Black & White Ch. 03 – BDSM

di | 18 de Giugno, 2022

Capitolo 3 ~ Tu, io e il diavolo siamo tre

Sono trascorse tre settimane dall’oscuro ricongiungimento della nostra coppia. Madison è diventata più obbediente grazie alla paletta di plastica nera a forma di cuore. Il suo culo era perennemente rosso e viola in uno stato di dolore costante, che la teneva allenata e sottomessa.

Aspettava Hally in ginocchio davanti alla porta ogni giorno in cui usciva – e usciva anche nei fine settimana, quando non doveva lavorare. Madison non sapeva assolutamente dove stesse andando. Ha chiesto una volta e Hally l’ha schiaffeggiata, dicendole di non fare domande stupide. Il suo posto doveva essere cementato intorno al suo corpo e avvitato nel suo cervello.

Questa volta è stata una giornata particolarmente solitaria per Madison. Sebbene l’appartamento fosse perfettamente riscaldato e la proteggesse dalla brezza autunnale esterna, aveva un freddo gelido. Debole e pallida nell’appartamento senza finestre che fissava le pareti di corallo del soggiorno, si sedette in ginocchio sul pavimento e aspettò il ritorno della sua dea con dolorosa pazienza.

Gli facevano male le ginocchia, ma il sedere gli faceva ancora più male. Le percosse della dea la notte prima erano state brutali, per nessun altro motivo se non quello di ferirla e trascinarla giù. Era completamente nuda a parte un piccolo perizoma nero con pizzo floreale sul davanti che la Dea le aveva permesso di indossare, e la sua collana, ovviamente.

Ciò che gli faceva più male delle ginocchia e persino delle natiche era il suo cuore. Sapeva che Hally non stava ricambiando il suo immenso amore, ma cresceva solo con la serie di dolori che aveva sopportato, e niente le faceva più male che stare senza di lei.

I fastidi e le preoccupazioni di Madison iniziarono ad accumularsi. Erano già le 23:05 Sta aspettando sul pavimento da due ore ormai.

Maddie aveva fatto qualcosa di sbagliato? La Dea sarebbe mai tornata? Stava bene? Era con qualcun altro?

L’immaginazione di Madison iniziò a vorticare con la sua dea tra le braccia di un uomo alto e forte, quello che credeva essere lo scenario più probabile e migliore, e il suo piccolo bastone si irrigidì al suo potenziale per due pollici, con la sua piccola punta sottile che sporgeva da suo lato. a destra del perizoma in pizzo con stampa floreale. Lo tirò da parte e iniziò a pizzicare il suo pene con il pollice e l’indice destro.

Chiuse gli occhi e gemette in estasi femminile mentre le immagini scorrevano nella sua mente. Il brivido spirituale che sentiva divenne un’onda gentile che la investì e accolse con favore la possibilità di annegarvi. Elle vit de grandes mains agrippant fermement les courbes parfaites de sa déesse, les lèvres de l’homme pressées étroitement contre les siennes, son sexe massif quatre fois plus gros que le sien poussant plus profondément qu’elle n’aurait jamais pu s’y aspettare…

Quindi la Dea finalmente varcò la soglia. Come aveva sospettato Madison, non era sola. Una donna più alta, paffuta e dalla pelle più scura entrò dietro di lei e si fermò accanto a lei, indossando spessi occhiali scuri squadrati intorno agli occhi marroni, con lunghi dreadlock neri che Madison pensava fossero autentici.

Hally indossava pantaloncini di jeans neri con leggings grigi trasparenti sotto e la sua camicia da lavoro cremisi. Il suo partner indossava leggings neri che sottolineavano le sue curve increspate e una piccola canotta nera sotto una flanella aperta rossa e nera che poteva mostrare i suoi seni montuosi. Madison non poté fare a meno di alzare lo sguardo dal pavimento verso la sua dea e il suo amico seminudo ancora di più – sicuramente più di quanto avrebbe dovuto – le sue due dita che ancora tiravano il suo piccolo cazzo.

L’amica di Hally scoppiò a ridere alla sua vista, riempiendola di imbarazzo, e Hally diede un calcio alla piccola erezione e alle palle di Madison velocemente e con forza, facendola volare sulla schiena per contorcersi dal dolore sul duro pavimento del soggiorno. .

“Non ho detto che potevi toccarti, mostro!” esclamò nella sua caratteristica rabbia: “E di certo non ho detto che potevi guardare il seno della mia amica”. L’agonia elettrica di Madison è cresciuta solo quando lo stivale destro di Hally ha sbattuto contro le sue palle, schiacciandole a terra. “Scusate! O demolirò questi sassolini che chiamate proiettili”, gorgogliò Hally.

“Mi dispiace Dea, mi dispiace, per favore lasciami andare!” Madison urlò, la sua voce debole piena di dolore. Hally la lasciò andare e si chinò per tirare forte il guinzaglio di Madison, guardandola negli occhi acquosi.

“Non ti lascerò mai andare, schiava,” sussurrò cupamente e a bassa voce con sinistro possesso. “Sei mia. Mi appartieni e non te ne andrai mai.” Madison sentiva caldo e freddo allo stesso tempo. Una profonda paura si è stabilita in lei quando ha capito che questa era la verità della sua esistenza.

L’amica di Hally emise una risata diabolica e Madison la guardò con vergogna e orrore. “Come se dovessi lasciare che un mostro bianco come te si avvicini alle mie grandi tette”, lo stuzzicò crudelmente. Hally mise il suo stivale destro sporco sulla bocca di Madison e istintivamente iniziò a leccarlo. “Quanto siete caduti, ragazzi bianchi”, ha continuato il suo amico, dando fuoco all’anima di Madison, “una volta ci avete ridotti in schiavitù, e ora ci leccate gli stivali”.

Hally la corresse: “È solo una bambina da torturare”. Madison gemette mentre baciava la terra e si toglieva lo stivale di Hally, ingoiandolo tutto. Quando la destra è stata cancellata, ha continuato a sinistra. “Non è patetica?” chiese Hally alla sua amica ridendo.

“Non ho mai visto nessuno più patetico”, ha risposto la sua amica, ridendo con lei.

La risata di Hally si fermò con un lieve sospiro vorticoso quando disse: “Almeno è utile. Vieni a pulirti gli stivali”. Si fece da parte e la sua amica prese posizione, abbassando lo stivale destro prima sulla lingua di Madison.

I suoi stivali erano neri in tinta, ma più alti e allacciati come se fossero pronti per la battaglia. Erano anche più grandi e, in un certo senso, anche più sporchi di quelli di Hally. A Madison ci sono voluti alcuni minuti per lavare via tutto lo sporco e il fango con le sue labbra spesse e femminili e la lunga lingua. Il suo piccolo clitoride pulsava come lei.

Una volta che i due stivali neri della dominatrice furono perfettamente puliti e luccicanti di saliva, Madison sospirò di sollievo e osservò le due iene affamate sorridere di terrore misto a desiderio, chiedendosi cosa sarebbe successo dopo. Hally tirò forte il guinzaglio per sedersi.

Gli strinse forte il mento con la mano destra e ordinò: “Apri”. Poi sputò una grossa goccia di saliva dritta nella bocca del suo schiavo, una parte che le colava lungo il mento. Chiuse lentamente la bocca e Madison ingoiò tutto.

Lasciandosi andare, ha detto: “Sta a te”, alla sua amica, che ha fatto lo stesso. La saliva della sua amica era più piccante e aveva un sapore più aspro, ma Madison la ingoiò obbediente. “Non sarà tutto ciò che ingoierai per noi stasera, schiavo”, annunciò Hally con una risata maliziosa.

Hally attorcigliò il guinzaglio ed entrò velocemente nella stanza, la sua amica accanto a lei. Madison ha ammirato i loro culi neri grassocci mentre rimbalzavano e le rimbalzavano lungo la strada. Riusciva persino a distinguere le linee delle mutandine dell’amica di Hally attraverso i suoi leggings.

Il trio contorto è entrato nella stanza e Hally si è girata per schiaffeggiare Madison in faccia, leggermente rispetto al solito. Si portò la mano destra al viso e disse: «Servirai Lady Diana e me tutta la notte, e obbedirai a tutto ciò che diciamo. Posso essere la tua unica dea, ma siamo entrambi superiori a te. .”?”

“Sì, Dea”, gemette Madison senza esitazione.

“Bene,” disse Hally, prendendola di nuovo a pugni e dirigendosi verso l’armadio. Diana posò la borsa arancione che teneva su una piccola sedia di legno vicino al muro e lasciò cadere anche la sua flanella dalle spalle sulla sedia. Gli occhi di Madison vagavano lussuriosi intorno alle sue grandi braccia e spalle nere.

“Farai meglio a non guardare le mie tette, cagna!” Diana urlò e Madison guardò il pavimento sottomessa.

Hally è tornata a Madison con nient’altro che la sua pelliccia nera. Osservò con stupore la bellezza delle grosse cosce nude e della figa pelosa della sua dea mentre posava in modo seducente davanti a lei, muovendo le mani su e giù sul suo corpo. “Sai che ore sono, schiava,” cantò piano prima di prendere il guinzaglio, tirando Madison sul letto e gettandola a terra in modo che il suo viso guardasse il soffitto.

Poi, abbassò il suo grosso culo nero sulla sua faccia in attesa, soffocandolo dolcemente. Madison leccò e baciò il suo buco del culo, sommerso tra le sue guance grasse e assaporandone l’odore. Per lunghi minuti tutto ciò che vide fu oscurità e tutto ciò che annusò e assaporava era il forte profumo del culo della sua dea che le pompava nel naso e nella bocca.

Hally gemette forte e basso mentre strofinava il culo su e giù sul viso di Madison mentre lo leccava. “Devi provare questo”, ha detto Hally a Diana prima di alzarsi e camminare di lato.

Quando Madison alzò lo sguardo, Diana era già spogliata con mutandine di pizzo bianco e un reggiseno abbinato che conteneva a malapena i suoi enormi seni. Il piccolo cazzo rosa di Maddie pulsava così forte che faceva male. “Qualcuno è eccitato,” disse Diana con una risatina.

Il suo grande ventre grasso e le cosce grosse ondeggiavano deliziosamente mentre si avvicinava al suo nuovo posto. Si voltò e si appoggiò di fronte a Madison, con sua grande sorpresa, poi si tolse le mutandine e allungò una mano per afferrarle la testa e spingerla in modo che le loro labbra si chiudessero. un bacio con il tuo culo di cioccolato fondente. Ha fatto uscire quella che sarebbe stata una scoreggia brutta, lunga e rumorosa se Madison non fosse stata così innamorata di lei.

“Succhialo, puttana!” chiese Diana, come se Madison potesse tenere una mano dietro la testa per costringerla a entrare. Non aveva altra scelta che respirare ogni granello della scoreggia di Diana direttamente nella sua bocca. Hally rise vedendo il destino brutale del suo schiavo.

Una volta che ebbe finito, lasciò andare la testa di Madison. Prima che potesse finire di prendere una boccata d’aria fresca, Diana si voltò e la spinse rudemente sul letto. Si voltò di nuovo e abbassò lentamente il suo culo gigantesco sul viso, allargando le guance in modo che la testa di Madison fosse completamente inghiottita in esse.

Si mise subito al lavoro leccandosi il dolce sudore rancido dal culo. Diana emise un forte gemito mentre iniziava a leccargli il culo con forza. Madison, incapace di controllarsi, ha spruzzato una serie di denso sperma bianco dal suo minuscolo cazzo.

Poteva sentire la risatina di Hally al suo patetico orgasmo sotto il grosso culo nero di Diana. All’improvviso sentì Hally prenderla a calci nelle palle e sussultare per il dolore, incapace di scappare.

“Continua, piccola puttana!” Ha ordinato Hally. Madison non aveva altra scelta che obbedire e continuare a leccare il buco di cioccolato fondente di Diana. Cominciò a strofinarselo delicatamente sul viso.

“Non sapevo di averne bisogno”, disse Diana tra i suoi gemiti. Il suo culo era così grande e grasso che Madison non poteva nemmeno respirare aria fresca attraverso la sua routine.

La sua evidente inferiorità la colpì in quel momento. Era piccola e debole in confronto a quelle dee nere, completamente indifesa alle loro torture e completamente sottomessa ai loro capricci. Diana potrebbe soffocarlo lì con il suo culo e Madison non sarebbe in grado di fermarla; non avrebbe nemmeno voluto fermarlo.

Eppure iniziò a lottare, dimenando le sue membra impotente, il suo istinto di autoconservazione che prendeva piede. Si sentiva come se il suo cervello stesse per esplodere sotto il peso del grosso bottino nero di Diana. Alla fine, si alzò e Madison prese una profonda boccata d’aria fresca.

Diana accarezzò il suo culo nero e grassoccio davanti a lei e disse: “Quell’asino è il tuo universo, ragazza. Peccato che tu possa accontentarla solo con la tua bocca”. Madison annuì umilmente, sapendo che era vero, poi guardò Hally con paura.

“Devi ancora ripulire il tuo pasticcio, piccolo mostro”, ha deriso Hally. Diana si staccò e Hally tirò il guinzaglio così Madison cadde a terra, si voltò e iniziò a leccare il suo piccolo carico di sperma dal tappeto blu scuro con il culo di fronte alle sue regine nere.

Il sapore del suo sperma non poteva competere con il gusto persistente del culo rancido e umido di Diana nella sua bocca. Hally schiaffeggiò il culo già rosso di Madison mentre si asciugava, poi emise un forte gemito.

Quando ebbe finito di leccare il suo sperma, Hally tirò il guinzaglio per farla strisciare sul pavimento finché non fu al centro della stanza. Diana prese un rotolo di nastro adesivo grigio dalla sua borsa arancione, ne staccò un pezzo e legò i polsi di Madison davanti a lei. Poi venne la fasciatura dei suoi piedi dietro di lei.

“Ti aspetta una sorpresa, femminuccia!” disse Diana eccitata mentre tirava fuori un vibratore nero lungo e spesso dalla sua borsa e lo metteva sulla sua figa bagnata prima di tirarne fuori uno marrone ancora più grande e più realistico e porgerlo ad Hally. Il fallo di Diana doveva essere lungo circa otto pollici e quello di Hally era lungo dieci pollici.

Madison guardava terrorizzata, non avendo mai preso niente di così grande dentro di lei, mentre torreggiavano su di lei, Diana oliando il suo grosso cazzo di plastica e accarezzandolo, entrambi i loro bei volti neri sfoggiavano sorrisi diabolici. Diana prese un altro oggetto dalla sua borsa, un paio di corna da diavolo rosse, e se le mise in testa. “Prima vado a prendere quel culo bianco”, ha detto Diana prima di mettersi dietro il corpo indifeso e legato di Madison, cadendo in ginocchio e sollevando il culo per i fianchi ossuti con le sue forti mani nere.

Hally le camminò davanti e Madison iniziò a baciare la punta del grande fallo mentre Diana le girava intorno al buco del culo.

Entrò con un colpo improvviso, poi scavò più a fondo rapidamente, Diana non aveva pietà per il piccolo buco di Maddie. Bruciava come un fuoco nonostante il lubrificante, e Madison gemette come la cagnolina che era quando il suo buco del culo fu allargato e violato dall’enorme fallo nero di Diana. Hally le afferrò il viso con mani fredde e spinse il suo stesso fallo nero nella bocca aperta e gemente di Maddie con una forza sufficiente da raggiungerle immediatamente la parte posteriore della gola.

Tenne la faccia lì mentre ansimava, la sua saliva sputava fuori per dipingere i pochi centimetri rimanenti del cazzo protesico fuori di lei. Il suo gemito era smorzato mentre Diana spingeva sempre più in profondità nel suo culetto, estendendolo oltre ciò che pensava fosse possibile. La grande pancia di Diana rimbalzava sulla schiena di Madison mentre accelerava distruggendosi il culo, tutto il suo bel corpo ondeggiava di più ad ogni spinta. Teneva i fianchi stretti lungo gli arti con del nastro adesivo in modo da non poter nemmeno provare a sfuggire ai suoi colpi.

Hally ha iniziato a scopare la gola di Madison con la stessa forza di Diana che le ha devastato il culo. Belle lacrime di mascara nero iniziarono a gocciolare dagli occhi nocciola di Madison mentre entrambi i suoi buchi si riempivano, ancora e ancora.

Diana ha scosso i suoi lunghi dreadlock neri con la mano destra, poi ha afferrato di nuovo Madison per farle entrare tutti e otto i pollici del suo cazzo nero nel buco del culo, tenendola lì. Madison ha sparato un altro carico di sperma dalla sua piccola erezione e ha gemito per l’estasi e il dolore mentre Hally le tirava fuori il cazzo dalla gola. Anche Diana se ne andò e si scambiarono le posizioni.

Hally ha trovato il culo di Madison spalancato e che ha fatto uscire sottili ragnatele di lubrificante. Le sue gambe tremavano per l’intensità elettrica. Il tocco di Hally la tranquillizzò mentre si strofinava le mani sulle gambe e sui glutei per rafforzare la presa sui fianchi. Poi ha fatto scivolare il suo lungo cazzo nel profondo del suo culo e ha preso rapidamente un ritmo costante dentro e fuori di lei.

Madison gemette come una matta mentre veniva scopata dalla sua dea, finché Diana non le diede uno schiaffo in faccia con la mano destra. Con un lamentoso gemito, guardò questa gigantesca regina nera che torreggiava sul suo debole corpicino. Solo il suo sguardo severo la trascinò ulteriormente nel degrado. A quel tempo, lei era solo un paio di buchi da usare per quelle regine nere superiori.

Diana gli strinse forte il viso e le spinse in bocca il suo grosso fallo nero. Lo fece leccare e succhiare la sua stessa macchia di merda, poi la tirò fuori e gliela appoggiò trionfante sulla faccia. Com’era caduta in basso Madison, com’era piccola con il cazzo di questa dea quattro volte la sua taglia appollaiato sulla sua faccia, uno ancora più grande che le devastava il culo come il suo piccolo Pindick ha riacquistato la sua durezza di due pollici.

Diana rise maliziosamente poi costrinse il grosso cazzo nella debole bocca di Madison, facendo oscillare i suoi enormi fianchi avanti e indietro per scoparlo ancora più forte di quanto non gli avesse appena arato il culo. Alzò lo sguardo e vide attraverso le lacrime questo grande diavolo nero, corna e tutto il resto, che le sorrideva con sadica vittoria. Non si era mai sentita una puttana in tutta la sua vita.

Le enormi tette nere di Diana rimbalzavano incontrollabilmente mentre infilava il suo cazzo nella bocca di Madison, sembrando che stesse per uscire dal suo reggiseno di pizzo bianco. Madison non si rese conto di quello che aveva fatto finché non fu troppo tardi. Diana tirò la gola fino in fondo all’asta attraverso la testa in modo che la sua faccia sprofondasse nel grasso della pancia. Lo tenne lì per quella che sembrò un’eternità, e poi Madison sussultò e cercò invano di sussultare.

Alla fine, lei allontanò la testa di scatto, bruscamente e all’improvviso, e poi lui lo schiaffeggiò frontalmente con la mano destra aperta. “Te l’avevo detto di non guardare le mie tette, frocio!” Lei ha urlato.

“Sì, Queen,” ansimò Madison mentre tossiva e boccheggiava in cerca d’aria. Hally era totalmente concentrata sul compito di farle esplodere il culo. Si appollaiò sulla sua preda come una tigre, tagliando sempre più velocemente prima di afferrare i suoi lunghi capelli neri con la mano sinistra e schiaffeggiarsi ripetutamente le guance già arrossate con la destra.

Quando Hally si è liberata i capelli, Madison è caduta a terra in un crescendo incantevole, i suoi gemiti sono diventati più forti e femminili mentre Hally ha spinto tutti e quattro i pollici del suo enorme cazzo direttamente attraverso la sua prostata. Fece scorrere i suoi lunghi artigli neri lungo tutta la sua schiena mentre si aggrappava, e il gemito del suo piccolo schiavo si trasformò in un urlo. Madison tornò, lasciando un nuovo, sottile, appiccicoso residuo tra lei e il tappeto. Poi Hally tirò fuori lentamente il suo cazzo dal culo e si alzò.

Le due regine del diavolo nero guardarono con orgoglio la loro vittima prona per un po’. Il buco del culo allungato e maltrattato di Madison bruciava ancora, e il gusto putrido del culo di Diana indugiava nella sua bocca, anche dopo tutto il cazzo che aveva appena sopportato. La sua mascella sembrava sul punto di cadere. Sentiva la loro forza attorno a sé ei legami nelle sue membra, sapendo che la sua tortura non era ancora finita e temendo cosa avrebbe portato la notte dopo.

Hally fece un passo avanti e tirò il guinzaglio così Madison rotolò dallo stomaco alla schiena. Così l’ha trascinata nella sala del trono sul retro del suo appartamento, Diana che li ha seguiti dietro e sorridendo ironicamente al suo viso in lacrime per tutto il viaggio. Ci è voluta tutta la forza di volontà di Madison per astenersi dall’ammirare il suo corpo quasi nudo, sensuale e grassoccio mentre camminava e invece tenere i loro occhi incollati insieme. Forse aveva ancora più paura della crudele Diana che della dea Hally.

Quando raggiunsero la sala del trono, Hally si sedette sul trono, incrociò le gambe e appoggiò Madison al guinzaglio in modo che fosse inginocchiata proprio accanto a lei. Tirò fuori una sigaretta dalla scatola e l’accese con un breve tiro. “Vuoi fumare ?” chiese a Diana, che annuì. Hally ne passò uno e glielo accese.

La dea Hally era così bella lì, i suoi ricci neri in un ricciolo affascinante, i suoi grandi occhi neri che brillavano di potere, la sua pelliccia che a malapena mostrava la sua scollatura e le sue cosce color crema al caffè completamente nude, il grande fallo nero ancora tra le sue gambe. per significare la sua potenza. La bocca di Madison fece venire l’acquolina in bocca quasi quanto i suoi occhi alla vista, le sue mani ancora intrecciate così sembrava che stesse pregando in ginocchio davanti alla sua dea.

Hally le toccò il mento e aprì la bocca. Si sentiva come se stesse per esplodere a un tocco così gentile. Poi scosse la cenere della sigaretta sulla lingua, aggiungendo altro marciume alla bocca lavata. Diana fece lo stesso prima che Madison ingoiasse le sue ceneri e obbediente non aspettasse più.

Le soffiarono il fumo direttamente in faccia, per questo sorrise e ringraziò. Continuarono a usare la sua bocca da schiavo come posacenere finché le loro sigarette non furono fumate fino in fondo. Madison era felice di servire come posacenere per queste bellissime dee nere, ingoiando ogni granello di disgustosa cenere con gusto. Dopo un ultimo sorso, Diana borbottò: “Devo fare pipì.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *