Katrina’s Mistake Ch. 02 – BDSM

di | 30 de Giugno, 2022

Questa finzione è la parte 2 di una storia in corso. Qualsiasi correlazione con persone vive o morte è puramente casuale.

************************************************** **** **** ********************************************** * *** ****** **** ******

Alle 16:40, Martin e Katrina si incontrarono in ascensore e salirono all’ultimo piano. Martin e Katrina uscirono esitanti dall’ascensore e si registrarono con Audrey. Le gambe di Katrina tremavano e Martin sudava nervosamente. Audrey, un’adorabile donna salvata per Felicity, era forte come un insetto. Martin sentì un senso di rovina imminente mentre si trovava di fronte ad Audrey.

“Siamo qui per vedere la signorina Hedwig”, disse Martin.

“Lei ti vedrà uno per uno. Prima deve entrare, signorina Phillips. Adesso ti vedrà,” disse Audrey.

Katrina entrò nell’ufficio di Felicity. Felicity Edwig era la donna più bella che Katrina avesse mai visto. La scomparsa Hedwig aveva trentacinque anni e aveva lunghi capelli neri. Il suo vestito elegante non nascondeva il suo corpo formoso. Il comportamento ragionevole di Felicity Hedwig ha sorpreso Katrina quando è entrata. L’aura di Felicity trasudava autorità e Katrina lo trovava attraente. Katrina non poteva spiegarlo; non prediligeva le donne sessualmente, ma qualcosa in Felicity le faceva formicolare il clitoride. Forse quello era il modo dominante in cui Felicity si presentava.

“Siediti,” disse Felicity.

Katrina era seduta sul bordo di una sedia imbottita di pelle. Sapeva che doveva essere una questione di soldi e aveva pianificato di assumersene la piena responsabilità.

“Volevi vedermi? chiese Caterina.

“Sì, i revisori hanno trovato un’anomalia con un account nella loro sezione”, ha detto Felicity.

“Posso spiegare. Ho preso i soldi per pagare le spese mediche di mia madre, ma Martin li ha restituiti”, ha detto Katrina.

“Lo so già, ma hai comunque rubato l’affare,” disse Felicity.

“Mi dispiace, non lo farò mai più”, ha detto Katrina.

“Non cambia nulla. La fiducia è importante in H e S”, ha detto Felicity.

“Per favore, perdonami. Non lo farò mai più”, ha detto Katrina.

Felicity aveva già predisposto che qualsiasi altra transazione richiedesse firme multiple. Si sentiva scioccata di dover inculcare queste pratiche in quantità così insignificanti. Felicity non si preoccupava dei soldi; voleva l’onestà e l’obbedienza.

“Ora voglio vedere cosa ha da dire il tuo co-cospiratore. Audrey, porta il signor Wellington”, disse Felicity.

“Non ha fatto niente di male. Ho rubato i soldi”, ha detto Katrina.

La signorina Edwig la fece tacere severamente prima che Martin entrasse.

«Signor Wellington, si sieda» disse Felicity.

Martin guardò Katrina e vide che era sconvolta. Guardò la signora Hedwig per vedere se riusciva a distinguere qualcosa. Guardò Martin, e lui si rese conto che Felicity era arrabbiata con lui. Martin sedeva su una sedia da scrivania imbottita alla destra di Katrina. Non poteva fare a meno di fantasticare sul fatto che Felicity lo controllasse. La sua personalità dominava la stanza e Martin voleva allinearsi con lei. Il suo pene iniziò a muoversi; Speravo che Felicity non se ne accorgesse.

“Cosa hai da dire sul mistero del denaro? chiese Felicità.

“Ho restituito i soldi”, ha detto Martin.

“Non cambia il fatto che qualcuno abbia rubato i soldi”, ha detto Felicity.

“Mi dispiace, signorina Felicity,” disse Martin.

“Chiedo onestà e obbedienza dai miei subordinati. Mi prometti entrambe?” disse Felicita.

“Sì, te lo prometto”, disse Martin.

“Sì, te lo prometto”, disse Katrina.

“La loro onestà ha aiutato il tuo caso. Devo ancora punirti,” disse Felicity.

“Punirci? chiese Martin, cercando di nascondere quanto lo volesse. Aveva solo un piccolo successo, e Felicity poteva vedere attraverso di lui, soprattutto perché la sua erezione semidura gli premeva contro i pantaloni.

“Sì, se vuoi mantenere il tuo lavoro, farai quello che ti dico”, disse Felicity.

«Sono d’accordo a fare come lei dice, signorina Hedwig», disse Martin.

“E tu, Katrina, che ne dici?” chiese la signorina Felicity. Che uomo compiacente e perfetto, pensò Felicity.

“Sono stato io a rubare i soldi. Dovrei essere punito”, ha detto Katrina. Due sottomesse dispettose, proprio come mi aspettavo, pensò Felicity.

“Osi dirmi cosa fare? disse Felicity con forza.

“No, signorina Felicity,” disse Katrina.

“Voglio che ti togli tutti i vestiti e li metta in un angolo del mio ufficio. A meno che tu non preferisca mollare,” disse Felicity.

Katrina si tolse il vestito blu mentre Martin gli sbottonava la camicia. Felicity ha notato che Katrina era senza mutandine.

“Solo le femmine corrono senza mutandine”, ha detto Felicity.

“Mi dispiace, Miss Felicity,” disse Katrina.

“Non essere dispiaciuto, mi piacciono le femmine”, ha detto Felicity.

Katrina arrossì e ripiegò il vestito. Si tolse il reggiseno e lo piegò. Martin aveva tutti i suoi vestiti nascosti nell’angolo destro della scrivania, tranne le mutandine. Era ancora nei suoi boxer mentre la sua erezione lo accarezzava.

“Lascia i calzini fino alla coscia, ti fanno sembrare una puttana, Katrina”, disse Felicity.

Katrina si sentiva imbarazzata dal continuo imbarazzo di Felicity. Martin esitò, ancora in mutande.

“Odio i boxer Martin, li tolgo e non li rimetto mai più”, ha detto Felicity.

“Sì, Miss Felicity,” disse Martin mentre li tirava indietro consapevolmente, rivelando la sua notevole erezione.

Erano entrambi nudi adesso, e Felicity aveva chiuso i loro vestiti in un cassetto.

“Ora voi due vi sporgete sulla mia scrivania.” I due amanti si chinarono sulla sua grande scrivania direzionale,

Felicity tirò fuori dal cassetto della scrivania un remo di pelle nera tempestata di borchie. Si massaggiò entrambe le spalle. Le piaceva quello che vedeva, che coppia sexy di subordinati.

“Amo i miei schiavi senza peli pubici, Martin”, ha detto Felicity.

“Scusa, signorina Felicity,” disse Martin.

“Voglio che tu conti i colpi. Deciderò io quando fermarti in base a quanto tempo ti ci vorrà per arrossire la schiena”, disse Felicity.

Felicity ha schiaffeggiato prima Katrina, poi Martin.

“Uh,” disse Catarina.

“Uh,” disse Martin.

Martin era ovviamente eretto; gli piaceva quando Felicity lo picchiava. I due amanti gridarono anche il secondo colpo.

“Tre,” disse Katrina quando il terzo colpo le colpì il culo.

“Tre,” disse Martin mentre Felicity gli applicava il terzo.

Quando li ha battuti quaranta volte ciascuno, entrambi hanno contato “quaranta”.

“Il tuo sedere è bello e rosso adesso,” disse Felicity.

Martin aveva un’erezione dura come una roccia; era ovvio per Felicity che gli piaceva essere sculacciato tanto quanto Katrina. Felicity era soddisfatta della sua flessibile sottomissione.

“Penso che tutti dovrebbero essere andati ormai. Alzati”, disse Felicity.

I due amanti aspettarono che lei restituisse i loro vestiti.

Felicity si sedette alla sua scrivania e allargò le gambe. Anche Felicity non indossava le mutandine e la sua figa era glabra; si è rivelata una troia per definizione. Si sbottonò la camicetta e si sbottonò il reggiseno legato davanti.

“Lavami la figa, Katrina. Martin mi succhia i capezzoli”, ordinò Felicity.

Katrina leccò la figa per la prima volta mentre Martin succhiava i grandi capezzoli di Felicity. Katrina ha provato il cunnilingus nel modo in cui le piaceva che Martin lo facesse per lei.

“Non sei molto esperta nel leccare la figa, sei una puttana?” chiese Felicita.

“No, non l’ho mai fatto prima”, ha detto Katrina.

“Starai meglio con la pratica”, disse Felicity.

Felicity, eccitata per averli sbattuti così forte, ha ancora raggiunto l’orgasmo sulla lingua morbida di Katrina. Felicity ha afferrato il telecomando della TV per premere un pulsante e uno schermo è caduto dal soffitto.

“Voglio mostrarti il ​​mio programma preferito, ma sembra che sia stato cancellato”, ha detto Felicity.

Ha premuto play e Katrina e Martin sono apparsi sullo schermo. Erano nell’ufficio di Martin. Questo video mostra Martin che sbatte e fa sesso con Katrina per la prima volta.

“Adoro questo episodio, ma i miei preferiti sono quelli il cui timestamp dice che sono ambientati durante l’orario di lavoro”, ha detto la signorina Felicity con sarcasmo.

Martin guardò Katrina e potevano vedere il terrore negli occhi dell’altro. Non avevano idea della stanza segreta.

“Capisco che lo show avrà un nuovo regista negli episodi futuri”, ha detto Felicity.

“Un nuovo regista? chiese Martino.

“Sì, ma non ha ancora assunto gli attori,” rise Felicity.

“Che tipo di contratto? Siamo solo dilettanti”, ha detto Katrina.

“Non preoccuparti, ti farò sapere i termini più tardi”, disse Felicity.

“Mi dispiace di aver fatto perdere tempo alla compagnia, signorina Felicity”, disse Martin.

“Va tutto bene, ma temo che dovrai sacrificare il tuo fine settimana per ripagarmi”, ha detto Felicity.

“Nessun problema, lavorerò tutto il fine settimana”, ha detto Martin.

“Non ho mai detto niente sul lavoro. Ho intenzione di usarti per altre cose,” disse Felicity.

Infilò una mano nel cassetto della scrivania e tirò fuori due collane di pelle nera; la larghezza di uno era più spessa dell’altro.

“Mettiti questo,” disse Felicity.

Katrina indossò quella sottile e Martin quella grossa. Felicity prese due collane e le attaccò alle collane. Li strattonò mentre si dirigeva verso la porta dell’ufficio.

“Andiamo, dobbiamo incontrare mia sorella all’aeroporto”, disse Felicity.

Li ha trascinati nudi lungo il corridoio e l’ascensore executive e ha preso l’ascensore fino al parcheggio executive. Katrina non era completamente nuda; indossava sempre le calze alte fino alle cosce. Sembravano terrorizzati negli occhi. Una limousine Mercedes bianca entrò nell’ascensore e l’autista alto e distinto in uniforme scese e aprì la porta.

“Piacere di vederti, Mark,” disse Felicity.

“Piacere di vederti, signorina”, disse Mark.

“Sali in macchina,” disse Felicity.

Martin e Katrina correvano veloci quanto i loro guinzagli consentivano nella limousine. La fredda aria estiva di San Francisco raffreddava i loro corpi mentre si muovevano rapidamente attraverso il garage. Felicity si è presa del tempo per tormentare i suoi prigionieri. Hanno rapidamente rimosso il gioco dalle cinture, ansimando per entrare in macchina. Si sedettero sulla panchina schiena contro schiena.

“Voglio che tu ricordi che i tuoi vestiti saranno presto a miglia di distanza da te,” Felicity sorrise.

Martin e Katrina si guardarono. Katrina ha notato che Martin era dolorosamente eretto e Martin poteva sentire l’odore del cazzo eccitato di Katrina. L’autista ha chiuso la portiera ed è tornato al posto di guida. Il tono Widow Limo assicurava che nessuno potesse vedere all’interno della limousine.

“Voglio che vi masturbiate entrambi per il mio piacere, ma non per l’orgasmo”, disse Felicity.

Martin gli accarezzò il cazzo selvaggiamente e Katrina si strofinò le dita eccitata tra le labbra della figa. Entrambi godettero dell’umiliante sottomissione.

“Ecco le femmine, allargate le gambe e mostratemi quanto siete degenerate”, disse Felicity.

Katrina e Martin arrossirono mentre l’umiliazione dell’esposizione faceva vergognare i loro cuori.

“Metti il ​​piede sul davanzale di Katrina,” ordinò Felicity.

Questa posizione imbarazzava ancora di più Katrina.

“Dammi una mano nel culo, Martin”, ordinò Felicity.

Ora era il turno di Martin di provare più vergogna mentre obbediva con riluttanza. Inserì lentamente il dito per il divertimento di Felicity. Si sentiva ancora più imbarazzato per essersi goduto la stimolazione anale in modo sgradevole. Felicity ha apprezzato la facilità con cui poteva schiacciarli. Aveva intenzione di godersi immensamente il suo weekend di sottomissione. Pochi minuti dopo, Felicity si stancò presto di questa attività.

“Voglio che tu faccia sesso per il mio divertimento”, disse Felicity.

“Qui e ora?” disse Caterina.

“Sì, inginocchiati di fronte a lui e infila il suo grosso cazzo nella tua figa bagnata,” ordinò Felicity.

Katrina obbedisce e obbedisce. Il cazzo di Martin è entrato nella sua fessura bagnata. L’hanno presa lentamente, pensando che probabilmente avrebbe voluto dire loro come farlo. Felicity ha acceso una telecamera per registrare l’evento.

“È solo un casting, quindi non ci sono soldi per girare Martin”, ha detto Felicity.

Ogni volta che si avvicinavano all’orgasmo, Felicity li fermava. È stata una tortura per entrambi poiché li ha attaccati più volte. Si sono fermati all’aeroporto ed hanno attraversato un ingresso privato. Maliziosamente, Felicity ha spento la telecamera e ha caricato il filmato sul suo cloud storage. La limousine è uscita sulla pista e su un elicottero in attesa. Entrambi erano estremamente frustrati dal fatto che non si fossero lasciati sborrare, anche se entrambi i sottomessi erano in paradiso, amando il modo in cui Felicity li usava indipendentemente dai loro desideri.

“E’ ora di cambiare veicolo, andiamo miei animali,” disse Felicity.

Felicity li ha tirati al guinzaglio nell’elicottero Bell. L’ampia porta dell’elicottero, ora chiusa, è decollata. Seduta sull’elicottero c’era una donna che assomigliava a Felicity.

“Martin e Katrina, salutate Phoebe, la mia gemella identica”, disse Felicity.

“Ciao, Phoebe,” disse Martin.

“Ciao, Phoebe,” disse Katrina.

Phoebe prese il colletto di Katrina da Felicity e tirò Katrina verso di lei mentre allargava le gambe, rivelando la sua figa pelata esposta sotto la gonna.

“Salutami leccandomi la figa per bene”, disse Phoebe.

Katrina ha leccato il suo secondo boccone della giornata. La sua lingua assaporava l’eccitazione di Phoebe.

Felicity tirò il bavero di Martin.

“Mostrale come leccare la figa, Martin”, disse Felicity.

Martin cadde tra le gambe di Felicity. Si leccò le labbra. Martin le succhiò il clitoride e Felicity raggiunse rapidamente l’orgasmo, ma le sue cosce lo tenevano ancora stretto.

“Continua a leccare, schiava,” disse Felicity mentre bramava un altro orgasmo.

L’elicottero è volato al largo della costa e sopra l’oceano. Martin obbedientemente leccò la figa del suo capo, tirandola su di nuovo. Katrina ha fatto lo stesso per Phoebe per la prima volta.

“È stato bello, vero”, ha detto Phoebe.

Entrambi tornarono al loro posto e furono sorpresi di vedere la vista della vasta costa di Humboldt. Martin e Katrina non hanno avuto molto tempo per godersi il panorama, poiché il viaggio stava per concludersi. L’elicottero aveva già percorso 126 miglia. L’elicottero ha iniziato ad atterrare su una proprietà affacciata sul mare, su un’isola isolata a forma di C. Martin ha notato un molo nella baia all’interno dell’isola, su cui non era ormeggiata nessuna nave. Martin si appoggiò allo schienale della sedia quando il rotore smise di girare. Quando il pilota ha completato la sua lista di controllo, ha aperto la porta per consentire ai passeggeri di uscire.

I quattro adulti camminarono dall’eliporto sul bordo della scogliera giù per una rampa di scale e proseguirono attraverso il cortile appartato fino alla grande villa bianca in riva al mare. Phoebe stava tirando Katrina al guinzaglio e Felicity stava controllando Martin dal suo. Entrarono in una grande stanza. La proprietà sembrava vecchia, forse costruita alla fine degli anni Quaranta. Inestimabili opere d’arte adornavano le pareti.

“Era il ritiro dei nostri genitori”, ha detto Phoebe.

La sessantenne istitutrice è entrata nella sala per salutare i gemelli. Faye è stata bella per sessant’anni. Aveva fatto un po’ di lavoro, ed era molto efficace. Faye sembrava avere circa 45 anni. Quando vide Martin, la sua bocca si spalancò.

“Salve, è bello rivedervi ragazze,” disse la donna.

“Cosa c’è che non va Faye, avevamo già portato dei giocattoli nudi con cui giocare”, ha detto Phoebe.

“Mi ha appena ricordato qualcuno”, ha detto Faye.

“Non ti preoccupare ancora. È ora che Phoebe si prenda il culo,” disse Felicity.

«Dovrei prendere il remo, signorina? chiese Faye guardando Phoebe.

“Sì, mi piace usarlo pagaia ben progettata”, ha detto Phoebe.

Martin e Katrina si sporsero su un enorme tavolo da pranzo, i mozziconi esposti in una finestra che dava sulla spiaggia. Chiunque camminasse sulla spiaggia li vedrebbe in una postura scomoda ed esposta. Fondo in basso e gambe leggermente aperte. Aspettarono il ritorno di Faye.

“Ecco qua, signorina”, disse Faye, porgendo la pagaia a Phoebe.

Phoebe afferrò minacciosamente il remo di legno. La pagaia a forma di mazza da cricket aveva fori d’argento della dimensione di un dollaro praticati nella sua faccia piatta. Lo lanciò in aria, e sibilò quando il vento lo sorpassò.

“Ho intenzione di dare tutti e dieci i colpi per iniziare”, ha detto Phoebe.

I volti di Martin e Katrina mostravano paura quando sentivano il sibilo del remo.

La loro madre, Beatrix Hedwig, ha progettato gli orifizi del dispositivo corporeo per proprietà psicologiche e strategiche. Addison l’aveva fatto nel suo negozio e, penosamente per lui, era stato abilmente gestito da Beatrix, sua moglie. Questo fatto non è stato detto ai gemelli da Faye fino alla morte dei loro genitori. Purtroppo sono morti in un incidente aereo.

“Ma che cos’è questo? Phoebe ha chiesto quando stavano esaminando le cose dei suoi genitori.

“È così che tua madre ha tenuto tuo padre sulla strada giusta”, aveva detto Faye.

Niente tira fuori gli scheletri dall’armadio come la morte improvvisa. I gemelli hanno poi scoperto il diario della madre e quando lo hanno letto.

“La mamma ha scritto tutto prendendo il controllo di papà”, ha detto Phoebe.

“Fammi vedere questo? disse Felicita.

“È irreale, hanno avuto una vita completamente diversa in questa proprietà”, ha detto Phoebe.

Tornando nel presente, i gemelli sconfiggono la coppia.

“Conta i colpi”, disse Phoebe.

Ha avuto la prima a Katrina.

“Uh, signorina,” disse Katrina.

La sua pagaia ha trovato il culo di Martin diabolicamente dopo. Felicity si sedette su una sedia vicina per godersi lo spettacolo. Faye ha ripreso i suoi doveri.

“Uh, signorina,” disse Martin.

“Due, signorina,” ansimò Katrina quando il suo secondo pugno andò a segno.

“Due, signorina,” disse Martin.

Il remo, perfettamente disegnato, non ha infiammato di dolore le due natiche fino al secondo colpo. I due faticarono a restare fermi. Phoebe ha apprezzato la loro reazione e ha aspettato che si calmassero prima di tormentarli di nuovo con un altro duro colpo di pagaia.

“Tre, signorina,” disse Katrina, evitando di rannicchiarsi come un bambino.

“Tre, signorina,” disse Martin, con voce tremante.

Il dolore faceva a malapena lacrimare entrambi gli occhi. Un altro li avrebbe probabilmente portati alle lacrime. Felicity godette perversamente del suo tormento.

“Quattro, signorina,” disse Katrina quando quasi scoppiò in lacrime.

“Quattro, signorina,” disse Martin, trattenendo le lacrime.

Altri cinque colpi ciascuno, e finora nessuno di loro aveva pianto. Phoebe era arrabbiata per questo e li avrebbe colpiti più duramente al decimo colpo. Phoebe li schiaffeggiò di nuovo entrambi, volendo spietatamente vederli piangere; era un’amante crudele. La sua educazione viziata gli dava poca simpatia per gli altri.

“Dieci, signorina,” disse Katrina mentre le lacrime scorrevano.

“Dieci, signorina,” disse Martin mentre anche lui spudoratamente lasciava scorrere le lacrime sul suo viso.

Il cazzo di Martin era più duro che mai e anche Katrina ne è stata colpita. Felicity, eccitata dall’esibizione del corpo, spinse Martin sulla schiena e cavalcò il suo cazzo in stile cowgirl. Il suo culo, ancora in fiamme, le faceva male mentre lo schiacciava contro il pavimento incerato. Phoebe ha attirato Katrina dall’interior designer, ha creato il divano e ha dormito con lei. Ovviamente Phoebe era in cima. La figa di Felicity stava mungendo il suo cazzo, e il suo controllo muscolare era stranamente buono per Martin. Martin era molto eccitato e ha eiaculato rapidamente nel cazzo di Felicity. Si accasciò amorevolmente sul suo petto mentre anche il suo sistema nervoso si accendeva di passione.

Felicity si alzò e lo tirò al guinzaglio, mettendolo in ginocchio. Ha tirato la sua faccia nella sua figa.

“Ripulisci quel pasticcio, non ti ho mai dato il permesso di venire”, ha detto Felicity.

Martin obbedientemente leccò il suo sperma da Felicity. Gli occhi di Phoebe e Felicity si incontrarono. Felicity raggiunse l’orgasmo violentemente mentre la sua lingua eseguiva la pulizia della bocca richiesta.

“È perfetto per te”, disse Phoebe.

Katrina ubbidientemente leccò Phoebe di nuovo per un altro orgasmo mentre le gambe di Phoebe la tenevano ancora. Anche Katrina che sperimenta il suo secondo orgasmo è rimasta colpita da Phoebe quando la sua lingua ha trovato aree di piacere in Katrina che non aveva ancora trovato. Hanno raggiunto il picco in un mucchio.

“Andiamo, è ora di radersi tutti quei peli pubici sporchi, Martin”, disse Felicity.

Felicity ha portato Martin nella sua suite.

“Dai, puttana Katrina, andiamo a nuotare nell’oceano”, disse Phoebe.

Phoebe ha attirato Katrina nella sua suite per cambiarsi in costume da bagno.

“Sono solo qui in vacanza a dirigere la divisione East Coast”, ha detto Phoebe.

Nel frattempo, Felicity ha usato delle tosatrici elettriche per rimuovere tutti i capelli di Martin. Ha poi insaponato il suo corpo con crema da barba e ha iniziato a radersi tutto il corpo. Martin odiava i suoi peli sul corpo, ma non ha mai avuto il coraggio di rimuoverli da solo. Quando ebbe finito gli ultimi peli delle sue palle, si tolse i vestiti e lo tirò nella vasca. Martin non aveva mai visto una donna così bella nuda prima. Il suo viso mostrava la sua ammirazione. Il suo corpo voluttuoso attirò la sua attenzione, e lui lo fissò senza vergogna.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *