Letter from Willesden Chasm – BDSM

di | 18 de Giugno, 2022

Cara scarpa di fiori

Trovo difficile rimanere in giro per lunghi periodi di tempo dopo essere stato picchiato.

Ingrid mi chiede di stare in punta di piedi, e ovviamente è impossibile per più di otto o nove minuti.

Ingrid siederà in fondo alla stanza, leggerà la sua rivista “Mirabella” e di tanto in tanto controllerà se sono all’erta.

Sono nuda tranne che per le mie mutandine che sono arrotolate fino a metà coscia. E come al solito, dopo una correzione, la mia schiena sembra scottata dal sole.

E devo stare in punta di piedi. Se riesco a stare in punta di piedi per un po’, fortunatamente è finita e posso uscire dall’angolo. E a volte, dopo, posso portare Ingrid a letto e servire il suo glorioso mondo sotterraneo con la mia bocca volenterosa…

Ma posso stare in punta di piedi?

Se mi sento rilassato e i miei talloni toccano terra, Ingrid mi chiama per riprendere la dura lite iniziata tre ore fa.

La punizione iniziale è durata una decina di minuti, quindi sono andato all’angolo per restare in piedi, a quanto pare per quaranta minuti…

Ah, ma ogni volta che i miei piedi si rilassavano, venivo chiamato per un’altra sculacciata e poi ricominciavano i quaranta minuti.

E quando me lo ordina, non lo sopporto.

“No no per favore Ingrid” urlo mentre schiocca le dita.

“Sai cosa fare, Bancroft.” disse Ingrid, di solito piuttosto seccata.

“Per favore, i miei piedi sono così stanchi e ho bisogno di andare in bagno.”

“Dovrai prenderlo. Se non riesci a stare sopra i tuoi tippies per almeno quaranta minuti alla volta, vieni sculacciato di nuovo e poi devi iniziare a cantare.”

Sospira esasperata.

“Forse devo riportarti indietro e usare la frusta su di te, non ho mai visto tanta negligenza e pigrizia… ora vieni qui… devo colpire il mio Banky!”

“Per piecere-“

“Adesso!”

Sono ovviamente eretto, terribilmente eccitato e terrorizzato.

A volte dopo la terza o quarta volta che mi ha frustato di nuovo, non riesco proprio a rimettermi in grembo dalla curva…

Ingrid si arrabbia e conta dieci, aggiungendo a volte un colpo in più per ogni secondo che deve aspettare…

“Sta a te decidere, Bancroft. Posso renderlo più facile o più difficile, mia cara.”

Alla fine, singhiozzando, corro e mi sdraio sulle sue belle gambe.

E sono così eccitato! Ingrid è bellissima. Capelli neri legati in uno chignon tranne che in occasioni speciali (li ha indossati il ​​giorno del mio compleanno) seno pieno e sì, le gambe più celestiali… quelle cosce!

Ma Ingrid mi frusta così bene che esito a venire a riscuotere altre punizioni.

Devo rimettermi in ginocchio per chinarmi, le mie guance nude che sostengono il peso della sua crudele pagaia di legno Spencer.

A volte Ingrid deve alzarsi e prendermi dietro l’angolo.

Trascinandomi per l’orecchio dove è seduta, e poi ne ho trenta sul culo invece di dieci, e qualche volta usa una serie di strumenti.

A volte se mi hanno frustato, diciamo, cinque volte in due ore per non essere in grado di stare in punta di piedi… lei ha pietà di me, mi fa fare pipì e mi fa un clistere…

Oppure mi colpisce il culo con il suo strap-on, un grosso che mi aiuta davvero a dormire.

E continua la punizione il giorno dopo! Finché non riuscirò finalmente a restare in questo maledetto posto.

Dopotutto, l’unico giorno in cui ho davvero bisogno di alzarmi presto è domenica, sai.

Perché servo al Tempio della Congregazione del Santo Redentore a Willesden Chasm!

Io, il reverendo Bancroft Blenciwicz, un leader spirituale nella mia comunità.

E una vera troia del dolore.

La prima volta che ho visto Ingrid in azione è stato quando ha convinto sua figlia, Cailéan, a venire a adorare con lei.

Ma poi Cailean ha iniziato a scrivere messaggi durante il mio sermone, e Ingrid ha trascinato la ragazza fuori dalla chiesa urlandole all’orecchio, fermandosi solo per un momento a casa delle donne per buttare via il cellulare offensivo in bagno.

Fuori, ho sentito urla raccapriccianti.

Mi ero scusato con la congregazione per essere corsa fuori e, sorprendentemente, Ingrid aveva la figlia ventenne su un banco di marmo davanti alla chiesa.

Le mutandine di Cailean erano abbassate e la gonna alzata e Ingrid stava facendo oscillare una cinghia che apparentemente portava nella borsa.

Devo ammettere che ero estremamente eccitato dalla vista di quel culo impertinente, ondeggiava magnificamente, diventando rosso ciliegia sotto le attenzioni di pelle.

Ma mi sono anche sentito male per l’umiliazione della ragazza.

Diversi altri fedeli, tutti adulti, fortunatamente, mi hanno seguito per assistere a questo spettacolo.

Poi Ingrid ha chiesto a Cailean, ancora in lacrime, di alzarsi e chiedere scusa per avermi scritto durante il sermone.

Non posso mentire, era tutto così affascinante. La mia erezione era solo… pulsante. Volevo salvare Cailean e volevo anche vedere Ingrid batterla di più.

E sì, credo di volere che Ingrid mi picchiasse. Io, un uomo di stoffa!

Qualche settimana dopo, ero al supermercato e ho sentito una discussione. Ingrid e sua figlia si stavano urlando addosso nel reparto dei prodotti agricoli.

Così Ingrid si sedette su una cassa di pomodori e attirò Cailean verso di sé.

“Non qui, mamma, per favore-” implorò Cailean, dimenticando la discussione che stava avendo. Quando il tuo avversario in discussione decide di ucciderti frustando, significa che ha vinto.

Ho guardato, giocando a biliardo, mentre Ingrid sbottonava i jeans attillati e sbiaditi di Cailean e li tirava giù, seguiti da adorabili mutandine beige.

Altre storie erotiche  Lost Ch. 02 - BDSM

Questa volta, Ingrid ha tirato fuori dalla borsa una grossa racchetta di legno, una piccola racchetta Spencer di cui ho parlato nel primo paragrafo. Conosco bene questa pala. È implacabile e duro, ma non permanentemente dannoso.

La racchetta, leggermente più grande di una racchetta da ping pong, è di legno massiccio con fori dappertutto, fori circolari, che Ingrid mi ha detto in seguito di far passare l’aria in modo da poter colpire più forte e più velocemente… come ha detto.

Quello che ho notato è che gli occhiali di Cailean sono caduti e la sua parrucca è caduta.

Sì, aveva una parrucca e sotto la parrucca, Cailean era calva!

Dopo la punizione, Cailean si è inginocchiata sul pavimento del supermercato, i jeans intorno alle ginocchia e le natiche nude scoperte. Stava singhiozzando, ma ho notato che le sue dita vagavano intorno al suo triangolo di pantaloncini…

Ingrid mi guardò trionfante. Era ancora appollaiata sulla cassetta dei pomodori.

“Efesini sei quattro, giusto, reverendo?”

Ho pensato al versetto: “Padri, non irritate i vostri figli, ma allevateli nella disciplina e nell’istruzione del Signore.

“E non dimentichiamo Proverbi ventidue e quindici.” Cailean sorprendentemente parlò. “La follia è legata al cuore di un bambino, ma la verga della disciplina lo tiene lontano…”

Poi il vicedirettore ha detto in coro: “Non trattenere la correzione del bambino, perché se lo colpisci con la verga, non morirà”.

Ero molto spaventato. Ero stato mandato in questa piccola parrocchia arretrata come una sorta di punizione per essere stato un ubriacone in cerca di gonna nella mia grande chiesa di Eugene, nell’Oregon…

Ma queste persone conoscevano le Scritture molto meglio di me.

Vedendo il mio stupore per la calvizie di Cailean, e vedendo la ragazza posare goffamente la parrucca bionda sulla sua cupola mentre si inginocchiava…

Ingrid ha citato qualche altra riga sulla vanità.

Così è andata-

“Certo Ingrid è un’insegnante, deve indossare una parrucca, ma la sua recente egoistica insistenza nell’uscire con un ragazzo che non mi piace mi ha costretto a tagliare quei riccioli di cui era così orgogliosa…”

“Ma mamma, io sono un adulto. Posso uscire con chi voglio! Ho ventotto anni!”

Ingrid sorrise cupamente e si rivolse a un diciannovenne brufoloso.

“Giovanotto, posso prendere in prestito la tua cintura, con quella bella fibbia turchese?”

È stato abbastanza insolito per me sperimentare questa curiosa dinamica familiare.

Dopo che Cailean ha subito un secondo pestaggio, si è calmata e se ne è andata con la spesa.

“Ti sta aspettando nel parcheggio?” Penso che sia arrabbiata. Ho lanciato un’occhiata preoccupata a Ingrid, ma il mio cazzo stava per scoppiare.

“No, Cailean porta la tua spesa nel suo appartamento. Ci siamo incontrati oggi al negozio. Ma poi, ovviamente, deve avermi preso in giro.”

“Lei-lei ha il suo posto e ti permette di picchiarla?” Mi sono preso una pausa.

“Lei ha bisogno di questo. Quando trascuro la tua disciplina, Caileano a volte mi ricorda le tue molte colpe. È una giovane donna molto provocatoria.

In più di un modo, ho pensato.

“Capisco di risparmiare la verga e viziare il bambino nella Bibbia, ma quello è un adulto…”

“In realtà, non è un versetto biblico”. Ingrid fece schioccare la lingua contro i denti.

Ingrid indossava una gonna scozzese a scacchi e mi sono immaginata distesa su di essa, a piangere mentre manipolava un remo sul mio nudo. Contesto. Ero geloso della ragazza?

Ingrid indossava una camicetta bianca inamidata con i primi tre bottoni slacciati e le sue labbra erano cremisi con una lucentezza rosso fuoco.

“Sembra che tu non conosca molto bene la Bibbia, vero, reverendo? Smettila di fissarmi il petto. Dovrei sculacciarti qui.”

Mi guardai nervosamente intorno al supermercato.

“Hai un atteggiamento così spensierato. Si abbina a quella stupida coda di cavallo.

ho rabbrividito. “Ingrid, io sono un ministro inclusivo…”

– Sì. Sono consapevole. Avrei lasciato la parrocchia, ma mi piaceva il tuo predecessore, padre Eade. Non so cosa pensare di te, Bancroft.

Si fermò e io cercai di smettere di fissare la sua scollatura palpitante.

“Così?” Ho cercato di avere freddo.

“Beh, sei facilmente più grande di me, eppure hai i modi e gli interessi di un adolescente. E ti ho visto ballare in quei bar per single… è molto triste.

Non sapevo bene cosa dire. Per questo, ero davvero fuori dai giochi.

Tornato al presbiterio, ho chiamato il mio amico Slim. Dopo il suo arrivo, gli raccontai di questi incontri con Ingrid.

Slim è abbastanza muscoloso e lucente come l’ebano nero. È molto brillante e un grande ascoltatore… anche se non condivide la mia fede.

“Ingrid frusta sua figlia, ma so che deve avere un buon cuore.

Prima di salire in macchina per lasciare il parcheggio del mercato, ho visto che Cailéan stava aspettando Ingrid e si stavano abbracciando.

“Sì, la famiglia è carina. disse Slim pensieroso.

«Non so come aggiustarla. Dovrei davvero farle sapere che quello che sta facendo a sua figlia è un semplice attacco, dato che Cailean è un’adulta…»

Magro sorrise. Slim, un ateo allegro era più di un caro amico. Era il mio maestro maschio.

“Penso che quello che vuoi davvero sapere, Bancroft, è se Ingrid ti schiaffeggerà o meno.”

Altre storie erotiche  Emily's Surprise Ch. 02 - BDSM

“Non ha senso, è-“

“Banky, ti conosco così bene! Ti avevo in ginocchio con le mollette sui capezzoli!”

“Dannazione, quello-“

“Forse hai bisogno di una lezione ora.”

Ho tossito e arrossito. “Non ti ho invitato a…”

“Certo che l’hai fatto. Mi paghi un tributo di mille dollari al mese per visite illimitate, e hai un disperato bisogno di disciplina, ma so anche che vuoi che una donna ti punisca.”

Ho borbottato qualcosa sul fatto che avesse torto. La voce di Slim si fece fredda.

“Bancroft, togliti i pantaloni e il Frutto delle Lacrime. Sai come mi sento quando mi contraddici.”

“Slim, non è così. Inoltre, mi hai appena frustato sabato e non mi sono ripreso-“

Slim mi diede uno schiaffo in faccia e i suoi occhi si strinsero. “Credo, padre Bancroft Blenciwicz, di averle dato un ordine diretto.”

Mi sono morso il labbro e ho slacciato la cintura anche se il mio cazzo si stava gonfiando. L’ho tirato su per le cinghie dei miei pantaloni e l’ho passato a Slim.

“Ho cambiato idea, togliti tutti i vestiti. Non meriti di essere vestito, ipocrita.”

Mi sono spogliata completamente e Slim ha preso il mio colletto di carta e lo ha strappato a metà, esaminandomi con occhi freddi.

Ora il mio cazzo sporgeva ed era molto, molto difficile.

“Verme triste.” mormorò Slim, guardandolo male.

Non era molto grande, ma le sue parole mi interruppero.

“Ora sdraiati su quella sedia con lo schienale dritto, Bancroft.”

ho rabbrividito. “Si signore.”

Slim ha un obiettivo micidiale e meno si parla delle percosse che ho preso questo pomeriggio, meglio è.

Era una cosa seria e dovevo mettermi un calzino in bocca per non urlare.

Slim coprì metodicamente le mie natiche da appena sotto i miei fianchi fino alla tenera scollatura dove le mie natiche incontravano le mie cosce con lunghi lividi rossi.

Soffrivo, ma allo stesso tempo cercavo di salire sulla sedia con lo schienale rigido, cosa che divertì un po’ Slim.

“Non sopporto gli ipocriti, specialmente voi religiosi.” disse Slim in tono sprezzante, gettando la mia cintura a terra.

Adesso ero di fronte a lui, piangevo e molto imbarazzato. Speravo, tuttavia, che mi lasciasse servire, come era nostra abitudine, dopo che mi avesse impartito la disciplina necessaria.

“Posso posso-“

“No. Non ho intenzione di lasciarti succhiare me. Non oggi. Non sono molto attratto da te in questo momento.”

Volevo ricordargli che gli pagavo mille ogni trenta giorni per assicurarmi “l’attrazione”, ma la cintura era ancora a portata di mano, quindi tenevo la bocca chiusa.

E la breve dichiarazione di Slim è stata un taglio così crudele. Peggio dei tagli sul mio culetto. Non c’era niente di peggio che vedersi negare la gloriosa salsiccia di Slim.

“Bancroft, voglio che tu vada a trovare quella donna Ingrid e le dica quello che vuoi. Sii onesto con lei, Banky.”

“Non posso davvero, signore.”

Slim allungò una mano e mi torse il capezzolo destro. Sono scoppiato in lacrime.

“Finché non lo farai, non ti lascerò succhiare me e sarò qui ogni giorno alle sette di notte per sculacciarti di nuovo.”

Qualsiasi altro giorno? Due volte alla settimana, che mi dava da tre anni, a volte mi faceva quasi a pezzi.

“Sì, tutti i giorni, duro. Neanche costumi divertenti. Non puoi indossare il tuo brutto vestito da marinaio di Paperino su di me. Hai quarantotto anni, e sei stato divorziato due volte e licenziato per quello che sei.” questa, cinque parrocchie?”

“Sette.” Ho sussurrato. Mi sentivo così stupido ad essere lì, nudo davanti alla sua forma vestita e gloriosamente muscolosa.

“È ora che tu cresca, Reverendo. E così, finché non parlerai con Ingrid, ci saranno ciglia intense, e sei off limits con il mio cazzo e non ti lascerò nemmeno vedermi spogliato. “

“C-ma ti piace quando ti faccio massaggi per tutto il corpo.” mi sono lamentato.

“No, niente massaggi, niente percosse, niente io alla guida della tua Hershey Highway, e non ti lascerò buttare via la mia insalata. Sei in libertà vigilata finché non smetti di essere un ipocrita.”

Era intollerabile. Cosa dovrei fare?

“Io-” disse Slim prima di andarsene, “ti proibisco di masturbarti finché non parli con Ingrid. So che ti piace masturbarti dopo uno dei miei pestaggi, ma non puoi. no.”

“Ma-” Non vedo l’ora di battere la mia carne in questo momento.

“Gli ipocriti cattivi non possono toccare se stessi oi loro afosi padroni neri. Anche se io tocco te, ogni giorno alle sette. Ti consiglio di andare da Ingrid e confessare ora.”

Prima di chiudere la porta della mia stanza, Slim mi ha guardato piangere per alcuni istanti, con la faccia tra i suoi palmi.

“E tornerò a Toledo, Banky, quindi in parte è perché non voglio che tu rimanga solo. So che non sei gay, e il tocco di una donna ti farebbe bene.”

E anche lui stava lasciando la città. Senza che me lo chiedessero, mi infilai nell’angolo e rimasi lì.

La risata di Slim echeggiò lungo il corridoio. Sapeva che sarei stato lì per due ore, con il sistema dell’onore, e non mi avrebbe toccato, e ovviamente l’avrei confessato se avessi disobbedito.

Ma Ero così preoccupato per la mia immagine da impiegato. Sapevo che se fossi stato espulso da questa ottava missione, la mia carriera sarebbe finita. Dovrei fare qualcosa di orribile, come insegnare filosofia in un college comunitario.

Altre storie erotiche  Insidious Angel Ch. 09

Così, ogni sera, Slim si presentava al presbiterio, una domanda nei suoi occhi. Ho appena scosso la testa, lui ha schioccato le dita e mi sono spogliata.

Ho sopportato, nei dieci giorni successivi, cinque chiazze che mi hanno vomitato dannatamente su per il culo.

Slim ha usato la mia cintura, il cucchiaio e la padella di legno della mia donna delle pulizie, due dei suoi bastoncini, la sua racchetta da squash e una mazza da golf sul mio misero culo.

Ogni 48 ore Slim mi faceva piangere in preda al panico, ma allo stesso tempo ero più eccitata che mai.

Una volta, pensando a tutte le punizioni che stavo passando, mi sono toccato e ho avuto un incidente. Con riluttanza, ho chiamato Slim per confessare.

È arrivato con una dozzina di rose a stelo lungo!

Pensavo fosse un regalo, si sarebbe scusato per la sua brutalità, ma Slim ha tagliato le teste delle rose e ha usato i rami spinosi per farmi davvero pentire della mia cattiva condotta onanistica.

Le ultime quattro canne che Slim ha usato sul mio cazzo. Mi ha aiutato a ricordarmi di non toccarmi… ma non riuscivo a raggiungere Ingrid!

E poi, proprio mentre Slim cominciava a far rumore per le percosse quotidiane, Cailean, la figlia di Ingrid, si avvicinò a me nel parcheggio.

È stato durante la settimana, dopo aver visitato un parrocchiano malato.

“Reverendo, come sta? Cailean era una bellissima giovane donna e ovviamente ora è mia nuora.

Per quanto bionda come sua madre avesse i capelli neri, la ragazza poteva certamente girare la testa.

Ma la sua parrucca bionda era sparita ed era a capo scoperto. Potrei dire che un taglio di capelli corto stava crescendo.

Cailea sorrise. «Dato che sai tutto della parrucca, come tutti gli altri al Ralph’s Market…» sospirò… «Non la indosserò qui. Dopotutto, è luglio, niente scuola, vero? troppo caldo…».

“Y-non devi chiamarmi Reverendo, Cailean.” dissi sorridendo mentre guardavo le sue tette rimbalzare su un top di Billabong.

“Il tuo nome è Bancroft, vero?” ” Quel sorriso.

Accompagnai Cailean al presbiterio e, poiché la mia governante era assente, le portai del tè.

L’ora successiva fu terribilmente strana. Mi sentivo come l’elefantino dei racconti “Just So” di Rudyard Kipling.

L’elefantino ha fatto molte domande ed è stato picchiato da tutti!

Sono rimasto scioccato quando Cailean mi ha detto che sua madre era “gentile” con me e che Cailean aveva parlato con Slim, che oltre a essere un maestro maschio per molti sottotitoli locali, ragazzi e ragazze, insegna anche un corso di spinning all’YMCA .

“Devi parlare con la mamma. Penso che sarebbe felice di picchiarti, e questo mi solleverebbe un po’, vero?

Quando ho cercato di spiegare la mia paura di essere smascherato, sì, avete indovinato, Cailean ha schioccato le dita, e lì, nella cucina della canonica, mi sono caduti i pantaloni e lei mi ha indossato la cintura, prima di portarmi mentre piangevo , di sopra nella mia stanza.

Quindi, quando siamo arrivati, abbiamo scoperto che Cailean aveva preso in prestito la pagaia Spencer di sua madre e anche quella è uscita.

“Reverendo, Slim mi ha detto che era l’unico modo per arrivare a te… per motivarti. È un’erezione, un’erezione contro le mie belle cosce?

Come potevo evitarlo, le sue cosce erano nude nella sua minigonna di jeans, ed ero molto, molto eccitata.

Non ero qui da così tanto tempo!

Ma la ragazza sapeva bussare.

Quindi abbiamo parlato. Cailean mi ha raccontato alcuni dettagli interessanti sulla sua famiglia. “La mamma ha fatto indossare a papà un luccichio rosa e un reggicalze abbinato fino al giorno della sua morte.”

Cailean era un divanetto molto coinvolgente (e le ho mostrato il mio vestito da marinaio di Paperino, ha detto che era adorabile).

Poi, al termine della visita, Cailean disse, quasi scusandosi,

“La mamma mi ha detto di non uscire con nessuno fino a Natale. Ma sono molto infelice e penso di essere allergica al mio vibratore.

Se lascio cadere le mie mutandine posso sedermi sulla tua faccia?

Poi Cailean mi ha dato un’occhiata “è meglio che dici di sì”!

Per fortuna, sono anche una fan del cunilinguismo che fellatrice!

E poi insieme siamo andati a trovare Ingrid, e io ho confessato e proposto.

Dopo che io e Ingrid ci siamo sposati, Ingrid si è sbarazzata della mia coda di cavallo e per un po’, finché i suoi capelli non sono ricresciuti, io e Cailean abbiamo avuto dei tagli di capelli abbinati.

Dopotutto, Master Slim non è tornato a Toledo. Lui e Cailean avevano un doppio matrimonio con Ingrid e me.

Avrei giurato che l’uomo fosse gay!

Slim ha anche aiutato Ingrid a “spezzarmi” ancora di più, e Dio solo sa quale depravazione accade nella residenza di Slim e Cailean.

Ora Ingrid ripassa i miei sermoni con una penna rossa, e se ci sono più di tre errori, di ortografia o altro, sono molto più entusiasta dal pulpito e non mi siedo per l’intero servizio!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *