Exploiting his Weakness – BDSM

di | 18 de Giugno, 2022

Jamilah Koury sapeva che era tutto finito nel momento in cui lo sconosciuto si era trasferito nella casa dall’altra parte della strada. È successo tutto troppo in fretta, troppo silenziosamente. La famiglia Qureshi, che viveva lì da decenni, era lì un giorno e se ne andò il giorno successivo. Più stranamente, non hanno portato con sé nessuno dei loro mobili.

Jamilah aveva sentito le voci. Circolavano da mesi: città conquistate dai jihadisti Fulani; le sue élite al potere furono effettivamente sostituite dai lealisti dello zelante riformatore Usman dan Fodio. Nella casa di Jamilah, le voci hanno causato grande paura. La sua famiglia godeva di uno status agiato tra la classe dirigente istruita della città, ma la loro posizione poteva essere facilmente sconvolta dagli invasori Fulani. L’Islam di Dan Fodio era un Islam moderno, dicevano, che non aveva posto per pratiche antiquate come il culto degli antenati. Quelle sfortunate persone che ancora si aggrappavano alle vecchie usanze – che, come la famiglia di Jamilah, praticavano un misto di Islam e religione indigena – furono rapidamente espropriate delle loro proprietà e del loro status. La paura aleggiava nell’aria di Katsina City, densa come una tempesta di sabbia.

Cosa sarebbe stata senza la sua casa, si chiese Jamilah? Questa casa, con i suoi esterni in argilla bianca e gli interni freschi, arazzi, cuscini e libri, era stata una costante nella vita di Jamilah. Seduta sui cuscini della stanza principale, aveva letto voracemente i suoi libri, poi li aveva riletti. Aveva copiato scrupolosamente i test di matematica dai libri sugli scaffali e ne aveva scritti di propri. Aveva memorizzato le pagine del Corano ornato che si trovava sul supporto di legno nell’angolo. Da questa casa, Jamilah sentiva di poter capire il mondo intero. Jamilah ha avuto più della sua giusta quota di romanzi falliti, ma la sua casa, i suoi libri e le sue belle cose sono sempre state lì. Ancora.

La famiglia Qureshi se n’è andata. La famiglia Koury sarebbe stata la prossima? Per tutta la notte, il padre e il fratello di Jamilah si sono seduti nella stanza sul retro, discutendo le loro opzioni: era ora di lasciare la città? Dove andrebbero se lo facessero? Cosa potrebbero vendere?

Mentre parlavano a bassa voce, Jamilah colse l’occasione per sbirciare attraverso la porta d’ingresso al nuovo inquilino della casa dall’altra parte della strada. Dopo tutto quello che aveva sentito sui temibili invasori Fulani, si aspettava che questo nuovo vicino mostrasse evidenti segni esteriori della loro natura sinistra. Quest’uomo, tuttavia, sembrava terribilmente carino. Sorrise ai suoi servitori mentre portavano i loro libri e arazzi in casa e offrivano loro dell’acqua quando avevano finito. Era un uomo alto e snello con occhi neri luminosi e penetranti, resi ancora più evidenti dalla mancanza di ornamenti nei suoi semplici abiti bianchi. Jamilah ha trovato impressionante la severità del suo aspetto, e mentre lo guardava scomparire in casa sua, ha notato che non sembrava avere una moglie. Jamilah si scrollò di dosso e andò nella stanza sul retro.

“Kwaku ci accetterebbe?” Tuo fratello stava chiedendo. “Potremmo stare nella sua fattoria a nord.”

“Non bene,” rispose suo padre. “Dan Fodio ha già conquistato le province settentrionali.” Alzò lo sguardo e vide Jamilah in bilico sulla soglia. “Vai a letto, Jamilah. Ti terremo al sicuro, non preoccuparti.” La sua voce tremava mentre lo diceva, come se stesse cercando di convincersi che le parole erano vere.

Jamilah si morse il labbro e si voltò. Entrò nella camera da letto, dove era seduta sua madre, ad accendere una lampada a olio per gli antenati. Sua madre alzò lo sguardo quando Jamilah entrò e le fece un sospiro a bocca chiusa. «Ho sempre pensato che a quest’ora ti avremmo sposato», disse con rassegnata tristezza. Jamilah guardò in basso con aria colpevole. “Non era nel piano di Allah.”

Per tutta la notte, Jamilah si girò e si girò nel suo letto, sveglia per paura del capovolgimento della fortuna della sua famiglia. Se solo si potesse ragionare sui jihadisti, pensò. Se avesse potuto parlare con l’uomo dall’altra parte della strada, avrebbe potuto convincerlo a lasciare che la sua famiglia restasse dov’era. E perchè no? Era umano, dopotutto, e tutti gli umani avevano le loro debolezze. Se fosse riuscita a scoprire cosa fosse, allora forse, solo forse, avrebbe potuto esplorarlo.

***

Yusuf sedeva nella stanza principale della sua nuova casa, cercando di mettersi a proprio agio tra i mobili sconosciuti. Teneva una penna in una mano e un pezzo di carta nell’altra, e vi scrisse un elenco di infedeli musulmani che avrebbero dovuto essere affrontati affinché la rapida acquisizione di Katsina avvenisse senza intoppi. C’erano cinque cognomi scritti sulla carta: Qureshi, Ahmed, Bangura, Musa e Koury. Trasmetterà questa lista all’emiro e ogni famiglia sarà immediatamente ricollocata. Era un peccato, davvero, ma doveva essere fatto.

Yusuf sospirò, mise da parte l’elenco e prese il libro che stava leggendo: il trattato di Thabit ibn Qurrah sulla geometria delle sezioni coniche. La matematica aveva senso per Yusuf. Politica e teologia erano troppo confuse per i suoi gusti. Anche sotto la guida del Corano, c’erano molte ambiguità morali nel mondo della politica. Quando si ritrovava troppo coinvolto nei dettagli degli affari politici (cosa che capitava abbastanza spesso di questi tempi), gli piaceva tornare nel mondo dei numeri e delle forme. Qui era pulito e libero dallo sporco, dal sudore e dal sangue della vita quotidiana. C’erano risposte giuste e sbagliate, e non c’era bisogno di sentirsi in colpa se le soluzioni trovate cacciavano alcune famiglie dalle loro case.

Aveva appena cominciato a riorientarsi nella lettura quando la porta del suo ufficio si spalancò sbattendo. Spaventato, Yusuf si appoggiò allo schienale della sedia e si coprì il viso con le braccia. Uno sguardo tra le dita, però, lo informò che l’intruso non era un aggressore armato, ma una donna, armata solo di un’espressione feroce e determinata. Yusuf si riprese rapidamente, si alzò a sedere e assunse un’espressione di fredda indifferenza, ma si rese conto che era troppo tardi per fingere indifferenza: la donna lo aveva disarmato con il suo aspetto improvviso, e lei lo sapeva.

Studiò la strana donna, cercando di leggerla. Era chiaramente una donna ricca, come dimostrano il suo vestito, la cintura e i gioielli decorati. E ovviamente non era una musulmana particolarmente ortodossa, poiché i suoi capelli erano scoperti. Gli occhi di Yusuf si soffermarono sulla vista dei suoi capelli, intrecciati in modo elaborato sulla sua testa e in una spessa crocchia in cima. Lo faceva sentire a disagio, vederla, uno scorcio di bellezza proibita che risvegliava qualcosa dentro di lui che preferiva non disturbare.

“Dovresti coprirti la testa”, le disse. “Una brava ragazza come te farebbe bene a comportarsi in modo più modesto.”

“Oh, non sono una brava ragazza”, rispose, avvicinandosi a Yusuf e standogli sopra. Se si fosse alzato ora, sarebbe stato più alto di lei, pensò. Poteva facilmente superarla fisicamente. Eppure, per qualche ragione, si sentiva minacciato da lei, come se questa donna sapesse qualcosa che lui non sapeva. Rimase dov’era. “Mi chiamo Jamilah Koury”, ha detto. “Lasciami andare al sodo. Voglio che lasci che la mia famiglia si occupi della tua casa.”

Sta ridendo. Così è stato. È venuta dalla porta accanto, implorandolo di lasciare in pace la sua famiglia, nel modo più abrasivo. “Sono Yusuf Noor. È un piacere conoscerti.” Incrociò le gambe e la guardò gentilmente, assicurandosi di non rispondere alla sua domanda.

Jamilah era ferma. “La mia famiglia si prende cura della loro casa”, ha ripetuto.

“Cosa ti fa pensare che io abbia il potere di farlo?”

“Sei del nuovo governo, vero?”

“Non faccio le regole. Le faccio solo rispettare.”

“Quindi applicali in modo diverso.” La sua convinzione era implacabile. Alzò lo sguardo su di lui, gli occhi fissi su di lui, apparentemente determinata a non andarsene finché non lo avesse conquistato.

Yusuf sentì il senso di colpa salire nello stomaco. Il suo lavoro era più facile quando non doveva guardare i volti delle famiglie che aveva trasferito, soprattutto non il bel viso intimidatorio di questa donna. Si spostò sul sedile, poi si fermò. “Mi dispiace”, disse infine. “Non posso aiutarti.” Impulsivamente, aggiunse: “Vuoi del caffè?” posso chiedere al servo per portarlo.

Jamilah, tuttavia, non doveva essere deviata dal suo corso. In risposta, si è accucciata davanti a Yusuf in una posizione che lui poteva vedere sotto le sue gonne, direttamente sopra i suoi genitali scoperti. Gli occhi di Yusuf si spalancarono. Fece un respiro profondo e involontario e si appoggiò allo schienale del sedile, come per sfuggire alla minaccia del magnetismo corporeo di Jamilah. Anche così, non riusciva a distogliere lo sguardo dalla vista dei suoi genitali. Erano bellissime: umide e rosa e incorniciate da zampe lisce e carnose. La bocca di Yusuf sanguinava solo a guardarli. Fu un gesto scortese da parte sua, ma efficace. Aveva visto il suo disagio alla vista dei suoi capelli e ora stava usando quel disagio contro di lui, esponendo le parti più potenti del suo corpo.

La maledizione genitale era un’arma antica, praticata molto raramente in questi giorni e solo nelle circostanze più disperate. Jamilah conosceva fin troppo bene il potere vergognoso di quella particolare regione del suo corpo e sapeva che una devota donna musulmana non ne avrebbe mai usato il potere. Ma non le importava. Voleva disarmare Yusuf e vide chiaramente che funzionava.

“Non hai decenza?” Si è indebolito.

“Nessuno,” sorrise.

Yusuf iniziò a ritrovare la calma. Si alzò in piedi, e anche Jamilah si alzò e lo guardò negli occhi con aria di sfida. Esponendosi, Jamilah in realtà lo disarmò temporaneamente, ma si rese anche vulnerabile. “Ragazza sciocca,” disse, “sai cosa potrei farti per quello che mi hai appena mostrato?”

“Ho le idee abbastanza chiare, sì.”

“Potrei colpirti qui e ora; Potrei… Potrei portarti qui sul tappeto…» Le minacce di Yusuf non erano convincenti, e lui lo sapeva.

“Non lo farai.”

“Pensi che non lo farò?”

“Sì.” Jamilah lo disse con assoluta convinzione, anche se stava solo indovinando. “So che tipo di uomo sei. Se davvero avessi voluto picchiarmi, l’avresti già fatto. Ma non è questo che ti rende duro, vero? Non è quello a cui pensi la notte quando pensi ad Allah non sta guardando”.

Yusuf guardò Jamilah senza dire nulla. Come poteva saperlo?

Jamilah ha spinto il suo vantaggio. “Ho conosciuto uomini come te. Sei potente, ottieni quello che vuoi. Ma in fondo, tutto ciò che vuoi è che una donna ti metta al tuo posto.”

A Yusuf venne in mente che la dichiarazione di Jamilah non era solo un’accusa ma un’offerta. Alzò le sopracciglia, intrattenendo l’idea. In effetti, aveva avuto ragione nel valutare i suoi desideri. Non solo era intimidito, ma eccitato dalla sua audacia, dal modo crudo e spudorato con cui aveva esercitato il potere del suo corpo contro di lui. Poteva permettersi di appoggiarsi a questo desiderio piuttosto che allontanarsene?

Jamilah vide il lampo di eccitazione sul suo viso e il suo cuore sussultò. L’offerta di Jamilah a Yusuf era strategica: un tentativo di dargli qualcosa che voleva ottenere il suo sostegno. Ma in realtà, Jamilah era piuttosto eccitata all’idea di affrontare il suo nuovo vicino e di dominarlo. Lo aveva già fatto con altri uomini ed era ansiosa di riprovare. Durante la conversazione, quando Jamilah ha stabilito il suo dominio, è diventata sempre più eccitata. Ogni errore che Yusuf aveva fatto, ogni momento di debolezza che aveva mostrato, la lasciava bagnata dall’eccitazione. Allungò una mano e gli toccò la guancia, sfiorandogli la pelle ruvida con le sue morbide dita.

“Bene,” rispose Yusuf. «Allora mettimi al mio posto. Abbassò la testa e incrociò le mani dietro la schiena in un gesto di sottomissione.

Jamilah sorrise, sorpresa. Aveva indovinato correttamente. Yusuf ovviamente desiderava molto il suo dominio, ed era stato più facile di quanto avesse sperato conquistarlo. “Ti piacerebbe questo? Lasciami fare quello che voglio con te? Giocare con te? Farti del male ?

“Sì,” rispose, completamente sincero.

“Non particolarmente devoto a te, devo dire,” Jamilah sorrise con finta innocenza.

In risposta, le fece un’alzata di spalle colpevole. Entrambi conoscevano il significato di questa espressione. Per questo, Yusuf ha ammesso che le sue motivazioni non erano del tutto religiose; aveva ammesso che, come Jamilah e la sua famiglia, non seguiva rigorosamente le regole dell’Islam. Jamilah ha mantenuto questa confessione da usare in seguito contro di lui.

Jamilah decise di stabilire immediatamente il suo dominio. “Molto bene,” cominciò, “ora è così che funzionerà. Farai come ti dico e ti piacerà. Hai una stalla?”

“Sì.”

“Vorrei che mi portassi diversi pezzi di corda, un coltello e una frusta.”

I suoi occhi si spalancarono, ma non protestò. Al contrario, sembrava più ansioso che mai. Suonò un campanello e chiamò uno dei suoi servitori a prendere gli oggetti. Quando gli oggetti furono recuperati, Jamilah li mise da parte e diede le seguenti istruzioni.

“Svestimi. Lentamente, delicatamente. Dai al mio corpo il rispetto che merita.”

Yusuf era più che felice di accontentarti. Si tolse la cintura e la mise da parte. Accarezzandosi la nuca con le dita, lasciò il bavero. Poi si inginocchiò, afferrò l’orlo della sua lunga veste e se la infilò sopra la testa. Mentre lo faceva, fece scorrere le mani lungo il profilo del suo corpo, sentendo le punte dei suoi fianchi larghi e le valli della sua vita. Era un tocco deferente, fermo ma leggero, come se Yusuf non potesse credere a quanto fosse stato fortunato ad avere il privilegio di toccare.

Jamilah era nuda sotto il vestito. I suoi seni e la sua pancia si ribaltarono l’uno sull’altro in una seducente ricompensa. Ha esaminato la reazione di Yusuf alla sua nudità. La guardò timidamente, gli occhi incollati alle parti proibite del suo corpo, come se non potesse distogliere lo sguardo se ci avesse provato. Ha fatto sentire Jamilah come una dea. Sentì il suo corpo irradiarsi da se stesso, il suo potere inebriante teneva Yusuf nelle sue mani.

“Qual è la tua parte preferita?” gli chiese.

Sta ridendo. “Tutto questo. Amo… amo le tue cosce interne. Amo il punto in cui il tuo collo incontra le tue spalle. Amo il tuo seno.”

“Vorrei che li baciassi.”

“VA BENE.” Si inginocchiò davanti a Jamilah, le prese le gambe tra le mani e le posò un leggero bacio su ciascuna delle sue cosce.

“Più forte, come lo intendi?”

Yusuf obbedì con entusiasmo. Seppellì il viso tra le sue cosce e adorò ogni coscia con le labbra e la lingua, consumando la sua carne morbida. Jamilah la sentì gemere di piacere, il respiro accelerato mentre sentiva le sue labbra solleticarle.

Yusuf era ancora completamente vestito, il suo corpo snello coperto dalla testa ai piedi da una lunga tunica bianca, la testa coperta da un turbante bianco. Jamilah alzò lo sguardo su di lui, notando i suoi occhi penetranti, il cui bianco contrastava brillantemente con la sua pelle ruvida e scura. Si chinò, si tolse l’estremità del turbante e iniziò a disfarlo, rivelando i capelli rasati sotto. Sembrava stranamente nudo, la testa scoperta, più piccolo e più vulnerabile. Jamilah si passò un dito tra le pieghe dei suoi capelli. Poi prese il tessuto del turbante, lo piegò e se lo legò intorno agli occhi.

Yusuf fece un respiro profondo. Con la perdita della vista, sentì il suo mondo rimpicciolirsi intorno a lui. Quando Jamilah ha guidato la testa verso le gambe, sembrava che non ci fosse nient’altro al mondo all’infuori di lei, niente da sentire e assaporare se non il terreno sfaccettato del suo corpo. Lentamente, guidò la testa dalle gambe allo stomaco, poi giù per lo stomaco fino al petto. Emise un gemito di piacere quando vide che la sua bocca era entrata in contatto con il suo capezzolo, e lo leccò con riverenza.

“Voglio che mordi”, le disse Jamilah. “Succhia come dici sul serio.”

“Sì!” esclamò Yusuf. Morse con entusiasmo, entusiasmo, ma gentilmente, stuzzicando il capezzolo di Jamilah con i denti e picchiettandolo con la lingua. Si irrigidì mentre lo leccava, assumendo una distinta forma vulcanica. Jamilah, da parte sua, gemette mentre l’eccitazione mandava lampi di piacere che emanavano dal suo petto su tutto il busto. Strinse più forte i capelli di Yusuf e lui le morse più forte il capezzolo.

Lei lo raddrizzò. Sorrideva sotto la benda. “Metti le braccia al tuo fianco”, ordinò. “Ora ti lego.”

“VA BENE!” L’ha fatto. Jamilah prese un piccolo pezzo di corda e se lo legò intorno al petto. Yusuf sentì la pressione della corda che lo afferrava, lo comprimeva e lo conteneva, e sorrise con un piacere inaspettato. Jamilah ha continuato a legare piccoli fili di corda su tutto il corpo, intorno alla vita, alle cosce, alle ginocchia e alle caviglie. Ad ogni nuova restrizione, Yusuf si sentiva ancora più attratto da se stesso e dall’immediatezza del momento. Era accecato, immobilizzato e avvolto nella sua veste bianca come un fagotto – e si rese conto che lei lo amava. Amava la libertà dal controllo, la sicurezza dalle restrizioni. Lo mise in uno stato di calma quasi meditativa.

“Grazie,” disse a Jamilah con assoluta sincerità.

Jamila rise: “Non ringraziarmi ancora; Ti farò un po’ male”.

“Fai del tuo meglio”, esclamò Yusuf con fervore. “Mi sento così… in pace.”

“Non è troppo stretto?” Dimmi se inizi a perdere la sensibilità in uno qualsiasi dei tuoi arti. Anche se le piaceva giocare con lui, non voleva davvero ferirlo.

“Non è buono.”

Jamilah aiutò Yusuf a terra e lo fece sdraiare sulla schiena. Poi prese il coltello dal tavolo e si inginocchiò accanto a lui. Era una lama corta, fatta per il giardinaggio, ma affilata. Fece scorrere la punta sul petto di Yusuf, premendo abbastanza forte che lui potesse dire di cosa si trattava. Vide con piacere che le sue membra si irrigidivano al suo tocco. Strinse i pugni e strinse le labbra, ma non protestò né si voltò. Yusuf, infatti, era affascinato dal pericolo dell’incontro. Jamilah gli passò il coltello sul petto e indugiò intorno ai suoi genitali. Quasi inconsapevolmente, Yusuf emise un piccolo gemito di protesta.

“Non muovere un muscolo ora”, avvertì Jamilah, “o potrei davvero farti del male.”

Yusuf divenne molto calmo. Jamilah afferrò i vestiti di Yusuf con una mano e con l’altra tagliò metodicamente, tagliando non la carne di Yusuf, ma i suoi vestiti. Quando ha fatto un piccolo buco nel vestito e nella biancheria intima, ha allungato una mano e gli ha tirato i genitali in modo che il suo cazzo e i suoi testicoli uscissero dai suoi vestiti.

Sta ridendo. “Quanto sembro ridicolo?”

“Molto ridicolo.” E infatti lo fece. Jamilah pensava che il suo cazzo somigliasse un po’ a un verme, ma come un verme molto ansioso, che sporgeva dal suo corpo con eretta attenzione. Lo accarezzò affettuosamente, traendo un sospiro di piacere da Yusuf. Poi si è lasciata andare. Si sedette sulla sedia e appoggiò leggermente il piede sui suoi testicoli, tenendolo lì ma senza premerlo. Il gesto comunicava abbastanza efficacemente a Yusuf che poteva appoggiarsi in qualsiasi momento. Il suo dolore era così facile ea sua completa discrezione.

Jamilah si chinò e raccolse il libro che Yusuf stava leggendo prima di interromperlo. Ne sfogliò il contenuto, riconoscendo il nome del matematico del X secolo che lo aveva scritto. “Thabit Ibn Qurra!” esclamò. “Scrive prove così belle!

Yusuf fu sorpreso. “Tu… leggi l’arabo?”

“Sono una donna colta, vero? Jamilah iniziò a leggere tra sé e sé, il suo piede ancora deliberatamente in bilico sui testicoli di Yusuf. Era difficile, come spesso lo era la scrittura matematica, ma Jamilah apprezzava la sfida di imparare a comprendere l’argomento dello scrittore. C’era bellezza nelle linee pulite della sua logica.

Mentre leggeva, l’attenzione di Jamilah non si distolse mai del tutto dall’uomo sdraiato sul pavimento di fronte a lei. Ha giocato con i testicoli con le dita dei piedi, a volte premendo abbastanza forte da causare dolore, poi tirandosi indietro. L’attenzione di Yusuf, nel frattempo, era concentrata solo su Jamilah, la sensazione del suo piede sui suoi genitali, il suono delle pagine che giravano mentre lavorava al libro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *