Lady DeLois – BDSM – Literotica.com

di | 5 de Agosto, 2022

Il signor McKeldin sorrise appena quando sentì suonare il campanello. Si alzò dalla sedia con grazia, lasciando cadere la copia di “Lives of Plutarch” sul sedile.

Inês, la sua istitutrice, sembrava sul punto di aprire la porta, ma il signor McKeldin le fece cenno di allontanarsi.

“La signorina Lois sta arrivando?” chiese Ines con un sorriso d’intesa. Il signor McKeldin annuì, arrossendo leggermente. Ignorò la risata di Ines.

Il signor McKeldin aprì la porta e c’era DeLois Hornbake, un po’ corpulenta ma con grandi tette calde sotto il maglione lavorato a maglia.

“Ciao, cara Lois.”

“Salve, signor McKeldin.” Lois era così convincente. Corti capelli neri e occhi blu scuro che spuntano da sotto le ciglia lunghe. Lois si chinò e diede uno schiaffo al signor McKeldin.

Lois indossava un forte rossetto rosso, quindi il signor McKeldin le toccò la guancia con un fazzoletto con il monogramma, ma le sorrise comunque.

La pelle pallida di Lois risaltava contro le sue labbra rosse e aumentava il rossore delle sue guance. I jeans di Lois erano attillati e stavano benissimo su Doc Martens.

“Ciao Lois”, ha detto il signor Encore McKeldin.

“Come sta, signor McKeldin?” chiese Lois. “La settimana è andata bene, vero?

Il signor McKeldin pensò alla spazzola per capelli attiva di Lois. Rabbrividì un po’.

“Sì, sì, certo,” disse M. McKeldin esitante, guardando con esitazione la borsa da ginnastica che Lois teneva nella mano sinistra.

“Beh, perché non andiamo nella tua biblioteca, a meno che tu non voglia andare in ufficio?”

«La biblioteca va bene», disse esitante.

“Meraviglioso. Adoro la tua grande casa. Anche il giardino. Ho un appartamento così angusto.”

“Puoi ancora restare qui Lois” disse speranzoso il signor McKeldin.

“No, no, non posso giocare al favorito tra i clienti.” Lois scoppiò a ridere. “Il dottor LeFrak mi ha chiesto di sposarlo ieri, mi ha mostrato un diamante dell’inferno.”

Il signor McKeldin conosceva davvero LeFrak. Un osteopata. C’era LeFrak?

Entrarono nella biblioteca, Lois sorrideva a Ines.

“Spero che non abbia causato problemi a Ines, signor McKeldin.”

“Uh, no, certo che no.”

Non voleva disturbare Lois. Dio, ricorda come si comportava quando lui non potava i cespugli.

Quando entrarono in biblioteca, Lois posò la sua borsa da ginnastica sul tavolino accanto al divano. Aprendo la cerniera, guardò brevemente il signor McKeldin.

“Non è esattamente quello che ho sentito da Ines. Come sai, ho insegnato a Inês come inviare e-mail la stessa settimana in cui ho installato Net Nanny sul suo computer. .”

Il signor McKeldin arrossì. Era troppo vecchio per Net Nanny, ma troppo imbarazzato per chiamare un soldato per rimuoverlo dal suo sistema. Bene, sarebbe stato punito e rimesso a posto. Era Lois.

«Comunque, ora che Inês conosce la Rete, mi ha mandato un’e-mail su di te, signore.

“H-giusto?” chiese M. a McKeldin, il cuore che gli gelava.

“Lo ha fatto davvero,” sorrise Lois.

“Oh aspetta, questo è per te, e ho aggiunto una mancia.”

Il signor McKeldin sperava che consegnare a Lois una busta piena di contanti avrebbe calmato ogni possibile rabbia, ma Lois semplicemente la prese e la gettò nella sua borsa da palestra.

Lois frugò nella borsetta e alla fine tirò fuori una grossa e larga spazzola per capelli. Si batté sulle lunghe unghie rosa.

“Ines ha detto che eri scontroso con lei quando ha lavorato nella tua compagnia d’opera martedì.”

“D-l’ha detto?”

Lois rise, ei suoi grossi seni si mossero contro il maglione.

Il signor McKeldin non aveva mai visto DeLois Hornbake in topless, ma indossava top attillati durante le sue visite primaverili ed estive.

Quei bei cumuli di alabastro, una scollatura che avrebbe voluto baciare. E i capezzoli, erano rosa o marroni?

“Naturalmente la parola ‘Snappish’ non è nel vocabolario di Ines, né ‘scontroso’ come lei dice che eri anche tu, ma fortunatamente parlo correntemente francese, spagnolo, italiano e italiano. ‘Tedesco…

… Aiuta la mia attività e ho capito l’essenza della denuncia di Inês.”

Il signor McKeldin agitò la mano con sdegno. «Era in ritardo con il vino, ecco tutto.

“Beh, abbiamo parlato di rispetto reciproco, vero, signor McKeldin?”

I pugni del signor McKeldin si strinsero, anche se le braccia gli pendevano impotenti lungo i fianchi.

“NATURALMENTE LA PAROLA ‘SNAPPISH’ NON E’ NEL VOCABOLARIO DI INES. MA FORTUNAMENTE, IO PARLO FRANCESE, SPAGNOLO E TEDESCO…

Ah, quella spazzola per capelli.

“Sì, e poi lei ha dovuto abbaiare contro di lei, signor McKeldin. È impressionante. Un capriccio. Pensavo che avessimo lavorato sui capricci, signor McKeldin.”

Era vero. Aveva fatto di tutto per spezzare la sua immaturità. Una volta, pannolini per adulti per settantadue ore e Ines li ha cambiati. Dio mio.

Il signor McKeldin rabbrividì leggermente. Non vedeva l’ora di ricevere queste visite settimanali della ragazzina gotica. Ventinove anni.

Ma era così spaventato!

A volte i capelli neri di Lois erano a punta, ea volte erano biondi o rossi… Di tanto in tanto c’erano dei piercing nel naso. Ma lei è sempre stata Lois.

“Hai finito le tue frasi? Ogni duemila?

Il signor McKeldin si guardò le estremità delle ali.

“Ho finito millecinquantatré, Lois.”

Le frasi non erano così male. La madre di Lois, Eulalie, ora in pensione, ha costretto il signor McKeldin a coniugare i verbi di deposito francesi.

” 1800 ? Lois si accigliò.

“Ottocentocinquantatre, e finirò…”

“Oh, sono il doppio di quello che avevi questa settimana. Non sei riuscito a finirli eppure hai tempo per leggere e fare serate d’opera.”

Faceva sembrare le feste d’opera come colpi di eroina.

“B-ma mi hai fatto scrivere una matita per lettere, una penna per lettere, che richiede più tempo ed è così…”

Lois ride di nuovo. “Le piace lamentarsi, vero, signor McKeldin.

Lois si avvicinò e si sedette sul divano. Si accarezzò la gamba destra con la spazzola per capelli e si morse il labbro, il signor McKeldin si avvicinò.

“Devi davvero imparare molto. Obbedienza, rispetto, industria. Wow.”

“Lois, ne ho molte. Ero un ufficiale dei servizi esteri e ho trascorso vent’anni al Fondo monetario internazionale, e anche alla Banca mondiale…”

“Ma non riesci nemmeno a portare a termine i progetti che ti assegno. È un peccato.”

Ma Armistead McKeldin, sessantasette anni, rimase in silenzio davanti alla ragazza seduta.

Le mani curate di Lois andarono dal signor McKeldin e lei lo slacciò delicatamente, poi gli aprì i pantaloni. Si abbassò le mutandine mentre lui arrossiva e rideva della sua erezione in erba.

L’indice di Lois toccò il signor McKeldin, che si stava rapidamente indurendo. Si è strofinata un po’.

“Non scherzare con questo, spero che tu sia un ragazzaccio.”

“N-no, Lois.”

“Mettiti in grembo, tesoro. Sì, metterò una gamba in aria per impedirti di dimenarti.

Fuori dalla biblioteca, Ines si rispolverò e sorrise leggermente al tonfo familiare. Il signor McKeldin stava cercando di non piangere, ma in un attimo sono iniziate le urla.

E Lois, quella ragazza l’avrebbe colpito cinquanta volte con la sua spazzola per capelli, non importa quanto forte avesse fatto. Uomini americani, hanno soldi da pagare per essere sconfitti!

A volte Lois sceglieva di punire il signor McKeldin in una stanza dove Ines stava pulendo, e guardava le sue gambe oscillare su e giù mentre la ragazza lo teneva in grembo.

Tutto il pianto, le urla e l’elemosina.

Ma non ha mai provato a spingere il suo corpo, davvero, e la brava Lois lo ha tenuto comodamente.

E poi più tardi ha recitato con i suoi ruoli malvagi mentre lei guardava. Oh cazzo.

Ines si asciugò sotto il vecchio vaso Ming del signor McKeldin e sentì altre grida dall’uomo picchiato nella sua stessa biblioteca. Che ragazza muscolosa era Lois.

Alla fine, i colpi di spazzola per capelli erano finiti e il signor McKeldin era inginocchiato sul tappeto della biblioteca, singhiozzando.

Una volta, Inês ha invitato alcuni dei suoi amici a ascoltando il señor che veniva punito, e risero istericamente. Niente del genere era mai successo in Honduras.

Ora la porta della biblioteca si aprì e Lois la fissò intensamente. “Entra, Ines.”

«Non deve…» Ma poi il signor McKeldin rimase in silenzio.

Ines entrò e il signor McKeldin era, come al solito, inginocchiato sul tappeto.

“Perché non si alzi e si tolga i pantaloni, signor McKeldin.” disse Lois comodamente.

Sorrise a Ines. “Che regina del dramma, il signor Mac è. Un’ora fa ho visitato un perito di obbligazioni nel suo ufficio e ha ricevuto lo stesso tipo di percosse con la stessa pagaia in completo silenzio, poi mi ha consegnato cinquecento dollari e mi ha tolto i pantaloni. ” giù e mi leccò fino all’orgasmo.”

“Devo spogliarmi, davanti…”

“L’ha già visto prima, e sì, voglio i pantaloni – tutti i suoi vestiti.”

Le signore hanno guardato mentre il signor McKeldin si spogliava completamente e presto era nudo, con la mano che copriva il suo cazzo.

“Ora è l’ora della peste, caro uomo.”

“E il flagello? Io non-“

“Crudezza, incuria delle tue frasi, hai davvero avuto una brutta settimana, signor McKeldin. E Ines ha contato dodici parolacce. Tre cazzate, quattro cazzate e cinque della “F” parola.

“E una volta ha detto Hells Bells.”

“Grazie, Ines. Ha parlato troppo. Penso che abbia bisogno di una punizione per essersi svegliato, signor McKeldin.”

“No, no, per favore…” Il signor McKeldin iniziò a muoversi in un piccolo ballo sul tappeto. L’umiliazione della sua nudità scomparve pensando alla crudele peste.

Lois non aveva usato il flagello su di lui dallo scorso Ringraziamento. Oh mio Dio, guarda, l’ha tirato fuori dalla sua borsa da palestra e sta giocando con le cinghie di pelle, intervallate da pezzi di zinco taglienti.

Ricordi quei pezzi di metallo affilati che strappano la pelle?

Ma ci stava fantasticando un po’… cosa c’era che non andava in lui?

Il flagello era una frusta corta, ma faceva davvero sentire la sua presenza.

Il signor McKeldin potrebbe facilmente annullare l’intera faccenda, cacciare Lois, licenziare Ines, ma dopotutto Lois è stata pagata. Non le importerebbe.

Basta con le frasi ridicole…

Ma sfortunatamente, il signor McKeldin è stato ipnotizzato da DeLois Hornbake, così come dalla sua graziosa istitutrice. Una volta che Lois ha ordinato, il signor McKeldin è andato a trovare Ines, e gli è piaciuto molto, un po’.

“Inès, perché non guardi il mio flagello? Ti piacciono quei piccoli pezzi di metallo taglienti?

Quando il signor McKeldin si chinò sul bracciolo del divano senza che glielo chiedessero, si coprì il viso con entrambe le mani.

Inês ha preso il flagello da Lois e ci ha giocato. I pezzi di metallo facevano paura, ma dopotutto non ti avrebbero preso a calci in culo.

Lois ride felice guardando il viso sconvolto di Ines.

“Guarda questo.” Lois prese la frusta e la fece oscillare violentemente contro il signor McKeldin. Apparve una brutta sbarra rossa e il signor McKeldin ruggì ma rimase sul bracciolo del divano. Sembrava aggrappato disperatamente al divano.

“Questo flagello è stato scelto dal signor McKeldin. L’ha comprato per mia madre prima che si ritirasse dal servizio estero.”

“Tua madre?” Ines sembrava sbalordita.

“Sì, la mamma vedeva il signor McKeldin e molte altre persone che avevano bisogno dei suoi servizi qui a Buttermilk Falls e anche dall’altra parte del fiume nella contea di Poinsettia.”

“Sì, il signor McKeldin ha preso questa frusta dalla Città del Vaticano, penso sia stata usata per torturare gli schiavi romani. È piuttosto vecchia, ma regge bene.”

Lois ha colpito più forte la frusta, e questo ha fatto a pezzi il signor McKeldin, e ha morso il cuscino per non urlare.

“E scoraggia anche la masturbazione. Alzati e girati, signor Mac.”

“Non voglio esporre le mie parti intime al bene…”

“Signor McKeldin, potrei decidere che non puoi indossare vestiti per un mese, il che significa che non puoi uscire di casa per le riunioni del club di scacchi e tutte quelle altre cazzate da secchione. Un mese, nudo davanti a Ines.”. lo vuoi?”

Lentamente, il signor McKeldin si alzò dal bracciolo del divano e si voltò in modo che le due signore potessero vedere la sua erezione in erba.

“Cosa ne pensi, Inès? Me l’hai detto una volta, ma dimmelo davanti al tuo datore di lavoro.”

“Oh, è così piccolo, non alto.”

“Beh, ha bisogno di esserlo?” Lois scoppiò a ridere. “È l’unico a scherzare su questo. La mamma mi ha detto che l’ultima ragazza del signor Mac era nel 1989.”

“Cosa succede adesso, signorina Lois?”

“Vado a mettere il cazzo del signor Mac sul tavolo e vedere se il flagello riesce a farlo ballare.”

“Che cosa?”

“Ines, devi imparare questo. Se accetto la proposta del dottor LeFrak, dovrai sostituire il signor McKeldin a tempo pieno.”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *