Golden Girl Ch. 06 – BDSM

di | 5 de Agosto, 2022

la signora scarlatta

Il giorno in cui la Dama Scarlatta è tornata, Dorée è stata svegliata dal sonno dal suono dei lacchè che correvano per i corridoi e da qualcuno che bussava a una porta vicina. All’inizio, infilò la testa sotto il cuscino per soffocare l’irrequietezza. Era rimasta alzata fino a tardi a pensare alle sue umiliazioni e ora non aveva voglia di essere trascinata fuori dal letto prima del solito orario, che era già arrivato abbastanza presto. Ma i rumori continuavano, e presto la sua curiosità ebbe la meglio sulla sua sonnolenza. Si alzò, si lavò e si vestì in fretta. Quando andò alla cucina della servitù per interrompere il digiuno, la trovò impegnata con il superlavoro della cucina principale. I cacciatori furono mandati a portare quaglie e fagiani, il macellaio a macellare un agnello, a portare fichi e spezie dall’aranceto. E tutto questo non era per una cena di lusso che avrebbe avuto luogo più tardi la notte, ma per un pasto leggero a mezzogiorno!

Doree voleva chiedere a Bérénice cosa significasse, ma non riusciva a trovare quella giusta da nessuna parte. La sua stanza era vuota, fatta eccezione per alcuni calici di peltro con schizzi di vino sul fondo, e la sua biancheria da letto era ammucchiata in un brutto mucchio. Dorée esitò un momento sulla soglia, poi entrò e prese subito accordi per Berenice. Era un peccato per una cameriera lasciare la propria stanza in disordine, e Doree non voleva che Berenice fosse punita per un errore in quello che era chiaramente un giorno importante. Mentre andava in lavanderia con le lenzuola usate, chiese a una lavandaia che passava anche lei se sapeva dove fosse Berenice.

«Nelle stanze della Signora, idiota. Solo Bérénice ha il diritto di pulirli. Ma oh, non era impegnata con altre cose quando è arrivata la Signora? La lavandaia ridacchiò in modo suggestivo.

La mente di Doree si rivolse ai due bicchieri. Improvvisamente sentì l’odore delle lenzuola che teneva sul petto.

“Farai meglio a sbrigarti o verrai bollito nella stessa pentola”, aggiunse la lavandaia.

“Sbrigati dove?” chiese Doree confusa.

“Ebbene, l’atrio dell’Ala Sud. Le cameriere devono essere tutte lì quando l’amante arriva per mostrare la sua disponibilità a servire.”

Dorée si fermò bruscamente. Nessuno glielo aveva detto.

” Allora vai ! Non fare tardi, sciocco! La donna rise di lei.

Dorée sentì un’ondata di sospetto. Era questo un altro stratagemma crudele progettato per metterlo nei guai? O la lavandaia ridente stava dicendo la verità?

Non volendo rischiare, Doree si affrettò a lasciare il bucato di Berenice nella lavanderia. Prese i corridoi sul retro, dove poteva correre a tutta velocità senza scorrettezze, e si diresse verso l’ala sud. Quando è arrivata, tutte le altre cameriere erano davvero ben assemblate. Dorée prese il suo posto in linea, grata di aver ascoltato l’avvertimento della lavandaia invece di cedere al sospetto. Si raddrizzò le gonne, poi rimase in piedi con gli occhi bassi e le mani giunte davanti al grembiule, come aveva appreso da Berenice. Non appena ha adottato questa posa, la porta è stata aperta da due lacchè.

La Signora entrò nella sala dell’ala sud come un galeone sopra le onde, imponente e maestosa in una veste da cavallo scarlatta. Dietro seguiva la Compagna della Dama, allegramente vestita con un abito da sera giallo dorato. Dopo di lei vennero diversi uomini che trasportavano valigie e valigie. La signora guardò appena le cameriere allineate contro il muro, ma si diresse invece verso la porta della sua suite all’estremità sud del lungo salone elegantemente decorato. Poi si è fermata. La porta non si è aperta. I lacchè, che tenevano ancora aperte le porte a nord al loro entourage, si guardarono in preda al panico. Evidentemente qualcosa non andava. La signora incrociò un braccio sull’altro, si gettò i capelli scuri sulla spalla e batté lo stivale sul pavimento.

La stanza trattenne il respiro.

Poi, di fretta, la porta si aprì. Berenice era dall’altra parte, i capelli arruffati e gli occhi ancora più grandi. Si fece da parte, si inchinò profondamente e rimase senza fiato,

“I vostri alloggi, mia signora.”

La Padrona abbassò gli occhi socchiusi e disse con il massimo disprezzo:

“Ancora in ritardo.”

Berenice – forte, capace, cinica Berenice – sembrava pronta a scoppiare in lacrime. La vergogna le macchiava le guance e i suoi occhi erano rossi. Una potente ondata di compassione attraversò Doree, le cui guance erano ancora arrossate per aver corso per arrivare in tempo.

“Mia signora, non è stata colpa sua.”

La Dama Scarlatta si voltò. Doree si ritrovò a uscire dalla linea e al centro della stanza per rivolgersi di nuovo alla nobildonna.

Altre storie erotiche  Ms. LeGrand's Favorite Pt. 03 - BDSM

“Signora, Berenice è arrivata in ritardo perché… ah… perché ha dovuto riordinare la mia stanza e la sua dopo che ho lasciato la mia in disordine.” Per favore, non punirla per la mia negligenza. È colpa mia.

La Signora si voltò lentamente. Il suo sguardo passò su Doree come un attizzatoio passa sui carboni ardenti.

“È vero.” disse in tono piatto, chiaramente non convinta. Poi i suoi occhi caddero sulla criniera di Golden dai capelli color miele.

“Oh, sei tu. La Ragazza d’Oro. La santa martire. Ora questo ha più senso. La povera Berenice è nei guai, quindi hai pensato di consegnarti per salvare il tuo… che diavolo è lei, il tuo mentore, vero?

Dorée si spostò da un piede all’altro.

“Sì signora.” Alla fine ammette.

La donna alta guardò consapevolmente la sua Compagna, che rise in risposta. Era un suono stranamente felice nella stanza tesa.

“Beh, Golden Girl, ti do una scelta. Puoi prendere la punizione di Berenice qui e ora, davanti a tutti. Cosa scegli?”

Doree si bloccò. Indifesa, cercò lo sguardo di Berenice. La maggiore sembrava che stesse implorando con gli occhi, ma Doree non sapeva se stesse implorando di essere risparmiata o chiedendo di essere consegnata alla Padrona. Alla fine, Doree ha potuto rispondere solo come dettato dalla sua natura interiore.

“Accetterò la punizione di Berenice ora.”

Per la prima volta da quando era entrata, la Signora sorrise.

“Molto bene.”

Sollevò l’orlo del suo vestito da equitazione rosso e infilò una mano nello stivale per estrarre un corto frustino. Al segnale della Padrona, i due lacchè si avvicinarono e presero Dorée per le braccia. La girarono e la piegarono leggermente in vita. La Compagna si infilò felicemente nelle sue pantofole di seta per sollevare le gonne di Doree.

“Per la mancanza di puntualità di Bérénice, dieci colpi.”

La Dama colpì la schiena e le cosce scoperte di Dorée con la frusta. Tra ogni colpo, si fermava per far entrare il pieno impatto del dolore acuto e persistente. Dorée era in lacrime al quinto strike. Era ben al di là del dolore che aveva provato fino a quel momento. Alla caduta del decimo colpo, Dorée singhiozzò di sollievo e si alzò a fatica. Ma i lacchè non gli permettevano di alzarsi.

“Ah, ah. Non hai ancora finito, Golden Girl.” disse la signora. “Per avermi mentito, la tua punizione è di cinque frustate. E questa volta, tra le frustate, devi dire a tutti la verità.”

La Signora alzò il braccio e fece cadere la frusta con tutte le sue forze sulla carne morbida e tremante di Doree. Cessate le grida sonore di Dorée, la Signora chiese:

“Perché Berenice ha tardato ad aprire le mie stanze stamattina?”

Dorée singhiozzava: “Non lo so!” “Non sono sicuro”, aggiunse nella sua testa.

“Inaccettabile. Questo è di nuovo il colpo numero uno. Riprenderai il primo colpo ancora e ancora finché non confesserai. Ora la verità!”

La regina ha colpito ancora Dorée con la stessa forza esattamente nello stesso punto del colpo precedente.

Doree pianse più forte, certa che la frusta le avesse rotto la pelle.

“Era nella sua stanza con qualcuno! Lì ho trovato due bicchieri usati e le lenzuola puzzavano come…”

“Odore? chiese gentilmente la Compagna della Signora.

“Sesso.” La voce di Doree si incrinò mentre pronunciava la parola d’arresto.

La padrona annuì in segno di approvazione. Così ha di nuovo aumentato il suo raccolto.

” Molto bene. Seconda domanda. Perché eri nella stanza di Berenice?

Una volta che le urla di Dorée del secondo colpo si sono placate, ha confessato:

“Sono andato a chiederle cosa stava succedendo stamattina, ma non c’era. Ho visto che la sua stanza non era ancora in ordine, quindi sono entrata e l’ho fatto per lei”.

La Signora guardò Doree con scetticismo e alzò di nuovo la frusta.

“È la verità!” gridò con voce roca Doree. “Non volevo che si mettesse nei guai.”

La Padrona annuì, poi ruotò di nuovo forte.

“Tre. C’è una relazione tra voi due che la obbliga a proteggerla? Sorelle? O, forse, amanti?”

“No!” Dorée e Bérénice gridarono contemporaneamente. Poi Dorée ha continuato: “È solo che le sono grato. Mi ha insegnato molto sulla vita al castello”.

“Apparentemente non ti ha insegnato abbastanza per impedirti di formare attaccamenti. Non ti ha detto che tutta la gentilezza che mostri è una forma di crudeltà?”

“Tutti i giorni lo dice.” Dore pianse.

“Dovresti crederle.”

La frusta della Signora cadde.

” Quattro. Cosa ne pensi di me ?

Il corpo di Doree ora si contorceva sia per la vergogna che per il dolore. Non riusciva a credere di doverlo ammettere in pubblico e con chiunque la tormentasse. Tuttavia, ha confessato per intero.

Altre storie erotiche  Why Me? Ch. 03: See No Evil

“Ti penso tutte le sere. Ti penso dalla festa d’autunno. Ho sentito che volevi addestrarmi e io… voglio servirti, signora! Non so cosa rende me tick. , ma ne ho bisogno.”

“Hai bisogno di cosa?”

” Quella. Dolore. Passione. La verità. Tutto quello !

Il colpo finale della Signora fu più forte di tutti gli altri, e passò molto tempo prima che la stanza fosse abbastanza silenziosa da permetterle di porre la sua ultima domanda.

“Cinque. Ti allenerai con me, sapendo che questo tradimento, dolore e umiliazione sono solo un assaggio di ciò che sopporterai mentre ti preparo per il Duca?”

Doree rabbrividì per l’orrore al pensiero, ma non riuscì a tirarsi indietro. Sotto la resistenza della sua mente si nascondeva un appetito più profondo, un impulso che la spronò.

“Sì signora.” Lei dice. Con sua sorpresa, la sua voce era calma e chiara come il suono di una grande campana.

La Signora annuì. Poi si rivolse a Berenice, che era ancora in piedi sulla soglia.

“Sei perdonato. Sei anche scusato. D’ora in poi Golden servirà nei miei alloggi.”

“Sì signora.” disse sottovoce Bernice.

Recuperando il suo orgoglio a brandelli, l’ex caposala se ne andò con il viso macchiato di lacrime alzato. Non guardò intenzionalmente Doree mentre le passava accanto al centro della stanza. Dorée sentì il suo cuore scoppiare. Il suo corpo tremava per lo sforzo che stava facendo per non allungare la mano e stringere Berenice al suo petto, per chiederle perdono. Come sono nate tutte le tue buone intenzioni?

“Golden, andiamo. Hai molto da imparare. disse la Signora con calma.

Doree si voltò e si unì alla Dama, facendo attenzione a stare due passi indietro. Proprio come gli aveva insegnato Bernice.

«Il resto di voi può tornare ai suoi doveri. La signora ha ordinato.

Gli altri servitori lasciarono il corridoio. Gilded poteva sentire il coro stridulo delle loro voci che si alzavano mentre esclamavano per quello che era appena successo. Poi la pesante porta di legno si chiuse e dietro di lei cadde il silenzio.

Ancora tremante, Golden seguì la Dama Scarlatta nelle sue stanze.

~~~~~~~~~~~~~~~~~~

Quel giorno, Dorée compie per la prima volta gli atti che diventeranno un rituale di ritorno alle fonti. Si è scoperto che la Signora era un’appassionata equestre. I parchi intorno al castello erano i suoi terreni di caccia stagionali e cavalcava quasi tutti i giorni quando la primavera iniziava a mostrare il suo aspetto delicato sui terreni del dominio. Ogni volta che la Signora tornava, Dorée doveva aspettare sulla porta della sua suite per farla entrare rapidamente. C’era una campana che suonava nelle stanze della Padrona ogni volta che qualcuno entrava nella Sala Sud, il che faceva sapere a Dorée che avrebbe dovuto abbandonare qualsiasi compito in cui fosse coinvolta e prepararsi a ricevere la sua Padrona. . C’era anche un ingegnoso baldacchino, piccolo e rotondo come una bolla, posto all’interno della porta della camera da letto che dava una vista sull’ingresso dall’altro lato, in modo che Doree potesse vedere quando la sua Padrona stava entrando, si avvicinò e aprì la porta , come per magia. appena la Padrona avrà raggiunto la soglia. È stato il compito che Berenice ha fallito così gravemente nel fatidico giorno in cui la Dama Scarlatta è tornata al suo pergolato.

Una volta aperta la porta, doveva inginocchiarsi e offrire i suoi servigi. Come nelle feste d’autunno, veniva spesso utilizzato come arredo per il comodo della grande Signora. Piegando la schiena sulle ginocchia e appoggiando la fronte a terra, divenne un predellino su cui la Signora poteva appoggiare gli stivali mentre li sbottonava. Molte volte la Compagna della Signora si offrì di sciogliere il legame, e molte volte la Signora rifiutò, essendo indipendente quando si trattava di questioni pratiche. Avrebbe fatto quello che voleva in ogni piccola cosa, e nella maggior parte delle cose che significava prendersi cura di se stessa quando poteva, piuttosto che fare affidamento sulla servitù. Tuttavia, ha provato un grande piacere nell’usare i suoi servitori come giocattoli e oggetti di scena per tutti i rituali che ha creato. E nel caso del rituale d’ingresso, ciò significava usare Doree come pouf carnoso per sostenere lo stivale.

La prima volta che le è stato ordinato di inginocchiarsi in questa posizione, Doree è rimasta incuriosita. C’erano molti mobili in legno belli e robusti nella suite della Signora, e lei non riusciva a credere che la sua schiena fosse più stabile. Ma il modo in cui la Signora calpestava i suoi stivali di metallo e il ritmo lento e deliberato delle sue azioni rendevano chiaro che le piaceva l’esperienza di avere una ragazza come sgabello. Qualcosa nel profondo di Doree la costrinse a soddisfare il desiderio della Signora ea presentarsi come meglio poteva. Con gli occhi chiusi e la faccia a terra, non riusciva a vedere nulla, ma tutti gli altri sensi stavano rispondendo. Il suo respiro rallentò e il suo corpo si calmò. Non c’era altra sensazione che il peso del piede della nobile donna che premeva su di lei, e nessun suono oltre allo sfregamento dei suoi lacci delle scarpe mentre la Signora li sfilava. Poteva sentire l’umidità delle suole umide e fangose ​​dei suoi stivali che fuoriuscivano, inzuppando il suo vestito sottile. Nel momento in cui si mosse o rabbrividì, tuttavia, la Signora alzò il tallone appuntito in segno di avvertimento. Molto rapidamente, Dorée ha imparato che doveva rimanere assolutamente ferma. Qualcosa in questo scenario spesso la metteva in uno strano stato d’animo. Era quasi come inginocchiarsi a pregare. Un silenzio si impadronì della sua mente e del suo corpo, qualcosa che potresti chiamare pace, se non fosse così consapevole di ogni piccolo movimento o pressione contro la sua schiena che potrebbe essere un segno dei desideri della Signora… Dorée cadde in una sorta di serena ricettività, anche se si contorceva per farsi ricoprire dall’odore delle scuderie e dall’umidità della pioggia che inevitabilmente si aggrappava agli stivali del cavaliere.

Altre storie erotiche  Dust and Piper Ch. 02 - BDSM

Quando la Signora ebbe finito di togliersi gli stivali e di mettersi le pantofole di seta, a Doree fu finalmente permesso di alzarsi.

Quel primo giorno, Dorée si chiese ingenuamente come avesse potuto iniziare il suo lavoro di domestica quando il suo vestito bianco gocciolava di terra. La Signora, però, se ne occupò subito. Lanciando a Dorée uno sguardo di apprezzamento, ha detto:

“Sei sporca, Golden Girl. Fai questo turno. Ora.”

“Sì, signora. Solo… non ho altro che questo cambiamento…”

“E?”

“E… qualunque cosa. Farò come dici, mia signora.”

Dorée iniziò a togliersi in fretta il vestito, volendo finirla. La Signora le fermò la mano.

“Rallenta, ragazza. Non abbiamo fretta di queste cose qui.”

La faccia di Doree stava bruciando adesso. Eppure obbedì, slacciando il corsetto con la stessa lentezza e deliberazione con cui la Padrona si slacciava gli stivali. Anche se teneva lo sguardo abbassato, poteva sentire l’approvazione della Signora nel suo sguardo incrollabile. Presto tenne tra le mani il suo stesso vestito sporco. Era nuda davanti alla Dama Scarlatta. I segni rossi e brucianti dei colpi ricevuti al posto di Berenice sporgevano ancora sulle natiche e sulle cosce, portando una sensazione di disgusto per la sua nudità. Ma aveva imparato meglio che cercare di coprirsi. Era semplicemente in piedi, nuda, in attesa del suo prossimo comando.

Dopo un lungo momento, la Padrona si fece avanti e fece scorrere un dito nella fessura di Dorée, come aveva fatto la sera della Festa. Il battito della ragazza accelerò e sentì una strana, delicata tensione nelle cosce. Ma la Signora ha fatto un piccolo rumore perplesso quando ha notato che il sesso di Dorée questa volta non era bagnato come l’ultima volta.

“Non ancora pronto? Hmmm. Forse tradire un amico non piace alla nostra Golden Girl?

Silenziosamente, Doree annuì in accordo. Il pensiero dell’espressione fredda e chiusa di Berenice mentre si allontanava raggelò l’anima e il corpo di Dorée.

“Ebbene, mio ​​santo martire, non facciamolo più. Sembra che tu preferisca soffrire piuttosto che causare dolore, anche indirettamente. Questa è la verità – o una delle verità – del tuo desiderio.”

Le dita della Dama si strinsero sulla carne delicata di Golden, increspando prima un labbro, poi l’altro, poi la perla sensibile in cima al punto in cui le labbra si incontravano. Era come se la sua nuova Padrona la stesse palpeggiando per vedere cosa si poteva fare di lei, come le gambe di un nuovo cavallo. Doree annuì d’accordo, ma la Dama Scarlatta non si lasciò andare finché non sentì l’umidità dell’eccitazione di Doree salire tra le sue labbra catturate.

“Ora sei pronto a servirmi.”

Ed era vero. Golden era molto pronto per iniziare a servire la Dama Scarlatta.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *