Induction Day at Spread Legal – BDSM

di | 18 de Giugno, 2022

Mi sono svegliato presto il primo giorno di lunedì mattina in modo da potermi preparare e arrivare in ufficio poco prima delle 9:00. Non voler fare una brutta prima impressione su The Lady è stato un potente motivatore, anche se c’era una parte di me che voleva comportarsi male in modo che potesse allungarmi di nuovo il culo con il tutore. Fin dall’intervista non riuscivo a smettere di pensare a quello che mi aveva fatto, il solo ricordare è stato sufficiente per farmi pulsare il cazzo e diventare duro. Il tempo è scivolato via da me quando mi sono ritrovato distratto da questi pensieri e dalla voglia di accarezzarmi il cazzo. Ero già in ritardo di 10 minuti per il mio treno quando sono sceso.

“Merda!” dissi, rendendomi finalmente conto dell’ora. Infilai rapidamente il mio vestito migliore e corsi fuori dalla porta della stazione. Controllando l’app del treno sul mio telefono, c’era un altro treno in 15 minuti che poteva portarmi in ufficio appena in tempo. Ero appena arrivato al binario quando il treno si fermò alla stazione. Saltando sul treno, ero già senza fiato, ma felice di essere arrivato in orario. È stato fino a…

“Questo è l’autista che parla, temo di essere bloccati al semaforo rosso. Speriamo di essere operativi presto. Mi scuso per eventuali ritardi che ciò potrebbe causare al tuo viaggio”. In preda al panico, ho controllato l’ora sul mio telefono e il mio cuore è affondato. Avrei fatto qualche minuto di ritardo. Se solo non mi fossi distratto prima, avrei preso il treno prima e sarei arrivato in ufficio in orario. Inoltre non avevo il numero della signora o il numero della segretaria di Alice per spiegarmi. Ho passato il resto del viaggio inventando scuse, bugie innocue e mezze verità per giustificare il mio ritardo. Purtroppo, quando il treno si è fermato alla stazione, avevo solo la verità.

Sono arrivato in ufficio verso le 9:05, ho premuto il campanello per entrare. Quando sono entrato alla reception, ho visto una faccia amichevole su Alice, che mi ha rivolto un caldo sorriso. “Ciao Ricardo!” si entusiasma, avvolgendo il dito intorno ai suoi capelli biondi. “Sono felice che tu abbia accettato il lavoro.”

“Ciao Alice e grazie, sono un po’ in ritardo però,” risposi timidamente.

Alice si alzò e rise: “Non me ne preoccuperei, ora andiamo, ho l’ordine di mostrarti l’ufficio della Signora.”

Ho camminato dietro ad Alice lungo il lungo corridoio, mentre l’ho fatto ho sentito i miei occhi attratti dal suo culo morbido drappeggiato nella gonna più corta che avessi mai visto e l’ho guardata oscillare da sinistra e da destra. Abbiamo attraversato molte porte, inclusa quella in cui è avvenuta la mia intervista. Alla fine, ci siamo fermati nell’ufficio della signora, dove Alice ha iniziato a bussare leggermente alla porta tre volte.

“Fra!” chiese la Padrona dall’altra parte della sua porta con voce autorevole.

“Ci vediamo dopo tesoro”, disse Alice con una strizzatina d’occhio sfacciata. Tornò giù per il corridoio dandomi un’altra vista del suo culo che ondeggiava da un lato all’altro, girandosi solo una volta per mandarmi un bacio.

“Ho detto entra!” La padrona questa volta sembrava impaziente, così senza ulteriori indugi aprii la porta ed entrai nel suo ufficio.

Il suo ufficio era uno spazio spazioso dipinto e rivestito in ricche sfumature di rosso, e sul retro sedeva la Padrona su una lussuosa sedia di pelle dietro una scrivania di mogano. Si guardò sopra gli occhiali e mi guardò con uno sguardo gelido e parlò con una voce che corrispondeva. ” Sei in ritardo. Come in tutti gli ambienti ghiacciati, dovrei stare attento nel mio approccio.

“Vedi…” Ho iniziato a spiegare perché ero in ritardo, progettando di dire la verità su come la mia stessa lussuria mi stava distraendo. La Padrona, tuttavia, alzò il dito verso di me e lo posò sulle sue labbra carnose per farmi tacere.

“Non mi interessa la tua scusa. Assicurati solo che non accada di nuovo. La Padrona indicò la sedia vuota davanti alla sua scrivania. “Ora siediti. C’è molto da fare prima di iniziare il tuo lavoro. Annuii in silenzio e mi avvicinai alla sedia vuota davanti a una gigantesca libreria piena di testi che conoscevo al college. Ho sentito i suoi grandi occhi marroni che mi guardavano da capo a piedi mentre mi avvicinavo. Mentre mi sedevo al tavolo, ho notato un documento con l’etichetta “Contratto” accanto a me. “Leggi”, fu il suo comando e io obbedii senza fare domande. Il contratto era pieno di legalese che, per dirla semplicemente, dice che acconsento a essere soggetto alla Padrona e obbedire, entro limiti ragionevoli, a fare tutto ciò che lei mi comanda. In caso di disagio o inconveniente durante l’esecuzione di uno qualsiasi dei servizi “extra” richiesti da me, posso utilizzare la parola sicura concordata per interromperlo. Quasi d’istinto, presi la penna e firmai in basso, alzando lo sguardo per vedere le sue labbra arricciarsi in un sorriso seducente. “Bravo ragazzo,” disse, appoggiandosi allo schienale della sedia. “Ora toglilo.”

Senza fare domande, ho obbedito al suo ordine. Alzandomi dalla sedia, cominciai a togliermi la giacca, appoggiandola con cura sulla sedia. Poi la maglietta, poi i pantaloni, entrambi appena sopra la sedia. Tutto quello che dovevo fare era togliermi i boxer. Ho messo i pollici su entrambi i lati dei fianchi e con delicatezza li ho sollevati e li ho spinti indietro. Ho lasciato che la Signora vedesse tutto questa volta, senza nascondere nulla. Quando la Signora si alzò dalla sedia, notai i suoi stivali di pelle nera con i tacchi alti avvolti attorno alle sue gambe spesse e toniche con un corsetto di pelle abbinato sotto la sua camicia da lavoro bianca. Tirò fuori una borsa piena di oggetti dai cassetti della sua scrivania e li nascose alla mia vista. Camminando e posizionandosi dietro di me, potevo sentirla dominarmi e respirare sul mio collo. La sua mano si è allungata e ha applicato del lubrificante in modo uniforme al mio cazzo e alle mie palle. “Non osare stare dritto,” mi sussurrò all’orecchio.

“Sì signora,” risposi, ma dire era più facile che dire mentre stavo pensando a tutte le cose cattive che avrebbe potuto pianificare mentre mi massaggiava il cazzo, in qualche modo l’ho capito. Mettendo il lubrificante, la padrona mi ha mostrato un anello di metallo sulla sua mano sinistra prima di spostarlo sul mio cazzo. Prima fa scivolare un testicolo, poi l’altro prima di scivolare sul mio cazzo flaccido per unirsi a loro e adattare l’anello comodamente alla base del mio cazzo, proprio dietro i miei testicoli. La sensazione è stata strana all’inizio, ma l’ho adorato e avrei accettato qualsiasi scusa perché la signora mi toccasse il cazzo e le palle. La Mistress poi mi ha mostrato una gabbia di metallo che aveva esattamente la forma giusta per un bastone. Solo allora ho scoperto cosa stava progettando, ma non ho obiettato. Fece scivolare fuori lentamente la gabbia, prendendosi deliberatamente il suo tempo in modo da potersi approfittare di me contorcendosi e resistendo all’impulso di tenermi dritto. Alla fine, lo chiuse con un lucchetto voluminoso, mettendomi in castità.

“Questo dovrebbe scoraggiare i tuoi pensieri cattivi e le tue azioni sporche”, disse la Padrona, voltandosi verso di lei e facendo oscillare scherzosamente la chiave di cui avevo bisogno per aprire la gabbia di fronte a me. “Non preoccuparti, alla fine della giornata verrai rilasciato, ma fino ad allora il tuo cazzo è mio.” Si chinò e tirò fuori dalla borsa una collana di pelle nera con la scritta “Mago” in pietre d’argento. “L’ho fatto apposta per questo ruolo”, ha detto, mettendomi la collana intorno al collo, assicurandosi che non fosse troppo stretta. Alla fine è stato rimosso un pennarello nero e sul mio petto mi ha scritto “PROPRIETA’ DI DIFFUSIONE LEGALE”. “Perfetto, ora voglio presentarti al resto della squadra.”

“Devo rimettere i miei vestiti sulla Mistress?” chiese ingenuamente.

“Certo che no! Hanno bisogno di vederti per quello che sei!” La Padrona tirò fuori un collare di metallo. Legandolo al colletto, tirò per indicare che dovevo seguirla.

Imbarazzato, camminai dietro la Signora mentre mi conduceva lungo il corridoio nella stessa stanza vuota in cui aveva avuto luogo il mio colloquio, solo che questa volta non era vuota. La stanza era gremita di circa 10 persone, inclusa Alice che si godeva il tè del mattino. Quando siamo entrati, ho potuto sentire tutti quegli occhi voltarsi e guardarmi, nudo, con un colletto e in una gabbia. Potevo sentire risatine, sussurri di quanto fossi carino con la mia piccola gabbia per il cazzo e di quanto piccolo doveva essere il mio cazzo mentre camminavamo verso il centro della stanza. “Inginocchiati,” mi sussurrò la Padrona all’orecchio e ancora una volta le mostrai quanto potevo essere obbediente inginocchiandomi accanto a lei. “Signore di Spread Legal, vorrei presentarvi il mio nuovo assistente Richard Masters”, disse la Padrona mentre entrava nella stanza. “Adesso salutiamoci nel modo che preferiamo”, e con ciò mi sputò in faccia e non passò molto tempo prima che gli altri nella stanza si mettessero in fila davanti a me. per aggiungere la tua saliva.

Tutti si sono avvicinati a me a modo loro. Una rossa dall’aspetto dolce con un corpo sinuoso mi salutò educatamente e disse “Benvenuto” prima di sputare dolcemente su di me. È stata seguita da una signora asiatica che mi ha afferrato i capelli, tirandomi indietro la testa e sputando maliziosamente vicino alla mia bocca aperta. Uno dopo l’altro si sono avvicinati e ho sentito la loro saliva colpirmi e gocciolare sul viso.

Poi c’era una signora elegante. “Se sei stanco della cintura della Signora, vieni a trovarmi ogni tanto. Posso darti qualcosa che le altre donne non possono.” Per dimostrare cosa intendesse, mi afferrò il polso e guidò la mia mano verso l’interno della coscia e sotto la gonna dall’aspetto professionale, dove trovai il suo rigonfiamento. Vedendo il mio sguardo sorpreso, alzò la gonna per controllare che le stavo accarezzando il cazzo palpitante. I miei occhi ne furono trafitti e fantasticai di mettermela in bocca.

Prima che potessi oscillare e giocare, la Padrona mi ha battuto la mano e si è rivolta alla donna trans: “Jenny, se vuoi prenderlo in prestito, devi richiederlo per approvarlo. .”

“Potrei semplicemente farlo,” Jenny mi sorrise, “È passato un po’ di tempo da quando ho inondato un nuovo buco di sperma.” Ha aggiunto la sua saliva alla raccolta sul mio viso e si è voltata. L’ultima a salutarmi formalmente è stata Alice.

Alice era più vicina delle altre, mettendo il suo inguine così vicino al mio viso che potevo sentire la sua figa bagnata da dove si stava toccando stamattina. “È un peccato che il tuo uccello sia chiuso a chiave,” mi disse Alice. “Voglio cavalcarti e sentirti dentro di me ora.” Alice mi sbavava in faccia prima di rivolgersi alla Signora. “Posso esprimere un desiderio anch’io, signora?” chiese quasi implorante.

“No”, fu la fredda risposta della Signora. Alice abbassò la testa delusa. La Padrona sospirò: “A meno che uno dei partner non lo richieda per tuo conto.” Alice sorrise felice e strinse le mani. “Nessuna promessa, però”, ha aggiunto la Mistress.

Ora che tutti mi avevano salutato coprendomi il viso con la saliva, la Signora mi ha fatto uscire dall’ufficio, insistendo perché mi mettessi a quattro zampe. Sento i miei nuovi colleghi ridere mentre usciamo dalla stanza, ognuno di loro escogita silenziosamente un piano per quello che mi farebbero se la Signora avesse accolto la sua richiesta.

Tornata in ufficio, la Padrona mi ha ordinato di alzarmi. Mi ha tolto il colletto e mi ha lanciato un asciugamano per pulirmi. “Spero di non averti spaventato troppo là dentro.”

“Avrei detto la parola sicura se fosse stato troppo, signora”, risposi, finendo con l’asciugamano, asciugandomi il resto della saliva dalla faccia.

“Bravo ragazzo, ora mostriamo il tuo ufficio.” La Signora aprì una porta segreta, nascosta dalla biblioteca. Rispetto alla maestosità del suo ufficio, tuttavia, il mio sembrava più un ripostiglio con un tavolino di metallo e una sedia sbrindellata. Sul tavolo c’era il mio portatile per il solo lavoro e un citofono con due luci. “Verde significa travestirsi perché stiamo servendo un cliente”, ha spiegato The Mistress. “Il rosso è per le faccende extra, quindi vieni come sei ora: nudo, con il colletto e in gabbia. Capisci?”

Ho annuito, “Sì signora”.

“In realtà, dovresti essere nudo, a meno che non ti venga indicato diversamente. L’unica volta che ho bisogno che tu ti vesta è quando vedi i clienti con me, qui o fuori. Certo?”

“Sì signora.”

La Signora tornò alla sua scrivania e si avvicinò al suo ufficio, facendomi segno di raggiungerla con l’indice. “Ora dobbiamo punirti per aver fatto tardi stamattina. Fortunatamente, sono gentile, quindi ti ho lasciato scegliere la tua punizione.” Dalla sua scrivania estrasse una racchetta di pelle con borchie e un manico più lungo di quello che aveva usato durante l’intervista. “Scegliere!” chiese tenendone uno per mano.

Deglutii a fatica e indicai il manico. “Questa signora.”

“Dove sono le tue maniere? Ho bisogno di insegnarti per favore e grazie”

“Scusa signora,” ho risposto, “questo per favore signora.”

“Bravo ragazzo”, ha scherzato. “Come il tuo patetico pisello, non è stato difficile, vero?” Scossi la testa mentre si metteva la cinghia. “Ora piegati sulla mia scrivania.”

“Sì, signora,” feci come mi era stato detto e mi chinai sulla sua scrivania di mogano, presentandole il mio buco del culo. Ho sentito i suoi passi mentre i suoi stivali di pelle toccavano il suolo, l’attesa cresceva in me man mano che diventavano più forti, tutti l’hanno tirata più vicino a me finché ho potuto sentire la punta del cinturino spingere contro il mio buco morbido e stretto. Il suo piede spinse le mie gambe più divaricate, facendomi cadere sul tavolo.

Applicando del lubrificante alle sue mani, la Mistress ha inserito due dita in profondità nel mio culo. Il lubrificante era freddo, e mi mandava i brividi lungo la schiena mentre lo versava all’interno, preparandolo per il manico molto più grande.

Si chinò e mi sussurrò all’orecchio: “Sei pronto?”

Ho annuito, “Sì signora”.

“Allora pregalo!”

“Per favore signora, per favore fottimi con la cintura.” Io ho supplicato.

“Vuoi essere fottuto come una cagna? chiese in modo aggressivo.

“Sì, sì, sì, signora.” Ho sentito un duro schiaffo pungermi le guance mentre il suo palmo entrava in contatto.

“Cos’è successo per compiacere ragazzo?”

“Scusa signora,” risposi, “Sì, per favore.”

“È più simile a quel ragazzo!” La cinghia iniziò a penetrare, allungando il mio buco del culo solo per la vita.

“Oh cazzo! Ho urlato quando l’ho sentito entrare. Le mie mani afferrarono il bordo del tavolo della Signora, “Oh cazzo! Che bello!”

“Oh, ti è piaciuto? Devi essere una puttana patetica! L’amante si stava consumando solo un po’ fino a quel momento, facendomi sentire la sua circonferenza prima di sbattere la sua lunghezza contro di me. Il mio buco del culo lubrificato lo ha aiutato a entrare e uscire. “Forse vuoi di più?”

“Sì, per favore signora!” Spinge più della maniglia all’interno facendomi gemere forte e incontrollabile. L’intero ufficio deve avermi sentito, se solo mi stessero guardando anche loro, pensai.

“Ascolta ragazzo, le buone maniere non costano nulla e hanno grandi ricompense.” Ha continuato a scoparmi a un ritmo lento e costante, scivolando dentro e fuori, spingendo solo quando pensava che ce l’avrei fatta. Dopo diversi minuti, ho iniziato a sentire la cintura di cuoio sul manico che mi colpiva nel culo ogni volta che la Signora spingeva. Significava una cosa per me: avevo l’intera lunghezza nel mio buco del culo ed è stato fantastico.

Vedendo che potevo prendere l’intera lunghezza, The Lady mi ha scopato più velocemente e più forte fino a quando non riuscivo a pensare direttamente alla travolgente sensazione di piacere mentre la guaina si strofinava forte contro la mia prostata, stimolandola e portandomi più vicino all’orgasmo. “Penso che verrò,” potrei borbottare, ma la Padrona deve avermi sentito quando ha immediatamente smesso di scopare e mi ha tolto la cinghia dal culo, interrompendo la mia possibilità di raggiungere l’orgasmo.

“Non qui non sei un ragazzo!”

Sentivo il mio culo dolere e pulsare per essere stato allungato, ma volevo anche che la cinghia tornasse dentro di me, riempiendomi il culo e allungandolo ancora un po’. Lottando per rimettermi in piedi, figuriamoci per camminare, la Signora era pronta con una sedia e mi guidò lentamente al piano di sotto. La morbida pelle del sedile si sentiva bene contro il mio fottuto buco del culo quando ho ripreso fiato. “Grazie signora.” stavo ansimando.

“Forse non sei così patetico, dopotutto, se riesci a gestire stronzate del genere, sono quasi impressionato. Quasi.” La Signora tolse la maniglia e si sedette di fronte a me. “Immagino che tu abbia avuto una pausa dopo Quello.”

Per l’ora successiva sono stato in grado di rilassarmi e riprendermi dalla scopata selvaggia e meravigliosa della signora. Dopo la pausa, A Senhora ha passato l’intero pomeriggio a ripassare gli aspetti più tecnici del mio ruolo. Documenti che devo archiviare, clienti che devo inviare tramite e-mail, ecc. C’era una strana emozione che stavo facendo tutto questo lavoro professionale con nient’altro che il mio guinzaglio e la mia cassa, se la mia classe di diplomati potesse vedermi ora, specialmente la mia ex ragazza, anche se probabilmente le sarebbe piaciuto vedermi degradato e umiliato. dalle signore di questa compagnia.

Le cinque vennero in fretta e, come promesso, la Padrona si tolse il collare e la gabbia. “Non abituarti ad avere il tuo sesso libero”, avvertì la Padrona, “Dopo qualche settimana lo userai a tempo pieno. Lo tirerò fuori solo quando ne avrò bisogno”.

“Sì signora,” risposi, rimettendomi il costume. Erano anni che non avevo gli ultimi vestiti addosso, anche se era solo stamattina.

“Congratulazioni. Sei sopravvissuto al primo giorno, spero che torni domani e sopravvivi un altro giorno con noi.” Per un momento, ho notato un accenno di calore sotto il suo aspetto fresco.

“Grazie signora.”

Abbiamo camminato insieme lungo il corridoio e ci siamo salutati prima di separarci. Tutta la notte ho pensato a questa scopata intensa e ad altri possibili modi per degradarmi. Non vedevo l’ora di iniziare il mio lavoro domani.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *