Blythe’s Damn Beach Ball – BDSM

di | 5 de Agosto, 2022

Selenis sorrise guardando la povera Blythe nuda, che teneva l’enorme pallone da spiaggia sopra la sua testa.

Il pallone da spiaggia era quasi senza peso, ma tenerlo lassù non è stato certo facile, dopo venti minuti non è più così!

Selenis, ovviamente, era gloriosamente vestita con un bikini rosa, il top a carota riccio che le rimbalzava sulle spalle.

Selenis era la fidanzata del marito di Blythe. Non era molto intelligente, ma abbastanza intelligente da sapere che quando il tuo amante dice che puoi picchiare sua moglie, vai avanti e veloce!

Blythe era il responsabile del bilancio della città di Buttermilk Falls e una figura di spicco della città. Ma il suo ego era così grande che doveva essere ridotto un po’.

Blythe era stata una seconda al concorso di Miss Buttermilk quando aveva vent’anni, e poteva ancora fare la modella, se lo facessero i membri della Mensa, era piuttosto bionda e snella, anche a quarantacinque anni.

Ma in fondo, Blythe era una sottomessa e, per questo, suo marito ha trovato un modo per degradarla davvero. Se c’è qualcosa di peggio che tradire apertamente tua moglie, è la tua ragazza che ti tortura, vero?

Selenis ripiegò il bastone adesso, sorridendo. Povero Blythe. Per fortuna la spiaggia è piuttosto deserta…

Selenis si avvicinò un po’ e fece oscillare il bastone, colpendo Blythe sotto il braccio destro.

Blythe non se lo aspettava e urlò. Ma, completamente allenata, Blythe ha continuato a tenere il pallone da spiaggia sopra la sua testa.

Selene sorrise. L’ascella di Blythe deve fare davvero male in questo momento!

“Smettila di prendere la palla in quel modo.” Selenis ribatté. “Cerca di restare in equilibrio sulla punta delle dita, Blythe.”

“Ma allora posso lasciar perdere, signorina Selenis”

“È un tuo problema se lo fai, Blythe.” Selenis sorrise crudelmente.

Blythe spostò la palla sulla punta delle dita e chiuse gli occhi, sperando che non la lasciasse cadere. Selenis potrebbe pensare ai peggiori rigori.

La notte prima, mentre Selenis veniva scopata dal marito di Blythe, teneva Blythe legata al recinto elettrico e Blythe veniva accesa e spenta…

Selenis aveva un telecomando e accendere il recinto e poi disattivarlo era stato il miglior intrattenimento!

“Cerca di avere un po’ di equilibrio, Blythe,” disse seccamente Selenis. “Sei una ex modella ed eri una principiante – ricordo perché io e mia madre abbiamo gestito il caso, ed essendo una puttana così ricca, dovresti cercare di essere di classe”.

“In realtà, sono un socialista, non posso impedire a mia madre di volermi diventare un deficiente, Selenis”.

Selenis ha preso a pugni Blythe nello stomaco, poi i bei capezzoli pieni di Blythe, e Blythe si è morsa il labbro, le lacrime che le scorrevano lungo le guance.

Ma Selenis ha notato che anche Blythe le stava strappando le gambe. È stato un grosso affare sexy per Blythe, lo è stato davvero.

Questo pallone da spiaggia era esilarante. Selenis avrebbe dovuto portare la pistola BB e sparargli alle gambe di Blythe, il che avrebbe dato al maiale schiavo una vera sfida per tenere il dannato proiettile.

Sì, fai ballare la povera Blythie!

Selenis si avvicinò e lasciò che Blythe consumasse il suo profumo. Selenis si chinò e accarezzò la figa rasata di Blythe con un dito indice, e le gambe di Blythe tremarono.

Per diverse settimane, Selenis e il marito di Blythe, Stan, hanno masturbato Blythe, l’hanno legata e giocato con spazzolini elettrici e simili, fermandosi appena prima che Blythe raggiungesse l’orgasmo.

E ora Blythe stava per cadere in mare in un’intensa festa di sborra.

“Sarebbe un peccato se lasciassi cadere il pallone da spiaggia perché ti ho preso in giro troppo, vero Blythe?” sussurrò Selenis con un sorriso.

Blythe si morse il labbro inferiore pieno e cercò disperatamente di impedire che le gambe tremassero.

Selenis si guardò alle spalle e le ventenni nipoti di Blythe si avvicinarono.

Il fratello di Blythe era un po’ pretenzioso e chiamava le sue figlie Leocadia e Jacobina, ma le ragazze erano conosciute come “Cadie e “Cobie” ed erano egoiste, piuttosto vuote e molto bionde.

Blythe si maledisse per aver incoraggiato suo marito a andare in vacanza nella casa estiva quando il resto della famiglia era lì.

“Davvero, Selenis, dovrei vestirmi.” Blythe borbottò. Cadie e Cobie avevano visto Blythe essere picchiato da Stan la sera prima, quindi potrebbero non essere sorpresi, ma comunque…

“Vestire e abbandonare questo bellissimo dramma? Selenis scoppiò a ridere. “Te l’avevo detto che ti saresti preso una brutta sculacciata se avessi lasciato cadere quel pallone da spiaggia. Seriamente, Blythe, hai detto a Stan che ti piace fare piccoli test, e questo test umiliante dovrebbe davvero farti uscire.”

Altre storie erotiche  Sparks Pt. 03

Era vero, e Blythe stava diventando sempre più eccitata, il pensiero di essere imbarazzato di fronte alle sue nipoti piccine era incredibile.

“Cadie e Cobie, ascoltate zia Blythe e io abbiamo un incontro uno contro uno così interessante.

“Zia Blythe, sei una pervertita.” rise Cobie. “Perché sei nudo, vuoi cacciarci dagli Hamptons?”

“E cosa c’è che non va nel pallone da spiaggia?” chiese Cadie accendendosi una sigaretta. Lanciò una scintilla a Blythe, che le toccò il seno destro.

Blythe si morse la lingua e lottò per mantenere la palla in aria.

Selenis strizzò l’occhio alle ragazze. Sto cercando di vedere se colpirla una o due volte con quel bastone la farà cadere a terra”.

“Ma, tipo, perché non si lascia andare comunque?” chiese Cady. “Voglio dire, giocaci a pallone, non stare lì a metterti quel cazzo di bikini, cedi troppo per essere nel uh, buff.”

Selenis scoppiò a ridere mentre Blythe arrossiva. Non stava male, e con l’enorme mole dei seni di sua nipote, quando avrebbero avuto la sua età, quarantasei anni, sarebbero stati cadenti come nessun altro.

“Sì, un po’ troppo rugoso credo”, fece eco Cobie. “Lei non farà cadere la palla?”

Cobie strappò il bastone a Selenis, che lo diede bonariamente.

“La mamma ci ha insegnato a condividere, cagna”, disse Cobie cupamente.

“Farai meglio a lasciar cadere quella palla”, disse Cobie in tono minaccioso.

Selene sorrise. “Io consiglierei il contrario. »

Cobie fece oscillare forte il bastone, atterrandolo sul culo nudo di Blythe, forte, e Blythe lasciò cadere il pallone da spiaggia.

Blythe sussultò e inseguì la palla, e Cobie la inseguì, schiaffeggiando la schiena, le natiche e le cosce di Blythe finché Blythe non tirò indietro la palla.

Ma poi Cadie attaccò Blythe e afferrò la palla, e corse, e Blythe la inseguì.

Blythe sapeva che Selenis l’avrebbe fatta pagare se non avesse più avuto quella fottuta palla in testa.

Era come una partita di football dal tocco orribile.

Alla fine Cadie e Cobie tornarono, ridendo forte, e Blythe, piangendo, tornò con la palla sopra la sua miserabile testa.

“Ci si sente così bene, dà davvero forza alla parte superiore del corpo, mantenendo la palla lì in alto”.

“Con cardio occasionale da parte nostra.” disse Cobie senza fiato.

Mentre Selenis e le ragazze parlavano, Blythe era lì, perso nell’umiliazione del subspazio…

Ma ne era estremamente entusiasta. La stava facendo impazzire più che un po’.

Una notte, Stan ordinò a Blythe di sdraiarsi sopra le sue nipoti, e a turno si godevano le vulve che si contraevano sulla lingua possente della zia…

E Blythe era legata al letto come succedeva, con le braccia tese come aquile, e lo trovava incredibilmente corroborante.

Più tardi, Stan ordinò a Blythe di sollevare i fianchi sopra la testa e di leccarsi, tenendo le mani legate…

E grazie a sit-up e push-up, Blythe è stata in grado di fare proprio questo… e darsi un raro orgasmo.

L’altra sera, Cobie e Cadie hanno organizzato un addio al nubilato, una delle loro sorelle si stava per sposare e venti ragazze di quella riunione improvvisata del college hanno visitato la casa di Blythe’s Buttermilk Falls.

La lingua di Blythe era scomparsa tutta la notte. Questa volta Stan e Selenis hanno messo Blythe in ginocchio, e lei ha dovuto usare la lingua senza aiuto con le mani per spremere fuori tutte quelle ragazze…

Dio, questo l’ha eccitata così tanto!

Era stata una notte così strana. Le ragazze hanno invitato alcuni uomini più tardi, e i ragazzi hanno fatto pipì sul pavimento del bagno e lo hanno riempito di mozziconi di sigaretta, e ovviamente Blythe ha dovuto risucchiare tutto fino a quando le piastrelle di merda non si erano asciugate…

Ma ancora una volta, MOLTO CALDO!

Naturalmente, Selenis era l’amante di Stan e la dominatrice di Blythe qui negli Hamptons in vacanza.

Winters, nella sua casa di Buttermilk Falls, Blythe ha servito il suo assistente d’ufficio, Troyce, che ha messo Blythe in ginocchio per gravi percosse quando il suo capo ha digitato semplici parole nei promemoria…

Ma per quanto Troyce potesse essere tosta, Blythe continuava a sentire la mancanza di Selenis abbastanza spesso e non vedeva l’ora che arrivassero le estati!

Ora le mani e le braccia di Blythe stavano iniziando a diventare insensibili, tenendo quel ridicolo pallone da spiaggia sopra la sua testa. Blythe era una figlia della Rivoluzione americana, era una leader della Junior League e una Rotariana.

Ma la sua dignità, come al solito, è stata compromessa dalla signora Selinis.

Le nipoti si annoiarono presto e Blythe raccolse di nuovo il suo bastone, salutandole.

“Come amano la loro strana zia Blythe.” Selenis scoppiò a ridere.

“Non mi rispetteranno mai”. sussurrò Blythe.

Altre storie erotiche  A Story of Betty and Eric Ch. 01 - BDSM

“Vorresti che lo facessero?” chiese Selenis con una risata. “Guarda com’è bagnato il tuo clitoride in questo momento, Blythe. Se non fosse per un piercing alla castità, saresti in ginocchio a masturbarti selvaggiamente e causare uno spettacolo simile.”

“E pensa alla storia della cena del Ringraziamento che sarà per le ragazze. Non piangere, zia Blythe. Sai che hai bisogno di chi ti circonda per sapere quanto sei veramente spregevole.”

In effetti, Blythe stava piangendo, ma era anche incredibilmente eccitata. Quanto amava Selenis!

È stato umiliante il modo in cui Selenis ha tradito Blythe con Stan, ma Blythe era così emotivo per questa donna.

“Che schiavo cattivo.” disse Selenis sorridendo. “Quando mi hai regalato la Fiat decappottabile per il mio compleanno, eri così orgoglioso di te stesso. Come il gatto che ha mangiato il canarino.”

“Pensavo che ti sarebbe piaciuto…”

“Sì, dovrei essere davvero grata, ragazzina ispanica colletti blu, vero?”

Blythe abbassò la testa. Sperava così tanto che sarebbe piaciuto a Selenis. Era difficile avere così tante speranze. Dopo che Selenis ha ottenuto le chiavi, lei e Stan sono entrati e hanno chiesto a Blythe di appenderla ai pattini.

Selenis non guidava molto veloce, quel tanto che bastava per spaventare Blythe, ma è stato sicuramente memorabile, no?

Gettando la cenere delle sigarette dietro di loro e lanciando lattine di birra vuote mentre Blythe si abbassava e zigzagava mentre afferrava il paraurti per salvarsi la vita.

“Sai che ti amo tesoro.” Selenis dice ora. “Anche Stan. Sono solo un po’ più giovane e molto più sexy. Hai capito.”

“S-sì signora.” disse Blythe, mordendosi il labbro. Si chiedeva se stasera avrebbe succhiato forte il cazzo di Stan e l’avrebbe guardato scopare Selenis così forte…

E poi puliscili entrambi con la sua lingua sempre amorevole!

“Oh, guarda chi sta arrivando, Blythe. È McNabb, quell’ubriacone che era in giro vicino a Skip’s Dock quando siamo andati a pescare aragoste l’altra sera.

“Ora dovrei davvero lasciare andare la palla e vestirmi, Selenis.” disse Blythe con autorità. Ha usato la voce che terrorizzava i subordinati nel suo ufficio.

“Possiamo dare un dollaro a McNabb e se ne andrà. È lì da anni”.

Selene sorrise. “Se fai cadere quel pallone da spiaggia prima che ti dia il permesso, e so che vuoi coprirti le tette…

Questo piercing al clitoride durerà fino al Labor Day”.

Blythe impallidisce. Trent’anni fa, quando era una bambina, Blythe e i suoi amici preppie, trascorrendo l’estate con i suoi genitori, prendevano in giro McNabb e gli altri bambini della città.

La maggior parte dei cittadini era fuori casa, riceveva borse di studio o guadagnava soldi con i pescherecci. La famiglia di McNabb possedeva una piccola taverna di merda, ma l’hanno chiusa molto tempo fa.

McNabb aveva sempre avuto una cotta per Blythe, che lo trattava come se fosse una medusa errante.

“Hey ragazze!”

“Mac, come stai? Selene sorrise. Lei e McNabb erano fianco a fianco con gli altri bambini adottivi della linea “Free Lunch” e, come se non bastasse, erano vecchi amici.

«Qual è il problema qui con Miz Vonderschmidt, Sellie? McNabb guardò con aria assente la donna nuda che reggeva il pallone da spiaggia, che naturalmente proiettava i suoi seni piuttosto attraenti.

McNabb, ovviamente, era con la barba lunga, non molto ben curato e sbalorditivo.

Il povero Blythe puzzava di Mac. Oh mio Dio, l’odore potrebbe ucciderlo.

Blythe deve far cadere il pallone da spiaggia, vestirsi e andarsene.

Dovrebbe dare la sua parola di sicurezza. Selenis avrebbe capito, ed è diventata comunque gentile e piacevole una volta che Blythe l’ha informata che la scena doveva finire.

Ma Blythe sapeva che voleva il rispetto della sua dea. Voleva essere una vera sottomessa obbediente e mostrare che era dura.

Dopo essersi sottomessa di fronte alle sue nipoti bisbetiche, Blythe non ha potuto tirarsi indietro, ha dovuto umiliarsi anche di fronte a McNabb, l’ultimo perdente dei perdenti.

Ma, ovviamente, ora Selenis ha dovuto alzare il tiro, peggiorare le cose.

“Vuoi un pompino oggi, Mac?” Hai sempre avuto una cotta per Blythe qui.

Selenis ha ricordato che quando i cittadini stavano giocando a pallavolo, Mac e i suoi fratelli perdenti guardavano con stupore i seni incredibili, rimbalzanti e in bikini di Blythe…

E quelle labbra lucide hanno fatto venire l’acquolina in bocca a molti ragazzi, ricchi o poveri, solo per un piccolo pompino. Ma allora, Blythe era una principessa di ghiaccio. Quando usciva, era sempre un uomo più anziano.

“Tu non …” disse Blythe ora.

Selenis agitò un preservativo verso Blythe, facendole capire che non si sarebbe ammalata.

Ma Blythe sembrava malata e, nel suo cuore, Selenis amava Blythe e non voleva che passasse un momento difficile. Blythe e Stan hanno effettivamente contribuito al fondo per l’istruzione universitaria del figlio di Selenis, e poi…

Altre storie erotiche  Group Dynamics - BDSM - Literotica.com

“Okay, forse la prossima volta Mac. O la prossima volta può farti questo in culo. Ora tieni quella palla in aria per la mamma, ok?”

Le braccia di Blythe ora erano quasi completamente insensibili. Ricordava di aver visto un articolo sul National Geographic su un guru in Pakistan che tenne il braccio in aria per quarant’anni finché non si bloccò e marciva in quel modo.

E poi Blythe guardò con compassione Drunk Mac. Era sempre stato gentile con lei e quando era studente aveva venduto marijuana a caro prezzo.

“Mac, se vuoi succhiarmi un po’ le tette, puoi.” E vedendo il volto riconoscente, si sentì bene.

Era un po’ disgustoso, avere quelle labbra non rasate che sbavavano e leccavano i suoi seni, ma comunque era bello.

“Vieni qualche tempo dopo la doccia, e vedremo di quel pompino.” disse Blythe sorridendo.

“Fare un bagno?” McNabb ha detto in un fumetto horror. Baciò Blythe sulla guancia e baciò Selenis lo stesso, e se ne andò, con un altro Selenis venti in tasca.

Il pallone da spiaggia, leggero o meno, stava diventando davvero difficile da tenere in mano per Blythe. Quando Blythe era ancora single, frequentò una scuola di specializzazione piuttosto costosa a Chicago, ottenendo un master in amministrazione pubblica.

La Signora Illuminata una volta fece stare Blythe per tre ore su ogni panca aperta, tenendosi in equilibrio, mentre teneva due enormi e spessi elenchi telefonici (davanti ai cellulari)… era peggio di così? Più probabilmente.

Selenis ora si avvicinò a Blythe e appoggiò le sue labbra carnose attorno a uno dei capezzoli di Blythe.

Succhiava e leccava come solo Selenis poteva fare, e allo stesso tempo faceva scorrere il dito indice lungo la figa di Blythe con vigore.

Blythe iniziò ad essere davvero eccitato.

“Vedi, posso giocare con il tuo piercing, il che ti impedisce di avere un orgasmo completo.” sussurrò Selenis all’orecchio febbrile di Blythe.

“Non è così non mi piacerebbe se togliessi il piercing?

Improvvisamente, Blythe sentì Selenis spingerci dentro la piccola chiave di castità e il piercing fu rimosso, per la prima volta da maggio (e ora era agosto).

Selenis leccò l’orecchio di Blythe, poi succhiò di più il capezzolo di Blythe mentre faceva scorrere le dita su e giù per le labbra ora libere di Blythe.

Ma mentre Blythe si avvicinava all’orgasmo, Selenis si morse forte il capezzolo, poi schiaffeggiò Blythe in faccia, e sì, Blythe lasciò cadere il pallone da spiaggia.

“TI HO DETTO CHE POTREBBE PIACERTI?” gridò Selenis.

“N-no, Selenis” Blythe abbassò la testa. La sua erezione è sparita, nessun orgasmo per Blythe oggi.

“E hai fatto cadere il pallone da spiaggia.” Selenis schiaffeggiò di nuovo Blythe e le diede un pugno al seno destro.

“Ora prendi la palla. E ora tieni fuori quelle tette tristi, inarca la schiena e chiudi gli occhi.

Blythe chiuse gli occhi e spinse i seni meglio che poteva.

Selenis fece oscillare il suo bastone e colpì Blythe duramente sui capezzoli, e Blythe urlò e la palla cadde.

Blythe non ce la fece più, cadde in ginocchio e si masturbò febbrilmente, sperando che potesse venire prima che Selenis si fermasse di nuovo.

Cosa stava sudando!

“Blythe, obbediscimi.” disse Selenis con calma. “Togli le mani dalla vagina e mettile dietro la testa, per favore.”

Blythe sospirò profondamente e obbedì.

“Non vorresti tornare al cottage e farmi cadere addosso a te, Selenis?” disse Blythe all’improvviso. “Se vuoi (sigh), prima posso essere accoltellato di nuovo. »

“Oh, non lo so.” Selenis rispose casualmente. “So che Stan è via per lavoro e sarebbe una bella serata per noi, ma stasera posso uscire e scopare con un uomo”.

Improvvisamente, il cellulare di Selenis squillò. “Ciao… ah Stan, sei tornato? Sì, ora ho il maiale. Sulla spiaggia.” Lei ha ascoltato.

Dopo che Selenis riattaccò, sorrise a Blythe.

“Stan ha conosciuto un tuo vecchio amico quando era a Capela do Monte. Qualcuno dei Corpi di Pace, quando stavi portando la libertà economica in Cile.”

Il viso di Blythe si oscurò. Dev’essere stato Pablo.

“E Stan ha promesso al suo amico che avrebbe potuto frustarlo e torturarlo un po’.”

Tutto quel rispetto che Pablo aveva per Blythe sarebbe svanito…

“A meno che tu non voglia.”

“Io… penso di sì, Selenis.”

“Certo che lo fai.”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *