Blue Eyes – BDSM – Literotica.com

di | 28 de Giugno, 2022

“occhi azzurri” è una storia che ho scritto circa 20 anni fa e postata su un altro sito erotico. Ho deciso di riscriverlo, aggiornarlo ed espanderlo. Divertiti.

*****

“Vai una volta, vai due, venduto! …alla Dama con l’abito blu”, cantava la voce del banditore, scandita dal forte colpo del martello e dall’inizio di un educato applauso da parte di diverse centinaia di donne seduto nell’auditorium. Ho appena avuto il tempo di notare il fatto che la mia asta era finita quando il mio guinzaglio è stato tirato forte dalla donna che si è identificata solo come la mia “conduttrice” e sono stato condotto giù per la lunga rampa dalla scena.

Mentre mi conduceva fuori dal palco e iniziava a condurmi lungo un corridoio, attraverso i miei occhi bassi potevo vedere l’uomo successivo che veniva condotto nell’isolato. il mio padrone mi fermò, mi carezzò il culo nudo più dolcemente di quanto mi era stato dato da quando ero arrivato alla casa d’aste, e mi disse che avevo fatto molto bene e fatto un’ottima offerta. Poi mi ha tirato di nuovo il guinzaglio e abbiamo continuato a camminare lungo il corridoio… io, ancora dondolando i fianchi nel modo marcato che mi aveva chiesto di fare mentre veniva messa all’asta.

In fondo al corridoio, mentre ci avvicinavamo a un tavolo, il mio padrone mi disse di inginocchiare, cosa che feci immediatamente, temendo sia il suo dispiacere che le frustate con cui lo ostentava.

“E’ il numero 3406,” disse il mio padrone alla donna dietro la scrivania, dopo aver controllato la targhetta di plastica che pendeva dal mio colletto, “finora sta bene”.

“Grazie, Laura,” rispose la Donna. “Davvero non abbiamo avuto molti problemi. Non sono molto più duri dei nostri ragazzi di casa. Tutti rispondono bene a una mano ferma e a un colpo di frusta ben piazzato. Quanto durerà l’asta? Qualche idea per pulire il penna… o fai una pausa e ricomincia domani?”

“Non lo so, onestamente. Le aste sono ancora molto attive. Potrebbe volerci un po’.”

“Bene, riportiamo questo nella sua gabbia.”

Con questo, la mia collana è stata passata alla donna dietro la scrivania. Dopo aver accarezzato la mia testa e avermi avvertito di essere bravo, il mio allenatore si è girato e ha camminato di nuovo lungo il corridoio. I tacchi dei suoi stivali (un suono a cui mi stavo abituando) scalciarono all’indietro mentre si allontanava. Un rapido tiro al guinzaglio mi riportò sull’attenzione.

“Dai, ragazzo, alzati. Sai cosa fare… occhi bassi, testa in giù, due passi indietro ea destra, e fai oscillare il tuo bel culo e quelle palle che oscillano.”

“Sì signora,” risposi svelta e umile, seguendo come ero stato addestrato a fare nei giorni scorsi.

Si fermò davanti a una serie di porte che fiancheggiavano entrambi i lati del corridoio e indicò il pavimento, quello che appresi era un ordine di inginocchiarsi. Poi ha messo il palmo della mano sul blocchetto di identificazione high-tech. Ho approfittato del ritardo nell’aprire la porta per fare una domanda, come ho appreso nel campo di prigionia… noi.

“Signora,” azzardai con la mia voce più umile e dolce, “posso parlare?”

“Sì, ragazzo mio”, disse la guardia.

“Signora, devo andare in bagno.”

Anche con gli occhi bassi, potevo dire che si stava girando per guardarmi; se avessi potuto vedere la sua faccia, avrei notato che era più umorismo che malizia.

“Il bagno,” disse, con voce severa ma con un accenno di preoccupazione che avevo notato in molte delle donne con cui avevamo avuto a che fare alla casa d’aste. “ragazzo hai molto da imparare. ora lo possiedi ragazzo… le tue esigenze non sono importanti. il tuo nuovo proprietario deciderà se, quando e come usare il bagno. finché non verrà da te ti consiglio di aspettare. Capito, ragazzo?

“Sì signora” risposi subito.

Scuotendo la testa mentre la porta si apriva silenziosamente, mi fece segno di alzarmi e mi condusse nella piccola camera da letto. Al centro della stanza, mi ha detto di voltarmi verso la porta, mi ha tolto il guinzaglio e mi ha ordinato di inginocchirmi.

“Il tuo nuovo padrone di casa verrà a prenderti qui. Devi rimanere in ginocchio e in silenzio finché non arriva… e potrebbe volerci del tempo.” Ha spento le luci nella mia cella. “A molte donne piace lo spettacolo dell’asta. Potrebbe anche comprare un altro ragazzo. Oppure, dopo aver visto alcune delle altre azioni, potrebbe decidere che dopotutto non ti vuole… avrà un altro appuntamento con me suggerisci di usare questo tempo per riflettere sulla tua nuova posizione e su come servirai la Donna che ora ti possiede.

“Sì signora”, è stata la mia risposta immediata. Ho notato che stava diventando sempre più automatico.

Mentre mi passava davanti, potevo dire che mi stava facendo una rapida scansione per assicurarmi che stessi facendo una buona impressione sul mio nuovo padrone di casa. Fermandosi bruscamente, mi ha spinto ulteriormente le ginocchia con il piede destro calzato. “Tieni quelle gambe divaricate, anche in ginocchio. Non vogliamo che il tuo padrone di casa pensi che non ti abbiamo insegnato niente, ragazzo.”

“Sì signora… mi dispiace signora.”

“Bene.” Poi mi ha accarezzato la testa. Una nota di preoccupazione che torna alla sua voce,

Ha gentilmente detto: “Se sono ancora in servizio quando arriva il loro proprietario, gli ricorderò che non permettiamo ai ragazzi di fare pipì o cacca dopo che sono stati venduti”.

“Sì signora. Grazie signora” di nuovo, abbastanza automatico.

Poi se n’è andata, la porta si è chiusa e io sono stato immerso nell’oscurità quasi totale, lasciato a riflettere sul mio destino. Non so quanto tempo sono rimasto nella stanza. A parte l’occasionale voce attutita, l’infrequente apertura di porte lungo il corridoio e il periodico sferragliare degli stivali da donna fuori dalla mia porta, c’era poco che segnasse il passare del tempo. Poi all’improvviso i salti non sono continuati, ma si sono fermati davanti alla mia porta. Quando la porta si aprì, la luce inondò la stanza e non avrei potuto vedere molto anche se i miei occhi non fossero stati diligentemente abbassati a terra. Infatti ho sentito e sentito – più che visto – una Donna entrare nella stanza, fare un passo verso di me e fermarsi proprio davanti alla mia forma inginocchiata.

Dopo un lungo momento, durante il quale pensavo che stesse considerando la sua nuova proprietà, la donna parlò. “Baciami i piedi, ragazzo. Le parole erano chiaramente pronunciate con voce bassa e sicura, e io ho subito obbedito, piantando delicatamente le labbra una volta su ciascuna delle scarpe di cuoio severi che indossava… prima il suo piede destro, poi il sinistro, come gli era stato insegnato. una sessione di formazione.

“Molto bene. Adesso alzati.” Di nuovo obbedii immediatamente, notando mentre mi alzavo in piedi che la Donna era piuttosto alta, indossava un abito blu e portava un frustino di pelle nera, ben consumato dal suo aspetto.

Ha iniziato a camminare lentamente intorno a me, non una ma due volte… senza dire una parola. Sorprendendomi, ho sentito la sua mano chiudersi improvvisamente e saldamente sulla mia natica destra. “Che c’è, ragazzo mio? chiese, stringendo ancora di più la presa.

Non sapendo esattamente come rispondere, azzardai una risposta morbida. “Il mio culo, signora”, usando un termine educato per la parte della mia anatomia che teneva in mano, avendo appreso in una sessione di combattimento che solo le donne potevano usare termini più volgari.

BEAT Immediatamente ho sentito un forte colpo di frusta sulla natica sinistra e ho lottato per mantenere l’equilibrio, una linea di tiro indicava che la mia risposta era inadeguata.

“Nessun ragazzo”, sussurrò, “sbaglia su due punti. Primo, io sono la vostra Padrona e mi rivolgerete a me come ‘Signora’, mai solo ‘Signora’. – e solo io – sono ‘Signora’. Capisci?”

“Sì, signora,” gemetti, desiderando strofinarmi il culo squarciato ma non osando muovermi.

“E secondo,” disse, afferrandomi di nuovo il culo, questa volta facendomi soffocare un piccolo pianto, “non è tuo… è mio. Capisci?”

“Sì signora,” gemetti di nuovo.

“Bene,” disse la Signora, voltandosi lentamente per mettersi di fronte a me. Anche se i miei occhi erano bassi, Potrei dire che era una donna attraente con una presenza imponente. I suoi capelli erano neri e tagliati in uno stile corto e severo. Aveva all’incirca la mia stessa altezza, con una figura snella che sentivo (e avrei presto scoperto) era più potente di quanto sembrava. I miei tentativi di mettere insieme più dettagli sono finiti mentre fissavo la sua mano destra… splendidamente curata, con unghie rosse impeccabili… allungandomi con costante nonchalance per afferrare il mio cazzo e sollevarlo, pizzicandogli la pelle sotto la testa.

“E che cos’è?” Lei chiese.

Dopo aver imparato la lezione, sono stato veloce con una risposta. “Il suo pene, signora.”

“Bravo ragazzo.” disse, scuotendo delicatamente il bulbo del suo pene. “E a chi è presentato questo pene?

“Per te, signora… solo per te.”

“Molto bene, ragazzo mio.”

Liberando il mio cazzo flaccido, ha abbassato la mano, tenendo la borsa delle mie palle

La sua mano. Ancora spaventata dal mio scroto, ho dovuto combattere un potente impulso di resistere al suo tocco, di chiudere le gambe. Ma lo feci, deglutendo a fatica, sapendo benissimo che resistere l’avrebbe solo reso più doloroso.

“E che c’è, ragazzo mio?” venne la sua domanda.

“Sono i suoi testicoli, signora”, risposi, la mia bocca improvvisamente secca e rauca.

“Sì, ragazzo mio. E di chi contengono lo sperma, ragazzo mio?”

“Il vostro sperma, signora.”

“Molto bene, ragazzo mio. Stai imparando… e imparerai molto di più.” Ha lasciato cadere la mia borsa di palline e l’ha accarezzata delicatamente. “Questo cazzo e queste palle sono mie. Il cazzo andrà duro quando darò il permesso; allora e solo allora. Le palle verranno rilasciate quando lo dirò, e solo quando lo dirò. Non esistono più per il tuo piacere, Loro esiste solo per me”. uso e godimento. Se ricordi, posso lasciarli tenere per un po’. Se non puoi, non li avrai ancora per molto.

“Sì signora,” ho borbottato la mia risposta.

Da una tasca della giacca estrasse una delicata collana di pelle nera, che mi sollevò per esaminarla. “Presto avrai una collana abbinata, ragazzo. Si chiuderà, dimostrerà il suo stato e porterà il mio nome. Nel frattempo, indosseremo la collana della casa d’aste. Alza il mento.”

Quando ho obbedito, assicurandomi di tenere gli occhi bassi anche quando ho alzato lo sguardo, ha sganciato il cartellino identificativo e ha attaccato il colletto all’anello a D sul colletto. Abbassai umilmente la testa senza che me lo dicessero.

“Ti accompagno alla mia macchina, ragazzo. Almeno ti lascio camminare finché sei ben educato. Qualsiasi problema e ti metto in ginocchio.” Le sue parole erano calme e sicure. “Una regola che devi imparare subito. Quando schiocco le dita due volte, ti inginocchierai se sei in piedi… o ti alzi se sei in ginocchio. Capisci?”

“Sì signora.”

Con quello e una forte spinta, mi condusse fuori dalla cella e in fondo al corridoio. Senza ulteriori istruzioni, camminai come mi aveva insegnato il personale della tenuta… facendo due passi indietro, alla destra della Signora, gli occhi fissi sui suoi piedi, le braccia incrociate dietro la schiena e le anche che ondeggiavano quanto il suo passo gli permetteva. . Deve averle fatto piacere, dato che si è girata diverse volte con quello che sembrava essere un lieve sorriso.

Dopo avermi registrato alla reception, la Signora mi ha condotto lungo diversi corridoi, dove la familiare sensazione di umiliazione tornava ogni volta che incontravamo altre donne. Sebbene non potessi vederli, ho sentito i loro occhi esaminarmi… un uomo nudo, appena legato, senza proprietà o diritti, il suo unico scopo nella sua società matriarcale era l’obbedienza.

Dopo diversi giri, la Padrona si fermò improvvisamente e si voltò verso di me.

” Ho quasi dimenticato. Mi è stato detto che non avevi la possibilità di fare pipì prima di andare all’asta. Ci aspetta un lungo pomeriggio… devi andare?

“Sì, signora,” risposi con gratitudine e aggiunsi malinconicamente, “per favore?”

“Qui facciamo cose del genere in modo diverso, ragazzo, ed è un buon momento per te per imparare a farlo.”

Detto questo, la Padrona si voltò e mi tirò il guinzaglio, conducendomi lungo un piccolo corridoio laterale contrassegnato da un cartello che diceva “Bagno”. Alla fine, il pezzo si è diviso in due metà. A destra, nella metà più grande, c’era uno spazio ben arredato e persino lussuoso – apparentemente riservato alle donne – che conteneva diversi divani, una panca di lavelli in marmo e una mezza dozzina di baracchini. A sinistra, dove mi condusse la Signora, la metà minore era completamente nuda, tranne tre feritoie rettangolari nel pavimento piastrellato, larghe circa un piede ciascuna e lunghe tre, disposte in linea parallela e indivise tra loro. Durante la “rieducazione” dopo la mia cattura, mi sono abituato alla perdita della privacy, ad andare in bagno in presenza di altri uomini e anche donne, ma questo era molto diverso… molto peggio.

La Padrona indicò quella di mezzo e disse: “Siediti in questo buco, sulle ginocchia e sui gomiti”.

“Sì signora,” risposi, quasi soffocando per l’umiliazione, e accettai il lavoro. Peso distribuito tra ginocchia e gomiti sul pavimento freddo e duro, il mio cazzo ondeggiava sotto di me, mezzo eretto per l’umiliazione.

“Così i ragazzi ‘usano il bagno’, come dici tu, là dentro,” disse la Signora. “E non dovresti iniziare finché non ti dico che puoi.” Ha aspettato diversi battiti. “Va bene ragazzo, puoi fare pipì.”

Combattendo il disagio e la semi-erezione, mi sono costretta a urinare, fortunatamente alla fine producendo un flusso abbastanza forte da non gocciolare troppo. Quando il rumore della mia urina che si schiantava contro la fessura rivestita di piastrelle si placò, la Padrona si avvicinò dietro di me.

“Hai bisogno di fare il numero due?” domandò, un po’ scherzosamente.

“No signora,” risposi, sinceramente sollevato di non doverlo fare.

“Quindi hai finito, ragazzo?” ha chiesto e contemporaneamente ha spinto la sua frusta tra le mie gambe, picchiettando leggermente il mio cazzo per scrollarsi di dosso le ultime gocce.

“Sì signora,” risposi, deglutendo a fatica.

“Bene. Alzati.” Quando mi ha tirato fuori dal bagno, la mia faccia era arrossata dalla posizione e dal degrado.

Di ritorno nel corridoio principale, mentre ci avvicinavamo agli ascensori alla fine di un corridoio, la Signora si fermò e schioccò le dita due volte. Sentendo lo scatto, mi sono immediatamente inginocchiato, guadagnandomi una rapida pacca sulla testa e un “Va bene, animaletto”. Quando la porta dell’ascensore si è aperta, ha schioccato di nuovo le dita, mi sono alzata con la stessa prontezza e siamo entrati nell’ascensore… dove ha schioccato di nuovo le dita per farmi inginocchiare. Scendendo alcuni piani, stavo per alzarmi quando le porte si aprirono, ma invece di scendere sono venute diverse signore. Ciò ha indotto il Maestro a rimuovere il mio guinzaglio, con l’avvertimento “Fai spazio, animale domestico”.

“È nuovo, sorella?” chiese una delle donne.

“Sì, è,” rispose la Padrona, “uno del bottino di guerra.”

“Ah,” rispose la Donna. “Beh, è ​​carino.”

” È carino da parte tua. Sicuramente costa abbastanza… ma ho intenzione di ottenere quello per cui pago. La Padrona rise e mi accarezzò la testa, mentre io arrossivo febbrilmente.

Sopra di me, una delle altre signore ridacchiò mentre arrossivo. “Beh, ha certamente un bel colore.”

Anche la signora rise. “Sospetto che alla fine della giornata avrà dei segni sulle natiche per abbinarsi al bel colore delle sue guance”.

Quando le porte si aprirono una seconda volta, la Padrona schioccò le dita due volte e mi accompagnò fuori dall’ascensore, scambiandomi saluti con le Donne, molte delle quali mi avvertirono di essere buona. Abbiamo attraversato l’atrio e, io che ho tenuto la porta, siamo usciti. La Signora mi condusse lungo il marciapiede verso il garage, fermandosi davanti a una tenda dove due uomini si inginocchiarono mentre si avvicinava. Durante il nostro breve orientamento ci è stato insegnato che gli uomini in questa società erano generalmente tenuti nudi, quindi non mi ha sorpreso che questi uomini (entrambi più grandi ma ancora chiamati “ragazzi”) non lo facessero indossava solo colletti e magliette corte blasonate sul davanti e sul retro con la parola “servitore”. Le camicie si estendevano solo fino alle costole, lasciando il ventre, i glutei e i “gabinetti” completamente scoperti. Quando la Padrona ha consegnato a uno di loro un biglietto e ha detto al “ragazzo” di portare la sua macchina, ho notato che il suo scroto sembrava completamente vuoto e quello che sembrava essere un grosso segno gli adornava la natica destra. Rabbrividii a entrambi gli occhi, temendo che lo stesso o peggio potesse aspettarmi.

Quando il ragazzo è corso a prendere la sua macchina, la padrona ha schioccato le dita tre volte facendomi incastrare a metà e inginocchiandomi. “Tre volte significa a quattro zampe, ragazzo.”

“Sì signora,” risposi, assumendo rapidamente la posizione.

La padrona ha esaminato la mia posizione da cucciolo. Quindi usando il piede destro per allargare

la mia postura e con un tono di disprezzo nella voce chiese: “Non sei stato addestrato a tenere le gambe divaricate tutto il tempo?”

“Sì signora. Scusa signora”, ha detto mentre allargavo le gambe ancora più di quanto lei avesse indicato.

Detto questo, la Signora si è gentilmente seduta dietro la mia schiena, usandomi come sedile mentre aspettava che il cameriere portasse l’auto.

“Comodo?” chiese, sporgendosi e guardandomi.

“Sì signora, molto,” ho risposto… e me ne sono subito pentito… con buone ragioni. Contemporaneamente, la Mistress ha afferrato una manciata dei miei capelli con la mano destra e con la sinistra mi ha schiaffeggiato con forza tra le gambe aperte, colpendomi le palle con grande forza. Sono quasi svenuto per il dolore, lottando contro i miei riflessi per coprirmi le palle, vomitando, ansimando e urlando tutto allo stesso tempo. La Padrona calmò la mia resistenza, sistemandosi più saldamente sulla mia schiena. Poi, con grande compostezza e compostezza, parole misurate dissero: “Non tollero l’impertinenza. La risposta corretta a una domanda del genere è ‘il mio conforto è irrilevante, signora… ma spero che stiate bene, ma’ sono “… o qualcosa del genere. Capisci, ragazzo?”

“Sì signora,” risposi, avendo riacquistato un po’ della mia compostezza.

“Era solo uno schiaffo, un piccolo avvertimento. Mostrami di nuovo quell’atteggiamento e sarai completamente battuto. Sono chiaro?”

“Sì signora.”

Se c’era di più su questo argomento, fu interrotto dall’arrivo dell’auto della Signora. Il cameriere si fermò sul marciapiede, scese e si avvicinò, inginocchiatosi davanti alla Signora e porgendole le chiavi, con un semplice “La sua macchina, signora”.

Afferrando le chiavi, ma senza prestare attenzione al cameriere, la Signora si alzò e schioccò le dita tre volte, cosa che io correttamente interpretai come un segnale di alzarsi. La Signora mi accompagnò alla guida, spiegandomi che mi avrebbe insegnato a scortare una donna alla sua macchina.

“Inginocchiati”, disse, mentre si preparava a salire nel veicolo. “Va bene. Ora, una volta che mi sarò seduto, prenderai il guinzaglio, andrai dall’altra parte della macchina e salirai.”

“Sì signora,” risposi, allungando la mano destra verso il bavero.

BEAT La mano della signora ha colpito la mia, pungente. “Cattivo ragazzo. Un guinzaglio è un segno di potere e controllo. Uno schiavo come te non dovrebbe mai e poi mai tenerlo in mano. Invece, lo terrai come un cane avido… in bocca.”

Detto ciò, mi porse il guinzaglio perché me lo tenessi in bocca e mi fece segno di alzarmi e andare dall’altra parte della macchina, cosa che feci rapidamente. Entrando in macchina dall’altra parte, sprofondai nella morbida e calda pelle del sedile… allargando immediatamente le gambe il più possibile per mostrare al Maestro che avevo imparato la lezione.

“Ok ragazzo, impari in fretta. È più facile vederti e contattarti nel caso io voglia giocare con i miei giocattoli.”

La Signora si allacciò la cintura di sicurezza prima di continuare. “E devi ricordare, mia cara, che sedersi in questo modo è solitamente riservato ai superiori ed è un privilegio per uno schiavo. C’è un vecchio detto secondo cui i ragazzi sono normalmente limitati a tre posizioni… in piedi per lavorare in casa. cucina, in ginocchio per lavorare in soggiorno e sulla schiena – o a pancia in giù – per il piacere in camera da letto… Sedersi, anche in macchina, è un piacere raro.

“Sì signora… grazie signora”, è stata la mia rapida risposta.

Quando ha avviato la macchina e l’ha tirata fuori dal parcheggio, la Signora ha messo la sua mano destra sulla mia coscia sinistra e l’ha accarezzata leggermente. “Voglio che incontri il tuo nuovo ragazzo a casa. Poi puoi alzare la testa e guardare fuori dall’auto. Assicurati solo di abbassarti se ti rivolgi a me.” Dopodiché, guidammo in silenzio per alcuni minuti, la Signora che mi accarezzava distrattamente la coscia e io che ammiravo il paesaggio intorno a me. Era un bel paesaggio, con case ordinate, schiavi nudi che svolgevano vari lavori nei cortili, lo schiavo occasionale legato a passeggio con la sua padrona. Questi cartelloni pubblicitari, come c’erano, erano tutti caratterizzati da donne. I conducenti delle altre auto in strada erano tutte donne.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *