Discord Pt. 01 – BDSM

di | 18 de Giugno, 2022

Nota dell’autore:

Questo è pensato per essere più vicino alla fine dello spettro a combustione lenta rispetto a un’uscita veloce. Se vuoi fare un rapido tuffo nel sesso, potresti voler cercare altrove.

Questa storia è originariamente una delizia per i miei amici online, nonché un’opportunità per esplorare il gioco online come un tipo di ambientazione diverso da quello di cui ho scritto in passato. Ora che la storia è completa, vorrei condividerla qui e spero davvero che vi piaccia!

Ho caricato tutte e tre le parti insieme, quindi spero che le parti due e tre passino attraverso il processo di approvazione e siano presto disponibili.

Molte grazie a tutti coloro che hanno aiutato, inclusi commenti, modifiche e incoraggiamenti da 29wordsforsnow, Echo, Jane, Anze ed EGRI.

Tags: bdsm, donna sottomessa, donna dominante, lesbica, negazione dell’orgasmo, masturbazione, romanticismo, consensuale

——————-

Prologo – Viola

Violet è riuscita a contenere le sue emozioni fino alla sua macchina e dietro l’angolo, fuori dalla vista della casa della Signora – mi dispiace, EX-Miss. Onestamente, non era nemmeno arrabbiata per la rottura. Non in quanto tale, comunque. Non erano stati insieme abbastanza a lungo perché gli mancasse Violette. Sono solo… cinque dominatrici in cinque anni. Cinque relazioni fallite. Ad un certo punto, non significava che non erano loro? Non significava che il problema era di per sé, in quanto unica variabile comune?

Naturalmente, c’erano ragioni perfettamente giustificabili per cui erano tutti cattivi abbinamenti. Cinque anni fa, Jasmine era una principessa così insopportabile che era come uscire con il vero personaggio Disney. Quindi Mei era stata l’estremo opposto. Timido in camera da letto al punto che Violet dimentica chi dovrebbe essere sopra chi. Vanessa era stata fantastica e stavano insieme da due anni, ma sfortunatamente voleva disperatamente dei bambini e Violet non voleva assolutamente avere niente a che fare con loro.

La rottura con Vanessa è stata straziante e Violet si è gettata tra le braccia della prossima donna dominante che è riuscita a trovare solo per alleviare il dolore. Cosa che, ovviamente, non era il caso. Colpire con Kathy era stato un errore. Kathy era emotivamente manipolatrice al punto da essere violenta, e anche sapendo cosa stava succedendo, Violet è rimasta nella relazione per mesi per un dannato desiderio di vedere fino a che punto Kathy l’avrebbe spinta prima di interromperla.

E ora, l’ex signorina Zoey…

Violet era venuta a casa sua oggi aspettandosi una scena sexy in cui la Padrona lavorava da casa ed era un buon giocattolo sotto la scrivania, strofinandosi i piedi e mangiandosi la figa ogni volta che la Padrona glielo chiedeva. Invece, Violet si ritrovò a odiare il suo posto in prima fila nella vita professionale della Signora. Anche se cercava di ignorarlo, per convincersi che era un errore, un incontro dopo l’altro lo rendeva quasi inevitabile.

Zoey era un’idiota. Uno stronzo incompetente e una troia completa per chiunque lavori con lei.

Violet sospirò, frustrazione e rabbia che le impedivano di concentrarsi sulla strada.

Era così ovvio in retrospettiva. Si frequentavano da poche settimane, ma in realtà Violet avrebbe dovuto saperlo meglio dall’inizio. Era davvero così disperata per qualcuno che era diventata così? Si è messa così tanti paraocchi da essere attratta da questo idiota?

Le facevano male le dita e ci vollero alcuni secondi prima che Violet si rendesse conto che stava cercando di spaccare il volante. Bene, maledetta ruota! Era bello soffrire e QUALCOSA doveva pagare.

Ma non appena ci ha pensato, si è vergognata di se stessa e ha costretto il suo corpo a rilassarsi. Non era lei, odiava essere arrabbiata in quel modo. Respirazione profonda. Respirazione profonda.

Cinque relazioni fallite. Cinque punti dati, in fila, disegnando una linea di tendenza che punta verso se stessa. Cosa c’era di sbagliato in lei? Perché non poteva…

Violet ha frenato forte, fermandosi a malapena prima di passare attraverso il semaforo rosso. “FUCKED RESPIRO PROFONDO!”

In qualche modo, in un modo del tutto inspiegabile, urlare contro se stessa non faceva nulla per calmarla.

Così si è arresa e si è lasciata trasportare. Almeno in macchina, nessuno poteva sentirla imprecare, e si sentì un po’ meglio quando finalmente si fermò nel vialetto. O almeno meno tentati di rompere le cose.

Qualcosa doveva cambiare. Altrimenti, perché soffermarsi sul passato se non per aggiustare le cose adesso? D’ora in poi, Violet non sarebbe più stata la brava sottomessa passiva, seduta in giro ad aspettare che i dominanti si avvicinassero a lei. Sarebbe uscita e avrebbe trovato una dominatrice, anche se ciò significava guadare centinaia di donne per trovare quella giusta.

Qualcuno con cui potrebbe mettersi in contatto, come la Sig. Vanessa, ma non pazza per i bambini. Qualcuno con una vena sadica abbastanza grande da tenere il passo con l’eccentricità di Violet, ma vorrebbe davvero prendersi cura di lei dopo. Qualcuno abbastanza forte da tenere Violet sotto controllo, ma non ha paura di essere vulnerabile con lei. Qualcuno che era… beh, un essere umano completo e completo che voleva entrare in contatto con lei come qualcosa di più di un semplice sex toy vivente.

E per l’amor di Dio, falla diventare una persona che non pensa di essere troppo bella per ridere durante il sesso.

Altre storie erotiche  Insidious Angel Ch. 09

——————-

Parte 1 — Sylvia, qualche mese dopo.

Fai Giunone con noi! Loro hanno detto.

Sarà divertente! Loro hanno detto.

Non vorrai mai più masturbarti normalmente! Loro hanno detto.

Vuoi provare com’è sentirsi sottomessi, non c’è modo migliore! Loro hanno detto.

Almeno quest’ultimo era vero. Gli altri due? Falso clamoroso.

Sylvia era pienamente consapevole della serietà dell’idea di leggere i canali di chat Discord di NSFW in un momento come questo, ma non poteva trattenersi. Era tutto ciò che poteva fare per impedirsi di caricare più torture porno e strofinare di nuovo il clitoride fino al punto di ebollizione. Qualsiasi cosa in meno doveva essere un gioco leale.

Eco: 0.0 MANCATO!

Lady_Anze: Sì, Eco?

Lady_Anze: Sii una brava cagna e usa le tue parole.

Echo: sdrwrasdfm MIIIISSSSS

Lady_Anze: Spiacente, dovrai riprovare. Non parlo profondamente

Echo: puoi per favore toccare la mia figa oggi per favore

Eco: *si nasconde*

Lady_Anze: Ah, perché non l’hai detto prima!

Lady_Anze: Certo che puoi

Eco: Sì! grazie signorina

Lady_Anze: Finché riporti a tutti qui cosa hai fatto con quel privilegio in seguito, cioè.

Eco: OO MIIIIISSSSSSSS

C’è una lezione qui. Lascia la maratona di un mese di negazione dell’orgasmo ai sottomessi nati come Echo che sono abbastanza pazzi da divertirsi. Vedere la disperazione di Echo ha avuto l’effetto che ha sempre avuto su Sylvia, colpendola sadica nel cuore e mandandole un’onda dritta nella figa, facendola afferrare disperatamente i braccioli della sedia e non perdere il controllo. Non ora, mancano solo tre giorni a giugno. Così vicino al traguardo, eppure così lontano.

È più facile quando ti ci abitui! Loro hanno detto.

Amerai quanto ti fa sentire sexy! Loro hanno detto.

Assurdità. Era una tortura sanguinosa, ogni giorno era più torturante del precedente e Sylvia lo odiava. Odiava la costante disperazione, il modo in cui la sua figa non si chiudeva mai e non riusciva a smettere di voler saltare fuori dalla sua stessa pelle, ma soprattutto odiava il bisogno. Questa sensazione di volere sempre supporto. Volere parlare dei suoi fottuti sentimenti e avere qualcuno che simpatizza con lei.

Se si fosse mai sentita più debole e meno in controllo in tutta la sua vita, non riusciva a ricordare. Non c’è da stupirsi che a tutti i sottotitoli sia piaciuta quella merda. La negazione dell’orgasmo deve essere come prendere steroidi per sottomissione per loro. Ma per una come lei che voleva essere dominante…

Era un ciclo di feedback del desiderio costante qualcosa di diverso dalla stasi di eccitazione repressa che la intrappolava. Voleva venire. Lo voleva, ne aveva bisogno. A questo punto, non le importava nemmeno del piacere orgasmico, aveva solo bisogno di essere liberata dalla tortura di non venire. Di avere i capezzoli permanentemente bucati nel reggiseno e formicolio ogni volta che si muoveva sul sedile, e il rifiuto testardo della sua mente di smettere di fantasticare sul sesso e concentrarsi su tutto ciò che è produttivo.

Interpretava Echo e odiava ogni secondo quando voleva essere Lady_Anze. Infliggere questa tortura a qualcun altro e sentire il potere di togliere loro la salvezza. Per stuzzicarli con la qualità del loro stesso orgasmo, alleviandoli e rilasciandoli, mentre nega loro il rilascio.

Ma fintanto che quell'”altro” era un’ombra senza nome e senza volto nelle loro fantasie, e non un vero partner in carne e ossa…

Un altro ciclo frustrante inevitabile. Prima che qualcuno volesse che fosse dominante, Sylvia aveva bisogno di esperienza. Dopotutto, chi voleva essere la cavia che veniva schiaffeggiata mentre capiva come sculacciare? C’erano così tante cose che doveva sapere, ma non ancora, e l’unico modo per acquisire quell’esperienza era trovare qualcuno con cui esercitarsi. non potrebbe vivere senza…

Girando ancora e ancora come un gatto che si insegue la coda.

Sylvia sospirò e, con una forza di volontà, ridusse al minimo Discord e aprì The Witcher. Stava cercando di battere l’intera campagna di Wild Hunt molto duramente senza morire una volta, perché dov’è il divertimento nel battere qualsiasi cosa facilmente? Ma la sua ricerca si è interrotta qualche settimana fa, quando la sua capacità di concentrazione è andata in vacanza.

Oh, fino a che punto era caduta, che giocare ai videogiochi era uno sforzo emotivo difficile.

Come percependo la sua negatività, Jane si srotolò dal suo posto al tavolo e rivolse a Sylvia uno sguardo di rimprovero. Sylvia guardò il gatto. “Chi?” Ha chiesto, ma ha ceduto quando Jane le ha fatto l’occhiolino lentamente. “Oh, bene,” mormorò, e grattò sotto il mento di Jane, facendola fare le fusa. “Almeno sei ancora felice di vedermi.”

Lentamente, Sylvia si perde nel gioco, tuffandosi in Geralt e divertendosi a massacrare i servitori del Bloody Baron. Queste erano le missioni che amava di più. Quelle in cui ha risolto i suoi problemi facendoli a pezzi con le spade.

Gli ci volle un po’ per notare la notifica di nuovi messaggi non letti che lampeggiava in rosso dall’icona Discord sull’altro suo monitor.

Ciao tu

Vy: sei orribile stasera, Domina

Vy: giornata difficile?

Se fosse stato quasi chiunque altro, Sylvia avrebbe risposto che c’era un posto speciale all’inferno per persone come Vy che si rifiutavano di mettere un apostrofo nelle abbreviazioni o di usare lettere maiuscole, ma che usavano sempre le virgole correttamente. Come se si scegliessero quali elementi grammaticali fossero reali. Ma era Vy, e per quanto odiasse ammetterlo, Sylvia aveva bisogno della sua compagnia. Proprio come aveva bisogno del suo sostegno quasi tutte le altre sere di questo mese.

Altre storie erotiche  Laura Love Ch. 01 - BDSM

Quindi ha cancellato quella risposta sarcastica, e il sarcastico dopo di lei sul fatto di essere solo una fottuta pesca, e alla fine ha risposto con la verità.

Cupcake_Domina: In realtà, ho pensato di cambiare il manico

Cupcake_Domina: Non mi sono mai sentito una domina. Chiamarmi ti fa stare male. Tipo, sono un impostore, sai?

Cupcake_Domina: Inoltre, sei l’unico che mi chiama così. Tutti mi chiamano Cupcake.

Vy: uff

Vy: peccato, eh?

Vy: ne vuoi parlare?

Sylvia sospirò, tornò da The Witcher e sentì immediatamente aumentare la pressione sanguigna. Schivando e tagliando febbrilmente, si salvò a malapena dalla morte di un nemico con cui aveva giurato di aver finito prima di respingere. Tanto per una vacanza rilassante.

Perché Vy ha sempre voluto parlare con una sola voce? Perché non poteva semplicemente mandare messaggi come una persona normale? I messaggi di testo erano molto meno ansiosi. Le dava il tempo di pensare prima di dover rispondere, non doveva cercare di trovare il tono senza essere in grado di vedere con chi stava parlando – l’elenco dei motivi per odiare la chat vocale era lungo.

Ancora una volta, se fosse stato qualcuno diverso da Vy… Almeno questa volta, l’icona di League of Legends dai capelli rosa di Vy è apparsa su uno dei canali vocali privati ​​limitati per due persone. L’unica cosa peggiore che cercare di scoprire chat vocali private era cercare di scoprire chat pubbliche con tonnellate di persone che andavano e venivano.

“Spero che tu sappia quanto sono stata tentata di inventare una scusa”, disse Sylvia mentre si univa a lei.

“Lo dici sempre,” ridacchiò Vy.

” Che cosa ? Tu non mi credi ?

“Dovresti davvero rifiutarmi una o due volte perché io ti creda.”

Sylvia alzò gli occhi al cielo al chiaro divertimento nella voce di Vy, poi si ricordò che Vy non poteva vedere e si sentiva stupida. “Beh, devi sentirti davvero speciale. Chiedi a chiunque altro su questo server, ti assicuro che faccio schifo.”

“Okay,” disse Vy lentamente, chiaramente ancora non credendole. “Quindi comunque, com’è sentirsi un impostore?” Vai a capire, Vy era l’unica persona con cui Sylvia fosse onesta riguardo a tutti i suoi difetti, ed era anche l’unica ad avere una visione del tutto positiva di lei.

Sylvia esitò, mordendosi il labbro e desiderando di non aver ammesso come si sentiva. Continuava a ripetersi che avrebbe cercato di cambiare le cose con Vy. Cerca di mostrare il tuo lato fiducioso e spero che Vy ti veda come un partner dominante e potenziale. Invece, ha continuato ad essere onesta, mostrando a Vy la sua vulnerabilità poco attraente e rendendosi così il meno attraente possibile.

“Non lo so,” rispose Sylvia imbarazzata. “Credo di non sentirmi benissimo in questo momento. Riesco a malapena a tenermi sotto controllo e inoltre non ho mai dominato nessuno. Chiamarmi dominatrice è sbagliato”.

Vy “Hmm”-d nel suo casco, facendo desiderare a Sylvia ancora una volta di poter vedere il suo viso e sapere come si sentiva. Considerato? Deluso dal fatto che Sylvia ti stia ancora dando problemi? “Penso che tu sia ingiusto con te stesso,” disse infine.

“E penso che tu sia un ottimista testardo.”

Hai riso. Aveva una risata piacevole, la sua voce leggera la faceva sembrare genuinamente ottimista e mai beffarda. “Forse sì, ma se applicassi la stessa logica a una situazione diversa?”

“Tipo cosa?”

“Come se ti chiamo finta lesbica solo perché non hai mai fatto sesso gay prima?”

“Non è la stessa cosa”, si lamentò Sylvia.

” Non è questo ? Sai di essere gay perché sei attratto dalle donne. Sapere di essere dominante è proprio questo. Sei eccitato dalla fantasia di avere il controllo, vero?

“Si ma–“

“E preferisci una relazione in cui il tuo partner vuole il tuo controllo?”

“Beh, non permanentemente…”

“Ma almeno in camera da letto?”

“Va bene, hai ragione,” ammise Sylvia, cercando di sembrare infastidita dal fatto che fosse stata smentita, ma sentendo un po’ di felicità nella sua stessa voce. Se Vy fosse disposto a difenderla da se stesso in quel modo, forse vedrebbe un po’ del suo lato prepotente invece di essere solo un’amica online.

Ma non appena lo sentì, Sylvia spense la piccola ondata di speranza. Vy era un milione di miglia fuori dalla sua portata. Era perfetta: gay, sottomessa, altamente informata, carismatica, gentile, inspiegabilmente single, audace e abbastanza estroversa da pubblicare video bizzarri di se stessa che facevano sbavare Sylvia. Poteva avere qualsiasi domme volesse, e il flirt che aveva con Sylvia era abbastanza normale per i server Discord di NSFW. Tutti flirtavano con tutti gli altri, non significava niente.

“Per la cronaca, non sono COSÌ inesperto”, ha aggiunto Sylvia.

” Oh ? Riguardo a cosa ? »

“Di essere vergine.”

“Oh scusa!” Hai riso. “Non volevo dire che lo fossi, era solo il miglior controesempio a cui riuscivo a pensare. Il la prima cosa a cui ho pensato non ha funzionato”.

Altre storie erotiche  Mistress M - BDSM - Literotica.com

“Che cos ‘era questo?”

“Sei un falso fornaio se fai schifo a cuocere i cupcakes, ma la conclusione è stata molto ambigua e le foto che hai pubblicato dei tuoi biscotti con gocce di cioccolato la scorsa settimana sono state fantastiche”.

Bene, questo è quello che mi stavo perdendo! “Torno subito, un secondo.” Sylvia lasciò cadere le cuffie e corse in cucina, sorridendo leggermente per il contrasto. Vy ha pubblicato foto e video osceni di se stessa mentre faceva cose strane come mettersi delle mollette intorno al seno o colpirsi la figa con una pala. Ha mostrato la sua incredibile forza di volontà e tolleranza al dolore, mentre le foto di Silvia hanno mostrato il suo talento con i dolci. Una di quelle cose non era proprio come l’altra.

“Hai un cupcake adesso, vero?” Vy indovinò, visibilmente divertito quando Sylvia tornò.

“Cosa! Sono davvero buoni!”

“Sono geloso. Un giorno dovrai darmi da mangiare.”

Di nuovo con la piccola ondata di speranza. Smettila, tesoro, entra nello show. “E sono geloso di quanto sei tosta,” mormorò Sylvia, sperando di distogliere l’argomento da se stessa.

La tattica è completamente fallita. “Grazie, ma anche tu sei piuttosto tosta, lo sai.”

“Cosa?! Tutto quello che ho sempre contribuito a questo server sono selfie di cibo! È fantastico?”

Vy rise, come se pensasse che Sylvia fosse deliberatamente modesta, ma si fermò quando Sylvia non si unì a lei. “Ho incontrato molti dominanti”, ha detto, la sua voce che le passava sul serio. “Ho avuto relazioni impegnative con cinque persone diverse e posso dirti per esperienza che nessuna di loro potrebbe fare quello che stai facendo ora con Giunone. Dì quello che ti piace della sensazione che riesci a malapena a controllarti, nessuna gli altri doni su questo server hanno il tuo autocontrollo.”

La voce di Vy fluttuava nella testa di Sylvia, aspettando pazientemente che il suo cervello entrasse in funzione. Quattro settimane di lussuria e ormoni la stavano facendo impazzire, ma non c’era davvero modo di interpretarlo come qualcosa di diverso da un enorme complimento, vero? Era ovvio, ma stava ancora lottando, sentendosi come se avesse bevuto troppo in un bar e stesse cercando di fare i conti.

“Sono sicura che chiunque potrebbe farlo se lo volesse davvero”, si sentì finalmente dire, con grande divertimento di Vy.

“Sai, sei davvero carino quando cerchi di essere modesto. No. La maggior parte delle persone non può stuzzicarsi e incazzarsi a vicenda ogni giorno per un mese senza venire anche se lo desidera, cosa che fanno pochi regali.” Si fermò per un secondo, poi continuò pensierosa: “Mi dici perché lo stai facendo?”

Sylvia alzò di nuovo gli occhi al cielo e automaticamente ripeté la stessa risposta che aveva dato innumerevoli volte questo mese a tutti coloro che le avevano chiesto. “Perché sono una puttana troppo testarda e troppo orgogliosa per ammettere la sconfitta.”

“Sì, ma diciamo solo che questa volta non sono distratto dal tuo umorismo autoironico?” Hai premuto.

Sylvia sbatté le palpebre, realizzando che stava fissando lo schermo mentre si concentrava sulla conversazione senza vederla davvero, e l’immagine residua le bruciava gli occhi. “Ma ti piacciono le mie battute”, si lamentò.

“Sì! Ma non puoi nasconderti dietro di loro per sempre.”

Sylvia sbuffò, iniziò a dire a Vy di guardarla fare proprio questo, ma si trattenne. Troppo immatura, anche per lei, ed era una buona cosa. Una parte di lei voleva chiederlo a Vy, ma è stata rifiutata dall’altra parte di lei che aveva troppa paura per sembrare ancora più ignorante di come funzionano le relazioni dom/sub di quanto non facesse già. Era come chiedere, ma senza l’imbarazzo di parlarne.

“Prometti che non penserai che sono un’idiota”, ha detto.

“È chiaro.”

“Beh, forse non capisco cosa ti fa lavorare, ma quando trovo un partner, voglio fare un gioco di negazione con lei. E… beh, immagino che se sono stato io al suo posto, ho non mi è mai stato ordinato di fare qualcosa che il mio dominante non avrebbe potuto fare da solo”.

Vy canticchiò pensieroso. “Ad esempio, se tu fossi una sottomessa e la tua amante cercasse di sculacciarti, ma non sopporta di essere sculacciata, rideresti e le diresti di andare a farsi fottere?”

“Bene! Esattamente!”

La risata leggera, quasi maliziosa di Vy riempì di nuovo l’auricolare di Sylvia, facendola contorcere sul sedile, imbarazzata dal rendersi conto di quanto fosse disperata per l’approvazione della donna sottomessa. “È così perfetto! Sei così tanto tu, lo adoro. Onestamente, vorrei che più dominatrici fossero come te.”

Un piccolo fuoco d’artificio è esploso nella testa di Sylvia! “Tu fai?”

“Sì, ma forse non per il motivo che pensi.”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *