Eric’s Day – BDSM – Literotica.com

di | 5 de Agosto, 2022

(come detto nelle altre mie storie… più D/s che BDSM)

***

Eric si avvicinò alla sua porta. Guardando l’orologio, fu contento di avere due minuti a disposizione per poter usare quel tempo per calmarsi. Questi giorni che doveva trascorrere con la signora Bianca erano importanti per lui e sapeva che si sarebbe molto arrabbiata se non fosse stato puntuale. Sarebbe stata anche tutt’altro che felice se avesse esaurito le energie, indicando che aveva bisogno di sbrigarsi, forse suggerendo che non era così importante nella sua vita. Era così nervoso ed eccitato che fece solo un pranzo leggero. La sua mente registrava vagamente l’odore dei cespugli di caprifoglio piantati su entrambi i lati della porta.

Ripensandoci, riconsiderò cosa sarebbe successo quando avesse suonato il campanello. “La figlia della Padrona, Lorna, aprirà la porta come fa sempre e indicherà dove la Padrona mi sta aspettando. Devo entrare, spogliarmi e strisciare nella stanza che la Padrona occupa oggi.” Il suo cuore batteva più veloce nell’attesa mentre suonava il campanello.

Quindi lo ha colpito! Non si era rasato il pube liscio! “Oh cazzo!” lui ha sussurrato. Non doveva radersi le gambe o la parte superiore del corpo. Ma uno dei suoi requisiti era che la sua area pelvica fosse liscia e glabra. La sua mente vacillò. “Se torno di corsa per fare questo, arriverò in ritardo, che è un ritardo imperdonabile. Uno o l’altro!”

Tremando in quel modo, il tempo che gli restava è scaduto e, con un cuore di piombo, ha suonato il campanello.

Ci fu solo un leggero ritardo prima che la porta si aprisse. “Entra,” gli disse Lorna, sorridendo in segno di saluto. “La Madonna è in soggiorno.” Lorna, una rossa voluttuosa, era vestita con un orlo scintillante che aderiva alle sue curve. Sapeva di sapone e di fresca femminilità, quindi pensava che si fosse fatta la doccia di recente. Osservò, divertita, mentre Eric si spogliava rapidamente. Il suo divertimento svanì quando vide il suo inguine. Le sue pupille si dilatarono per la sorpresa e lo shock, ma cercò di mantenere la sua espressione inespressiva e non emise alcun suono. Silenziosamente pensò: “È pazzo ad apparire così?” Sta cercando di provocare una reazione?

Eric si mise a quattro zampe e iniziò a gattonare per il soggiorno, sapendo che Lorna, vestita, stava camminando dietro di lui. Supponendo che i suoi occhi guardassero il suo culo e l’inguine penzoloni, le sue guance diventarono rosse e calde, come sempre quando era imbarazzato. Ciò è stato esacerbato dal fatto che probabilmente ha visto i suoi peli pubici scuri che oscuravano parzialmente il suo scroto. Le ginocchia gli facevano un po’ male quando raggiunse la stanza indicata.

La signora Bianca, dai capelli scuri, era sdraiata su una sedia simile a un trono, una delle sue scarpe tolte, il piede nudo disteso per terra. Era un segno che doveva adorare il suo piede, e scivolò verso la ricompensa con gioia genuina. Mentre iniziava con fervore a premere le labbra sulla sua pelle morbida e calda e ad inalare il suo profumo speciale, sentì il suo cazzo indurirsi. Le leccò il piede con delicate leccate e sentì i suoi tendini tesi. Spostando le labbra sulle punte dei piedi, la trovò che le sollevava in modo invitante. Con gioia, iniziò a succhiare ogni dito glorioso e infilare la lingua negli spazi tra di loro, trasmettendo la sua sincera ammirazione per questa donna con la sua piena attenzione a questo culto del pedale.

“Basta,” dichiarò con un soddisfatto, gutturale fusa. “Ispezione”, ordinò.

La sua felicità svanì in soggezione quando si alzò rapidamente, i piedi alla larghezza delle spalle e le mani dietro la testa, i gomiti tesi. Ha iniziato a scansionarlo dalla sommità della testa in giù. Come aveva previsto, il suo sorriso si trasformò in uno sguardo di delusione e disgusto quando i suoi occhi trovarono l’inguine. Sapeva che la base della sua erezione sporgente era oscurata da un groviglio di peli pubici.

Anche se non gli era stato ordinato di parlare e di spiegarsi, si sentiva in dovere di farlo. “Mi dispiace signora! Ero confuso! Per favore fatemi prendere un rasoio e rendermi totalmente presentabile!” pregò. Il suo respiro era roco per le sue emozioni contrastanti di scoraggiamento e desiderio.

“Quindi non stavi pensando in modo chiaro”, ripeté con voce pericolosa. “Per me, questo significa che non hai pensato a me quando hai viaggiato qui. Non hai pensato agli ordini che ti ho dato. Invece, dai per scontato.”

“Te lo assicuro…” iniziò a balbettare.

“Il silenzio!” lei ha ordinato. Facendo un cenno a Lorna, sussurrò all’orecchio della rossa. La ragazza annuì comprensiva, si slacciò rapidamente i vestiti e le afferrò il colletto e la gorgiera. «Inginocchiati ai miei piedi, verme», disse la Signora con voce addolorata.

Tremando, Eric si inginocchiò goffamente, continuando a tenere le mani dietro la testa, timoroso di iniziare un movimento che lei non aveva specificamente comandato. La sua padrona gli legò il guinzaglio intorno al collo e lo legò. Porgendo a Lorna il guinzaglio, disse a Eric: “Alzati e segui Lorna e obbediscile implicitamente”. Ti ho dato le mie istruzioni esatte.

Si è rialzato in piedi. Con le mani infilate dietro la sua testa ei gomiti il ​​più indietro possibile, Eric seguì l’adorabile figura di Lorna mentre gli passava accanto, dondolando i fianchi ad ogni passo e tirandolo in avanti. Se non fosse stato così sconvolto da deludere la signora Bianca, avrebbe potuto desiderare che Lorna le stesse tirando il guinzaglio così forte che il suo cazzo potesse colpire una delle sue belle natiche. Ma si sentiva troppo impotente anche solo per intrattenere un pensiero del genere.

Altre storie erotiche  The Modern Free Use Office - BDSM

Lo condusse nella soleggiata camera da letto con il suo letto di rame lucido e lucidato. «Adesso abbassa le braccia, Eric, e sdraiati sul letto» ordinò. Fu un po’ sorpreso dalla forza del suo tono, ma si rese conto che stava incanalando i comandi della sua Padrona, e obbedì obbediente.

“Alza le braccia per me”, le disse Lorna. Quando lo fece, gli legò strettamente le manette di cuoio ai polsi con i loro anelli di ferro che sporgevano. Afferrando le corde che erano legate alle colonne del letto agli angoli della testiera, allungò le braccia dal suo busto a forma di “V”, fissandolo con quelle corde nei pugni. Come sempre, essere legato ha eccitato Eric, e soprattutto ora che stava guardando i bei seni nudi di Lorna che quasi rimbalzavano sul suo viso mentre lavorava. Per quel breve momento, fu distratto dalla sua vicinanza e dal tocco occasionale dei suoi capelli contro la sua pelle nuda.

Dovette strisciare parzialmente sotto il letto per tirare un’ampia cintura che andava sotto il centro del letto, attraverso. Si legò la cintura intorno allo stomaco, tirandola forte. Poi si legò delle manette di pelle alle caviglie. Se Eric pensava che sarebbe finito con le gambe divaricate, nudo sul letto, si sbagliava. Godendo davvero del suo lavoro, Lorna fece scorrere le corde dalle caviglie alla parte superiore dei montanti del letto fino agli angoli della testiera. Anche Eric è finito con le gambe a forma di “V”, sopra e parallele alle braccia! Si sentiva estremamente vulnerabile, la sua erezione puntava verso l’ombelico e lo zaino che gli pendeva dal culo.

Ridendo sommessamente, Lorna fece scorrere l’unghia sul sacco di palline in questione, facendo oscillare di riflesso il cazzo di Eric. “Ora non andare,” ridacchiò dolcemente, lasciando che le unghie colassero lungo la parte posteriore della coscia più vicina. “Dirò alla signora che ora sei pronto.” Mentre si allontanava, Eric osservò la luce del sole che inondava i pannelli di vetro della stanza. Se la luce provenisse dai riflettori, potrebbe sembrare che fosse intrappolato in una strana e strana sala operatoria.

Non era stata via abbastanza a lungo da permettere a Eric di pensare alla sua situazione attuale, o anche solo di chiedersi cosa avesse pianificato la sua amante come punizione. Apparentemente pochi secondi dopo, la signora Bianca entrò nella stanza, seguita da Lorna, ancora nuda ma ora strisciante. Il Dominante dai capelli scuri lo guardò e, sorridendo, disse: “Sembra perfetto, ragazza. Esattamente quello che immaginavo, quindi penso che meriti una ricompensa. Con grazia, liberò uno dei suoi gloriosi seni dal vestito. “Vieni qui, figlia mia. Presto potrai leccarmi e succhiarmi il seno.”

Gli occhi di Lorna brillavano mentre si alzava per assaggiare questa rara prelibatezza. Signora Bianca si voltò, presentando un profilo a Eric. Guardò in basso tra le sue cosce e poté vedere chiaramente come Lorna tirasse fuori la lingua, lavando abbondantemente la pelle del seno della sua Padrona. Gemette mentre lei guardava l’area scura intorno a quel capezzolo increspare di piacere, allungando considerevolmente il capezzolo. Qualche istante dopo, quello stesso capezzolo scomparve tra le labbra rubino increspate di Lorna mentre iniziava a succhiarlo, assaporando il sapore della consistenza di quel rigonfiamento e della carne increspata alla sua base. Le sue narici si allargarono mentre inalava il profumo di quella zona del corpo della sua Padrona. Sentendosi come se fosse ora in paradiso, la ragazza emise un gemito dalla gola mentre succhiava.

Sentendo il suono soddisfatto di Lorna, Eric si scoraggiò. Mentalmente, era pazzo di rimorso. “Se non fossi stato uno sciocco così sconsiderato, forse alla mia bocca e alla mia lingua sarebbe stato offerto questo raro regalo”, si rimproverò mentalmente. “Mi ha permesso di adorare il suo piede che è stato fantastico… ma adoro le sue tette… l’odore, il sapore, la sensazione della sua carne nella mia bocca… Oh che giornata per così tanti vizi!” La tua pancia.

Quando Miss Bianca sentì che Lorna aveva ricevuto abbastanza ricompensa, accarezzò i capelli della ragazza, sussurrando: “Basta così, mio ​​caro animale. Ho ancora del lavoro per te”.

Obbediente ma con riluttanza, Lorna sollevò le labbra da quel seno succulento e tenne le mani lungo i fianchi, in attesa di istruzioni. A questo punto, entrambi i sottomarini erano perfettamente consapevoli della lucentezza creata dalla saliva di Lorna, che copriva la punta del suo seno ancora visibile. Dal momento che la signora Bianca stava guardando di nuovo con disprezzo i peli pubici di Eric, pensò che il compito di Lorna sarebbe stato quello di raderseli. Aveva in parte ragione in quell’ipotesi.

La bellezza dai capelli scuri sussurrò istruzioni all’orecchio di Lorna e le pupille della ragazza si dilatarono, ma lei sussurrò: “Sì, signorina”. Capisco. Tirò fuori un piccolo paio di forbici mentre la sua Padrona si sistemava su una comoda sedia per osservare il procedimento.

Altre storie erotiche  Slave Kessler - BDSM - Literotica.com

Dire che Eric era nervoso quando Lorna ha iniziato a tagliarsi i peli pubici con le forbici sarebbe un eufemismo. Era terrorizzato! Nessun ragazzo vuole qualcuno che brandi forbici affilate vicino alla sua virilità! Ad ogni tiro e taglio, il suo corpo tremava. Si schiarì la gola, deglutì nervosamente e cercò di non strillare mentre parlava. “Signora, non può radermi con quella roba, vero?” Cercò di ignorare il rivolo di sudore che la sua paura stava mostrando sotto le sue ascelle, ma lui e Lorna erano consapevoli dell’odore insidioso.

La signorina Bianca sembrava divertita quando rispose: “Certo che no, bastardo sfacciato. Si sta solo tagliando i capelli più lunghi”. La stanza era di nuovo silenziosa, a parte i suoni intermittenti del taglio mentre Lorna lisciava delicatamente i capelli in questione e ne rimuoveva quasi mezzo pollice. La sua mano libera era impegnata, muoveva il cazzo di Eric di tanto in tanto e muoveva le sue palle mentre allungava o lisciava la pelle del suo sacco per lavorare. La sua erezione era tesa e gocciolante, sia per il tocco che per la vista del suo corpo.

Quando Lorna alla fine disse: “Questo è tutto ciò che riesco a trovare, signora” e posò le forbici, Eric tirò un sospiro di sollievo. Il suo sollievo, tuttavia, fu di breve durata. La scomparsa di Bianca si avvicinò, ispezionò i risultati di Lorna e annuì in segno di approvazione. Ma poi ha scambiato le forbici con le pinzette!

Tornata al suo comodo sedile, la signora Bianca ordinò: “Tutti i capelli laggiù adesso, tesoro. E assicurati che non perda l’erezione. Voglio vederlo tutto il tempo. Se sono rimasti dei capelli, o se diventa molle, dovrò punirvi entrambi.” “

Concentrandosi, Lorna si chinò per concentrarsi sui suoi singoli capelli. Con il forcipe, si strinse un capello nello scroto e iniziò a tirare lentamente il forcipe verso l’alto. La pelle sottile si sollevava, tirata da capelli arruffati, mentre Eric gemeva: “Owww.” Quando finalmente i capelli si liberarono, gridò di dolore.

Offrendo consigli, la signora Bianca ha detto: “Penso che scoprirai che i capelli escono più facilmente e con meno dolore se tiri la pelle flaccida e tiri i capelli tutto in una volta”.

Lorna ha cambiato rapidamente tattica, come indicato dalla sua padrona. Premette l’erezione palpitante di Eric contro la sua pancia, usando le dita della stessa mano per lisciare la pelle su parte del suo zaino. Ciò ha fatto alzare i peli corti in questa sezione, prontamente disponibili per le pinzette. Fortunatamente, ha iniziato a tirarli fuori in rapida successione. Eric gemeva e si contorceva ogni volta che veniva tirato un altro capello.

“Problemi, verme?” gli chiese la signorina Bianca in modo piuttosto sprezzante.

“Sembra che mi ficchi un ago dentro ogni volta, signorina,” sibilò tra gemiti e gemiti. Infatti, anche se la ceretta era dolorosa, era anche eccitante avere una donna nuda che giocava con il suo vestito. Il suo viso era così vicino che lo sentiva ogni volta che espirava. In quel momento, Lorna ha strappato inavvertitamente tre ciocche di capelli contemporaneamente, facendolo urlare.

“Scusa,” mormorò, anche se in realtà non lo era, o era così concentrata che la sua voce era priva di emozioni. “È un bene che siamo in questa stanza luminosa, Eric. Ed è anche meglio che io abbia una vista così buona. Non è un compito facile, sai.” Si strappò molti altri peli in rapida successione, spingendo inconsciamente la punta della lingua fuori dall’angolo delle labbra mentre si concentrava sul suo compito. “Uh, oh,” mormorò.

“Oh, oh? fece eco Eric, sforzandosi di guardarsi le palle dal petto. “Perché hai detto che?” Era certamente una dichiarazione inquietante, dato il luogo in cui Lorna lavorava.

Lorna ignorò la sua domanda. “Signora, gli ultimi capelli che ho tirato – dov’erano, sanguina un po’ adesso. Cosa dovrei fare?” chiese alla moglie dai capelli scuri.

“Se è una piccola goccia di sangue, la tua saliva potrebbe bastare per aiutarla a coagulare. Puoi leccarti il ​​dito e strofinare via la saliva, oppure puoi leccare la macchia direttamente dal cassetto accanto a te”, ha risposto il Dominatore.

Eric sentì la punta della lingua di Lorna leccare delicatamente la sua pelle ormai dolorante e sensibilizzata. “È vero,” fu felice di sentirla dire. Tornò a lavorare su una nuova sezione. Le sensazioni di formicolio nel suo zaino si intensificarono, come se le api lo pungessero ripetutamente, facendolo rabbrividire ogni volta e gemere pietosamente mentre istintivamente si contorceva nella sua reclusione. La sua eccitazione iniziò a svanire. Lorna ha notato che il suo cazzo stava iniziando a diventare meno rigido. Ricordando l’avvertimento della sua padrona, ha smesso di tirare abbastanza a lungo da usare le mani per pompare il suo cazzo fino a quando non era pieno.

Poi ricominciò la scoperta del suo scroto. Quando Lorna ha creato un punto sanguinante che alcune leccate non avrebbero fermato, ha afferrato la matita dell’emostato. Sapeva dal radersi le gambe che funzionava meglio quando era bagnata, quindi gli sputò addosso. Sapeva anche dall’applicarlo alle gambe che provocava una sensazione di bruciore quando veniva usato, quindi era pronta per la sua reazione. Toccandolo con il sangue gocciolante, sentì il muscolo della coscia di Eric contrarsi mentre sibilava e cercava di allontanare i fianchi dalla sensazione dolorosa. Ma Lorna piegò il suo cazzo, facendo scivolare la testa nella sua bocca. La sua azione di suzione attirò la sua attenzione e il dolore fu presto dimenticato.

Altre storie erotiche  Angel and Nicola - BDSM

Dopo alcuni sorsi del suo pre-cum salato, ha lasciato che il suo cazzo teso rimbalzasse sulle sue labbra e ha controllato gli effetti della matita. Aveva funzionato meravigliosamente, come previsto. L’attrazione continuava, anche se ora, oltre a indietreggiare ogni volta che le tirava uno dei capelli, Eric aveva le lacrime che gli scorrevano dagli occhi lungo le guance.

Dopo un momento, la signora Bianca osservò il riflesso della luce solare sulla delicata lucentezza del sudore sui corpi dei suoi due sottomarini. Eric è stato creato dalla contrazione dei suoi muscoli mentre cercava di sfuggire ai dolorosi strappi della sua virilità. Quella di Lorna è stata prodotta dal suo corpo che si muoveva per raggiungere le posizioni ottimali per il lavoro, quindi in piedi in ogni posizione.

Ci sono volute letteralmente ore a Lorna per pulire tutti i capelli dalla sua borsa per le palle. Fortunatamente, erano rimaste solo poche goccioline di sangue e ha dovuto usare ancora una volta la penna emostatica. Il sovraccarico sensoriale sulla sua pelle scrotale aveva creato una specie di effetto paralizzante, o almeno così Eric si stava abituando al basso livello di dolore. Lorna ha dovuto fermarsi e pompare il suo cazzo fino alla pienezza più volte durante il giorno. Lo ha spinto fuori bordo alcune di quelle volte, ma non lo ha mai portato a un completo rilascio, il che è stato frustrante. Le sue palle iniziarono a dolere in un modo completamente diverso: il dolore di essere stato preso in giro quasi fino all’orgasmo, ancora e ancora.

Quando Lorna aveva bisogno di pulire la sezione tra la base del suo cazzo e il suo stomaco, ha scelto di tenere la testa del suo cazzo in bocca, permettendo alla sua bocca di toglierlo di mezzo mentre lavorava. Normalmente, un contatto orale così prolungato avrebbe fatto gemere Eric e sparare il suo seme nelle calde e umide profondità della sua bocca e della sua gola. Ma l’elegante sub non stava applicando alcuna aspirazione. Stava solo tenendo passivamente il suo cazzo in bocca, il che non era abbastanza stimolante. Non solo, questa nuova sezione di pelle non era insensibile come il suo scroto, quindi la sua leggera agonia sbocciò di nuovo. Ha fermamente deciso di non dimenticare mai e poi mai di radersi prima di rivedere la sua Padrona!

Lorna ha anche trovato dei peli vaganti direttamente sull’asta del suo cazzo e li ha estratti con cura. Alla fine, si appoggiò allo schienale, guardando la sua Padrona mentre accarezzava pigramente la pelle molto liscia del suo cazzo, e dichiarò: “Penso di averli tutti, Padrona”. Eric si arrese con sollievo, sperando che l’agonia si sarebbe attenuata ora.

“Brava ragazza,” rispose la signorina Bianca. “Darò un’occhiata di persona.” Mentre la loro Padrona si avvicinava al letto, le due sottomesse sentivano l’odore forte dell’eccitazione che emanava dall’area tra le sue cosce. Apparentemente era piuttosto eccitata, guardando Lorna lavorare, e ascoltando e vedendo Eric contorcersi nei suoi legami. Ha ispezionato l’intera zona inguinale, piegando il suo cazzo da un lato all’altro, e sollevando e spostando il suo sacco in diverse direzioni, facendo scorrere la pelle sulla punta delle dita.

“Hai fatto un ottimo lavoro, ragazza”, ha detto la signora Bianca. La ragazza sorrise e quasi si lusingò della sua conquista. “Comunque…” Il cuore di Lorna accelerò a quell’unica parola biascicata. “Guarda i capelli che hai lasciato qui”, ha detto la signora Bianca, indicando l’area intorno al culo di Eric.

Era confuso su cosa stessero parlando, fino a quando il dito di Lorna toccò la pelle adiacente al suo buco ben increspato, facendolo sussultare per la sorpresa. “Questi, signora?” lei chiese.

“Sì. Se ricordo bene, ti ho chiesto di toglierti tutti i peli, ma assicurati che non si afflosciassero. Hai fatto un lavoro ammirevole nel mantenere stabile il tuo cazzo durante questo lungo calvario… te lo assicuro. Ma non avete ottenuto tutti i capelli, quindi dovrete essere puniti entrambi. Finiscilo ora.

Quando Lorna ha usato le pinzette su quei primi capelli intorno al culo, gli occhi di Eric si sono spalancati per lo shock. Sembrava che un poker caldo fosse stato premuto contro quell’area! Ad ogni successivo strattone di quei capelli folti e testardi, Eric sentiva di dover ricalibrare la sua scala personale del dolore. Borbottando per il dolore, ha scoperto che quello che in precedenza aveva pensato fosse un “10” si è rivelato essere un “7” o meno! Fortunatamente, non c’erano molti capelli offensivi lì e Lorna ha impiegato solo cinque ore soggettive per completare il suo compito. Le cinque ore soggettive per Eric erano in realtà solo cinque minuti di tempo reale per Lorna. Non c’era abbastanza tempo per la signora Bianca per tenersi il seno e giocare con il capezzolo mentre si godeva l’intrattenimento.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *