Do You Dare Me – BDSM

di | 30 de Giugno, 2022

L’oscurità era calata sugli edifici alti e stretti dell’Aspen Femdom University di Aspen, in Colorado. Molto prima del tramonto ufficiale, il sole era tramontato dietro una delle cime delle montagne e oscurava la piccola località turistica. Luci fluorescenti blu e viola illuminavano il campus, insieme ai manifesti in vetro che spiccavano ad ogni fermata dell’autobus e su ogni facciata di edificio. Uno mostrava un uomo in ginocchio, abbracciato e pentito, con la didascalia: “Non sarà tollerata la microaggressione”. Un altro mostrava una giovane donna che sorrideva a una donna anziana che le porgeva qualcosa su un blocco per appunti e la didascalia diceva: “Successo: è per le ragazze”. Un’altra regola di etichetta elencata richiedeva agli uomini di seguire ed elaborare punizioni se non lo facevano.

Queste erano le restrizioni tipiche della nuova Femdom University, dove le donne venivano prima, alle loro domande veniva data risposta per prime e le loro domande venivano approvate per prime. Qui, a correzione delle ingiustizie storiche, ogni privilegio immaginabile è andato alle donne.

Allie e Aurora oltrepassarono i manifesti, cercando il dormitorio che condividevano. Freschi di una festa vivace, avevano ancora molto coraggio e pizzazz. Non era solo alcol. Poi, subito dopo gli esami di metà anno al college, hanno dovuto rilasciare un sacco di stress e l’atmosfera di festa ha trasformato quello stress in pura energia avventurosa.

In questo stato d’animo accresciuto, lo videro.

Un uomo alto, ventidue o venticinque anni, con lunghi capelli castani audaci e un viso da classico uomo, era appoggiato a uno dei lampioni viola. Anche sotto i suoi numerosi strati di abbigliamento, un requisito in autunno a quasi 8.000 piedi, le donne potevano vedere che sfoggiava un fisico agile e atletico. Ma non era lì per scelta. Un perizoma di stoffa nera attillata lo imbavagliava, e le sue mani erano legate dietro il palo in un nodo grande ed elaborato.

“Wow,” disse Allie.

“Whoah-hoah,” aggiunse Aurora. “Guarda quello! È legato!

“Deve aver sconvolto la tua ragazza.”

“Deve aver davvero, davvero sconvolto la tua ragazza.”

Allie ebbe un brutto pensiero, e prima che potesse pensarci, lo sbottò. “Mi stai sfidando a fotterti?”

“Ti sfido?”

Non si poteva tornare indietro adesso. “Mi stai sfidando?

“Ti sfido. A succhiarlo!”

Allie sorrise, poi si rese conto di ciò che aveva appena sentito. “Cosa? Ragazza, no!”

” Sì ! Succhialo! Aurora le afferrò goffamente la nuca e la spinse verso l’uomo. “Fallo ragazza, dai, fallo!”

Per un momento, Allie lottò per resistere alle braccia di controllo di Aurora, ridendo. Così ha deciso: “Sai una cosa? Sì! Lo farò!”

La sua giacca era già sbottonata, come per invitarlo ad aprirla ea scavare più a fondo. Lei obbedì, sbottonando la cintura e facendo cadere i pantaloni, poi tutto il resto sotto.

Altre storie erotiche  The Countess - BDSM - Literotica.com

Il suo pene era rasato ma completamente flaccido.

“Oh, è dolce! disse Aurora. “Lui è gay!”

Allie prese il fallo flaccido con la mano destra e sentì il problema. “Non è gay. Ha freddo.” E ha iniziato a sistemarlo.

L’uomo emise alcuni grugniti senza fiato, il primo suono che fece, mentre Allie lo accarezzava fino alla sua erezione. La guardò con pazienza interrogativa, come se avesse una domanda ma non stesse cercando di farla.

“Va tutto bene”, le disse Allie, “l’ho già fatto prima”. Non sapeva se era quello che pensava lui, ma non importava – chi aveva mai sentito parlare di un uomo a cui non piaceva il sesso orale?

Presto il suo cazzo fu sciolto da lei, caldo e sodo e rosso dal freddo. Allie tirò fuori un preservativo dalla tasca dei pantaloni e aprì il pacco. Non riusciva a ricordare se i preservativi rendessero il sesso orale più sicuro, ma ne aveva in abbondanza e non vedeva alcun motivo per non usarne un altro. Tenendo il cazzo dell’uomo in una mano, gli premette la punta nel preservativo. Poi ha rotolato.

“Non ne hai bisogno, codardo!” disse Aurora.

“Sì!” Allie protestò.

“Non fare!”

Allie ha rinunciato. Aveva una sfida davanti. Inginocchiata sul marciapiede, portò la testa al suo sesso luccicante e avvolto e fece un respiro profondo. Odorava di aria di montagna di pino profumata di muschio maschile e l’odore stranamente gradevole della gomma. Appoggiò la lingua sulla punta, poi se la fece scivolare in bocca.

Rabbrividì, poi iniziò a divertirsi. Allie lo sapeva. Sotto le sue labbra umide, trasformò i suoi grugniti di protesta in sussulti, poi in gemiti. Come ogni uomo, amava il sesso in ogni caso, e come ogni uomo, dopo aver succhiato abbastanza, i muscoli sotto il suo cazzo iniziarono a irrigidirsi. Le palle si strinsero e la punta del preservativo si gonfiò.

Allie tirò indietro la bocca, baciando il suo cazzo bagnato con un duro schiaffo per buona misura, e vide il suo sperma schizzare intorno all’estremità del preservativo. “Prego,” rise lei.

“Allie ha vinto! canta Aurore. “Vince Allie! L’alleato vince!

Allie si alzò, compiaciuta, ei grandi occhi marroni dell’uomo chiesero: “Cosa farai con me adesso?” Pensò di abbottonarsi i pantaloni. Ma il suo cazzo ancora gonfio e il preservativo avvolto intorno raccontavano una storia, e quella storia era troppo deliziosa per nasconderla. Così l’ha lasciata com’era.

Le due donne tornarono al loro dormitorio cantando avanti e indietro: “Allie vince!” L’alleato vince!

Poche settimane dopo e molto più sobrie, Allie e Aurora andarono insieme a lezione di scienze dei materiali. Era l’inizio della decantata parte della lezione di laboratorio e il professore non perse tempo a radunare gli studenti.

Allie si preparava a separarsi da Aurora, e in effetti lo era. Invece, Allie ha preso Taylor, una donna di colore alta e dall’aspetto orgoglioso; Sarah, una giocatrice di pallavolo dai capelli ricci; Amy, una ragazza tranquilla e goffa che non aveva mai visto prima, e un uomo alto e atletico con i capelli scuri.

Altre storie erotiche  The Maid Ch. 05-06 - BDSM

‘Oh no.’

Conosceva quei capelli castani. Conosceva quel volto di una statua greca. Sapeva anche il cazzo che quest’uomo aveva nascosto sotto i jeans, perché era l’uomo che aveva succhiato settimane prima quando l’avevano trovato dopo la festa.

Hanno stabilito un contatto visivo e Allie non avrebbe potuto sperare di nascondere il suo imbarazzo anche se ci avesse provato, cosa che non ha fatto. Da un momento all’altro, pensò, l’avrebbe accusata di approfittarsi di lui, e lei avrebbe dovuto rispondere qualcosa. Gli venne in mente di non dire niente; alla Femdom University, un uomo doveva chiedere il permesso di parlare con una donna e lei aveva tutto il diritto di ignorarlo. Ma come sarebbe? Non vedeva buone opzioni.

L’uomo l’ha risparmiata. Non ha chiesto di dire nulla. Si accontentò di rivolgerle uno sguardo sospettoso e complice, condito da un accenno di sorriso. Era un sorriso pericoloso. Allie ha passato il resto della lezione ad aver paura di lui, anche se non sapeva cosa avesse paura che facesse.

Quando la lezione finì, rimase in classe, aspettando che se ne andasse e ignorandolo. La guardò torvo, facendole sapere che l’aveva vista e sapeva cosa stava pensando, ma ancora una volta l’ha risparmiata. Ha lasciato.

Ma quando Allie se ne andò, con Aurora al suo fianco come al solito, una voce maschile profonda e vibrante la fermò. “Permesso, signora? »

Il suo tono era sarcastico – o forse era solo il suo accento texano della vecchia scuola. Questo congelò Allie sul posto mentre si girava verso la temuta vista dell’uomo dai capelli scuri. Si appoggiò al muro nello stesso modo in cui si era appoggiato al palo quella notte, tranne che ora le sue braccia erano incrociate davanti a lui, una barricata insistente tra il suo corpo e la sua bocca.

Allie pensò di negarlo, ma qualcosa nelle sue viscere le disse di non farlo. “È vero,” disse nervosamente. Poi pensò a qualcosa e, prima di pensarci, lo sbottò. “Mi dispiace davvero.”

Sorrise. La sua paura, per quanto assurda sia, si fa più profonda. Poi lasciò il muro e si avvicinò a lei, basta chiudere in modo che siano faccia a faccia. O meglio, il pomo d’Adamo faccia a faccia: Allie è sempre stata piccola. La guardò, ancora con quel sorriso misterioso. Era il linguaggio del corpo a costituire la microaggressione, ma riferirlo era l’ultima cosa nella mente di Allie.

“Perchè sei dispiaciuto?” Chiese.

Altre storie erotiche  She Said Yes - A Covid-19 Story Ch. 10 - BDSM

“Perché… non avrei dovuto farlo!”

Lui scosse la testa. “Se non avresti dovuto farlo, allora perché l’hai fatto?”

“Perché ero ubriaco! Dio, mi dispiace, lo sono davvero!”

“E siccome eri ubriaco, hai fatto un casino.” Il suo accento enfatizzava la parola “merda”. “Lo sapevo.” Sembrava rilassarsi un po’. “Taymin ed io scommettiamo su quante volte sarei stato sdraiato legato in quel modo. Tu sei stato il primo.”

“L’hai fatto… come parte di una scommessa?”

“Sì. Volevamo vedere cosa sarebbe successo. Pensavo che mi sarei fatto scopare un paio di volte e non ne avrei mai più sentito parlare. Ovviamente non pensavo che avrei fatto squadra con la ragazza che ha fatto questo. pensavo che sarebbe stato solo sesso, nessuna conseguenza Sembra che tu e io lo pensassimo.

“Vuoi dire… mi hai fatto sentire in colpa per settimane… ed eri lì perché volevi esserlo, fin dall’inizio?”

“Non essere lapidato e potente con me. Hai lasciato il mio cazzo in giro. E se Taymin non fosse tornato per me? Il mio cazzo potrebbe essersi congelato, a causa di quello che hai fatto.”

Strinse le labbra, punita.

“Ma io dico che l’abbiamo appena scritto.”

“Serio?”

“Sì.” Fece un passo indietro, fuori dallo spazio personale di Allie. Poi l’ha spaventata sporgendosi verso di lei e sussurrandole all’orecchio: “Ma le tue labbra erano molto buone”.

Lei arrossisce. “Ho detto che mi dispiace!” Poi si chiese perché si stesse ancora scusando.

“Non sono sarcastico. Ti è piaciuto così tanto come sembrava? Certo che l’hai fatto. Quindi forse dovremmo iniziare a vederci per il bis.”

“Mi stai davvero chiedendo di uscire?”

“Molto velocemente?” Rise in un modo che chiariva che non gli dispiaceva. “Ho pensato che da quando hai visto il mio cazzo, prendersela comoda è fuori dalla finestra.”

“Penso.”

Lui sorrise, e questa volta lei capì che era un sorriso malizioso. “Sai, i poster qui mi dicono che una ragazza ha bisogno di essere ringraziata per la sua considerazione. Quindi forse la prossima volta potrai ricambiare il favore.”

“Oh.”

“Solo un pensiero.” E se ne andò.

Ci fu una lunga pausa. “Maledetta ragazza! disse Aurora. “Prendilo!”

Allie gli mise una mano sul cuore, desiderando che si calmasse. Ha messo il dito sulla testa. Quando l’aveva succhiato via, non aveva pensato molto alle conseguenze. Era stato un errore. Ma questa volta, a quanto pareva, era comunque fortunata.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *