Don’t touch, do tell – BDSM

di | 5 de Agosto, 2022

Non condividiamo nulla qui da anni. Molte idee filtrano nelle nostre menti sporche, ma non abbiamo il tempo di metterle su carta. Quindi, invece di aspettare il momento per scrivere la storia perfetta, ho pensato di scrivere una “sveltina”. Divertiti.

*

Sono sdraiato sul letto, le mani giunte dietro la schiena, le gambe divaricate e legate al giroletto. Ho mentito così per quasi due ore. I tappi per le orecchie non si adattano perfettamente, ma sento a malapena la porta che si apre. Il mio cazzo si muove, passando da pieno a molto duro. Non riesco a vederlo con gli occhi bendati, ma posso sicuramente sentirlo.

So che ci sarà un’attesa ora. Un’attesa mentre finiva le sue routine notturne. Sento il rumore attutito dello sciacquone e so che è vicina. Sento il peso del suo corpo mentre si posa sul letto.

Mi prende in giro da giorni. Settimane in effetti. Ma non le solite prese in giro. La presa in giro in cui mi accarezza lentamente, raggiungendo il bordo e poi lasciandomi desiderare. Può essere atroce e intenso, ma posso gestirlo. Ci sono quasi – oserei dire – abituato. Ma no, non era la solita presa in giro. Era un altro livello di bisogno. Un livello di bisogno che è stato costruito in tre settimane senza un orgasmo. Non è stato il periodo più lungo in cui sono rimasto senza rilascio, ma è stato abbastanza per farmi pensare a poco più che alle mie palle gonfie e al cazzo che si contorceva.

Sono stato in viaggio d’affari e mentre sono via le tue istruzioni arrivano ogni sera. Di solito mi dava consigli su quale pornografia guardare – magari donne che scopano uomini che non erano i loro mariti, o compilation di uomini portati all’orgasmo dalla bocca o dalle mani di una donna – solo così avrei dovuto guardare il cazzo che esce dai cazzi , sapendo che nessuno sarebbe uscito dal mio. Quindi mi ha permesso di toccarmi per un po’. Di nuovo, provocatorio, maniacale, ma niente che non possa gestire.

Ma questo viaggio è stato diverso. Ogni notte dovevo legarmi, le mie parti sensibili in due dei suoi calzini sottili in modo che fossero duri (cazzo) ed esposti (palle).

La prima notte mi è stato permesso di accarezzarmi il cazzo quanto volevo. Va bene, fantastico, ma ecco il trucco: in una sola direzione. Ragazzi, provateci la prossima volta che vi masturbate, magari adesso se siete in un posto privato. Vedrai subito quanto è frustrante; così frustrante che, per quanto respinta e disperata fossi diventata, avrei lottato per farmi venire – anche se mi fosse stato permesso, cosa che di certo non era. Ho finito per strofinare sempre più velocemente per cercare di avvicinarmi a quello stato di confine sfuggente. Alla fine mi stavo letteralmente schiaffeggiando il cazzo ed era impossibile ottenere abbastanza saliva sulla mia mano abbastanza velocemente da non strofinare finché alla fine non mi sono arreso in un disperato esaurimento. Dopo essere sdraiato nel mio letto per alcuni minuti, aprivo del porno – uomini in castità questa volta – e mi ha fatto tornare indietro. La cosa più folle era che non potevo impedirmi di toccarmi di nuovo il cazzo, anche se sapevo di non potermi fermare finché non mi sono buttato di nuovo in delirio, per arrendermi finalmente. Mi sono ritrovato in questo ciclo tre o quattro volte prima di addormentarmi finalmente.

La notte seguente fu peggio. Questa volta potevo solo toccarmi le palle. Nessun problema, li ho strofinati un po’, cosa che all’inizio era piacevole, ma non abbastanza per incoraggiarmi. Tranne che il porno mi ha reso selvaggiamente eccitato. Non ho potuto fare a meno di cercare di ottenere qualcosa dalla mia situazione. Ho scoperto che più stringevo le palle meglio era, ma anche più faceva male. Non un dolore acuto, acuto, ma un dolore sordo. Ho scoperto che schiaffeggiarli mi ha anche avvicinato al limite. Non abbastanza. Ancora una volta, mi sono ritrovato incapace di trattenermi dall’aggravare il mio letterale autoabuso. Mi stavo avvicinando al bordo, ma non abbastanza. Non così vicino come sarei stato se avessi potuto toccare il mio cazzo.

Presto stavo stringendo le palle più forte che potevo e poi quasi le prendevo a calci. Non esagero quando dico che non potevo fermarmi. Ho scoperto che l’unico modo per smettere era quando le mie povere palle non ce la facevano più. l’ultimo schiaffo è stato quasi agonizzante. A quel punto, mi sono fermato di nuovo, un dolore lancinante nel profondo delle mie palle, il respiro affannoso, il mio corpo sudato. E poi, ovviamente, poiché sono un idiota arrapato, aprirei una nuova pagina porno, ritrovandomi a ripercorrere l’intero ciclo da capo. Mi ci sono volute tre di quelle sessioni prima che fossi troppo esausto e dolorante per farlo di nuovo.

La notte dopo mi ha fatto toccare i capezzoli. I miei capezzoli erano molto sensibili a questo punto, ma abbastanza sensibili da darmi un assaggio del limite che sapevo che non avrei mai raggiunto quella notte. Ho finito per sdraiarmi nel mio letto solo frustrato e disperato.

Ieri sera non l’ho sentita. Si era addormentata presto. Mi ha chiarito più volte che se non avessi ricevuto istruzioni, non avrei dovuto fare nulla. In passato mi sarei concesso un’interpretazione rilassata di queste regole. Le ho persino mandato un messaggio dicendo che, non avendola sentita, potevo presumere che sarebbe stato d’accordo se mi toccassi. Ma sapevo che non avrebbe funzionato. Raccolsi le mie ultime riserve di volontà e mi addormentai, ancora più disperata della notte prima, ma sapendo che la notte seguente sarei stata a letto con la mia dolce e amorevole moglie, godendomi il suo tocco, venendo ricompensata per me. comportamento.

Il che ci riporta a ieri sera. Io sdraiato a faccia in giù sul letto, accasciato, lei accanto a me, seduto a guardare un film.

Di nuovo, quello che succedeva di solito era che aspettava un po’ prima di farmi partire e alla fine mi toccava. Potrebbe calciarmi un po’ le palle. Può torcere i miei capezzoli. Ma stava anche accarezzando il mio cazzo, lentamente con amore e spingendomi fino al bordo. Poi avrebbe aspettato e ricominciato da capo. E persino.

Ho aspettato per un’eternità che lei salisse le scale. E ora ho aspettato. E ha aspettato. Mi sono abituato ai tuoi movimenti. Il piccolo cambiamento che segnalava la sua mano si stava muovendo verso di me. Sapevo che sarebbe successo qualcosa. È andata al mio capezzolo. Non è un delizioso tocco circolare o bollente; una presa improvvisa e forte. Poi facendo scorrere una mano lungo la mia pancia verso il mio cazzo. E poi non c’era più. Aspetta di nuovo.

E ha aspettato. Si ricordava di noi che discutevamo di quanto mi stesse facendo impazzire, di quanto fosse mentalmente intenso, pensando a come sarebbe stato se lei non mi avesse toccato. Ma era fantasia ed era realtà. Sdraiato lì, sapendo che poteva, ma ha scelto di non farlo. Questo dopo giorni senza abbracci. Lentamente, la consapevolezza è venuta in me. Era la notte in cui aveva programmato di non toccarmi più. Il mio stomaco si è girato. Ero impreparato a quanto questo mi avrebbe reso disperato.

Abbastanza sicuro, finisce per allungare una mano per spegnere la luce. mi ha slegato. lanciato. Buona serata. Doloroso di desiderio per lei.

E ora, stasera, deve avere pietà, deve toccarmi.

Mi tocca, ma non dove ne ho bisogno. Che circonda la mia pancia. Accarezzandomi le braccia. Anche spazzolandomi i capezzoli, che ha mandato shock su tutto il mio corpo. Mi sento come se il mio corpo fosse mezzo orgasmo per tutto il tempo che sarò lì e metà di quello che sarò in uno.

Adesso mi tocca, ma non piacevolmente. Mi prende le palle nel pugno. Le ho detto che era sicuro stringerli più forte e lei ha creduto alla mia parola. Ora sembra che stia stringendo più forte che può. È quasi insopportabile. gemo e sospiro. Quando si ferma, provo ad allontanarmi, ma non ci riesco. Le mie palle sono aperte per lei. Non riesco più a chiudere le gambe come prima. Non posso proteggerli. Ora ricomincerà e non posso fermarla. L’attesa è terrificante ed elettrizzante. Lo fa di nuovo, questa volta afferrandoli, tirandoli, attorcigliandoli.

Poi mi colpisce il cazzo, forte.

Aspetto.

Mi sento più di quello che provo sentire la sua mano accanto al mio cazzo. Lo sento muoversi intorno al mio cazzo. Posso anche dire che si sta muovendo su e giù – forse sono le correnti d’aria, forse è abbastanza vicino da sentire un leggero tocco di tanto in tanto.

Poi mi toglie la benda, mi lancia quello sguardo. Astuto, crudele, amorevole, ben informato.

Lascia brevemente andare le mie mani in modo che possa rimuovere i tappi per le orecchie, quindi spinge i fermi al loro posto.

“Scommetto che ti piacerebbe che ti toccassi il cazzo?”

“Sì.”

“Per accarezzarlo?

“Dio. Sì.”

“Non sono sicuro che tu sia ancora pronto per quello. Non credo che ne abbia tanto bisogno.”

“Oh, lo so. Per favore.”

“Continuavi a chiedermi di prenderti in giro senza pietà. E ora stai implorando pietà.”

“Questo è diverso.”

“Non credo. Te lo dirò quando ne avrai bisogno.”

“Sì signora.”

“Ora vuoi sapere delle mie gesta prima che ci riuniamo. Qualcosa in me con altri uomini ti eccita, vero?

È un cambio di argomento. Dove sta andando con questo?

“Si ma…”

” Ma cosa ? Vuoi che ti tocchi, vuoi che ti racconti delle storie, non posso fare tutte queste cose. O potrei ma non lo farò.

La sua mano si muove pigramente verso il mio cazzo e poi si ritrae.

“Vuoi sapere cosa ho fatto per altri uomini?”

“Se lo desideri.”

“Spero che.”

Disegna una linea intorno alla base del mio sesso.

“Avevo abilità speciali, sai.”

“Non sono sorpreso.”

“Abilità di cui molti uomini hanno beneficiato.”

“Sì, l’ho fatto. Solo qualche altro uomo.”

Uno schiaffo duro sul mio cazzo.

“Sì, più di alcuni. Sai cosa gli piaceva? Scommetto che puoi indovinare.”

“Per accarezzare i loro cazzi?”

“Sì, per dare loro dei cretini. Soprattutto quando non potevo o non volevo scoparli. Ero una presa in giro, sai.”

“Ti credo.”

“Ti ho parlato di Mitchell? Era il ragazzo grosso. 6’3. Petto forte. Stomaco definito”.

“Sbagli.”

“Stava venendo a guardare un film. Ci stavamo rannicchiando sul divano nel mio dormitorio del college. A un certo punto, ho iniziato ad accarezzarlo attraverso i suoi pantaloni della tuta. Era un atleta, ma un bravo ragazzo. È divertente”.

“VA BENE..”

“Vorrei sentire quanto fosse duro il tuo cazzo sotto i suoi pantaloni e dovrei vedere.”

“Oh…”

“Poi gli toglierei i pantaloni, le mutande e ammirerei quanto fossero rigidi e larghi. Non lunghi quanto i tuoi, ma più larghi. Riuscivo a malapena a metterci le mani sopra. Ma l’ho fatto. Sai cosa? L’ho fatto?? “

“Sono sicuro che me lo dirai.”

Oh mio Dio, sto morendo per il tuo tocco. Ma voglio che rimanga fresco. Non avevo intenzione di chiedere l’elemosina.

“Vuoi che ti tocchi mentre te ne parlo?”

“Oh si per favore!”

“Sono sicuro di averlo fatto. Ma no. Preferirei dirti cosa ho fatto per un uomo che voleva che lo toccassi. Che non aveva voglia di prenderlo in giro. Che voleva solo che una donna sexy lo prendesse E io ero così felice.” rispondere. Ma mi hai detto che non lo volevi.

“No, non è quello che ho detto!”

“Sì, lo è. Non vuoi che tocchi il tuo cazzo. Vuoi che tocchi i cazzi di altri uomini.”

“No. No, non è vero.”

“Vuoi sentire parlare di me che tocco i cazzi di altri uomini.”

“Va bene, sì, quella parte è vera.”

La mia testa sta nuotando. In effetti, entrambe le teste stavano nuotando. Il mio cazzo si allunga e rimbalza. Gli tiene la mano addosso.

“Quindi gli farei piacere. Adoravo uscire con uomini del genere. Mi dava un senso di potere e controllo. Non tanto controllo quanto quello che ho adesso, ma vedere questi ragazzi sexy arrivare è stato il suo. tipo di ricompensa. Non lo faccio t ho ‘non mi interessa nemmeno se me ne sono andato o no.

“Ma eri eccitato?”

“Certo che lo ero. Sai cosa mi fanno i cazzi duri. Ero bagnato. Potevo sentire le mie mutandine bagnate contro la mia figa.”

“Ti sei toccato?”

“Certo. Ma non troppo. Potevo infilare l’altra mano sotto il maglione, sotto le mutandine, strofinarmi lo spacco su e giù, bagnarmi il dito e poi giocare un po’ con il clitoride. Ma questo è tutto. IL TUO piacere. ” .”

“Oh…”

“Allora ti avvolgerei la mano intorno al cazzo..”

Quando lo disse, la sua mano andò alla base del mio cazzo. Sospirai, finalmente pronto a toccarlo.

Apre la mano a semicerchio, spostandola di qualche millimetro dalla pelle del mio cazzo duro ma senza toccarla.

“Comincerei a muovere la mano su e giù.”

Imita il movimento su e giù del mio cazzo, ma senza toccarlo, semplicemente passandoci sopra.

“Ho spremuto mentre lo facevo, facendolo gemere e gemere. È stato bello sentire il suo cazzo caldo, morbido ma duro tra le mie dita.”

Voglio che chiuda la mano intorno al mio cazzo così posso sentire cosa aveva il suo stallone del college.

“Ho resistito, muovendomi sempre più veloce. Mi ha guardato in un modo che mi ha fatto sentire il mondo intero per lui, ma allo stesso tempo, non ero altro che un mezzo per raggiungere un fine”.

A questo punto, muove velocemente la mano su e giù, guardando il mondo come se mi masturbasse eccitata, ma in realtà la sua mano è a pochi millimetri dalla superficie del mio cazzo dolorante.

“Tu invece mi sei completamente devoto, vero, amore mio?” Faresti qualsiasi cosa per me.

Sono d’accordo si.

Mentre scuotevo la testa, ha sferrato un grosso schiaffo sul mio zaino stretto ed esposto con la mano libera. gemevo e tremavo.

“E mi prenderesti qualcosa?”

Annuisco di nuovo.

Mi ha colpito di nuovo le palle, più forte.

“E non hai bisogno di niente da me?”

Oh mio Dio, certo che lo faccio! Ma scuoto la testa no.

“Nemmeno per afferrare il tuo cazzo e strizzarlo come ho fatto con il suo?”

Sono d’accordo.

“Come il suo e tanti altri?”

Sono d’accordo.

“Ti piace l’idea di me che stringo, vero?”

“Sì”, debolmente.

Rallenta per un momento, mette la mano sulle mie palle e le afferra, tutte insieme, tra le dita.

“Ho intenzione di spremere quello invece.”

E chiude il pugno intorno alle mie palle. Molto difficile. E poi tira e gira.

La sua voce ora è un po’ frastagliata, forse per effetto o forse perché la eccita davvero. Difficile da dire visto lo stato in cui mi trovavo.

Lo prende velocemente, le mie palle incredibilmente compresse nella sua mano.

“Per favore…” borbottai.

“Per favore cosa?”

Mi rendo conto che non sono sicuro. Il fatto che mi tocchi è carino, ma il modo in cui mi tocca è quasi insopportabile. Comincio a sentire il nodo allo stomaco.

“Per favore, fermati… le mie palle…”

All’improvviso si lascia andare.

“Certo che lo faccio mia cara.”

“Sai,” continua, “non ti farei una sega come una puttana di strada, sarei gentile come lo sono a volte con te. Mi prenderei il mio tempo e cambierei un po’ le cose.”

Detto questo, inizia a tracciare delicatamente il dito dalla base del mio sesso al glande. Quindi fa girare il dito attorno ai bordi della testa. A parte, ovviamente, che non si tocca. Ancora. Di tanto in tanto si avvicina un po’ troppo e la sento sfiorarmi, ma momentaneamente, fugacemente.

“Oh sì, Mitchell l’ha adorato. Infatti, anche dopo che ci siamo lasciati, è venuto a trovarlo sperando che potessi toccarlo. E il più delle volte. Sai perché?”

“Perché?”

“Perché amo la sensazione di un cazzo duro e non mi interessa chi sia, davvero. Non si tratta di una relazione, si tratta di avere un giocattolo grande e bellissimo con cui giocare. Un giocattolo che risponde”.

Sto sdraiato lì a pensare a tutti i ragazzi con cui è uscita nel corso degli anni, a pensare ai suoi bisogni, al suo desiderio di controllare e divertirsi. Mi sono reso conto che vedeva gli uomini e i loro peni solo come oggetti di piacere. Provo una punta di gelosia, ma una punta di dolcezza; sapere che alla fine era tutta mia.

“E la mia parte preferita è stata l’ultima parte. I risultati del mio lavoro.”

È tornata sul mio cazzo ora, la sua mano intorno ma non su di esso.

“Li farei venire.”

Il modo in cui lo dice mi manda in delirio. Combatto la corda attorno ai polsi e alle caviglie.

“Difficile.”

Adesso alza e abbassa la mano.

“Mi hanno guardato con occhi da cucciolo supplichevoli e grati. Lo adoro.”

“Ho visto le loro palle stringersi sui loro corpi – è così che ho capito che erano vicini”.

Voglio, ho bisogno che mi tocchi così tanto, ma so che non ha senso interromperla. Il percorso era stato tracciato e tracciato molto prima nella sua mente nella notte.

“Mitchell in realtà ha fatto questo ringhio a bassa gola che ho trovato molto accattivante. Il suo petto muscoloso peloso andava su e giù.”

La sua mano si sta muovendo rapidamente ora – sento nella mia mente come deve essere stato per i suoi amanti, lo sperma bollente.

“E poi avrebbe iniziato a spingere i fianchi avanti e indietro e la mia bocca avrebbe trovato il suo ritmo. Sarebbe stato come ‘mi fai venire’, ‘oh mio Dio, è così bello’, cose del genere”.

Non ho potuto farne a meno.

“Per favore, per favore, fammi questo.”

Mi colpisce il cazzo velocemente e duramente.

“No, non chiedere di nuovo.”

Torna con il pretesto di pompare il mio cazzo.

“E poi urlava davvero quando iniziava ad andare oltre il limite. Lo sperma sarebbe esploso dal suo cazzo. Voglio dire, sarebbe esploso. Mi avrebbe colpito la faccia, il divano, il pavimento.”

Ho visto l’immagine nella mia testa chiara come il giorno: la sua mano che prendeva questo ragazzo che non avevo mai incontrato e che non avrei mai incontrato nel modo più intimo e abile che si possa immaginare. Un percorso che dovrebbe essere riservato esclusivamente a me.

“Ma dopo quell’esplosione, stava uscendo dal suo cazzo. Bianco, appiccicoso, appiccicoso, su tutta la mia mano, sulla tua pancia, sul tuo pube.”

Ride e si siede un po’.

Penso quanto sarebbe bello, soddisfacente, intensamente piacevole avere la sua mano che pompa ed eiacula dalle mie palle doloranti. Sembrava che le mie palle si stessero graffiando per sgonfiarsi.

“L’ho visto gocciolare giù per il suo cazzo duro. Ho immerso il dito e l’ho allargato. Ha sempre avuto un sacco di sperma per me. Più di te, stranamente. Certo, non mi dai mai più il tuo sperma. .”

“È perché non me lo permetti!”

“Ho adorato vederlo arrivare. Ho adorato lo sguardo di felicità e soddisfazione sul suo viso”.

Si è fermata.

“Come amo… Come amo…”

Ritira la mano.

“Proprio come mi piace non dartelo.”

lei ride.

Sospiro e gemo. I miei occhi stanno implorando, ma non lo farò. Io lo so meglio.

Mi dà tre schiaffi veloci alle palle.

“È tutto per te. È il tuo piacere per la notte.”

“Grazie signora. Vuole slegarmi adesso?”

No, puoi restare così. Non voglio rischiare che ti tocchi. Preferirei che passassi la notte a pensare a tutti i cazzi che ho fatto, sapendo che non ti darò quel piacere. Il mio piacere è… vedere che non ne hai uno.”

Si sdraia e quasi subito inizia ad appisolarsi, un’espressione soddisfatta sul viso.

Sento la tua presenza accanto alla mia, il tuo respiro. Il suo profumo. E io sono sdraiato lì, il mio cazzo duro, le mie palle doloranti, incapace di muovermi per toccare per alleviare la pressione che sento su tutto il corpo.

È agonia e felicità. Sono disperato ma felice. Desidero ardentemente che lei mi dia lo stesso tocco che ha dato a tanti amanti nel corso degli anni, un tocco che ho imparato ad apprezzare e spero – prego, penso con un sussulto – che ci tornerò. Una bella donna con mani abili. Mia moglie.

La verità? La verità è che lo amo. Come mi piace.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *