Long Is The Way Ch. 01 – BDSM

di | 30 de Giugno, 2022

Capitolo 1 – Attraverso il vetro scuro

* * * * *

*MAC SMACK SMACK SMACK SMACK*

Lo spesso remo di cuoio frustò ripetutamente il culo nudo di Owen. Proprio quando stava cominciando a sentirsi meglio, il giovane biondo dietro di lui si fermò.

“Stai bene? Ci sto provando troppo?”

“Sto bene, signora Jade. Più forte, per favore.”

Aveva posto la domanda, o qualche variazione di essa, almeno una dozzina di volte. Cominciava a diventare ridicolo. La sua inesperienza si manifestava più chiaramente ad ogni atto. La guarigione è stata buona, soprattutto quando era la tua prima sessione con un nuovo sottomarino, ma a un certo punto il Domme deve fidarsi del sottomarino per usare il suo sottomarino. Parola sicura se ha bisogno. Owen stava diventando agitato e irritato.

Si dimenò sulla croce di Sant’Andrea, riposizionandosi leggermente mentre aspettava il prossimo round di colpi. I polsi e le caviglie tiravano i lacci di pelle. Non erano nemmeno così spessi. Owen sapeva che avrebbe potuto strapparli dalle assi imbottite se avesse voluto. Non sarebbe neanche difficile. Non per un uomo della tua forza.

Owen era alto 5’7 “e 200 libbre di muscoli ben tonificati. Le sue braccia forti, le gambe grosse e la schiena cesellata erano state forgiate in molti anni difficili nell’esercito. La disciplina era stata fondamentale per tutta la sua vita adulta, quindi Owen sapeva quando è stato applicato correttamente. La voce di Mistress Jade non ispirava né timore reverenziale né ammirazione. Niente di ciò che aveva fatto fino a quel momento era nemmeno una frazione della sofferenza e del dolore a cui era abituata, e questo era il problema.

*MAC SMACK SMACK SMACK SMACK*

Cominciò un’altra serie di sculacciate sempre più forti. Si fermarono proprio mentre il dolore stava diventando delizioso. Lei lo inseguì, ispezionandogli il culo ed esitando.

“Hmmmm…credo di aver quasi lasciato un segno.”

Owen alzò gli occhi al cielo.

“Oh sì, sarebbe un peccato…”

“Ragazzo molto duro, vero?” ha continuato. “Va bene allora. Prenderò la frusta.”

“Sì, signora Jade!” Owen rispose, sorridendo al muro, a pochi centimetri dalla sua faccia.

‘Finire!’

Alla fine, Owen avrebbe ottenuto ciò che voleva. Il loro gioco è cresciuto lentamente durante la notte. Quando è arrivata, gli ha ordinato di spogliarsi. La padrona Jade ha chiesto l’adorazione dei piedi e lui le ha diligentemente leccato gli stivali dal tallone alla punta. Lo vestì con colletto e guinzaglio e lo accompagnava a quattro zampe. La donna in lattice verde lo ha sradicato in un incantesimo, soffocandolo con il suo culo di gomma.

Era tutto buono e buono. L’umiliazione e l’adorazione avevano il loro posto. Owen amava la maggior parte delle attività che le donne dominanti usavano normalmente nelle loro sessioni di gioco, ma non era quella la vera ragione per cui era lì. Owen bramava il dolore. Il suo desiderio più profondo era di contorcersi in agonia mentre era legato e indifeso. Senti le onde crescenti del tormento fino a quando la supernova di endorfine non scorre a cascata attraverso il suo corpo. Non voleva solo questo. Aveva bisogno.

Owen sentì il lungo cordone di cuoio srotolarsi dietro di lui. Mistress Jade ondeggiò avanti e indietro un paio di volte, la frusta sibilando nell’aria mentre si esercitava in alcuni trucchi. Owen rilassò il suo corpo e chiuse gli occhi. Aspettò il primo delizioso morso di cuoio pungente.

*CRACK CRACK CRACK CRACK*

La frusta colpì la sua carne con meravigliosa ferocia e Owen bevve un vero dolore per la prima volta quella notte. Sfortunatamente, due dei suoi pugni sono finiti anche sulla parte bassa della schiena. Forse mirava al suo culo, ma in tal caso, la sua mira faceva schifo. C’erano molte ossa, nervi e organi importanti in quest’area con poca protezione. Se l’ha fatto di nuovo…

* CRACK CRACK CRACK CRACK CRACK CRACK CRACK*

Due sulla parte alta della schiena, una sulla parte bassa della schiena, due sui glutei e infine una sulla parte bassa delle cosce. Fuori uso. Molto lento. L’ultimo si era avvicinato alla parte posteriore del ginocchio. Se ci fosse riuscita, avrebbe potuto sopprimerlo per settimane.

“Dannazione.”

“Rosso! ROSSO! si sono realizzati!”

Il suo grido improvviso fece trasalire la Sig. Jade, il suo corpo snello che ondeggia nella tuta di lattice lucida. ” Oh ! Oh mi dispiace ! Come va ?

“Sì, sì, sto bene. Slegami solo, per favore.”

“È chiaro.”

La giovane donna lasciò cadere la frusta e corse verso la sua forma legata. Slacciò le sottili cinghie di pelle attorno ai polsi e alle caviglie. La sconvolta Domina lo studiò, sembrando preoccupata mentre lo lasciava andare.

“Ho colpito un posto sbagliato?” chiese quando Owen si voltò e si diresse verso la porta.

“Quasi,” rispose sopra la sua spalla.

Owen attraversò il corridoio ed entrò nel bagno dove stavano aspettando i suoi vestiti. Si vestì in fretta, si diede da fare e si lavò le mani prima di andarsene.

Quando si avvicinò alla porta d’ingresso, la signora Jade lo stava aspettando. Le sue braccia erano incrociate sotto il suo petto luminoso. Sembrava mortificata. “Mi dispiace così tanto. È solo che… beh, sono un po’ nuovo in questo. Sto ancora imparando le cose.”

“Non dici?” Owen rispose, incontrando brevemente i suoi caldi occhi marroni prima di prendere il portafoglio.

Aveva già pagato per l’intera seduta, ma sul tavolo accanto c’era un recipiente per le mance che lo invitava. Accanto c’era un piccolo cartello che diceva: Ogni consiglio è apprezzato! =)

Owen avrebbe voluto avere un biglietto che dicesse: “Non mettere a rischio le spine e i legamenti delle persone”. Sarebbe stato un aggiustamento punto per accompagnare la banconota da cinquanta dollari lasciò cadere nella ciotola di vetro.

“Grazie. Buona notte,” disse con un cenno del capo alla giovane bionda.

Aprì la porta d’ingresso, mordendosi il labbro. “Anche tu. Grazie per essere venuto! Farò meglio la prossima volta.”

“Sì, la prossima volta…” rispose con una risata aspra mentre camminava per la notte.

* * * * *

Owen si sentì rilassato per la prima volta quella notte quando gli effetti della bevanda iniziarono a farsi sentire. Aspettò la sua seconda dose della notte ascoltando le risate e le conversazioni intorno a lui. Non c’erano ancora molti clienti nel Spettacolo di Tender Peltro a quell’ora in una notte feriale, era quindi facile discernere le voci dietro di lui. Svuotò il resto del bicchiere e diede una pacca sul bancone prima di salutare il barista.

“Ne voglio un altro, Chuck. Quando hai un minuto.”

“Certo” l’uomo calvo sorrise e rispose immediatamente. Posò il bicchiere che stava pulendo, prese la bottiglia da Jack e si versò un altro bicchiere con abile disinvoltura. Il corpulento barista gliela posò davanti con un sorriso. La sua espressione allegra svanì mentre meditava sulla tristezza di uno dei suoi clienti abituali per tutta la notte.

“Come stai, Owen?” Sembra che il tuo cane sia appena morto.

Chuck era il barista perfetto. Non solo sapeva lanciare bottiglie e fare un milione di drink, ma era anche bravo a leggere le persone. Sapeva quando prendere le distanze e quando i suoi clienti volevano parlare. Owen non l’avrebbe mai ammesso, ma voleva assolutamente parlare con qualcuno. Ha pensato di mandare messaggi ai suoi amici e vedere cosa stavano combinando, ma ha deciso di non farlo. Owen non voleva infettare nessun altro con il suo umorismo. Ma Chuck era sempre lì per ascoltare e lo considerava parte del suo lavoro.

“Sì, sto bene. Solo… l’altra mia dipendenza non ha funzionato, quindi sono venuto qui per la seconda cosa migliore.” Owen alzò il bicchiere di whisky dorato in segno di saluto.

“L’altra tua dipendenza, eh?” Che cosa è ? Il gioco ? La coca? Le donne ? »

Il soldato divertito sorrise e annuì, confermando la sua ultima ipotesi. “La terza volta è un incantesimo.” Ripose il drink sul bancone e sospirò.

“Oh scusa, non ha funzionato. Lo riceverai la prossima volta.”

“Spero che lo farà io il prossimo ora.”

“Come fa a prenderti?” sembrava confuso.

“Sai… capiscimi. Non c’era chimica con questo, questo è certo.

“Oh sì. È sempre un rischio quando incontri qualcuno di nuovo. Beh, speriamo che il prossimo sia un gioco migliore.”

Chuck è scomparso brevemente per servire un altro cliente. Tornò in men che non si dica, desideroso di chiacchierare e fare il tifo per uno dei suoi clienti preferiti.

“Allora, cosa ne pensate? chiese, indicando la TV dietro di lui sopra il bancone. “Questa è una buona notizia, vero?”

“Cosa c’è di nuovo?” chiese Owen, guardando lo schermo con un cipiglio. Raramente prestava attenzione alle teste parlanti e alle fabbriche di propaganda aziendale.

“Non ha sentito? Il presidente ha annunciato che stiamo ritirando le truppe rimanenti. Andate tutti a casa!”

Owen tirò su col naso. “Lo credi davvero?”

Il barista scrollò le spalle. “Perché non io? Siamo qui da molto tempo, se me lo chiedi.”

“Esattamente” rispose Owen prima di prendere un sorso di whisky. “Siamo qui da vent’anni e dicono che siamo andati via da vent’anni. Dicono tutti Missione compiuta e andiamo. Non lo facciamo mai. Non proprio.”

“Ma hanno iniziato a portare i ragazzi a casa. È abbastanza ufficiale, vero?

Owen scosse la testa. “Ci portano fuori, ci allontanano. grande cazzo. Le ridistribuzioni non godono quasi della stessa copertura dei prelievi. Anche se tutti i soldati fossero stati ritirati, ci sarebbero ancora appaltatori a combattere. La maggior parte di loro sono ex soldati pagati molto di più per lavorare come guardie di sicurezza per una grande compagnia. E devono seguire l’UCMJ”.

“UCMJ? »

“Il Codice Uniforme di Giustizia Militare. È ciò che ci impedisce di fare cazzate atroci. Almeno, in teoria.”

Il barista sembrava scoraggiato. Incrociò le braccia sul petto. “Quindi rimarremo qui per sempre?”

“In pratica. Fino a quando non lanciano una guerra più redditizia.

Owen lasciò che il silenzio indugiasse per alcuni istanti mentre un vestito chiacchierava in televisione. Il suo sguardo cambiò in uno sguardo di mille metri mentre lottava con ricordi spiacevoli.

“La guerra non si vince”, ha recitato. “Deve essere continuo.”

“Ehi, non è da un libro famoso?” chiese Chuck, pulendo il bancone con un panno umido.

“Stai pensando a 1984 di George Orwell”, rispose il giovane.

“Esatto” disse l’uomo più anziano con un cenno del capo e un sorriso. “Me l’hanno fatto leggere al liceo. Pensavo di ricordare la battuta!”

Owen alzò il bicchiere. L’ha impostato in modo che gli spiriti ambrati coprissero la TV. Osservò il presidente, circondato dai generali, fare il suo annuncio. Taglio a stenografi super pagati che chattano sul ‘grandi notizie.’ Il liquido scuro scorreva avanti e indietro, scolorendo e distorcendo i mostri che giacevano sullo schermo. Viste attraverso questa lente, le stronzate erano quasi tollerabili.

Portò la bevanda alle labbra e bevve. Quella meravigliosa, unica dolcezza del whisky del Tennessee le scivolò in gola e portò via tutte le sue preoccupazioni. Fece schioccare le labbra ed emise un altro sospiro soddisfatto. Owen batté leggermente il bar con il bicchiere vuoto.

“Ma è una citazione erroneamente attribuita. In realtà è dal film. Una rielaborazione di qualcosa dal romanzo”.

“Oh…” rispose il barista, dubitando improvvisamente della propria memoria. “Mostrami quello che so! Ne vuoi un altro?”

“Se posso ancora dirlo erroneamente attribuito Niente stronzate, sono molto sobrio”.

“Lo prendo come un sì”, ha risposto con una risata. Chuck ha ripreso la bottiglia da Jack.

“Scommetto qualsiasi cosa che mi cacceranno entro sei mesi”, ha aggiunto Owen, guardando la bevanda che si versava. “Là o in un altro inferno. Lo fanno sempre.”

L’amichevole barista gli mise il drink davanti. “In questo caso, è sulla casa.”

Owen sorrise. Poteva dire che l’uomo voleva allungare una mano oltre il bar, afferrarlo per le spalle, scuoterlo e chiedere di sapere perché continuava a tornare. Perché Owen dovrebbe andare alla merda quando sapeva che molte cose erano bugie, avidità e sofferenza inutile. Ma Chuck no. Il gentiluomo dalla testa brillante e senza pretese ascoltava, versava da bere e gemeva.

“Sei un brav’uomo Chuck,” disse alzando il bicchiere.

“Anche tu, Owen. Non dimenticarlo.”

Il giovane soldato annuì con occhi tristi e bevve un altro drink. Se potesse crederci, non ci sarebbe bisogno di un altro drink.

* * * * *

Owen si alzò, osservando l’arredamento della sala conferenze. Andò in giro aspettando che il dottore lo raggiungesse. Era un piccolo studio privato che la dottoressa Elizabeth Long aveva fondato. Solo un assistente e poche stanze. Era esattamente come lo voleva Owen. Meno persone sono coinvolte in queste sciocchezze, meglio è.

La stanza conteneva due poltrone, un divano e un tavolino da caffè tra di loro. Le pareti erano rivestite con opere d’arte incorniciate e il dottor Long. Ha conseguito un dottorato in psicologia e diversi riconoscimenti dalle diverse scuole che ha frequentato. C’erano grandi piante in vaso in due angoli della stanza, dandogli un’atmosfera intima. Il posto era pulito come un fischio. Owen ha scommesso che avrebbe persino superato un’ispezione militare.

Sentì la porta aprirsi dietro di lui e si voltò per vedere entrare una bellissima giovane donna. Con i talloni, era un paio di centimetri sopra Owen. Queste scarpe nere lucide portavano a polpacci bianco crema e una gonna grigia attillata che tagliava appena prima delle ginocchia. Oltre a ciò, indossava una camicia bianca abbottonata che le scorreva intorno ai fianchi larghi, al busto sinuoso e alle braccia snelle.

I lunghi capelli neri del dottore gli scivolarono lungo i lati della testa in un’onda deliziosa. I suoi sottili occhiali dalla montatura nera incorniciavano i suoi sensuali occhi marrone scuro. La donna aveva in mano un portablocco e una tazza di tè caldo quando è entrata. Sorrise mentre si avvicinava, infilando il tampone sotto il braccio sinistro e allungando la mano destra in segno di saluto.

“Piacere di conoscerti, Owen. Sono Elizabeth Long.”

Le parole risuonavano con il più dolce accento britannico che avesse mai sentito. Owen chiuse la bocca ora aperta e fece del suo meglio per ritrovare la calma. Si aspettava qualcuno della sua stessa età, poiché era una pratica relativamente nuova, ma non necessariamente qualcuno così carino. Concentrarsi su qualsiasi altra cosa poteva essere difficile a meno che lui non avesse voltato le spalle al suo nuovo terapeuta.

“Allo stesso modo,” disse con un cenno del capo, stringendole la mano con fermezza ma dolcezza. Non ha mai stretto la mano a una donna civile come ha fatto con i suoi colleghi militari. Queste strette di mano spesso si trasformavano in gare per vedere chi aveva la presa migliore. “Dovrei chiamarti dottor Long?”

“Va bene o puoi chiamarmi Liz se ti senti più a tuo agio con i nomi. Non mi dispiace.”

Owen ricambiò il sorriso. Era incredibilmente impotente. Esitò a venire per questa prima sessione, ma si stava già scaldando con lei. “Ottimo dottore, grazie.”

“Per favore, siediti dove vuoi.”

Osservò la disposizione dei mobili, chiedendosi se doveva andare sul divano o su una delle poltrone. “Il posto in cui mi siedo dice qualcosa su di me?”

Elizabeth rise e lo salutò con la mano. “No, siediti dove ti senti a tuo agio. Mi piace conoscere i miei pazienti prima di fare psicoanalisi.”

Il proprietario sorrise timidamente e annuì. Si sedette su una delle poltrone e incrociò le mani in grembo. All’improvviso si sentì sottovestito con i suoi jeans, t-shirt e giacca mimetica foresta. Doveva ricordare che quella era una sessione di consulenza, non un appuntamento.

“Prima di iniziare, vuoi qualcosa da bere?” Posso offrirti acqua in bottiglia, tè o caffè.

“No, sto bene. Grazie,” rispose Owen.

Elizabeth sorseggiò il suo tè prima di metterlo sul tavolo e sedersi sulla sedia di fronte a lui. Ha attraversato dolcemente gambe e si appoggiò all’indietro prima di far cadere la penna e fare clic.

“Allora cosa ti porta oggi?”

“Attenzione da parte dell’esercito americano. Fanno un controllo sanitario dopo ogni dispiegamento e il mio ultimo è stato segnalato durante l’interrogatorio. Il medico che lo ha visitato ha deciso che voleva che parlassi con qualcuno ‘a. tutto pulito prima del mio prossimo tour”.

Elizabeth annuì, prendendo alcuni appunti. “Capisco. I militari ti hanno offerto uno dei loro consiglieri con cui parlare?”

“Lo hanno fatto, ma invece ho deciso di vederti. Per come la vedo io, i militari sanno già abbastanza di me. Preferisco mantenere queste cose private.”

“Non ti fidi dei medici militari per mantenere la riservatezza dei pazienti?” »

“Oh, mi fido molto dei medici. Sono sicuro che sono brave persone. Ma non spetta sempre a loro decidere chi ha accesso a tutti quei documenti, sai?”

La bella bruna ha scritto qualche riga in più sui suoi appunti. “E quando è pianificata la tua prossima distribuzione?” »

“Non lo saprò fino a un mese o due prima che accada. Potrebbe essere in qualsiasi momento.”

“Bene. Beh, finché non sarai chiamato ad agire nei prossimi due mesi, dovrebbe essere sufficiente per prendere una decisione. Ora dimmi… Cosa sta succedendo nella tua vita in questo momento? In generale?

Owen soffiò l’aria attraverso il labbro inferiore e sollevò le braccia ai lati della sedia. “Mi sono trasferito in riserva dopo il mio ultimo incarico. Ho deciso che avevo bisogno di una nuova direzione. Ora torno a scuola. Sto studiando storia e letteratura inglese”.

Elisabetta sorrise ampiamente. “Va bene! Hai dei progetti per la laurea? O stai solo cercando un interesse adesso?”

“Non lo so. Penso che un giorno potrei fare l’insegnante? O forse scriverò un libro. Nessun piano definito, davvero. Ho già una laurea in economia. Non ho mai avuto un piano anche per quello. Solo qualcosa che ho fatto tra gli schieramenti. ” , dal momento che l’esercito stava pagando per questo”.

“E la famiglia? Gli amici ? I soci? Chi c’è nella foto adesso?

“Nessun partner ancora. Neanche famiglia. Mi sono arruolato nell’esercito subito dopo il liceo e i miei genitori adottivi sono morti poco più che ventenni. Erano già lì quando mi hanno adottato. Era come avere i nonni invece dei genitori. Ho molti amici in l’esercito. , ma pochi qui. Gli altri sono sparsi per il paese tra due passeggiate.

La penna del giovane dottore continuava a scarabocchiare. “Hai provato a conoscere nuove persone? A scuola o in occasione di eventi sociali?

“Sì, a volte. È un po’ difficile, soprattutto a scuola. Mi sento come il vecchio al college ora. Quasi tutti hanno dai dodici ai quindici anni meno di me. Non parteciperò a molti eventi sociali, ma prova a incontrare donne online. Ho avuto un appuntamento l”altra sera! Tuttavia, quello non è andato molto bene.

Elisabetta annuì. “Sono contento che tu sia ancora in contatto. So che non è facile, soprattutto per i soldati che tornano dall’estero. Cercare di riprendere una vita sociale che è stata interrotta per sei mesi o più è sempre un compito arduo. vita Ti senti depresso per questo?

Si spostò sulla sedia, a disagio. “Beh, voglio dire… a volte ci penso, ma non direi che è un grosso problema. Sto andando abbastanza bene da solo.”

Il dottore posò la penna e lo guardò consapevolmente. “Owen. So che può essere difficile aprirsi con qualcuno che conosci a malapena, ma se vogliamo andare avanti, ho bisogno che tu sia sincero. Qualsiasi cosa tu mi dica sarà tenuta nella massima riservatezza e usata solo per assisterti.” al meglio delle mie capacità. Quindi, per favore, dimmelo chiaramente. Provi regolarmente sentimenti di solitudine?

Si fermò mentre le sue splendide pozzanghere di succoso marrone si seppellivano nel suo azzurro.

“Tutto il tempo.”

“È qualcosa che vorresti cambiare?

“Se devo essere onesto, penso spesso che sia meglio così”.

* * * * *

*OOOOOOOOOOOOOO*

Owen gemette profondamente nel pezzo di pelle tra i denti. Era strano avere un bavaglio in bocca che non era legato strettamente intorno alla testa. Poteva sputare via dalla bocca il lungo pezzo tubolare di cuoio in qualsiasi momento. era tuo Fuori se sono troppi. Potrebbe sputare la parte e dire la parola sicura. Era così che lavorava la signora Payne.

Il suo corpo nudo era immobilizzato sul cavallo rivestito di pelle nera. I muscoli di Owen sono stati resi inutili da una combinazione di cinghie di cuoio e catene. I suoi polsi e le caviglie erano legati ai quattro angoli della base di metallo su cui era appoggiato. A differenza dell’ultima volta, non c’era modo di scappare fino a quando il schiaffo di Domme non l’ha sbloccato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *