Golden Girl Ch. 13 – BDSM

di | 21 de Giugno, 2022

Capitolo 13: La dama d’oro

Era una calda mattina d’estate, che stava già diventando calda, e Doree era comodamente seduta a bere il suo tè. Non riusciva a credere a quanto tutto fosse cambiato da quando aveva vissuto quella che il duca chiamava “la svolta”. L’ha trasformata con una sola parola da ragazza in signora, da schiava in signora, e ha capovolto ancora una volta il suo mondo.

Naturalmente, il suo potere non era né permanente né assoluto. Ma per il momento, era stata sistemata in una serie di stanze nell’ala est – la prima a vedere la luce dell’alba – e le era stato conferito il potere su tutta la servitù. Aveva le sue stanze, arredate con gusto con velature e sete color oro pallido, sedie di velluto dorato e tavoli con gambe sottili come un’antilope. Aveva il suo letto lussuoso, con tende e cuscini, con piumoni. Non poteva chiamare chi voleva in questo letto, ovviamente. Non aveva alcun potere sulle schiere nobili o sui servi del duca nel suo dominio. Ma poteva comandare qualsiasi servitore del suo rione e chiunque entrasse nel suo rione con il permesso del suo padrone o della sua amante.

Poteva anche comandare i gemelli.

Rabbrividì al pensiero dell’incontro che le concesse un tale potere. Era ancora cruda, la sua pelle ancora appiccicosa dal seme di Thierry. Ricordò di essere stata seduta nella sala di ricevimento del Duca avvolta nelle calde coperte a cui si era aggrappata nonostante il caldo della notte. Le offrì un bicchiere di vino. Insolitamente, lo prese e lo bevve in un sorso. Ride e dice:

“Hai giocato bene oggi, Golden Girl. Siamo a un punto morto. Si potrebbe dire, un doppio legame.”

Il suo buon umore espansivo era accompagnato da prese in giro. Dorée ha rifiutato di prendere l’amo.

“Deve essere uno shock per te.” Il Duca continuò. “Ma hai detto la verità quando hai detto che il martirio porta terrore, meraviglia e trascendenza. Hai trasceso la tua vecchia posizione. La tua posizione di cameriera è finita. Ah, ma cosa sarai adesso?”

“Non lo so, mio ​​Signore.” Dore scosse la testa. Allora era ancora stordita e stranamente distante da se stessa.

«Alzati, Doree, e guarda dietro quella porta. Forse lì vedrai ciò che devi diventare.

Il Duca indicò una porta di quercia. Doree esitò, non sapendo quali nuovi orrori avrebbe potuto vedere dietro. Ma l’espressione del duca non era più malevola, solo curiosa. Si fece avanti, muovendosi con cautela mentre i suoi muscoli doloranti protestavano, e aprì la porta.

Oh, qualcuno lì! Indietreggiò rapidamente spaventata quando una figura oscura si fece avanti per affrontarla. Ma no, non era qualcun altro. Era il suo riflesso, scagliato contro di lei da una stanzetta le cui pareti echeggiavano all’infinito. Era come gli specchi ovali nella sua stanza nell’ala sud, ingranditi solo all’interno di una stanza completamente rivestita di specchi dal pavimento al soffitto. Sorpresa, Dorée si guardò intorno. Poi è entrata, portando con sé una candela accesa.

Ancora una volta, sentì aumentare il senso di sé. Lasciò cadere la coperta e studiò il suo corpo. Sì, era ammaccato e lacerato, ma la forma sotto le ferite era bellissima. I suoi fianchi si erano gonfiati da quando era arrivata quasi un anno prima e anche i suoi seni erano più grandi, sebbene la sua vita e le sue gambe fossero ancora snelle per la giovinezza. Quando raddrizzò la schiena, i suoi molti sé fecero lo stesso, in piedi alti e orgogliosi. Sollevò il mento, lasciando che i suoi riccioli dorati le cadessero dietro. Come poteva non sapere cosa fosse di fronte a questa visione? Era stata martirizzata e ora guardava il suo corpo celeste, perfezionato attraverso le sue prove.

“Vanity, vattene,” mormorò tra sé, come aveva fatto molte volte prima. Ma non sembrava vanità riconoscere che ciò che vedeva era bello e in qualche modo profondamente potente, anche nella sua nuda vulnerabilità. Sembrava una verità a lungo negata e ora riconosciuta. I suoi occhi color miele brillavano negli specchi riconoscendo questa verità.

Quando tornò dal duca a testa alta, lui sorrise soddisfatto. Trovò una veste di seta gialla sulla sua sedia, piegata e messa lì da un domestico invisibile. Lo indossò con cura per non riaprire i graffi. Sarebbe un peccato macchiare la seta con qualcosa di banale come il sangue.

“L’hai vista. La dama d’oro.” disse infine il duca.

“Sì, mio ​​Signore. Lei è gloriosa.”

“Beh, ho un regalo per lei. Entra!” Lo chiamò alla porta.

Al suo comando, la porta si aprì ed entrò Thierry, seguito dalla sorella Mariette, entrambe vestite solo con lenzuola alla romana drappeggiate sui fianchi e sul seno. I loro capelli neri come la mezzanotte erano stati spazzolati alla perfezione ei loro corpi forti ed eleganti oliati, ma Doree poteva dire che erano imbarazzati nel vederla di nuovo così presto e in un ambiente così diverso. Erano co-schiavi che soffrivano e lottavano per il piacere insieme all’ombra della croce di Sant’Andrea. Ma ora…

Il duca parlò, rompendo la tensione erotica che risuonava tra Dorée ei gemelli.

“Golden Lady, l’Ala Est è tua per sette giorni. Dopo questo periodo, valuteremo i tuoi progressi e prolungheremo il tempo se necessario. Mentre vivi lì, potresti aver bisogno di un assistente di volo e di un assistente di volo. Per favore, usa il mio, e usali bene.”

Dentro, Doree tremava. Esternamente, ha mantenuto il suo viso calmo.

“Non posso esprimere abbastanza la mia gratitudine, Vostra Grazia.” ha detto in modo uniforme. “Sono sicuro che li godrò.”

Con un cenno della mano, il duca li mandò entrambi nell’ala est. Dorée se ne andò subito dopo.

E fu così che si ritrovò sdraiata a letto in una giornata calda, sorseggiando il suo tè e chiedendosi cosa fare dopo.

~~~~~~~~~~~~~~~

All’inizio del suo incarico come Golden Lady, Doree stava solo riposando e guarendo. Rimase a letto fino a tardi, anche mangiando il pasto mattutino comodamente dai suoi cuscini. Si lasciava fare il bagno ogni giorno in acqua calda profumata di lavanda. Le cameriere si strofinavano delicatamente le ferite e applicavano balsami curativi che funzionavano come per magia. In pochi giorni, la puntura del veleno dell’ortica era scomparsa ei tagli si erano trasformati in linee rosa sulla sua carne soda. Dubitava che ci fosse anche una sola cicatrice per raccontare la storia del suo martirio.

La terza notte del suo mandato, invitò la Dama Scarlatta a cenare con lei nell’Ala Est. Solo Thierry e Mariette potevano servire al tavolo. Tuttavia, Dorée aveva paura di perdere la faccia davanti a loro, quindi fu solo quando la cena fu finita e le due donne stavano bevendo liquori che Dorée osò porre la domanda a cui non vedeva l’ora di rispondere.

“Mia signora-” iniziò timidamente.

“Ti prego tesoro, per ora siamo gli stessi e la cena formale è finita.” Usa il mio nome. Mi chiamo Rufina. »

Dorée rabbrividì suo malgrado.

“Rufina… non era una santa martire nei tempi antichi?”

La Dama Scarlatta annuì, portandosi un dito al naso come per dire: “È un segreto”.

“Beh, Rufina, devo farti una domanda. Cosa fa una Signora? Voglio dire, cosa dovrei fare ora che sono… questo?” Alzò le braccia, che ora stavano ballando con braccialetti d’oro invece di manette.

“Beh, qualunque cosa tu voglia, ovviamente”, disse la Dama Scarlatta. “Non posso dirti come dovresti gestire i tuoi affari.”

Dorée si lasciò cadere sulla sedia. Tutto ciò che voleva davvero fare con il suo potere era impedire agli altri di disturbarla in modo che potesse riposare. Tuttavia, comportarsi da eremita probabilmente non sarebbe stato un bene per lei dopo sette giorni. Vedendo la sua delusione, Rufina sorrise e aggiunse:

“Beh, è ​​tradizione che una nuova Lady organizzi una festa in cui dimostra il suo potere sui suoi servi. Se mostra una promessa come Lady, è molto probabile che il suo mandato verrà esteso.”

Golden annuì lentamente, capovolgendo questa idea nella sua testa.

“So che Thierry e Mariette mi serviranno. Ma non sembra una dimostrazione della mia abilità di comandante. Sono come una coppia di cavalli così ben addestrati che obbedirebbero a qualsiasi mano sulle redini, ai desideri e se ne andarono per fare a ogni costo.” .”

Rufina annuì di rimando.

“Sei scaltro. È necessaria una dimostrazione più… sostanziale. Qualcosa che dimostri a quelli del Castello che non tolleri né il tradimento né il male.” sarà.”

“Tradimento? Ma l’unico che mi ha tradito è-“

Doree si morse il labbro, ricordando con chi stava parlando.

“Sì,” disse Rufina consapevolmente. “Ti ha consegnato al duca proprio quando stavi cominciando a scoprire il tuo potere. Se hai bisogno di ritorsioni, non proteggerò Juliette da te.”

Dorée annuì di nuovo, questa volta con maggiore certezza. Riusciva ancora a sentire la risata felice di Juliette. La ragazza era gelosa, egoista, cattiva e arrogante. Aveva bisogno di imparare un po’ di umiltà.

“Ce n’è anche un altro. Uno che sfida la tua posizione.”

A quel punto, Dorée scosse vigorosamente la testa.

“No. No, non posso punire Berenice. Lei non mi ha fatto del male. Io l’ho ferita. Non posso… sono io che dovrei essere…”

Rufina posò una mano sul ginocchio di Dorée, calmando la sua crescente ansia.

“Fai quello che ritieni sia meglio, padrona. Lascerò tutti i dettagli alla tua mente allenata.”

~~~~~~~~~~~~~~~~~

Per i restanti quattro giorni della sua permanenza nell’ala est, la Golden Lady lavorò febbrilmente per prepararsi al suo debutto. Thierry e Mariette si sono dimostrati preziosi nei loro sforzi. La loro posizione alla tavola del duca significava che avevano ampie opportunità di osservare chi erano i loro ospiti preferiti e che tipo di intrattenimento godevano. Conoscevano anche i portatori e gli araldi, i cuochi e le cameriere e molti altri servitori della Sala Grande che reclutavano per fare gli straordinari per conto di Doree. Sono persino riusciti a convincere Chamberlain stesso a supervisionare la parte pubblica dell’evento, il che gli avrebbe dato un’aria di realizzazione che Dorée non poteva sperare di ottenere da sola.

Era così grata per l’aiuto di questi fratelli sofferenti che una sera, mentre stava leggendo la lista delle cose da fare per la giornata di Thierry, si ritrovò a dire distrattamente, con un tono che aveva inconsciamente preso in prestito dalla Dama Scarlatta:

– Molto bene. Molto bene davvero. Continua così e mi assicurerò che tu e tua sorella siate rilasciati prima che inizi il mio secondo mandato nell’Ala Est.

“Davvero, mia signora?

Dorée alzò lo sguardo per vedere i suoi luminosi occhi azzurri brillare di speranza e altro: adorazione.

“Sì. Io… non so come, ma userò tutta la mia ritrovata influenza per raggiungere questo obiettivo, se posso.”

Thierry si inchinò, muto di gratitudine. Fino a quel momento, Dorée non si era mai resa conto di quanto fosse meraviglioso essere adorata.

Con il servizio devoto di Thierry e Mariette, i preparativi per la serata sono volati via, finché all’improvviso è stata la settima notte del soggiorno di Dorée nell’ala est – e, forse, la sua ultima notte come Golden Lady.

Mentre il sole baciava l’orizzonte occidentale quel giorno, un gong risuonò nella sala principale che echeggiò in tutto il castello. Ha invitato tutti coloro che avevano ricevuto un invito e conoscevano questo segno a venire nell’ala est e divertirsi come ospiti della Golden Lady.

Per questo evento, Dorée ha deciso di trasformare la notte in alba. Gli uccelli erano stati tenuti in gabbia al buio per diversi giorni e solo di notte venivano portati in una stanza piccola e ben illuminata, in modo che quando gli ospiti entravano, un coro di scriccioli e fringuelli si svegliava intorno a loro. Le lampade erano state accese con ore di anticipo, rivestendo la pelle dei loro supporti umani con fantastiche merlature di cera calda. Con un gesto inedito, le fiamme delle lampade si sono spente una ad una mentre gli ospiti entravano, come se una lunga notte fosse appena finita. È stato divertente per gli ospiti vedere gli involucri tutti addobbati con gusci di cera dura che ondeggiavano dolcemente per la stanchezza nelle loro nicchie, uno spettacolo che si vede raramente alle feste a tarda notte. La luce tremolante delle candele è stata sostituita da un bagliore meraviglioso creato da specchi nascosti che diffondevano la luce di lanterne ricoperte di vetro rosa smerigliato, imitando le nebbie diffuse del primo mattino.

La stessa Dorée era all’estremità del tavolo, con indosso un vestito di stoffa dorata con un collo alto e rigido che le faceva brillare il sole nascente dietro la testa. Anche le sue pantofole e il manico del suo sottile ed elegante bastone d’oro erano adornati da archi a forma di ventaglio di raggi sparsi. Inizialmente era riluttante a indossare l’emblema del Re Sole, che era ancora ben noto dal suo regno nei decenni passati. Ma il suo sarto le disse che l’emblema di Sua Maestà era il pieno sole nel suo splendore di mezzogiorno. Così Doree ha preso l’alba per sé, con tutta la sua dolce promessa di sangue dorato.

Gli ultimi ospiti ad entrare furono la Dama Scarlatta, seguita dal suo onnipresente compagno e dal Duca. La Dama Scarlatta si preoccupò di salutare Doree con calorosa dignità, segnalando apertamente la sua alleanza. Il duca, tuttavia, era distaccato, con uno sguardo duro e cinico che rendeva diffidenti anche gli ospiti più accesi nell’avvicinarsi a lui. Prese rapidamente posto ai piedi del tavolo, affrontando Doree in una posizione conflittuale che gli fece sentire come se fosse di fronte a lei nell’arena per la seconda volta. Cosa chiamò allora “l’alto campo di battaglia”? Ebbene, lo avrebbe incontrato di nuovo, volontà di volontà e spirito contro spirito.

Una volta che tutti gli ospiti hanno potuto ammirare l’arredamento e sedersi intorno al tavolo, Dorée ha preso un bicchierino di vino. Tenendolo in alto, disse:

“Signore e signori, e più in particolare Vostra Grazia il Duca, buona giornata a tutti. Vi do il benvenuto nelle mie umili stanze nell’ala est. È stata una notte lunga e buia al castello di Charenton, ma sono felice di dire è ora che noi volgiamo la nostra faccia al sole. Alziamo un bicchiere al nuovo giorno!”

“Il nuovo giorno!” Tutti hanno partecipato alzando i bicchieri.

Ci furono risate con la pretesa di brindare al nuovo giorno la sera presto. C’erano anche sopracciglia sollevate tra coloro che interpretavano politicamente le sue parole. La Dama Scarlatta osservò l’espressione del Duca in cerca di segni di rabbia. Per ora, tuttavia, il suo viso era una maschera di marmo di lucido interesse mentre alzava il bicchiere in un brindisi.

“Spero che sarai felice di interrompere il tuo digiuno in una così buona compagnia.” disse Doree. “Il pasto può essere leggero, ma si spera che l’intrattenimento fornisca cibo più sano per coloro con appetiti più grandi”.

Con ciò, la risata si fece più acuta, più affamata. Il cameriere, che era dietro a Dorée come maestro di cerimonie, suonò un gong un po’ più piccolo di quello che aveva convocato il gruppo a cena. Al suo segnale, i servi entrarono portando il primo piatto della colazione, composto da vassoi di pane e dolci appena sfornati. A capo del treno c’erano la padrona di casa e l’hostess, vestite con bellissime livree bianche e dorate. Prima servirono il Duca, poi la Golden Lady.

Quando Thierry si voltò per andarsene, Dorée lo richiamò. Con un tono pericolosamente irriverente, gli disse di inginocchiarsi accanto a lei. Lo fece immediatamente e senza lamentarsi, tenendo il vassoio all’altezza delle spalle in modo che Doree potesse afferrare ciò che voleva. Doree lo lasciò lì in ginocchio mentre mangiava, finché la maggior parte dei commensali quasi si dimenticava di lui.

Quando è arrivato il freddo, Dorée ha colto l’occasione per chiedergli di togliere il vassoio e di togliersi la giacca. L’ordine è stato eseguito, come lei lo ha impartito, con discrezione. Tuttavia, ha catturato l’attenzione. Era difficile dimenticare che i suoi capezzoli erano dorati con caldi fiocchi di foglia d’oro, così come le sue palpebre, che mettevano in risalto il netto contrasto dei suoi capelli neri e degli occhi azzurri. Inclinò la sua nobile testa verso Golden e gonfiò il petto mentre lei giocava distrattamente con i pezzi di carne dorata, strappandoli via con le sue unghie affilate. Anche gli ospiti più stanchi potrebbe fare a meno di vedere la devozione nel suo atteggiamento e la grazia nel suo servizio. Sussurri di approvazione echeggiarono intorno al tavolo. Il duca sembrava un falco, ma non disse nulla.

Con l’arrivo del corso di pesce, Mariette fu rimossa dal servizio e similmente spogliata fino alla vita. Non solo i suoi capezzoli erano dorati, ma erano anche trafitti da anelli tra i quali passava una sottile catena d’oro. Ogni volta che la Golden Lady voleva bere un sorso del suo vino, tirava la catena, ordinando a Mariette di alzarsi, avvicinarsi al tavolo, girarsi per presentare il bicchiere e, quando la Signora ebbe finito, di inginocchiarsi di nuovo. Anche Mariette la guardò con occhi adoranti. Senza forzature o pretese, la Golden Lady ha mostrato la sua influenza e la lealtà dei suoi servi durante tutto il pasto. Era tanto più notevole, alcuni hanno osato commentarlo sottovoce, poiché Thierry e Mariette erano gli schiavi preferiti del duca, eppure eccoli qui, totalmente ridotti in schiavitù da questa bella giovane donna che era stata recentemente servile.

Tolti i vassoi per l’ultimo servizio, Dorée si alzò di nuovo per attirare l’attenzione della sala. I nobili continuarono a chiacchierare. Accigliata per la prima volta da quando era iniziata la cena, la Golden Lady fece un cenno al cameriere. Il suono del gong riempì la stanza, affogando le loro voci con i suoi riverberi. Dorée parlò piano nel silenzio che seguì.

“Ti sono veramente grato per essere qui oggi. Mi hai insegnato molte cose nell’ultimo anno. Ho imparato il coraggio e la disciplina, e per questo ti ringrazio dal profondo del mio cuore. .”

Lei sorride compiaciuta. Ma quando parlò dopo, la sua voce dolce si trasformò in ghiaccio.

“Detto questo, alcuni di voi non hanno sempre apprezzato il mio servizio, né rispettato i desideri di coloro che ho servito”.

Diede una lunga occhiata in giro per la stanza. Il ciambellano si spostò da un piede all’altro dietro di lei, sembrando improvvisamente decisamente nervoso. Anche il Fop si è fermato. Sul viso del Duca, le nuvole che si addensano segnalavano la tempesta che sarebbe scoppiata se lei avesse osato sfidarlo pubblicamente.

“Giulietta. disse la Golden Lady con calma mortale.

Giulietta saltò. Si era leccata la crema dalle dita, ignorando il discorso di una signora che ancora non rispettava.

“Vieni qui, Compagno della Dama Scarlatta.”

La voce di Dorée ora suonava come un tuono.

“Signora, vuoi? Juliette balbettò guardando la sua Padrona.

“Sì, Juliet, devi.”

Giulietta si alzò. La sua sedia raschiò il pavimento, un suono che echeggiò in una stanza mortalmente silenziosa. Come una bambina che sta per essere punita, si avvicinò a Doree a testa bassa, senza tutta la sua solita gioia.

“Juliette, ti ricordi cosa ti ho chiesto prima che mi consegnassi al duca?

“No.”

“Ti ho chiesto, per tutto quello che abbiamo passato insieme, di risparmiarmi. Ti ho chiamato, come una figlia al servizio di un altro. Ma tu ti sentivi superiore a me e avevi il diritto di punirmi. Giusto?”

“Ero classificato più in alto di te!” Juliet sputò, i suoi occhi brillavano. “Tu eri solo la caposala. Io sono la compagna della signora.”

“E la Dama Scarlatta ti ha mandato a spiarmi?” Era felice quando mi hai rimosso dal suo servizio?

Juliette era silenziosa, incapace di sdraiarsi davanti alla sua Padrona, ma non voleva condannarsi.

«Dì a tutti perché mi hai spiato Juliette, perché stavi cercando un modo per separarci dalla mia Padrona. Cosa hai detto quella notte?

Juliet strinse i denti, dimenandosi sotto lo sguardo avvizzito della Dama Scarlatta.

“Volevo la mia signora per me. Stavi arrivando.”

“Quindi non è solo il mio crimine che ti ha fatto recitare. È la tua gelosia.”

“Sì.”

“Sì cosa?”

“Sì signora.”

“Era il tuo orgoglio.”

“Sì signora.”

“Era la tua arroganza pensare di poter adulare il duca e sbarazzarti di un rivale allo stesso tempo.”

“Sì signora.”

“E permettiamo ai servitori il cui cuore è pieno di gelosia, orgoglio e arroganza di rimanere qui al Castello?”

Il corpo di Juliette sussultò per lo shock. La sua voce si spezzò quando urlò

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *