Feels Dirty to Lie – BDSM

di | 18 de Giugno, 2022

Hai invitato qualcuno. Questo da solo non era una sorpresa. Lo faceva sempre. L’appartamento in cui teneva me e tutte le sue altre cose aveva molto spazio, cosa difficile da trovare a Denver di questi tempi. Era più grande delle case delle sue amiche, quindi inevitabilmente quando lei e le sue amiche si sono incontrate, si sono ritrovate qui. A volte si presentava solo un amico e avevo solo bisogno di cucinare un pasto in più. Altre volte si presentava un intero gruppo di amici e io correvo tra la cucina e il tavolo per portare i pasti a tutti senza esaurire lo spazio sul bancone, il che non era affatto facile quando gli amici della Signora mi accarezzavano e mi sculacciavano lungo la strada . .

Certo, amavo l’attenzione, e siccome la Signora mi vestiva ogni volta come un giocattolo per bambini, non potevo fingere di essere sorpresa, ma essere un piacere per gli occhi è una cosa. La cena di benvenuto è un’altra. Fare entrambe le cose allo stesso tempo richiede una sorta di autodisciplina e consapevolezza di sé di cui noi schiavi non abbiamo mai abbastanza credito. Quando gli amici della Signora portarono i loro schiavi, la storia fu diversa. L’uomo di Vika, Gordon, era un ottimo partner in cucina, e con tutti noi uomini che servivamo allo stesso tempo, nessuno doveva correre. Mentre le donne mangiavano, generalmente ci veniva permesso di ritirarci in soggiorno e noi uomini ne approfittavamo per conversare con membri del nostro sesso.

Stanotte sarebbe facile. La signora non disse chi sarebbe venuto, ma parlò del nostro ospite al singolare. Era anche di buon auspicio che la Mistress fosse eccitata. Certo, le sollevava sempre il morale avere degli amici, ma in qualche modo, attraverso il linguaggio del tono e le allusioni, ha trasmesso che quella sera sarebbe stata speciale. E la mia vita era sempre più facile quando la Signora si divertiva.

Pochi minuti prima dell’arrivo dell’ospite, la Padrona si è seduta davanti alla porta e ha letto un libro mentre io mi sono inginocchiata accanto a lei. Che mi abbia fatto inginocchiare avrebbe dovuto essere un indizio. Ad alcune donne piaceva che i loro uomini si inginocchiassero quando entrava un ospite, ma la Padrona preferiva che io restassi in piedi, come tutte le sue amiche abituali. In effetti, quasi tutti conoscevo anch’io. Eppure, stasera, ho aspettato in ginocchio.

Un rapido bussare risuonò alla porta e la Signora l’aprì.

“Tanja, benvenuta!”

“Gianna! gridò il nuovo ospite, “che sta succedendo!” Ed era appena uscita dalla porta prima di dare alla Signora un abbraccio stretto, morbido, femminile.

Tanya. Conoscevo quel nome. Conoscevo anche quei lunghi capelli neri, quella mascella a serramanico e quella bocca aperta, rumorosa e sorridente.

Tanya, che ho conosciuto alla Greeley West High School. Tanya, la ragazza che ha preso la mia verginità. Tanya, la ragazza che avevo visto l’ultima volta, con le lacrime agli occhi, urlava che non l’amavo e che mi ero sbagliato. Miss Tanya Blakemore, ora ospite d’onore di Miss Janet.

Devo averla guardata a lungo, perché quando Tanya mi ha visto, ha riso. Quando uscivamo al liceo, indossavo solo pantaloncini da lavoro e magliette bianche, o pantaloni invece dei pantaloncini se volevo cambiare le cose. Ora indossavo un scollo a D di pelle, un giubbotto nero, blue jeans, stivali da cowboy e nient’altro (la padrona era stata su un calcio da motociclista ultimamente.) Il mio vestito non era più audace di quello che indossava la maggior parte degli schiavi lì, ma a Tanya, che mi ha sempre conosciuto come il bravo ragazzo della scuola, dovevo sembrare una puttana. Cercai di non arrossire mentre rideva, ma dal formicolio nelle guance sapevo di aver fallito.

“Utente!” disse Tanya. “Siete tutti cresciuti adesso!”

Quindi non era nemmeno arrabbiata con me. Sollevato, feci un sorriso. “Ehi ora, ero un adulto prima, e lo sai molto bene.”

Canticchiava come fanno le donne quando rivivono ricordi sensuali. “Hm, immagino di sì. A pensarci bene, potresti averlo assaggiato una o due volte.”

La signora posò una mano amorevole sulla schiena di Tanya. “Ci siamo incontrati dopo quell’incontro, e poi ho capito che era la stessa Tanya di cui mi hai parlato! La signora lo disse senza alcun segno di gelosia. Non avrebbe dovuto essere una sorpresa incontrarla, ma è stato comunque un sollievo.

“E indovina un po’? Ci vediamo di nuovo,” disse Tanya, sorridendomi come si sorride a un pasto preferito.

Un anno fa avrei detto qualcosa di stupido e semplice come “Beh, sono qui”, ma ora ero un po’ più sofisticato. “Sono piacevolmente sorpreso di vederti. E sono anche sorpreso di vederti da solo.” Ho guardato la mia collana come riferimento.

Lo prese come supplemento, come speravo. “Hm, non ancora,” disse semplicemente. “I ragazzi per cui lavoro sono così pigri.” Era un componente aggiuntivo invisibile. Di tutte le lamentele che Tanya aveva su di me in quel momento, la pigrizia non è mai stata una di queste.

“Vuoi dirgli cosa hai combinato negli ultimi quindici anni?” disse la signora. Inclinò la testa e sorrise, ansiosa di sentire cosa sarebbe successo dopo.

“Hm… no,” disse Tanya.

La signora sbatté le palpebre. “Chi?”

“Sono un po’ più interessata a sentirti spiegare,” mi disse, le mani sui fianchi. Il suo sorriso si oscurò un po’.

‘Oh’, ho pensato. ‘Dannazione’, quindi Tanya era davvero ancora sconvolta. Quando io e lei ci siamo incontrati, eravamo la stessa cosa. Adesso era libera, e io ero sposato e legato. al posto del signor Nick Jamison, ero il signor Janet Anderson, una sottomessa legalmente registrata. E la signora Janet Anderson non era interessata a spaventare Tanya. Ogni momento in cui esitavo, il sorriso vendicativo di Tanya diventava un po’ più vendicativo e un po’ meno sorridente. “So che avevamo delle differenze”, ho esordito, “ma la separazione è andata bene per entrambi.

Altre storie erotiche  Miss Natalie Returns - BDSM

“Uh-uh,” disse Tanya. “Non sto cercando la tua triste storia.”

Mi è entrato sotto la pelle. Non era assolutamente una storia triste.

“Chiedo le tue scuse”, disse Tanya. Ha mostrato i suoi stivali. “Strisciati verso di me. Toglili, baciami i piedi e dimmi che ti dispiace per avermi rotto.”

Ho guardato la Signora. Permetteva ad altre donne di accarezzarmi o addirittura di baciarmi, ma impartire ordini da me era un privilegio che teneva quasi sempre per sé. La Padrona mi fece segno di obbedire.

Lentamente, mi inchinai, mostrando muscoli tesi e braccia forti e ferme mentre abbassavo la cintura. Con l’inguine e il mento che sfioravano il tappetino, mi avvicinai a lei, le sbottonai gli stivali e li tenni mentre lei scendeva. Così le ho cullato i polpacci mentre le srotolavo i calzini.

Tenere le sue gambe tra le mani mi ha dato un’emozione che non mi aspettavo, ma mi era familiare. Il dominio di Tanya è sempre stato una sorta di forza. Predatore. Ora, mentre la toccavo ed esponevo i suoi piedi nudi, al mio corpo, non solo al mio cervello, venne in mente che ero di nuovo sotto il potere di un predatore. Mi inginocchiai nella mia momentanea fantasticheria. Mi misi a sedere, le baciai la punta calda dei piedi con baci morbidi ma udibili, la guardai e le dissi: “Mi dispiace, Miss Tanya, per averla lasciata”. Le parole avevano un sapore terribile sulla mia lingua perché non volevo dirle. Tanya non era una persona cattiva, ma rompere con lei era stata la cosa giusta da fare.

“Hm,” disse Tanya, con un sorrisetto malizioso. “Mi è sempre piaciuto il modo in cui lo hai fatto.”

“Voglio vedere di più?” disse la signora.

Ho guardato la Signora e sono rimasto scioccato. Sapevo che era seria perché indossava il tipo di sorriso compiaciuto che aveva quando il sesso era nella sua mente. Ha offerto il mio corpo a Tanya! A volte mi regalava i suoi amici single, ma solo per i loro compleanni, e di solito mi dava qualche consiglio in anticipo. È venuto fuori dal nulla.

Guardandomi, Tanya ha dato un altro dei suoi piccoli ‘hm’ distanti. “Niente lì che non ho visto… ma per amore dei vecchi tempi, perché no?”

La padrona mi ha detto di alzarmi e, come un uomo trascinato giù per il Rio Grande, ho seguito la mia ex ragazza nella sua stanza, dove poteva farmi che lei voleva.

La Padrona la seguì e si richiuse la porta alle spalle. A quanto pare, a Tanya non importava della compagnia.

Tanya si è tuffata nella doccia, si è spogliata e risciacquata, poi è uscita completamente vestita. “Tocca a te”, mi disse. “Vai a lavarti ed esci nudo. Quindi dammi una possibilità.

Era una frase confusa, ma dopo un po’ ho capito cosa significava. Sono entrato, mi sono spogliato, mi sono fatto la doccia e prima di partire ho messo l’acqua al freddo e ho pensato ad alcuni pensieri meditativi fino a quando la mia erezione si è calmata. Sapevo che le sarebbe piaciuto vederlo crescere di nuovo.

Uscii dalla doccia e la vidi sdraiata accanto al letto, la testa inclinata in avanti, le mani sulle ginocchia, che si grattava distrattamente le unghie. Ha borbottato quando ha visto la mia nudità, che ero molto più in forma ora rispetto all’ultima volta. Le stavo di fronte, non così vicino da sorvolarla, e, come lei aveva ordinato, l’ho girata: mi sono girata lentamente in cerchio, dandole il tempo di vedere il mio culo muscoloso e di vedere tutti gli sguardi che mi potrei cedere di lato, dritto, guardando in basso e guardando sotto la mia fronte. Il desiderio, non dovevo simularlo. Qualunque problema avessi con Tanya, non era solo una donna a cui era difficile resistere, era anche una donna a cui era facile sottomettersi, il che non è la stessa cosa.

“Bene,” disse, sibilando la ‘c’. Si slacciò i pantaloni da ginnastica e se li tolse, spingendo su le mutandine con loro. Ho visto il più flebile scorcio del suo cespuglio. “Ora, da quanto tempo sei schiava della Padrona?” Sette anni ? So che sei un tipo curioso, quindi vieni qui e mostrami quello che hai imparato. Dammi una candela.

Una candela. Era uno dei tanti nomi per baciare e leccare le dita dei piedi di una donna, poi i suoi piedi, poi le sue gambe e così via prima di rompere definitivamente con lei con il sesso orale. Almeno è così che la Signora mi ha insegnato a dare le candele. C’erano tante versioni della candela quante erano le spiegazioni assurde sull’origine del suo nome.

Ho iniziato da dove avevo interrotto, in punta di piedi.

“Sai,” disse Tanya alla Signora, “non è che io sia arrabbiata con lui. Davvero, era il mio ragazzo preferito che abbia mai avuto. Ad amare il cagnolino impaziente. Ha ragione?”

“Lo è”, disse la Signora.

“A volte è un po’ snob, tutto qui.”

Con mio sollievo, la Signora non espresse alcun accordo.

Ho piantato un ultimo bacio silenzioso sul piede di Tanya e mi sono arrampicato su per la sua gamba.

“Non mi piace molto questa roba di gattonare e chiedere l’elemosina”, ha continuato Tanya. “Ma guardare Nick farlo è così eccitante. Era sempre così serio su tutto, così grande e potente, più santo di te, che adoro guardarlo come uno schiavo”.

“Non ti piace che sia serio?” offerto la signora.

Altre storie erotiche  Femdom Farms Ch. 01-04 - BDSM

Dio la benedica, lei mi ha difeso!

Feci scorrere la lingua sul polpaccio di Tanya, all’interno, poi le sondai la coscia con un bacio. Forse non se ne sarebbe resa conto, ma la sua voce stava diventando più ansiosa, la sua pelle stava diventando più calda. L’ho scongelato.

“Certo”, dice Tanya, “amo l’impegno. Ma per la maggior parte, sembrava che l’unica cosa in cui fosse veramente impegnato fosse se stesso”.

Ora ho iniziato a tremare. Non era vero. Ma ho tenuto la lingua sulla sua pelle e le ho dato un bacio duro, duro per nascondere il mio risentimento.

“Serio?” disse la signora. “Non ho mai avuto problemi con lui. Sei uscito con lui?”

Tania si accigliò. Non ho alzato lo sguardo per vederlo, ma sapevo che era accigliata. “No,” disse. “Non gli ho mai detto di portarmi da qualche parte a mangiare. Sarebbe stato intelligente.”

“Nick è una creatura abitudinaria. Dagli delle faccende, dagli una routine e sarà tuo per tutta la vita.”

“Eh. Quindi è per questo che hai sempre voluto fare la stessa cosa, eh, Nick?” Prima che potessi rispondere, ha continuato a parlare con la Signora. “Vedi, non ho mai capito perché vuoi fare l’amore come una routine. È sesso! È il sale della vita, sai? Chi vuole un uomo che non ti sorprenda mai?”

Ora avevo raggiunto il suo sesso. Le accarezzai l’interno coscia, soffiando aria calda nel suo clitoride e feci scivolare la lingua su di lei mentre entravo e baciavo le sue labbra lucide e gonfie.

Tanya improvvisamente guardò in basso. Si è tirata indietro di un pollice e ho guardato verso di lei per vedere uno sguardo inestimabile di shock e timidezza. “Tu parli? ” lei dice.

Ho messo la mia voce più sexy. “È chiaro.” In tal modo, sono riuscita a resistere all’impulso di dire qualcosa di scontroso su come non l’avevo mai sentita.

Tanya guardò la Signora. “Gli hai insegnato oralmente?”

La signora rise. “Ed è anche abbastanza bravo in questo. Provalo.”

La mano di Tanya si è posata dolcemente sulla mia testa, mi ha guidato nervosamente verso il suo sesso e ho iniziato con la lingua. Ho iniziato leggero, ma era comunque molto, molto veloce. Si contorse e mi premette la testa tra le cosce. La lasciai respirare per un momento, le aprii delicatamente le cosce per liberare la mia testa, e ricominciai a respirare e ad accarezzarmi.

Mi ha messo una seconda mano sulla testa. “Non posso credere che tu lo orali! Questa è l’unica cosa che non mi farebbe!”

«Be’, scommetto che non era pronto», disse generosamente la Signora.

“Ma ci ho provato così tanto! Tania si è lamentata. “Era lo stesso con Flo, e non capivo perché…” Si interruppe. “No. Comincio dall’inizio… ci siamo incontrati nel gruppo di studio. Tournesol, credo, all’ultimo anno. Mi piaceva molto, perché tutti gli altri ragazzi inciampavano a fare i compiti. ” ragazza per loro. , perché allora hanno pensato che ci sarebbe piaciuto scoparli, giusto?

“Certo,” disse la Signora, la voce pesante di antica esasperazione.

“Beh, Nick non l’ha fatto. Ma era intelligente. In realtà gli ho chiesto di aiutarmi a risolvere un problema, e non si aspettava che lo facessi, ma l’ha fatto. Ohh…” le ho dato un lungo clitoride , corsa lenta, e per un momento nuotò di piacere. Mi ha accarezzato la nuca, il gesto universale di “rallentare”, e ha continuato la sua storia. “Così un giorno l’ho portato a casa mia e l’ho addestrato a inginocchiarsi a pancia in giù a comando.”

“Eri tu?” Entrò la padrona. Scherzando, ha detto: “Puttana! Mi ci è voluto un anno per rompere quell’abitudine!”

Era vero. Tanya mi ha chiesto di inginocchirmi con gli occhi per terra di fronte a me, piuttosto che stabilire un contatto visivo, che era preferito dalla maggior parte delle donne, compreso il mio amante. E poiché ero un’adolescente testarda e lei era la mia prima ragazza seria, avevo allegramente pensato che fosse così che tutte le donne volevano che mi inginocchiassi. Quando la Padrona disse che per riqualificarmi ci sarebbe voluto un anno, lo ammorbidì; in effetti, mi ci sono voluti quasi diciotto mesi per abituarmi a inginocchiare senza guardare in basso.

“Quindi comunque… Uh!” Tanya ribollì di nuovo, con dieci dita che mi stringevano la sommità della testa, e io mi trattenni per lasciarla riprendersi. “Quindi, comunque, gli ho insegnato a inginocchiarsi, a baciarmi, a baciarmi la mano… roba da bambini, giusto?” Con questo intendeva cose che potresti fare nei corridoi della scuola senza metterti nei guai.

“Uh-hum.” La signora lo seguì.

“Beh, ho lavorato per togliergli i pantaloni. L’ho fatto masturbare per me, quindi alla fine l’ho messo a letto e l’ho cavalcato, ed è stato fantastico!” Le sue mani mi tirarono un po’, una risposta comprensiva al ricordo piacevole. Ma poi le sue dita si sono allentate. La sua tensione sulla mia testa si è allentata e ho colto l’occasione per respirare. “E così ho portato Flo. Era la mia ragazza, viveva nella porta accanto, noi… facevamo cose divertenti a volte. E quando l’ho portata, ho pensato che Nick sarebbe stato elettrizzato. Che uomo non è vero? allo stesso tempo tempo. Ma quando gli ho detto che avevo promesso a Flo un trio, sai cosa ha detto! Ha detto “no!” Ha detto che non era a suo agio con l’orale!

“Strano.”

“Era strano per l’intera faccenda. Flo non gli piaceva, non gli piaceva davvero. Si sballava così tanto perché Flo stava fumando, anche se l’ultimo volta che ho controllato, il tabacco è completamente legale!”

Altre storie erotiche  Black & White Ch. 03 - BDSM

“Non è per questo,” lo interruppi.

Mi ha guardato, sorpresa come se la sua borsa si fosse appena aperta, e ha gridato “yeeha!”

mi sono spiegato velocemente. “Non mi piaceva perché Flo fumava da quando aveva sedici anni, quando era minorenne. Ha detto che quella sera siamo andati a teatro. Ti ricordi?”

Tanya mi guardò, il che significava che avevo ragione.

“Utente?” disse la signora. “Lascia parlare le donne.” Era la sua frase in codice per “parlare solo quando si parla” o, come la chiamavo in privato, “lasciami ventilare”.

“Non ha detto di smettere di usare la bocca”, ha detto Tanya. “Continua.”

Ho obbedito.

“Quindi forse Flo stava fumando un po’ giovane, ma non è che le ho chiesto di scoparla giovane. Aveva diciotto anni e mezzo la prima volta. O sarebbe stata la prima volta se l’avesse fatto, abbiamo deciso che l’avremmo fatto baciami e poi tuffati nel fiume. Quindi ho pensato, va bene, niente lingua. Va bene. Ma Nick era molto noioso con Flo. Non gli piaceva incontrarla, non gli piaceva. Non gli piaceva. voleva fare commissioni per lei, e alla fine ha chiesto se potevamo smettere di vederla. Era un po’ punk, un po’ goth, aveva gli orecchini. ‘orecchie, aveva la pancia nuda, leggeva fumetti inutili… Nick solo pensava che fosse troppo buono per lei. Non mi piaceva avere a che fare con…” assunse un elegante accento britannico. “… le classi inferiori.”

Tanya era già fuori bersaglio alcune volte, ma era troppo. Potrei accontentare la mia ex ragazza con la mia bocca, o potrei ascoltarla raccontare la nostra storia di vita completamente falsa – non farei entrambe le cose. In parte è stata colpa mia. C’era qualcosa che non gli avevo detto.

“…quindi penso di aver iniziato a essere un po’ duro con lui, e ha iniziato a cercare di schivare le mie chiamate. Ho praticamente dovuto portare questo ragazzo solo a un appuntamento decente con un lieto fine E quindi cosa ha fatto? mi dice se continuo a farlo uscire con Flo.

La storia è finita. L’argomento stava per cambiare. Se parlassi ora, riceverei una punizione, e non meno importante, per aver disobbedito alla Padrona in compagnia. Ma era ora o mai più, e continuavo a soffrire per aver detto a Tanya che mi dispiaceva che fosse finita. Era sporco dire una bugia a una donna. Se non gli avessi detto la verità, non mi avrebbe mai perdonato. “Signorina Tanya, c’è qualcosa che deve sapere.”

Quando guardò in basso, non era furiosa come mi aspettavo. Non è stata nemmeno cacciata. Solo scioccato. Forse anche un po’ colpito.

La signora non è rimasta colpita. “Posso imbavagliarti se vuoi.”

Tanya continuò a fissarmi. “Vuoi davvero dirmi che c’è di più in questa storia?”

“Non volevo stare lontano da lei perché pensavo che fosse spazzatura”, dissi. “Sono scappata perché pensavo fosse pericolosa”.

Le sopracciglia di Tanya erano così piene di incredulità che stavano per cadere. “A letto,” disse. “Inginocchiati, non con il tuo cazzo fuori.”

Ho seguito i suoi comandi, inginocchiandomi sui miei stinchi, il mio cazzo si è incastrato tra le mie cosce chiuse, le mie mani appoggiate sul muscolo della mia gamba. Inclinai la testa, ricordando la sua preferenza. Con mia sorpresa, Tanya mi ha messo un dito sotto il mento e mi ha cullato all’indietro. Si è messa a cavalcioni su di me, la sua figa gocciolante di saliva che premeva contro le mie cosce. Mi guardò negli occhi da un centimetro di distanza. “Stai dicendo che Flo aveva una doppia vita? Che era pericolosa, sinistra, e che tenevi solo tua moglie al sicuro, giusto? Dimmi, e fai la cosa giusta.”

«Era una ladra», dissi in fretta.

“No non lo era.”

“Temevo che saremmo stati arrestati. Non solo lei, ma io e te. Non volevo avvicinarmi a quello.”

Mi accarezzò le guance. “Nick, non era una ladra. Ora allarga le gambe.” Si alzò da me, permettendomi di allargare le gambe, poi si sedette e si mise a cavalcioni sulle mie cosce. Le sue mani hanno toccato il mio cazzo e io sono rimasta senza fiato davanti alla sua faccia. Un dito tracciò la mia asta e la sua mano cullò le mie palle. “Stai inventando cazzate per farti sembrare grasse le palle? Quelle palle? Perché non funziona, quindi puoi dirmi la verità.”

“Ho visto la prova! Siamo andati al minimarket quella sera quando mi hai passato a prendere per la prima volta, ricordi? Mi ha detto di flirtare con la cassiera, quindi sono andato, e dopo che ce ne siamo andati, aveva due pacchi di sigarette.» Non l’ha mai pagata.

“Cosa, hai guardato Flo tutto il tempo?”

“No ma-“

“Non hai passato ottant’anni cercando di decidere se volevi le tazze di burro di arachidi o la liquirizia?” Perché è quello che ricordo che stavi facendo. Ad ogni parola, mi strizzava le palle per dare enfasi.

La signora rise in sottofondo. Avrei voluto chiedere aiuto a lei, per quanto potesse sembrare stupido, ma Tanya mi ha tenuto prigioniero davanti ai suoi occhi a bruciapelo. «Erano verdi» dissi. “Flo odiava il sapore verde e odiava il fatto che fossero i più costosi. Ricordi quando l’ha detto? L’unico motivo per cui avrebbe accettato le verdure era se avesse intenzione di venderle”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *