Her Governess Ch. 01 – BDSM

di | 28 de Giugno, 2022

Nota dell’autore:

Benvenuti al primo di quattro o cinque capitoli su una relazione consensuale tra donne adulte (e immaginarie). Questo primo capitolo presenta i personaggi e prepara le basi per un tuffo più profondo nella loro relazione. Pubblicherò nuovi capitoli ogni settimana (-ish). Sono nuovo come autore, quindi apprezzo tutti i commenti e i suggerimenti per il miglioramento. Commenti ed e-mail sono i benvenuti e incoraggiati. Grazie per aver letto!

**

La consapevolezza svanì ei sensi di Kara tornarono mentre si svegliava da un sonno profondo. Era sdraiata su un fianco sul suo letto caldo e morbido. Era mattina. Il suo profumo familiare e di benvenuto era sulle lenzuola. Per abitudine, si avvicinò a lui, cercando il suo corpo, le sue mani desiderose di lui, per quel primo contatto con la sua pelle nuda. Non vedeva l’ora di iniziare un’altra giornata con lui. il suo amante. Suo marito. Il tuo padrone.

Ma non era a letto con lei.

L’improvviso ricordo della sua morte la colpì allora, uccidendo tutto ciò che era caldo o gradito quella mattina. Rimase immobile, sentendo l’intorpidimento invaderla. Aveva pianto così tante lacrime nelle ultime cinque settimane e ora non ce n’erano più, solo un miserabile sospiro.

Avrebbe voluto per la millesima volta essere in macchina con lui quando è scivolata lungo la strada. Perché non poteva morire accanto a lui nello stesso momento? L’avrebbe preferito all’orrore e all’angoscia di ricevere la chiamata della polizia.

Kara si trascinò senza vita attraverso il processo di rimettere in ordine i suoi affari, chiamando i suoi amici e colleghi, recitando le stesse parole più e più volte come un morboso mantra. Il funerale è stato un confuso incubo di ricordi. Tornò all’appartamento dopo questa sensazione di smarrimento e vuoto.

E per le successive cinque settimane si è chiusa, salutando gli amici alla porta, assorbendo le loro condoglianze, poi salutandoli educatamente. Anche sua sorella e due nipoti non hanno varcato la soglia. Le telefonate erano una seccatura costante. Peter si era fatto molti amici meravigliosi sulla sessantina e sembrava che ognuno di loro la infastidisse con una telefonata o una visita. Per fortuna, dopo circa una settimana, le intrusioni si sono placate e alla fine sono scomparse completamente, lasciandola a inciampare da sola nella nebbia dei suoi pensieri e sentimenti oscuri.

Chiuse gli occhi. Perché preoccuparsi di alzarsi? Le sue giornate non avevano più niente da offrire.

Oh aspetta.

La maschera.

Ehm.

Non era che doveva partecipare. Naturalmente, il deposito del venditore non era rimborsabile, ma gli alimenti e l’assicurazione di Peter l’hanno preparata per tutta la vita, dal punto di vista del denaro. Non doveva mai più alzarsi dal letto.

I suoi amici avrebbero capito se non ne fosse stata sicura. Inoltre, il pensiero di frequentare un salotto a tema BDSM senza il suo Maestro gli faceva male al petto. Stavano insieme da cinque anni e i suoi ricordi dell’evento erano inseparabili dai suoi ricordi di lui.

Vorrebbe che se ne andasse.

Aveva un’officina piena di dispositivi per bondage in legno fatti a mano in vendita e una lista d’attesa di persone affamate di parti personalizzate. È stata una sua idea, una perfetta sinergia tra il suo amore per la falegnameria e il suo amore per la perversione. Ed è stata accompagnata nel viaggio, come modello dimostrativo, occasionale cavia per un’idea di un nuovo dispositivo, un socio in affari e infine un collega artigiano. Hanno costruito parti insieme e anche quelle invendute erano divertenti da usare.

Toccò delicatamente la collana di acciaio inossidabile che portava al collo. L’ha indossato il giorno della sua morte e da allora non l’ha più tolto. L’ha indossata al funerale, nascosta da una sciarpa per evitare di esporsi alla sua famiglia e ai suoi amici non malvagi. Ci aveva dormito. Non doveva usarlo sotto la doccia, ma lo faceva comunque, le poche volte che le importava dell’igiene.

Era l’ultimo simbolo tangibile della sua “proprietà”. Se lo avesse portato via, quell’ultimo sacro legame tra loro si sarebbe spezzato e allora lui sarebbe stato davvero, davvero morto e lei sarebbe stata sola e spaventata e la vita sarebbe stata priva di gioia e vuota.

Era stupida, la sua mente razionale le urlava contro. Perché non stava guarendo? Perché non stava meglio? Per quanto ancora si sarebbe sentita così senza speranza? I pericolosi, oscuri sussurri dentro di lei crescevano ogni giorno che passava… quanto tempo prima che si arrendesse alle sue allettanti promesse di una rapida fuga dal dolore?

Kara gemette e si spogliò dal materasso. Il legno nella stanza era strano per la pianta dei suoi piedi. Non si è degnata di vestirsi. Ha fatto la pipì, poi ha acceso la caffettiera. Non c’era crema in casa. Niente latte, niente uova, niente pane, niente verdura, niente cereali. Gli avanzi di una dozzina di ordini per la cena puzzavano in cucina.

Anche lei puzzava – quando si è fatta la doccia l’ultima volta? O rasato? Cercò di far scorrere le dita tra i suoi lunghi capelli castani, ma si arrese immediatamente: era un groviglio enorme e aggrovigliato.

Odierebbe vederla così; debole, vinta e autocommiserata, girovagando per l’appartamento come una vecchia signora. Aveva solo quarantatré anni, per l’amor di Dio!

Vorrebbe che lei andasse al ballo in maschera.

Altre storie erotiche  Group Dynamics - BDSM - Literotica.com

Anche senza di essa.

Prese la caffettiera ancora mezza piena e ne riempì una tazza, poi si avviò rigidamente in soggiorno. Si inginocchiò sul cuscino accanto alla sua sedia e bevve un sorso. Forte, amaro e inadatto al consumo umano. Posò la tazza per terra.

Perché era in ginocchio? Aveva un appartamento pieno di mobili e ora era tutto suo. Era diventata di nuovo muta, come con la collana. Come se stesse obbedendo ai suoi protocolli… cosa? Sarebbe tornato? Attutire!

Prese la sua tazza e bevve un altro sorso. Era ancora terribile.

I suoi occhi velati si presero un momento per concentrarsi sull’orologio da parete. Le quattro e mezza del pomeriggio! Dov’è andata la mattina? Era quasi ora di pensare di ordinare qualcosa per la cena. Aveva dei piani da fare, se doveva partecipare al ballo in maschera domani.

Vorrebbe che se ne andasse. Era un suo desiderio, e non era sempre attenta ai suoi desideri?

Si alzò barcollando, poi si diresse verso la cucina per versare il caffè nel lavandino. Forse cinese stasera? Dove l’ha preso ieri sera?

Ha deciso di andare al ballo in maschera. Ancora una volta sola. Al tuo amato e defunto Maestro Peter.

*

La mascherata si è svolta nella grande club house principale dell’O’Hanlan Private Golf Club. L’ingresso era solo su invito, ea cinquecento dollari un paio, non era un appuntamento economico. Ma la cena era sempre di alta qualità, il vino scorreva liberamente e le conversazioni erano generalmente coinvolgenti. Se non altro, lo spettacolo valeva il prezzo del biglietto.

La mascherata aveva solo tre regole, stampate in evidenza su ogni biglietto. Nessuna esposizione o contatto genitale. Ottieni il permesso prima di toccare qualcuno. Nessun dispositivo di registrazione è consentito. Questo era tutto, e mentre c’era una forte presenza di sicurezza per scoraggiare la violazione delle regole, la Masquerade era un ambiente permissivo.

Per cominciare, “nessuna esposizione ai genitali” non era un codice di abbigliamento molto restrittivo, e gli abiti che le persone indossavano andavano dal non necessario al reale. La maggior parte dei partecipanti indossava maschere: dopotutto, questo era un evento a tema bondage e c’era sicurezza e libertà nell’anonimato. Le maschere stesse possono essere semplici o decorate.

Per aggiungere allo spettacolo, c’erano “stazioni espositive” dove i partecipanti potevano provare e dimostrare diversi strumenti e attrezzature legati alla schiavitù e al sesso. C’erano anche un paio di bancarelle, come quella di Kara, dove si potevano acquistare accessori stravaganti di ogni tipo. Era il paradiso dei pervertiti ed era una notte di intrattenimento decadente e vivace.

O l’aveva fatto, quando Peter era con lei.

Kara era tutta vestita di bianco nella sua cabina; indossava un top a corsetto sagomato con una profonda scollatura che metteva in risalto gli alti e i rigonfiamenti interni dei suoi seni, poi si allargava in una gonna di lino e pizzo alla caviglia. Eleganti guanti di seta bianca allungati fino ai gomiti. La sua maschera era una semplice fascia di seta bianca con minuscoli strass che punteggiavano il perimetro. Kara aveva scelto appartamenti bianchi con un tocco di comfort. Indossava lo stesso vestito l’anno scorso e questa volta non si è degnata di cambiarlo.

Ci sono volute quasi quattro ore per montare lo stand da sola ed era vestita e pronta quando il padiglione è stato aperto ai possessori di biglietti. Decise di nascondersi nella sua cabina e di essere una spettatrice della stravagante follia che la circondava.

“Ci siamo imbattuti nella palla per caso?” disse una voce dietro di lei. “Penso che siamo gli unici qui sopra i quaranta”.

Kara si voltò e vide Harold Sachs che scivolava verso di lei con la sua solita andatura aggraziata, vestito con uno smoking color crema con lustrini e dei finti baffi bianchi davvero ridicoli che lo facevano sembrare un vecchio Sam Yosemite. Suo malgrado, Kara sorrise. Harold possedeva un’aura corrosiva di malinconia.

“Kink è diventato mainstream, credo”, ha detto Kara mentre lanciava lo sguardo sul padiglione. La folla sembrava essere in gran parte poco più che ventenne. “Come stai, nonno?”

“Nonno?” sibilò con finta indignazione. “Ho solo pochi anni più di te, giovanotto.”

Incredibilmente, si ritrovò a ridere. Harold aveva almeno settant’anni.

“E cosa hai fatto con Phil?” chiese, cercando il suo compagno.

“C’era una voce su un glory hole nel bagno degli uomini e, beh, conosci Phil.”

Lei rise di questo. “Dà o riceve?

“Vorrebbe poter fare entrambe le cose”, disse Harold con un sorriso malizioso.

Passarono istanti mentre fingeva di ispezionare i tronchi di quercia, i remi e la panca da sculacciata che Kara aveva portato come esempi del suo lavoro. Avevano già suscitato abbastanza interesse.

“Sono contento che tu abbia deciso di venire,” disse Hiccup con una voce dolce e gentile. “E Peter sarebbe felice che venissi anche tu. Sei una ragazza coraggiosa.” Le accarezzò dolcemente la spalla nuda.

Lei annuì, improvvisamente insicura della sua voce o del suo controllo sulle sue emozioni.

“Spero che non ti dispiaccia se rimango al tuo stand fino al ritorno di Phil?” La cena non è ancora tra un’ora.

Gli rivolse un sorriso riconoscente. Di chiunque avesse conosciuto, la folle compagnia di Harold sarebbe stata la più gradita.

Altre storie erotiche  My Public Humiliation - BDSM

Il padiglione era ben illuminato e affollato: sembrava che ci fossero un centinaio di coppie, forse di più. I venditori e le postazioni espositive sono stati posizionati contro le pareti, dando la maggior parte dello spazio a tavoli da pranzo rotondi da otto posti, pur lasciando molto spazio per stare in piedi e socializzare.

E i costumi! Abiti da ballo scintillanti, omaggi cosplay, abiti in pelle con borchie, infradito in pelle d’orso e persino pannolini. Due uomini vestiti da orsacchiotti passeggiavano tra la folla, a braccetto. Una donna ricca e mondana guidava tre uomini striscianti vestiti da barboncini. Era allo stesso tempo sexy, folle e surreale. Kara si ritrovò a sorridere e ridere mentre lei e Hiccup si alternavano nel mostrare lo strano e il meraviglioso.

Harold si offrì di tenere la capanna per dare a Kara la possibilità di girovagare, e lei acconsentì, lavorando a passo lento e fermandosi a ogni passo per ammirare la merce. Maledetti distributori automatici. Figa in silicone. Dildo, vibratori e plug sono disponibili in tutte le dimensioni e colori immaginabili.

Poi vengono le stazioni espositive. Nel primo, una donna poco vestita come Campanellino ha bloccato Peter Pan sul petto e gli ha picchiato cerimonialmente le natiche vestite di body con un frustino mentre l’uomo urlava in finta agonia. La folla di spettatori cantava il numero ad ogni colpo. Cinque sei sette Buon divertimento.

Alla stazione successiva, c’erano diversi Sybiani che sembravano cavalli a dondolo, e una fila di donne e uomini che aspettavano il loro turno. Una guardia di sicurezza si è appostata nelle vicinanze per assicurarsi che la regola “nessun genitale esposto” fosse applicata, il che sembrava vanificare lo scopo.

C’era un’esibizione alla stazione successiva e Kara si fermò con una grande folla a guardare. Un uomo vestito con un abito scuro era in piedi accanto a una donna dai capelli neri ancora più giovane vestita da scolaretta cattolica con gonna, camicetta e trecce, anche se lo spesso anello sul suo setto che poggiava sul labbro superiore lo rovinava un po’. l’illusione. L’uomo sulla trentina indossava una maschera scura, la donna era smascherata.

“Perché sei stato mandato nel mio ufficio?” disse l’uomo. Dovrebbe essere un regista, supponeva Kara.

“Io… malissimo… mi sono comportato male in classe… e il mio… mio… uh… insegnante mi ha mandato per essere punito, signore,” rispose la giovane donna. Kara notò che i suoi occhi erano sfocati, il viso arrossato e ondeggiò leggermente mentre si alzava.

“Non vogliamo che queste brave persone siano infastidite dai loro gemiti, vero?” chiese l’uomo, brandendo teatralmente un bavaglio gonfiabile. Senza ulteriori preamboli, lo fece scivolare nella sua bocca aperta e lo gonfiò, costringendo le mascelle della donna ad aprirsi fino a quando non si irrigidirono e lei fu costretta a respirare attraverso il naso.

“E ora la panca sculacciata,” continuò, indicando i mobili imbottiti dietro di lui. La panca era angolata come una “V” rovesciata e la giovane donna era sdraiata a pancia in giù in modo che la testa ei piedi fossero alle due estremità della panca, con le natiche nel punto più alto. Quando fu a pancia in giù, l’uomo iniziò a legarle saldamente i polsi e le caviglie alle manette di cuoio attaccate alla panca.

“Il tocco finale!” esclamò l’uomo, estraendo un passamontagna di pelle marrone da uno zaino sotto il sedile. L’ha abilmente incappucciata: non c’erano aperture per i suoi occhi o per la bocca, solo due fori delle dimensioni di una narice per respirare. La maschera legata dietro.

Kara si rese conto che stava trattenendo il respiro e lo lasciò scappare lentamente. Era una performance, dopotutto. Ovviamente hanno inventato un modo per la giovane donna di comunicare nonostante la sua servitù. Ha guardato i suoi compagni spettatori: sembravano tutti godersi lo spettacolo. Ha cercato di rilassarsi.

Quando il giovane brandisce un cinturino di pelle corto, la folla applaude.

“Una buona dozzina dovrebbe insegnargli a comportarsi bene!” urlò, poi sollevò la gonna corta della giovane donna, rivelando semplici mutandine bianche. La folla fischiò e applaudiva in segno di approvazione. L’uomo fece marcia indietro e si tagliò la cinghia del culo che indossava le mutandine. Fu un colpo brutale e il crepitio si levò al di sopra del ruggito della folla. La donna iniziò a tirare le manette, dimenando il culo in quello che Kara sperava fosse uno spettacolo erotico e teatrale.

L’uomo si è rivolto alla folla e ha detto qualcosa sul prezzo di vendita della banca sculacciata, arrivando persino a infilarsi nella folla per rispondere alla domanda di una giovane coppia. Dietro di lui, le lotte della donna si intensificano. Se emetteva un suono, veniva cancellato dal bavaglio, dal cappuccio e dal rumore degli spettatori.

Kara stava sudando e il suo cuore batteva forte, e alla fine non ce la faceva più.

“Quella ragazza è nei guai”, la sua voce suonava debole nella grande folla.

Nessuno ha reagito, quindi Kara si è fatta avanti e ha gridato al “direttore” abbastanza forte da essere ascoltata. “Il tuo partner è in pericolo!”

“Rilassati, Regina del Ghiaccio. È tutto uno spettacolo», proclamò l’uomo con un sorriso freddo, poi diede un altro colpo punitivo al culo della donna. Kara vide i muscoli delle sue cosce nude e dei polpacci tendersi contro i suoi legami, tremando per lo sforzo. I suoi gomiti sussultarono inutilmente, cercando di liberare i polsi.

Altre storie erotiche  The Awakening of Helen - BDSM

Molto tempo prima, Kara si trovava in questa situazione, legata, indifesa e spaventata. Sapeva cosa si provava nel panico e lo riconobbe immediatamente nelle lotte frenetiche dell’altra donna.

“Devi toglierti quel bavaglio”, disse, dirigendosi verso la fine della panca sculacciata.

L’uomo era davanti a lei un momento dopo, spingendola indietro per le spalle, abbaiando qualcosa al folla.

E poi la donna legata si fermò, le braccia e le gambe sciolte nei loro legami.

Kara non ricordava di aver spinto il ginocchio tra le gambe dell’uomo, non ricordava di averlo spinto indietro quando era caduto a terra. Ha saputo di questa parte solo in seguito, dai testimoni.

“Chiama un’ambulanza!” Kara urlò, la sua voce un urlo, poi si chinò e iniziò a tirare i lacci del suo cappuccio di pelle. Da vicino, l’odore pungente del vomito era inconfondibile.

Si guardò alle spalle e vide Hiccup farsi largo tra la folla. Ha iniziato a lottare con i polsini alla caviglia della donna. Kara strappò il cappuccio stretto dalla testa della donna e strinse la valvola di sgonfiaggio del bavaglio, sgonfiandolo. Il contenuto fetido dello stomaco della donna ha accompagnato il bavaglio mentre veniva rimosso dalla sua bocca. I suoi occhi erano chiusi. Ignorando il cattivo odore, Kara si chinò e controllò il respiro.

“Non respiro…” mormorò. Harold aveva finito con le manette e insieme posarono la giovane donna su un fianco sul pavimento.

“Muoviti,” disse Kara, e Harold indietreggiò immediatamente. Kara aveva frequentato un corso di pronto soccorso due anni prima dopo che Peter era caduto da una scala, anche se sperava di non aver mai avuto bisogno di quella specifica abilità. “Chiama un’ambulanza.” Quando Kara si chinò sul corpo della donna, Harold stava già componendo il numero sul suo cellulare.

Cosa fare? Aveva difficoltà a ricordare. ABC. Vie aeree, respirazione, circolazione. La donna non respirava… quindi… cosa? L’unica cosa che Kara ricordava chiaramente dalla sua lezione erano le compressioni toraciche: le facevano sul manichino. Fece rotolare la donna sulla schiena, appoggiò le mani sullo sterno della donna e premette forte.

Il vomito schizzò fuori dalla bocca della giovane donna che iniziò a tossire violentemente. La tosse era buona. Tosse significava che respirava. Kara la fece rotolare rapidamente su un fianco in modo che la sua bocca e i suoi polmoni potessero svuotarsi.

“Respira,” disse, il sollievo nella sua voce evidente. La giovane donna piangeva alternativamente istericamente, tossendo e tremando. “Prendi la mia giacca”, disse Kara. Harold si è precipitato a recuperarlo dalla cabina, continuando a trasmettere le informazioni ai servizi di emergenza.

La sua vecchia amica si infilò rapidamente di nuovo nella sua soffice giacca invernale e Kara avvolse la sua paziente ma la tenne a terra, lisciandole i capelli dal viso e parlandole in modo rassicurante. La ragazza non poteva avere più di vent’anni e sembrava quasi infantile, rannicchiata e terrorizzata sul pavimento.

Kara ha cercato il partner della giovane donna, ma l’uomo non è stato trovato da nessuna parte. Buon addio. Sperava che il codardo non tornasse mai più!

I soccorsi sono arrivati ​​in dieci minuti, ma ci è voluta un’ora. La giovane donna tossì e pianse e Kara tubò e l’abbracciò e cercò di ignorare l’odore disgustoso. È rimasta con la giovane donna, tenendole la mano mentre i paramedici controllavano i suoi segni vitali e prendevano la sua storia medica. La ragazza si chiamava Ashley Mallory e aveva 21 anni. La stessa Kara è stata interrogata dalla sicurezza e successivamente dalla polizia, ma fortunatamente c’erano molti testimoni per corroborare la sua versione dei fatti. I paramedici non hanno permesso a Kara di accompagnare la ragazza in ambulanza. Forse per il meglio: vestita com’era e imbrattata di vomito, Kara avrebbe fatto una bella scenata al pronto soccorso.

La sua notte finì presto, con Kara che chiudeva la sua cabina e sperava che l’odore della bile non fosse troppo difficile da togliere dai suoi vestiti. Si rese conto, troppo tardi, che la ragazza indossava ancora il giubbotto invernale, ma tutto sommato non era troppo da pagare.

“Hai salvato la vita a quella ragazzina”, ha detto Hiccup per la decima volta, scuotendo la testa incredulo mentre l’aiutava gentilmente a chiudere il negozio. “Tu eri fantastico.”

E in qualche modo, in mezzo al caos e al panico, nonostante non avesse venduto nulla e fosse ricoperta di vomito, Kara si sentiva più forte. Per la prima volta da settimane, era felice di alzarsi dal letto. La morte le aveva crudelmente rubato Peter. Ma stasera ha avuto una dose di vendetta: ha derubato a morte una ragazza. E forse questo non bilanciava esattamente la bilancia, ma doveva ammettere che era abbastanza buono.

*

Kara ha impiegato tre giorni per pulire, disinfettare e annusare il suo appartamento. I suoi vestiti erano stati lavati, lenzuola pulite sul letto, generi alimentari nel frigorifero. Era nel posto sbagliato con ogni mezzo, ma almeno era funzionante. Ha anche incontrato sua sorella ei suoi nipoti al centro di pattinaggio. Il guinzaglio non si era ancora staccato, ma presto, forse.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *