Humiliating Revenge – BDSM – Literotica.com

di | 28 de Giugno, 2022

Avrei dovuto sapere che la vendetta sarebbe stata completa, ma non mi sarei mai aspettato una cosa del genere.

Immagino che ormai sarai curioso di sapere quale sia stata la vendetta per aver meritato un simile trattamento. È complicato, ok? Non sono orgoglioso del modo in cui mi sono comportato. Avevo abbastanza per crescere. Probabilmente meritavo qualcosa. Ma ha superato tutte le aspettative e anche alcune.

Jessie ed io eravamo matricole in un famoso college di ingegneria. Spero non sembri vantarsi dire che tutti in questa scuola erano molto intelligenti, ma Jessie era in un campionato a parte. Era una di quelle studentesse in cui ti chiedi perché andava a scuola e non solo a insegnare. Era sempre umile e alla mano, e diciamo solo che mi sono innamorato di lei immediatamente.

Il mio approccio per convincerla ad amarmi di nuovo, tuttavia, in retrospettiva, lasciava un po’ a desiderare. L’ultima volta che l’ho vista, prima che ci lasciassimo, mi ha detto, a bassa voce in modo che solo io potessi sentire, che mi avrebbe insegnato una lezione. Potrebbe succedere in qualsiasi momento. E che non dimenticherò mai. Non ero stato abbastanza ottuso da ignorare un accenno così sottile, e avevo rinunciato a me e Jessie.

È lunedì mattina e sto ancora dormendo nel mio dormitorio. Avevo dimenticato gli eventi di qualche settimana prima. Dormo solo in mutande e, dato che faceva caldo, indossavo solo un lenzuolo sopra per coprirmi. Il mio coinquilino stava con la sua ragazza, come fa di solito la domenica sera.

Ho capito per la prima volta che qualcosa non andava quando all’improvviso ho sentito un peso pesante spingermi a terra sul letto. Mi sono svegliato di soprassalto e ho cercato di stare seduto dritto, ma ho subito scoperto che le mie mani erano già strettamente legate dietro di me. Quando ho aperto gli occhi, ho scoperto di essere bendata.

Tra lo shock e la rabbia, ho iniziato a urlare, ma quello che è uscito è stato più un gorgoglio incomprensibile perché c’era qualcosa nella mia bocca. Urlai più forte, ma mentre lo facevo, il bavaglio si strinse e qualcosa affondò più a fondo nella mia gola. Sono riuscito a emettere un ultimo suono soffocato/soffocante prima di scoprire che non potevo emettere alcun suono.

Tutto questo era durato solo pochi secondi e ora l’adrenalina scorreva attraverso ogni arteria. Nel decidere quale potesse essere la reazione appropriata alla situazione, il mio tronco cerebrale ha ignorato qualsiasi logica stessi cercando di imporre e ha deciso di “scappare”. Ho scalciato con forza le gambe per un po’ di sostegno, ma ora ho scoperto che anche loro erano già legate strettamente. Mentre lottavo, le mie ginocchia venivano lentamente tirate verso il mio petto. Le mie caviglie erano allo stesso modo tirate verso le mie natiche. Presto ero in una palla stretta e non potevo muovere le braccia o le gambe per più di un pollice in nessuna direzione.

Il mio respiro terrorizzato e in preda al panico per fortuna non è stato interrotto.

Legato senza speranza, accecato e imbavagliato. Non mi sono mai sentito così impotente in vita mia. Cosa stava succedendo? Tuttavia, non è arrivata alcuna spiegazione e mi sono ritrovato a rotolare fuori dal letto senza tante cerimonie e a cadere a terra di qualche metro. Ho sentito il suono di una cerniera come quello che doveva essere uno zaino o una valigia o qualcosa che si chiudeva intorno a me. Potevo sentire il mio respiro rapido, il cuore che mi batteva nelle orecchie e il suono delle ruote della valigia che rotolavano sul pavimento del dormitorio.

Il rumore delle ruote è continuato per diversi minuti mentre lentamente mi liberavo dell’adrenalina. Ho avuto del tempo con i miei pensieri per riflettere sulla situazione e cercare di capire perché qualcuno mi avrebbe fatto questo. I miei genitori non sono ricchi. Il mio patrimonio netto è stato profondamente negativo dopo aver firmato sulla linea tratteggiata per questi prestiti studenteschi. Niente di tutto questo aveva senso.

Alla fine il movimento si fermò e io caddi fuori dalla borsa su una superficie fresca e liscia. Cemento cerato. Dove diavolo ero adesso? Non ero troppo lontano dal mio dormitorio.

Ancora una volta ho cercato di reagire, ma l’ho trovato inutile come prima. Ho sentito lo scatto di una clip di metallo sul braccialetto attorno a ciascuno dei miei polsi e poi alle mie caviglie. Non riuscivo a immaginare perché potesse essere necessaria una maggiore moderazione, ma presto ho sentito il rumore di un motore che faceva le fusa. C’era uno strattone su queste clip e mi sono ritrovato a essere tirato finché non mi sono sdraiato a faccia in giù sul pavimento con le braccia e le caviglie tirate indietro.

Ci fu una specie di rumore metallico e all’improvviso le mie caviglie si staccarono dai glutei e riuscii a raddrizzare leggermente le gambe. Dopo qualche altro secondo e un altro suono di ping ha rilasciato le mie ginocchia. Alla fine ho allungato le gambe. Prima che potessero formarsi completamente pensieri di fuga, ho scoperto che il lasco era stato tolto dalla linea che collega le mie caviglie e le mie gambe si allungavano dietro di me, con le braccia ancora legate dietro di me mentre il mio petto e la mia faccia erano premuti contro il freddo cemento.

Un altro suono ping e anche i miei polsi sono stati rilasciati. Li ho istintivamente tirati per spingere a terra per staccare la faccia dal cemento, ma quando l’ho fatto di nuovo ho trovato il gioco nelle linee dei miei polsi rimossi e i miei polsi si sono allontanati da me. Ora le mie gambe erano dritte dietro di me mentre le mie braccia erano tirate davanti a me e divise a forma di Y. Tutto il mio corpo si arcuava e l’inguine e i fianchi ora reggevano la maggior parte del mio peso contro il cemento.

La posizione era piuttosto dolorosa e stavo iniziando a notare che le mie spalle erano tese e stavo iniziando a sentirmi un po’ indolenzito. In quel momento, ho sentito un dito afferrare la cintura dei miei boxer e tirarlo via dalla mia pelle. Ho provato a dimenarmi, ma con i miei muscoli già così tesi, i miei sforzi sono stati piuttosto patetici. Potevo sentire l’acciaio contro il mio culo e sentire il suono delle forbici che tagliavano un lato dei miei boxer, poi l’altro. Le mie mutandine erano tirate sotto di me e ho sentito il mio cazzo premere contro il pavimento.

Una cintura era ora allacciata intorno alla mia vita. Un’altra clip è stata attaccata alla cintura e presto ho sentito la mia vita sollevarsi dal pavimento. Allo stesso tempo, le mie braccia e le mie gambe continuavano a irrigidirsi e ora ero completamente sospeso, a faccia in giù, a pochi centimetri da quel pavimento. Potevo sentire l’aria muoversi intorno al mio cazzo e alle palle e all’improvviso mi sono sentito molto, molto nudo.

Un’altra cintura era legata intorno al mio petto e tirata allo stesso modo. Ora ho sentito un grande sollievo nelle braccia e nelle spalle e mi sono ritrovato stranamente grato per questo piccolo miglioramento. Ho sentito un ultimo ping e le mie caviglie erano ora separate, ma probabilmente non sei sorpreso di sentire a questo punto che ha semplicemente permesso loro di essere strette e divaricate fino a quando non ero in una posizione di aquila aperta. Altre due cinture erano attaccate a ciascuna delle mie cosce e altre due corde cominciarono a separarle per rendermi ancora più lussurioso. Il mio culo, il mio cazzo e le mie palle erano completamente scoperti.

È successo tutto così rapidamente e facilmente che l’intera procedura ha dovuto essere accuratamente coreografata. In nessun momento, dal minimo accenno di risveglio fino ad ora, ho avuto speranza di fuga. Finora, ogni azione che ho intrapreso è servita solo a condurmi ulteriormente in prigionia e portarmi dove sono ora. Ovunque sia.

Ora ho sentito una sensazione fredda e bagnata sul mio culo mentre qualcosa veniva schizzato su di me. Un paio di mani guantate hanno iniziato a stendere questo su tutta la schiena, il petto, il sedere, le gambe, il cazzo e le palle fino a quando non sono stato completamente ricoperto di olio liscio. Altro è stato spruzzato tra le mie guance e ho sentito un dito strofinare intorno al mio buco del culo e ho iniziato a sondare dentro.

Può sembrare strano ma anche quando le mie mutandine sono state tagliate non mi sono mai sentito in una situazione sessuale, ma la sensazione di quell’olio che mi strofinava addosso era davvero molto bella ea questo punto ero molto in erezione. Ehi, avevo ancora 18 anni perfetta salute, dopotutto. Sussultai un po’ quando il suo dito finalmente penetrò nel mio buco del culo e allungai una mano per premere sulla mia prostata.

Ora, anche se voglio fingere di essere un bambino molto esperto sessualmente, diciamo solo che questa sensazione mi ha aperto gli occhi. La cosa più vicina a qualcosa del genere sono i fumetti hentai e le strane storie su Internet. Il mio buco del culo iniziò a stringersi involontariamente attorno al dito mentre cercavo di spingere i fianchi in avanti. Ma non appena entrò, il dito si ritirò.

Qualche istante dopo è stato premuto qualcos’altro nel mio buco del culo che era un po’ più grande del mio dito. Era semi-morbido come il silicone, e si è fermato all’interno premendo ancora una volta contro la mia prostata. Le mie natiche tiravano ansiosamente.

Prima che potessi davvero elaborare ciò che stava accadendo, il piano è continuato. Quelle mani hanno afferrato il mio cazzo e dopo alcuni lunghi e lenti colpi lungo la sua lunghezza completamente eretta, ho sentito una specie di imbracatura di silicone scivolare su di lui. Un anello stretto è stato allungato e rilasciato attorno alla base del mio cazzo e ai miei testicoli, mentre un altro è scivolato attorno alla base del mio cazzo sopra i miei testicoli, un altro nel mezzo e infine una specie di cappuccio attorno a tutta la mia testa. Le mani ora sono state rimosse per l’ultima volta.

Ormai è passato un po’ di tempo. Ho sentito dei passi intorno a me. Pensavo di aver sentito qualcuno digitare su una tastiera. Poi un trapano elettrico che stringe diverse viti. Alla fine ho sentito il rumore di un motore elettrico e mi sono sentito alzare. Andiamo. Superiore. Superiore. È continuato fino a quando non ho potuto dire quanto è durato. Dove diavolo era quello? Stavo per scoprirlo finalmente.

L’argano si è fermato. Ho sentito dei passi sotto di me e il rumore degli strumenti che venivano riposti. Le borse in fase di chiusura. E alla fine, quei passi si sono ritirati. Ho sentito il suono di una barra di spinta su una porta, poi il suono di quella porta che si chiudeva lentamente e infine si chiudeva. Ora, solo silenzio. Il mio cazzo si è ridotto alla sua dimensione più piccola quando la paura è tornata. Ho cercato di soffocare il mio stesso respiro.

Improvvisamente ho sentito uno schiocco e la mia benda mi è stata strappata dalla testa. Sbattei le palpebre per la sorpresa, ma ora apparve il mio ambiente poco illuminato.

Ero completamente racchiuso in una scatola trasparente. Lunghe aste sostenevano quello che sembrava essere un vetro spesso circa un piede sotto di me e si estendevano dietro di me dove non potevo vedere. I lati della scatola sono stati fissati a queste aste con morsetti e dadi filettati. Mi sono guardato e finalmente ho potuto vedere le cinghie di pelle imbottite che mi tenevano fermo. Non ho potuto fare a meno di notare che l’olio che ricopriva completamente la mia pelle era fantastico, dandomi molta più definizione. La scatola era coperta con un panno di lino bianco sull’altro lato, quindi non potevo vedere attraverso di essa.

La luce all’interno proveniva da uno scaffale nell’angolo dell’armadio di fronte a me. Ho riconosciuto che era lo stesso tipo che usavamo nei laboratori di elettronica della nostra scuola. I fili partivano dallo scaffale lungo una delle aste e tornavano dietro di me. Ci sono voluti alcuni secondi prima che i miei occhi potessero abituarsi al punto in cui potevo vedere cosa c’era sullo schermo.

Sembrava una veduta aerea grandangolare di qualcosa. Ho individuato grandi tavoli e sedie rotondi. Alla fine ho riconosciuto dov’ero. Dov’ero. Era la caffetteria. Ero appeso vicino al soffitto, forse a 25 piedi da terra. In un angolo dello schermo c’era un display che diceva 0. In un altro angolo c’era una sola parola: “In attesa”.

Posso essere un po’ lento, ma mi ci è voluto un po’ per capire davvero cosa stava per accadere. Era lunedì mattina. Eravamo in caffetteria. E che presto centinaia di studenti avrebbero varcato quelle porte e mi avrebbero visto incombere su di esse, tutto nudo, disteso, oliato e oliato, imbavagliato, con il culo coperto e un’imbracatura pazzesca intorno al mio cazzo. Alla fine, quando la natura dell’umiliazione che stava per abbattersi su di me divenne più chiara, la mia mente tornò finalmente a qualche settimana prima. Sul modo in cui mi sono comportato. A Jessy.

Sarei stato molto peggio di quanto pensassi.

Non mi ci volle molto per sentire la porta aprirsi di nuovo e il suono di due donne che si parlavano. Fu il primo dei lavoratori della mensa. Presto li vidi entrare nella visione sul mio schermo. Non appena l’hanno fatto, ho visto un sottile rettangolo verde sovrapposto a ciascuna delle loro immagini sullo schermo. Il numero zero è ora sostituito da 2. La parola “In attesa” è rimasta invariata.

Ho cercato di urlare e tremare il più possibile, ma non è uscito quasi nessun suono e le due donne non se ne sono accorte. Cominciarono a preparare il pasto mattutino. Poi finalmente uno di loro alzò lo sguardo e mi guardò dritto negli occhi. O almeno verso la telecamera.

Immediatamente distolse lo sguardo e continuò il suo lavoro. Naturalmente, ho pensato tra me e me quando ho capito. Ci sono ancora grandi strisce bianche sul soffitto della mensa. Probabilmente non c’è niente di straordinario da vedere. Non potevo fare altro che aspettare il mio destino.

Sono arrivati ​​altri lavoratori. I vassoi di cibo venivano portati e disposti in file al buffet. Le sedie sono state riorganizzate. Man mano che gli operai andavano e venivano, lo schermo li seguiva, coprendoli sempre con un rettangolo verde e quello nell’angolo che mostrava il numero di persone in vista. Il numero non ha mai superato 7. La parola “In attesa” non è mai cambiata.

Il mio cuore ha ripreso a battere quando sono arrivati ​​i primi studenti. Scansionarono i badge degli studenti e si misero in fila per mangiare. Il mio amico Rich è arrivato e ha aspettato in fila. È sempre stato un mattiniero.

Sono apparsi sempre più rettangoli verdi. Il numero è aumentato. 15. 25. 30. 50.

C’era una serie di 4 schiocchi veloci e rumorosi. La cintura di lino che mi nascondeva si staccò e cadde a terra. Non avevo più bisogno dello schermo per vedere cosa stava succedendo sotto di me perché potevo vedere tutti quelli sotto di me che guardavano in alto per vedere quale fosse il suono. Allo stesso tempo, le pareti della mia scatola si illuminavano in qualche modo e mi illuminavano intensamente. La parola sullo schermo è diventata “Fase 1”.

Improvvisamente ho sentito vibrare la spina nel mio culo.

Tutti i bambini della mensa hanno iniziato a ridere e ad indicarmi. La maggior parte di loro ha tirato fuori i telefoni e ha iniziato a scattare foto.

Anche quando è successo, stavo cercando di riprendermi dallo shock dell’improvvisa sensazione nel mio culo. Mi sono reso conto un secondo dopo che i miei occhi erano chiusi e la mia testa era tirata indietro. Evidente piacere sul mio viso. Merda.

I bambini qui sotto l’hanno sicuramente notato. Ho sentito la voce di una ragazza dire “è una specie di cosa sessuale!” come il mio cazzo è cresciuto rapidamente da solo. Mi guardai intorno mentre entravano altri studenti. Il numero era ora 60.

Ho trovato il mio amico Rich alla corona e l’ho pregato con i miei occhi di aiutarmi. Mi guardò e sembrò capire. È scappato di vista.

La notizia si è diffusa rapidamente e tutti gli studenti in fila sono venuti a trovarmi. Il numero è salito a 75. Ora si legge “Fase 2”.

La spina iniziò a vibrare più forte. Ma ora vibrava anche l’imbracatura attorno al mio cazzo. La sensazione era incredibile e mi sentivo come se avessi dimenticato per un momento tutte le persone intorno a me e avessi prestato loro attenzione.

Ho notato vagamente sempre più telefoni in mano. Rich è tornato con una scala. L’ha messo su solo per rendersi conto che non era abbastanza forte per raggiungermi. Lo vidi di nuovo guardarmi, ma provai un’ondata di piacere e potei vedere un’espressione di disgusto sul suo viso.

“Perché dovresti farlo?” mi ha urlato contro quando ho scosso la testa. Le lacrime iniziarono a formarsi nei miei occhi.

Un altro studente ha ascoltato e ha detto: “Lo ha fatto da solo?

Un altro ha risposto e apparentemente in pochi secondi è diventato risaputo che l’avevo fatto a me stesso. Quando iniziai a controllare meglio i miei sensi, mi guardai di nuovo intorno. La tavoletta da laboratorio di elettronica. Il materiale della custodia trasparente era costituito da lastre di policarbonato del tipo disponibile in officina. Le cinture ei polsini di pelle erano esattamente come la pelle dei negozi di artigianato della scuola.

Scossi la testa più violentemente, altre lacrime mi uscivano dagli occhi e schizzavano sul cruscotto sotto di me. Volevo urlare: “No! Aiutami!” ma il mio bavaglio mi aveva effettivamente messo a tacere.

Alla fine, ho potuto vedere insegnanti e presidi correre nella stanza e iniziare a valutare la situazione. Quando apparivano, dei rettangoli verdi coprivano i loro personaggi sullo schermo. Il display ora mostra 100.

“Fase 3.”

I vibratori sul mio culo e sul mio cazzo hanno preso a calci in una marcia in più. Mi sono completamente teso di nuovo, inarcando la schiena e la testa mentre il piacere mi inondava di nuovo. Non c’era modo di resistere e dopo 30 secondi ho finalmente avuto un orgasmo esplosivo. Impulso dopo impulso spruzzato con grande forza attraverso gli anelli del gallo e schizzato contro i pannelli trasparenti. Non credo di essere venuto così tanto prima o dopo, e sembrava che un secchio di sperma si stesse accumulando a pochi centimetri sotto di me. Ho notato ora che il pannello della scatola non era completamente piatto ma aveva un punto basso appena sotto la mia faccia dove si stava raccogliendo tutto lo sperma.

Le vibrazioni sono continuate. Il mio cazzo era così sensibile in quel momento che avrei fatto qualsiasi cosa per sfuggire a questa sensazione, ma ovviamente era inutile. Quando ciò accadde, la mia attenzione tornò alla folla crescente sotto di me. La proiezione è salita a 178 prima che gli amministratori iniziassero a sgomberare la folla della mensa e il numero iniziasse a diminuire. Ho sentito un altro orgasmo e di nuovo la mia mente era svanita mentre alcuni altri patetici schizzi di sperma uscivano dal mio cazzo.

Il numero è sceso a 160. E alla fine, dopo quella che sembrava un’eternità, tutti i vibratori si sono fermati. Il display ora mostra “Fine”.

Un addetto alla manutenzione della scuola alla fine ha portato una scala molto più alta e l’ha posizionata accanto a me. Entrò e, evitando di guardarmi, cominciò a esaminare la valigia.

“Le viti sono tutte dentro!” ha urlato. Alla fine mi guardò e incontrò il mio sguardo. “Come hai fatto?”

Scossi di nuovo la testa mentre tornavano le lacrime.

“Come posso farti partire?”

Ancora una volta, tutto ciò che potevo fare era scuotere la testa.

La stanza si stava svuotando. Lo schermo visualizzava quindi 89 e il tablet emetteva diversi segnali acustici. Sono partiti i motori elettrici e mi sono ritrovato con tutta la scatola a scendere lentamente a terra. L’operaio praticamente è corso giù per le scale e si è allontanato.

Quando finalmente ho toccato terra, ho sentito tutte le mie cinture allentarsi e sono stato prima abbassato a faccia nell’enorme pozza del mio stesso corpo. sperma. Ho tirato indietro la testa il più lontano possibile, ma non c’era modo di sfuggirgli perché mi copriva naso, occhi e capelli.

Alla fine, i cavi si sono allentati ancora di più e sono stato in grado di allungare la mano e liberare i polsi dalle loro clip. Ho raggiunto e rilasciato ciascuna delle altre clip. Dopo aver fatto questo ho notato che la parte superiore della scatola era allentata e ho iniziato a spingere il coperchio verso l’alto. Gli amministratori raccolti intorno a me hanno preso il controllo e l’hanno sollevato e tolto di mezzo.

Fissai la cerchia di persone, fissando in basso con sguardi di orrore. Ho allungato una mano intorno alla mia testa e ho armeggiato con le fibbie del mio bavaglio, finalmente rilasciandolo. Non riuscivo a soffocare i singhiozzi quando finalmente l’ho tirato fuori e ora potevo finalmente emettere un suono. Ho provato ad asciugarmi lo sperma dalla faccia con le mani. Qualcuno mi ha lanciato un grande asciugamano e ho iniziato ad avvolgermi in esso.

Potevo vedere il volto del professor Johnson, che ci era stato presentato durante l’orientamento da matricola. Preside degli studenti.

“Andiamo a farti pulire e vestire.” Allora suggerisco di parlare nel mio ufficio.

****************************

Ho lasciato abbastanza luce, tutto sommato.

All’inizio ho insistito perché Jessie mi facesse questo. “L’hai visto?” avevano chiesto.

“Beh, no, ma…”

È diventato subito chiaro nelle nostre conversazioni che, a parte una conversazione che presumibilmente solo io avevo sentito per caso, non c’erano prove a sostegno dell’accusa. Inoltre, dopo aver controllato i registri dell’ufficio postale, ho notato presto che un pacco di un venditore di materiale per adulti di fascia alta era arrivato al mio indirizzo nell’ufficio postale. Tutto il resto è stato realizzato con attrezzature e materiali prontamente disponibili per qualsiasi studente.

Mi fu subito suggerito, forse non così gentilmente, che era molto meglio non fare accuse infondate. In cambio dell’ammissione di averlo fatto a me stesso, potevo rimanere uno studente e nulla sarebbe stato denunciato alla polizia. Sarei in libertà vigilata molto rigida. Il mio coinquilino è stato permesso di uscire dalla nostra stanza. Ma non sono stato espulso. Mi hanno persino restituito il “mio” bavaglio, il plug anale e l’imbracatura del pene.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *