Letter from Loughboro – BDSM

di | 18 de Giugno, 2022

Caro Taryn

Ho incontrato mio marito sul posto di lavoro, così come molte altre persone strane.

Sto andando da Scamper. Mi chiamavano così sin da quando ero piccolo ed era meno fastidioso delle fastidiose cazzate sul mio certificato di nascita. Mio marito dice che gli piace “coccolare Scamper”, che ho sempre trovato un buon atteggiamento.

Quindi, dove lavoro, Toybox di Becca, è una specie di posto eclettico. Non ero nella scena quando sono andato a lavorare lì, non inizialmente.

Ricordo così bene il primo giorno. Questo tipo di donna tranquilla dai capelli neri, era una specie di scienziata, non era del tutto sicura di cosa fosse successo nella conversazione al registratore di cassa.

Ma è entrata, si chiamava Salomé, a vedere, con suo marito e le sue amiche. Si, hai sentito bene. Parla di tenere tutto aperto!

Il marito e la puttana di Salome erano turbolenti e giocherelloni. Nelle visite successive, ho scoperto che si erano incontrati dove avevano lavorato come vigili del fuoco volontari.

“Ehi” disse la ragazza quando venne a parlarmi. “Sto cercando una bella canna in fibra di vetro dura.”

Salomè se ne stava lì in silenzio, le mani sulla borsa mentre l’altra ragazza parlava, e suo marito si tirava indietro, sibilando piano.

Li ho portati tre all’espositore di canne, avevano tutti i tipi di bambù leggero e canne di vimini e sì, una specie di inquietante roba in fibra di vetro.

“Ci sono anche delrin e canne acriliche qui.” Ero un po’ sopraffatto.

La ragazza prese tra le mani una specie di bastone viola lungo due piedi e lo piegò leggermente. Alla fine c’era un manico di legno ricoperto di pelle e all’estremità del manico c’era un anello.

Penso che il ciclo fosse così che potevi portare la cosa? Spaventare la tua schiava facendola uscire in pubblico?

Salomè era vestita modestamente con pantaloni scuri e una specie di maglione turchese. Aveva un paio di tette ed era molto più carina della sua ragazza.

Ma all’altra ragazza non importava. Dopo aver piegato un po’ il bastone, disse. “Beh, devo provarlo prima di poterlo fare. Nessun rimorso da parte dell’acquirente, sai?”

Guardò Salomè con aria significativa.

Salomè cercò di sorridere. “Ryanne, lo comprerò, e se non ti piace, te lo restituiremo più tardi.” Mi sorrise esitante. “Possiamo sistemare le cose, no?” »

Prima che potessi annuire, Ryanne sbuffò. “No, ormai dovrei saperlo. Abbassati i pantaloni, Salome, vediamo come si comporta questa cosa.”

“P-per favore Ryanne, non qui.” Salome impallidì, stringendo la borsa.

Il marito si fece avanti. «Salome, Ryanne ti ha dato un ordine. Non essere così imbarazzato ora.

Ci fu una pausa minacciosa.

“Ma-Guthrie io…”

“È quello che hai detto che volevi, Salome. Se hai fatto del male a Ryanne oa quel simpatico impiegato, sarà molto peggio per te quando torniamo a casa.”

Salome si morse il labbro quel primo giorno e i suoi occhi si riempirono di lacrime guardandomi.

“Ehi,” dissi con fermezza. “Non è-“

Ma Salome infilò una mano sotto il suo maglione turchese, si sbottonò i pantaloni e li tirò giù, rivelando mutandine beige tenui.

E poi, mentre suo marito la fissava con i pugnali, Salome trattenne un singhiozzo e si abbassò anche le mutandine.

E davanti ai miei occhi attoniti Ryanne ha fatto qualcosa degno di un’istruttrice di Pilates, si è piegata fino in fondo e l’ha afferrata per le caviglie!

Ryanne ha tagliato il bastone quattro volte sulle guance bianche e curve di Salome. Salome aveva un bel culo, i suoi peli pubici spuntavano da dietro.

“Sembra che regga,” disse Ryanne, guardando il bastone con aria critica, mentre Salome tremava, le mani che le tenevano ancora le caviglie.

“Non puoi colpire più forte di così, tesoro?” Il marito prese il bastone e lo guardò con apprezzamento.

Pensavo che Ryanne avesse colpito Salome troppo forte, ma suo marito tremava come se stesse tagliando la legna, e sul culo di Salome sono apparse lunghe chiazze rosse.

“Proviamo ora il bastone acrilico.” disse Ryanne avventurosamente. “Non riesco a credere che qualcosa di così spesso sia fatto della stessa merda che uso per le unghie finte.”

Non credo di aver capito il cambio di potere in quel momento. La coppia ha provato sei diverse canne sul culo della poveretta prima di deciderne due.

Alla fine Salome si alzò, arrossendo e si abbottonò i pantaloni mentre suo marito e la sua ragazza goffa stavano dietro di lei. L’umile microbiologo mi ha consegnato un Platinum Visa e sono andato a registrare gli acquisti.

Ma avevo notato che quando Salome si è messa le mutandine, le mutandine erano immediatamente inzuppate, il che significava che era stato piuttosto eccitante per lei.

Voglio dire ammollo!

Dopo che Salome si è abbottonata, Ryanne si è avvicinata dietro di lei e ha messo un braccio intorno alla spalla di Salome.

“Di’ al bravo impiegato cosa accadrà quando torniamo a casa, Sally-ho.”

“Ti-ti ho chiesto di non chiamarmi così, Ry-” Ma la protesta di Salome è stata interrotta quando Ryanne, con il braccio destro ancora attorno al collo di Salome, ha usato la mano sinistra per schiaffeggiarla se forte che gli occhiali gli cadessero.

“Scendi e prendili.” disse Ryanne freddamente, e vidi Salome inginocchiarsi per raccogliere gli occhiali.

“Dovrei schiacciargli gli occhiali sotto i piedi, ma questo è il terzo paio questo mese.” disse piano Ryanne.

Quando Salome si alzò, mettendosi con cura gli occhiali sul naso, Ryanne le diede una gomitata. “Dì all’impiegata ora, Sally-ho, cosa accadrà.”

Altre storie erotiche  She's Into Denial Pt. 08 - BDSM

“Io-io mi spoglio e la signorina Ryanne mi porterà addosso la spesa, poi lei e mio marito faranno sesso mentre io mi inginocchio fuori dalla camera da letto. E poi entrerò a pulire .”

“Esatto, e fumeremo sigarette, cosa che Sally-ho trova disgustosa, e probabilmente useremo la sua bocca come posacenere… sarà una palla.” Il marito ha detto che quando è arrivato…

“Vuoi davvero costringerlo a ripulirti e poi ingoiare le tue sigarette?” chiesi con orrore confuso.

“Con la sua bocca.” disse Ryanne sorridendo. “Sa come pulire. E poi la sculaccerò di nuovo, e poi forse la lascerò masturbarsi, vero Salome?”

Salomè sembrava speranzosa.

Lo stesso giorno, una bella ragazza più grande entrò con suo figlio. che probabilmente era sulla trentina.

La signora mi ha fatto cercare un “tawse a due dita”, una lunga cosa di pelle che pensava potesse essere usata sull'”arto” malizioso di Junior.

Sentendomi dispettoso, ho detto alla signora che gli strumenti potevano essere testati qui al negozio.

Prendendo il tawse tra le mani, la matrona mi sorrise. “Devo convincere Cully qui che ha bisogno di concentrarsi sul suo lavoro, non sui piaceri carnali.”

“Mamma, ho tenuto le mani lontane da questo, davvero.” aveva detto Cully prima di ricordarsi di me in piedi lì, impallidito.

In effetti, è stato imbarazzante per lui vivere questo di fronte a una ragazza sexy di venticinque anni!

“Lo so, tesoro, ma continui a fissare i vicini, quelle povere ragazze delle scuole medie. So cosa vuoi fare con loro, e il tuo interesse per le tue segretarie… è così impuro.”

Ricordo di averlo visto come se fosse un documentario sulla giungla quando la mamma aprì la cerniera dell’inguine di Cully, gli tirò fuori il cazzo e gli diede uno schiaffo una o due volte.

Gli occhi di Cully lacrimarono, ma rimase obbediente, il suo cazzo al vento, come sua madre aveva fatto molto.

Indossava un completo Brooks Brothers, ma lei gli ha fatto togliere la giacca e il gilet, poi gli ha tirato fuori il cazzo e le palle dai pantaloni, senza nemmeno sbottonarsi i bottoni.

“Ti dispiace se metto la sua roba sporca su quel ripiano basso, tesoro?

Sei una ragazza così disponibile. Vedi, non ti vergogni che devo far passare questo povero ragazzo, Cully?

E poi la vedova inflessibile mi ha chiesto se volevo provare e mi ha dato una mancia.

E io amo i soldi!

“Nota, il tuo nome è Scamper? Nota tesoro, se prendi la cosa gonfia di Cully tra le tue belle dita e la gestisci, basta un po’ diventa più difficile, anche con le punizioni che applichiamo…

Sì, vedi, non riesce a staccare gli occhi dalla tua scollatura, mio ​​figlio è come suo padre, depravato. Sì, colpiscilo ancora un paio di volte con il tawse”.

A quanto pare, sono una commessa d’inferno, perché ha comprato un mucchio di pelle di merda prima di lasciare il negozio.

il giorno dopo è venuta una bionda spumeggiante, dannazione era alta, e mi ha chiesto se stavo vendendo una specie di unguento che poteva mettere sui lividi che il suo padrone le aveva lasciato sui seni.

Proprio lì me lo ha mostrato (nessuno che è entrato nella scatola dei giocattoli di Becca si è vergognato.)

Sono più che un po’ bisessuale e mi sono offerto di strofinarle la crema sul seno mentre ansimava. Ne aveva fatti un buon numero, ma i segni neri e blu erano scomparsi sotto le mie agili dita.

Aveva davvero dei seni deliziosi. Ho chiuso il negozio per una lunga ora di pranzo.

Poche settimane dopo, il ragazzo che era al negozio con la madre prepotente è tornato.

La mamma aveva ordinato appositamente un corsetto o qualcosa da modificare, un pezzo di perversione, e Cully tornò a prenderlo.

“Cully è un nome così interessante.” Penso di essere un flirt.

“Sì, il primo figlio nominato nella nostra famiglia è sempre stato Nicholas, credo dai tempi dello zar nel vecchio paese. Il nome di papà è Nick, quindi uso la seconda metà del nome, Nick-Cull-as. Scamper è più carino soprannome se me lo chiedi.”

Cully era un ragazzo alto e forte, non il tipo che uno considererebbe un codardo.

Cully mi ha detto che sua madre era piuttosto severa con lui, ma gli ha fatto molto bene.

Mi disse che quella mattina sua madre lo aveva picchiato, ma era sconvolta dal fatto che le stesse ancora stringendo il culo nudo per evitare il dolore.

Apparentemente sua madre l’ha trovato difficile, quindi lo ha costretto a stare nudo in un angolo per un’ora tenendo il bastone nell’incavo del suo culo, costringendogli le guance insieme, solo per vedere per quanto tempo poteva farlo!

“Ha fatto sedere mia sorella Albany dietro di me e soffiarmi gli aghi attraverso una cannuccia nel mio culo ogni volta che lasciavo cadere il bastone.”

Cully l’aveva detto con un sorrisetto, ma non potevo immaginare di accettarlo.

“Sì, sembri più un donatore di dolore che un acquirente.” Cully ha capito.

“Okay, solo pochi giorni fa una ragazza è venuta qui con dei lividi sui ta-tas. Abbiamo deciso di metterglielo sulla schiena e lei ha insistito per mettersi in ginocchio e farmi fuori, senza volere alcuna punizione.”

“È un’aura, credo.” Mio Dio, Cully aveva i più bei occhi color nocciola, mi hanno penetrato con tutta la forza!

Altre storie erotiche  The Write Place - BDSM

La maggior parte degli uomini con cui uscivo erano pessimi ascoltatori e facevano rap noiosi, ma questo ragazzo era decisamente diverso.

“È bello trovare una donna con cui parlare dei modi eccentrici della mamma. Sento che continuerà ad andare avanti. Sono vicepresidente e controller di Loughboro Ladder Works e ho quell’immagine. “

“Oh, dimmi tutto…” Adoravo sentire parlare Cully.

Cully ha anche spiegato che la mamma gli ha pulito la lingua dandogli da mangiare pezzetti di sapone Dial e…

“A volte mi comporto male o dico alla mamma che voglio sfogarmi bevendo con i miei colleghi. Dato che ho perso molti soldi giocando l’anno scorso, le piace tenermi a casa, sai…

Il modo migliore per calmarmi è farmi un clistere intenso e bollente con il detersivo per i piatti, addolcisce il mio atteggiamento, poi mi mette una fetta di zenzero sul culo, mi cambia il pannolino e mi mette a letto”.

Ride timidamente. “Quando sono pronto per andare a letto, quasi dimentico che dovrei incontrare i miei amici al bar dello sport!”

Cully mi ha detto che si allenava con questi ragazzi, ma sua sorella Albany ha scoperto che poteva convincerlo a fare un po’ di ginnastica profonda.

Correre nuda sul tapis roulant mentre lo incoraggiava battendogli il culo con una frusta… per non parlare dell’acquisto della canna in fibra di vetro!

“L’Albany può alzare il tapis roulant a sette miglia all’ora ea volte posso arrivare a quarantacinque minuti.”

E aveva perso trentotto chili in diciotto mesi con pesi in cui mamma e Albany si sarebbero accontentati di lunghi bastoncini di salice se ci fosse stato uno squilibrio eccessivo.

“A volte arrivo a un livello in cui non mi manca molto, ma la mamma pensa che dovrei essere punito con la stessa forza che se avessi trascurato la mia dieta, tanto per essere sicura…”

“È pazzesco, Cully, sopportare tutto questo. Sei un bel ragazzo, potresti…”

Cully sorrise. “I miei genitori erano piuttosto permissivi quando sono arrivato qui, ma dopo che sono tornato dal college, ho festeggiato troppo. Quindi sono entrato nell’Air Force e quando sono tornato a Loughboro, è stato peggio!”

La mia intensità mi ha aiutato a progredire nella compagnia di papà, ma nel tempo libero litigavo in un bar e mettevo incinta le cameriere, cose del genere”.

Si fermò, ricordando. “Ero dipendente da tutte le bomboniere e giocavo molto…”

«Davvero, Cully, non sembri il tipo.

“Sapevo che mia madre e mio padre avevano una relazione guidata da una donna e sembrava trarne beneficio, manteneva orari regolari ed era rimasto a casa a giocare a Parcheesi o puzzle…

Una volta ho chiesto a mio padre se si fosse pentito di aver trascorso gli anni migliori e più virili della sua vita rinchiuso in una cintura di castità d’acciaio. Voglio dire, ho scoperto più tardi che è stato rilasciato solo una volta ogni settanta giorni circa, ed era stato così potente con tutto quello sperma immagazzinato, che ovviamente la mamma ne ha concepito molti… tra noi…

E poi, quando ha sentito di avere abbastanza figli ed era ora di chiudere il negozio al piano di sotto, papà poteva solo masturbarsi, quindi molto raramente…

Ma papà mi ha detto che non avrebbe vissuto altrimenti, la castità e la disciplina lo hanno reso un uomo sereno e felice! Così sono andato a chiedere una vita sotto il matriarcato!

Quindi la mamma è andata da lì, e Albany, la mia sorellina, ha circa ventitré anni, l’ha aiutata. Non è sempre facile…”

“Posso immaginare.” Mi chinai sul bancone, godendomi i suoi occhi sui miei seni.

“Alcune settimane c’è molta pressione in ufficio e divento scontroso e scortese a casa. Quindi la mamma mi spoglia quando torno a casa dal lavoro, mi mette a lavorare a lavare i pavimenti e cuocere i biscotti”.

Ho trovato l’immagine di Cully, Cully alto e forte, in grembiule ma per il resto nudo, che puliva un battiscopa mentre sua madre era sopra di lui con un cucchiaio di legno.

Mi ha detto che sua sorella Albany era un gatto infernale e lo ha portato in garage per sessioni lunghe e faticose con la pagaia e il guinzaglio, e questo lo ha reso una persona diversa.

Lo mettevano a letto alle sette e mezza di sera e si esercitavano all’alba!

“Tutti gli uomini che conosco sono al loro terzo divorzio, hanno ulcere e abitudini da cocaina, e io sono rilassato per la maggior parte del tempo. Dopo quello che mamma e Albany mi hanno fatto passare, non ho scelta, giusto?

Ho guardato questo uomo carino, carino e adorabile e ho cercato di immaginarlo.

Di ritorno da un lavoro responsabile, sua madre gli diceva di spogliarsi alla porta, e lo attaccava con una frusta, facendolo andare in giro, mangiando sapone, quel genere di cose.

“Ma ora Albany è in tour con la sua band per un anno in Europa, e i miei genitori si stanno ritirando in Florida – li aiuterò finanziariamente comprando loro la nostra casa e starò lì quando se ne andranno.

Ma posso essere inattivo, sai Scamper?

Cully stava cercando completamente il mio seno nella mia canottiera. Probabilmente mi sono vestito un po’ troppo casual per il lavoro.

La scatola dei giocattoli di Becca non apparteneva a nessuno di nome Rebecca, solo una vecchia italiana che mi incoraggiava a vestirmi come volevo, sapendo che tendevo ad essere sexy.

Ho raccontato a Cully dei miei sogni, vendere artigianato. Mia sorella e alcuni nostri amici volevano aprire un negozio per vendere le cose che facevamo, in stile hippie.

Altre storie erotiche  Her Governess Ch. 04

Abbiamo fatto tovagliette, gioielli, magliette serigrafate, quel genere di cose.

Anche adesso noi Stavamo producendo e vendendo roba ai negozi intorno a Loughboro, ma volevamo davvero farlo a tempo pieno.

Cully sembrava stesse investendo, forse. Merda, sembrava che avrebbe costruito una cippatrice e ci sarebbe saltato sopra se glielo avessi detto.

E so dove pensi che stia andando questa storia. Ma non esattamente. Cully non ha sposato me, ha sposato mia sorella…

Speravo che Scooter convincesse Cully a investire in un negozio perché c’era anche la sua arte, ma ha venduto l’attività e ora vivono alle Bahamas. D’altra parte ho sposato una persona che ho conosciuto al Becca’s Toybox, dove devo ancora lavorare, ho sposato il riparatore HVAC. Ma torniamo alla storia.

Cully ed io siamo stati interrotti da un cliente, una dominatrice professionista di nome Tornado Jackson.

Torni era entrata, tutta nera focata, e aveva bisogno di comprare delle pinze per capezzoli.

il tornado Jackson era qualcos’altro: pesava circa duecentocinquanta, e aveva un culo enorme, e ho capito che ha incaricato molti omini bianchi di servirla…

Una volta è entrata con un ragazzo che ha chiamato “Buttmunch” che ho riconosciuto dal telegiornale della sera…

“Oh, le pinze devono essere potenti, piccola.” Me lo disse Torni e, senza pensarci, mi voltai verso Cully e gli dissi con voce fredda di sbottonargli la camicia.

Forse era spaventato, dato che prima ero amichevole e piuttosto attraente…

La bocca di Cully era aperta e gli ho dato uno schiaffo sulla mascella. “Vai avanti, devo mostrare a Tornado quelle bellissime clip di trifoglio duro.”

Cully guardò in basso e si morse il labbro, e una lacrima gli scese lungo la guancia. Sapeva, in fondo, che avrebbe fatto qualsiasi cosa gli avessi chiesto, sì, anche per questa ragazza sexy che conosceva a malapena, una semplice commessa.

Cully si sbottonò la camicia ed espose i suoi capezzoli e io ho attaccato delle pinze così potenti…

Che sia caduto in ginocchio e, naturalmente, Tornado, un’allegra donna di colore, è scoppiata a ridere, è stato sentito in tutto il negozio.

Avevo guardato oltre il bancone e, nonostante il suo dolore e l’umiliazione, Cully era inginocchiato lì con un’erezione dura che gli spingeva nei pantaloni, e gli ho urlato di tirare il suo piccolo cazzo imbarazzante.

“È così inappropriato Scamper.” Cully protestò.

Ma poi Tornado gli diede un calcio brutale sul fianco, e con riluttanza Cully gli aprì la cerniera dei pantaloni e tirò fuori il suo cazzo, che era solo viola con intensità.

Immagino che parte del motivo per cui era così eretto fosse che sua madre non lo lasciava sborrare molto.

Più tardi ho scoperto che Cully era nel sistema dell’onore in quell’accordo di castità con mamma e sorella Albany, ma Dio era sexy, il suo buco del culo era così duro.

“Vuoi toccarti, stronzo? chiesi freddamente.

Il mio tono amaro sembrava renderlo ancora più felice.

Cully sembrava così ridicola, la sua bella maglietta Armani aperta e i suoi capezzoli crudelmente pizzicati con le crudeli clip del trifoglio … e ovviamente il suo ridicolo cazzo che sporgeva.

A differenza di alcuni sottomarini, il nostro Cully aveva un big-un.

“M-mamma non mi farà uscire fino a sabato dopo il giorno successivo, signorina Scamper.”

Tornado lo prese a calci di nuovo e il suo cazzo tremò.

“Scamper non ha detto che il tuo buco del culo potrebbe venire, ha detto che ti schiaffeggia un po’ la carne.”

Tornado l’aveva detto severamente, e guardavamo il poveretto continuare a inginocchiarsi lì, a giocare un po’ con il suo pene, ma non troppo in fretta, perché doveva stare attento a non avere un incidente.

E poi la sorella di Cully, una cagna cigolante in abiti di pelle e capelli rosa, è entrata nel valzer. Era sconvolta dal fatto che Cully l’avesse fatta aspettare al posto di guida.

Albany aveva facilmente un decennio e mezzo più giovane di Cully, ma era una pistola. Quando ha visto la sua situazione, ha sbuffato e poi ha trascinato Cully per il suo orecchio.

“Cosa c’è che non va in te, patetico finocchio?” chiese Albany, i suoi seni quasi nudi tremavano nella sua canotta rossa brillante, incorniciata da un gilet di pelle nera.

“Stavo venendo, dovevo solo…” Ma Albany interruppe Cully. Lei si strappò le fascette dai seni e lui urlò.

“Suona come una piccola puttana, vero?” Albany ha quindi afferrato il cazzo quasi granitico di Cully tra le sue piccole dita curate e lo ha attorcigliato stretto.

Cully sussultò, poi Albany gli accarezzò il cazzo un po’ più lentamente e gli diede un grosso bacio sull’orecchio.

Si potrebbe dire che amava davvero il suo fratello maggiore!

“È davvero un uomo adorabile.” Albany ha detto gentilmente Tornado e me.

“Ma Cully è così distratto. Eccolo, in missione per mia madre, e invece si sta esponendo indecentemente e sta prendendo a pugni il suo Willy…

Devo prenderlo perché non ha la patente”.

“Perché questo ragazzo bianco non può guidare? chiese Tornado sospettoso.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *