Indian Femdom Story Ch. 02 – BDSM

di | 5 de Agosto, 2022

Capitolo 2 – Akshata e Sundar – La proposta

| 3 anni fa |

Quando Akshata è entrata a far parte di GloboDynamics Technologies come stagista dei media, è stata come una boccata d’aria fresca per l’azienda. Sundar ricordava ancora come il primo giorno pensava che gli abiti formali sarebbero stati obbligatori al lavoro e si presentò con un elaborato pigiama kurta con odhni. Il suo viso ovale, il sorriso facile, la pelle chiara e l’altezza sopra la media lo hanno reso al centro dell’attenzione di entrambi i sessi e di tutti i tipi di scale aziendali. Tutti in GD Tech volevano conoscerla meglio.

Era una stagista nel team di Sundar, che gestiva il dipartimento di marketing. In tutta la sua carriera in GD Tech, non ha ricevuto tante visite dai suoi colleghi in un solo giorno come il giorno in cui Akshata si è unito a lui. Quanto alla stessa Akshata, ha preso posto al fianco di Sundar e ha subito chiesto lavoro perché potesse iniziare il suo tirocinio di 3 mesi. Ha imparato rapidamente e, dopo essere stata addestrata per un giorno o due, ha svolto tanto lavoro quanto a tempo pieno e lo ha fatto con abilità. Durante i tre mesi in cui è stata lì, non ha mai permesso a un ragazzo di avvicinarsi a lei per flirtare. Continuarono per giorni ma presto si resero conto dell’inutilità e dopo un po’ si arresero.

Con il passare dei giorni, Sundar venne a sapere che Akshata Kurien proveniva dal Karnataka, uno stato dell’India meridionale. Viveva qui a Mumbai in un appartamento che condivideva con altre quattro ragazze, che erano in varie fasi della loro carriera aziendale ed erano venute a Mumbai per cercare una carriera migliore di quella che la loro città natale poteva offrire loro. Akshata, a 19 anni, era la più giovane dei cinque e studiava giornalismo. Era al secondo anno del programma triennale di Bachelor of Mass Media (BMM). È stato attraverso questo programma che ha pensato di fare uno stage nei media durante le vacanze universitarie, ed è così che è approdata alla GD Tech.

Durante i mesi in cui Akshata è stato stagista presso GD Tech, Sundar ha avuto una relazione impegnata che è durata quasi un anno. Sundar, che all’epoca aveva 27 anni e in 13 di loro era un masochista sessuale consapevole di sé, aveva compreso chiaramente solo di recente il suo bisogno che il dolore fisico si sentisse eccitato sessualmente e la sua ragazza l’ha presa bene. Era la sua quinta ragazza in sette anni di frequentazione.

Nella sua esperienza, all’inizio si sono comportati tutti come se non fossero scioccati. Ma quando hanno capito bene cosa significava avere un ragazzo masochista, hanno scoperto che stavano meglio senza dover fingere sadicamente a letto, anche se era solo per il fine settimana. Tuttavia, essendo con un’altra donna, Sundar non ha mai flirtato con Akshata. Tuttavia, il pensiero di Akshata che le chiedeva un bacio veloce sul culo ogni pomeriggio mentre entrava nell’ufficio le passò per la mente più volte di quanto fosse salutare.

Circa 2 mesi dopo lo stage di Akshata, GD Tech ha vinto un nuovo cliente e gli è piaciuto quello che il team di Sundar stava facendo per l’immagine del loro marchio. Il lavoro si stava accumulando e presto i membri del team di Sundar stavano lavorando per tutta la notte. Akshata rimase volontariamente fino alle 21:00, mentre i suoi orari ufficiali erano dalle 14:00 alle 19:00. Sundar era molto impegnato, ma se ne accorse e chiese ad Akshata di seguire il suo programma regolare più di una volta.

Una notte, mentre Akshata stava scrivendo un’e-mail a CorpComm alle 20:30, Sundar gli ha chiesto di nuovo a braccio di fare le valigie e partire alle 19:00 ogni giorno. Ha rifiutato categoricamente e lo ha informato che faceva parte della squadra e si sentiva anche responsabile del lavoro in corso. Lo disse un po’ bruscamente, e Sundar smise di guardare il suo laptop per guardarla negli occhi, solo per trovarla che lo fissava. Lo sguardo che hanno condiviso è durato un po’ più a lungo del necessario. Qualsiasi responsabile marketing che si rispetti in India sa leggere gli occhi; sa come decifrarli a ciò che è dentro la mente. Mentre Sundar guardava Akshata, gli venne in mente all’improvviso che forse, solo forse, per la prima volta nella sua vita, stava guardando un paio di occhi femminili che erano veramente capaci di dominare; veramente in grado di ottenere l’indipendenza assumendo il controllo.

Pochi giorni dopo, quando Sundar tornò al suo posto dopo una lunga teleconferenza con il cliente ben pagato, Akshata stava aspettando con il telefono in mano.

“Sundar, hai perso delle chiamate mentre eri dentro. Stava chiamando qualcuno di nome ‘Domme’. Non ho risposto. Hanno chiamato tre volte.”

“Oh, quella è la mia ragazza”, disse Sundar, sorridendo alla battuta interna e strofinandosi gli occhi stanchi. Prese il telefono e si voltò per uscire nell’atrio e richiamare la sua ragazza quando Akshata chiese: “Ma cosa significa ‘Domme’?”

“Google ‘power swap’, yaar.” disse Sundar distrattamente. “Lo saprai.” Se n’è andato per fare quella chiamata. Non sapeva se l’avesse cercato su Google o meno, e non gliel’aveva mai chiesto.

Ma quello che Sundar non sapeva era che “power swap, domme” è stata la prima cosa che ha digitato nella barra di ricerca del suo telefono una volta che era sicura che fosse nell’atrio. In qualche modo sapeva che non era qualcosa che avrebbe dovuto digitare sul suo computer di lavoro. Ancora un’altra cosa che Sundar non sapeva era che Akshata lo amava. Di tutti gli uomini della GD Tech, solo Sundar non ha cercato di flirtare con lei o di bramare i suoi ruoli in modo inappropriato.

Essendo una bellissima indiana di 19 anni, sapeva che quel tipo di uomo era raro. Akshata è stata catturata su un treno dei trasporti pubblici, apertamente molestata su un autobus dei trasporti pubblici, pizzicata da dietro, sibilata da dozzine di teppisti di strada, presa in giro brutalmente fino a piangere – e tutto questo prima fino all’età di 16 anni. No, Akshata Kurien non conosceva molti uomini rispettabili. Ed è per questo che era più incline alle donne…

Ma Sundar non era come la maggior parte degli altri uomini: era rispettabile e lei lo ammirava. Inoltre, era molto bravo nel suo lavoro. Era un membro del consiglio a 27 anni e potrebbe essere molto di più nella sua carriera. A differenza dei suoi colleghi maschi all’università, che parlavano ancora di cose immature come Bollywood, gruppi rock e cricket, Sundar discuteva di idee, dei suoi pensieri su come il giornalismo si stava deteriorando nel paese e su cosa si poteva fare al riguardo, e poteva parlare con piena consapevolezza . qualsiasi soggetto sotto il sole. Akshata ha scoperto di voler trascorrere sempre più tempo alla GD Tech e meno tempo con i suoi colleghi universitari. Ed è per questo che è esplosa quando Sundar le ha chiesto di tornare a casa all’ora stabilita, di lasciarlo andare qualche ora prima ogni giorno.

Leggendo tre righe del primo post del blog su Google “power exchange, domme”, Akshata sapeva che non era appropriato per l’ufficio. Lo tenne per dopo e lo lesse liberamente nel suo appartamento quella sera. Presto si rese conto che più ne leggeva, più spiegava il comportamento di Sundar al lavoro. Era sempre pronto ad aprire le porte alle donne (e mai agli uomini), si alzava sempre quando una donna veniva a parlargli alla sua tavola (e mai agli uomini), chiedeva se poteva riempire la bottiglia con la sua acqua come ogni volta che era mezzo vuoto (“non vogliamo calcoli renali, vero?!”), ed era generalmente più disponibile con le sue controparti femminili.

Ha letto e ricercato BDSM e relazioni guidate da donne per ben 3 ore quella notte. Tuttavia, quando è arrivata alla parte sullo scambio di potere totale, il controllo dell’orgasmo e le madri violente, ha sentito di dover confrontare ciò che aveva scoperto con qualcuno che poteva sapere. Si alzò dal materasso per consultare Vaishnavi, la sua coinquilina di 25 anni che aveva molta esperienza con gli uomini. Ma non appena fece un passo, sentì l’umidità crescere costantemente mentre leggeva della vita sessuale segreta di Sundar. Il letto di Vaisnavi era alla sua sinistra. Il bagno era sulla destra. Telefono alla mano, Akshata ha scelto bene.

Un mese dopo la fine del Lo stage di Akshata con GD Tech, la ragazza n. 5 ha scaricato Sundar per prospettive migliori e sesso alla vaniglia. Un mese dopo, Sundar era in una profonda depressione. Nessuna quantità di porno o masturbazione ha aiutato. Ha mangiato, si è trascinato al lavoro, ha perso clienti a destra ea sinistra, ha mangiato ancora un po’ e si è trascinato a casa verso la “castità femdom permanente” e lo “stile di vita femdom”. femdom” di Google per gratificazione sessuale. Non ne trovò.

In una tipica giornata lavorativa, circa due mesi dopo essere stato licenziato, stava sfogliando indiscriminatamente i risultati di ricerca per “stile di vita delle donne” sul suo laptop di casa quando ha letto un’intervista con un amante professionista del Regno Unito che era stato presentato al mondo del femdom all’università. Viveva in un sistema di ospiti paganti con altre ragazze e un uomo anziano che possedeva uno “schiavo domestico” ha costretto l’uomo sulla trentina a pulire le sue stanze e pagare l’affitto in cambio di essere frustato nel culo con un caricatore del cellulare mentre lui è stato abusato verbalmente di tanto in tanto.

Per qualche ragione, questo ha attirato la piena attenzione di Sundar. Mentre la sua mano destra pompava, Sundar si ricordò improvvisamente che Akshata Kurien, la sua ex stagista al lavoro, viveva in un simile sistema di ospiti paganti con altre ragazze e si chiese se anche il loro appartamento avesse bisogno di pulizia, lavaggio e manutenzione. . Se Akshata ei suoi amici lo avessero voluto, pensò in estasi al suo imminente orgasmo, l’avrebbe fatto in un istante. Sarebbe stata la loro “casa degli schiavi”.

Forse erano stati due mesi consecutivi senza contatti femminili, o forse era tutto il formaggio nel suo organismo che non gli permetteva di pensare in modo chiaro, o forse voleva solo crollare e bruciare – nient’altro poteva giustificare ciò che Sundar aveva fatto nel prossimi minuti. Sundar ha smesso di pompare con la mano destra prima di venire, ha preso il telefono e ha inviato un messaggio ad Akshata su WhatsApp. Sundar poteva sentire chiaramente il sangue che gli pulsava nella vena della tempia destra. La vena pulsante raddoppiò di velocità quando vide che era online.

12:29: “Ciao Akshata”

12:29: “Ciao, Sundar”

12:29: “Ciao, ciao, come stai? Sto ancora bevendo molta acqua, spero :-)”

12:30: “Sì! Sto bene, yaar. Bevi molta acqua ogni giorno 🙂 Dici tu”

00h30:: era già stato, era già stato controllato, avevi già controllato l’interruttore, ti ricordi, qualche mese fa, hai visto la mia ragazza che mi chiamava…”

00:31: “Hmmm…non mi ricordo, Sundar. Cos’è?”

Il coraggio raccolto da Sundar ha iniziato a sgonfiarsi come una gomma a terra nel momento in cui ha sentito che Akshata si sarebbe presto sentito molto strano che il suo ex capo gli stesse scrivendo dopo tre mesi di silenzio totale chiedendole se avesse studiato il suo feticcio. Con la poca cura che gli era rimasta, ha digitato il seguente messaggio, pensando che il peggio che sarebbe successo sarebbe stato che lei lo bloccasse su WhatsApp. Potrebbe conviverci. È stato perché il coraggio di Sundar ha vacillato all’ultimo momento che ha annacquato la sua proposta. Una parte di lui voleva ancora proteggere la sua reputazione ai suoi occhi. È perché la sua proposta è stata annacquata che non l’ha abbandonata all’istante.

12:33: “Akshata, va bene se mi prendo cura di te per i prossimi tre mesi?

Il silenzio.

Nessuna risposta è arrivata a questo messaggio da parte sua. Ha aspettato fino alle 2 del mattino in attesa. Continuava a tornare online di tanto in tanto, ma non arrivava alcuna risposta. Cadde in un sonno irrequieto.

Non aveva modo di sapere che a poche miglia di distanza due ragazze eccitate stavano conversando profondamente, Akshata e Vaisnavi.

– – – – –

Capitolo 3 – Akshata e Vaisnavi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *