Golden Girl Ch. 11 – BDSM

di | 21 de Giugno, 2022

il duale

Per una settimana dopo aver servito come fulcro del giorno di San Giovanni, Dorée è stata lasciata riposare. Era ancora una volta l’ora di lezione di sua moglie e, come aveva predetto la Dama Scarlatta, le fu detto che non sarebbe stata “usata” durante questo periodo. Ha ripreso la sua posizione di capocameriera durante il giorno. Di notte, non sentiva altro che un sonno profondo, calmo e ininterrotto. Dopo sette notti consecutive di servizio, culminate nel pieno sfogo delle sue energie durante la Festa, fu sollevata dal fatto di non essere stata aggredita da un po’ di tempo.

Tuttavia, una volta che il suo flusso mensile è rallentato fino a diventare un rivolo, ha riacquistato l’appetito. Cominciò a sognare un tono decisamente erotico. In assenza di persone o luoghi specifici che potesse ricordare, risuonavano comunque di sensazioni che erano allo stesso tempo acute, dolorose e piacevoli. Ha persino raggiunto un punto critico in alcuni dei suoi sogni, incapace di impedire al suo spirito addormentato di soddisfare pienamente i suoi desideri. Fortunatamente, quando si è svegliata, ha scoperto che il suo corpo vivo era solo al primo soffio di eccitazione, come se ciò che aveva richiesto ore nel suo sogno si fosse spostato su momenti della vita reale.

La prima esplosione di eccitazione, tuttavia, si trasformò rapidamente in un torrente di desiderio. La sua vergognosa lussuria non fu mai più grande che nei primi giorni dopo la fine delle sue lezioni. Dorée non voleva più cedere alle tentazioni dell’autolesionismo, quindi questo mese ha deciso di provare un approccio diverso. Invece di reprimere i suoi desideri, li ha espressi. Ha provocatoriamente posizionato il suo corpo dove sarebbe stato visto dalla Padrona. Incontrò lo sguardo dell’Amico e chiese in silenzio di essere presa. Smise di ordinare ai suoi servitori di compiacerla semplicemente perché sapeva che non le era permesso compiacere un altro senza permesso. Ma lei ha chiesto il permesso. In silenzio, si scusò. Adesso era completamente nuda, o forse completamente matura, a seconda di come la vedevi, e anche la naturale modestia che ancora dominava la sua personalità non poteva impedirle di agire secondo i suoi impulsi appena liberati.

Le sue provocazioni non sono passate inosservate. Il secondo giorno dopo aver terminato le sue lezioni, la Signora si è presa la responsabilità di disciplinare Dorée per il suo atteggiamento conflittuale. Prendendo Dorée in grembo, ha sollevato le gonne della ragazza e l’ha sculacciata, a mani nude, fino a quando le guance di Dorée sono diventate rosse e il suo respiro si è interrotto. Quando la Padrona ha poi intinto le dita tra le gambe di Dorée, sono uscite luccicanti di umidità. La Signora sorrise e sollevò Dorée dal grembo in modo che la giovane potesse inginocchiarsi per terra ai suoi nobili piedi.

“Beh, Golden Girl,” disse, accarezzando i capelli di Golden. “Sembra che tu stia finalmente chiedendo quello che vuoi e rispondendo con il tuo desiderio. Come ci si sente?”

“Mmmm. Bene, signora.” Doree confessò in un sussurro.

“Quanto ancora puoi prendere?” »

Doree considerò la domanda. Poi lei ha chiesto:

“Quanto altro puoi dare? »

La Signora rise.

“Ragazza intelligente. Posso allenarti e disciplinarti alla perfezione. Saresti un’ottima compagna. Ma non posso andare così lontano. Credo che quello che vuoi veramente, il duca deve consegnarlo.”

“Che cosa è?”

“Quello che hai sempre voluto e Lui ha sempre fornito. Sai cos’è. Dillo.”

“Martirio.”

La pelle di Dorée lanciò un delizioso terrore a quella parola. Ma la Padrona scosse semplicemente la testa, sembrando di nuovo vagamente triste.

“Se è così, allora dovresti sfidarlo. È il modo migliore per incitare il suo desiderio di… scenari estremi. È pronto a duellare con te. Se perdi, puoi diventare il martire che immagini di essere.”

“E se vinco? »

“Allora diventerai qualcosa di più di quanto potresti mai immaginare. Qualcosa che osi solo intravedere con la coda dell’occhio.”

“Chi?”

“Vedrai se ce la fai. Se puoi, ricorda: la gentilezza è crudeltà.”

Dorée abbassò la testa davanti a queste enigmatiche dichiarazioni. Non trovando un significato chiaro in esso, guardò ancora una volta in basso.

“Presto, quando sarai pronto, dimmi che è ora.” disse la Signora, più dolce di quanto Dorée l’avesse mai sentita parlare. “Offrirò al Duca di metterti alla prova. Gli dirò che pensi di poterlo battere in gara. Lui saprà cosa significa. Se scegli di vincere o perdere, sta a te”.

“Sono pronto adesso.”

“Pensaci, Dorée. Non sai cosa stai chiedendo.”

“Sono pronto. Per favore, signora, che sia presto.”

La Signora annuì solennemente.

“Sei troppo nuovo al Castello per passare. Ma se lo stai davvero cercando…”

“Io faccio.”

“Allora tocca a te. E Dio abbia pietà della tua anima per una volta.”

~~~~~~~~~~~~~~~~~

Per altri due giorni, non accadde nulla oltre la loro solita routine. Doree ha sopportato questi due giorni con poco sollievo, tranne quello che le è stato concesso nei suoi sogni. Il terzo giorno, però, ricevette una convocazione dallo stesso Araldo che l’aveva invitata a partecipare alla Festa. La pagina maliziosa non era con lui questa volta. Dorée si chiese brevemente dove fosse mentre l’Herald lesse il suo nome e la sua posizione.

Altre storie erotiche  My Journey to Submission Pt. 01 - BDSM

“Fai attenzione a me ora. Il duca viene a sapere che stai cercando di sfidarlo a una gara di volontà. Stai davvero cercando di duellare con il signore e padrone di Château Charenton?

Doree rabbrividì per l’audacia stessa di quello che stava facendo. Ma la sua voce rispondeva ancora,

“Io faccio.”

“E accetti questa sfida volentieri, anche se alla cieca, sapendo che tutto può esserti fatto, dire sì o no?”

“Io faccio.”

“E accetti, qui e ora, che l’adempimento del tuo desiderio comporterà la fine del tuo attuale incarico al Castello?”

A quel punto, Dorée sbatté le palpebre per la sorpresa. Fine del tuo lavoro? Significava forse che la sua permanenza al Castello stava per finire? Eppure, perché sarebbe rimasta se il suo ultimo desiderio fosse stato esaudito e il suo scopo di essere qui realizzato? Pensando così, annuì un’ultima volta.

“Io faccio.”

“I giochi sono fatti”.

Dopo aver pronunciato questa oscura frase, il Messaggero arrotolò la sua pergamena. Per un momento guardò Doree con qualcosa di simile a pietà e qualcosa di simile al fascino. Poi agitò la mano. Dorée ebbe appena il tempo di pensare a chi stava salutando prima che venisse afferrata da dietro e bendata. Immersa nell’oscurità, sentì i suoi vestiti spogliarsi sommariamente. Le sue mani erano legate davanti a lei. Qualcosa di freddo e duro gli si chiuse in gola. Si udì un tintinnio simile a quello delle maglie di una catena, e quasi nello stesso momento Golden fu tirata in avanti dalla collana al collo. Legata in questo modo, Dorée incespicava per i corridoi. Era cieca e indifesa, a parte la catena che la tirava in un modo o nell’altro, e il tocco occasionale di una mano sul fianco o sulla spalla che la guidava su una scala, o si girava più bruscamente per evitare qualcosa.

Alla fine si fermò in un luogo che sembrava spazioso, molto spazioso, quasi come se fosse fuori, solo che l’aria era calma e densa di incenso. Poteva sentire un mormorio clamore, come una folla che sussurra. La sua pelle formicolava per la sensazione di essere osservata mentre era cieca e vulnerabile. Avrebbe voluto che qualcuno le dicesse cosa stava succedendo.

“Ragazza d’oro,” disse una voce dolce e roca nel suo orecchio. Una mano familiare gli toccò leggermente la spalla.

“Sig.ra!” Dorée prese fiato. “Cosa c’è di nuovo?”

“Il duello. Ascoltami. Non fermarti quando sei sulla buona strada. Fermati e perdi. Corri troppo veloce e perdi anche tu. Mantieni il ritmo. Mantieni i tuoi passi fermi. Il tuo successo dipende da questo . “

“Per favore, cosa significa?” gridò Doree, davvero spaventata adesso.

In quel momento, la voce del Messaggero risuonò: “Signore, per favore siediti!” La calda presenza al suo fianco è scomparsa. D’oro sospettava che la chiamata fosse per la Signora, per impedirle di dire altro. Si sentiva ancora più sola per essere stata toccata così brevemente da colui che adorava.

Dopo quella che sembrò un’eternità, la voce del Messaggero risuonò di nuovo, chiamando:

“Attenzione, signore e signori! Siamo qui riuniti oggi per assistere a un duello tra uno dei nostri nuovi schiavi e alcuni dei nostri migliori. Le scommesse possono essere piazzate mentre gli schiavi sono accecati, ma una volta che le loro vendite sono terminate, devi mantenere le tue scommesse fino a quando secondo round. Piazzate le vostre scommesse ora, gente, e vedete quale vince!”

Le scommesse sono continuate per altri cinque minuti, ma dai rumori nello spazio era chiaro che la maggior parte degli spettatori era già seduta e aspettava. Quando i sussurri si trasformarono in silenzio, Dorée fece un respiro profondo e rafforzò la sua determinazione.

Nessuna determinazione, tuttavia, poteva prepararla per ciò che doveva venire. Perché in un batter d’occhio, la benda le fu strappata dagli occhi e Doree vide lo spettacolo più incomprensibile che avesse mai raggiunto i suoi occhi. Era davvero in uno spazio interno cavernoso, persino più grande della Terrace Chamber. Il duca sedeva alla periferia di questo vero stadio in una giornata luminosa. Accanto a lui c’era la Dama Scarlatta, con la sua Compagna ai suoi piedi. Ma tra lei, il suo Maestro e il suo Maestro, c’era un insieme confuso di… cose. Sembravano essere rotaie o sbarre fatte di segmenti di ottone levigati e levigati, tutti sollevati a pochi metri da terra su pali di legno. Erano gli oggetti dalle forme più strane; qui con piccole fossette, là bordate di creste arrotondate o solcate su creste lunghe e strette.

“Ecco l’ippodromo!” gridò il Messaggero, come per conto degli schiavi. “Su questi percorsi, i nostri concorrenti saranno messi alla prova. Ogni percorso è stato adattato alle debolezze carnali dello schiavo in questione. Gli schiavi devono seguire il percorso seguendo le istruzioni del loro allenatore. Chiunque soccomba al piacere o al dolore –qui il Messaggero strizzò l’occhio a Dorée e la folla rise – “Sarai squalificato dalla competizione. Se uno schiavo attraversa la pista, avrai l’onore di sfidare direttamente il Duca per l’adempimento del tuo desiderio”.

Ci furono educati applausi mentre il Duca si alzò e fece un cenno alla folla. Il suo bel viso era giovane, ma quando il suo sguardo si spostò su Doree, vide che i suoi occhi neri erano duri come il vetro. La guardavano con una fame fanatica che rasenta la rabbia. Fu scossa nel vedere l’intensità delle sue emozioni penetrare nel suo sguardo divertito. Ma in un batter d’occhio, stava di nuovo sorridendo alla folla come se niente fosse.

Altre storie erotiche  Emerson Learns His Place - BDSM

“Il tuo primo concorrente stasera è la Golden Girl, Dorée. Questo è il primo ingresso della Golden Girl nella nostra gara. Si dice che la piccola stupida sia stata invitata a competere – e inoltre, oggi sta combattendo per avere la possibilità di martirizzarsi.” dal desiderio. “

Ci furono risate incredule nell’assemblea.

“Speriamo che il tuo sponsor, la Dama Scarlatta, sappia cosa stai facendo con questo.”

Ci furono altri applausi quando la Dama Scarlatta si alzò per salutare, ma il tono dei suoi applausi suggeriva che molti fossero cinici riguardo alle sue possibilità di successo.

“Successivamente, abbiamo il campione del Duca: Thierry, Intendente della Tavola d’Onore!”

Dorée rimase senza fiato alla vista del suo adorabile fratello dai capelli scuri che si avvicinava a lei, legato e legato proprio com’era.

“Questa è la terza competizione di Thierry. Molti di voi ricorderanno la scena emozionante del nostro ultimo evento, dove è riuscito a vincere ma non è riuscito ad affrontare il Duca uno contro uno”.

I mormorii cinici hanno lasciato il posto a suoni di approvazione mentre le persone hanno iniziato a raccontare questa scena apparentemente emotiva. Chiaramente Thierry era il favorito per la vittoria tra coloro che lo conoscevano. Gilded si rese conto di quanto fosse protetta nell’ala sud, nonostante tutto quello che le era successo.

“Ancora una volta Thierry sfiderà il Duca per ottenere la libertà per lui e la sua adorabile sorella Mariette, che riceverà la sua punizione se fallisce la sua sfida”.

Thierry lanciò uno sguardo angosciato in un punto sopra il palco del Duca. Dorée seguì il suo sguardo e rimase sconvolta nel vedere la bella bruna sospesa per la mano sinistra del duca in una vera e propria rete di corde che avvolgeva il suo corpo e la teneva immobilizzata a terra.

“Finalmente, stasera abbiamo un’altra voce: Berenice, ex capo cameriera dell’Ala Sud! Sfida qui per la seconda volta come concorrente indipendente per riconquistare la sua posizione sotto la Dama Scarlatta”.

Dorée si voltò e vide Berenice avvicinarsi a Thierry, altrettanto maestosa nel suo portamento regale nonostante la sua nudità. Incapace di contenersi, Dorée pianse:

“No! Berenice, mi dispiace! Non devi! Per favore torna indietro, non volevo prendere il tuo posto, non sapevo cosa sarebbe successo quando io-mmmph!”

Dorée si piegò in due quando un duro colpo la colpì allo stomaco.

“Sembra che la Golden Girl abbia avuto un inizio difficile. Sono contento che le piaccia!” commentò il Messaggero. La folla rise. Doree stava lottando per respirare e si alzò per attirare l’attenzione di Berenice. Ma la donna si rifiutò di guardarla, tenendo la testa alta come aveva fatto quel giorno mentre usciva dall’atrio dell’ala sud.

“Concorrenti, toglietevi i voti.” Il Messaggero ha chiamato. Thierry e Berenice si avvicinarono alle sbarre. Doree seguì rapidamente l’esempio. I legami intorno alle loro mani furono recisi, permettendo loro di oscillare le braccia lungo i fianchi, e i loro collari di ferro furono rimossi con un minaccioso suono di catene.

“Salire!” Il Messaggero ordinò. Gli altri due fecero oscillare le gambe sulle sbarre. Ora molto confusa, Doree fece lo stesso, alzandosi in punta di piedi per proteggere la sua carne sensibile dal freddo metallo.

“Fai i tuoi passi… ora!”

Thierry fece un passo avanti. Bernice ha fatto un passo avanti. E così anche Dorée ha fatto un passo avanti.

Lo scopo delle barre di metallo divenne visceralmente ovvio. Ogni barra era ricoperta di un po’ di olio viscoso e scivoloso che permetteva al metallo di scivolare, scivoloso ma duro, tra le gambe di Doree mentre camminava. Ogni dodici passi circa, la pista veniva sollevata o lanciata in un modo che avrebbe bloccato il suo progresso a meno che non si fosse sottomessa e avesse spinto il suo corpo attraverso.

Doree ha trovato per la prima volta una protuberanza nella pista scavata da una serie di creste che le separavano le labbra inferiori. Poi venne una depressione piena di minuscole punte opache che strofinarono delicatamente contro il suo tessuto appena esposto. La sensazione era diversa da qualsiasi cosa avesse mai provato: una volta irritante e immensamente esilarante. Quando Dorée si fermò per riprendere il controllo dei suoi fianchi contorti, fu colpita da dietro da una guardia che brandiva un fascio di ortiche legato a un flagello. Urlò e resistette istintivamente, spingendo più forte sulle dita dei piedi tra le gambe. Era come un enorme ed elaborato cavallo di legno che doveva cavalcare o essere picchiata di nuovo, o un percorso ad ostacoli in cui soccombere al dolore o al piacere significava fallire. Data la sua particolare debolezza per entrambe le sensazioni, Doree ha subito visto lo svantaggio che doveva affrontare.

Ad aumentare la sua umiliazione c’era il fatto che poteva vedere i suoi concorrenti sfilarle davanti, affrontando le proprie sfide in barre realizzate con parti assemblate che prendevano di mira la loro natura. Quello di Thierry era pieno di trappole di miele: buchi e fessure in cui doveva infilare il suo cazzo già palpitante finché il suo padrone non lo lasciava camminare. Ogni volta che si gettava in una di queste trappole, il Duca faceva qualcosa alla sua povera sorella attaccata che la faceva gemere o piangere. Al suono della sua voce, il cazzo di Thierry rimbalzò come in bagno e le sue labbra si contrassero mentre cercava di trattenersi.

Altre storie erotiche  Something in the Snare - BDSM

Anche il percorso di Berenice è stato ricco di stimoli sensuali: luoghi in cui l’orlo era stato imbottito di velluto bagnato che le accarezzava il sesso affamato, poi sollevato su bacchette che la penetravano. C’era persino un ostacolo in cui un uomo giaceva legato sotto la pista con le gambe aperte e il suo enorme cazzo che sporgeva, quindi Berenice ha dovuto salire per passare. Dal modo in cui guardava in basso e si scusava mentre si strofinava contro di lui, doveva essere il suo amante segreto. Il pover’uomo è stato spinto al limite prima ancora che la gara iniziasse, ed è rientrato dopo pochi istanti. Bérénice, incapace di resistere ai suoi ultimi sforzi, è stata scossa da spasmi che le sono valsi una squalifica anticipata dalla gara.

Nel frattempo, Dorée ha dovuto affrontare ostacoli che hanno messo alla prova anche la sua elevata tolleranza al dolore. Dopo i chiodi, ha dovuto assemblare una serie di sporgenze falliche che aumentavano in lunghezza e circonferenza mentre scendeva lungo la fila. Non le è stato permesso di passare finché non si è spinta per tutta la lunghezza di ciascuno. La sensazione del metallo spesso e inflessibile che la riempiva, allungando il suo buco appena vergine quasi al punto da lacerarla, la spinse oltre tutti i limiti precedenti. Ma allo stesso tempo, la muove nel profondo del suo essere, tanto che anche nel suo dolore ha lottato per trattenere l’esito che l’avrebbe squalificata con Berenice.

Sentire l’orgasmo di Berenice, le urla di Mariette e il respiro roco e roco del desiderio di Thierry non hanno aiutato Dorée a resistere agli impulsi del suo corpo. Per certi versi, era più vergognoso e anche più eccitante sottoporsi a torture così intime accanto a loro, che lei ammirava da lontano e desiderava essere più vicino. Le gambe di Doree tremavano per la loro vicinanza, per non parlare della vicinanza del suo orgasmo. Ha rivolto al suo allenatore uno sguardo implorante, ma tutto ciò che ha detto è stato “Mantieni il passo”.

E lei lo fece. Sebbene la sbarra si fosse alzata finché non era più sufficiente stare in punta di piedi per impedirle di affettare la carne morbida tra le gambe con una pressione brutale, continuò ad avanzare lentamente. Sebbene il suo allenatore l’abbia fermata su un pendio della pista dove è stata costretta ad accovacciarsi e impalare più volte su un’asta nervata come un cavatappi, non ha fatto un passo avanti finché non le è stato detto di farlo. Anche se l’allenatore le accarezzava i seni ei fianchi, così dolcemente ma così forte, dappertutto con il flagello dell’ortica, mentre le delicate scanalature dell’orlo massaggiavano la sua perla fino a farla gocciolare morbida, lei comunque non si sarebbe arresa.

Dorée era ricaduta in quello stato di trance spirituale in cui poteva sopportare le sensazioni più oltraggiose in una sorta di grazia fluttuante. Sentì intensamente ogni sussulto di dolore e ogni pulsazione di piacere – come poteva non farlo? Ma allo stesso tempo, era come se stesse cavalcando le sue sensazioni come un delfino cavalca le onde. Le lacrime le rigavano il viso, ma erano felicissimi. La Dama Scarlatta la stava chiamando. Anche il duca notò la trasformazione che era avvenuta su di lei, poiché i suoi occhi ora erano fissi su di lei con qualcosa di simile a timore reverenziale.

È stato solo nell’ultimo tratto di pista che Thierry è stato surclassato, e solo perché sua sorella ha rotto il comando. Qualunque cosa gli fosse stata fatta durante la sua servitù era finalmente diventata troppo. Quando Thierry è entrato nel suo ultimo ostacolo, le sue grida sono diventate più forti, diventando crude, in preda al panico e infine orgasmiche. Sentendo il suo rilascio, il cazzo di suo fratello si alzò in compassione fisica, schizzando mentre emetteva le sue grida più forti. La folla ha dato un sussulto collettivo – alcuni di quei sussulti che ricordano distintamente una scarica masturbatoria – quando il campione del Duca è caduto al primo round.

Così Dorée scese l’ultimo pendio con le gambe tremanti e si fermò davanti al Duca per affrontare il secondo round del Duello.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *