Master & Mommy Fuck Their Slut 01 – BDSM

di | 30 de Giugno, 2022

Jack ed io eravamo sdraiati nudi sul nostro grande letto mentre Konnor dormiva sul pavimento, il suo cazzo nella sua piccola gabbia. Ho guardato il mio padrone addormentato, era così bello. I suoi morbidi capelli rossi brillano alla luce che brilla attraverso l’ampia vetrata. Allungo una mano per passarci sopra le dita, e quando lo faccio, i suoi occhi si aprono lentamente e assonnati e sorride.

“Ciao mia bellissima figlia.”

“Ciao Maestro.”

Chiude gli occhi e sospira mentre continuo a passargli una mano tra i capelli. Amo la sua testiera, vederlo in uno stato così naturale di verità e vulnerabilità. Si gira su di me e mi bacia teneramente. Sorrido mentre lo bacio di rimando. All’improvviso scompare sotto le lenzuola e io esco con una risata felice mentre mette la testa tra le mie gambe e inizia a mangiarmi. La sua lingua lecca le mie pieghe interne, lasciando la mia figa bagnata. Cammina avanti e indietro, facendomi sorridere ed emettendo un sospiro soddisfatto. È così bravo. Sa esattamente cosa fare. Sussulto mentre il suo pollice si sposta sul mio clitoride, strofinandolo delicatamente. Poi, come un cane, dà una grande leccata su e giù e sporge la testa. Ho fatto un’altra risata felice.

“Mi piace il sapore della tua figa,” disse senza vergogna

“Smettila e vieni qui.” dico sorridendo

Si avvicina e ricomincia a baciarmi. La sua mano si sposta sul suo cazzo che si aggiusta e lentamente inizia a penetrarmi, gemo. È enorme, il suo cazzo che è lungo 9 pollici è anche abbastanza spesso. Non smette mai di farmi piacere. Quando comincio a gemere più forte, noto Konnor sul bordo del letto che ci osserva. Distolgo lo sguardo prima che si accorga che l’ho afferrato, giocando in modo ignaro. Jack non mi sta scopando come se fossi la sua puttana in questo momento, mi sta scopando come se fossimo uguali, so quanto questo deve far impazzire Konnor. Posso immaginare il suo cazzo magro da 5 pollici che si allunga nella sua gabbia, a malapena in grado di guardare il nostro padrone fare l’amore con me. Jack inizia a spingere più forte, costringendomi ad afferrarlo per la schiena e conficcargli le unghie. Lo prendo mentre manda elettricità attraverso il mio corpo. Colpisce così in profondità e ogni volta che colpisce la mia cervice sussulto.

“Dannazione, ti senti così bene” urlo.

“Scommetto che ti piace.” Dice di rallentare, il che mi fa desiderare ancora di più.

“Sì, per favore continua, ne ho bisogno.”

“Va bene se lo vuoi così tanto”

Comincia a circondarmi, duro e veloce. Grido il suo nome. Sentirlo dentro di me è l’unica cosa a cui riesco a pensare. È così grande, mi riempie così bene, amo il tuo cazzo. Mi picchia ancora e ancora e non ottengo alcun sollievo dalla stimolazione. La mia figa trasuda succo, lubrifica ancora di più il suo cazzo, facendolo scivolare sempre più veloce. Alla fine, è troppo per me, la sensazione mi fa a pezzi, sono piena di estasi e sperma, il mio corpo trema e si contorce sotto la sensazione, ma continua e sono tornato nell’emozione. Quando finalmente arriva e se ne va, mi rimane una sensazione di pienezza e un senso di completamento, il suo sperma che gocciola dalla mia figa calda e bagnata.

Jack rotola accanto a me. Mi rannicchio accanto a lui, gli occhi chiusi. Poi entrambi abbiamo sentito un gemito di dolore provenire appena oltre il letto. Mi trascino fino al bordo del letto, guardo in basso e rido. Konnors si rotolò sul pavimento cercando di trovare sollievo dal suo dolore.

“Aww, il nostro cagnolino ci stava guardando”, dissi, sapendo che il degrado non farà che rendere le cose più difficili.

“Abbiamo detto che andava tutto bene? Jack chiede a Konnor

“No”, disse Konnor sconfitto.

“Non credo,” rispondo timidamente, sorridendo a Konnor.

“Beh, penso che dobbiamo punirlo.” disse Jack.

“Te lo cucinerò io,” dissi.

“No, per favore, no, voglio solo scoparla, per favore non fare nient’altro”, supplica Konnor.

“Alzati” ordino.

Konnor si alza e io mi alzo dal letto e mi dirigo verso il bagno mentre lui mi segue imbronciato come un cane. Apro il lavandino e riempio la bottiglia d’acqua accanto con acqua ghiacciata.

“Vieni nella vasca e piegati”, ordinai.

“No, per favore, odio quando fa freddo, fa male”, supplica Konnor.

Lo guardo, tenendo in mano la bottiglia d’acqua e quando non la prende gli do uno schiaffo in faccia.

“Non farmi padrone, sai che lo farà per te.”

Konnor geme, prende la bottiglia e si arrampica nella vasca.

“Posso almeno uscire dalla mia gabbia? Sai quanto mi rende difficile.

“No.”

“Per favore, sono stato nella mia gabbia tutta la notte e non mi hai fatto entrare per giorni.”

Faccio un passo verso di lui e gli attorciglio forte il capezzolo.

“Hai cinque secondi per ficcarti quella merda su per il culo e pulirti come la puttana che sei prima che ti stringi la gabbia e ti scopi con la bottiglia d’acqua nel culo.” Inizio il conto alla rovescia.

“Cinque quattro…”

Konnor si accovaccia nella vasca.

“Tre,”

Mette la testa nella bottiglia d’acqua e urla per lo shock e il dolore mentre lei stringe la presa e inizia a lanciargli acqua fredda. So quanto deve essere duro il suo cazzo, quanto deve essere schiacciante la sua gabbia. Lo guardo rabbrividire alla sensazione. Quando decido che è trascorso abbastanza tempo, gli dico che può toglierlo e l’acqua inizia a fluire dalle sue viscere.

“Guarda quanto sei sporco. Scommetto che ti piace essere pulito, scommetto che ti ricorda quanto sei sporco.

“Si Mamma.”

Riempio la bottiglia d’acqua e chiedo a Konnor di ripetere il processo finché l’acqua non diventa limpida e le sue gambe tremano.

“Aww guarda il cazzo duro, scommetto che vorresti che lo togliessi e ti facessi sentire bene.”

“Per favore, per favore, lascia andare. Voglio toccarmi.”

“Non preoccuparti, farò in modo che tu ti senta meglio più tardi.”

Mentre sta pulendo la vasca, accendo il vasetto della cera e comincio a sciogliere la cera. Prendo i foglietti e Konnor li guarda.

“No, per favore non radermi, lasciami solo radermi”, implora.

“Ma questo è molto più divertente, adoro sentirti gemere. È così che fanno le vere troie, devono essere molto dolci per i loro padroni.”

Sembra scoraggiato e si lava i piedi, si avvicina e si sdraia per terra. Mi inginocchio vicino al suo grembo e inizio il processo. Faccio velocemente le gambe, le braccia e le ascelle. Lasciando il suono delle loro grida di dolore. suona nelle mie orecchie e porta un sorriso sulle mie labbra.

“Vieni alla pecorina, ora ti raderò il culo.”

“No, no, non farlo, fa così male.”

“Mia povera piccola,” le accarezzo il viso, “Non sai quanto questo renda felice la mamma. Adoro vederti tutta senza capelli, sei così bella.”

Non dice niente, prende solo posizione. Applico la cera, assicurandomi di lasciare lì tutti i capelli, ma ho lasciato in pace le sue palle, le conserverei per la fine. Metto la striscia di carta e la strappo.

“oww, accidenti che fa male”

Gli prendo la nuca per i capelli e lo tiro.

“Le ragazze dovrebbero giurare?”

“No, mamma”, grida.

“Girati, è ora per voi, vi tengo le palle per ultime.”

Riscaldo la cera per renderla ancora più calda, quindi quando la applico so che urlerà. Mentre si scalda, gioco con le sue palle, palpandole, tracciando linee immaginarie con le unghie, guardando il suo cazzo indurirsi, stringersi nella gabbia. Poi esco dalla gabbia guardando il suo cazzo raggiungere tutta la sua lunghezza senza espressione. Poi comincio ad applicargli la cera sull’inguine e mentre strappo violentemente ogni striscia, si contorce per il dolore.

“Torna dal cucciolo, ora è la parte migliore.”

“Per favore mamma, fammi radere, sarò altrettanto pulito.”

Gli stringo forte i testicoli e lui chiude gli occhi.

“Che cosa ho detto?”

Silenziosamente e sconfitto, si posiziona. Applico la cera e questa volta geme più dolcemente. Quindi comincio lentamente a staccare il nastro, desiderando che senta ogni ciocca di capelli, la sensazione di ogni ciocca che viene tirata fuori dalle sue palle. Sta tremando, so che fa molto male. So che nella sua testa è tutto ciò a cui riesce a pensare e quindi lo strappo rapidamente. Grida un rumore doloroso e pietoso e io rido.

“L’ora del bagno,” dissi.

Un sorriso luminoso e felice appare sul mio viso. quando siamo entrati nella doccia, sono in piedi dietro di lui, l’acqua calda che mi schizza lungo la schiena con lui davanti a me, facendo scorrere la mia mano sul suo corpo ora perfettamente liscio. Massaggia i tuoi muscoli tonici. Poi mi muovo per mettermi di fronte a lui. Ogni volta che siamo soli mi fa sentire così piccolo, lui è di circa 5’10 e io sono 5’6 ma normalmente non mi sento molto più piccolo di lui. Ma per qualche ragione, mentre mi protegge dall’acqua, sembra così impressionante. Poi lo guardo negli occhi e vedo affetto. So che vuole servirmi e compiacermi.

“Affronta il muro e piegati.”

Segue le mie istruzioni, si china e appoggia gli avambracci contro il muro. l’acqua scende a cascata lungo la sua schiena muscolosa. Afferro la scatola che teniamo sotto la doccia ed estraggo un plug anale gonfiabile. Senza preavviso, lo spingo via e lui grida di dolore.

“Credi che faccia male? Aspetta finché non è al massimo.

Continuo a pompare con una mano mentre l’altra giocherella con le sue palle. Riesco a vedere il suo cazzo che sporge dritto, pre-sborra che gocciola dalla sua estremità.

“Sei una puttana per questo, vero, guarda quanto cazzo è duro il tuo cazzo? Ci vuoi giocare?”

“Sì mamma, per favore lasciami giocare con esso”

“Va bene, ma prima dobbiamo assicurarci che tu conosca il tuo posto e ricordati di non venire”

Torno al box doccia e tiro una cordicella. Avvolgo prima la base della tua canna, poi le tue palle si prendono il tempo per avvolgerle strettamente individualmente.

“Okay tesoro, ora puoi toccare il tuo bastone da ragazzino.”

Rapidamente, ha raggiunto tra le sue gambe e ha iniziato a pompare il suo cazzo furiosamente, gemendo di piacere. Poi lo vedo vicino, tiro velocemente la corda tirandogli le palle. Emette un gemito di dolore.

“Ora non possiamo avere questo, dovrei sapere di meglio che fidarmi di te per essere una brava ragazza.”

Torno di nuovo alla scatola e tiro fuori un vibratore bavaglio. Mi appoggio sulla sua schiena tenendolo vicino al suo campo visivo. Lo prende e si infila il cazzo di gomma in bocca e io gli stringo la cinghia intorno alla testa.

“Va molto meglio, ora hai entrambi i buchi pieni, torna a giocare con te stesso, mi sto divertendo così tanto”.

Cercando una mano tremante, iniziò a pompare il suo cazzo per la paura. Ho visto i suoi testicoli gonfiarsi e ha tirato di nuovo la corda, se faceva rumore veniva attutito dal bavaglio. È andato avanti per un po’, lui si avvicinava al rilascio e io lo toglievo. Sembrava tremare per il bisogno di venire e ho deciso che mi ero divertito e volevo andare avanti.

“Okay, puoi fermarti ora, finiamola.”

Ho rimosso lentamente il plug anale guardando il suo ampio buco del culo per compensare il giocattolo rimosso. Quando raggiunse la parte più ampia, mi fermai e lui si contorceva. Si stiracchiò, arrossendo per il suo tormento. il suo petto era ansante e sapevo che doveva essere senza fiato. Ho rimosso rapidamente il resto e si è alzato. Lui ha preso lo shampoo di Jack e io l’ho preso.

“È per gli uomini. Non piccole troie come te. No, lo indosserai.”

Ho messo giù lo shampoo Jacks e ho preso il mio shampoo alla frutta. Ne ho messo un po’ nella sua mano, poi ne ho messo un po’ nella mia. Si passa poi al balsamo e poi al sapone liquido, entrambi dal profumo molto femminile. Uscendo dalla doccia, le ho chiesto di applicare una lozione levigante, oltre a un po’ di trucco. Ho spazzolato i suoi morbidi capelli biondi mentre si sedeva sul pavimento, con un aspetto un po’ sciocco con il bavaglio ancora al suo posto.

“Sei così carina, mi piace quando posso giocare a travestirmi con la mia bambina.”

Mi sporgo in avanti, sfioro le mie labbra contro le sue e sussurro.

“Quello che mi fa sentire meglio è sapere quanto sei diventata una puttana”

Comincio ad accarezzarlo, respirando pesantemente nella parte posteriore del suo collo, trascinando la mia lingua contro la sua mascella affilata.

“Il padrone e la mamma si divertiranno molto con te.”

Raggiungo le sue gambe ricoperte di salsa di mele e faccio scorrere l’unghia lungo l’asta. Gli pizzico la punta del cazzo e lui si appoggia a me gemendo attraverso il bavaglio. Allora afferro la corda e la tiro, sentendola tremare.

“Ora giochiamo con il maestro.”

Konnor inizia ad alzarsi e io tiro forte la corda.

“le femmine non camminano, strisciano verso i loro padroni.”

Konnor si inginocchia e usciamo dal bagno.

“Jack, siamo pronti.”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *