Charlotte F/F – BDSM – Literotica.com

di | 7 de Ottobre, 2022

Copyright © 2022 di EggWhites

Tutti i diritti riservati. Nessuna parte di questa pubblicazione può essere riprodotta, distribuita o trasmessa in qualsiasi forma o mezzo, comprese fotocopie, registrazioni o altri metodi elettronici o meccanici, senza il previo consenso scritto dell’editore, fatta eccezione per brevi citazioni incorporate nelle recensioni critiche . e altri usi non commerciali consentiti dalla legge sul copyright.

Questa è un’opera di fantasia. Salvo diversa indicazione, tutti i nomi, personaggi, aziende, luoghi, eventi e incidenti in questo libro sono il prodotto dell’immaginazione dell’autore o sono usati fittiziamente. Qualsiasi somiglianza con persone reali, vive o morte, o eventi reali è puramente casuale. Tutti i personaggi hanno più di 18 anni.

Premessa della storia: dopo una scommessa infantile, Lora inizia a vedere la sua migliore amica (e rivale segreta) Charlotte e se stessa sotto una nuova luce.

Colpi di scena esplorati: dominazione, umiliazione, feticismo del piede.

Spero vi piaccia, buona lettura.

Capitolo I

Oggi è stato il giorno in cui abbiamo messo a tacere questo ridicolo carburante tra di noi. Ero un mago della matematica. Questo sarebbe stato un gioco da ragazzi per me. Il mio piede continuava a battere per terra mentre aspettavo, la signora Laniganto ci informa che la prova è iniziata. Lanciai un’occhiata da sopra la mia spalla a Charlotte, che si stava masticando noiosamente una gomma, con un’aria rilassata come potrebbe essere una ragazza durante un’audizione; ha sempre nascosto il suo nervosismo meglio di me. I suoi occhi incontrarono i miei. Si spinse i capelli rossi dietro l’orecchio sorridendo e mandandomi un bacio. Non sapevo se fosse un tentativo di farmi incazzare, ma ha funzionato.

“Hai due ore. Inizia a scrivere. La signora Lanigan diede un’occhiata all’orologio e io immediatamente presi la penna e iniziai a sfogliare le pagine. Il mio movimento veloce e furioso deve aver divertito Charlotte, poiché l’ho sentita cercare di fiutare una risata. Non mi importava. Poteva ridere quanto voleva. Vorrei vedere quanto lo troverebbe divertente quando vinco.

Mi chiamo Lora. È stato il mio ultimo anno di liceo e, ovviamente, la mia ultima possibilità di dimostrare a qualche moccioso fastidioso chi è il capo.

I miei giorni al liceo avevano una sorprendente somiglianza con un film spaventoso del liceo. Non facevo cheerleading, o qualsiasi altro sport in realtà. Ma ero uno studente A+, eletto presidente del consiglio per tutti e tre gli anni. Per qualche ragione, sorprendentemente, mi ha reso popolare. Tutti mi conoscevano, dagli insegnanti alla maggior parte degli studenti e al preside.

Non sapevo che avesse questa reputazione fino a un anno fa, ma una volta l’ho fatto mi è davvero piaciuto. È stato bello essere riconosciuto, e ancora meglio che non dovessi muovere un dito perché accadesse; È appena successo.

Non l’ho confuso con nient’altro che quello che era, un breve periodo di gloria, che avevo programmato di godermi finché è durato prima di partire per il college. Anche se non mi piaceva ammetterlo, per me contava davvero, e per una ragazza perfezionista che non sapeva altro che essere la migliore in tutto ciò che faceva, divenne una parte molto importante di me.

Entra Charlotte. Era un giorno normale quando stavo incontrando la mia amica Sally in mensa quando ho visto che aveva compagnia, una ragazza che non avevo mai visto prima. Mi sono seduto con loro e Sally ci ha presentato. Charlotte era una nuova ragazza a scuola, trasferitasi da un altro stato. La prima cosa che ho notato di lei è stato il suo aspetto, perché onestamente si faceva notare. Era bella. Aveva i capelli rosso fuoco e gli occhi verde brillante. Il suo corpo, sebbene meno strappato, era in buona forma, indicando che si allenava spesso.

Il reparto look in sé non mi mancava, ma… la differenza tra noi era evidente. Ero semplice e carino. Aveva il tipo di bellezza che avevano quei dannati modelli dei social media. Non ero geloso… ma mi dava comunque un po’ di fastidio. Odiavo il fatto che si distinguesse… in qualche modo, nell’unico posto in cui mi sentivo come se non lo facesse. Durante il nostro pasto, ho imparato ogni genere di cose su di lei. Era il capitano della squadra di basket della sua vecchia scuola e aveva programmato di essere il capitano in questo. Suo padre gestiva una grande azienda tecnologica fuori città.

Sentivo sempre di più, per quanto ridicolo potesse sembrare, che fosse un’estranea che era venuta a buttarmi giù. Era loquace e sicura di sé. Non ero timido, ma quando ho incontrato le persone per la prima volta, non potevo comportarmi in modo sociale e giocoso; Avevo bisogno di tempo per sentirmi a mio agio con una nuova persona. Lei no. Era come se lei e Sally fossero amiche da anni. E considerando che Sally era la mia unica amica – comunque una cara amica – non mi piaceva l’improvvisa vicinanza tra loro.

Quando finalmente il nostro noioso pasto finì e ci alzammo in piedi, ricevetti lo schiaffo finale: l’ho guardata e mi sono reso conto che era alta più di un piede. Non ero basso. Il cane era grosso.

Tuttavia, il giorno dopo ho rinunciato a tutto – o ci ho provato. Charlotte alla fine era solo l’amichevole nuova ragazza a scuola. Non sapevo perché mi preoccupasse così tanto, ma sapevo di non arrendermi. Non avevamo niente in comune. Allora perché ho trattato la tua esistenza come una sfida? Inoltre, era una ragazza sportiva. E scommetto che faceva schifo accademicamente. Aveva l’aspetto e la merda sociale, non poteva nemmeno avere l’intelligenza; non poteva avere tutto.

Il mio primo piano era dimenticarla. Niente ci ha tenuti insieme. Sally ha concluso questo piano quando ha iniziato a includerlo in tutti i nostri incontri. Durante la notte ho avuto una nuova amica, grazie a Sally. Quindi ho in qualche modo incolpato Sally per quello che è successo dopo. Insomma, non andavamo d’accordo.

Altre storie erotiche  The Reluctant Submissive Pt. 02 - BDSM

Aveva una presenza irritante e io mi irritavo facilmente. Giuro che ha iniziato a farlo apposta dopo aver realizzato questo fatto. Mi importava del mio aspetto in pubblico, forse un po’ troppo. Una volta capito questo, ha iniziato a fare commenti meschini su alcuni dei miei vestiti che non corrispondevano o sui miei capelli che sembravano: “Non lo so… un po’ strano a dire il vero”. Oppure mi chiedeva di punto in bianco: “Hai dormito bene la notte scorsa? Non lo so, sembri un po’ matto”. E stronzate del genere. La parte peggiore era che sapevo che mi stava solo prendendo in giro, soprattutto perché mi faceva un sorriso provocatorio ogni volta che faceva commenti così stupidi e inutili. Lo sapevo e mi ha sempre colpito.

Non ero sicuro se mi stesse solo prendendo in giro, o se avesse percepito che nutrivo insicurezze nei suoi confronti e le piacesse metterle in evidenza. Non potevo fare gli stessi commenti su di lui, stavo per dire: “Hai dormito bene stanotte?” Non lo so, la tua pelle sembra più liscia del latte e i tuoi capelli sembrano così sani! E l’unica volta che l’ho provato le ho detto che in un certo senso “distoglieva lo sguardo” come diceva, la fottuta Sally è immediatamente saltata dentro e ha riso: “Controlla i tuoi quattro occhi visivi; è bellissima”.

E in realtà si è ritorto contro, perché Charlotte ha identificato il mio commento provocatorio come vendetta e sapeva che mi faceva incazzare.

Il nostro tempo insieme non era solo il raccolto. Ma c’è stato un grande avanti e indietro tra noi. Ogni tanto faceva un commento e, da sensibile idiota che ero, io reagivo con forza; le piaceva ricevere quelle reazioni da me per qualche motivo. Più si rendeva conto che qualcosa mi infastidiva, più lo faceva. E Sally, la mia amica dai tempi dell’asilo, si era sempre schierata dalla sua parte – comprensibile, dal momento che probabilmente ha visto le mie frustate un po’ infantili, cosa che penso fosse. Quella era solo una piccola parte delle cose che mi facevano incazzare di lui.

La nostra piccola rivalità passiva che durava da mesi è arrivata al culmine la scorsa settimana.

Io, Charlotte e Sally lo eravamo nel giardino di Sally, solo in giro. Sally ed io eravamo accasciati su due sedie da giardino e Charlotte, come al solito, era sull’altalena.

“Papà sta andando via per il fine settimana.” disse Charlotte dal suo posto sull’altalena.

Rabbrividii, sapendo cosa significasse.

“Rotte?” disse Sally, alzando il suo milkshake alla fragola tra gli applausi.

“Hmm.” Charlotte annuì.

Le sue serate erano state regolari dal suo trasferimento, proprio come la mia. Tuttavia, e ancora non sapevo se fosse stato deliberato, dato che le nostre feste erano previste per lo stesso giorno. Ora, a parte Sally, nessuno degli amici che ho invitato era così vicino. Ma faceva ancora male quando tutti scelsero di andare a Charlotte. OK, aveva la casa più grande e aveva una piscina, ma cosa sapevo da anni di questi traditori! Apparve solo Sally. E dopo aver giocato a Monopoli e aver masticato metà degli snack che ho fatto, ho dovuto lasciarla andare, perché era ovvio che voleva essere da qualche altra parte. E quella è stata l’ultima festa che ho organizzato. Non potevo più rivivere questa esperienza umiliante.

“Stai arrivando…” Charlotte mi diede una gomitata al ginocchio con il suo sandalo. «Non è vero, nano?

I miei denti affondarono nel mio labbro inferiore. Quattro settimane fa, ho finalmente smesso di cercare di impedirgli di chiamarmi così. Ora ho appena accettato. Alla puttana non importava che mi dava fastidio, quindi ho solo fatto del mio meglio per fingere che non fosse così. «Non è probabile» dissi.

“Chi?” Lei ha urlato. “Perché?”

Non sapevo se la sua delusione fosse reale. In caso contrario, era una grande attrice, ma non vedevo perché si sarebbe degnata di fingere. Ho scrollato le spalle. “Scusa, devo solo studiare, tutto qui.”

“Vieni,” gemette. “Sarà per sempre finché non ne interpreterò un altro. Gli studi possono aspettare, no?”

“No, ho detto. “L’esame di calcolo è tra meno di una settimana.”

“E?” Lei scrollò le spalle. “Abbiamo anche il calcolo”.

“Beh,” dissi, incapace di perdere l’occasione di fare anche un insulto meschino e infantile. “Mi interessa davvero prendere un buon voto. Vedi, ho a cuore il mio futuro.”

“…” Lei si tirò indietro, socchiudendo gli occhi. ” Allora ? Dici di no?

“Dire niente.” dissi, felice più che mai di vedere il minimo segno di fastidio sul suo viso. “I tuoi voti parlano da soli mia cara.”

“Eh-” sbuffò. Stava sorridendo, ma era ovvio che stava cercando di nascondere il suo risentimento.

Gli occhi di Sally saettarono avanti e indietro tra noi due, un sorrisetto sulle labbra. Ha vissuto per le nostre lotte; fu il culmine di tutti i suoi giorni.

“Non voglio dire niente.” Ho scrollato le spalle. “Credimi, so che non è per mancanza di tentativi. Alcune persone semplicemente non riescono a fare bene a livello accademico. Non mi sentirei male per questo. Lo sport è più la tua passione”.

Un lungo e improvviso silenzio si placò. Non potevo nascondere il mio sorriso. Potevo vederla con la coda dell’occhio, uno sguardo perplesso sul suo viso mentre cercava di capire cosa stavo dicendo. Dopo un po’, si appoggiò allo schienale, guardò Sally e disse: “… Sono solo io, o stava solo insinuando che ero stupida?”

Altre storie erotiche  She Said Yes - A Covid-19 Story Ch. 10 - BDSM

“Ha solo insinuato che eri stupido.” Sally annuì indifferente.

“…” Charlotte sollevò un sopracciglio, come per accettare il fatto. “VA BENE.”

Si appoggiò allo schienale e bevve un sorso del suo milkshake. Ma una rapida occhiata alla sua faccia neutrale mi ha detto che era offesa. Forse era così. Forse ho trovato in lei un’insicurezza, un’insicurezza che potevo usare, abusare e prendere in giro. Mi sono sentito un bambino. Stavo passando i momenti migliori della mia vita con una cosa così stupida. Ma non potevo farne a meno. “Non sentirti male,” dissi con simpatia.

Scosse la testa sorpresa. “Chi diavolo ha detto che mi sentivo male…”

“No, sto solo dicendo che va bene.” Il mio tono era affettuoso, gentile e amichevole. “Non puoi aspettarti di essere bravo in tutto.” È quello che pensavo fosse prima che entrasse nella mia vita. Pensavo di essere perfetto. Ero intelligente, uno studente eccellente, socievole, popolare e bello. È entrata nella mia vita e mi ha fatto sentire piccola in tre modi, e da allora non ha smesso di prendermi in giro.

Eravamo ancora amici. Buoni amici considerando il tempo che abbiamo passato insieme e quando è riuscita a stare zitta, ci siamo divertiti moltissimo. Avevamo gusti simili in fatto di musica e film e condividevamo il senso dell’umorismo. Ma odiavo il modo in cui le sue prese in giro giocose mi facevano sentire piccolo rispetto a lei. Non sapevo nemmeno se lo sapeva o no, se conosceva l’effetto che aveva su di me. Ma qui, ora, c’era la mia occasione per ottenere qualsiasi tipo di vendetta possibile. “Alcune persone hanno un cervello e altre no.”

“OK OK.” Mi ha ignorato. “Fai una pausa, Cervello.”

Soddisfatto, mi sono preso una pausa. Sono appena crollato sulla mia sedia da giardino con un grande ghigno stampato in faccia. Qualunque insulto avesse cercato di lanciarmi dopo, sarebbe stato un po’ meno amaro. Ho intaccato la tua esistenza perfetta.

“E non studio molto, per tua informazione.” lei sputò. “Ecco perché i miei voti hanno sofferto un po’ ultimamente.”

“Sì,” scossi la testa. “Non perché sei stupido, non proprio.”

Sally rise in silenzio. Era bello non essere l’unico a essere meschino e beffardo, tanto per cambiare.

“Sai cosa-” sospirò Charlotte, cercando di controllarsi. Vedere il suo bel viso pallido diventare rosso per l’eccitazione mi ha sorpreso e divertito. Chi sapeva che avevamo questo in comune. Aveva anche la stessa immagine “perfetta” di se stessa; mi ci è voluto un po’ per capire come farlo arrabbiare.

“Va bene, va bene”. Lei annuì, ridendo nervosamente. “Ti dirò una cosa. Domani andrò ancora alla festa e all’esame di calcolo ho ancora un punteggio più alto di te.”

“Sì, lo farai sicuramente.” Ho detto. Non avevo dubbi sul fatto che fosse impossibile per lui farlo. Era l’unica area della mia vita in cui mi sentivo sicuro in questo momento. “Lo farà, non è vero Sally.”

“Oh.” Sally annuì, ugualmente divertita.

Ho guardato Charlotte e aveva un sopracciglio alzato e le labbra increspate. Fece un respiro profondo e rilassante, poi si tirò indietro. “Bene. Questo è tutto. Te ne pentirai. Te lo mostro.”

“Quello che vuoi.”

Dopo un po’, durante il quale nessuno di noi due ha detto una parola, Sally ha detto: “Perché non scommetti?”

Charlotte e io ci siamo guardati mentre consideravamo la possibilità. Per qualche ragione, mi sono sentito preoccupato. “Che tipo di scommessa?” »

“Non so?” Sally scrollò le spalle. “Rendilo interessante.”

L’ho odiata allora. Le cose stavano andando bene. Ma doveva tuffarsi e assicurarsi che si divertisse.

Che ci ha portato anche oggi. Scommessa fatta. Chi ottiene il punteggio più alto all’esame sarà il vincitore, e il vincitore può impartire un ordine al perdente, che, imbarazzante però, deve essere obbedito. Sally è stata molto chiara su questo punto.

L’adrenalina correva attraverso il mio corpo mentre passavo la penna sulla carta. Era la mia cosa. L’esame è stato facile. Erano cracker per me eppure tremavo come un matto. In parte ciò è dovuto al fatto che Charlotte mi ha fatto sapere in prima persona quale sarebbe stato il suo ordine la stessa notte in cui abbiamo fatto la scommessa. “Ti ordinerò di inginocchiarti… come una brava ragazzina.” Mi ha pizzicato la guancia mentre lo diceva. “E dopo aver dichiarato, in modo chiaro e onesto, quale sono la persona più gentile che tu abbia mai incontrato, potrei aggiungere in grande dettaglio, incresparai le tue belle labbra e mi darai un grande bacio”.

Era ridicolo. Mi ha dimostrato quanto fosse infantile. E non ho nascosto come mi sentivo al riguardo. “Vattene” dico. “Non lo faccio.”

“Dov’è finita tutta quella fiducia? ” Lei rise. “O state parlando tutti?” Pensavi che fossi stupido? Dai, nano, fidati di te stesso.

Questo commento mi ha fatto sfuggito. Volevo schiaffeggiarla. Ma aveva ragione. Dovrei almeno fidarmi di me stesso nel mio gioco. Le ho detto che aveva un accordo.

E da quel giorno, ho dormito poco. Ho studiato molto, molto, ma questa settimana… questa settimana di studio, non ho fatto altro. Perdere questa scommessa sarebbe la mia fine. Non socialmente. Alla fine, è stata solo una scommessa sciocca tra amici; non significava niente. Ma per me, in fondo, sì. Significava tutto. Sarebbe solo un’affermazione di tutte le fastidiose insicurezze che avevo su di lui. Una mia confessione verbale – peggio, un atto di sottomissione. Mi perseguiterebbe per anni. Non volevo e non potevo lasciare che accadesse. La mia immagine perfezionista di me stesso non lo sosterrebbe.

Altre storie erotiche  Kadie's Replacement - BDSM - Literotica.com

E il fatto che abbia suggerito questa scommessa mi ha fatto capire che sapeva cosa avevo in mente da sempre. Sapeva che non ero al sicuro con lei. Sapeva che mi paragonavo costantemente a lei. Sapeva che dentro di me c’era una competizione privata e, anche se prima l’avrebbe trovata divertente, ora voleva batterla. Voleva che riconoscessi che era migliore di me.

La prospettiva di perdere mi teneva sveglio la notte, come mi immaginavo, inginocchiato davanti a lei, a dirle quanto fosse fantastica, e lei, da nano arrogante che era, a offrirmi il suo culo da baciare. Volevo vomitare.

Mentre lavoravo al mio lavoro, sentendo che la mia vita dipendeva da esso, la guardavo. Sembrava calma come sempre, ei suoi occhi incontrarono di nuovo i miei. Mi fece l’occhiolino e mi diede un bacio. Gemetti e tornai all’esame, con la penna quasi spezzata tra le dita.

quattro giorni dopo

Sally ed io siamo andati al campo da basket. Sally, avendo già ricevuto i nostri documenti, tenne per sé i risultati. Il piano era di andare a prendere Charlotte dopo che aveva finito il gioco e poi andare in una delle nostre case. Rabbrividivo mentre camminavo.

Sally mi guardò e poi rise. “Beh…” Scosse la testa. “Rilassarsi.”

Ho annuito con entusiasmo. Dovevo sembrare un bambino, nervoso per una cosa del genere. Ma non potevo spiegarle perché significasse così tanto per me. Siamo arrivati ​​al campo da basket e ci siamo seduti sulle panchine. Per la prima volta ho visto Charlotte suonare.

Fedele alla sua parola, ora era il capitano della squadra. E guardandola suonare, ho capito che se lo meritava. Il modo in cui correva, dribblava, saltava e segnava era come guardare una star dell’NBA giocare con un gruppo di niubbi. E stranamente, mentre correva e sussultava, il suo corpo luccicava di sudore e la sua coda di cavallo rossa che si sporcava, sembrava ancora attraente.

Scossi la testa e tirai gli occhiali fino al ponte del naso. Lo sport era la sua passione. La palestra era mia. Dopo un po’, dopo aver segnato un gol e quando i giocatori sono tornati alle loro posizioni, i suoi occhi ci hanno catturato. Ci sorrise e ci salutò con la mano, prima di sorridermi. Si girò e inarcò la schiena, allungando il culo verso di me. “Lascia tutto sudato e maturo per te.”

Arrossii mentre tutti i giocatori guardavano nella mia direzione. Il cane non sussurrava o altro; mi ha praticamente urlato contro dall’altra parte del campo.

Mezz’ora dopo, la partita è finita. Charlotte si avvicinò a noi, asciugandosi il sudore dalla fronte e dal petto con un asciugamano. “Hai i risultati.” Parlò con Sally, ma rivolse a me i suoi occhi verdi provocanti.

“Qua.” Sally accarezzò la busta tra le mani. “Dove vuoi andare?”

“Non lo so?” Lei scrollò le spalle, poi mi diede una gomitata per le spalle. “Dove pensi che sarebbe un posto appropriato per perdere la tua dignità di nano oggi?”

“….” La mia bocca si aprì. Mi sentivo come se dovessi dire qualcosa di intelligente… o qualsiasi altra cosa. “..io… si? tu…” borbottai come un idiota.

Sorrise alla mia patetica esibizione di nervosismo, poi disse: “Andiamo a casa mia, vero?”

“Okay…” Il suo asciugamano sudato mi colpì in faccia, facendo ridere Sally.

Glielo rilanciai, la mia faccia diventava rossa per la rabbia. Mi sono controllato. Presto… se ne sarebbe pentita.

Siamo arrivati ​​a casa sua e siamo andati subito in camera sua. Sono già stato nella tua stanza. C’era un grande letto matrimoniale e un armadio di buone dimensioni, le pareti bianche immacolate.

E, naturalmente, era disordinato come ogni volta che venivo. Vestiti ovunque, scarpe ovunque e, qualcosa di nuovo che un po’ mi preoccupava, quaderni e libri su tutto il letto e sul tavolo. Stava studiando. Ma avevo segnato A da quando sono entrato in questa scuola. Non importa quanto duramente abbia lavorato ultimamente, non poteva guadagnarsi questa cosa.

Non avevo intenzione di fargli fare qualcosa di drastico quando ho vinto; In effetti, avevo programmato di dargli lo stesso ordine, meno il bacio; Non mi sembrava giusto costringerlo a baciarmi il culo. Non sapevo perché, però; Non credo di aver avuto la sicurezza di fare una richiesta del genere con la faccia seria.

Sally ed io eravamo sedute sul bordo del letto, ad aspettarla mentre si rinfrescava in bagno. Indossavo i miei soliti abiti scolastici, una lunga gonna nera e una camicetta bianca, e Sally indossava un semplice vestito giallo. Charlotte è emersa pochi minuti dopo, dopo aver cambiato la sua uniforme da basket a un comodo pigiama di lana rosa, il viso bagnato e pulito. aveva ancora i calzini sporchi. Non sapevo perché non si fosse presa la briga di cambiare quei sacchi della spazzatura. I suoi occhi furono immediatamente attratti dai miei. Sembravo inorridito e ho fatto del mio meglio per nasconderlo, ma lei mi ha detto beffardamente che stavo facendo un pessimo lavoro. “Allora,” disse.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *