Her Governess Ch. 03 – BDSM

di | 18 de Giugno, 2022

Nota dell’autore:

Benvenuti al terzo di quattro capitoli di una storia su due donne coinvolte in una relazione consensuale D/s. Apprezzo molto i commenti per i capitoli uno e due: penso che i tuoi commenti e le tue e-mail mi aiutino a capire meglio la storia. Attraverso i tuoi commenti, vedo angoli e temi che non mi ero reso conto fossero presenti durante la scrittura e il montaggio: è stata un’esperienza che mi ha aperto gli occhi. Quindi grazie per aver aiutato così generosamente il mio sviluppo come scrittore. Spero che questo capitolo vi piaccia e grazie per averlo letto! L’ultimo capitolo dovrebbe uscire tra una settimana (più o meno).

Nota che questo capitolo contiene una scena battuta piuttosto intensa alla fine. Ho solo pensato di menzionarlo, nel caso non fosse il tuo genere…

*

“Tutti i suoi test sono risultati negativi”, ha detto la dottoressa Lynne Noori, consegnandone una copia cartacea ad Ashley.

Kara sapeva che era gentile da parte del suo medico accettare Ashley come paziente, considerando quanto fosse già impegnata, ed era grata per le sistemazioni. Sarebbe stato molto imbarazzante rivolgersi a un medico straniero per richiedere esami del sangue per le infezioni sessualmente trasmissibili.

Gli occhi di Ashley si spalancarono e il sangue le scorreva lungo il viso.

“Tutti?” La sua voce era un misto di orrore e incredulità.

Il dottor Noori sembrava perplesso dalla reazione e Kara strofinò il braccio di Ashley in modo rassicurante.

“No Ash, è una buona cosa. ‘Negativo’ significa che non hanno trovato niente di sbagliato.”

Il sollievo inondò il volto della giovane donna. “Oh! Ho pensato che intendesse negativo come cattivo.”

Sono passati undici giorni dall’epico orgasmo di Ashley al guinzaglio e al guinzaglio, e il livello di intimità tra loro è solo aumentato da allora. C’erano massaggi notturni, con Kara che dava o riceveva, o entrambi. Accarezzò la sua giovane pupilla a un secondo orgasmo esattamente una settimana dopo il primo, e il giorno dopo Ashley pretese di restituirlo con la bocca; una richiesta audace, di punto in bianco, che ha colto di sorpresa Kara.

Stava cercando di far entrare Ash lentamente per assicurarsi che fosse a suo agio e avesse il tempo di adattarsi ai cambiamenti, ma la donna sottomessa saltò dentro con entrambi i piedi e all’improvviso fu Kara ad avere problemi a seguirla. Ashley sembrava ogni giorno più a suo agio, sprofondando nel controllo di Kara e desiderosa di godere e ricambiare qualsiasi intimità che Kara le mostrava.

Era stato imbarazzante sollevare la questione delle possibili infezioni sessuali: Kara non intendeva offendere Ashley. Ma Chad aveva costretto la giovane donna in molte situazioni pericolose e Kara voleva capire quali rischi avrebbero corso lei e Ash una volta che avessero iniziato a “scambiare fluidi”. Se fosse necessario un trattamento o delle precauzioni da prendere, è meglio saperlo prima che dopo, è troppo tardi.

Ashley ha compreso la delicata questione e ha prontamente accettato i test, anche se è rimasta delusa dal fatto che il contatto bocca-genitale abbia dovuto aspettare più di una settimana prima che i risultati del test arrivassero. per mostrare ad Ashley che non era sola.

Ma ora entrambi sono guariti, quindi i guanti non erano più guanti, per così dire.

Aveva poco più di cinque settimane nella sua nuova vita come governante e Kara doveva ammettere che si stava divertendo. Ashley era un’affascinante sottomessa – seria, laboriosa ed entusiasta – che preferiva una mano ferma e prosperava con un protocollo elevato e regole più rigide. Sapere che c’era una giovane donna disposta a obbedire a ogni suo comando era eccitante e potente. Kara ha scoperto che essere al comando portava nuove emozioni: a volte protettiva e materna, a volte calda e lussuriosa, a volte frustrante e persino confusa.

Ma trovare il giusto equilibrio – trovare la tua “voce” dominante – è diventato più facile nel tempo. Ha imparato qualcosa di nuovo ogni giorno e la sua ammirazione per il defunto Maestro Peter è cresciuta ad ogni lezione. Ora capiva che ciò che sembrava così semplice in superficie era molto più difficile di quanto sembrava, e che essere una dominante richiedeva tanta dedizione e impegno quanto essere una sottomessa.

Non aveva perso di vista gli obiettivi “intrusi” che aveva per Ashley: un lavoro, un’istruzione, compagni di supporto, hobby e interessi e, infine, qualche consiglio. È riuscita a raggiungere alcuni di quegli alti obiettivi e ha avuto idee su come incoraggiare Ashley a sviluppare le altre parti “vanigliate” della sua vita che erano state così trascurate.

E una visita al laboratorio è stata una di quelle idee.

*

Tutto in studio le ricordava Peter.

Il clic della chiave nella serratura della porta. I bip alti mentre disarmava il sistema di allarme. Il ronzio delle file luminose di luci fluorescenti sopra. L’odore di segatura. Il pavimento di cemento grigio schizzato di vernice. Seghe, trapani, torni, utensili manuali, cavalletti e banchi da lavoro. La legna accatastata contro la parete opposta. I mobili piegati finiti e non finiti venivano immagazzinati qua e là, ovunque ci fosse spazio.

Peter era ovunque qui. Era il suo spazio, il suo dominio. Lo studio era un tempio della sua professione e hobby preferiti. Si è unita a lui qui, ha passato ore a lavorare al suo fianco, imparando ai piedi del maestro fino a diventare abile quasi quanto lui. Ma non importa per quanto tempo fosse lì, sembrava ancora il SUO spazio. IL SUO mondo, che ha felicemente condiviso con la sua amata moglie.

Kara scoprì che le lacrime scorrevano mentre osservava il tranquillo spazio di lavoro. Non era venuta molto dalla sua morte. Non c’era motivo, fino ad ora.

“Questo posto è enorme!” Ashley sussultò proprio dietro di lei. “Era tutto suo?”

Kara annuì. “Quando ci siamo sposati, volevamo vivere in città, ma lo spazio per i negozi è così costoso lì e ai vicini non piace il rumore. Quindi ha trovato questo parco industriale appartato e ha affittato quello spazio. Siamo circondati da fabbriche e magazzini, quindi a nessuno importa del rumore.

“E sai come lavorare tutte queste cose?

“Sì. Mi ha letteralmente insegnato tutto quello che so sulla falegnameria. Ma anche dopo quattordici anni non ho la metà delle conoscenze che aveva lui. Sono competente, ma Peter ne era appassionato.”

“È così bello”, ha detto Ashley, e l’ammirazione nella sua voce era difficile da perdere.

Kara infilò le chiavi nella tasca del cappotto e si infilò più a fondo nell’officina.

“Di solito indossiamo stivali da lavoro se stiamo costruendo qualcosa, ma i tuoi stivali invernali dovrebbero andare bene per ora. Guarda solo dove metti i piedi.”

“Cosa volevi mostrarmi?” disse Ash seguendolo.

“Sto pensando di avere uno stand all’Ero-Con a giugno e di riavviare l’attività. Sono diventato pigro da quando Peter è morto e ho bisogno di qualcosa per occupare il mio tempo in modo produttivo”.

“Vendete queste cose?

“Vendi e accetta anche ordini personalizzati. Gli ordini personalizzati fanno più soldi.”

“Sì?”

“Pietro una volta ha ricevuto un ordine per una rastrelliera funzionante in stile medievale… una lastra a cui è incatenato un prigioniero e le sue braccia e gambe sono tese in direzioni opposte. Il ragazzo ha pagato quasi dodicimila dollari per questo.”

“Certamente no!”

“I ricchi eccentrici pagheranno per una lavorazione di qualità ed elegante. Il rack era il fulcro di un dungeon piuttosto impressionante.”

“Quindi vuoi che aiuti a Ero-Con?”

“Se vuoi. E se vuoi, ti mostro anche come si costruiscono le cose.”

“Sarebbe grandioso!”

Kara sorrise all’entusiasmo del suo reparto, poi si fece strada nello spazio di lavoro disordinato. “Lascia che ti mostri alcuni dei lavori finiti. Hai visto qualche inventario?”

“Credo di si.”

Kara si fermò davanti a una panca imbottita alta fino alla vita collegata a una testiera in cui erano tagliati tre piccoli cerchi. Ha rilasciato un chiavistello e metà della testiera si è aperta su un cardine.

“Togliti il ​​cappotto e sdraiati a faccia in giù sulla panchina. Metti il ​​collo nel buco al centro e i polsi nei buchi su entrambi i lati”.

Ashley ha fatto come le era stato chiesto con attenzione, lasciando il suo culo nascosto esposto alla governante.

“Lo chiuderò a chiave, solo così puoi provarlo. Se ti senti a disagio, dì solo una parola e lo apro subito, ok?”

“Disimpegnarsi”.

Kara chiude la parte superiore della testiera, facendo attenzione a non pizzicare la pelle di Ash oa non prendergli i capelli, quindi blocca il chiavistello.

“Cosa ne pensi?”

Ashley tentò a malincuore di liberarsi i polsi, ma si arrese rapidamente. “Pensa di essere bloccato.”

“Mmm. E quel culo morbido è qui, pronto per qualsiasi cosa io voglia fare.” Kara si strofinò le mani sul retro dei pantaloni da yoga di Ash, poi fece scivolare le dita sotto la cintura e lentamente le tirò su fino a metà coscia, con le mutandine addosso, esponendo il suo culo pallido.

“Ehi!”

“Sto solo dimostrando,” disse Kara, permettendo un sacco di prese in giro nella sua voce. “Dimmi se vuoi andartene.” Fece scorrere leggermente le unghie sulla pelle liscia, poi lasciò che le dita le sfiorassero l’interno delle guance e le scivolassero lungo le cosce lisce.

“È incredibile.” Ashley allargò le gambe per quanto consentito dalla cintura.

“E’ una posizione molto remissiva. Tutto è a disposizione dei miei occhi e delle mie dita. Sono libera di godermi questo piccolo buco stretto…” Kara giocherellò delicatamente con l’anello sensibile con l’unghia indice, divertendosi. . a proposito, strinse e rilasciò di riflesso.

“Sì signora.”

“Posso stuzzicare le labbra della sua figa…” Kara fece scorrere il dito verso il basso, accarezzando le labbra esterne di Ash. I contorni lisci della figa del suo carico stavano già diventando familiari; Kara aveva passato lunghi minuti a tormentare quella carne sensibile durante le settimane in cui Ashley era stata con lei.

Ashley sussultò e si tese contro la cintura, lottando per allungarsi ulteriormente.

“O anche quel clitoride cattivo…” Si leccò il dito medio bagnato, poi si chinò per strappare leggermente il centro del piacere già gonfio di Ash.

“Per favore… non fermarti.”

“Hai ancora fame? Sei venuto tre giorni fa.

“Sì signorina, ho molta fame. Ho ancora fame di te. Per favore?”

“Hmm, forse un po’ di più allora.”

“Ah grazie!”

Kara costrinse la giovane donna per quasi un minuto, estraendo sussulti e umidità, poi fece scivolare le dita dal suo duro clitoride. Ashley gemette per la delusione ma non si lamentò.

“Ovviamente, avere un culo nudo così ben presentato si presta anche a essere sculacciato. Devo dimostrarlo?”

Ash esitò, ma solo per un momento. “Sì, signorina. Per favore?”

Kara accarezzò la carne morbida davanti a lei con i palmi delle mani. “Molto bene. Magari una leggera sculacciata, solo così avrai l’esperienza completa. Voglio che tu li conteggi tutti e dimmi se vuoi che la prossima sia più dura, più morbida o uguale. Bene, certo?”

“Disimpegnarsi”.

Kara fece marcia indietro e si fermò. Non aveva mai colpito nessuno prima e non era sicura di quanta forza avrebbe dovuto mettere dietro il suo pugno. Ha deciso di iniziare lentamente e lasciare che Ashley guidasse il processo. Il primo schiaffo fu gentile; poco più di un tocco.

“Uh. Posso prenderne di più, signorina.”

Kara attaccò di nuovo, oscillando più forte. Il culo di Ash tremò per lo schiaffo pungente, poi diventò di una tenue sfumatura di rosa.

“Due. Fa un po’ male. Forse solo un tocco in più?”

Il terzo colpo gli provocò una leggera bruciatura al palmo della mano. Il suono della carne che colpiva la carne echeggiò nell’officina vuota.

” Tre. Penso… mi piace così.

Kara ha schiaffeggiato il suo quarto, poi un quinto e un sesto, avendo una buona idea di quanta forza mettere dietro a ciascuno. Quando Ashley contò il sesto, Kara rimise le dita nella figa e la trovò più bagnata di quanto non l’avesse lasciata.

“A qualcuno è piaciuto.”

“Sì signora.”

“Ti piace essere sculacciato?”

C’è stata una breve pausa. “Adoro quando TU mi colpisci.”

Kara si chinò e diede un bacio lento su ciascuna delle natiche di Ashley, poi si rimise a posto le mutandine ei pantaloni da yoga. Inciampò nel fermo della testiera e sollevò la metà superiore, rilasciandone la protezione.

“Come ci si sente ad essere impotenti?”

“Era caldo,” disse Ashley, rivolgendole un sorriso entusiasta. La sua faccia era leggermente rossa. “Ma non ero davvero impotente poiché sapevo che mi avresti fatto uscire se te lo avessi chiesto.”

“Sempre. Non farei mai nulla contro la tua volontà.”

Ashley le afferrò la mano e la tenne teneramente. “E’ bello però. L’hai costruito tu?”

“Sì, l’ho fatto, quasi da solo.”

“Cos’altro hai qui?”

“Vediamo…” Kara la condusse per mano verso un bancone. “Picche di quercia di diverse dimensioni e pesi. Queste”, ha detto Kara delle mini spatole, “sono per le aree difficili; seno, interno coscia, tumulo pubico. lividi, però. segnano il tuo seno molto bene per un giorno o due. ” “

“Li hai testati?

“È più esatto dire che sono stati testati su di me”, ha detto Kara con un sorriso contrito, quindi ha preso uno scoop con una faccia larga come un piatto di insalata. dolore e lividi abbastanza forti.”

“Sono stati testati anche su di te?”

” O si. Era… memorabile, mettiamola così.

“Ti piace essere sculacciato?”

Kara gli fece l’occhiolino. “Mi è piaciuto quando mi ha battuto, sì.”

“Ma hai sofferto molto?

Esitò, non sapendo quanto volesse rivelarsi. Ma dopotutto era una donna delle pulizie: educare Ashley faceva parte del suo dovere.

“Quando ero davvero eccitato… totalmente assorbito dal momento e sentendo forte il controllo di Peter, il dolore è diventato… qualcos’altro. Qualcosa di cui non avevo paura. Non mi piaceva, non esattamente, ma mi sentivo piaceva. Il dolore aumentava solo la profondità e l’intensità del momento. Quando ero in zona in questo modo, poteva colpirmi con uno di quei ragazzi grandi e mi faceva male. mi tirava più dentro, mi costringeva a lasciar andare e ho lasciato andare tutte le emozioni che stavo provando, mi stavo nascondendo da lui.Non avevo bisogno di essere una pagaia – a volte mi schiaffeggiava o mi faceva male i capezzoli.

Kara guardò Ashley e la trovò che prestava molta attenzione alle sue parole.

“Ma doveva essere fatto bene – nella quantità perfetta, al momento perfetto. E dovevo essere gentile e caloroso – se mi avesse colpito con uno di quei ragazzini fin dall’inizio, l’avrei odiato e probabilmente avrebbe ceduto subito”.

“Aspetta… hai avuto una parola sicura?”

“Sì, fin dall’inizio. ‘Giallo’ quando avevo bisogno di lui per sciogliersi un po’, e ‘rosso’ quando avevo bisogno di una sosta forte. Non molto originale, ma facile da ricordare”.

“Li hai usati molto? »

“All’inizio l’ho ‘ingiallito’ un po’. Quando io e Peter ci siamo conosciuti, lui ha letto molto meglio il mio livello di comfort e tolleranza al dolore, quindi non ne avevo tanto bisogno. Ma era sempre disponibile con me. “

Ashley rimase in silenzio per alcuni istanti, elaborando le parole.

“Pensi che possiamo provarci? Con il dolore, voglio dire, e costringendomi a cedere tutte le mie emozioni a te? Immagino… anch’io sono un po’ così. Non con Chad, ma con il mio primo Maestro . E quella prima volta con te… mi piaceva farmi male i capezzoli, in un certo senso ha intensificato la sensazione, forse lo apprezzerei ancora di più se lo facessi.

Kara rimase in silenzio mentre ci pensava. Da un lato, era felice di sentire Ash esprimere le sue preferenze – doveva essere un segno positivo; indice di salute emotiva. Ma Kara non sapeva se avesse le capacità o la sicurezza per bilanciare adeguatamente piacere e dolore. Persino Peter non aveva fatto tutto bene ogni volta – c’erano state molte false partenze e parole sicure, e anche qualche sentimento ferito una o due volte. Stavano insieme da anni anni prima che prendesse il controllo. Ma una volta che l’ha fatto… è stata un’esperienza come nessun’altra. Voleva che Ash avesse questo.

“Sei a tuo agio con le parole sicure?”

“Penso che se ne avessi bisogno, probabilmente dovrei averne uno anch’io, giusto?” disse Ash.

“Mi aiuterebbe molto se potessi fidarmi di te per usarli. Ne parleremo di più prima che inizi a pensare al dolore”.

Kara prende la mano di Ash e lo conduce attraverso il grande laboratorio, indicando i punti pericolosi, dove si trova l’estintore e cosa fanno ciascuno degli strumenti. Ashley ha prestato molta attenzione e sembrava che la giovane donna potesse essere sinceramente interessata al lavoro.

Sapeva che Ash poteva entrare in falegnameria con una laurea di un anno e un apprendistato di quattro anni, ma avrebbe avuto bisogno del suo equivalente al liceo per entrare al college. Kara stava pensando a dei modi per “spingerla” a ottenere la sua istruzione; forse un interesse per la falegnameria avrebbe fornito la motivazione di cui Ashley aveva bisogno?

“Forse nei giorni in cui non sei al panificio vorresti unirti a me in officina? Ci sono pezzi che sono quasi finiti: devono solo essere levigati, macchiati o dipinti Puoi iniziare da lì e imparare il tuo mentre vai in giro, inizia a usare utensili elettrici. Cosa ne pensi?”

“Sarebbe davvero bello!”

“Ovviamente otterresti una quota dei profitti da tutto ciò che vendiamo. Non mi aspetto manodopera gratuita.”

“Oh andiamo. Potrei lavorare gratis per dieci anni e non risarcirebbe quello che ti devo. Mettilo solo nell’affitto o nella mia parte delle spese. E questo?”

“Hmm. Non so se è giusto o no. Fammi pensare un po’ di più.”

“So che qualunque cosa tu decida sarà perfetta.”

*

Era mercoledì sera, il giorno dopo la visita al laboratorio. Kara era in lycra nera: un bustino in lycra nera e un perizoma aperto con tacchi neri di cinque pollici. Indossava una frusta di pelle nera, un paio di manette cromate e la collana che Ash aveva tanto amato nelle ultime settimane.

Attraversò la porta aperta della camera da letto di Ash e trovò il suo protetto nudo nel colletto, seduto in posizione verticale sul lato del suo materasso, in attesa come da istruzioni. Il modo in cui i suoi occhi si spalancarono e la sua bocca si aprì quando vide per la prima volta l’abito di Kara fu un vero e proprio elogio senza parole.

“Sei bellissima,” disse Ashley con voce calma e ammirata.

Kara gli rivolse un sorriso grato. “Stasera proveremo cose nuove. Come sempre, se qualcosa ti mette a disagio, spero di sentirlo subito. È chiaro ?

“Sì signora.”

“Ti metterò le manette. Ogni volta che vuoi che te le tolga, voglio sentirtelo dire in un inglese semplice. Ti faccio uscire subito, senza fare domande. Capisci?”

“Si, capisco.”

Kara si fermò davanti ad Ashley e le accarezzò dolcemente la guancia. Ash chiuse gli occhi e strinse il caldo palmo di Kara. E poi il tenero momento finì e Kara appese la catena al colletto di Ashley. Un leggero strattone al guinzaglio fece scivolare Ashley giù dal materasso e in grembo.

Kara la mise al passo per circa un minuto, in ginocchio, in piedi, in punta di piedi, di nuovo in ginocchio, il tutto diretto senza una parola da piccoli colpi al guinzaglio. I bellissimi occhi verdi di Ash non hanno mai lasciato il viso di Kara per tutto il tempo.

Poi Kara fece inginocchiare la giovane donna e la tirò di nuovo.

“Mani e ginocchia”, ordinò.

Ashley obbedì rapidamente.

Kara si voltò e si diresse verso la porta. Un leggero strattone alla catena fece strisciare Ashley sul legno. Non aveva mai fatto strisciare Ash prima e Kara stava attenta a camminare lentamente ed essere attenta ai segnali o alla riluttanza della giovane donna, ma non ce n’erano.

Portò il suo sottomarino cingolato in soggiorno, poi la tirò silenziosamente in posizione eretta. Kara si avvicinò ad Ashley e si avvicinò al suo orecchio sinistro.

“Come mi ha fatto gattonare?”

«Faceva così caldo, signorina. Grazie.

“Metti i polsi dietro di te.”

Ash lo fece immediatamente e Kara si prese del tempo per legare le manette a un polso, poi all’altro, assicurandosi che fossero aderenti ma non strette.

Girò intorno alla parte anteriore e di nuovo guidò Ashley attraverso la routine di mettersi in ginocchio e tirare il guinzaglio, spingendola più in profondità in uno stato di sottomissione. Alla fine, tirò Ash in ginocchio sul cuscino davanti al divano. Kara posò un asciugamano bianco piegato in due sul cuscino del divano prima di mettersi di fronte ad Ashley, con i talloni alla larghezza delle spalle. Il cavallo aperto del suo perizoma nero incorniciava perfettamente il suo tumulo e le labbra lisce, proprio di fronte al viso della giovane donna. Le mutandine erano le preferite di Peter.

Kara usò l’estremità della frusta per accarezzare le spalle e le braccia di Ashley mentre si inginocchiava, poi la gettò sul divano.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *