Mel and Donnie Ch. 03 – Submission – BDSM

di | 18 de Giugno, 2022

** Il nuovo lavoro di Donnie lo vede improvvisamente lasciare le cose al signor Donnovan e alla WD LLC.

** Questa storia è parallela a quella di Mel & Donnie Ch. 2, dove Mel inizia una relazione separata con Jerry, il suo vicino.

La voce di Mel suonava perfettamente bene con lui che soggiornava a Des Moines per lavoro, la “nuova normalità” che lei chiamava lavoro per i suoi vicini Jerry e Ruthie. Ha detto che ha fatto un buon punto per loro mentre chiacchieravano in giardino, dicendo: “A parte la prima settimana, non è mai stato uno schema stabilito”.

Chiamo subito James, l’uomo di cui mi occupavo alla WD, LLC. rannicchiato sotto la doccia perché qualcosa non andava. Il signor Donnovan ha portato James all’estero per il grande festival in Europa alla fine di luglio e all’improvviso ero tutto il signor D.

“Cosa significa quando all’improvviso si avvicina e dice solo: ‘Ho bisogno di te stasera?’ »

James si fermò dall’altra parte, apparentemente senza parole, sorprendendomi dicendo: “Non lo so davvero, Donnie”. Non si è mai comportato così con me il lunedì sera.

James era il signor Donnovan, assistente personale e capo della divisione intrattenimento di WD, LLC, colui che mi ha portato nel gruppo con un sacco di soldi e mi ha dato l’opportunità di progredire rapidamente. Mi sono affezionato molto a James in poco tempo e mi sono innamorato dello stile di vita che il signor Donnovan mi ha accelerato e mi ha dato opportunità in sua compagnia

“Meraviglioso,” dissi, ancora nervoso per il fatto che il signor Donnovan mi avrebbe beccato mentre cercavo di capirlo usando James. “Qual è la sua motivazione James? Non voglio calpestarti perché sembra che stia giocando per me.

“Fai come hai fatto, Donnie,” disse James in tono rassicurante. “Adora questo di te e considera sempre la personalità dell’individuo, che si tratti di affari o di piacere.”

“Allora può esserlo anche tu?” chiesi, pronto per riattaccare.

“Non ne ho idea,” disse James, un po’ irritato dalle mie domande.

“Okay, ciao”, dissi, frustrato dall’uomo che rispettavo di più, volendo essere trasparente con il mio tempo mentre lui era via e io al suo posto. Ovviamente vide che il signor Donnovan mi aveva preso diverse volte, in modi diversi, e James si era persino inginocchiato davanti a me.

Mi sono seduto, mi sono spazzolato i capelli all’indietro e sono uscito dal bagno per vedere che il signor Donnovan stava aspettando lì. Il mio stomaco affondò, dove stava andando? La sua mano si fermò sulla mia schiena, tra le mie scapole.

“Donnie, ragazzo mio, mi impressioni,” disse con tono leggero e affettuoso. “Il lavoro che hai fatto per James, oltre al mio, è fantastico.”

“Grazie, signore,” dissi sentendo la sua mano scivolare lungo la mia schiena. Certamente il mio piacere, pensai tra me e me. “Sto solo cercando di guadagnarmi da vivere il primo giorno.”

« Modesto » disse il signor Donnovan. “Tu e James avete questo in comune. Come sta Mel con te che stai qui?”

“Oh, ok signore”, dissi, apprezzando il suo interesse nel mantenere forte il mio matrimonio, quindi l’ho ammesso. “In questo momento, è abituata a turni e orari irregolari. Capisce il sacrificio richiesto”.

“Dovrai chiedergli di essere onesto con te, Donnie”, ha detto il signor Donnovan, continuando la sua presunzione di prendersi cura del nostro matrimonio, anche se mi ha accompagnato nell’avventura sessuale che stava avendo pianificato. “Assicurati di farlo bene domani sera.”

“Sì signore,” dissi. “Ci siamo collegati bene nelle ultime settimane.”

“Bravo ragazzo,” disse con intenzione e contatto visivo mentre entravamo nella sua macchina. Si fermò prima di mettersi alla guida e mi guardò molto seriamente. “Ho bisogno che tu venga con me stasera per il mio ‘gruppo’. Sono rimasto molto colpito da te e dal nostro giovane pilota, da come sei caduto rapidamente, sei stato coerente e mi ha aiutato a illustrare una scena che voglio ricominciare quest’estate”.

Il suo sorriso e la sua strizzatina d’occhio mi hanno detto tutto quello che dovevo sapere. Mi ha portato in una scena BDSM che coinvolgeva un giovane autista, che si è presentato a entrambi e mi ha visto sottomettermi al signor Donnovan. Era un maestro abile e conoscendo poco il decoro come me, mi sono dato la scelta e mi sono lasciato guidare dalle mie idee nel mio ruolo.

«Signor Donnovan, sembra delizioso» dissi, poi cominciai a confermare i miei sospetti su ciò che avevo appena accettato di fare. “Esattamente come hai detto, e non mi hai mai tradito… deve essere delizioso.”

«Tu balbetti, Donnie», disse il signor Donnovan, posandomi una mano sul ginocchio. “Ma hai ragione, è delizioso se ti piace. Oh, e non dire una parola a James. Non gli piace quando suono in una band.”

L’intento nel suo sguardo era rilassante, quasi ipnotizzante. Continuava ad alternare tra guardare la strada mentre guidava, guardarmi, incontrare i miei occhi, mettere la sua mano sul mio ginocchio. Fissava dritto davanti a me mentre cercavo di immaginare lo spettacolo BDSM di gruppo che immaginavo in attesa di noi due.

Stavamo lasciando Des Moines su una strada comunale che costeggiava il fiume Des Moines. Svoltò in un lungo viottolo, poi asfaltato. C’era una nuova casa molto ornata con circa 10 auto parcheggiate su una grande strada circolare e nel vicolo. Il signor Donnovan ha aperto la porta del garage con un apriscatole, il mio cazzo si è indurito mentre sorrideva.

“Ricordi quando ti sei congratulato con me per il mio gioco di ruolo, per essere un Maestro?” disse il signor Donnovan e io annuii di sì con un sorso. “Ho molta pratica.”

Altre storie erotiche  My First Orgasm Ch. 01 - BDSM

Lo sapevo! Ha portato nel suo mondo di dominio sottomesso, un dominio che apparentemente non ha infastidito James e il signor Donnovan lo ha fatto a sua insaputa o benedizione. Quello che avevo letto online e sperimentato solo poche volte di recente, mi ha davvero soddisfatto. Penso di essere stato sottomesso e avrei continuato su quella strada, o qualunque esperienza mi aspettasse.

La porta del garage iniziò a chiudersi, uscimmo dalla macchina e salimmo delle scale. Pensavo che saremmo entrati in una stanza di fango o in una lavanderia, invece era solo una stanza con scarpe, borse, telefono, portafogli, tutti i tipi di oggetti personali riposti in piccole scatole decorative.

C’era un cartello che diceva “lascia qui tutti i tuoi oggetti personali, sono al sicuro, non avrai alcun contatto con nessuno fino alle 2 del mattino”. Ho messo le mie cose nel cestino n. 7 e il signor Donnovan ha sorriso alla mia presenza e alla mia comprensione, alla mia sottomissione senza spiegazioni.

Aprì una porta ed entrammo in un grande spazio al piano di sopra, senza cucina, solo un lavandino e del cibo lasciato intatto fino a tardi, credo. C’erano tartine e musica jazz intensa ma morbida in sottofondo. Ho sentito persone che parlavano nel seminterrato e alcune nel corridoio a destra.

“Da questa parte,” il signor Donnovan mi fece strada, conducendomi a sinistra, in una stanza separata che era stata dipinta di nero, con un armadio pieno di pelletteria, accessori e tutto ciò che usava il BDSM.

“Torno tra 15 minuti”, ha dichiarato freddamente. “Spogliati e in piena attrezzatura, una felpa con cappuccio e un armadio e inginocchiati sul pavimento pronto a obbedire a ogni comando, hai quel Jarvi!”

“Sì signore” dissi umilmente.

Non sapevo cosa stavo guardando, ma ho trovato le descrizioni sulle etichette. Mi sono tolto tutti i vestiti, li ho messi sullo scaffale dell’armadio e ho trovato una “corazza” di pelle. Ho armeggiato per metterlo sopra le mie spalle e in qualche modo ho trovato dove attaccare la cinghia mentre mi guardavo allo specchio sul muro. Nella penombra della prima serata, potevo vedere che avevo ragione.

Poi ho trovato un perizoma di pelle che copriva a malapena il mio modesto pacco e le mie palle, mi è scivolato lungo la schiena e si è stretto nella mia fessura. Entrambi gli articoli avevano anelli, pensavo fossero progettati per connettersi a vincoli. Ho trovato ornamenti per caviglie e polsi con borchie e anelli, poi il cappuccio.

Stavo mettendo il cappuccio quando ho sentito che la porta iniziava ad aprirsi, quindi sono caduto in ginocchio mentre mi scivolava sopra la testa.

Ho sentito una presenza, la porta si è chiusa e il mio top è rimasto lì a guardarmi, ancora un po’ a disagio per essere arrivato a terra. Ho sentito un odore di pelle e un profumo che non riuscivo a identificare, pensavo fosse appropriato per la notte poiché mi riempiva le narici.

“Camminerai sulle mani e sulle ginocchia se non diversamente specificato.” Disse una voce femminile diversa e monotona, muovendosi verso la mia schiena, attaccando una collana all’anello nel mezzo. “La parola sicura per stasera è ‘TAINT’ e puoi usarla una volta. Se la usi due volte, verrai scortato fino alla notte. Puoi usarla solo dopo che una scena è iniziata o un atto e sei sessualmente coinvolto , o verrai scortato durante la notte.”

I suoi piedi stavano trascinando sul pavimento e ho sentito uno strattone al guinzaglio, quindi sono caduto in avanti e ho iniziato a strisciare a quattro zampe verso il rimorchiatore. Immaginavo di camminare lungo il lungo corridoio, ma ci siamo fermati nel grande salone dove siamo entrati. C’era un mucchio di qualcosa davanti a me.

“Bevi, mio ​​animale domestico”, ordinò la voce femminile, quindi abbassai il viso verso il punto in cui proveniva il suono, la mia bocca disponibile sotto il cappuccio. Ho leccato il piatto d’acqua, facendomi scorrere lungo il mento, sapendo che avevo bisogno di idratazione.

Mi accarezzò la testa, i suoi anelli premuti contro il mio cuoio capelluto, poi lungo la guancia e il collo, “Bravo ragazzo”.

Proseguimmo lungo il corridoio e presto dovetti scendere i gradini, guardando dritto davanti a me, cercando di non scivolare o rotolarmi con la faccia. Teneva il guinzaglio mentre scendevo. Siamo arrivati ​​in fondo e i rumori non erano urla, comandi, fruste schioccanti, gemiti di piacere come avevo previsto. C’era pochissimo rumore, solo passi strascicati e una breve conversazione.

Avevo stimato 20-30 persone all’ingresso, cioè se 2-3 uscite per macchina e questo non include noi.

Mi ha condotto attraverso il cemento fino a una specie di pavimento imbottito, dove ha usato il contratto per girarmi. Ordinò: “Siediti! e chinandomi su qualcosa che sembrava legno, sentii il contratto sprofondare nella sua sedia.

“Signora,” ho sentito una voce maschile dire davanti a noi. “Permesso di essere ispezionato.”

“Va bene,” disse, e lui confermò la mia ipotesi che fossi un animale domestico per una dominatrice stasera, o almeno per ora. Si è alzata in piedi e ho sentito l’imbottitura muoversi un po’ mentre mi passava accanto e io prendevo il controllo del maschio.

«Molto bene, Clefus», disse con la sua voce tesa, profonda, monotona. “Puoi unirti agli altri sul muro occidentale.”

Questo è stato ripetuto altre cinque volte, altri due uomini e altre tre donne. Li fece entrare in muri separati, gli uomini a ovest e le donne a est. Tra l’uno e l’altro, mi ha strofinato la testa e io ho spinto nel suo tocco.

Il mio cazzo era duro anche se il mio udito era limitato e non avevo luce attraverso il cappuccio. La pelle era dura ma tollerante, con un po’ di morbida fodera dove mi spingeva.

C’è stata una pausa nell’attività e tutti erano in silenzio, la mia signora ha arrotolato il cappuccio in modo che le mie orecchie potessero sentire.

Altre storie erotiche  Mistress Comes to Visit - BDSM

«Benvenuto», disse la voce tonante di mastro Donnovan. “Signorina Rose, signorina Cullen, signora Jasmine, vi prego di presentarmi i vostri animali domestici.”

Il guinzaglio si staccò dalla sedia e io fui condotto verso la voce, attraverso il cemento, poi tornai indietro. Sono stato fermato e mi è stato ordinato di “Siediti!”

Mi sono seduto sui talloni, il mio cazzo sepolto nella pelle, gocciolando liquido come un matto. “Sedersi!” L’ho fatto e poi “fare il morto!”

Mi sdraiai supino con le braccia e le gambe in aria, la Signora mi svolse la pelle intorno alla vita, il mio cazzo si sollevò da me e lei lo gettò da parte.

“Il tuo animale domestico sta per riprodursi e riprodursi stanotte”, ha detto il maestro Donnovan e lei mi ha ordinato di “alzarmi” e poi mi ha tirato indietro, il mio cazzo ora parallelo al pavimento con durezza. Gli altri hanno marciato con i loro animali domestici e non riuscivo a sentire cosa stesse dicendo mastro Donnovan.

“Bravo ragazzo”, ho sentito dire la Signora e all’improvviso ho sentito la sua presenza intorno a me e le sue gambe intorno alla mia testa. Mi ha spinto il cappuccio fino al naso, poi ha guidato il mio viso verso la sua figa bagnata ed esposta, spingendo le mie labbra contro le sue. Mi ha tolto il cappuccio, mi ha tenuto lì e l’ha sostituito con una benda, permettendo al mio viso di odorare di pelle e carne.

“Vous monterez nos esclaves ce soir comme je l’ordonne,” dit-elle, avançant ses hanches vers moi, ma langue étonnée de son excitation, la chair humide et épaisse l’enveloppant alors que j’écartais les lambeaux de chair, devant Lei. la tua cavità La sua mano le stava strofinando il clitoride e lei respirava affannosamente.

“Sì signore,” disse lei dal nulla, e sentii il suo cazzo premere nel mio buco, il suo albero lubrificato, scivolare dentro di me. “Raccogliere.”

Si allontanò e le mani dell’omone mi tirarono verso il suo albero. Sapevo che doveva essere il maestro Cullen poiché il cazzo non era il premio che era stato il maestro Donnovan e le sue mani erano molto più grosse e forti. Mi ha impalato con la sua asta lunga e spessa.

“Ooff,” dissi, mentre iniziava a pomparmi. La signora ora era lontana da me, ho sentito ordini di schiavi da lontano da lei e da un’altra donna. Il rumore degli elettrodomestici e una frusta, seguito da un grido soffocato.

Il suo cazzo ora scivolava facilmente, ben due pollici più lungo del mio e grosso, affondò nella mia carne, respirando affannosamente. Era sicuramente più alto, il peso del suo slancio ora era pesante da sopportare. La sua resistenza era grande, mi accarezzò il cazzo, stando attento a non accarezzarmi come avrei scoperto in seguito, allevare significava darmi il seme per una schiava da allevare cerimonialmente.

Ho sentito una frustata, un sussulto contro la carne. I bassi grugniti si trasformavano in gemiti di dolore ad ogni pianto man mano che diventava sempre più difficile. La voce femminile echeggiò attraverso l’enorme spazio mentre la tortura continuava.

Improvvisamente si udì un rumore di catene e fruscii vicino a noi alla nostra destra. Il suo cazzo era tutto dentro, le palle che colpivano il mio punto, il suo petto ora sulla mia schiena. Ho sentito qualcosa che si stringeva, come una macchina fino a quando non c’era solo un piolo alla volta e un grugnito di dolore sempre più forte sui due inferiori.

Il maestro Cullen era determinato a riempirmi il culo di sperma, spingendo più velocemente ora, coprendo il mio intero corpo. Spinse in profondità, cadendo in ginocchio e io sentii il suo calore salire, riempiendomi dei suoi succhi, era nei miei polsi, una, due, tre volte lo tenne dentro per più di me.

“TIFANIA! Gridò e in un istante un altro animaletto fu dietro di lui, uno schiavo, pronto a purificare il suo Padrone. Ho sentito leccare e leccare subito dopo che se ne era andato, il suo carico che correva sul mio punto, gocciolando un po’ e correndo lungo la mia gamba sinistra.

Ci ha lavorato per alcuni minuti, la sua crema si è asciugata, raffreddata e si è attaccata a me, poi si è infilata nel mio culo. Ha succhiato la torta alla crema maschile dal mio buco, mi ha leccato le gambe, credo che il maestro Cullen ora sia in piedi.

“Lascia che l’animale ti allevi ora come desideri”, disse Padron Cullen mentre passava velocemente davanti a me, scivolando sotto.

“Fottimi forte,” disse Tiffany, ora contorcendosi sotto di me. “Impressionami con il tuo seme di un altro phylum.

Sentivo le sue mani ora sulle mie spalle, preparandosi mentre i suoi fianchi erano ora allineati. Il mio cazzo era duro e non ci ho messo molto a tirare, rimbalzando contro le sue cosce, il suo allineamento quasi lì.

“Impregnare, permeare?” Ho pensato tra me e me che sono scivolato nella sua figa scopata così facilmente. Ho immaginato una fila di animali domestici, padroni e schiavi, che si estendeva lungo le pareti della sua vagina, vulva ed esterno. Ho giurato che ha preso la mia borsa mentre spingevo in profondità, tirando indietro per spingere più forte mentre lei faceva le fusa nel mio orecchio.

Si è seduta e ha sollevato le gambe sopra le mie spalle, il mio slancio mi ha portato sempre più in profondità nelle pieghe della carne. Il pensiero precedente mi ha fatto pensare e prima che potessi trattenerla ancora a lungo si è fatta avanti, il mio cazzo scivolava.

“Maestro, credo che la bestia mi abbia messo incinta”, disse Tiffany ad alta voce.

Altre storie erotiche  Presenting the Snipe! - BDSM

Ovviamente, Ero ancora duro e lui poteva vedere che non avevo fatto una cosa del genere, ma ha continuato: “Schiavo, puoi passare alla scena successiva. La bestia se n’è andata”.

Ho sentito il guinzaglio essere preso, la mia confusione e paura combinate, chiedendomi se la gravidanza fosse qualcosa a cui avevo firmato per questo ruolo. Sono stato tirato più lontano dal mio blocco, il pavimento di nuovo cemento duro, i gemiti e gli scricchiolii di scene BDSM casuali erano alla mia sinistra e alla mia destra.

“Per mescolare insieme!” Ho sentito un comando vocale familiare mentre venivo portato in un altro isolato. “Sei Alpha, sei qui.”

“Si signore!” disse un’altra voce femminile spostandosi da un punto fuori dal tappeto a un punto vicino a me.

La mia signora si è tolta la benda senza preavviso. Ero ai piedi del maestro Donnovan e una donna ispanica nuda con una collana giaceva di fronte a me.

“Michen, vuoi portare la lettiera del nostro cucciolo?” disse la signora sopra di me.

“Sì, signora Jasmine,” disse la giovane donna, le punte d’argento che riflettevano la prigione illuminata dalle candele. Personaggi in tutti i tipi di posizioni sessuali o coinvolti in una scena con o senza dispositivo erano sparsi per questo enorme spazio sotto casa.

“Mmm signore?” Mistress Jasmine ha detto al maestro Donnovan.

“Jarvi,” le disse, abbreviando il mio cognome.

“Fai tuo, Jarvi,” disse Lady Jasmine. “Alzala.”

Strisciai verso di lei, con le ginocchia alzate e le gambe divaricate. Mi sono spostato verso quelle gambe, il cazzo pronto ad entrare, l’oscurità non mi dava molte idee tranne una zona folta e pelosa.

Ho iniziato a spingere, trovando le pieghe della carne carnose e pronte per me. Ho sentito un forte schiaffo sul mio culo mentre Mistress Jasmine ha raccolto il suo frustino e mi ha abilmente cullato.

“Vogliamo che i cuccioli, non un essere umano, la allevino come un cane!” Mistress Jasmine ha ordinato, con mia grande confusione, poiché non ho ricevuto alcuna indicazione del primo schiavo che ho guidato come missionario.

Ho indietreggiato un po’, la giovane donna si è girata e le sono salita dietro. Era bagnata dall’eccitazione, la mia mano trovava la sua carne morbida sotto la sua macchia. Ho fatto un cenno con un dito, i capelli si erano aggrovigliati attorno ad esso, la sua voce gemeva: “Oh sciocco, sì”.

Ho spostato le spalle sul suo corpo, i miei fianchi allineati dietro di lei, e ho spinto nell’apertura creata dalle mie dita, il calore della preparazione bagnata sulla testa del mio cazzo. Ho fatto scorrere il mio albero verso l’interno spingendo con poca resistenza.

“Oh sciocco,” espirò, poi gemette di piacere, i miei fianchi che rotolavano all’indietro e confidavo di nuovo dentro di me. “Oh sì sì!”

Le mie mani erano sui suoi fianchi, alzai brevemente lo sguardo, il Maestro Donnovan e il Maestro Jasmine osservavano attentamente mentre spingevo dentro e fuori il suo corpo. I suoi seni ondeggiavano, le mie mani li trovavano entrambi mentre mi chinavo per annusare i suoi capelli.

Ho iniziato a dondolare la sua figa da dietro, il mio cazzo intorpidito dalle sue attività e dalle nuove sensazioni intorno a me. Ho sentito una donna urlare e un uomo piangere dopo che innumerevoli frustate hanno colpito la sua pelle.

“Oh Bestia, SÌ! Bestia.” La donna urlò molto forte, andandosene prima che potessi tornare. “Sono incinta” e lei mi è scivolata addosso mentre mi allontanavo, allontanandomi mentre cadevo a quattro zampe, un’altra gravidanza cerimoniale.

“Molto bene,” disse Mastro Jasmine, si avvicinò al mio guinzaglio e presto mi condusse di nuovo attraverso la stanza. Questa volta ho visto due uomini, imbavagliati, mi hanno guardato camminare verso un altro uomo corpulento. Maestro Cullen.

“Gesù!” Il Maestro urlò, il suo cazzo penzolante da quando mi ha riempito pochi minuti prima.

Una donna che indossa un corsetto di pelle senza mutandine, reggicalze, calze e stivali, seno alzato, trucco scuro e un anello al naso che le attaccava una catena all’orecchio. Non aveva fretta.

“Sì, signore, mio ​​stupido signore?” disse con calma, gli occhi bassi.

«Per te, mio ​​apprendista», disse il maestro Cullen. “Procreare”

La donna, che sembrava essere sulla trentina, forse sulla quarantina, mi accarezzò la testa e i capelli, facendomi scorrere la mano lungo la schiena, fino alle natiche e alla schiena. Si è mossa davanti a me e si è messa in ginocchio e sui gomiti e ha guardato dritto davanti a me.

Era ben curata con pochi capelli mentre la sua figa e il suo buco si presentavano davanti a me. Mi sono avvicinato a lei, quasi spaventato dal suo status elevato, ovviamente non uno schiavo, e le ho toccato i fianchi mentre lentamente e con attenzione la guidavo da dietro.

“Oooooh,” sussurrò mentre il mio cazzo scivolava nel suo calore. Ho spinto fino in fondo, spostando le mani sulla sua schiena, sentendo la pelle, i pezzi intrecciati. “Molto bene Bestia, molto bene.”

Sono stato molto lento le prime tre volte, poi sono stato un po’ più veloce. L’odore del suo corsetto, che teneva in una fragranza seducente, cominciava a scioglierle le natiche.

“Mmmm, Bestia, sì.” La donna tubò, la sua testa inclinata verso di me, i miei fianchi accelerarono, i suoi fianchi spinti contro i miei. La sua esperienza qui era evidente poiché era in ritmo con me anche se acceleravo il mio ritiro e l’ingresso. “Oh, riempimi un posto giovane.”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *