LifeMates Ch. 08 – Amanda’s Judgment – BDSM

di | 30 de Giugno, 2022

Capitolo 8. Il processo di Amanda

Myrna non aveva preso la pillola e ci sono volute solo poche settimane di buon sesso alla vaniglia vecchio stile per concepire. I primi segni di gravidanza sono stati lievi crampi e lieve gonfiore e dolorabilità al seno. Quando ha perso il ciclo e poi è risultata positiva, lo sapevamo per certo.

Quando Myrna fu sicura che il feto avesse preso piede, mi disse: “Devo dire ad Amanda che sono incinta. Sarà meglio se vado direttamente da lei che se lo scopre da qualcun altro.

Non potevo che essere d’accordo sul fatto che avesse ragione. “Come hai intenzione di farlo? Ho chiesto.

“Faccia a faccia sarà meglio”, ha risposto. “Chiederò un appuntamento. Poi la vedrò, da sola questa volta. Non ci farà del male, non importa quanto sia arrabbiata. Io e il bambino saremo abbastanza al sicuro”.

“E’ sicuro? Gli ho chiesto. “Hai avuto paura di lei fino ad ora.”

“Ho paura di quello che potrebbe fare ai nostri affari o alla mia posizione al suo interno, non per la mia sicurezza fisica. Ho ancora paura in quel modo. Ma non mi punirà fisicamente mentre sono incinta. Non lo fa t. Non è probabile che causi un aborto spontaneo.”

“Non posso venire con te?”

“Sarei felice per la tua compagnia, tesoro, ma è meglio se non lo fai. Dal suo punto di vista, ero il suo fidato sottomesso e gli ho infranto una promessa. Devo guardare la musica in questi termini. significa solo.”

Quindi ha scritto un’e-mail e me l’ha fatta leggere prima di premere “INVIA”.

Gentile Signora Amanda,

È successo qualcosa che vorresti sapere. Vorrei venire a trovarti per discuterne. Per favore fatemi sapere quando è conveniente per voi.

Rispettosamente,

Myrna Stiles (CEO di LifeMates)

Ha mandato e abbiamo aspettato. Poche ore dopo, abbiamo ricevuto la seguente risposta:

Cara Mirna,

Sei incinta vero? E Richard è il padre.

È questo che hai da dirmi?

Non preoccuparti di rispondere. Ci vediamo venerdì pomeriggio alle 14:00. Portate Richard e Bernice, voglio vedervi tutti. Non manderò una limousine questa volta, quindi dovrai guidare.

Il tuo amante arrabbiato,

Amanda Cummings (CEO di Keyholders)

Myrna è diventata bianca leggendo questa email. Ero nel suo ufficio in quel momento. Senza una parola, si chinò sul tavolo, nascose il viso in un braccio e cominciò a piangere. Rimasi lì, impotente, senza dire nulla.

Per alcuni minuti, pianse in silenzio. Alla fine si calmò, si asciugò il viso con un fazzoletto e chiese: “Come poteva saperlo?”

«Deve avere una spia con noi» dissi. “Bernice, dovrebbe essere. Mi hai detto che gli hai parlato di noi. Chi altro lo saprebbe?”

Pensò per un momento. “Forse no,” rispose infine, “Amanda è molto intelligente. Lei mi conosce; lei conosce le donne; sapeva che il mio orologio stava ticchettando; Ero riservato nella mia e-mail chiedendo di vederla. un’ipotesi intelligente.

“Scrive come se fosse sicura”, risposi. “Non sembra che stia indovinando.”

“Non importa”, disse Myrna. “Scopriremo come ha scoperto venerdì al castello quando la incontreremo tutti. Fino ad allora, tratta Bernice come al solito. Non dirle niente. Sei impegnato con altre cose. Sarà incredibilmente spiacevole mangiare con lei per i prossimi giorni, tre giorni, se lo affrontiamo adesso.

“Il fatto è che speravo di dirlo ad Amanda di persona, faccia a faccia, in un incontro privato, e almeno guadagnare punti per onestà. Possibile.”

“Beh, hai chiesto l’appuntamento. Non può accusarti di essere sotto copertura. Riesci a indovinare cosa farà?” Gli ho chiesto.

“Posso fare ipotesi, ma non ci diranno nulla. Dovremo solo aspettare e prendere quello che succede”.

Venerdì mattina abbiamo noleggiato un’auto. Myrna mi faceva guidare, anche se di solito le piaceva farlo da sola. Bernice doveva aver saputo cosa sarebbe successo. Tra lei e Myrna c’era solo un silenzio gelido.

Quando siamo arrivati ​​alla proprietà di Amanda, uno dei suoi schiavi ha preso la macchina e l’ha parcheggiata. Salimmo i gradini della porta d’ingresso del castello e, come prima, il maggiordomo ci fece entrare prima che potessimo bussare. Anche in questo caso i nostri cappotti e stivali sono stati presi e ci hanno dato le pantofole. Fummo quindi scortati in una piccola sala conferenze, ci offrì il caffè e ci fu detto di aspettare – che la signora Amanda sarebbe stata presto con noi.

Il caffè è arrivato. Amanda non l’ha fatto – non prima che fossero trascorsi 20 minuti buoni. Quando varcò la porta, le sue prime parole furono: “Beh, Myrna, cosa dirai di te?”

“Per favore signora, qualunque cosa pensi di me ora, per favore credete a due cose: che non ho infranto la mia promessa alla leggera, e che non avevo intenzione di nascondere che l’ho fatto. Sospetto che abbiate appreso della mia gravidanza da Bernice qui, io stavo per dirtelo io stesso, proprio qui, ecco perché ho chiesto di farti visita.

“Bambina,” rispose Amanda. “A questo punto potete risparmiare il fiato. Nessuno di voi ha dubbi. Il fatto che tu abbia detto a Bernice del tuo desiderio di sposarti e avere un bambino, e le tue parole mentre le diceva. Tieni a mente la tua promessa e ti senti in colpa per non averla mantenuta, peggiora la tua posizione, non migliora, ma su questo torneremo.

Altre storie erotiche  Ray Ch. 06: Rise - BDSM

“E so che hai chiesto un appuntamento con me per raccontarmi la tua trasgressione, prima che sapessi che già lo sapevo. Non ho mai pensato che questo appuntamento fosse per dirmi che avevi bisogno di più soldi. Non sei mai stato subdolo. e non ti sto accusando di disonestà ora, ma di totale disobbedienza. Se avessi dubitato della tua integrità di base, non ti avrei mai prestato così tanti soldi per avviare un’attività che sarebbe stata associata alla mia nella mente del pubblico. Nonostante te stesso -reliance, ti assicuro, hai lavorato come mio agente sottomesso e parziale fin dall’inizio. Hai fatto molto bene, e io ero felice e orgoglioso di te. Tuttavia, hai infranto i termini della mia sponsorizzazione e sei andato consapevolmente e hai fatto qualcosa che mi avevi promesso che non avresti fatto. Perché l’hai fatto? Come lo giustifichi? Hai bisogno di spiegare.

“Signora, sapevo di essere già in un’età in cui la gravidanza diventava più difficile e pericolosa e che sarei arrivata alla menopausa prima che i soldi che aveva preso in prestito fossero completamente rimborsati. Sapevo anche che grazie alle moderne cure mediche non c’erano rischi maggiori durante la gravidanza e il parto e che Richard e Bernice insieme erano pienamente in grado di gestire l’organizzazione e l’attività esistenti di LifeMates con un contributo minimo di sapevo che eravamo sulla buona strada per rimborsare il loro prestito, anche se sapevo che LifeMates e il loro interesse per lui erano al sicuro, non importava quanto fosse inquietante o opprimente la maternità”.

“Ti manca sempre il punto, ragazzo”, rispose Amanda. “Non vedi cosa mi fa davvero incazzare? È solo che sei andata avanti e sei rimasta incinta di Richard senza consultarmi o chiedere il mio permesso. Sei la mia benedizione. Così com’è, sono arrabbiato che tu non abbia chiesto il permesso, sapendo benissimo che come mia sottomessa dovevi farlo. Cosa ne pensi ?

«Devo dichiararmi colpevole e chiedervi perdono, signora. questione intima e importante, ho deliberatamente rivendicato il diritto di prendere questa decisione da solo, in consultazione solo con mio marito. Quando il bambino nascerà e sarò guarito dalla nascita, accetterò volentieri la mia punizione”.

“Dimmi perché dovrei accettare di punirti e perdonarti tra un anno, invece di licenziarti dal mio servizio e protezione da oggi?”

“Solo perché in tutte le questioni minori sono stato un sottomesso leale e obbediente nei tuoi confronti, e continuerò ad esserlo in futuro. Ma credo che la sottomissione debba avere dei limiti. Contro il suo rispetto per sé, so che rifiuterebbe. Né. Lo punirei perché, sottomesso com’è, rimane se stesso e io lo accetto, anzi lo esigo”.

“So che non siamo d’accordo su questo, e non siamo ancora d’accordo. Sono il tuo leale e onesto sottomesso, ma non il tuo schiavo. Mi dispiacerà se mi licenzierai. Preferisco accettare una punizione severa piuttosto che essere perdonato e autorizzato a continuare servendo, devo accettare anche le dimissioni”.

Ascoltando attentamente questa conversazione, ero consapevole fin dall’inizio che la mia Padrona non si sarebbe trovata in questa situazione, ma per mia decisione da parte sua – di infrangere la sua promessa e avere nostro figlio. Fin dall’inizio, avevo voluto un modo per intervenire nella loro discussione: proteggere mia moglie e il mio amante, reindirizzando la rabbia di Amanda nei miei confronti. Rimasi in silenzio, sapendo che qualsiasi tentativo di incolpare me avrebbe solo peggiorato la situazione di Myrna. Immagina come mi sono sentito, allora, quando Amanda si è girata verso di me e mi ha chiesto: “E tu, Richard, qual è stata la tua parte nella volontaria disobbedienza di tua moglie? Le hai ricordato il suo dovere nei miei confronti o l’hai incoraggiata a sfidarlo?” ?

Myrna ha detto: “Signora, la prego di lasciarlo fuori da questo. Il problema qui è tra noi. Mio marito mi ha appena preso quando gliel’ho ordinato. Mi ha semplicemente obbedito. La responsabilità e la decisione di rimanere incinta erano solo mie”.

Senza voltarsi verso di lei, Amanda le disse semplicemente: “Richard, so che tua moglie sta mentendo ora – per la prima volta stamattina – cercando di proteggerti. Non funzionerà. So troppo e posso leggervi entrambi tu, quello che puoi fare ora, per lei e per te stesso, è dire la verità. Poiché sei il padre di questo bambino, sappiamo che non hai rifiutato di aiutarla a disobbedire a me. Conoscevi la promessa che Myrna mi ha fatto , e Myrna Vorrei parlarti prima della tua decisione di sfidarmi Dimmi cosa è stato detto Dimmi come è stata presa quella decisione Che cosa è successo è stato il tuo contributo?

“Signora,” brontolai, la mia voce incrinata per essere stato in silenzio per così tanto tempo, “Ha agito secondo il mio consiglio. Mi ha detto che il dilemma era troppo per lei e mi ha chiesto di farlo in suo nome, per entrambi. Noi … L’ho fatto. Quindi la colpa della tua disobbedienza è davvero mia.

“No,” disse Amanda freddamente. “Non importa quanto lo desideri, non puoi toglierle la responsabilità ultima. L’hai incoraggiata ad avere il bambino. Ti avrebbe chiesto di spiegare il tuo pensiero. Cosa hai detto?”

Altre storie erotiche  The Maid Ch. 03-04 - BDSM

“Gli ho detto che avresti saputo che il suo investimento in LifeMates era sicuro e di successo anche se Myrna fosse stata distratta dall’attività per un po’; che Bernice, io e l’organizzazione esistente avremmo potuto gestirlo facilmente con un piccolo intervento da parte sua; che per venderti le tue azioni in LifeMates o sostituirla come amministratore delegato sarebbe controproducente, perché l’azienda ha avuto successo e nessun altro potrebbe gestirla meglio, se solo fossero disposti a subire il tipo di punizione che la tua signora io dobbiamo avere il bambino.

“Ma volevo la bambina tanto quanto lei, quindi anche il mio consiglio era egoistico”.

“Bene,” rispose Amanda. “Ora vi credo. Ora sento una storia che ha un senso. Noto anche che all’inizio mi rivolgete a me come ‘Signora’, forse sperando di placarmi o lusingarmi. Ora devo giudicarvi e condannarvi… cosa accadrà sarà?”

Pensò per un momento, poi disse: «Tu, Richard, penso che tu sia innocente. Hai servito la tua padrona lealmente e bene. Il consiglio che gli hai dato in quell’occasione è stato buono. lei dice. Una volta che io, nessuno può servire due padroni – o signore!”

«Quanto a te, bambina mia», continuò, rivolgendosi a Myrna, «conosco anche il detto: ‘è più facile ottenere il perdono che il permesso,’ ma non sempre si applica. Se fossi venuto da me con il caso che hai appena fatto, ti avrei sciolto dalla tua promessa. Se non l’avessi fatto, saresti potuto andare avanti e rimanere incinta comunque. In tal caso, saresti stato solo colpevole di disobbedienza. Allo stato attuale, dovrò punirlo per mancanza di fiducia, il che è peggio. Metterò un po’ di più per aver mentito ora, per proteggere tuo marito, come l’hai appena chiamato, ma non lo biasimo troppo.

“Quello che non hai ancora imparato, a quanto pare, è che, sia come gioco che come stile di vita, le relazioni D/s dipendono dalla fiducia – affinché il Dominante vinca e che la sottomessa offre come unica base per l’obbedienza, tranne nella paura (che non ha posto nelle relazioni romantiche).”

“Per aiutarti a imparare questo, avrai un appuntamento con la signora Payne tra circa un anno, quando sarai completamente guarito dal parto, e il bambino potrebbe stare senza di te per un giorno o due. Chiamami quando ‘Sono pronto per questo.

“Nel frattempo, cerca di ricordare una sola occasione in cui non avevo a cuore i tuoi migliori interessi. Se puoi, ci arrenderemo e ti risparmierai un pestaggio.” Si fermò per un momento. “So che voi due mi avete ancora ferito per il modo in cui ho trattato Richard il giorno in cui l’ho incontrato, ma quel trattamento vi ha aiutato ad innamorarvi di lui, quindi non conta!”

“Abbiamo altri due accordi stamattina, ma ci vorranno solo un momento. Primo, per favore non essere arrabbiato con Bernice. So che ti senti come se ti stesse spiando, e che l’ho messa con te forse per lungo tempo pensava che mi conoscesse e lavorasse con me da molto più tempo di te, e che mi avrebbe detto tutto ciò che volevo sapere. Altrove, lo spionaggio è ciò che i poteri ostili si fanno l’un l’altro, e io non sono ostile. Nemmeno lei . In questa vicenda di gravidanza, si è sforzata di sottolineare la sua lealtà e integrità. Aveva l’ordine di tenermi informato sulla sua operazione, e lo ha fatto.

“Quindi pensa al suo ruolo di supervisione amichevole, non di spionaggio. Voglio che la perdoni e continui a lavorare insieme. Ma ora sai che anche se sta collaborando con te, si rende anche conto che lo so. “

Myrna ha risposto: “Signora, vorrei che mi avesse detto che Bernice aveva un ruolo secondario, quello di supervisore. Assolutamente giusto usarla in quel modo, e avrei dovuto pensare che l’avresti fatto. Ma sento che la fiducia è un due -way street e ti biasimo per avermi fatto ‘sorvegliare’ senza informarmi del suo ruolo”.

“Non la biasimo per averti riferito, ma per non avermi detto in quel momento che l’avrebbe fatto. Posso perdonarla, ma dovrà andarsene perché non è più possibile per me lavorare con lei. lei.” Userò stagisti per fare i lavori domestici e trovare un altro Dungeon Master o interpretare quel ruolo io stesso. O lo farà Richard, finché non troviamo qualcuno. Bernice può andare in pensione ora, o puoi trovarle un altro lavoro.

Amanda disse: “Ti comando di perdonarla e di lavorare con lei”.

E Myrna ha risposto: “Ha tradito quella che pensavo fosse la nostra amicizia. Puoi tenerla a LifeMates se vuoi, ma tu o lei dovrai affrontarla, perché Richard e io ce ne andiamo”.

“Mi stai sfidando!”

“Se insisti che io continui a lavorare con lei, lo farò.”

Mi aspettavo rabbia a questo punto. Ma Amanda comprendeva i segreti del potere così come Machiavelli, forse come chiunque altro. Un “principe” (comunque intitolato) deve astenersi dal dare ordini che saranno impugnati – perché la sfida, per quanto severa sia la punizione, diminuisce il suo potere. Quando le persone sfidano davvero i tuoi ordini – non sono più scoraggiate dalla paura del peggio che puoi far loro – il tuo regime rischia di crollare. Amanda non aveva bisogno di pensare a queste cose. Li conosceva fino all’osso. “Va bene allora,” disse. “Non insisterò. Mi dispiace che tu la veda in questo modo – che pensi che Bernice abbia tradito la tua amicizia. Ma anche come tua amante, non posso comandare i tuoi sentimenti. Anche come mia fedele sottomessa “, non puoi ordinali tu stesso… occupati di Bernice o fai a meno di lei come meglio credi. In quanto leader di LifeMates, dopotutto, è una tua scelta”

Altre storie erotiche  Vignette: Desperation

Rimase in silenzio per un momento e continuò: “Avevamo ancora un’altra cosa di cui discutere, ma ora non è il momento o l’atmosfera. Voglio usare la tua cerimonia di matrimonio e il ricevimento per fai un tuffo nelle pubbliche relazioni della tua azienda e lo farò. pagare per questo e un’utile luna di miele nella località di tua scelta, ma ho intenzione di ottenere quello per cui pago in valore pubblicitario. Pensa a cosa vorresti fare e come farlo al meglio Tra una settimana andrò a Montreal per iniziare a pianificare e organizzare. Parleremo di Bernice quando avrai tempo per pensare. Fino a lì.

Si alzò e lasciò la stanza. L’incontro è finito. Il suo maggiordomo ci accompagnò alla porta d’ingresso; tre schiavi ci aiutarono a indossare i cappotti e gli stivali; e siamo scesi al piano di sotto verso la nostra auto a noleggio. Myrna disse: “Sto guidando” e si mise al volante. In un freddo silenzio, tornammo a casa. Sono rimasto sorpreso che Bernice non abbia detto nulla per scusarsi o difendersi. Forse si sentiva completamente giustificata per quello che aveva fatto e sentiva che Myrna non aveva il diritto di sentirsi tradita.

* * * * *

Quando alla fine Myrna e io abbiamo parlato in privato, la prima cosa che abbiamo concordato è stata che non potevamo lasciare che Bernice, Amanda o le ambizioni dell’azienda si mettessero in mezzo. Spinto per spingere, abbiamo convenuto che se Amanda avesse chiesto troppo, Myrna avrebbe cambiato completamente la sua carriera o aperto il suo dungeon di addestramento e tutoraggio in qualsiasi città del Canada, che avrei ripreso la mia carriera di scrittrice, che tra noi sarebbe cresciuto il bambino che Myrna ora sopportava. Ho anche convenuto che c’erano poche ragioni per incolpare Bernice per la sua scelta di lealtà, ma anche nessuna ragione per continuare a lavorare con lei.

Dopo avermi chiesto di prendere una decisione sulla sua gravidanza, Mistress ora mi ha chiesto di decidere quando era il momento di lasciare Amanda e LifeMates, quando lo stress di questa carriera è diventato troppo per noi. Con così tante parole, Myrna ha detto: “Gestierei LifeMates e rimarrai la mia sottomessa e la mia delega mentre lo faccio. Ma d’ora in poi, sei il capo della nostra famiglia e metteremo la salute, il bambino e il matrimonio al primo posto . della mia carriera. In queste faccende dovresti essere l’Alfa.”

“Quando Amanda verrà la prossima settimana, le dirò che le responsabilità familiari avranno la precedenza sulla mia sottomissione a lei e che ti ho autorizzato a parlare per me nei miei rapporti con lei. Quando si infuria e minaccia, come prevedibilmente farà , le dirò di negoziare con te e di lasciare la stanza. Lei cercherà di dominarti e di affascinarti, ma ti proibisco di chiamarla di nuovo ‘amante’ nome, ‘Amanda’, senza titolo. Parla come suo pari – come uno persona a un altro. Offrigli l’amicizia e l’alleanza delle nostre due società in una relazione a distanza. Digli che accetterai i suoi suggerimenti ed effettuerai i tuoi ordini, ma che i suoi ordini non hanno senso per noi ora. Come ultimo resort, se non puoi parlare per me fino a quando non abbiamo conferito, devi smettere senza dirgli perché. Devi chiarirgli che sei tu, e non io, a prendere le decisioni per LifeMates per quanto lei è preoccupato.”

“Puoi farlo, amore mio? So che è un terribile fardello da caricarti, ma l’unica alternativa è allontanarti da lei adesso. Sono riluttante a farlo senza provare questo piano, ma lo faremo se lo dici tu. ti senti come se fosse più di quello che puoi gestire.

“È quasi uno scherzo”, le ho detto, “come la dominatrice che ordina al suo sottomarino di colpirla, e il sottomarino che si fa beffe e dice ‘No!!'”

“Lo farò, ma con me che parlo per te in questo modo, potresti non essere felice del risultato. Potresti essere sorpreso di quanto facilmente trovo che non sia sottomesso ad Amanda. Riattacca con me… del tuo debito nei suoi confronti, emotivo e monetario, e il bisogno di LifeMates per il suo patrocinio e assistenza, sarei propenso a disprezzarla. Solo il suo interesse per LifeMates e la sua dipendenza dalle strutture KI e dal suo supporto mi danno una ragione per essere così civile”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *