Geena’s Texting Orders – BDSM

di | 30 de Giugno, 2022

Mike sospirò e si chinò sul tavolo davanti a lui, sentendosi completamente esasperato. Da matricola al college, non era abituato alla raffica costante di esami, saggi e compiti, e si è pentito di aver preso la decisione di fare volontariato nell’area di accoglienza del dipartimento. Aveva passato la notte prima di studiare per l’esame di maturità quella mattina, e anche se pensava di aver fatto abbastanza bene, la sua mente era ancora offuscata dalla mancanza di sonno.

Inoltre, ha dovuto deludere Geena, cosa che non avrebbe mai voluto fare. Le aveva detto che probabilmente avrebbe avuto il tempo di vederla, come facevano sempre il martedì sera tardi, quando entrambi avevano meno lezioni che negli altri giorni, ma non si era reso conto esattamente di quanto avesse bisogno di studiare.

Gehenna era, ovviamente, comprensivo. Gli ha persino detto di smettere di parlarle e di superare l’esame. Onestamente era la ragazza più comprensiva e premurosa che avesse mai avuto, e ancora non riusciva a credere di essere riuscito ad uscire con una dea del genere.

Tutto quello che voleva era stare con lei, e le sue mani si misero al lavoro digitando il suo nome utente e la sua password prima che si rendesse conto di cosa stava facendo. Non poteva essere fisicamente con lei, ma poteva almeno parlarle con la sua segreteria telefonica preferita.

Il computer era goffo e difficile da digitare come gli altri computer della scuola, ma a Mike non importava, ci era abituato. Era solo contento che nessuno fosse con lui oggi a guardarsi alle spalle, specialmente non il più cattivo insegnante di inglese (il dottor Maicas), che sembrava divertirsi a prendere in giro ogni studente che riusciva a trovare. .

Si collegò immediatamente al messaggero e fu felice di scoprire che Gehenna gli aveva già inviato un messaggio. Sembrava sempre essere un passo avanti a lui ultimamente.

Geena_peaches: Com’è andato l’esame?

Mike.1976: Molto bene :). Grazie per avermi fatto studiare!

Geena_peaches: Nessun problema. La scuola viene sempre prima 😉

Era così felice che fosse ancora online, come se fosse felice di sentire la sua risposta. Lo faceva sentire tutto caldo e umido dentro.

Mike.1976: Cosa stai facendo adesso?

Geena_peaches: indovina.

Mike.1976: Leggere?

Geena_peaches: Haha. Sì. Già.

Mike.1976: Vorrei essere lì con te…

Geena_peaches: C’è qualcuno in giro? M. Maïcas forse? So che lo odi.

Si guardò intorno nella stanza, sicuro di sé.

Mike.1976: No, nessuno qui tranne me.

Geena_peaches: Beh… visto che sei solo e chiaramente annoiato, perché non fai il bravo ragazzo e fai come ti dico?

Deglutì immediatamente e il suo cazzo diede una piccola scossa di eccitazione. Geena è sempre stata la più arrapata delle due e cerca di rendere ogni situazione il più sessuale possibile. Di recente, avevano esplorato le dinamiche della sua responsabilità e, sebbene non fosse mai stato un uomo sottomesso prima, questo lo eccitava oltre ogni immaginazione. E così Geena ha continuato a spingerlo sempre più forte, non importa quanto fosse imbarazzato, e lui glielo ha permesso, perché come poteva dire di no a una donna così potente e amorevole?

Mike.1976: Essere un bravo ragazzo? Come?

Geena_peaches: Togliti i pantaloni.

Mike.1976: Wow! E se qualcuno mi vede?

Geena_peaches: Adesso è il tuo amante. E fallo, o ti punirò più tardi per non avermi ascoltato. E non osare mentirmi.

Si guardò intorno e si sentì un pervertito estremo mentre si abbassava i pantaloni. E se qualcuno l’avesse visto? Potrebbe essere espulso per aver fatto qualcosa di così sporco nel campus… Il suo corpo non stava ascoltando mentre il suo cazzo dava un altro sussulto. Stava diventando sempre più duro e si sentiva un po’ a disagio nelle sue mutandine.

Geena_peaches: Hai finito?

Mike.1976: Sì, signora.

Geena_peaches: Bravo ragazzo. Ora i tuoi boxer.

Questa volta non si stava lamentando, sapeva che lei era nella sua testa dominante, e se l’avesse fatto sarebbe solo peggiorato. Si tolse lentamente i boxer e li posò delicatamente vicino ai pantaloni.

Geena_peaches: Sei duro con me, caro?

Mike.1976: Sì.

Geena_peaches: Ovviamente ti piace quando sono al comando.

Mike.1976: Cosa dovrei fare dopo, signora?

Geena_peaches: Toccati e pensa a me quando lo fai.

>

Il respiro di Mike si fermò mentre faceva clic per caricare la foto. Come faceva a sapere esattamente cosa voleva o aveva bisogno da lei? La sua ultima relazione era al liceo, e non era niente in confronto a quello. Non sapeva come fosse stato così fortunato.

Eccola lì, sdraiata sul letto dove si erano baciati diverse volte prima, con le gambe divaricate e la telecamera dritta sull’inguine, che era fradicio e gonfio. Rabbrividì sul sedile, ed era totalmente duro ora, il suo cazzo più del doppio di quello di prima. Non riusciva a credere che avesse fatto di tutto per scattare quella foto con la sua macchina fotografica e caricarla sul suo computer, solo per renderlo così difficile.

Mike.1976: Cosa ti ha reso così bagnato?

Geena_peaches: Ti è piaciuto quello che hai visto?

Mike.1976: Certo, Geenna. Volevo essere dentro di te adesso. Sarebbe così facile entrarci.

Geena_peaches: Sei un ragazzo così avido. Ti stai toccando?

Aveva quasi dimenticato l’ordine precedente che lei gli aveva dato. Ha tirato fuori la foto di nuovo e si è immaginato di scopare il suo amante ancora e ancora mentre lei gemeva sul letto e gli avvolgeva le gambe intorno. Avrebbe potuto farlo più tardi, ma era troppo eccitato per aspettare fino a dopo. La voleva. Adesso. Un giorno libero era troppo da gestire per lui.

Mike.1976: Ti voglio così tanto qui, Gehenna.

Geena_peaches: cosa ne pensi?

Mike.1976: Ti fotto.

Geena_peaches: Bravo ragazzo.

Geena_peaches: Ti sei assicurato che nessuno ti stesse guardando? Sei così cattivo… ti tocchi dove tutti possono vedere.

Deglutì a fatica. Sapeva che stava cercando di farlo sentire a disagio e imbarazzato, e ha funzionato. Tutto ciò a cui riusciva a pensare ora era come chiunque potesse entrare nel dipartimento di inglese in qualsiasi momento. Avrebbe tanti problemi. Invece di fermare la masturbazione, si rese conto che l’imbarazzo stava andando dritto al suo cazzo. Lo rendeva oltre l’eccitazione, e il pre-cum stava già iniziando lentamente a trasudare.

Geena_peaches: Scommetto che vuoi che ti tocchi in questo momento.

Mike.1976: Sì, per favore.

Mike.1976: Voglio fotterti così tanto.

Riusciva a malapena a scrivere con una mano, anche se sapeva che Geena poteva dire esattamente cosa gli stava facendo.

Geena_peaches: Sii paziente, hai tutto il tempo del mondo.

Geena_peaches: Voglio che immagini la mia lingua che lecca dalla base alla punta.

Mike. 1976: Geenna

Geena_peaches: Sì?

Mike.1976: Mi fai impazzire. Ho bisogno di divertirmi.

Geena_pesche: No.

Smise immediatamente di toccarsi.

Mike.1976: No? Perché?

Geena_peaches: Ti ho dato il permesso di venire?

Mike.1976: No, signora.

Geena_peaches: Allora come osi pensarci.

Mike.1976: Ne ho bisogno, per favore.

Geena_peaches: Beh, l’accattonaggio è un buon inizio.

Mike.1976: Cosa vuoi che faccia?

Geena_peaches: Voglio che tu vada fino in fondo, poi dimmelo, e ti farò sapere che ti è permesso venire.

Non rispose e riprese a toccarsi. Voleva disperatamente chiudere gli occhi, come faceva quando si masturbava, ma aveva così paura che qualcuno passasse e lo vedesse senza che lui potesse evitarlo. Adesso era ancora più duro, e poteva vedere le vene del suo cazzo pulsare in modo incontrollabile. Questa donna gli ha fatto delle cose pazzo.

Mike.1976: Anche voi vi toccate?

Geena_peaches: Certo che lo è.

Mike.1976: Stai pensando a me?

Geena_peaches: Penso sempre a te, mio ​​cagnolino.

Era divertente dato che era più bassa di lui, ma a Mike non importava. Amava essere insultato, soprattutto dalla donna che amava così tanto. La tua dea. Ha usato il pre-sborra come lubrificante per andare ancora più veloce, e non ha potuto fare a meno di emettere un basso gemito quando si è sentito pronto. avvicinarsi.

Mike.1976: Verrò.

Geena_peaches: No, non lo sei.

Geena_peaches: Fermati subito, cagna.

Ci è voluta tutta la volontà di Mike per trattenersi, ma lo fece, perché non voleva essere punito da Geena se lei avesse saputo che non l’aveva sentita.

Mike.1976: Ho smesso, signora.

Geena_peaches: Dimmi come ti senti.

Mike.1976: Disperato. Per favore, sono così eccitato. Lasciami venire.

Geena_peaches: Non penso che tu sia abbastanza disperato per me.

Mike.1976: Sei tutto ciò a cui riesco a pensare su Gehenna, per favore fammi venire a prenderti.

Geena_peaches: Mi lascerai picchiare più tardi per essere così avido?

Mike.1976: Certo, qualunque cosa tu dica.

Geena_peaches: Bene. Puoi toccarti di nuovo.

Non si è degnato di rispondere mentre ha ripreso affamato ad accarezzargli il cazzo. Sapeva che non avrebbe mantenuto la sua promessa di picchiarlo più tardi, ma non aveva paura. Comunque ha sempre conosciuto i suoi limiti. Anche meglio di lui a volte. Inoltre, amava la sensazione di dolore mista a piacere. Era qualcosa che aveva scoperto di recente e voleva esplorare ulteriormente con Geena.

Non gli importava se qualcun altro stava guardando. La necessità di sfruttare qualsiasi sensazione di imbarazzo sulla strada. Il bisogno di scopare era tutto ciò a cui riusciva a pensare. Lanciò un’occhiata allo schermo quando vide Geena che scriveva di nuovo.

Geena_peaches: Voglio che inizi lentamente, quindi corri a come mi scoperesti se fossi qui in questo momento.

Geena_peaches: Scommetto che puzzi della stanza con l’odore del sesso e del tuo sudore.

Geena_peaches: Come ci si sente ad essere così cattivi dove fai volontariato?

Mike.1976: Sono di nuovo vicino, signora.

Geena_peaches: Allora vieni da me, piccola.

Non c’era bisogno che glielo chiedessero una seconda volta. Si è lamentato quando finalmente è riuscito a venire, e il suo cazzo sembrava pulsare ancora e ancora in modo incontrollabile come lui. Prese un pezzo di carta velina e lo mise sopra il suo cazzo, ma riusciva a malapena a controllare il flusso che ne usciva. Una sostanza appiccicosa bianca gli cadde intorno alla mano e lungo le gambe nude mentre chiudeva gli occhi e cavalcava l’orgasmo incredibilmente lungo. Era solo un giorno, ma si sentiva come se non fosse venuto per sempre. Tutto sembrava essere parte della magia di Gehenna.

Mike.1976: È stato fantastico, Geena.

Geena_peaches: Lo sapevo 🙂

Geena_peaches: Probabilmente dovresti pulire prima che arrivi qualcuno.

Mike.1976: Buona idea.

Mike.1976: Sei venuto anche tu?

Geena_peaches: Farmi venire è il tuo lavoro, cagnolina mia. E mi farai venire ancora e ancora stasera da quando mi hai lasciato ieri.

Mike.1976: Mi hai detto di lasciarti!

Geena_pesche: Tsk Tsk. Mi rispondi ? Sai che ricevi più sculacciate.

Mike.1976: Ah. Il mio turno è finito comunque. Grazie per aver fatto passare il tempo così velocemente.

Geena_peaches: Spero di vederti presto 😉

Si è disconnesso e ha iniziato a pulire il suo spazio di lavoro. Lo sperma era difficile da pulire, ma fortunatamente non si era indurito molto prima di arrivare. Ha anche deciso di spruzzare l’odore del sesso e del sudore nello spazio, solo per non sembrare più sospettoso.

Non riuscì a trattenere il sorriso mentre lasciava il suo turno. Aveva appena avuto un orgasmo incredibile e stava andando da una dea per far venire anche lei.

Ha iniziato molto titubante per iniziare l’università, ma tutto stava andando bene, ed è stato tutto grazie a una persona.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *