Learning About Myself Pt. 03 – BDSM

di | 21 de Giugno, 2022

Erano giorni che non riuscivo a togliermelo dalla testa. Rifletterebbe su tutto ciò che avevo fatto per occuparmi. Sembravo ancora stordito, le mie mutandine ancora appiccicose. Mi sentivo così sottomessa e continuavo a guardarmi allo specchio per vedere se era evidente sulla mia faccia.

Paul mi aveva scopato davanti a Liz e Paul. Ho provato a pensare che stesse facendo l’amore, ma non riuscivo a convincermi. Bene, ero stato spogliato, le mie tette e la mia figa martellate e poi scopate davanti a loro. Non avevo mai scopato in pubblico, era impensabile fino ad allora. Ho immaginato come sarebbe stato per loro vedere cosa mi avevano fatto, come stavo. La vergogna era avvolgente e anche l’eccitazione.

Ora Liz era tornata a casa mentre stavo progettando di stirare. Entrò, con l’aspetto del gatto che aveva appena preso la crema, il suo profumo che si trascinava dietro di lei. Le mie guance hanno iniziato a bruciare quando mi ha guardato. È stato strano, questa nuova relazione che abbiamo avuto. Non sapevo ancora come procedere, anche se quello che era certo era che il vecchio rapporto si era trasformato in qualcosa di completamente diverso. In un certo senso era tutto nuovo eppure ci conoscevamo da molto tempo e condividevamo molto. Sapevamo come funzionavano le reciproche menti, tranne che per il recente dominio e sottomissione che aveva cambiato le cose tra di noi.

Fu il sorriso, tuttavia, a farmi sapere dove eravamo adesso mentre si sedeva sul divano, incrociando le gambe e allargando le braccia ai lati di lei sul sedile.

“Vieni in ginocchio qui accanto a me. L’ho fatto. Non c’era nient’altro che potessi davvero fare. Non potevo restare lì, e sedermi su una sedia sarebbe stato come essere cattivo. Per lei e Paolo.

“Sai, adoro dirti cosa fare e punirti. È comunque una sorpresa, davvero carina. E non solo, ti eccita, vero, quando le persone ti vedono, ti dicono di spogliarti, Te lo dico io, fai delle cose, vero?

“Sì signora.” Ho guardato le mie ginocchia.

“Ti piace essere osservato, vero? Ti piace che le persone ti vedano doverti togliere i vestiti e metterti in mostra come una puttana sporca, vero?”

“Sì signora.”

“E cosa vedono le persone?

“Vedono il mio corpo, signorina.”

“Certo che lo fai, non essere intelligente con me! Penso che tu possa esprimerlo a parole meglio di così.”

“Vedono le mie tette e… e la mia figa e il mio culo, signorina.” Mi sono fermato e ho notato che inclinava la testa di lato, con aria perplessa, desiderando di più. “Vedono una cagna. Vedono una cagna nuda sottomessa, che sembra meriti di essere punita e usata per fare sesso, signorina.” Tutto scorreva senza che pensassi.

“Sì. Sì. Esattamente quello. E penso che faresti meglio a toglierti quei vestiti molto poco sexy in questo momento, e mostrarmi quella puttana in tutta la sua gloria, giusto?”

“Sì signora.”

“È molto meglio per me vederti toglierli e vederti completamente nuda, vero?”

“Sì signora.”

“E non hai scelta in merito, vero?”

“Non perdere.”

Mi sono tolto la maglietta e l’ho piegata sul divano accanto a lei, proprio come Paul si aspettava che facessi quando mi sono tolto i vestiti. Non dovrei essere sciatto. Mi sono alzato, mi sono tolto velocemente i pantaloni e li ho piegati anch’io. Volevo smettere, ma sapevo che dovevo andare avanti. Ho sganciato il reggiseno e l’ho messo sul mucchio, i miei seni rimbalzavano mentre lei mi guardava. Poi finalmente le mie mutandine.

La sua mano ha preso la mia gamba e mi ha posizionato dove voleva, direttamente di fronte a lei. “Aprire.” Allargo leggermente le gambe. Li ha schiaffeggiati finché non sono stati abbastanza distanti, finché non abbiamo capito entrambi che poteva avere pieno accesso a me. Visivamente, fisicamente, sapevamo entrambi che mi stavo sottomettendo.

“Ti stai eccitando in questo momento, vero Hannah?” Potevo vedere i miei capezzoli sporgere rumorosamente. Potevo sentire il formicolio tra le gambe. Non ero del tutto sicuro del motivo per cui ero eccitato. Era una donna. Ma lei aveva avuto il controllo su di me. Era solo che ero nuda e vulnerabile e sapevo di essere sottomessa a lei. “Ma eri molto più eccitato l’altra sera, vero?”

“Sì signora.”

“Cosa ha fatto svegliare la tua fottuta figa ad Hannah?”

“Prima… quando pensavo mi stessi punendo.” Dio mio. E che mi sono tolto i vestiti e tutti gli altri vestiti e mi hai visto così. Stavo tremando di più ora, il mio respiro accelerava con le parole. “E poi mi hai sculacciato le tette e la figa, signorina.”

“Le sue tette e il suo tumulo erano di una bellissima sfumatura di rosa. Non ero sicuro che sarebbe stato troppo sul suo tumulo e sulla sua figa, ma poi mi sono reso conto che era solo trapuntato laggiù sul suo monticello, giusto, trapuntato contro i corpi degli uomini. Ah., è stato così bello farti questo. Come sono le tue tette?”

“Va bene ora, grazie signorina.”

“Morbido, tenero?”

“Erano la signorina. Avevano delle piccole linee rosse sul righello.”

“E il tuo gatto?

“Ora va tutto bene, signorina. Sono stata gentile.”

“Ti ho sculacciato le tue tette e la tua figa cattiva per eccitarti di più Hannah?”

“Io… Sì, signora.” Non potevo fare a meno di gemere per l’umiliazione.

“Devo dire che eri molto eccitato mentre ti schiaffeggiavo le labbra bagnate e macchiate di sesso!”

“Sì signora.” Ho singhiozzato le parole.

“Sei davvero una cagna, lo sai, non puoi davvero farne a meno.” La sua voce era dolce e comprensiva. “Ma no, è per questo che siamo qui. È così che il tuo corpo ha bisogno di essere trattato. È così che devi essere trattato per un motivo, è questo che ti eccita., non è vero?” È Hannah? Hai bisogno che le persone prendano il controllo di te. Devi essere una specie di schiava del sesso, giusto, piccola troia.

Altre storie erotiche  Why Me? Ch. 03: See No Evil

“Sì signora.” Singhiozzando in silenzio.

Continuò con quel tono colloquiale. “Sai, non ho mai visto nessuno sborrare prima. Ho visto Paul accarezzarti mentre ti sculacciava, ovviamente, ma basta. Non avrei mai immaginato di farlo, tranne che per un video porno Hai fame Riuscivo a annusarti Riuscivo a sentirti Avrei potuto toccarti Come sai David è entrato nei tuoi pantaloni Non ero soddisfatto Ero l’unico a non venire Lei non sembrava arrabbiata Sembrava compiaciuta Io no Non so perché finché non parlò di nuovo “Mi devi un orgasmo” rise.

Liz mi stava massaggiando la coscia ora, seduta sul bordo del divano mentre ero di fronte a lei. La sua mano si mosse su e giù per la mia morbida coscia. Era umiliante, ma sapeva anche l’effetto che aveva su di me.

“È una bella bambina.” Disse con voce divertita mentre allargavo un po’ di più le gambe. “Devi assicurarti di essere bravo a farmi piacere in ogni modo come lo è Paul.” Sei stato fottuto oggi?

“Non perdere.” Non mi è mai venuto in mente di non risponderle, anche se nessuno mi aveva mai fatto quella domanda prima. Ho accettato il tuo dominio molto tempo fa. La sua mano era ipnotica sulla mia coscia e si stava avvicinando alla cima, a poco a poco. La mia tensione sessuale stava aumentando di secondo in secondo.

Con la mano sulla mia parte superiore della coscia, fece scorrere leggermente il pollice lungo le mie labbra, aprendole, e io sospirai e piegai le ginocchia per premerle.

“Oh mio Dio, sento già l’odore di te. Sei una cagnolina arrapata, vero?

“Sì signora.”

“Che cosa siete?”

“Sono una piccola troia arrapata, signorina.” Immagina la gioia di Paul per la mia accettazione. Paul mi aveva insegnato a piccoli passi. Non era estraneo vedermi troia, nuda, lussuriosa. Né era solo una fantasia che potevo dissipare. Era reale ora, pienamente nella mia vita, spingendomi fuori dalla mia zona di comfort.

“Certo che lo sei.” La sua voce era dolce e rassicurante. “Capiamo tutti cosa sei. E capiamo che la tua figa bollente colerà solo per compiacere, per compiacere sessualmente. Lo sei. La tua figa perderà, giusto? non ?

Due dita scivolarono saldamente dentro di me, nella mia figa bagnata. Le mie ginocchia si piegarono ancora di più per la sua comodità. Non potevo nascondere quanto fossi eccitato. Scivolò dentro di me facilmente, le sue dita emettevano suoni morbidi e liquidi mentre scivolavano nella mia fessura calda e appiccicosa. Ho sentito la testa girare leggermente per il piacere, con l’intensità delle sensazioni, e poi ha iniziato a muovere le dita dentro e fuori con una lentezza esasperante.

“Io… io… io… sì. Signorina.” sussurrai con voce roca. “Sì. Sì. Avanti. Signorina.” Potevo sentire le sue dita trafiggermi, sentire le mie labbra allungarsi intorno a loro. E i miei seni con i loro capezzoli duri come una roccia mentre rimbalzavano al ritmo esasperante che mi stava dando Liz.

“È una brava puttana. Guarda com’è stato facile. Chi ha il controllo sessuale su di te adesso?”

«Tu e Paul, signorina.

“Sì. Ci hai dato tutto, vero, totalmente.”

“Sì signora.”

“Il tuo corpo da puttana ora è nostro. Ti piace, vero?”

“Sì signora.” Sospirai.

“Ci prendiamo cura di te e tu sei solo il nostro giocattolo. Se voglio che il tuo sudicio corpicino lo mostri, e ogni volta che voglio che tu lo mostri. vero?”

“Sì signora.” Le sue dita continuavano a fottermi mentre io rimanevo passivo per lei, i miei fianchi spinti verso di lei, le mie mani dietro il mio culo. Potevo sentire un orgasmo avvicinarsi lentamente.

“Sarai disciplinato ogni volta che lo riterrò necessario, usato quando voglio. Il tuo corpo non è tuo. È nostro. Paul e il mio. Non puoi toccare quella figa appiccicosa bagnata quando vuoi. Puoi toccarla solo con il permesso. ” , vieni solo con il permesso, coprilo solo con il permesso. Capisci quanto hai bisogno di noi, quanto ci appartieni, vero?

“Sì signora.” Ansimando ora, volendo tenerlo per il braccio mentre mi scopava.

“Brava ragazza, non dimenticarlo mai. Metti le mani sulla testa. Ecco fatto, ora spingi le mie dita su e giù. Su e giù. Sì, tieni le cosce aperte. Vuoi che lo veda.” scopare la figa con le mie dita, giusto?” Mi sono sporto in avanti, inarcando il mio corpo, i miei seni si gonfiavano e rimbalzavano leggermente. Era così umiliante. Ero il suo burattino e lei guardava le sue dita giocare con me. Sapevo di essere così bagnata che le sue dita sarebbe lucido e stavano emettendo rumori morbidi nella mia figa.

“A proposito, non mi ero reso conto che eri così rumoroso quando venivi fottuto, nei tuoi piccoli sporchi bisogni.” Ero consapevole dei deboli gemiti ora mentre mi rallentava, impedendomi di raggiungere l’orgasmo.

“No!” Lei rise. ” Non adesso. Sei qui per divertimento, non per divertimento. Se sei davvero bravo, posso lasciarti soddisfare quei bisogni sporchi più tardi. Perché sei qui ? Le sue dita mi hanno fatto scivolare.

“Per compiacere. Per compiacere te. Mi dispiace. Sarò gentile signorina. Lo farò, sarò gentile. Farò qualsiasi cosa.”

E sapevo di aver ceduto. Ha ceduto a me così come a lei. Ho strofinato il mio cazzo contro l’aria, dondolandomi lascivamente senza mani sul mio cazzo.

Lei rise. “Certo che lo farai. Non è per litigare. Ma non puoi ancora venire, sudicia puttana. Non pensi nemmeno di toccarti senza permesso. Mi senti?”

Altre storie erotiche  The Bisexual Submissive Pt. 04 - BDSM

“Sì, signorina. Intendo niente signorina. Non mi toccherò senza permesso. Non mancare mai.”

“Pulire.” disse porgendomi le dita alla bocca. Obbediente, li succhiai e leccai i miei abbondanti succhi. Sembrava più degradante con un’altra donna.

Ho dovuto fare quello che mi è stato detto. Sapevo che volevo fare quello che mi era stato detto, accettarmi come una puttana, volevo compiacerlo. È stato più facile quando ho accettato me stesso. Emozionante solo per essere quella troia per loro, un giocattolo. Potevo lasciarmi andare, fare tutte le cose che era stato detto alla tua cagna, tutte cose che non potevo permettermi di fare in nessun altro modo. Sapevo perché ero lì. Io appartenevo a lei ea Paul. Quelle che consideravo le mie parti intime non erano più nemmeno mie, non prendevo decisioni al riguardo se non pulirle. Era bello avere il mio corpo in mostra, da usare, come volevano e io li avrei lasciati, volevo. È stato bello. Liz poteva vedere le mie labbra tutte gonfie, bagnate e bisognose, e quindi, poiché mi ha detto cosa ero, ha giocato con me, mi ha toccato. Mi comportavo come una cagna sottomessa perché era quello che ero veramente. Ci avevo pensato molte volte, ma potevano portarlo nel mondo reale ogni volta che volevano e io ero impotente, non potevo fermarli e sembrava deliziosamente imbarazzante. Non potevo nascondermi con loro. Non ne avevo bisogno.

Si alzò, si tolse i pantaloni e tirò da parte le mutandine. Invece di sedersi, si appoggiò al bracciolo del divano, seminuda, i peli pubici ben tagliati. Mi fece inginocchiare di nuovo, incrociando le braccia dietro di me. In uno stato di stordimento, feci come mi era stato detto, i miei seni sporgevano lascivi. Sono stato afferrato per i capelli e tirato tra le sue cosce aperte e nude prima che il pensiero prendesse piede. Il suo pube era bagnato e piatto. Si spinse in avanti, allontanandosi. Ho potuto vedere che era eccitata prima che la mia testa fosse tirata rudemente verso di lei e contro le sue labbra, l’odore del suo cazzo era forte nelle mie narici.

Non avevo mai veramente annusato un’altra ragazza o assaggiato un’altra. La mia bocca era stretta sulla sua figa aperta, soffocante la vicinanza. Aveva un sapore leggermente diverso dal sapore dei miei succhi che mi leccavo dalle dita o da quello di Paul. Un’altra donna, la mia bocca sulla figa di un’altra donna! La mia testa sobbalzò per muovermi contro di lei e capii. L’ho esplorata lentamente con la lingua e le labbra, alla disperata ricerca delle cose giuste per compiacerla. È così strano sentirla qui. Mi sentivo come se fossi in un caldo nido tra le sue cosce, il suo gusto e il suo odore quasi mi sopraffacevano. Le ho leccato il clitoride e ho sentito la sua spinta. Mi ha entusiasmato accenderlo.

A poco a poco, ho potuto sentire di più le sue risposte man mano che sono diventato più consapevole di lei. Volevo che le piacesse quello che stavo facendo. ho rabbrividito. Paul si aspettava che fossi bravo, che facessi bene. Le mie mani erano sulle sue cosce calde. Leccai la valle tra le sue labbra. I suoi succhi e la mia saliva si mescolarono, coprendo lei e il mio viso. Leccavo, mordicchiavo, facevo qualunque cosa pensassi di poter piacere a me stessa. Il tempo si è fermato. Notai il modo in cui il suo corpo sussultava e si sfregava contro il mio viso, diventava sempre più eccitata, più vicina. Leccai più forte e mi premetti contro il suo corpo bagnato finché non si bloccò, potevo sentire le sue gambe rigide e tese, sul bordo. Poi ha spinto forte contro di me, poi ha tremato e la mia faccia era molto più bagnata. Aveva lo sperma. In quel momento, si trattava di lei, di abbandonarsi a ciò che stava accadendo perché le piaceva. Adesso ero sua, da usare per il suo piacere. L’avevo fatto. Avevo portato un’altra donna. Lei e Paul sarebbero stati felicissimi.

Rimasi in ginocchio mentre lei si asciugava e si vestiva. Ero molto consapevole del pulsare tra le gambe, nei capezzoli, delle macchie rosse di emozione sul petto, del calore del mio viso. Un piccolo sorriso era sul mio viso, insieme a abbondanti quantità di succo di ragazza.

“Ora, cagna, dimmi cosa hai appena fatto.”

“Ti ho leccato signorina.”

“Sì, l’hai fatto, ma sei ancora noioso. Dimmi in dettaglio cosa hai appena fatto.”

“Ti ho leccato la figa, signorina. L’ho leccata e succhiata. Finché non sei arrivata, signorina.”

“Sì, l’hai fatto, cagna. L’hai fatto e lo farai di nuovo ogni volta che ti dico che non lo farai.”

“Sì signora.”

“La prossima volta possiamo far guardare i ragazzi, ora che ci sei abituato. Resta nudo e non pulire finché il tuo Paul non torna a casa.”

Poi mi ha lasciato. Sempre in ginocchio, ho quasi pianto un po’, sentendomi un po’ dispiaciuto di non essere venuto, o di non aver avuto il permesso di farlo. Il mio corpo pulsava, doveva essere rilasciato. L’accettazione era più facile ora. Stare in piedi nuda con la faccia coperta dai suoi succhi è stato umiliante e mi ha fatto pulsare il clitoride.

Gli dovevo tutto diciamo, tutto in dettaglio. Come l’ho leccato, come mi ha eccitato. Quanto mi sentivo sporco, quanto cattivo e cattivo. Come avevo bisogno che mi sculacciasse. Rendimi il culo caldo, molto rosso e caldo. Lui fece. Sono strisciato sul suo ginocchio nudo con il mio cazzo già gonfio. I suoi schiaffi sul mio culo echeggiavano ed echeggiavano e il calore si diffondeva attraverso di me. Ripulito, mi ha lasciato totalmente ad accettare.

Altre storie erotiche  Femdom Farms Ch. 01-04 - BDSM

Sono rimasto alla finestra. Senti le mie guance brillare, il calore dentro di me. Volevo toccarmi. Ho pensato al fatto che mi ha dato Liz. Ovviamente mi voleva ancora, voleva che mi sottomettessi a lui. Improvvisamente ho capito che mi stava ferendo ancora di più lasciando che Liz mi usasse. Ho sentito un’ondata di liquido tra le gambe.

Mi ha scopato dopo. È stato meraviglioso. Mi ha messo sul bracciolo del divano in modo che il mio culo rosso fosse per lui e le mie gambe aperte per lui. Era così duro, mi ha scopato così forte. Mi sono dato il permesso di venire mentre lui mi scopava forte, il suo corpo che schiaffeggiava le mie guance maltrattate.

Al lavoro, ci si aspettava sempre di essere sempre al passo con le cose, di avere tutte le risposte giuste e di sapere come fare qualsiasi cosa. In precedenza, avevo preso questo nella mia vita privata che mi ero reso conto. Paul lo capì e mi prese per mano. Mi piaceva passare il controllo a Paul, era un bene, non controllarmi mi spaventava ma mi eccitava sempre di più. Era anche molto meno stressante accettare le sue decisioni invece di prenderle. Mi ha liberato. Rendersi conto che questo è stato un grande cambiamento. Ora mi sentivo come se fosse avvenuto un altro grande cambiamento, farmi scopare davanti a Liz e David e dover leccare Liz, anche se la vita andava avanti e quei cambiamenti non erano così grandi come pensavo in origine, erano solo aggiunte all’iniziale i cambiamenti. nella mia vita. Le circostanze stavano cambiando, ho capito che la vita continua.

La prossima volta che siamo stati con Liz e David in una delle nostre case, mi è stato chiesto di togliermi il maglione e il reggiseno e siamo andati a casa. Quando siamo partiti ho dovuto togliermi le mutandine al ristorante al tavolo, cercando di non essere ovvio mentre me le tiravo giù per gambe e piedi. Ho dovuto darli a Paul che poi li ha annusati prima di restituirmeli per mettermeli in bocca. Ci potevo assaporare, lo sapevano tutti. È stato umiliante.

Eravamo a casa, quindi essere seminudi non era così diverso per me, perché Paul me lo faceva spesso. Ovviamente, mi sono sentito molto imbarazzato dal fatto che i miei seni fossero visibili e i miei capezzoli fossero duri ed evidenti. David era ovviamente agitato, ma Liz lo ha avvertito e ci ha detto che in realtà lo aveva sculacciato l’ultima volta che si era infilato nei pantaloni. Ero scioccato e David sembrava totalmente umiliato. Sorrido tra me e me, sapendo com’era per me.

Liz mi ha chiamato per mettermi accanto a lei. Fece scorrere la mano lungo la mia coscia interna tra il mio ginocchio e la parte superiore in pizzo del mio calzino, accarezzando su e giù e io rabbrividii al ricordo dell’ultima volta che l’aveva fatto. Ho guardato il tappeto. Tornò alla conversazione fino a quando non morì lentamente quando i due uomini si resero conto di cosa stava facendo. Anche se era diverso da lui, anche David in quel momento era silenzioso.

“David, voglio che tu sappia che non è il tuo giocattolo. Puoi giocare con lei, ma solo quando glielo permettiamo, lei appartiene a me e Paul, non tua. Puoi toccarla, ma non puoi fotterla .” Il tuo cazzo non è.” per entrare lì. In nessun modo, da nessuna parte. Lo capisci?

“Sì, sì Liz.”

“So che desideravi la cagna. Non ti combatterà, ma non ti obbedirà. Probabilmente farà quello che le dici entro i limiti. Puoi goderti un po’ di lei, puoi sentirla.” , probabilmente ti segherà e ti leccherà se vuoi. Ora che ne dici, David? »

“Grazie Liz.”

“Puttana, vai e stai vicino a lui.” L’ho fatto. I miei occhi non lasciano mai il suolo.

Si rivolse a Paolo. Anche David era sottomesso. Adesso potevo vedere quanto lui poteva vedere che ero sottomesso. Ho visto la sua bocca muoversi, ma non è uscito niente.

“Va tutto bene David. Non mi dispiace.” Quindi a me, “Chi appartieni ad Hannah?”

“Per te, signore. E anche per te.”

“Rien de ce que tu feras ne changera cela, David. Tu peux regarder, tu peux jouer. Un peu. Fais ce que tu veux avec elle dans nos limites. Ni Liz ni moi ne serons en colère contre toi. Tu peux la toucher adesso. “

David ha guardato me, i miei seni, la mia gonna, i miei seni di nuovo. Sempre in piedi, lasciò che la sua mano mi toccasse, la vita. Mi passò timidamente la mano sulla pelle, i miei occhi si spostarono sul suo viso, i suoi occhi. David non mi ha guardato. Sapevo che era al sicuro. Potevo vedere Paolo. Gli ero vicino. Era lì, come quando eravamo al parco, a proteggermi, anche se sapevo che con David non ne avevo bisogno. Mi ha toccato il seno. Era gentile, attento. Se avessi 16 anni, mi sarebbe piaciuto, ma ora ero diverso ora, avevo bisogno di altre cose ora. Sembrava irritante, ma non l’ho mostrato. Ho lasciato che mi annusasse. Sapevo che dovevo accontentare nonostante tutto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *