Learning to Let Go – BDSM

di | 5 de Agosto, 2022

Jonah non riusciva a ricordare un momento in cui fosse più nervoso.

Per abitudine, si è presentato molto presto alla Cheesecake Factory e ha aspettato a un tavolo.

Per lei.

Alla donna con cui stava chattando online ed esponendo alcune delle sue fantasie più profonde e imbarazzanti.

La donna che voleva incontrarlo di persona.

La Domme che desiderava così tanto.

Mentre era perso nei suoi pensieri, sentì la sua voce.

«Devi essere Jonas.

Alzò lo sguardo e vide Vivian. Era così bella. Era formosa e in forma, ma non una figura stilizzata. I suoi capelli castani ricci sembravano così morbidi. I suoi occhi erano così scuri e sensuali. Sbatté le palpebre diverse volte prima di rendersi conto di non aver risposto.

” Oh ! Uh, sì, sono Jonah. È un piacere conoscerti, Vivian.

Vivian scoppiò a ridere. Questo ragazzo era adorabile. Magra e magra senza sembrare debole, con un bel viso da ragazzo che una barba ispida non poteva nascondere. Era un po’ preoccupata per questo incontro, chiedendosi se stesse mentendo durante le conversazioni o inviando foto false, ma i Jonas di fronte a lei assomigliavano più o meno ai Jonas che aveva immaginato.

I due stavano chattando su un forum BDSM da quasi un mese a quel punto. Avevano una chimica normale (come la stessa musica, un senso dell’umorismo che si completava a vicenda, entrambi i cristiani) ma si legavano davvero nelle loro fantasie.

Vivian era dominante e Jonah era sottomesso.

Quando hanno scoperto che i due vivevano a Los Angeles, Vivian ha deciso che dovevano incontrarsi. Jonas era d’accordo con lei.

Si sedette e gli sorrise. Lui aveva 23 anni e lei 31, quindi non sembravano una coppia normale, ma non volevano essere una coppia normale.

Jonah tamburellava con le dita sul tavolo.

“Non so davvero cosa fare, a dire il vero”.

Viviane ride di nuovo.

“Ora andiamo ad un appuntamento. Possiamo metterci al lavoro più tardi.”

Lui annuì, desideroso di compiacere.

Hanno cenato e la conversazione è andata bene tra di loro. Mangiavano, parlavano e ridevano, godendosi la reciproca compagnia. Quando è arrivato l’assegno, Vivian l’ha preso.

“Non dovremmo separarci? chiese Giona.

“Assolutamente no. Che tipo di Dominatrice sarei se non potessi prendermi cura della mia sottomessa?”

Ha deglutito. Stava cominciando.

Mentre aspettavano, Vivian afferrò entrambe le mani di Jonah.

“Se vuoi iniziare, potrei portarti a casa mia. Sta a te se andiamo avanti.”

Jonah annuì di nuovo, sentendo il sangue affluirgli alle guance.

Vivian aveva dominato e controllato per anni, ma Jonah era relativamente inesperto. Aveva avuto solo una relazione seria prima, ed era del tutto convenzionale. Non aveva ancora sperimentato l’essere controllato. Voleva prendersi cura di questo bambino, mostrargli che il BDSM non è niente da temere e niente di cui vergognarsi.

Hanno ritirato l’assegno e Vivian ha iniziato ad alzarsi.

“Hai preso la metropolitana qui, vero?”

“Sì, Viviana.”

“Bene. Vieni a casa con me stasera.”

Jonah la seguì fino alla porta.

Il viaggio di ritorno a casa sua è stato relativamente tranquillo. Vivian non disse niente e Jonah sentì che non era il suo posto per parlare. Sono arrivati ​​al suo appartamento in circa cinque minuti.

Vivian parlò mentre la porta si chiudeva.

“Voglio che non indossi mai vestiti a casa mia a meno che non lo dica io, capisci?”

“Sì signora.” Rispose esitante.

Lei sorrise. “Lei è l’amante per te, ragazzo mio.”

“Mi dispiace signora.” Si è tolto i vestiti. Notò che si fermò per un momento prima di togliersi le mutandine.

Aveva un pene piccolo. Lo sapeva già e gli disse che era irrilevante, addirittura preferibile, ma che era qualcosa che nessun uomo voleva mostrare.

Jonah finalmente si tolse le mutande e il suo membro fu scoperto. Era di circa 4 pollici quando era flaccido, più grande del normale, ma era una doccia e non un coltivatore. Si vergognava così tanto al pensiero delle donne del passato che si eccitavano quando lo vedevano tenero e deluse quando si induriva.

Vivian si avvicinò e ispezionò la sua attrezzatura.

“Non è molto grande, vero?”

Lui annuì lentamente.

“Beh, non dovresti essere un tale coglione per me. Sei il mio sottomesso. È il cazzo di un sottomesso.”

Sentì il suo pene indurirsi un po’.

Si passò le mani su tutto il corpo. Era alto 5’9″, solo 2 pollici più alto di lei. Indossava scarpe che l’avrebbero fatta sembrare imponente, nessun problema. Il suo corpo non era troppo peloso e piuttosto pallido. Essendo una donna di origine israeliana, provava piacere ad avere la pelle più scura della tua sottomessa.

“Sei un bel ragazzo, Jonah,” disse infine. “Mi divertirò a giocare con te.”

Era così entusiasta di sentirla dire così.

“Grazie signora.”

“La tua parola sicura è ‘stingray’. Puoi dirlo in qualsiasi momento.”

Sorrise con sicurezza e gli afferrò la mano, conducendolo nella sua stanza.

“Vai a letto,” ordinò togliendosi il reggiseno e le mutandine.

“Sì signora.”

Si baciarono per la prima volta, anche se sarebbe più corretto dire che lei gli aveva devastato la bocca.

Vivian annusò, accarezzò e baciò Jonah. Lo ha persino morso in alcuni punti selezionati. Gemeva e sospirava come un cane in calore.

Jonah non era mai stato così eccitato in vita sua. Si sentiva come se ogni cellula, ogni nervo del suo corpo fosse sotto il suo controllo. Era duro come una roccia e trapelava senza che lei si avvicinasse nemmeno a toccargli il cazzo. Era come se stessi volando.

Altre storie erotiche  Laura's Femdom Empowerment Ch. 03

La Domme succhiò sempre più forte il collo della sua sottomessa finché non urlò. Sapeva che si sarebbe formato un segno. Voleva che questo ragazzo fosse contrassegnato come suo.

“Ora mi mangerai la figa”, dichiarò.

Lui annuì. Aspettò un secondo che lei si togliesse i pantaloncini da uomo, ma quando non lo fece, capì cosa voleva e se li tolse lui stesso.

Il suo cazzo era caldo, bagnato e invitante. Si tuffò come se fosse la cosa più naturale del mondo.

Vivian gli afferrò la testa per fermarlo.

“Rallenta, ragazzo. Non è una gara. Fai come dico.”

“Mi dispiace signora.”

“Non essere dispiaciuto, ascoltami.”

Gli disse come voleva che lo facesse, come fosse gentile e deliberato invece di sbavare come un cane.

“I ragazzi si lamentano delle ragazze che mi danno metà della testa, ma sono così colpevoli di seguire il flusso. Non è per lasciarmi andare, è per farmi piacere, quindi comportati così”.

Jonah si aggrappava diligentemente a ogni parola, volendo essere il miglior mangiatore di fighe che poteva essere per lei. Entrambi notarono che anche se non c’era più stimolazione per lui, la sua erezione non era affatto diminuita.

Per quasi trenta minuti, ha seguito le sue istruzioni. Alla fine è diventata dura e lui si è seduto aspettando che si calmasse. Vivian finalmente si siede.

“Guardami.”

Obbedì, terrorizzato di aver fatto qualcosa di sbagliato.

“Sei un bravo ragazzo, Jonah. È stato meraviglioso.”

Tanta soddisfazione lo invase in quel momento che ebbe paura di piangere. Voleva sentire quelle parole così tanto. Era un bravo ragazzo. Era il tuo bravo ragazzo.

“Ottieni una piccola ricompensa, sottomarino. Vieni qui.”

Lui si avvicinò a lei e lei lo fece girare in modo aggressivo, immergendosi e prendendo facilmente tutto il suo cazzo in bocca. Guaiò come un animale spaventato.

Jonah era inorridito all’idea di far esplodere il suo carico in meno di un minuto, ma non c’era niente che potesse fare per impedire che il suo orgasmo si avvicinasse. Salì e salì fino a raggiungere il bordo…

E poi si è fermata. Si appoggiò allo schienale, lasciandolo sul filo del rasoio. Non aveva idea di cosa stesse succedendo.

“Cos’è quello sguardo?” chiese Viviana.

“Io… ehm…”

“Sputalo fuori.”

“Voglio davvero venire, signora.”

Sorrise di nuovo.

“No. Non avrai l’orgasmo stasera.”

Lo disse così casualmente che Jonah capì che doveva aver fatto un pasticcio da qualche parte. Aveva fatto qualcosa per farla incazzare e ora veniva punito! Suo malgrado, sentì tremare il labbro inferiore.

“M-Lady, cosa ho fatto di sbagliato?” Sei arrabbiato con me? »

Senza una parola, lo afferrò e lo strinse in un forte abbraccio.

«Niente affatto, piccola. Sembra che ti senta come se ti stessi negando di punirti. È solo per mostrare chi è responsabile. Se fossi arrabbiato con te, non ti succhierei il cazzo come se potessi raggiungere l’orgasmo, e questo sconvolgerà il tuo mondo, ma non stasera, ok?”

Lui annuì. Gli accarezzò i capelli come se fosse un bambino. Ha parlato pochi minuti dopo.

“Io… mi dispiace di essere andato nel panico in quel modo, padrona,” gemette. “Sono nuovo a questo.”

“Va tutto bene, ragazzo. Sei ancora un cucciolo in addestramento, quindi è mio compito essere paziente con te.”

Lo baciò così teneramente, così teneramente.

I due si sono rilassati insieme a lungo, Vivian in mutandine e Jonah ancora senza niente. Alla fine li fece sedere entrambi.

“Allora, Jonah,” disse Vivian. “Com’è stata la tua prima esperienza con il sottomarino?”

Poteva dire dal cambiamento di tono che la scena era finita, quindi ha risposto come avrebbe fatto normalmente.

“È stato fantastico. Non mi sono mai sentito così prima. Ti è piaciuto?”

“Assolutamente. Sei un sottomesso nato. Sono contento che ci siamo incontrati.”

Vide qualcos’altro nella sua espressione.

“Cos’hai in mente?”

Abbassò lo sguardo come se fosse imbarazzato.

“È un po’ strano pensare a come non ce l’ho fatta. Non è mai stato un problema per me. Non è mai stato difficile e sono sempre stato in grado di farlo. Ma ora non c’è più e sembra… strano”.

Lei annuì comprensiva.

“All’inizio è sempre imbarazzante, ma la negazione fa parte della sottomissione e rende gli orgasmi spettacolari quando finalmente arrivano. Inoltre, non è che ti ho ammanettato o altro”, gli fece un gesto. “Se davvero volevi andartene, avresti usato la parola sicura o semplicemente giù e l’hai fatto da solo, ma non l’hai fatto. Questo mi dice che lo vuoi davvero.”

Alzò le sopracciglia per lo shock. Era completamente vero e non se ne era mai accorto. Disobbedirgli non gli era nemmeno venuta in mente come una possibilità. Probabilmente faceva parte dell’avere tendenze sottomesse.

I due parlarono ancora un po’ prima che Vivian decidesse di dormire. Jonah guardò il letto confuso.

“C’è solo un cuscino.”

Lei rise. “Non è vero. Hai due cuscini qui.” Indicò il suo petto e spalancò gli occhi.

“Serio?”

“Certo. I bravi ragazzi dovrebbero dormire comodamente.”

Certamente ci volle un po’ di manovra e di adattamento, ma alla fine i due si stabilirono in una posizione con cui erano entrambi a proprio agio, Vivian sulla schiena e Jonah rannicchiato contro il suo viso e la sua testa, appoggiandosi contro i suoi seni. Lei mise le braccia intorno al suo corpo nudo. Lo faceva sentire piccolo, come se lo stesse proteggendo. Era così buono.

Altre storie erotiche  Letter from Terra Haute - BDSM

Vivian si chinò e le prese il culo.

“Hai un culo dolce per un ragazzo magro”, ha detto.

“Sono felice che ti piaccia.”

“Ci divertiremo con questo uno di questi giorni. Lo sai, vero?”

“Sì,” sospirò sognante.

“Ora dormi un po’, Jonah. Hai passato una bellissima giornata.”

Si rannicchiò un po’ più vicino. “Sì signora.”

*****

Jonah era così disorientato quando si è svegliato. È come se subito dopo aver detto la buona notte, sbatté le palpebre ed era mattina. Non era caduto in un sonno così profondo e senza sogni da quando era bambino.

Non voleva ancora muoversi. Si sentiva così a suo agio nascosto tra i seni di Vivian. Erano più grandi, probabilmente una coppa C o D, e sembravano così morbidi e invitanti. Gli venne in mente che non li aveva nemmeno visti scoperti. Non gli importava. Era responsabile; li avrebbe visti quando lei pensava che l’avrebbe fatto.

Jonah si rese conto che Vivian era sveglia quando iniziò a strofinarsi la schiena con la mano. Mosse la testa per poterla guardare.

“Ciao, ragazzo mio,” disse.

Sorrise. “Ciao, Viviana.”

Si baciarono e lui si voltò in modo che potessero guardarsi l’un l’altro.

“Avete dormito bene?” lei chiese.

Giona scoppiò a ridere. “È stato il miglior sonno che abbia mai avuto.”

Vivian allungò una mano e le accarezzò la guancia. “Dovremmo parlare di cosa vogliamo fare dopo”.

Lui annuì. Nella loro chat online, le ha detto che voleva una donna che avrebbe fatto di più che dominarlo in camera da letto. Voleva qualcuno che gli dicesse per cosa spendere i suoi soldi, quale dovrebbe essere il suo programma e in generale prendere decisioni importanti nella sua vita. Jonah non voleva essere rinchiuso in una gabbia o diventare uno schiavo, ma voleva sentirsi come se appartenesse, sia come possesso che come partner.

Vivian sapeva tutto questo, ma sapeva anche che aveva bisogno di sollievo. Doveva iniziare lentamente o lui sarebbe stato sopraffatto e forse avrebbe anche provato a scappare. Gli accarezzò il viso e decise da dove cominciare.

«Ti piace avere la barba, Jonah?

“Non proprio. Ne ho solo uno per nascondere la faccina.”

Lei gli accarezzò la guancia. “Penso che una piccola faccia da bambino ti farebbe bene. Voglio che ti radi e mantieni il viso liscio.”

Lui annuì. “Sì signora.”

Viviana sbadigliò. Era sabato, quindi nessuno dei due aveva un posto dove andare, ma decise che per il momento si erano divertiti abbastanza.

Jonas si è vestito e si è preparato per partire. Vivian lo fermò proprio mentre si stava dirigendo verso la porta.

“Ci incontriamo venerdì prossimo. Hai il mio permesso di venire prima, ma può succedere solo una volta.

Lui annuì in modo remissivo.

“Uso il sistema dell’onore, ragazzo mio. Sta a te e solo a te seguire il mio ordine. Posso contare su di te?”

Jonah guardò negli occhi meravigliosi della sua Domme.

“Puoi contare su di me, Viviane.”

Lo baciò e gli disse che era un bravo ragazzo. Stava sorridendo da un orecchio all’altro quando se ne andò.

*****

La settimana successiva è stata difficile per Jonas. Voleva aspettare fino a metà settimana per avere il suo unico orgasmo, ma non si è tirato indietro e si è masturbato domenica. Era eccitato e voleva masturbarsi per tutta la settimana, ma ogni volta che era tentato pensava a Vivian che gli diceva che contava su di lui. Non poteva deluderla.

I due uomini hanno scritto per tutta la settimana e lei lo ha incoraggiato, dicendo che sapeva che stava mantenendo la sua promessa e che la rendeva così felice di avere una sottomessa che le obbediva. Fu questo incoraggiamento a mantenerlo fedele alla sua parola.

Il venerdì successivo sono andati a vedere un film. Vivian ha insistito per dire a Jonah che sembrava adorabile, ben rasato e voleva che rimanesse così. Le assicurò che si sarebbe rasato ogni giorno se fosse quello che lei voleva. Dopo il film, sono tornati nel suo appartamento. Lui si spogliò completamente e lei ancora una volta tenne reggiseno e mutandine. Voleva davvero vederla nuda, ma non voleva pretenderlo da lei.

Quella notte, Vivian giocò con il corpo di Jonah mentre era bendato, e perdendo la vista seppellì l’ago in tutte le sue altre direzioni. Il suo corpo formicolava quando lo toccò. Poteva sentire i loro cuori battere. Pensava persino di poter sentire la propria eccitazione e pre-sborra.

C’è stato un momento in cui Vivian si è seduta direttamente sulla sua faccia e ha iniziato a mangiarla nell’istante in cui si è reso conto che si era tolta le mutandine. Ricordò tutti i consigli che lei gli aveva dato. La sua delicatezza e attenzione ai dettagli non lo sono passato inosservato da Vivian. Era così eccitata dal suo ardente bisogno di compiacere che è arrivata nella metà del tempo della sessione precedente. Voleva dargli una ricompensa per essere stato così bravo.

Si alzò per prendere dell’Astroglide, ma decise di aspettare, per farlo contorcere un po’. Rimase lì e lo guardò passare dall’attesa al confuso. Quando sentì che si stava annoiando, si avvicinò e iniziò a respirargli nell’orecchio.

Altre storie erotiche  The Bureau of Pleasure Control Ch. 02 - BDSM

L’eccitazione di Jonah salì alle stelle. Era così raggomitolato che pensava che avrebbe spruzzato al minimo tocco. Per alcuni minuti agonizzanti ha giocato intorno al suo cazzo, accarezzandogli le palle o accarezzandogli i peli pubici. Poi, dopo quelle che sembravano ore, ha afferrato il suo cazzo e se l’è masturbato.

Le ci vollero circa cinque secondi per avere un orgasmo intenso e non rallentò nemmeno. Per la prima volta nella sua vita, sentì arrivare un secondo orgasmo. Era doloroso, ma una sensazione di sottomissione deliziosamente erotica.

Vivian era entusiasta di rivedere il suo film secondario. Gli prese i due carichi e glieli diede, ancora bendata. Lo baciò ancora un po’ prima di permettergli di toglierlo.

Quella notte accarezzò Jonah, che era quasi in posizione fetale. Hanno dormito felici insieme.

Fu il giorno successivo che Vivian prese la decisione di fare il passo successivo.

“Ti raggiungo la prossima volta, ragazzo. Devi prepararti.”

Jonas inarcò le sopracciglia.

” Come ? Non dovrei farmi un clistere quella notte? »

“I clisteri non sono qualcosa su cui dovresti fare affidamento. Ripuliscono il colon, uccidendo persino i batteri buoni che ti mantengono in salute. L’unico modo sano per essere davvero pronti a farti scopare in ogni momento è usare le fibre”.

Ha lasciato la stanza ed è tornata con una bottiglia dal suo armadietto delle pillole della cucina. Vivian gliel’ha lanciato e lui l’ha cercato.

“Questi sono integratori di fibre progettati per purificare una persona per il sesso anale. Li prendo e hanno cambiato la mia vita. Prendi 3 al mattino e 3 alla sera durante la settimana, assicurandoti di bere anche molta ‘acqua. Tu’ Sarò pulito.’ come un fischio in poco tempo.”

Ne versò un po’ e vide che erano gigantesche capsule di cavallo piene di polvere beige.

“Come posso ripagarti per questo?” chiese Giona.

Lei sorrise.

“Quella prima bottiglia è un regalo. Sarete conquistati e vorrete comprarli quando avrete finito.”

Lui annuì. Era un’altra cosa che avrebbe aggiunto alla sua routine quotidiana per il bene di Vivian. Era entusiasta che lei stesse prendendo il controllo di una nuova parte della sua vita.

Jonah ha scoperto che Vivian non ha reagito in modo eccessivo agli integratori di fibre. I primi giorni aveva feci enormi, poi il suo corpo è diventato regolare. Più o meno alla stessa ora ogni giorno, cagava e scopriva di aver bisogno di pulirsi sempre meno. Giovedì si sentiva abbastanza pulito da sondare la porta sul retro. È stato strano, ma anche eccitante. Sembrava impertinente, tabù. Amava quella sensazione.

Ma si è ripreso prima di poter fare qualsiasi altra cosa. Non spettava a lei decidere cosa fare con il suo buco. Il suo corpo ora apparteneva a Vivian.

*****

Non c’era una prefazione per una data questo venerdì. Stava semplicemente facendo un salto nel suo appartamento a una certa ora per poter iniziare a fare il passo successivo nella loro relazione D/s.

Jonah era pronto come avrebbe mai potuto essere. Stava usando salviette per neonati per pulirsi meglio che poteva e non faceva da giorni. Voleva dare il massimo.

Non appena Vivian lo fece entrare, si spogliò, ormai per abitudine. Era vestita in lingerie che la rendeva sexy e molto potente.

“Sei meravigliosa, signora.”

“Grazie, sottomarino. Stanotte, vale la pena travestirsi. »

La seguì nella sua camera da letto e, dopo alcuni rapidi baci, lei gli disse di salire sul suo letto. Dovrebbe sdraiarsi a pancia in giù e allargare le gambe. Si mise un cuscino sotto i fianchi e puntò la piccola coda ai suoi piedi. Si tirò indietro e guardò Jonah, posato in una posa così sporca e remissiva. Gli stava bene.

“Quanto sei pulito ragazzo?”

“Non sapevo che il mio ano potesse farlo tatto è pulito, signora. Questi integratori di fibre sono incredibili. Grazie per avermi detto di prenderli”.

“Prego. Gira la testa così posso mostrarti qualcosa.”

Jonas obbedì e rimase senza fiato per quello che vide.

Vivian aveva indossato il vibratore da cintura, il primo di molti che aveva pianificato di usare alla fine sulla sua sottomessa. Era lungo sei pollici e aveva una circonferenza di cinque pollici. Era nero e lucido, niente a che vedere con un gallo. Sembrava imponente. instancabilmente.

“Questo è ciò con cui intendo fotterti, Jonah. È più grande di te. Molto più grande, in effetti. Lo userò per fotterti più forte di quanto tu possa mai sperare. fottimi. Come ti senti?” , Ragazzo?”

Il sub deglutì, sentendosi improvvisamente molto secca la gola.

“È… è un po’ spaventoso, ma… è eccitante allo stesso tempo…”

Viviane si passò le dita tra i capelli.

“È comprensibile. C’è qualcosa nel pegging che rende davvero i subboys come te. Penso che sia l’idea di essere il dominio puro. Non ricevo molti stimoli da uno strap-on come questo, quindi è tutta una questione di sottomissione. È di mostrargli chi ha il controllo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *