Friday Night – BDSM – Literotica.com

di | 21 de Giugno, 2022

Sopra il letto, i vestiti sono disposti per me. Una maglietta nera e boxer neri. I boxer sono come quelli che indossavo con un’enorme differenza: la taglia. Sono due taglie in meno ed è troppo stretto per tirarli su. Un biglietto mi aspetta sul comodino,

“C’è un cuscino vicino alla porta, non è stato lasciato lì per caso.”

Una risata esce dalla mia bocca mentre leggo il biglietto; Mi piace il modo in cui scrivi i post. Il cuscino in realtà mi sta aspettando, posizionato in modo che tu non possa vedermi dal corridoio quando apri la porta. Mi inginocchio e aspetto.

Da quando mi sono tolto l’orologio da polso e il mio cellulare non si trova più, ho perso la cognizione del tempo. Sembra un’eternità. Aspettare così è una buona occasione per pensare alla notte a venire. Chiudo gli occhi e posso vedere il tuo viso, raggiante mentre dissi di sì a questo. Farei qualsiasi cosa per vederlo così felice ed eccitato.

Sento i suoi tacchi colpire il pavimento di marmo nel corridoio. Poi le tue chiavi. Raddrizzo la schiena e faccio un respiro profondo.

“Bravo ragazzo”, dici quando entri nel nostro appartamento; ma la porta è sempre aperta e tutti la sentono.

Ti vedo portare le borse della spesa e, mentre chiudi la porta, mi ignori ed entri in soggiorno. Stai indossando i tacchi alti, e dato che sono in ginocchio, sembri gigantesco. Torni un momento dopo, tenendo un guinzaglio viola. “Sei pronto per essere il mio animale domestico?” chiedi e potrei sentire l’attesa nella tua voce.

“Sì signorina,” rispondo con sicurezza e mi metti la collana intorno alla gola.

“D’ora in poi, lei è la Padrona”, mi informi mentre attacchi il guinzaglio.

“Sì signora.”

“Ora mostrami quanto sei grato di essere il mio animale domestico.”

Sei a pochi centimetri da me, e quando mi chino, posso raggiungerti. Ti bacio la punta dei piedi. Canticchi, soddisfatto del mio movimento e mi tiri il guinzaglio. La sua lingua è sepolta nella mia bocca per un bacio rude. “Non te ne pentirai”, mi sussurri all’orecchio e intanto prendi il mio cazzo già duro; tradisce i miei sentimenti di essere tuo schiavo.

Mi fai cenno di alzarmi e condurmi in soggiorno. La sedia ti sta aspettando e un altro cuscino mi sta aspettando sul pavimento: “Devo rispondere ad alcune e-mail prima di iniziare. Puoi accarezzarmi le gambe, ma non usare la lingua. Dopo”.

“Sì, signora”, obbedisco, ma invece di portare il laptop in grembo, ti alzi e prendi un bavaglio.

“Chiedo che tu stia zitto mentre lavoro”, spieghi e io apro bocca volentieri.

Il bavaglio è insapore e mi allunga la bocca; Odio e amo allo stesso tempo. Lo odio per il suo sapore e la sua capacità di farmi venire l’acquolina in bocca e lo amo perché è un segno della sua presa su di me.

Faccio come mi è stato detto, accarezzandoti le gambe appiccicose mentre rispondi alle tue email. Non mi guardi nemmeno, ma non mi lasci andare; l’estremità libera del guinzaglio è intorno al polso destro. Sto bruciando per l’attesa; Non vedo l’ora di vederti, ma mi stai ignorando. Smetti di scrivere e guardi un video, estendendo la scena e la mia frustrazione per il bavaglio. Il tuo profumo è discreto, ma ti sono molto vicino, quindi mi ha coperto le narici. È inebriante; mi fa impazzire.

Alla fine, metti giù il computer e mi guardi. “Togliti i collant” urli e io sono entusiasta di poter finalmente fare qualcosa. Una volta tolta, sollevi la gonna sui fianchi e allarghi le gambe. Probabilmente le tue mutandine nere sono già bagnate, ma sono ben lungi dal dirlo con certezza. “Vuoi leccare la mia figa, animaletto?” chiedi, anche se conosci la risposta. Rimango in silenzio e tu mi schiaffeggi: “Ho fatto una domanda. Dato che non posso parlare, annuisco con enfasi.

Il bavaglio viene rimosso e faccio alcuni respiri profondi. “Metti le mani dietro la schiena e mangiami attraverso le mie mutandine.”

Mormoro “Sì signora” e seppellisco immediatamente la faccia tra le sue gambe. Anche se raramente perdo l’occasione di scoparti, non sono mai stato così eccitato prima. Eri fradicio prima ancora che le mie labbra ti toccassero e ne sono così orgoglioso. Lecco avidamente, ma il tessuto mi dà fastidio. È abbastanza sottile da far defluire i tuoi succhi, ma non riesco a toccare le tue labbra gonfie. Ma tu sei il capo ed era il tuo ordine; Non dovrei avere un’opinione in merito.

Non ci vuole molto per raggiungere il picco; il tuo orgasmo è la migliore ricompensa per i miei sforzi. Trattieni il respiro e mi allontani dal tuo corpo, portando i miei capelli corti. Finalmente posso anche respirare normalmente. Mi guardi mentre sussulto, ma la tua faccia mi dice che sei felice della mia performance. ricevo un bacio; È più breve di quanto volessi, ma è una tua decisione. Ti togli le mutandine, ricoperta dai tuoi succhi. Stai giocando con loro; Mi rendo conto che questa è la mia nuova battuta e ne sono felice. È molto meglio del bavaglio con la palla; è più dolce, sa di fica ed è ancora più umiliante; Ho le mutandine del mio padrone in bocca. Prima che te ne andassi, mi hai accarezzato due o tre volte l’erezione e io mi sono lamentato con il bavaglio. Il cinturino della mia collana è nascosto sotto una delle gambe del tavolino; è abbastanza simbolico che devo restare lì.

Ancora una volta, perdo la cognizione del tempo. Sento scorrere l’acqua, quindi probabilmente stai facendo la doccia. E poi fermati. Cerco di rilassarmi e persino dimenticare il mio desiderio per te in modo che il tempo passi più velocemente. Più facile a dirsi che a farsi; Ho le tue mutandine in bocca, il tuo colletto intorno al collo, la mia faccia odora come la tua figa.

Posso tracciare alcuni passi, come se venissi verso di me. E tu fai. Apri la porta, ma sei tutt’altro che pronto. Indossi accappatoio e pantofole. “Puoi andare in bagno,” dici, togliendomi il bavaglio e rilasciando il colletto. “Ma non lavarti la faccia.”

“Sì signora,” dico piano e me ne vado.

Aspetta che torni e quando torno prendo il mio posto. Il guinzaglio si è bloccato ancora una volta e ti vedo tirare fuori le mutandine usate dalla figa, “Pensavo avessero bisogno di un po’ più di sapore”, spieghi dopo aver chiuso la bocca, “E io sono una moglie molto arrapata, quindi” Sono sempre bagnato.”

Stai impiegando più tempo del previsto per prepararti. Ma quando finalmente entri nella stanza, mi rendo conto che ne è valsa la pena. Stai indossando un nuovo corsetto di pelle che si adatta perfettamente al tuo corpo. E un nuovo paio di stivali di pelle col tacco alto. Non c’è biancheria intima sotto la vita a parte un reggicalze per tenere i calzini in posizione. I suoi capelli mossi le cadono sulle spalle e il suo trucco è semplice e leggero; sai esattamente cosa mi piace.

Voglio sospirare quando ti guardo, ma il mio bavaglio mi ferma. Quando la mia bocca è finalmente libera, non posso fare a meno di dire: “Sei bellissima, signora.

Non rispondi, ma sorridi. Il guinzaglio è di nuovo nelle tue mani e ancora una volta ti siedi sulla poltrona reclinabile. “Devi guadagnarti il ​​diritto di adorare il mio corpo. Inizi con i miei stivali. Se fai un buon lavoro, allora ti lascerò adorare i miei piedi.”

Sono pronto a raccogliere la sfida di non perdere tempo; la mia lingua tocca presto la pelle. So quanto sia umiliante, ma non mi interessa. Vengo spinto più in profondità nella tana del coniglio della sottomissione e lo amo. Probabilmente sei ansioso di andare avanti quanto me, quindi mi fai cenno di decomprimerli dopo pochi minuti. Non appena i tuoi piedi sono liberi, spingi i tuoi piedi contro il mio petto: “Sei pronto a prenderti cura dei miei piedi, amore mio?”

“Sì signora,” rispondo con sicurezza e aspetto l’ordine di toglierle i calzini.

Ma non arriva mai. Invece, tutto ciò che dici è: “Tieni fuori la lingua” e io obbedisco. Mi sfreghi il piede destro sulla lingua, “so che anche tu hai un debole per i calzini”, dici e mi sento come un libro aperto; conosci tutte le mie debolezze. “Attento a non rovinare i miei calzini.”

Mentre ti bacio e lecco i piedi, mi spieghi le regole: “Leccare direttamente i piedi del tuo padrone è un privilegio che non ti sei ancora guadagnato… mio stivali.”

Il tuo gioco non mi fa respirare; Devo dare il massimo in ogni momento. Senza pensarci troppo, continuo a leccargli i piedi a calzino. Ho superato il punto in cui penso a quello che sto facendo; Non ho bisogno di pensare, devo fare quello che mi viene detto.

Sono a testa in giù quando finalmente ti togli i calzini. Abbiamo uno sgabello in giro e mi stai dicendo di prenderlo. Mentre lo riporto da te, gli offro la mia collana e il tuo sorriso mi dice quanto sei felice con me. Metti le gambe sulla panchina e io comincio ad amarle. Questa parola descrive perfettamente le mie azioni. Li tratto come un oggetto prezioso di cui posso godere. Sono così lisci; Mi piace che ti prendi cura di loro. La mia lingua danza sulla sua pelle ei primi gemiti cominciano ad uscire dalla sua bocca; Raddoppio i miei sforzi per questo.

I suoi gemiti si fanno più forti, “È un animale domestico fantastico. E non fermarti”, ricevo un complimento entusiasta. Non so per quanto tempo mi hai lasciato adorarli; Non mi dispiace farlo tutta la notte. Non mi dici di fermarmi, ma me li metti entrambi sul viso e me li sfreghi sulla pelle. “Hai fatto bene e spero che ti comporti bene alla fine della serata, quando mi ringrazierai per averti preso come schiavo.”

“Va bene, signora.”

“Ora sbarazzati dello sgabello e mettiti al lavoro.”

Apri le gambe mentre io rimetto lo sgabello al suo posto originale, così ammiro la tua bella figa in tutta la sua sacra maestà. I tuoi penetranti occhi azzurri brillano mentre ti fisso intensamente. Un paio di manette sono nelle tue mani e le stai agitando. “Se vuoi mangiarmi, devi essere ammanettato”, mi informi e io ti giro le spalle in modo che tu possa legarmi i polsi dietro la schiena. Mi fai girare tirando il guinzaglio e spingi la mia testa verso le tue labbra umide. Sono deliziose come me le aspettavo e le lecco avidamente. Lo ami e io ci sto provando ancora di più. La sua figa è ben rasata, proprio come piace a me e non ne ho mai abbastanza dei suoi deliziosi succhi. Le sue cosce mi stringono delicatamente la testa, tenendomi in posizione – non che io stia cercando di scappare.

È difficile respirare, ma questo non mi impedisce di adorarti. Spingo la mia lingua dentro di te e tu lo ami, muovendo il tuo bacino così posso andare più in profondità. Quando ti siedi di nuovo, passo al clitoride e sei senza fiato, immediatamente. Sei così vicino ora e posso sentirlo. Le tue gambe sono bloccate dietro la mia schiena e spingi il tuo corpo contro il mio viso. I suoi gemiti sono forti, animaleschi. Continuano quando si raggiunge la cima della montagna. Solo dopo un minuto si trasformano in suoni di sollievo. Sussulti, cercando di ritrovare la calma, ma io sono ancora incastrato tra le tue cosce, a ripulirti meglio che posso.

Alla fine mi hai lasciato andare ed è il mio turno di riprendere fiato. Mi accarezzi teneramente il viso mentre cerco di riprendermi; il tuo sguardo mi dice che sei indubbiamente soddisfatto del modo in cui ti ho servito. Qualche istante dopo, mi tiri al guinzaglio e mi tiri su. Il mio cazzo gonfio sta cercando di scivolare fuori dalla mia biancheria intima attillata e ci sono prove di pre-sborra. “Ricorda, vieni solo dopo che l’ho detto.” Me lo ricordi sottilmente, ma faccio fatica a controllarmi. Lo sai bene e mi porti in bagno. Le mie mani sono libere e il colletto è allentato. “Voglio che tu sia molto più calmo quando te ne vai. Hai cinque minuti.”

Francamente, è davvero difficile rilassarsi quando sono con te. Faccio del mio meglio e ottengo risultati. Verso l’acqua fredda nel mio inguine e aiuta moltissimo. Quando apro la porta, fai scattare di nuovo il guinzaglio e indichi il suolo. “È solo una breve distanza dalla camera da letto. Camminerai dietro di me a quattro zampe”, ordini rapidamente.

Arriviamo in camera da letto e tu mi fai cenno di salire sul letto. Hai messo il ghiaccio sul tuo personaggio di Padrona per un po’ mentre ti siedi sul letto di fronte a me, hai persino lasciato cadere il guinzaglio. “Sei pronto per questo bambino?” tu chiedi e io rido; i tuoi capelli biondi, i tuoi occhi azzurri e il tuo outfit sexy ti rendono irresistibile, non posso dirti di no.

“Lo sono, signora.”

“Chiaro?” Scuoto la testa in segno di approvazione. “Bene,” dici e prendi il guinzaglio in modo da potermi avvicinare a te per un bacio davvero bagnato. “Resta in posizione.”

Io ubbidisco volentieri e tu disponi i cuscini in modo che io sia il più comodo possibile. Mi hai messo una maschera per dormire sugli occhi, tagliandomi la vista – non che sia di alcuna utilità in questo momento. I miei boxer sono scesi e ora sono completamente esposto a te. Le tue unghie mi graffiano violentemente le guance, come se volessi penetrare nella mia pelle. Dio, amo la sensazione delle sue unghie levigate su di me. Ti sento muoverti, prepararti e apprezzo indossare la maschera; aiuta a creare fiducia. È interessante notare che hai messo un preservativo sul mio cazzo semiduro.

Alla fine, sento odore di lubrificante freddo sulla porta sul retro e faccio immediatamente un respiro profondo: “Ricordi le parole sicure, animaletto?” ti chiedi; il tono della sua voce è di nuovo severo e autorevole.

“Sì signora.”

“Rilassati” dici e schiaffeggiami il culo.

La punta del tuo cazzo di gomma sta toccando il mio sfintere, “Può darsi che ti faccia male all’inizio, ma provalo”, mi consigli.

Fa male, ma mi mordo il labbro e cerco di non fare rumore. Prendi le cose con calma e lo apprezzo davvero. Posso sentire il mio corpo aprirsi ed è un’esperienza unica; Non ho mai sentito niente vicino. Dopo lo shock iniziale, sto iniziando ad abituarmi alla sua presenza dentro di me. Entri ed esci lentamente e sembra molto erotico. Cerco di reprimere i miei gemiti che ora vengono così naturalmente. “Sentiti libero di esprimerti, tesoro. Adoro sentire i suoni che fai.”

Qualsiasi esitazione che ho finora va direttamente fuori dalla finestra. mi sono lasciato andare; Inizio a gemere e ansimare. Non cambi mai il tuo ritmo o il tuo approccio; ti aggrappi a fare l’amore. Sto diventando più forte ogni momento e sono vicino all’orgasmo; Non avrei mai potuto immaginare di poter venire così. Senti: “Puoi venire in qualsiasi momento, animaletto”.

“Molto apprezzato, signora”, dissi tra i miei gemiti.

Stai aiutando la causa con la tua mano destra e te ne sono molto grato, anche se sono sopraffatto dall’emozione, quindi non sto esprimendo la mia gratitudine come avrei dovuto. Il mio corpo è pronto a scoppiare e mi rendo conto che mi sto trattenendo anche se ho la sua benedizione per il climax. E così faccio, imprecando e sussultando mentre esplodo sperma caldo nel preservativo. Le mie ginocchia sono troppo deboli per controllare il mio corpo, ma non mi lascerai muovere.

È il tuo turno di gemere ed è forte e intenso. È il tuo turno di giurare e inizi a muoverti più velocemente. Diventa un po’ scomodo, ma presto vieni anche tu. Il tuo respiro è affannoso e spingi via il giocattolo di gomma e lasci cadere la collana dalle tue mani. Mi accascio sul letto e tu segui l’esempio; Sto ancora usando la maschera per dormire, ma ne sento il peso sul letto. Mi abbracci e mi baci dolcemente sulle labbra, “Grazie” fai le fusa.

**

Sto cercando l’asciugacapelli mentre ti vesti. “I tuoi vestiti sono dietro la porta”, mi informi. È un vestito nero nuovo con una cravatta rossa. È piuttosto insolito per me vestirmi così a cena, soprattutto considerando che quasi odio le cravatte. Ma ti piacciono su di me e sei il capo, quindi non spetta a me decidere.

Anche i tuoi vestiti sono una sorpresa. Non indossi una delle tue solite gonne a tubino, quelle che abbracciano perfettamente il tuo corpo. Indossi una gonna nera molto più ampia; dimmi che si chiama gonna a trapezio e si abbina a una camicia bianca. Non che tu non sia sbalorditiva, sembri sexy da morire.

Il mio costume è perfettamente su misura per il mio corpo e mi chiedo come puoi ottenere i più piccoli dettagli in modo così perfetto. Non mi piace la mia cravatta; Mi fa sembrare Jeremy Corbyn, ma come ho detto, tu governi.

“Le mie scarpe sono nuove e sono cinque pollici. Vuoi che indossi i tacchi, mi indosserai”, tu scherzo e rido; è un prezzo da pagare. Prima di applicare il rossetto, ci scambiamo un altro bacio e mi chiedo come posso resisterti per le prossime due o tre ore.

Hai organizzato tutto per la serata, quindi hai prenotato in uno dei ristoranti che avevamo nella nostra lista di cose da fare. È una steakhouse e sai sorprendentemente cosa mi piacerebbe mangiare. La notte è tua e tu scegli tutto. È un’esperienza divertente, però. Mentre mangiamo, sento il tuo calzino che mi accarezza tra le gambe. Divento duro subito e tu sorridi ampiamente quando lo senti. “Probabilmente dovrei chiederti di alzarti ora, ma sarò gentile con te stasera.”

Scegli anche tu il dolce; sai che ho un debole per il tiramisù. Comincio a sentire l’effetto del vino; fortunatamente l’appartamento non è lontano. “Continui a versarmi del vino nel bicchiere. Penso che tu stia cercando di farmi ubriacare.”

“Oh, quindi ti sedurrò?” tu rispondi “L’ho già”.

“Va bene, va bene.”

“Non ho?” dici con una faccia seria mentre i tuoi piedi toccano di nuovo il mio inguine.

“Non l’ho mai messo in dubbio”, dissi, cercando di sfuggire alla situazione.

“Va bene. Vado al bagno delle donne. Ti occupi del conto, d’accordo?”

La sua breve assenza mi permette di riprendermi e di calmarmi. Il cameriere mi chiede se devo dividere il conto e io rido.

“Sono le 52.80. Gli ho detto di tornare così avresti pagato,” lo informo quando torni e per un attimo ti blocchi, “La tua parte del conto mia cara, siamo una coppia moderna no? “

“Per un po’ mi hai avuto”, ridi, “gli hai dato la mancia bene?”

“Certo che lo era, è stato molto disponibile ed educato. Ci ha persino portato questi scatti per finire la nostra cena”.

Svuoteremo i bicchierini e ti aiuterò a metterti il ​​cappotto. Tra poco si parte, ma tu mi ordini di guidare piano. “Capisci perché ho indossato questa gonna?

“Direi che vuole che venga da lei, signora.”

“Questo è un vero schiavo. Non torniamo a casa finché non adori la mia figa.”

Vicino all’arteria principale che porta al nostro quartiere, c’è un distributore di benzina. Accanto alla stazione di servizio ci sono una varietà di negozi, incluso un sexy shop. I suoi parcheggi sono deserti e non ci sono luci, ma il distributore di benzina è sempre aperto e la strada principale è a cento metri di distanza. Mi mostri dove fermarmi. I passanti possono vedere la nostra macchina, ma non all’interno. C’è un’altra macchina parcheggiata a pochi isolati di distanza ed è ovvio che i suoi passeggeri si divertono sul sedile posteriore.

L’hai preparato in anticipo perché le tue azioni sono precise perché escono da un libro di testo. Ti togli il cappotto e vieni dal lato del guidatore. Apri la mia porta e usi la mia cravatta come una collana per attirarmi. Il sedile accanto a te è già spinto in avanti, lasciando un po’ di spazio. Ti appoggi alla porta e allarghi le gambe. Mi aiuti a inginocchiarsi nello spazio dietro il sedile del passeggero e fortunatamente i morbidi materassini di peluche non distruggeranno i miei nuovi pantaloni. Alzi la gonna e mi fai cenno di iniziare a rompermi. “Inizia lentamente, leccami prima l’interno coscia”, chiedi.

“E se qualcuno ci nota?”

Mi infili la cravatta e mi schiaffeggi: “Primo. Non dimenticare di rivolgerti a me in modo appropriato. Secondo. È mio compito preoccuparmi per te, non per te. Fai come ti dico. Terzo. Se qualcuno A ci nota, io” Farò loro sapere che il mio schiavo mi sta mangiando Non sei orgoglioso di essere sotto la mia gonna ad adorarmi?

“Certo che lo è, signora.”

“Quindi inizia a leccare.”

Cerco di dimenticare tutto il resto e di concentrarmi sul lavoro da svolgere. Questa volta, preferisci darmi istruzioni ad ogni passaggio. Comincio con le cosce, come mi hai chiesto, ma poi mi dici di passare alla portata principale. All’inizio è sopra il tuo perizoma di pizzo, poi lo sposti di lato e premi la mia testa contro il tuo corpo. Sei così bagnato e lo adoro. Le sue labbra sono gonfie e l’odore della sua eccitazione ha coperto le mie narici. Lecco il più velocemente possibile, cercando di consumare quanto più possibile la sua eccitazione. “Rallenta, schiavo. Non voglio ancora venire.”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *