Kadie’s Replacement – BDSM – Literotica.com

di | 5 de Agosto, 2022

Kaisie è scesa dal taxi proprio fuori dalla casa di Mitzner.

Ha offerto il prezzo all’autista, ma agli uomini sembrava piacere fare le cose per Kaisie, e l’autista ha insistito sul fatto che sarebbe andato tutto bene e gli piaceva manipolarla.

Kaisie fece una risatina musicale, che sembrò anche compiacere, o meglio ipnotizzare, il tassista, e lui se ne andò con riluttanza.

Mitz è stata sopraffatta dal dolore mentre se n’è andata quest’ultima volta. Ma Hindley gli aveva promesso una Ferrari decappottabile. Questa promessa non è stata mantenuta.

Forse perché ha distrutto due delle altre auto di Hindley mentre era ubriaca e ha affondato la sua barca a vela mentre faceva festa con i marines.

Dio, gli mancava Mitz.

Non si è mai resa conto di quanto.

Com’era divertente legarlo accanto a lei sul letto e fargli il solletico sotto le braccia mentre lui strillava dalle risate, o infilargli dolcemente una lampadina su per il culo sapendo che sarebbe rimasto sciolto per non rompersi lì.

È stato molto divertente suonare con Mitzner.

Kasie scosse i suoi capelli biondi ricci. Era preoccupata perché indossava solo un body da aerobica e voleva davvero che Mitzner fosse felice di rivederla.

Kaisie andò alla porta di Mitzner e bussò, poi la porta si aprì ed eccolo lì, il suo amante timido e silenzioso.

“Kaisie, wow, cosa ci fai qui?”

Kaisie ha dato a Mitzner un grande bacio e un abbraccio. “Mitz, mi sei mancata così tanto.”

“Ma-ma Kaisie, mi hai lasciato per questo ragazzo.”

Kaisie si rese conto che Mitzner stava cercando di essere fermo.

Aveva già fatto una passeggiata ed era sicura che Mitz stesse ancora una volta decidendo di vivere la sua vita senza di lei.

“Non hai intenzione di invitarmi, Mitzie?” Sbatté le palpebre. Funziona meglio, altrimenti Kaisie potrebbe dover cercare un lavoro.

“K-Kasie, hai detto che mi avresti lasciato per Hindley Malroux.

Hai detto che era ricco e un grande sottomesso, che l’avresti tenuto nella sua stessa gabbia dorata in una villa o qualcosa del genere.

Kaisie annuì. Cosa potrebbe dire?

Hindley si dimostrò un irritante sottomesso da cima a fondo. Avrebbe urlato se avesse colpito troppo forte.

Una volta, ha invitato la sua anziana madre a spiegare a Kaisie come dovrebbe essere fatta una scena, il che è stato inquietante.

Quando le madri sono entrate nel BDSM?

Non ha mai avuto quel tipo di problema con Mitzner. E lei lo ha sottoposto a molte torture.

Ha attaccato un vibratore al suo cazzo e l’ha fatto andare mentre Mitz era legato…

Ogni cinque minuti tornava e aumentava la sua vibrazione più velocemente, avvertendo Mitz che se fosse venuto avrebbe tagliato il cavo della lampada e usato la punta luminosa per torturare i suoi testicoli.

A volte Kaisie legava Mitz e poi si masturbava davanti a lui, o strofinava il clitoride sul suo cazzo duro durante le loro brevi sessioni sbloccate.

Quando i suoi seni pieni gocciolavano di oli caldi e le sue cosce morbide si strofinavano contro l’erezione dura e frustrata di Mitzner, si sentiva onnipotente.

Masturbarsi, strofinare quelle tette che non gli è mai stato permesso di toccare, muovere quei capezzoli in faccia e allontanarsi… masturbarsi di nuovo.

Questo povero bastardo avrebbe lottato nei suoi legami. Perché era un uomo naturale, e voleva fare l’amore con lei intensamente…

Stavano insieme da sette anni, a fasi alterne.

Mitz a volte singhiozzava tranquillamente per la frustrazione, ma Hindley supplicava, si lamentava e parlava dei suoi “contributi alla relazione”.

Mitzner, tuttavia… era un vero servitore, un vero sottomesso.

Mitz era stato presentato a Kaisie durante un ballo al Paincafe, il famoso hotel e ristorante di Buttermilk Falls.

L’ha corteggiata in mille modi diversi, riempiendo di rose la sua piccola Audi e portandola a Ibiza, Parigi e persino in Arabia Saudita.

E ricoprendolo di gioielli, pellicce e smeraldi!

Avrebbero festeggiato sulle navi da crociera, o lei lo avrebbe lasciato legato e sarebbe uscita a festeggiare da sola! E lui l’ha sempre perdonata.

E togliersi i vestiti, quando potevo, è stata l’emozione di una vita!

Ed era così grato. Mitz adorava tirare le mutandine di Kaisie con i denti…

Ah, perché era una dea da adorare!

Vero, Hindley aveva dato a Kaisie un buon stipendio di circa ventimila dollari al mese, ma non aveva molto tempo per rilassarsi e si lamentava sempre di una cosa o dell’altra.

Lo stipendio di Mitz non superava mai i cinquemila dollari al mese, vitto e alloggio esclusi, ma Kaisie aveva tempo per se stessa e la maggior parte delle volte Mitz era rinchiusa nella sua piccola gabbia di castità.

Altre storie erotiche  Mistress Doreen Ch. 04 - BDSM

Mitz non avrebbe mai osato lamentarsi di essere troppo stretto o di passare troppo tempo a leccare tra le cosce succulente di Kaisie. Lo hanno deliziato!

Mitz ha preso le frustate in silenzio e ha capito se Kaisie voleva chiuderlo nell’armadio per intrattenere gli amici.

A volte si dimenticava del povero Mitz e lo prendeva ore dopo, quando riusciva a malapena a respirare, era accaldato e sudato. Ma poteva ancora dire che il suo cazzo stava fumando forte.

E gli è piaciuto molto!

A tarda notte, quando desiderava essere abbracciata, si sdraiò tra le braccia forti di Mitzner e lui le accarezzò i capelli e le disse quanto fosse meravigliosa…

Era così bello essere adorato, a differenza di una creatura come Hindley.

Hindley voleva che Kaisie lo legasse a braccia aperte e gli desse infiniti colpi di mano, fermandosi all’ultimo momento…

O meglio, era la fantasia.

Hindley insisteva spesso perché lo masturbasse, e non ha mai trascorso più di settantadue ore nella cintura di castità.

Mitz è rimasto nella cintura per due settimane alla volta. Ogni quindici giorni, la domenica, Mitz era legato.

Kaisie lo sbloccava, metteva la cintura in lavastoviglie e giocava con il cazzo di Mitz per qualche minuto, mezz’ora al massimo, poi lo chiudeva di nuovo, senza orgasmo.

Poi, una volta ogni tre mesi, Mitz poteva masturbarsi sul pavimento e leccarlo, poi ovviamente veniva arrestato di nuovo.

Quindi il resto del tempo era per il piacere di Kaisie…

Era così carino come Mitzner arrossiva e balbettava quando era il momento di masturbarsi.

Si spogliò e chiese la chiave, e divenne tutto rosso mentre apriva e tirava e infilava il suo triste cazzo.

Kaisie di solito indossava una graziosa minigonna, un maglione attillato e tacchi alti, e incrociò le gambe e rise, dicendo al povero Mitz di fermarsi e iniziare a toccargli il cazzo, dentro e fuori”.

“Semaforo rosso, smettila ora tesoro. Non piangere, mani al tuo fianco o ti rinchiudo per altri tre mesi senza lieto fine.

OK, semaforo verde, scatta e scatta. Gioca un po’ con la punta. No, non meriti alcun lubrificante in questo momento”.

Una o due volte, Kaisie aveva persino assunto un commerciante (con il visto di Mitz) per frustare il culo di Mitz mentre si masturbava, il che era terribilmente inquietante, la pagaia di legno…

Ha aiutato in altri modi, sollevando la gonna e mostrando a Mitzie la sua figa rasata, e alla fine è arrivato… wow!

E, naturalmente, Mitz era così bravo a prendersi cura dei suoi amanti e dei suoi fidanzati.

Niente era più divertente di essere scopato duramente da un giovane stallone nero, i suoi fianchi che si alzavano e si abbassavano mentre la lavorava…

E proprio sotto il cazzo di LeMar, Mitzner avrebbe le palle di LeMar in bocca e muoverebbe la sua fottuta testa!

Sapeva in cuor suo che Mitz era completamente eterosessuale, ma poiché lei lo richiedeva, ha avuto a che fare con uomini, donne e qualunque cosa varcasse la porta per prima.

Solo per compiacere la tua principessa!

Hindley fantasticava di essere una troia bicucù forzata, ma non poteva andare fino in fondo, quindi Kaisie si mise della salsa tartara nella figa e finse di essere un altro fottuto uomo…

Quindi Hindley può fingere di essere umiliato.

Che creatura triste. Bello, grosso cazzo, ma un terribile sub. Serio.

“Voglio solo che mi rinchiudi e mi ignori” avrebbe detto Hindley, ma non era così non vero…

Era la fantasia di Hindley, ma in realtà non riusciva a smettere di molestarla!

Quando Kaisie si tolse la maglietta e il reggiseno, la bocca di Mitz sanguinò. Hindley ha avuto l’ardire di suggerirle di smettere di mangiare carboidrati e di andare all’aerobica, che ovviamente era il motivo per cui indossava quel ridicolo body.

Era vero che Mitz era un po’ quello che il nonno di Kaisie chiamava un “nebish”. Non è così facile per gli occhi. Non poco interessante, ma abbastanza dimenticabile.

Hindley somigliava a Leo De Caprio con il coraggio.

Ma le mancava Mitzner ed era sicura che l’avrebbe riportata indietro. Di solito quando tornava, poiché era già partita più volte, lui era pieno di gioia e piangeva mentre le stringeva le caviglie e si rannicchiava sulle ginocchia.

Kaisie non si è nemmeno scusata per essere scappata con qualcun altro, ha semplicemente girato per casa commentando quanto fosse sciatta la governante Mitz, “quando è uscito il gatto” e che tipo di cose.

A Mitzner sarebbe stato ordinato di spogliarsi e di chinarsi sul pouf.

Altre storie erotiche  Yes, Katya - BDSM - Literotica.com

Poi Kaisie, dopo aver scosso un po’ i seni, iniziava l’operazione con il gatto a nove code o con la canna di bambù finché non lo intimidiva e lo ringraziava ancora una volta.

Ma ora Mitz la stava guardando. “Kaisie, mi sei mancata, ma ho incontrato qualcuno di nuovo.”

Qualcuno? L’ultima persona era la moglie di Mitzner, Amantha “Manty” Mitzner.

Manty ha cercato di compiacere Mitz, ma non era carina come Kaisie, e certamente non così creativa. E davvero, Manty non aveva idea di come dominare un uomo, perché voleva solo prendersi cura della casa e fare bambini…

Kaisie aveva invitato Manty a vederla fare un clistere a Mitz e, successivamente, Manty se ne andò, senza nemmeno chiedere il mantenimento dei figli. Era stato terribilmente imbarazzante, mortificante, anche per Mitz, ma ci era passato… e lo eccitava immensamente.

Ora Kaisie posò delicatamente le dita sul petto di Mitz e gli diede una leggera gomitata, e lui fece un passo indietro, e lei entrò, scuotendo i riccioli e guardandosi intorno per vedere chi fosse il New Dog.

«Kaisie, è colpa tua», protestò Mitz. “Hai detto che avrei dovuto trovare l’amore da qualche altra parte…”

Kaisie ne aveva avuto abbastanza e ha schiaffeggiato Mitz poi gli ha dato un leggero calcio nelle palle.

“Come osi parlarmi così?” Niente è colpa mia. Stasera ti avrei lasciato baciare i miei capezzoli – e non l’ho mai fatto! Ora non lo so.

“Non vuole i tuoi cazzo di capezzoli,” disse un’altra voce.

Mentre Mitzner cercava di calmarsi, Kaisie guardò nel soggiorno e c’era una ragazza per metà fatata con quasi un taglio a spazzola. Grandi tette, aspetto mezzo tedesco.

“Kaisie, sono Giada.”

Giada aveva un lieve accento da qualche parte orribile d’Europa, probabilmente dalla Moldova o da qualche altra parte.

“Vattene da qui, Kaisie. Mitzner è il mio buon cibo adesso. Non ha bisogno del tuo seno. Il mio è più sodo. I capezzoli sono più grandi.”

Kaisie sbuffò.

“Ho addestrato Mitz a bere l’urina. Ho inzuppato uno dei miei reggiseni in un secchio di piscio e l’ho indossato, e ho lasciato che Mitz succhiasse il reggiseno perché era un modo in cui la sua bocca mi toccava il seno”.

La bocca di Kaisie si spalancò. Mitz aveva paura di fare pipì.

“Ora Mitzner beve tutta la mia urina, direttamente dal mio clitoride, e quella dei miei ragazzi e delle persone che si fanno vedere. Poi mangerà merda”.

“Giada, fammi parlare con Kaisie-“

“Te l’ho detto? Non credo, Mitzner. Togliti subito tutti i vestiti.

“Per piecere…”

Giada si avvicinò a Mitzner e Kaisie rimase colpita dai tacchi alti degli stivali di Giada. Ha iniziato a sbottonare la camicia di Mitzner e alla fine si è tirata indietro in modo che Mitz potesse spogliarsi completamente.

Adesso era tra le due donne vestite, completamente nudo. E non stava usando il suo dispositivo di castità. Abbassò la testa per la vergogna.

Così antiquato, Mitz aveva ancora difficoltà ad accettare di essere nudo di fronte a donne vestite. Anche se, ovviamente, lo eccitava enormemente. Vergogna…

“Vedi, non indossa quella stupida cintura. Ce l’ho su un sistema d’onore. Perché sono una vera, crudele dominatrice!”

Giada si voltò verso il rosso, spostando Mitz. “Pensavo che avessi imparato la lezione. Dona Rafaella e io abbiamo lavorato duramente per impedirti di parlare fuori tempo. Tutto quello che dovevi fare era far entrare quella cagna, e io ci stavo.”

Giada ha poi schiaffeggiato Mitz sulla guancia che era ancora normale.

“Ma non stai imparando, vero?” Giada si avvicinò al pianoforte a coda di Mitzner, aprì il coperchio del sedile, dove di solito si trovavano gli spartiti, e tirò fuori un lungo pezzo di filo spinato.

Ha fatto roteare il filo, schiaffeggiando il cazzo duro di Mitz, poi gli ha ordinato di afferrarle le caviglie e di farne trenta sulle sue morbide guance.

Ma Mitzner era più eccitato che mai, e cadde in ginocchio, ansimando.

“Pagherai dopo. Giada ha detto semplicemente. Riportò il filo spinato sulla panca del pianoforte. “Ora stai zitto.”

Kaisie borbottò qualcosa sul fatto che Giada fosse un po’ dura con il povero Mitz.

Giada ride sprezzante. “Ho spinto considerevolmente i tuoi limiti nei sette mesi da quando te ne sei andato. Penso di averti incontrato due settimane e mezzo dopo che te ne sei andato.”

Mitz abbassò la testa, ma annuì leggermente.

“Che ci crediate o no, non avevo mai dominato un uomo o nessun altro in vita mia. Avevo un carattere irascibile e dopo che Mitz ha spiegato le sue difficoltà, sapevo cosa stava facendo. Doveva fare. È stato così semplice”.

Altre storie erotiche  Mike's Submission - BDSM - Literotica.com

Kaisie fu sorpresa. Ha dovuto lavorare in diversi sotterranei dal suo ultimo anno di college per imparare com’era essere una Domme privata per un uomo ricco.

Kaisie stava fingendo? Era qui solo per una vita facile?

Certamente non lo eccitava esattamente per punire gli uomini. Le piaceva un ragazzo normale che la scopava duramente, ma le piaceva che Mitz richiedesse poca manutenzione.

Potrebbe chiamarlo? Era facilmente bella come questa Giada e, francamente, un po’ più giovane. Ma si rese conto che Mitzner era intimidito e anche che non riusciva a distogliere lo sguardo da Giada.

Tranne, ovviamente, quando lo guardò, poi i suoi occhi tornarono al tappeto.

Per un attimo Giada sorrise guardando il ragazzino imbarazzato.

Si chinò e lasciò che le sue lunghe unghie giocassero con il suo cazzo gonfio mentre spingeva pigramente la scollatura contro il suo viso, e strizzò l’occhio a Kaisie quando la sentirono sussultare.

“Mi ama, quel ragazzo. Credimi, Kaisie, l’ho rovinato per te o per qualsiasi altra dominatrice.”

“Mi ami, non mi accarezzi?

Mitz sussultò e gemette. “Sì, Miss Giada. Qualsiasi cosa. Oh, come sono eccitato.”

“E lo sarai per un po’. I bravi ragazzi sanno come controllarsi.”

Giada fece scorrere un lungo dito su e giù per la parte inferiore sensibile del cazzo di Mitzner.

Kaisie poteva vedere il pre-cum gocciolare dalla punta dell’urina di Mitzner, ma si stava controllando.

“In pochi giorni, posso farti mettere rossetto e tacchi alti e farti un pompino volontario sul culo sotto i ponti, non sarebbe esilarante, tesoro.”

Kaisie ha notato che il cazzo di Mitz oscillava leggermente a questa informazione.

Ma poi, mentre le dita di Giada giocavano di nuovo con la punta del suo cazzo, Mitz iniziò a respirare pesantemente.

“Ma un bravo ragazzo sa come tenere le mani lontane dalla pipì, anche con la bocca occupata con altre pipì, giusto, tesoro?”

Mitzner annuì timidamente.

“È un nome femminile, Mitzi. Puoi essere il mio maialino indaffarato, cara Mitzi.”

Ha solleticato il suo cazzo e le palle e ha fatto un giro intorno al suo glande bulboso con una delicata unghia francese.

“In realtà tra poche settimane lasceremo Buttermilk Falls, voglio che Mitz si trasferisca con me in Lussemburgo, dove vivono i miei genitori”.

Ovunque, pensò Kaisie. Partenza per il Lussemburgo. Immagino di aver sempre pensato che quel ragazzo fosse una cosa sicuro.

“Più tardi stasera puoi succhiare la grossa manciata di mamma e poi ci divertiremo a farti più grande il buco nella schiena. Presto sarò in grado di infilarti interi barattoli di sottaceti, non solo per stordire il tuo grande e felice retto”.

Improvvisamente, Giada fece un passo indietro e afferrò il capezzolo sinistro di Mitz e lo pizzicò con forza, e lui urlò.

“Ora vai in bagno e prendi tutto l’Ajax, il dentifricio e tutto ciò che c’è sotto il lavandino e striscia lì con le mani e le ginocchia. Puoi spremere.”

“Ma Giada, non riesco a stare lì-“

“Se queste porte non sono chiuse sul tuo culo, nei prossimi venti minuti, tirerò fuori la frusta. Vado a prendere il tè con Mistress Kaisie e non voglio essere disturbato. Ora , vieni là dentro. ».

E Mitzner è scappato.

Bevvero un tè piuttosto gradevole, servito da una vicina che Giada aveva in qualche modo “incantato” facendo indossare una collana e portando il vassoio nudo in ginocchio… con esso tra i denti. Che equilibrio!

Più tardi, l’unica cosa che la povera Kaisie aveva di Giada, ovviamente, era… era un’altra dominatrice. Aveva altri sostituti, anche se non stava bene come Giada, che aveva un dono naturale.

Uno dei sottomarini di Kaisie era un agente dell’immigrazione! Un po’ corrotta, ma Kaisie non aveva bisogno di soldi per ottenere il favore di cui aveva bisogno.

E in tre settimane Giada era di nuovo in Lussemburgo (da sola)

E la signora Kaisie ha trovato nuovi interessanti usi per l’interruttore del filo spinato sotto la copertura della panca del pianoforte di Mitzner…

Ed era tornata a casa!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *