Chianti’s Counseling – BDSM – Literotica.com

di | 5 de Agosto, 2022

Chianti si accovacciò felicemente sulla faccia sudata di Jocelyn mentre la donna più anziana lottava per infilare la lingua fino in fondo nel buco del culo di Chianti.

“Più veloce, esatto, Jocelyn. Devi farmi entrare e uscire, su e giù, tutto qui, e ora per la mia figa, tesoro.”

Jocelyn gemette e Chianti guardò in basso, tremando leggermente. Jocelyne potrebbe non essere stata la cliente Chianti più attraente, ma aveva soldi.

La regola era che se Jocelyn fosse riuscita a leccare il Chianti fino a tre orgasmi e pulire a fondo la merda e le bacche dal passaggio posteriore del Chianti, a Jocelyn sarebbe stato permesso di strofinare la sua figa di cinquantasei anni estesa e francamente sciolta su e giù la sua gamba. Il tavolo da pranzo del Chianti, come un cane, al suo apice.

La scorsa settimana la lingua di Jocelyn si è seccata, leccandosi in mezzo, e il Chianti si è così incazzato che ha ricucito le labbra di Jocelyn e ha frustato i capezzoli e il culo di Jocelyn con nove code di figa intrecciate che ha comprato da un pazzo su Ebay a Melbourne, in Australia.

Jocelyn adorava visitare il Chianti e scriveva una pila di codici o qualcosa del genere. Poteva permettersi le visite settimanali da $ 800, e ovviamente questo non includeva il costo degli accessori. Una settimana c’erano formiche di fuoco e miele per lo yum-yum di Jocelyn, e un’altra volta, quando Jocelyn non si era laureata in cunillingus, fu incatenata a un gigantesco blocco di ghiaccio nel seminterrato.

Quindi, ovviamente, è stato allora che il Chianti ha lanciato fiammiferi accesi a Jocelyn mentre Jocelyn ballava un ballo miserabile nel capanno degli attrezzi del Chianti.

Ora Jocelyn respirava attraverso il naso e Chianti ha dovuto ammettere che stava facendo un buon lavoro stimolando il suo clitoride.

Chianti guardò con disgusto la pancia paffuta di Jocelyn e la giungla che includeva una coperta per gatti. E ovviamente Jocelyn non si è rasata le gambe.

Penseresti che Jocelyn fosse una lesbica butch, ma era sposata con un altro ragazzo di computer, un uomo, ed erano pezzi grossi nel tempio mormone. Si doveva presumere che Jocelyn e suo marito non avessero commesso di nuovo l’atto.

Alla fine Chianti finse un orgasmo, aveva davvero bisogno di andare avanti con la sua giornata.

Jocelyn strisciò fuori dal Chianti, e Chianti puntò con disprezzo un paio di forbici verso il tavolo, e Jocelyn tagliò il filo superiore di liquirizia (era ciò che funzionava meglio per legare una vagina sensibile.) e rimase fermo.

Poi Jocelyn si avvicinò al tavolo della sala da pranzo, dove strofinò il tavolo su e giù fino a quando alla fine rabbrividì.

“Ora lecca il tuo succo dal tavolo, e prima di andare, lecca il fango dai miei stivali, sono nel corridoio.”

“Sì, signorina Chianti.”

Fortunatamente l’atrio del Chianti aveva una tenda che lo isolava dal soggiorno.

Fortunatamente, il Chianti non doveva più guardare Jocelyne. Chianti si alzò e si gettò sotto la doccia, poi indossò un comodo dolcevita bianco e una minigonna rosso fuoco.

Chianti si è ritoccato le labbra per farle combaciare con la gonna e si è appuntata i capelli in modo che con le meches alla fragola che aveva messo uno schiavo parrucchiere, faceva sembrare il Chianti un po’ come Christina Hendricks dello spettacolo “Madmen”.

Così Chianti si sedette e lesse una graphic novel di Batman, la sua segreta vergogna, finché il campanello non suonò di nuovo.

Chianti lanciò una rapida occhiata soddisfatta nello specchio dell’ingresso. Sorrise, immensamente soddisfatta di se stessa.

“È tutta una questione di dentro – che stronzate!”

Chianti si avvicinò alla porta e l’aprì.

“Ciao Austin.”

“Ciao signorina Chianti.” Austin era un becchino emaciato e quindi, pensò Chianti, doveva essere bravo nel suo lavoro. Bisognava tirarsi su di morale dopo aver perso una persona cara, vedendo una creatura così miserabile, pensò.

Chianti sollevò Austin e si sedette sul divano, respirando leggermente per farle tremare i seni. Chianti quindi prese una grande spazzola per capelli di quercia nera, se la mise in grembo e annuì.

Austin deglutì e si spogliò rapidamente.

Chianti annuì sorridendo, e Austin si avvicinò un po’, e lei vide la sua gabbia di castità. Chianti usò le sue abili dita per sbloccare la gabbia, che lasciò cadere sul tavolo.

“Com’è andata la tua settimana ad Austin? È bello che tu abbia una gabbia e puoi fare la doccia e pulirti così non devo lavare via tutto il fetore come faccio con i miei clienti con il tubo della castità”.

Austin annuì, schiarendosi di nuovo la voce. “Sì, è divertente. Sono un po’ confuso, cercando di farmi passare il cazzo attraverso le sbarre, perché mi arrapa così tanto.”

“Hai bisogno di più cose da fare nel tuo tempo libero. Come le tue battute.”

«Te li ho mandati, signora, con il mio tributo per questa settimana. Mille versi per la settimana, dall’Enide di Virgilio.

“Penso che li raddoppieremo. Duemila entro lunedì prossimo. Allora non ti preoccuperai tanto del tuo budino.”

Austin sembrava sull’orlo delle lacrime. Duemila erano tanti.

Chianti iniziò ad accarezzare il cazzo di Austin. Fece scorrere le unghie rosse su e giù per il suo organo indurito e allo stesso tempo allungò una mano e accarezzò la guancia di Austin.

Altre storie erotiche  Mistress M - BDSM - Literotica.com

“Come va l’impresa di pompe funebri?” »

“Ebbene, signorina Chianti, non sono un regista, sono un’imbalsamatrice.”

“Incredibile che tu possa permetterti di vedermi una volta alla settimana.”

“A volte vendo il mio liquido per l’imbalsamazione ai tossicodipendenti”.

“È un modo molto creativo di fare le cose, devo dire.”

“Sì, si tratta di vederti il ​​più possibile.”

“Parlami del tuo lavoro. Riesci a ripristinare i volti distrutti? Capisco che a volte ti prendi la responsabilità di sostituire il naso con la gomma.

Chianti iniziò ad accarezzare il cazzo in fiore di Austin con le unghie, poi tirò velocemente, poi tornò lentamente.

“Io-sono solo un’imbalsamatrice, signorina Chianti. Non ho il coordinamento per restaurare i volti. Lavoro in tre diverse pompe funebri come libera professionista.”

Austin stava cominciando a sussultare. Erano passati nove giorni dal suo ultimo orgasmo e stava lottando per impedirsi di spruzzare nella bellissima palma del Chianti.

Chianti ha strofinato e accarezzato il cazzo di Austin, poi ha fatto un piccolo cerchio con le dita e ha fatto il giro del suo cazzo e si è strofinato su e giù.

“Sei vicino all’orgasmo Austin?” Devi dirmelo.

“Sì signora.” Gli occhi di Austin continuavano a vagare dalle labbra rosse del Chianti al suo maglione attillato, poi alle gambe incrociate (quei tacchi!), per poi tornare indietro.

“Beh, dobbiamo scoraggiarlo. Lascia perdere quella pipì.”

Chianti gli diede una pacca sulle ginocchia.

“N-no, forse-“

“Ora, Austin. Prendi le tue medicine.”

Sospirando, Austin giaceva in grembo a Chianti.

Cinquanta volte la spazzola si alzò e cadde sul culo indifeso di Austin.

Austin ha iniziato a piangere, ma quando Chianti lo ha tirato fuori dal grembo per l’orecchio, il suo cazzo errante è completamente appassito.

“Andiamo, è più appropriato credo.” Il Chianti riprese ad accarezzare l’erezione di Austin e ne osservò casualmente il gonfiore.

Chianti con nonchalance si scioglie lo chignon in modo che i suoi lunghi capelli color fragola le cadano sulle spalle.

Si leccò le labbra e Austin iniziò ad essere davvero, davvero eccitato.

“Farai meglio a fare il bravo ragazzo e dimmi quando sei pronto, Austin. Altrimenti accendo un sigaro cubano e lo brucerò su quel sudicio verme.”

Austin iniziò a piangere mentre stava lì, e alla fine concordò che era ora di un altro giro di percosse.

Questa volta, il Chianti ha colpito Austin settantacinque volte alla schiena con la spazzola per capelli.

Quando ha portato Austin davanti a sé, Chianti ha tirato casualmente la sua camicetta a collo alto sui suoi seni, splendente in un reggiseno circondato da minuscoli petali di rosa di cotone.

Chianti ha accarezzato e tirato ancora il cazzo di Austin, e ha scosso le tette felicemente.

Chinandosi in avanti, Chianti baciò il cazzo di Austin una o due volte, poi vi infilò la scollatura e gli occhi di Austin è diventato vitreo.

“Tieni le mani dietro la schiena, Austin.”

“Sì, certo, signorina Chianti. Penso di essere stato piuttosto frustrato negli ultimi giorni. Io e i miei amici siamo andati da Hooters e poi sono tornato a casa e non riuscivo a dormire. Ero così-“

“Hai lavorato sulle tue linee?

“Sono riuscito a farli prima, signorina Chianti.”

“Ho un’idea. Dobbiamo tenerla fuori dalle sbarre. Mille righe di Virgilio, voglio che tu le scriva, matita e penna”.

“Tu cosa?”

“Ci vorrà molto tempo”.

“Ma non potrò guardare la TV.”

“Cosa, così puoi guardare le tette di Kim Kardashian?”

“No, guardo anche lo sport.”

“No, le femminucce non devono guardare lo sport. Forse manderò una prostituta a casa tua, e lui potrà guardare ESPN mentre gli succhi il cazzo, e puoi almeno sentire quello che serve, o lo farai come me dire.” sul latino?”

“Certo che lo è, signorina Chianti.” Ma le sue spalle si piegarono e sembrava terribilmente abbattuto.

Una volta Austin invitò Chianti a cena, e lei ordinò una bistecca per sé e una ciotola di acqua calda per Austin, e quando la cameriera perplessa portò l’acqua, il Chianti mescolò la farina d’avena istantanea.

Un po’ di porridge faceva bene anche ad Austin. Porridge e righe. E tante sculacciate!

Chianti stava facendo un massaggio con due dita attorno al glande di Austin, le sue dita elegantemente curate afferravano la sua testa gonfia del cazzo e la stringevano forte ma correvano avanti e indietro.

“I-oh mio Dio, sono di nuovo vicino, Miss Chianti. Ma non c’è bisogno che mi sculacci di nuovo. Fermiamoci-“

Chianti alzò lo sguardo innocentemente. “Vuoi che me ne vada per sempre? Devo arrestarti e rimandarti a casa? Sono passati solo nove giorni.”

“No, per favore non farlo.”

” Sei sicuro ? La maggior parte dei miei clienti trascorre mesi senza…”

“Certo, sarò ancora battuto”.

Chianti ha ritirato la mano, ma sembrava che Austin potesse tornare comunque.

“Aspetta Austin. Sii un bravo ragazzo. Non vuoi davvero farmi incazzare.”

Austin si concentrò e solo una piccola goccia uscì dal suo cazzo, ma toccò la gonna di Chianti.

Chianti lo guardò. “Pagherai per questo. Voglio cinquecento righe al giorno per il prossimo mese.”

Austin chiuse gli occhi e annuì.

Chianti fece cenno di inginocchiarsi e Austin, sospirando tristemente, girò di nuovo il ginocchio.

Chianti prese la spazzola e sorrise con piacere.

Non posso credere di essere pagato per fare questo!

“Farei meglio a colpire un po’ più forte. Non voglio che tu faccia alcun danno perché sei così eccitata su tutto il mio bel vestito.”

Altre storie erotiche  Femdom Farms Ch. 01-04 - BDSM

Il Chianti iniziò a prendere a calci in culo Austin. Prima una guancia poi l’altra. Mentre si dondolava, sempre più veloce, sentì Austin singhiozzare rumorosamente.

Chianti si fermò un momento.

Accarezzò i capelli di Austin mentre lui giaceva in grembo.

“Sono così orgoglioso di te, ma cerca di essere un uomo di Austin. Ecco perché mi vedi perché odi essere un piagnucolone. Cerco di insegnarti la mascolinità e la responsabilità”.

“Sì signorina Chianti”

Chianti è tornato a far oscillare la spazzola e a colpire più forte il sedere esposto di Austin. Osservò con gioia silenziosa mentre Austin cercava di pizzicarle le guance posteriori, e rise in gola quando la spazzola per capelli lo rese quasi impossibile.

Dopo aver colpito Austin un centinaio di volte con la spazzola, infilò una mano sotto un cuscino e tirò fuori un pezzetto di tubo da giardino, e gliene diede venticinque con esso, e lui urlò così tanto che fu grata per il quarto insonorizzazione.

Ora il cazzo di Austin era assolutamente morbido, e Chianti ha rallentato e finalmente ha lasciato andare il tubo da giardino.

Mentre aiutava Austin ad alzarsi, Chianti trattenne un sorriso mentre lo guardava coprirsi gli occhi e piangere di nuovo.

Austin prima le coprì la faccia, poi le afferrò il culo rosso brillante. Il Chianti sapeva che ci sarebbero state delle piccole macchie viola domani!

Ma ovviamente, dato che Austin era un masochista incallito, ha notato che il suo cazzo iniziava a gonfiarsi prima ancora di toccarlo. Il dolore, la disciplina e l’umiliazione fecero impazzire Austin.

“Hai bisogno di un fazzoletto, Austin? Esatto, soffiati il ​​naso. Sono così orgoglioso di te. Dovremmo fermarci ora? Posso legarti e tu puoi andare a casa e riposarti, ma va bene. certo, inizia con il tuo linee.” .”

“P-per favore, voglio venire. Oh, per favore, Miss Chianti.”

“Avevo un cliente, Obadiah. Obie è diventata Ophelia l’anno scorso e ho visto le sue nads tagliate. Il motivo era che sentivo che non c’era speranza per Obie, dopo quasi un decennio di sessioni, di essere un uomo normale… Allora perché non trasformarlo?”

Chianti ha ricominciato ad accarezzare il cazzo di Austin.

“E nel tuo caso, è così triste, Austin. Ti dispiace essere un po’ femminuccia? Invece di prendermi come un uomo, tappare i miei buchi con il tuo grosso cazzo, devi essere sculacciata e punita e piangere come un piccolo ragazza.”

Austin iniziò a singhiozzare più forte, diventando rosso vivo, pensando a quanto si vergognava.

“In realtà, quando torni a casa stasera, voglio che butti via tutti i tuoi boxer, e voglio che tu esca e compri delle mutandine economiche al Buttermilk Bargain Basement.”

Chianti ha accarezzato il cazzo molto duro di Austin più velocemente.

“Voglio che tu abbia delle mutandine davvero stronze. Quelle con i cuori dentro, o le rose, come il mio reggiseno, hai visto il mio reggiseno?”

“Sì signorina Chianti”

Chianti ha accarezzato un po’ più velocemente il cazzo di Austin e ha giocato con le sue palle con l’altra mano. In silenzio, ha spinto il dito su per il culo di Austin e ha iniziato a spingerlo dentro e fuori.

“Conosci il tipo di mutandine. Messaggi ‘Sono un gattino cattivo’. Oh aspetta, non potresti, dato che non esci, giusto? E non mi hai mai visto nudo o in mutandine, certo. “

“S-sì signora.” Austin stava piangendo un po’ adesso, le lacrime gli rigavano il viso come lava fusa… pensando a che piccola creatura triste fosse.

“Ma signorina Chianti, se indosso quel tipo di mutandine e qualcuno le vede…”

“Nessuno li vedrà. Anche se non indossassi la cintura di castità, quale ragazza verrebbe a letto con te? Non hai portato tua madre al ballo di fine anno?, non puoi usare gli orinatoi da uomo, devi aspettare fino a ‘ una cabina si svuota, come una ragazza».

“Sì, è vero, signorina Chianti.”

“Ricordi come dovevi fare pipì, e tutte le bancarelle erano piene quando eri nel bagno dell’obitorio, e ti bagnavi l’inguine con quei brutti pantaloni a quadri? Me ne hai mandato una foto.”

Austin piangeva più forte, pensando a quanto fosse codardo.

“Sì. Hai CHIESTO di essere casto e quest’anno mi hai pagato quasi undicimila dollari solo per ricordarti che piccolo strambo solitario sei.”

“Lo so… (singhiozzo)”

“Sì, ti metterai le mutandine e lo adorerai. Posso anche iniziare a farti indossare reggicalze sotto i tuoi brutti pantaloni a quadri, perché no?”

Smalto, mi vengono in mente un sacco di cose divertenti per te, perché ammettiamolo, le donne vogliono uomini veri e chissà, forse puoi essere una puttana per un vero uomo, anche se non ti taglio le palle . Sarebbe una risata, vero?

Chianti aveva spruzzato del lubrificante sul cazzo duro del missile di Austin e lo stava asciugando il più velocemente possibile.

“Penso che quando fai le battute a casa, dovresti indossare solo la biancheria intima e un paio di mollette – no, trappole per topi nei capezzoli e rossetto rosa. tu-Oooh! “

Austin è arrivato nel palmo di DeliLoribeth dal Chianti.

“Oh, mi dispiace tanto Miss Chianti, io…”

“Leccami sulla mano, è vero, poi torna in ginocchio.

“Nuh-no. Sono appena arrivato. Non sarà-“

“Lo so, dato che sei venuto a sculacciare non ti eccita, vero, ragazzino?” Pura punizione adesso. Dovrei trascinarti in ginocchio per il tuo orecchio?

Altre storie erotiche  Golden Girl Ch. 11 - BDSM

Quando Chianti trascinò di nuovo Austin in ginocchio, lei gli urlò nell’orecchio. “Devi vedermi due volte a settimana, ma vieni solo una volta al mese. Non te lo puoi permettere? Lascia le chiavi di quella ridicola moto che guidavi. Le moto sono da uomini. Ti consiglio di comprare un triciclo.”

Quando Austin se ne andò, con la cintura di castità allacciata di nuovo e probabilmente incapace di sedersi per un mese (avrebbe scritto le battute in piedi?) Chianti aveva voglia di fare un pisolino, ma sapeva di avere un altro cliente.

Nastro di Dickie!

E sarebbe divertente se Dickie venisse con il nastro adesivo che gli ha spalmato sul petto, sul cazzo e sulle palle domenica scorsa. Poveretto, come ha fatto la doccia?

Stava strappando il nastro adesivo, tutti quei capelli si stavano strappando via, Dickie stava urlando e poi stava dolorosamente passando sopra il suo cazzo con una spazzola metallica.

Il pennello era il tipo usato per raschiare la vernice dalle superfici metalliche. Sì, il pennello ha fatto alzare Dickie e prestare attenzione! E poi il Chianti ha decorato il cazzo di Dickie, povero Dickie, con delle spille da balia, appuntandole su tutto il prepuzio…

E poi, quando era davvero a disagio, Chianti ordinava a Dickie di masturbarsi!

Sarebbe la tua prima volta dopo settimane, non riesci a raggiungere il tuo cazzo quando è bloccato per giorni, vero?

Ovviamente, con tutti quegli spilli affilati addosso, Dickie non vorrebbe giocare con il suo cazzo troppo forte, ma con troppa attenzione. D’altra parte, sarebbe stato disperato di venire.

Ed è allora che Chianti ha ordinato a Dickie di venire tra cinque minuti, il che significava un sacco di sfregamenti veloci. Guardare ha reso il Chianti così caldo!

Ma aspetta. È vero. Nastro adesivo Dickie era fuori città questo fine settimana. Come il capo della polizia per l’immigrazione illegale Richard Helmsford, stava parlando a un gruppo di conservatori dagli occhi brillanti a Oswego, New York.

Dickie non sarebbe tornato prima di martedì.

Il Chianti fu quindi libero fino alle quattro circa.

Poi è intervenuto Pettibone Drisk, un fotografo internazionale.

Pettibone era una bella donna, almeno un piede più alta del Chianti, ma non l’avresti mai saputo dal suo comportamento di fronte alla sua padrona.

Petti ha portato al Chianti una frusta lunga e spessa che ha comprato mentre faceva fotografie di animali selvatici in Sudan.

Ora, ogni settimana, Petti veniva a visitare il Chianti, sborsava oltre $ 500 e si spogliava, e il Chianti si divertiva con la frusta.

Petti ha lottato all’inizio. Era diverso dal fantasticare di essere frustato e sperimentarlo.

Tuttavia, Petti stava iniziando a farsi le ciglia bene e, naturalmente, più tardi, il Chianti avrebbe applicato la pomata sui lividi di Petti, quindi si sarebbero baciati e Petti avrebbe comunque leccato la figa al Chianti lungo e corroborante.

Questo metterebbe Chianti dell’umore giusto per il ritorno a casa del marito…

Chianti sorrise, pensandoci ora, e poi il suo cellulare squillò.

“Qui il Chianti”.

“Chianti, questo è Vernon McInnis.”

“Verone!

Vernon era ospite del Chianti da tredici anni, anche se le visite erano leggermente rallentate dal suo matrimonio.

“Loribeth ed io stiamo litigando, e speravamo che avresti tempo nel tuo programma oggi, o forse domani, per qualche consiglio?”

“In realtà, ho il pomeriggio. Vernon, dove sei?

“Siamo sul blocco, e Dio, speravo che lo dicessi.”

Il Chianti preparò del tè e dei biscotti e li mise sul tavolino accanto al divano.

Chianti si guardò allo specchio e decise che sembrava presentabile. L’aspetto di Christina Hendricks (ora che ha tirato indietro il maglione sulle tette) ha funzionato bene per il consiglio, pensò.

Suonò il campanello e Chianti andò alla porta e fece entrare Vernon e Loribeth. Chianti baciò Vernon sulla guancia e abbracciò Loribeth anche se non conosceva molto bene Loribeth.

Aveva aiutato Loribeth a diventare un’efficace moglie dominante, ma fortunatamente Loribeth era stata uno studioso veloce.

Vernon e Loribeth erano seduti sulle sedie di fronte al divano, e Chianti si lasciò cadere sul divano e sorrise loro. “Allora cosa sta succedendo, ragazzi?” Fammi vedere.

Vernon, un uomo bianco panciuto, completo di parrucca e soprabito sportivo, era di gran lunga più numeroso di Loribeth, che pesava circa cinquantacinque libbre, una specie di scultore.

Le sue visite di consulenza avevano fatto grandi cose per estinguere il mutuo del Chianti e installare un secondo bagno nella dispensa.

Il marito di Chianti era un bravo ragazzo, ma fare l’insegnante di ceramica non aiuta molto con i costi di ristrutturazione della casa!

Vernon, un ragazzo molto aperto iniziò a parlare. “Chianti, Loribeth a-“

“Parla con Loribeth”, ordinò Chianti. “Guardala. Sto solo mediando qui, almeno finora.”

“Loribeth, sento che hai usato il nostro piano di castità per approfittare di me. È il mio uh, il mio pervertito, e ci siamo divertiti un sacco, ma negli ultimi due mesi le cose sono diventate difficili. “

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *