Do You Remember My Hard Nipples? – BDSM

di | 30 de Giugno, 2022

Benjamin aveva 24 anni e viveva con sua madre. Aveva perso il lavoro, quindi non poteva permettersi di vivere da solo in quel momento. Un giorno, sua madre tornò a casa prima del solito.

“Dov’è il pranzo, Benjamin?” Il mio amico sta arrivando.

«Non è ancora pronto, mamma. Pensavo saresti tornato tra un’ora.

“Ma ti ho mandato un messaggio. Vivi sotto il mio tetto, disoccupato, e non sai cucinare il pranzo in tempo. Cerchi un lavoro?” la madre era arrabbiata.

Benjamin non dice niente. Cerca lavoro da un mese, ma non è stato facile trovarlo. Andò in cucina e iniziò a preparare il cibo. Sentì suonare il campanello. La madre ha detto “ciao” alla sua amica. Riconobbe la voce profonda, profonda di Isabella. Era la solita ospite di sua madre.

Isabella aveva 40 anni, ma era una donna molto bella. Aveva i capelli rosso vivo, ricci e corti. I suoi capelli si abbinavano perfettamente alla sua personalità, aveva molta energia ed era sempre piena di idee brillanti.

Benjamin vide Isabella attraverso la porta della cucina. L’ha sempre trovata sexy in un modo o nell’altro. Amava la vista dei suoi capelli rossi che brillavano al sole, la sua voce profonda e la sua risata.

Il pranzo veniva preparato e servito al tavolo. La madre di Benjamin si è lamentata del fatto che fosse disoccupato. Era umiliante, non voleva che Isabella conoscesse ogni piccolo dettaglio della sua disoccupazione. È stato umiliante.

“Se hai bisogno di un po’ di lavoro finché non trovi un lavoro, Benjamin, ho bisogno di qualcuno che pulisca il mio garage. Stavo pensando di assumere qualcuno da un’impresa di pulizie, ma dato che non hai un lavoro, penso che potresti pulirlo su.” anche,” si offrì Isabella.

“Sei così generoso! Benjamin sarebbe felice di aiutarti, vero? disse la madre di Benjamin.

Benjamin annuì. “La pulizia del garage non è poi così male”, pensò.

Dopo pranzo e dessert, Isabella stava per tornare a casa.

“Perché non vai con Isabella oggi? Non è che tu abbia nient’altro da fare”, ha detto la mamma.

“Certo che penso di poter andare oggi.”

“Perfetto!” Isabelle non ha nascosto la sua gioia.

“Devi fare quello che ti dice Isabella”, disse la madre di Benjamin.

Isabella abitava nelle vicinanze, a pochi isolati di distanza. Non parlavano molto mentre camminavano. Finalmente fu raggiunta la casa di Isabella. Sono andati dritti al garage. Avrebbe dovuto pulirlo, ma era già stato sistemato.

“Isabelle, non capisco.”

“Beh, non essere troppo sorpreso. Questo non è il mio garage. Ricordi l’ultima volta che sei venuto qui?”

“Sì…” si ricordò che erano stati qui con sua madre per due settimane.

“Bene. Non hai niente da dire? Niente da ammettere?”

Benjamin stava pensando. L’ultima volta, mentre Isabella e sua madre stavano prendendo il tè, è andato in bagno e ha notato che la porta della camera di Isabella era aperta. Il cassetto era aperto e lui aveva notato dei lacci rossi, quindi ha dovuto controllare. Il cassetto era pieno di biancheria intima sexy. Non aveva mai visto così tante mutande in un posto, toccandole la maggior parte per sentire il tessuto. Non aveva idea di essere osservato.

“Quindi… non hai niente da dire?”

“Scusa, non volevo offenderti Isabella. Sembravano così sexy che dovevo toccarli. Per favore, non dirlo a mia madre.”

“Non preoccuparti, se fai quello che dico, non lo dirò a tua madre.”

Benjamin è sollevato. Non poteva permettersi di far arrabbiare sua madre più di quanto non fosse lei. Viveva a casa sua, doveva seguire le regole.

“Comunque, non puoi farla franca, vero? Immagino che sia solo se vedrò le tue mutandine adesso, giusto?”

Benjamin non sapeva come reagire. “Non è possibile che mi veda in mutandine”, pensò.

“Beh, cosa stai aspettando? Devo chiamare tua madre e dirle cosa provi per la mia lingerie?”

“No, per favore non chiamare mia madre. Mi manderà via.”

“Allora… trita! »

Benjamin iniziò a spogliarsi. Si è tolto tutti i vestiti finché non è sceso in mutande. A dire il vero, ha sempre visto Isabella come una donna attraente, nonostante fosse amica di sua madre! Non riusciva a credere di essere solo in mutande davanti a lei. C’era qualcosa di sexy in questo e lo faceva sentire eccitato. Ha sempre trovato sexy le donne forti e dispotiche. Essere dominati a letto ha sempre acceso la sua immaginazione.

Non è stata una sorpresa che la voce di controllo di Isabella abbia fatto scorrere tutto il suo sangue al suo cazzo. Man mano che il suo cazzo diventava più duro, cercò di nasconderlo con le mani e arrossì un po’. Non aveva intenzione di lasciare che Isabella vedesse la sua tentazione.

Altre storie erotiche  Making the Perfect Husband - Step 09 - BDSM

“Bene, bene, bene… Cosa abbiamo qui? Non essere così timido, non è qualcosa che non ho visto”, disse Isabella. “Alzati e metti le mani lungo i fianchi.”

“Ma non voglio che tu mi veda così, Isabella.”

“Primo, da questo momento in poi, non sono Isabella per te. Dovresti solo chiamarmi signora. Secondo, non hai scelta perché dirò a tua madre che stavi guardando attraverso le mie mutandine come il ragazzo sporco Siete.” .”

Benjamin sentiva che il suo cazzo era già duro, non si torna indietro adesso. Ritirò le mani.

“Aspetta… Benjamin, sta diventando più grande? Era pulsante? Wow… non riesci proprio a controllarti, vero?”

Ha sempre trovato la sua voce intimidatoria. Il fatto che lo stesse umiliando lo eccitava ancora di più.

“Se pensi che ti toccherò, ti sbagli”, disse Isabella. “Sei un ragazzo grande, puoi prenderti cura di te! Sdraiati sul letto.”

Benjamin obbedisce. Aveva sempre sognato una donna dominante, quindi non voleva perdere l’occasione di esplorare quella fantasia. Inoltre, sapeva che Isabella avrebbe raccontato a sua madre del cassetto delle mutandine se lui non fosse stato d’accordo. È stata una buona motivazione.

” Benjamin ! Perché stai fissando le mie tette senza il mio permesso? Vedo che ti distraggono troppo.

Isabella aprì lo stesso cassetto in cui stavo rovistando. Si è tolta una maschera per gli occhi nera. Benjamin si rese conto che era per lui.

“Questo dovrebbe aiutare,” disse Isabella, bendando Benjamin. “Molto meglio, no?” In questo modo, i miei capezzoli rosa non saranno in grado di distrarti.

Benjamin sapeva di avere una scelta, non era vincolato e le informazioni sul cassetto non erano poi così importanti. Era solo una scusa per restare nel letto di Isabella. Lo voleva e lei lo sapeva.

Anche se Isabella ha detto che era una punizione, sapeva che la stava osservando ogni volta che andava a trovare sua madre. Sapeva che lui voleva questo. Le sue reazioni hanno mostrato chiaramente che aveva ragione, ma Isabella ha voluto verificare questa teoria.

“Benjamin, non voglio farti niente se non vuoi. chiudiamo la sessione”.

Benjamin non ha mosso un muscolo. Lo voleva. Voleva essere dominato da lei. Isabella aveva ragione.

” Rimani ? Wow Benjamin, non me lo aspettavo da te. Isabelle scoppiò a ridere. “Ho una sorpresa per te… Preparati!”

Benjamin ha sentito che ha afferrato qualcosa sotto il letto. Sentì qualcosa di morbido sul petto che gli solleticava i capezzoli.

“Ricordi i miei capezzoli duri? Voglio i tuoi comunque, quindi darò loro MOLTE attenzioni. Non ti risparmierò. Dovresti essere punito per essere scivolato nel mio cassetto delle mutandine.”

Si stuzzicò i capezzoli con pietà. Benjamin si sentì pizzicare i capezzoli e rimase senza fiato. Quando la piuma cadde, Isabella si morse il capezzolo, ma solo un po’. Si stava toccando i lati dello stomaco. Il suo corpo tremava.

“Hai il solletico? Non preoccuparti, non ho finito con te”, disse Isabella e fece un cerchio con la piuma intorno all’ombelico di Benjamin.

La dolce tortura sembrava non avere fine. Sentì la pietà scendere dal suo ventre al suo… sesso. Dopo avergli solleticato il cazzo, la piuma gli ha stuzzicato le cosce e le palle.

“Come va il tuo cazzo? Vedo che è ancora duro.”

“Non ne posso più, Isabella.”

“Benjamin… cosa ti ho detto prima? Sono Isabella per te? Ripeti quello che hai detto correttamente se non vuoi ulteriori punizioni!” disse Isabella e tornò con la piuma per stuzzicare il suo cazzo.

“Non ce la faccio più… amante.”

Isabella sorrise e smise di solleticarlo con la piuma. A causa della benda, non riusciva a vedere la soddisfazione sul suo viso mentre lasciava cadere la piuma nel ventre.

“Ora… è una punizione, quindi non meriti di essere toccato dalle mie mani oggi. Non pensarci nemmeno. Dato che hai deciso di fare tutto quello che dico, vai avanti e inizia ad accarezzarti il ​​cazzo .”

Benjamin non ci ha pensato troppo, ha iniziato automaticamente ad accarezzargli il cazzo. Amava la voce imponente di Isabella. L’ha portato in salvo.

“Solo colpi lenti, Benjamin! Scommetto che il tuo cazzo non può sopportare colpi veloci fin dall’inizio.” Isabelle scoppiò a ridere. “Scusa, ma devi fare un respiro profondo e accarezzarlo lentamente. Ragazzi.”

Isabella si era sempre divertita a controllare gli uomini, specialmente quelli più giovani di lei. Aveva sempre trovato Benjamin attraente ed era rimasta colpita dalla sua disponibilità a lasciare che fosse lei a controllarlo. Voleva che lui si sentisse meglio che poteva, voleva sentirsi meglio che poteva. Era prepotente ma gentile, non voleva spaventarlo fin dall’inizio.

Altre storie erotiche  The Lodge Ch. 01 - BDSM

“Puoi accelerare un po’. Ti piace essere torturato in questo modo? Come si sentono le tue palle? Hanno ancora sborra dentro?”

“Hanno lo sperma, signora”, protestò Benjamin.

“Silenzio! Non rispondermi mai se non vuoi essere punito. Non parlare a meno che non ti chieda qualcosa. A giudicare dalle sue palle, non sarei così sicuro se venisse. Vai avanti e massaggiali un po’ per assicurarti che abbia fatto “che si stiano divertendo”.

Benjamin era un po’ frustrato. Ha ancora lo sperma! Anche se gli lascia massaggiare le palle ed è bello.

“Puoi accarezzare quanto vuoi. Almeno per ora.”

Benjamin si chiese se stesse per lasciarlo venire. Beh, aveva torto.

“Conterò fino a cinque, ma non osare venire! Inizierai di nuovo ad accarezzare lentamente. Ricorda, devi fare tutto quello che dico!” disse Isabella.

Benjamin è rimasto scioccato. Non lo lascia venire? Perché? D’altra parte, trovava Isabella così sexy e non era mai stata così eccitata in tutta la sua vita. Voleva essere controllato da lei, aveva sempre voluto essere controllato da una donna. Il pensiero che la donna fosse Isabella era così carino che non voleva che si fermasse.

“Verrai solo con il mio permesso. Se arrivi presto… dovrai vestirti e andare a casa. Puoi tornare a casa mia? Non sono così sicuro…”

Isabella adorava prendere in giro Benjamin. C’era qualcosa di così sexy in lui sdraiato sul letto, esposto solo alla sua vista… Non aveva mai pensato che fosse possibile. Non ha mai pensato che Benjamin potesse essere pronto per questo. Voleva che si sentisse bene, voleva che tornasse da lei.

“Quindi… puoi accarezzarlo velocemente per altri 5 secondi, poi continuare ad accarezzarlo lentamente, ok?” »

Benjamin annuì.

“Ho bisogno della tua risposta ad alta voce, tesoro.”

“Dopo 5 secondi, continuerò ad accarezzare lentamente.”

“Ti sei perso una partita, ricordi? O l’hai dimenticato? Isabella era un po’ frustrata dal fatto che non avesse detto una parola speciale. Non sarebbe soddisfatta se dovesse ricordarglielo.

– Signora, disse Benjamin.

” No cara. Ho bisogno di sentire l’intera frase.

“Continuerò ad accarezzare lentamente dopo 5 secondi, signora.”

” Molto meglio. Possiamo iniziare? chiese Isabella e non aspettò una risposta. “Uno… Due… È il più veloce possibile!? Che patetico. Accarezza il più velocemente possibile.”

Benjamin ha iniziato ad accarezzare il suo cazzo il più veloce della sua vita. Voleva compiacere Isabelle. Isabella gli vide in faccia che Benjamin stava facendo del suo meglio per non venire, era contenta di vedere i suoi sforzi ma non l’avrebbe lasciato andare troppo facilmente.

“Tre… il tuo cazzo è fantastico? Scommetto che vuoi venire così tanto. Peccato che non puoi. Quattro… cinque. Ecco fatto. Solo colpi lenti.”

Benjamin era orgoglioso di se stesso perché riusciva a non venire. Isabella aveva ragione. Voleva davvero approfittarne. Ci volle tutta la sua energia per resistere all’impulso.

“Solo colpi lenti ora. Il tuo bel cazzo ha bisogno di riposo. Non puoi fare molto, è troppo fragile, giusto?” chiese Isabella. Questa volta voleva la sua risposta, anche se lui non disse nulla. “È molto fragile, vero, Benjamin?” chiese di nuovo Isabelle.

“Sì signora, è molto fragile e ha bisogno di riposo.”

“Cosa ne dici se qualcuno è così gentile da lasciarti riposare?” chiese Isabella. Benjamin tacque di nuovo. “Vai avanti, che ne dici? »

“Non lo so, signora.”

“Tua madre non ti ha insegnato a essere grato?” Tua madre non ti ha insegnato a essere grato? Non credo sia vero, Benjamin. Devo dire a tua madre che hai bisogno di una lezione di gratitudine?

“No signora. Lo apprezzo. Grazie per avermi lasciato riposare. Per favore, non dirlo a mia madre.”

“Non glielo dirò questa volta. Ma fai attenzione, se ti dimentichi di ringraziarti ancora, parlerò con tua madre e la punirò.”

Isabella apprezzava la leggera frustrazione negli occhi di Benjamin ogni volta che menzionava sua madre. Non aveva intenzione di dirgli niente. Almeno non nel prossimo futuro. Ma per ora è stata una deliziosa presa in giro.

“Va bene. Penso che il tuo cazzo si sia riposato abbastanza. Hai il diritto di accelerare la corsa quanto vuoi. Sei stato un bravo ragazzo con me, ti meriti un po’ di piacere.”

“Grazie signora.”

“Vedi, è di questo che sto parlando. Impari in fretta!”

Benjamin si stava accarezzando di nuovo il cazzo velocemente. Sperava che questa volta Isabella fosse abbastanza gentile e lo lasciasse venire.

“Sì, accarezzalo così. Vuoi venire? Sì? Beh, non ancora. Devi essere paziente. Penso che ANCHE il tuo cazzo possa essere più paziente.” ride Isabella.

Non ha ancora deciso di far venire Benjamin. Potrebbe spingerlo oltre il limite e lasciarlo quando sta per venire. Poteva convincerlo a vestirsi e tornare a casa senza un orgasmo. Dopotutto, non può senza il suo permesso. Proibito.

Altre storie erotiche  Trained Ep. 07: Leather, Leashes, and Locks - BDSM

“Quindi… stavo pensando di lasciarti venire oggi. MA quando lo farò. Quindi continua ad accarezzarti e massaggiare le palle allo stesso tempo. Dagli un po’ più di attenzione.”

Benjamin era ansioso di avere un orgasmo. Stava aspettando da così tanto tempo e finalmente è riuscito a realizzarlo. Era pronto a venire in questo momento, ma sapeva che non gli era permesso.

“Il tuo cazzo è buono? Quanta sborra sono in grado di dare le tue palle? Sei stato così paziente e obbediente. Meriti di venire, vero?”

Benjamin voleva venire così tanto. Voleva il permesso di Isabella. Sapeva che poteva farne a meno, ma voleva compiacerla, renderla felice obbedendole. Non sapeva perché voleva che lei lo controllasse, non sapeva perché fosse eccitato.

“Ti stai avvicinando? Faresti meglio a farlo perché dovrai venire al mio comando. Non vuoi deludermi, vero? Riesci a sentire lo sperma nelle palle? Spero che almeno l’abbiano un po’ di sperma”.

“Certo che lo è, signora.”

“Oh, giusto? Quindi è meglio che si preparino perché in pochi secondi il tuo cazzo sarà ripulito per venire.”

Isabella sapeva che non poteva lasciare che Benjamin venisse facilmente. Doveva essere fatto con una certa svolta. Quale potrebbe essere questa svolta? Normalmente Isabella aveva una grande immaginazione. Questa volta non ha fatto eccezione.

“So che vuoi venire così tanto. E puoi farlo in pochi secondi. Ma qui c’è un problema! Puoi venire solo se posizioni le gambe in aria e il tuo cazzo direttamente sulla sua faccia”, rise. . Isabella. “O è quello o non ti è permesso venire.”

Benjamin stava pensando. Perché avrebbe voluto che lo facesse? Si chiese se doveva obbedire o se doveva andare a casa e dimenticare.

“È una tua scelta, lo sai. Fai quello che vuoi, Benjamin. Ma se decidi di farlo vieni ai miei ordini, sarà uno dei migliori, se non il migliore, orgasmi della tua vita!”

“Va bene, lo farò signora.”

Benjamin sollevò le gambe in aria. Questa posizione era speciale perché stava guardando direttamente il suo cazzo e si rese conto che lo sperma gli sarebbe spruzzato su tutta la faccia.

“Sei un bravo ragazzo obbediente, Benjamin. Apri la bocca… Esatto. Verrai dritto in bocca. Hai mai assaggiato il tuo sperma?”

“No signora.”

“No? Beh, c’è sempre una prima volta per tutto, vero? Non sei contento che ti sto dando una grande opportunità per provare il tuo sperma? Non sei grato?”

“Sì signora, sono molto grato per avermi fatto assaggiare il mio sperma.”

“Oh, davvero? Chiedimi se posso venire ad assaggiare il tuo sperma.”

“Per favore signora, per favore fatemi venire e fatemi assaggiare il mio sperma. Lo voglio così tanto.”

“Okay. Puoi venire ora. Assicurati di mangiare ogni goccia del suo sperma.”

Benjamin non riusciva a credere a quello che stava facendo. È arrivato e il suo sperma è schizzato direttamente nella sua bocca. Il suo sperma era amaro e aveva un sapore strano. Isabella era entusiasta della vista.

“Ora che ne dici?”

” Cosa dico ? Devo dire qualcosa?

“Sei un ragazzo intelligente, cosa dici a una persona che ti fa stare bene? »

Benjamin capì che lei voleva che lui la ringraziasse. Dovrebbe ringraziarla per essere venuta nella sua stessa bocca?

“Vai avanti, Benjamin. Che stai dicendo?”

“Grazie signora.”

“Così va meglio. Bravo ragazzo,” sorrise Isabella.

Non era sicura che Benjamin fosse all’altezza. Era. Stava pensando a molti scenari bizzarri su cosa avrebbe potuto fare dopo con Benjamin. Si sdraiò accanto a Benjamin e lo abbracciò. Doveva assicurarsi che Benjamin si sentisse al sicuro.

“Ti aspetto il prossimo fine settimana”, disse Isabella.

“Cosa devo dire a mia madre?”

“Sei un ragazzo di 24 anni. Sono sicuro che puoi inventare qualcosa.”

“Ma lei farà delle domande”, Benjamin pensò a cosa avrebbe detto a sua madre senza nemmeno pensare che avrebbe potuto rifiutarsi di venire.

“Beh, posso sempre dirle la verità.”

“No, per favore, verrò a casa tua il prossimo fine settimana. Dirò a mia madre che devo incontrare i miei amici.”

“Vedi? Ti aspetto il prossimo fine settimana. Ora… vestiti, bevi un po’ d’acqua e vai a casa.”

Isabella si chiese se sarebbe tornato a trovarla il prossimo fine settimana. Sperava che l’avrebbe fatto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *