Claimed – BDSM – Literotica.com

di | 16 de Novembre, 2022

Questa storia è tratta da Boots 5. Dopo averla modificata e migliorata, la storia sembrava andare bene da sola. Così ho deciso di pubblicarlo così.

Grazie a KalleyReys per il suo assemblaggio altamente qualificato e la consulenza esperta. Ha migliorato l’esperienza di lettura per me e per te, il lettore. Mi ha aiutato a portare più cuore e sentimento in questa storia.

🇧🇷

Tutto è successo in una calda giornata invernale.

“Vuoi mettere via i vestiti?” mi hai chiesto gentilmente questo pomeriggio. Avevo appena finito di lavare i piatti e di spazzare il pavimento della cucina. Fai così tanto che non potrei mai fare abbastanza per bilanciare il carico di lavoro.

“VA BENE.”

“Togliti i vestiti.”

“Sì signora.”

Ora mi hai reclamato, diventando più di mia moglie. Sei diventata la mia Padrona. Ero fin troppo felice di inchinarmi alla sua autorità. Liberato per diventare suo possesso, ho rinunciato alle mie speranze e aspettative per questo incontro. Ora ero governato da te. La mia carne formicolava. Ho saltato per obbedire.

Il mio cuore batteva all’impazzata, ma mi sentivo rassicurato a perdere contro di te. Obbedirei a qualsiasi cosa tu chiedessi, anche se mi spingessi oltre quelli che pensavo fossero i miei limiti. Mi umili e mi controlli amorevolmente, sapendo che non amerei nient’altro che giacere nudo accanto a te, aspettando con riverenza, pronto a compiacerti mentre ti siedi distante e distante sul divano a leggere.maestoso.

Mi sono tirato la maglietta sopra la testa mentre guardavi. Il mio cuore ha perso un battito quando ho visto l’accenno di un sorriso. Ho lasciato cadere i pantaloncini e ho fatto scivolare i boxer sul pavimento. Come una preda davanti a un predatore, ero nudo e vulnerabile davanti a te. Tremando, aspettai con impazienza i suoi ordini. Non vedevo l’ora che tu notassi la mia disponibilità.

Hai ordinato da bere e io sono sparito per prendertelo. Ti stavi rilassando sul divano quando sono tornato, lentamente assorbito da una rivista di trapunte.

Mi sono librato nelle vicinanze. Eri assorto nella tua lettura. Per quella che sembra un’eternità, leggi, ignorando il servo nudo accanto a te. Sentii la tensione salire alla bocca dello stomaco, penetrare nei miei testicoli. Stavi davvero leggendo? O mi prendi in giro? Sì. Ero il tuo giocattolo. Il mio cazzo si contrasse con una scintilla di gioia. Ero vigile quando ti sei rivolto a me.

“Come posso accontentarla oggi, signora?” »

Mi sentivo come un cucciolo, che saltava esuberante ai tuoi piedi solo per starti vicino.

Solo la tua vicinanza ha riscaldato il mio desiderio per te come braci profonde nella mia carne. Il suo sguardo accese una piccola lingua di fuoco. Il suo sguardo era potente e intenso. Sbiadii come un fiammifero acceso. Il suo dominio ha gettato legna da ardere nella fiamma, alimentando un fuoco che volevo consumare.

Il mio sincero desiderio di ascoltare i loro semplici impulsi mi agitava la carne. Un tuo ordine mi infiammerebbe i lombi.

Hai fatto una lista di cose da fare e ho ascoltato con molta attenzione, diligentemente per completare ognuna. Volevo, no, avevo bisogno di dimostrarti che ero lo schiavo perfetto, che potevo accontentarti. Soddisfare anche il tuo più piccolo capriccio mi riempirebbe il cuore di contentezza.

Il mio lavoro è una performance di nudo; tu sei il pubblico che devo accontentare.

“Vieni qui,” chiamai dolcemente.

Ho messo la scopa che stavo usando in un angolo e sono corsa verso di te con ansia. Il mio stomaco si contrasse per l’eccitazione mentre mi avvicinavo.

Indossavi pantaloncini e maglietta. Stavi con il peso su una gamba sola, la mano sul fianco. Il suo volto era illuminato da un sorriso lascivo e sornione. E tu hai tenuto la frusta. Il mio cuore ha corso.

La mia speranza è venuta quando l’hai scossa vicino al suolo. Sibilava a ogni colpo. Lo scintillio nei tuoi occhi mi ha fatto sperare che l’avresti usato. lo volevo. Sai come mi piace.

“In ginocchio”, hai detto. “Siediti. Non appoggiarti allo schienale.”

“Sì signora.” Mi sono donato a te, assumendo l’umile atteggiamento che mi chiedevi. Mi hai dominato. La sua postura era rilassata e controllata. Basso e piccolo, mi sentivo un nano. Mi accetteresti?

Mi hai accarezzato i capelli, giocando con le morbide ciocche delle tue dita. Volevo che la mia obbedienza lo eccitasse, lo rafforzasse. Sperai che avrebbe creato una fame selvaggia che sarebbe sorta per divorarmi come un coniglio dalla bocca di un lupo. Sudo dalla paura o dal desiderio. Non posso dire.

“Ti piacciono le tue faccende? mi hai chiesto, colpendo il mio pene gonfio con la punta della frusta.

“Sì signora.” Inginocchiato ai suoi piedi, il mio cuore batteva all’impazzata. Il mio cazzo è cresciuto, pre-eiaculazione sulla punta mentre giocavi con il mio piacere.

“Oh mio Dio,” hai detto con disappunto. Hai esaminato la punta della frusta, imbrattata dalla mia eccitazione. Ti sei alzato sulla mia faccia, asciugando il mio pre-cum sulla mia guancia.

“Dovrai ripulire tutto questo, schiavo.”

Me l’hai infilato in bocca. Ho succhiato e leccato la lingua coriacea.

“Ecco fatto, il mio piccolo giocattolo.”

Hai riso. Ho succhiato e leccato più voracemente. Eri soddisfatto!

«Adesso metti le mani sul pavimento» dissi freddamente, allontanandolo dalla mia bocca.

“Sì signora.” Sono caduto a quattro zampe.

Non ho avuto il tempo di pensare al mio culo nudo davanti a te. Con un leggero sibilo, la frusta mi colpisce il culo con uno schiocco. Sono saltato nel pungiglione lampeggiante. Il mio cazzo sussultò quando sentii il formicolio della sua amorevole considerazione.

“Ti è piaciuto, vero?”

“Sì signora.”

“Cosa hai detto?”

“Grazie signora.”

“Perché?”

“Grazie per aver condiviso la sua frusta con me, signora. Apprezzo la sua attenzione.”

“Sai perché ti ho colpito?

“Qualsiasi ragione per cui la mia Padrona userebbe la sua frusta sul suo schiavo è una buona ragione.”

“È vero.” Con un fischio acuto, mi hai dato un altro calcio nel culo.

“Grazie signora.”

La palpitante connessione tra il bruciore nel culo e il desiderio che mi cresceva all’inguine dopo ogni colpo era come bere un bicchiere di buon vino, un sorso alla volta. La sensazione ricca e profonda alleviò la mia mente tesa. sorrido serenamente.

Strisce rosa pallido segnavano i miei fianchi. Li ho indossati con orgoglio come prova della mia volontà data a te, con gioia e amore. Li hai messi su di me dimostrando la tua accettazione del mio servizio. Diventi più del mio amante. Eri la mia dominatrice.

“Ho notato che eri parzialmente duro a fare le faccende.”

“Sì signora. È un piacere servirvi.” Il mio cuore batteva.

“Bene. Voglio uno schiavo felice.”

Hai sorriso dolcemente. Una calda soddisfazione mi salì nel petto alla sua approvazione.

Hai alzato il braccio sopra la testa e mi hai dato un’ultima pacca sul sedere. Ho saltato, ansimando pesantemente.

“Puoi finire le tue faccende,” sorrisi.

“Grazie signora.” Sarebbe una bella giornata.

Con il culo che mi faceva male e la mia Padrona che mi guardava, non ho avuto problemi a continuare felicemente i miei compiti.

Stavo finendo l’ultimo compito quando ti ho visto uscire dalla stanza. Indossavi jeans attillati che abbracciavano i tuoi glutei sodi e un top verde che abbracciava i tuoi seni morbidi e rotondi. Sulle sue spalle lisce e pallide apparve la spallina nera di un reggiseno. I suoi alti stivali neri avevano il tacco di quattro pollici.

Eri bellissima. Chiunque ti vedesse girerebbe la testa. Potresti averne uno qualsiasi. Ma tu hai scelto me. Repressi l’impulso di gettarmi ai suoi piedi e inchinarmi in segno di gratitudine per il momento.

“Hai fatto bene,” hai detto, accarezzando la mia erezione rigida. “Ho deciso di permetterti di darmi un orgasmo.”

“Grazie signora.” Il mio cuore batteva forte e il mio cazzo duro tremava. Ero pronto a farti piacere.

“Ma non adesso.” Hai riso crudelmente. “Ho alcune cose da fare e spero che prenderete le disposizioni necessarie.

“Sì signora.” La mia erezione tremava ancora per le speranze che hai deluso così in fretta. Oh, come hai scherzato.

“Prenderò un cheeseburger svizzero e del vino per cena quando io ritornerà.”

“Come desidera, signora.”

“Dovrebbe essere pronto a servire nella veranda sul retro quando torno.”

Ho capito cosa intendevi quando hai detto “preparati”. Mi hai affidato una missione e ho potuto vedere la tua soddisfazione quando l’ho portata a termine. Mi sono assicurato che il letto fosse fatto, liscio e solido, proprio come piace a te. Ho la stanza. La stanza era dipinta di rosa; un colore sensuale e sexy che ami. Mi sono sentito deliziosamente addomesticato.

Accendere quelle scintillanti luci rosa che hai comprato per Natale mi ha emozionato. La prima volta che li abbiamo indossati, la vista della sua pelle morbida e liscia bagnata da un bagliore rosa ha sciolto la mia volontà. Mi sono avvicinato a te con un inchino e ho rimosso con cura la tua camicia da notte leopardata per te, rivelando le tue eleganti curve femminili. La mia rigida erezione si è annidata nella tua mano morbida e gentile, mi hai dato un bacio soffocante che mi ha fatto appassire. Mi hai nutrito con il tuo sesso umido e aromatico. Mi hai accolto nella tua calda morbidezza e hai giocato con la mia durezza, facendomi scivolare dentro e fuori dalla tua figa affamata. Ho soffocato il ricordo.

Successivamente, ho steso il morbido, spesso, bianco “tappetino del sesso” in pelliccia sintetica sul copriletto. Non potevo guardarlo senza vedere la bellissima vista di te sdraiato su di esso, nudo, che ti mostri a me. Ma come una leccornia nel muso di un cane, ero duro e congelato finché non mi hai dato un ordine.

Ho messo la frusta sulla pelle. Il suo nero minaccioso contrastava in modo seducente con la morbida opulenza bianca del tappeto. Mi stavo eccitando, desideroso di sapere quando lo avresti usato, pronto a fornire l’orgasmo urlante che hai richiesto.

Ma desideravo ancora più impotenza di fronte a te. Stavo cercando un modo tangibile per umiliarmi per il suo divertimento. Volevo qualcosa da indossare, qualcosa di meno di niente. frugai nel mio cassetto di mutandine e tanga, cercando qualcosa che mi aiutasse a sentirmi più umile.

Ho trovato un piccolo perizoma che ho comprato molto tempo fa ma che non ho mai avuto l’opportunità di usare per te. Era di pizzo bianco con ricami rosa e un piccolo fiocco rosa davanti in alto. La piccola borsa conteneva a malapena il mio pacco. Gli ornamenti femminili erano eviranti. Prometteva il degrado che sognavo.

Ho srotolato l’elastico ritorto e ho indossato con cura l’indumento leggero. Le mie cosce tremavano mentre scivolavo giù per le gambe. Il raschiare sciolto del pizzo delicato mi accarezzava la pelle. Mi sono incartato come un dono, un’offerta alla tua stirpe, vulnerabile, non protetta e degradata da te.

Ero elettrizzato. L’elastico si conficcò saldamente nella mia fessura, facendomi sentire a disagio. Mi sono guardato allo specchio. Il mio membro gonfio era circondato dalla bella veste, poiché il suo potere comandava il mio corpo, abbracciando tutto il mio essere. Ero senza fiato.

Per rimpicciolirmi ulteriormente, ho indossato un’imbracatura di corda. Ho infilato le mani nelle manette attaccate alla lunghezza che mi avvolgeva la vita. Ho stretto i legami attorno ai miei polsi. Potrei facilmente sfuggirgli, ma non lo farei. Sono stato catturato, prigioniero delle tue sfacciate fantasie.

Ho messo il tavolo del patio. Un posto. Non hai detto che mi sarei unito a te e non sono presuntuoso. Era il mio unico posto in cui servire. Non ero minimamente preoccupato per la mia cena. Sapevo che più tardi avrei assaporato il mio pasto preferito: tu.

Ho aggiunto fiori e candele. Sarebbe buio quando torni a casa. Poso il suo bicchiere di vino sul tavolo.

Ho rivolto la mia attenzione alla preparazione del pasto che hai ordinato. Ho preso una bottiglia di vino che hai portato a casa di recente. La tavola e il letto erano preparati, ma tutto sembrava vuoto in sua assenza. Sono stato sopraffatto dal bisogno di connettermi con te. Col cuore in gola, ho preso il telefono e ho mandato un messaggio.

Schiavo: “Il tuo pasto è pronto.”

Lady: “Per cena, voglio formaggio svizzero sul mio hamburger con un abbinamento di vini.”

Schiavo: “Sì, signora.” “Sono pronto a servirvi, signora.”

Mi tremavano le mani. Saresti qui presto. Eccitata, mi aggiustai il perizoma e il laccio intorno alla vita. Il mio ardore è aumentato. Non vedevo l’ora che arrivassi. L’attesa mi ha indebolito le ginocchia. Sono rimasto dove mi avresti visto quando sei entrato e ho aspettato senza fiato.

Sei entrato. Rimasi saggiamente deferente, allacciato nel mio piccolo perizoma di pizzo.

“La cena è pronta per essere servita, signora,” dissi umilmente.

Hai sorriso. arrossii timidamente. Un’ondata di elettricità attraversò il mio corpo fino all’inguine. Ti avvicini a me, i tuoi occhi luminosi fissano i miei.

“Allora, schiavo,” la tua voce era profonda e sensuale mentre accarezzavi le mie palle doloranti. “Ti vedo vestito per l’occasione.”

Ho deglutito a fatica. “Sì signora.”

Hai toccato il fiocco rosa sul fianco del mio perizoma.

“Perché hai scelto una tale sciocchezza?”

Ho deglutito a fatica. Il mio labbro tremava. “La mia Padrona è adorabile e potente,” gemetti. “Sei bella e ti circondi di cose belle. Volevo essere bella per te. Scusami se ti ho fatto arrabbiare.”

“È carino.” Un accenno di sorriso ti sfuggì dalle labbra mentre accarezzavi la piccola balza di pizzo in vita. “Sembra qualcosa che indosserebbe una ragazza.”

Mi hai guardato negli occhi, le labbra imbronciate in modo seducente. ” Questo è quello che vuoi ? Sembri una ragazza?

“Voglio essere degradato davanti alla mia Padrona.” La mia voce tremava.

Mi hai afferrato violentemente l’inguine. “Rispondimi, schiavo. Vuoi sembrare una ragazza? Non c’era dolcezza nel suo atteggiamento. Solo pura determinazione.

“Sì signora!” Ho urlato. “Voglio essere una bella ragazza per te.”

Hai riso crudelmente. “Hmm. Mi chiedo cosa ne penserebbero i tuoi colleghi?” Il mio cuore si è fermato. No! Lei non direbbe. Lei? “Cosa direbbe il tuo capo se ti vedesse adesso, mio ​​bellissimo schiavo?”

La mia mascella è caduta. Non potevo muovermi.

“La tua paura mi fa piacere. Mi dice che mi sei completamente sottomesso. Mi piace governarti. Non preoccuparti. Terrò per me il mio servitore malvagio. Per ora.”

Il suo sorriso era furbo. Mi ha fatto sentire debole. Possedendo tutti i miei segreti, il suo potere su di me era illimitato. Ho dovuto obbedirti. Non avevo davvero scelta.

Hai riso di gioia musicale. Il mio spirito è salito alle stelle per averti intrattenuto.

“È interessante avere uno schiavo così”, hai detto, sfruttando in modo approssimativo la mia eccitazione. Ho stretto i denti dalla gioia.

«Aspettami sulla mia sedia, signorina. Mi hai tirato forte sulle palle prima di lasciarmi andare.

“Sì signora.”

Hai sorriso quando mi sono girato e sono uscito in cortile.

Sei scomparso nella stanza. Ero chinato sul tavolo ad accendere le candele quando all’improvviso ho sentito il sibilo. La frusta colpì il fondo delle mie morbide guance con uno schiocco sonoro. La sorpresa e il dolore mi fecero sussultare. I miei sensi erano ora in allerta. La minima brezza accendeva la mia appendice ormai sensibile.

“Grazie signora.”

Indossavi ancora i jeans, la maglietta e le scarpe che avevi quando te ne sei andato. Mi ha deluso che tu non abbia indossato i vestiti di Dominatrix, il corpetto nero e gli stivali alti. Ma mi ha umiliato che tu abbia rifiutato le mie speranze per il tuo conforto.

Hai tenuto la frusta liberamente e comodamente. Il suo peso era su una gamba e le sue braccia erano incrociate. Il luccichio nei tuoi occhi smentiva il comportamento severo che cercavi di rappresentare. E se non fossi contento che io tenga la frusta?

Mi contorcevo a disagio, scoperto ed esposto. La corda mi ha fatto sentire più calmo del previsto. Muovevo le gambe e respiravo pesantemente. Sentivo il peso della sua autorità come una valanga sul punto di travolgermi. Ero alla tua mercé e tu sembravi spietato. Ero quasi sopraffatto dal desiderio di inginocchiarmi davanti a te in segno di resa.

“Hai reso la stanza accogliente,” hai detto con voce tesa e soffocata.

“Spero che sia soddisfatta, signora.”

“Io sono”, hai risposto quasi in un sussurro che ho cercato di sentire. Ero soffocato, pronto per essere divorato. Forse salterai il tuo pasto e consumerai invece la mia carne.

“Sembro sexy, schiavo?” hai chiesto.

“Sembri molto sexy signora.”

“Quanto ho caldo?”

“Sfrigoli ad ogni movimento. Mi fai sudare. Sono felice di essere la tua umile schiava del sesso e di soddisfare ogni tuo desiderio.”

Hai sorriso. Ho tenuto la tua sedia mentre ti sedevi.

“Il vostro umile suddito può servire il vostro pasto, padrona?”

Ho spinto la tua sedia quando ti sei seduto e mi hai salutato senza dire una parola. Ti ho portato il pasto e ho aspettato che tu fossi soddisfatto.

Il suo sguardo mi ha spogliato di tutte le mie difese. sentì bruscamente la mia esposizione, sentendomi ancora più nudo. I miei polsi legati riflettevano il mio cuore legato, irrevocabilmente legato a te. Come sembrerebbe agli altri se lo vedessero? La mia presentazione potrebbe qualificarti? Sarei orgoglioso di essere visto spogliato e umiliato al servizio della mia Signora.

“Inchinati, schiavo.”

Mi chinai obbediente, le mani sul tavolo, e allargai le gambe. Inarcai la schiena per ricevere la gratificazione che sapevo sarebbe arrivata.

Fruscio! Fruscio! Fruscio!

Ho sentito il sibilo prima che colpisse la mia pelle nuda con uno schiocco acuto. La fugace attesa prima del contatto mi eccitava. Ogni colpo mi faceva sobbalzare di sorpresa. La puntura calda aumentò la mia eccitazione. Questi colpi erano elogi della mia Signora, ricevuti con amorosa gratitudine e gioia.

“Grazie signora.”

“Porta il mio vino, schiavo.

Il mio cazzo si contrasse mentre recuperavo il vino e il cavatappi. Ho aperto la bottiglia in tua presenza. Tenendogli il bicchiere, gli versai il suo drink. Hai bevuto un sorso e hai sorriso.

“Sì,” fai le fusa. “Piegati in avanti.”

Con entusiasmo, ho subito obbedito. Il mio culo era ancora caldo.

Fruscio! Fruscio! Fruscio!

Altri tre colpi e il mio cazzo era in fiamme. Ti stavi muovendo più forte che mai. Il mio stomaco si contrasse per il bruciore nel culo. La sensazione era profonda, raggiungendo il mio inguine. gemetti.

“Voglio dell’acqua, ragazza.”

“Sì signora.”

Ti metto un bicchiere davanti. Mi hai guardato, guardandomi, dispiaciuto. Il suo sguardo scuro mi infastidiva e mi irrigidiva. Cosa avevo dimenticato? Cosa devo fare per riconquistare il favore della mia signora? Così ho capito e mi sono inchinato. Come potrei dimenticare la mia ricompensa?

Fruscio! Fruscio! Fruscio!

Ogni oscillazione trafiggeva la notte tranquilla del nostro quartiere addormentato.

“Grazie signora.” Pre-cum inzuppato il mio piccolo perizoma di pizzo.

Sono rimasto al tuo fianco mentre mangiavi. Le mie calde guance erano ammorbidite dalla leggera brezza mentre giacevo fuori. Non hai mai usato la frusta così generosamente. I miei fianchi caldi ti stavano implorando di usarlo di più.

Nella mia beata sottomissione, ho guardato intorno al cortile sul retro del recinto della privacy. E se i nostri vicini fossero lì, godendosi la nostra stessa notte calda, bevendo sulla loro terrazza? Ho trattenuto il respiro dalla paura. Hanno sentito di tutto, dal sibilo e lo schiocco della frusta contro le mie natiche al mio dolce ma chiaro “Grazie signora”. Senza dubbio avrebbero saputo cosa stavamo facendo.

Guardai oltre la recinzione, i miei occhi spalancati per l’imbarazzo. C’erano diverse case accanto alla nostra. Chiunque poteva sbirciare oltre il recinto e vedere tutto. Non li vedrei mai. Essere scoperti all’improvviso mi è sembrato reale. rabbrividii. Mia moglie stava tranquillamente sorseggiando il suo vino. Cosa farei ?

Il mio pene era agitato, riempiva la piccola tasca dei miei vestiti. Perché ero eccitato quando potevo essere umiliato di fronte ai vicini?

“Va bene,” hai detto.

“Grazie signora,” dissi tremante.

“Ha bisogno di sale.”

Sono corso dentro a prendere un po’ di sale. La mia umiliazione non aveva importanza. Basta servire la mia signora ha fatto. Se qualcuno ci vedesse, potrebbe immaginare mia moglie che li saluta e li chiama. Ha parlato con loro come se nulla fosse accaduto mentre io ero accanto a lei in un perizoma femminile con i polsi legati, come avrei dovuto essere naturalmente. Sarei completamente umiliato, degradato nel senso più basso. E se lei avesse voluto che accadesse? E se lo eccitasse?

Se piacesse alla mia Padrona, soffocherei la mia mortificazione. Sono tornato rampante con il sale. Questa volta mi sono sporto avidamente sul tavolo senza prendere ordini.

Fruscio! Fruscio! Fruscio!

Rimasi senza fiato per il piacere e l’imbarazzo a ogni colpo. Esitai ad alzarmi dalla mia umile posizione, pronto a ricevere il colpo di frusta.

“Grazie signora,” sospirai, grata per i colpi e la sua disponibilità a farmi mostrare il mio amore e la mia devozione per lui. Speravo che i vicini sentissero e vedessero cosa ero disposto a fare per la mia Padrona.

Mi hai inondato liberamente il culo con la frusta. Ho riempito il tuo vino diverse volte. Ogni volta, sono stato ricompensato con tre colpi spietati e ho doverosamente espresso la mia gratitudine con le dolci parole: “Grazie, signora”.

Ho pulito i tuoi piatti. Tre colpi. Dolce. Swat. Più vino. Swat. Mi è piaciuto. E si è visto nella mia tenacia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *