Forse il tuo linguaggio del corpo stava trasmettendo qualcosa e il tuo capo stava solo reagendo.

In risposta a una domanda, ha risposto: “Sì, signora Burgess. Capisco perfettamente”. Guardò attentamente il suo nuovo capo. La donna era leggermente più alta, con lunghi capelli biondo sabbia e luminosi occhi azzurri. Era alta e orgogliosa, il che metteva in mostra i suoi seni bene – erano quasi belli come quelli di Angel. Angel in seguito apprese che il suo capo correva ogni mattina per mantenersi in forma, il che spiegava la sua figura snella e le gambe lunghe.

Per un capriccio, il suo capo ha detto: “Chiamami Nicola, per favore. Lavoreremo insieme e questa formalità farà solo perdere tempo. Il cuore le batteva forte nel petto mentre pensava a quello che aveva appena detto, ma si sentiva come se non potesse tornare indietro.

Angelo sorride. “Ho capito, Nicola. Spero che presto lavoreremo così a stretto contatto che le persone potrebbero pensare che siamo legati all’anca”, ha riso. Ha cementato il fatto che ora erano in base al nome e ha fornito un sottile esempio suggerendo un’intima vicinanza. Per diversi anni, Angel era stato consapevole della sua crescente tendenza al dominio. Il suo capo potrebbe essere stato dominante in senso aziendale, ma c’erano sottili segni che Angel potesse essere dominante per lei fisicamente, mentalmente ed emotivamente – il tempo avrebbe detto. Le persone in posizioni di potere spesso bramano inconsciamente di poter cedere il controllo a qualcun altro durante i periodi di sollievo. Nicola forse era una persona così.

Nel corso dei giorni, Angel ha dimostrato di essere tanto efficiente quanto seducente. In poche settimane, ha capito come andava la giornata lavorativa di Nicola e ha fatto funzionare le cose come un orologio. Era anche più pienamente consapevole del fatto che il suo capo era veramente innamorato di lei. C’erano molti piccoli indizi al riguardo, cose di cui Nicola probabilmente non era a conoscenza, ma Angel le notò tutte. Nicola amava starle vicino… spesso così vicino che Angel poteva sentire il calore irradiarsi dal corpo del suo capo. E quando parlavano faccia a faccia, Nicola a volte inclinava leggermente la testa, come fa una persona quando inizia a baciarsi.

Mentre Nicola sedeva dall’altra parte della sua scrivania, parlando, inconsciamente si arricciava le dita tra i capelli. Se erano dalla stessa parte di un tavolo, a guardare un grafico o un rapporto, i fianchi di Nicola sfioravano spesso quelli di Angel. E il suo capo poteva accovacciarsi, fissando ciò che c’era sulla superficie del tavolo… così basso che i ciuffi dei suoi capelli avrebbero sfiorato il braccio nudo di Angel. Il y avait des moments où son patron lui touchait la main avec emphase alors qu’ils se penchaient sur la table… en fait, une fois, elle s’est même appuyée contre son assistante personnelle, pointant quelque chose à l’autre bout de la tavola. Angel era ben consapevole della pressione del petto di Nicola contro il suo durante questo.

Altre storie erotiche  Shopping - BDSM - Literotica.com

Tutte queste azioni erano inconsce da parte di Nicola. Non ha mai sperimentato sessualmente con le donne che crescono e non ha avuto esperienze del genere. Devotamente religiosa, era stata programmata affinché le donne fossero mogli e allevassero figli con i loro mariti. La sua coscienza ha fortemente censurato tali pensieri “immorali” di stili di vita alternativi. Il suo matrimonio “vanigliato”, crescere i suoi figli, era il modo “giusto” di vivere, ovviamente. Indipendentemente da tutto ciò, Angel stava leggendo chiari segnali che Nicola, consapevole o meno delle sue azioni, stava mandando segnali di seduzione.

Un giorno, Angel era al suo computer, digitando i dati, ma sussultava ogni volta che girava la testa per guardare il foglio dati. Nicola se ne accorse chiedendo: “Hai il collo rigido, Angel?”

Angel sospirò, “Sì, certo, Nicola. Forse ho dormito male o qualcosa del genere.”

In un batter d’occhio, Nicola era dietro la sua sedia, usando le sue mani calde e morbide per massaggiare i muscoli del collo di Angel. Era contenta di avere una scusa per mettere le mani sulla sua assistente. I muscoli del collo di Angel erano in realtà un po’ doloranti, ma non così doloranti come mostrava. Era più come un test: un motivo per lasciare che il suo capo facesse qualcosa per servirla prima. Faceva parte della crescente evidenza che Nicola si stava avvicinando sempre di più alla sottomissione. Molte emozioni possono essere trasmesse attraverso quel tocco di mano, e il desiderio di Nicola per lei si è espresso in modo molto concreto nei dieci minuti successivi.

Ancora una volta, Nicola è riuscito a mentire a se stesso su questa interazione. Nella sua mente, questo contatto era platonico, di natura medicinale. Si sforzò di non notare quanto i capelli di Angel fossero meravigliosi contro le sue mani e polsi. Se aveva inalato un po’ più a fondo del solito, era dovuto ai suoi sforzi muscolari, ovviamente, e non aveva nulla a che fare con l’odore allettante che esalava vicino ad Angel. Se si fosse fermata ad analizzare le cose, sarebbe stata ancora molto confusa sul motivo per cui era così attratta da Angel – un’attrazione fisica che stava diventando sempre più difficile da respingere. Questi contatti con il suo meraviglioso assistente sono stati sia eccitanti che confuso.

Angel era stato un Dominante abbastanza a lungo da essere consapevole che i sottomessi in qualche modo percepivano il dominio di qualcun altro. In risposta, hanno cercato di farsi notare e in qualche modo compiacere e servire quella persona. Non aveva fretta, era curiosa se e quando Nicola potesse finalmente rendersi conto della sua sottomissione.

Un giorno accadde qualcosa di molto interessante. Angel stava smistando i file mentre Nicola stava apparentemente digitando i dati nel suo computer. Rita corse e disse a Nicola che c’era un’emergenza e che ne aveva urgente bisogno. spaventato, Nicola saltò giù dalla sedia per correre dietro alla donna in preda al panico. Ad Angel non era stato ordinato di fermarsi o aiutare, così finì il suo triage e andò a mettere i file accanto al computer di Nicola come al solito. Ma ciò che era sullo schermo ha attirato la sua attenzione. Era un foglio di calcolo e le informazioni pubblicate erano rivelatrici! La mente veloce di Angel assorbì l’informazione, poi tornò alla sua scrivania per iniziare il suo prossimo compito. Quando Nicola tornò, Angel non fece alcun riferimento a ciò che aveva visto. Ha solo chiesto cosa avesse portato l’emergenza e come Nicola l’avesse gestita. Da quel momento in poi, il lavoro è proseguito normalmente.

Le cose tra le due donne rimasero relativamente immutate fino a una fatidica notte. Nicola e Angel hanno dovuto lavorare in tarda mattinata su complicate scartoffie che dovevano essere completate il giorno successivo. Nicola ha chiamato il marito per spiegargli la situazione e gli ha chiesto di dare il bacio della buonanotte ai bambini. La squadra delle pulizie era andata e ritorno. La guardia di sicurezza era alla sua scrivania, osservando diligentemente i monitor che indicavano gli ingressi dell’edificio. Le due donne erano abbastanza sole e potevano concentrarsi sulla fine del loro lavoro.

“Oh mio Dio… lo fa,” annunciò infine Nicola. “Non posso credere quanto tempo ci è voluto. Giuro che stanno cercando di renderlo sempre più difficile!” Si è allungata. “Grazie mille per essere rimasto e per aver lavorato così duramente su questo, Angel.” Con gratitudine, ha messo i documenti nella “posta in uscita” in modo che venissero inviati in modo tempestivo dove erano necessari quando l’ufficio apriva la mattina.

Angel si stiracchiò, i suoi bei seni allungarono la camicetta come faceva lei. “Sono contento di essere stato d’aiuto, Nicola. È bello averlo capito”. La sua espressione facciale era di piacere sensuale nell’allungare le pieghe del suo intenso lavoro.

Altre storie erotiche  Samantha on the Swing Pt. 01 - BDSM

Nicola guardò Angel mentre lo faceva, e il suo cuore iniziò a batterle nel petto. L’impulso di baciare Angel divenne travolgente. Era così brutto che Nicola sentiva che sarebbe potuta morire se non avesse agito secondo questo impulso. Non stava pensando – si sentiva! Leccandosi le labbra, si avvicinò ad Angel, inclinando di nuovo la testa in un preludio a un bacio.

Angel vide quel linguaggio del corpo, analizzandolo immediatamente. Ha evitato il suo capo dicendo: “Nicola, sembra che tu voglia dire o chiedere qualcosa. Che cosa è ? La sua voce era dolce, ma con un’aria di comando che fece fermare il biondo.

Nel corso delle settimane, la pressione di questa esigenza è diventata quasi troppa per Nicola. Sì, alle cene ha dato i “baci d’aria” necessari ad altre donne. Ma era diverso. La sopraffaceva in quel momento la fame di premere le sue labbra con fermezza, appassionatamente contro quelle di Angel. Quindi prima che potesse censurare le sue parole, sbottò: “Voglio baciarti, Angel!” Ho davvero bisogno di baciarti ora! Il tono affannoso della sua voce confermò l’urgenza del suo desiderio.

Sentendo quella dichiarazione, quella di un sottomesso che chiedeva il permesso, Angel sorrise. Rispose con calma e controllo: “Sarebbe meraviglioso Nicola, e mi piacerebbe. Ma non te lo sei ancora guadagnato bene”.

Confusa, gli occhi di Nicola si spalancarono quando chiese: “Ha vinto? Vinto come?

Con un sorriso che ha sciolto il cuore di Nicola, Angel ha indicato la sua figa coperta dalla gonna e ha detto: “Non mi hai ancora baciato qui”.

Nicola rimase a terra – quasi dondolandosi sui talloni quando capì cosa stava dicendo Angel. La sua gola divenne così secca che la sua voce si incrinò mentre balbettava: “Cosa? Baci… laggiù?”

Angel annuì, i suoi occhi brillavano di seduzione. «E non sui miei vestiti, ovviamente.

Per Nicola era come se la stanza girasse un po’. Come detto prima, non era mai stata così con una donna. Completamente inesperta, il suo stile di vita vanigliato consisteva in un matrimonio eterosessuale e nell’allevare due figli. Ma ora la sua mente correva: “Questa donna bella e seducente mi sta invitando a mettere le labbra sulla sua figa?” La sua coscienza religiosa ha preso il sopravvento, votando “no” ad alta voce. Mentre un’altra voce, forse fino a quel momento ovattata come “femminile divino”, ha detto “sì” e “ne abbiamo bisogno” e “lo vogliamo” nel tentativo di essere ascoltata.

Nicola ora era lacerata…indeciso…ancora in piedi, le labbra umide e la testa piegata dal desiderio. Se fosse stata completamente onesta con se stessa, si sarebbe resa conto che era sempre bi-curiosa, ma non ha mai agito di conseguenza. I suoi occhi si spostarono dove Angel lo aveva indicato. Nel suo cuore, ora voleva baciare Angel in entrambi i posti, fino ad allora non immaginava mai di avere l’opportunità di fare qualcosa del genere con un’altra donna. Ma sembrava che ci fossero molte cose attualmente accatastate contro tale comportamento. Il suo frustrato divino femminile gemette e implorò. Un pensiero illuminante e negoziale gli attraversò la mente: “Voglio farlo, ma temo un possibile senso di colpa. Se solo ci fosse una scusa…qualcosa che potrebbe costringermi… eliminando così ogni senso di colpa per cui potrei provare facendo questo.” un atto del genere!”

Il sorriso seducente di Angel non è mai svanito. Era quasi come se leggesse nella mente di Nicola e capisse le fazioni in guerra all’interno del suo capo. Vide chiaramente che Nicola stava solo cercando una scusa per inginocchiarsi e obbedire. Fece le fusa: “Posso vedere dal tuo linguaggio del corpo che vuoi davvero baciarmi al piano di sotto, ma qualcosa ti trattiene, Nicola.”

Sorpresa, Nicola annuì, leccandosi di nuovo le labbra… i suoi occhi imploranti aiuto.

Angel appoggiò un dito indice ricurvo sulle sue labbra, come se stesse considerando il problema. Il cuore di Nicola sentì come se le stesse correndo in gola mentre guardava Angel che cercava di superare questa difficoltà per lei. Poi Angel mormorò, dicendo: “Hmmm… ti aiuterebbe se ti dicessi che ho visto quel file sul tuo computer il giorno in cui sei andato via per affrontare l’emergenza dell’ufficio?”

Nicola sembrò confuso per un momento, poi sussultò, impallidindo. “Questa vita?” lei si strozzò. Ripensando al giorno in questione, sentì un nodo allo stomaco quando si rese conto di aver lasciato quella cartella aperta quando era scappata.

“Sì… quello in cui hai preso attentamente nota dei soldi che hai sottratto alla compagnia.” Angel alzò una mano per impedire a Nicola di protestare o di spiegare. “So che come entità aziendale, tieni traccia dei soldi nella speranza di ripagarli tutti un giorno”, ha detto con calma.

“Oh mio Dio… lo sai,” mormorò Nicola.

“Sì.” Con questa semplice parola del suo assistente, Nicola ha capito la sua situazione. Poteva facilmente immaginare che Angel la ricattasse, o minacciasse di dirlo al consiglio, o peggio.” Naturalmente, le due donne ora erano molto amiche e si conoscevano abbastanza bene da essere sicure che “Angel non avrebbe mai fatto nulla. Ma Nicola ora aveva la scusa di cui aveva bisogno per obbedire ad Angel. Nella sua mente, agiva come una piccola “spinta” per fare comunque quello che voleva fare. Il suo divino femminile dentro stava facendo una danza di felicità, e la sua bocca iniziò Il suo cuore era martellante, ma ora questa spinta era eccitata anticipazione.

Altre storie erotiche  Trained Ep. 07: Leather, Leashes, and Locks - BDSM

“Quindi ho bisogno di baciarti… laggiù… per guadagnarmi il diritto di baciarti?” mormorò Nicola. Angel annuì in modo invitante. “Cosa… cosa dovrei fare?” chiese Nicola.

“Inginocchiati davanti a me. Mi alzerò la gonna e potrai togliermi le mutandine,” ordinò Angel. “rimuovere completamente le mie mutandine.”

Mentre si inginocchiava davanti ad Angel, il tumulto mentale di Nicola si manifestò in pensieri sconclusionati. “Oh signore, in realtà sono in ginocchio davanti a lei. Si sta tirando su la gonna. Oh mio Dio – guarda quelle gambe. Posso farlo? Oh! Adesso mi sta mostrando le sue mutandine… posso… .posso- Vedo la tua figa attraverso di loro! E il tuo profumo allettante – più forte ora! L’odore viene dalla tua figa? Sono stato attratto dall’odore della tua figa per tutto questo tempo? Lei mi guarda. Aspetta… aspetta qualcosa. *OH* dovrei tirarle giù le mutandine… e togliersele! Voglio farlo, vero? Devo farlo. Devo muovere le braccia. Sì, così. .. allungando la mano. Oh, la sua pelle è così calda che le mie dita si toccano… agganciando la cintura… tirandola giù. C’è la sua figa! Non sopporto di guardarla direttamente, esposta in quel modo… Potrei svenire! Respira, Nicola! Ecco, si sta togliendo le mutandine. Cosa ci faccio? Cosa ci faccio?!”

Angel ha risolto quest’ultimo problema dicendo: “Metti le mie mutandine sul tavolo, Nicola”. E poi baciami la figa. La tua voce, sebbene morbida, aveva una presa tale che Nicola rabbrividì.

Restituendo le sue mutandine, Nicola si sporse in avanti. Non poteva fare a meno di fissare la figa di Angel, perché non voleva colpirla duramente. L’area del tumulo sfoggiava un triangolo ben curato di morbidi peli pubici, ma le labbra stesse erano lisce e nude. Mentre Nicola stava per posare le labbra su questo “luogo proibito”, si accorse che l’odore che la stregava diventava sempre più intenso man mano che si avvicinava. Aveva programmato di mettere un bacio superficiale sulla figa di Angel e poi allontanarsi in fretta. Ma una volta che le sue labbra si sono premute contro quella carne liscia e aromatica, ha rinunciato del tutto a quel piano.

Lo baciò una, due e più volte – ogni volta i suoi baci erano più appassionati e più lunghi. Non era davvero angosciata dal fatto: “Sto baciando la figa di una donna”. Pensò: “Oh mio Dio, sto baciando la figa di Angel! Perché ho aspettato così tanto per farlo? Voglio amare questa parte di lei!” Era stordita. Era ossessionata.

Potrebbe aver continuato a baciarsi per molto tempo, ma la mano di Angel le accarezzò i capelli. Il suo assistente mormorò: “Che bello, Nicola. Ora alzati e baciami.

Travolto dall’emozione, Nicola si alzò barcollando. Era venuta la sua ora. Entrò nell’abbraccio di Angel, e le due donne si baciarono per la prima volta. Ciascuno poteva sentire il battito del cuore dell’altro mentre i loro petti si strinsero. Una barriera si è sciolta… una soglia è stata varcata. Lacrime di gioia si formarono negli occhi chiusi di Nicola e le scorrevano lungo le guance. Il bacio durò per sempre, e finì, molto, molto velocemente. In qualche modo il bacio finì e Angel stava accarezzando le guance di Nicola, guardandola profondamente negli occhi mentre li apriva.

“Ancora una cosa stasera, Nicola. Togliti la gonna, togliti le mutandine e dammele.” Angel disse le parole in un tono neutro, come se fosse qualcosa che le persone si dicevano tutto il tempo. Ha anche teso la mano in attesa.

Nicola iniziò ad arrossire quando cominciò a obbedire. La ragione del rossore era che era imbarazzata per non essersi presa cura della sua figa così come Angel. I suoi peli pubici erano un cespuglio piuttosto lussureggiante che sfoggiava una massa di grovigli. Ma Angel disse “stasera” e la mente di Nicola dedusse che sentiva che sarebbero arrivate altre notti che avrebbero potuto includere altri baci. Lo sperava ardentemente. Togliendosi la gonna, raccolse il suo coraggio e continuò a fissare Angel mentre si tirava giù le mutandine e se le sbarazzava. Angel non rise né derise quello che Nicola stava rivelando, il che sarebbe stato mortificante. Sorrise serenamente mentre Nicola le metteva in mano le sue mutandine ancora calde.

Gli occhi di Nicola sembravano voler uscire dalle orbite quando videro cosa fece Angel dopo. Per prima cosa, ha portato le mutandine di Nicola fino al naso e ha inalato l’odore della figa del suo capo con evidente apprezzamento. In secondo luogo, ha indossato quelle mutandine e le ha tirate su fino all’inguine. Vedendo Nicola in piedi lì, Angel chiese: “Allora? Non metti il ​​mio?”

“Metti…il tuo…ahhh…uh…” disse Nicola, improvvisamente consapevole di come il suo corpo stesse reagendo ai baci. Le sue guance diventarono rosse. “Io… se lo faccio… uh… li bagnerò tutti,” gemette con una voce venata di umiliazione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *