Meridsya’s Pet 03: The Spider – BDSM

di | 9 de Dicembre, 2022

# Nota dell’autore:

Ho molto altro da dire in questo mondo, ma ho anche molte altre storie che sto cercando di completare in mondi diversi, quindi ecco una piccola miniatura per dare il via alle cose finché non posso passare a quella successiva appropriata episodio.

Se sei nuovo in questo mondo: questo è un uomo che accetta la schiavitù sessuale consensuale di una succube, nel suo mondo in cui è praticamente onnipotente e volubile. Questo episodio copre alcuni temi BDSM piuttosto serrati tra cui rigorosa moderazione, sospensione, tortura del capezzolo, accenni di consenso discutibile, gioco del dolore e giocattoli.

🇧🇷

Meridsya fece scorrere lentamente i suoi artigli sul mio stomaco, abbastanza forte da sentire l’impulso di grattarsi, finché due unghie mi afferrarono i capezzoli e li torsero dolorosamente.

Sospirai. rabbrividii. Il mio cazzo pulsava.

Con i polsi e le caviglie tesi fino a quando le mie giunture non si sono spezzate e un cuscino che premeva con forza sulla parte bassa della schiena per sopprimere la mia ultima possibilità di movimento era tutto ciò che potevo fare.

Meridsya rise e mi affondò due unghie nei capezzoli, pugnalando finché mi sembrò di poter quasi sentire le mie costole flettersi.

Gli ho urlato contro, ma non mi ha reso meno duro.

Era il decimo giorno della mia servitù (possesso, proprietà, schiavitù) e si era stabilito uno schema.

Ogni notte Meridya mi scopava finché non svenivo, o me la faceva scopare finché non svenivo. O volevo e poi lei non mi lasciava smettere, oppure voleva prendermi, oppure si stava divertendo ad attivare la mia libido e vedere cosa mi sarebbe piaciuto farne – o cosa poteva portarmi via. era impotente anche ad avere un parere negativo.

Al mattino mi svegliavo contro di lei o con lei che mi abbracciava o addirittura la coccolava. Sarebbe sveglia. Non so se aveva bisogno di dormire, o anche se mi ha lasciato finché non ha saputo che stavo per svegliarmi – o, più probabilmente, ha deciso quando avrei dovuto svegliarmi per soddisfare i suoi capricci.

Avremmo avuto una forma di sesso lento e dolce che era più come fare l’amore. Potrebbe essere divertente per lei prendermi in giro, o farmi un lungo pompino con qualsiasi combinazione di trucchi, o semplicemente scoparmi lentamente faccia a faccia o da dietro, sdraiata su un fianco o con qualcuno sopra.

Ci siamo svegliati, siamo riusciti a fare la doccia (con più gioco, ma non proprio stupidità, anche se probabilmente è venuto almeno una volta). Stavamo prendendo un caffè insieme. Avrei mangiato qualcosa di delizioso per colazione, con il menu determinato dal capriccio di Meridya (anche se non ho ancora mangiato nulla che non mi sia piaciuto).

Potrebbe quindi lasciarmi per un’ora o un giorno o potrebbe voler parlare della Terra o anche solo dirmi di divertirmi mentre lei… si occupa di carte, su una sedia o su una scrivania e raramente sembra contenta di ciò ma, ogni indicazione che ho potuto vedere, funziona. Non avevo idea di cosa stesse facendo o se le potesse essere assegnato un titolo di lavoro che potessi riconoscere da lontano.

A quei tempi, di solito mi occupavo della lettura. A volte diventavo irrequieto e nuotavo in una lunga piscina in una grotta attaccata alla grotta per nuotare, o usavo una palestra attrezzata con attrezzature per esercizi a corpo libero dell’era vittoriana come manubri, scale, panche inclinate e un cavallo da palestra.

Su mia richiesta, Meridya mi ha offerto una parete da arrampicata.

A volte decideva di essere irrequieta e mi scopava. Questi erano generalmente tempi difficili. Raramente si sentiva giocosa e amorevole in queste occasioni. Ho sempre sentito una fitta di paura prima che il desiderio indotto prendesse il sopravvento, ed ero generalmente dolorante e mi sentivo usato ma ricompensato – e spesso mentalmente prosciugato dal costante terrore incipiente.

Ma dopo quelle volte, ha rimediato assicurandosi che alla fine della giornata mi avrebbe regalato un sesso strabiliante trascendentale, essendo la seduttrice esperta per farmi lavorare fino allo svenimento. o la civetta o l’amante che di solito preferiva essere.

Quindi avevo qualcosa da aspettarmi più tardi.

Ero in palestra, mi facevo sentire mascolino facendo esercizi per braccia, petto e cosce perché ero annoiato a leggere, quando un formicolio alla nuca mi fece voltare le spalle.

Meridsya, vestita con il suo costume da vampira da ufficio con un gilet quasi traslucido sopra un reggiseno di lingerie, minigonna di pelle, calze di pizzo fantasia e tacchi incredibilmente alti, mi fissò dalla soglia, i suoi occhi scintillavano.

Nonostante la struttura fisica del mio corpo, ero ancora sudato e stanco, e i miei muscoli avevano ancora quella deliziosa sensazione di logoramento, quindi ero coperto di sudore, respiravo affannosamente e indossavo solo pantaloncini attillati e scarpe leggere.

Rimasi lì, a fissarla, sentendomi la schiava sessuale oggettivata di tutti i tempi, il che, dato che era essenzialmente quello che ero per Meridya, era un enorme ostacolo da superare.

“Togliti le scarpe”, disse, prima di fare perno su un tacco a spillo e andarsene.

Sentendo la paura nascente di non sapere quanto avrebbe fatto male, ma anche con la mia erezione già a metà e aumentando il ritmo, mi sono slacciato velocemente le scarpe, mi sono tolto le scarpe e ho continuato. .

Mi ha portato al conservatorio.

“Alzati,” ordinò, indicando un punto sul pavimento.

Lo feci, sentendo una consapevolezza ormai familiare del meccanismo dell’aracnide fino a quel momento dormiente sopra di me.

Alzai brevemente lo sguardo, il mio cervello animale aveva bisogno di controllare la minaccia, giusto in tempo per sentire un rumore metallico, un rumore simile a grandi ingranaggi, e vedere il ragno iniziare la sua discesa verso di me, allargando le sue membra multiple come un fiore che sboccia. 🇧🇷

In effetti, ho urlato e respinto.

“Supporto!” La voce di Meridya mi ha attaccato. sto gelando. Forse stava usando qualcosa di più della semplice autorità su di me.

Ma io continuavo a guardarlo, rigido per l’apprensione, mentre cadeva dolcemente verso di me, le braccia articolate tese davanti a sé.

Sembrava che stesse agitandosi, annusando l’aria o palpeggiando. Non sembrava un meccanismo che si autocalibrava e di certo non sembrava muoversi in posizioni prestabilite. Era come una mano tesa in attesa, o come una creatura cieca che brancola davanti a lei.

Ho profondamente, sinceramente desiderato di non essere cieco.

L’unica cosa che la rendeva terrificante rispetto a Meridsya, che anche nel peggiore dei casi era solo spaventosa, era che si sentiva completamente meccanica. Non avevo idea di cosa fosse sotto il controllo di Meridya. Non avevo idea se avesse una sensibilità indipendente, o una programmazione limitata, o fosse una pura estensione della sua volontà. Se solo fosse in grado di capire i confini o avesse sensori di stress o potesse funzionare male.

Non ho fatto accordi, non ho fatto accordi, non ho discusso i confini con lui.

E mentre scendeva, fece i movimenti sibilanti più organici che io abbia mai visto nel ferro nero.

Man mano che si avvicinava, ho iniziato a vedere le sue braccia in modo più dettagliato. Immagina un dispositivo di tortura progettato per sembrare il più medievale possibile, con coltelli, trapani e seghe circolari all’estremità – ma qualcuno ha sostituito la maggior parte di quegli strumenti con il contenuto di un catalogo di giocattoli sessuali.

C’erano inserti, ovviamente, in vari stili e dimensioni, che andavano dalle aste levigate alla forma dell’albero di sughero alla comune forma “pila di palline” e persino una forma realistica. C’erano fustigatori, incluso qualcosa che girava e sembrava una ruota con i bordi a punta di lingua. C’erano manette, morsetti e persino mani completamente articolate con giunti metallici che sembravano modellati su ossa.

E c’erano coltelli e forbici. Speravo sinceramente che fossero rigorosamente da usare contro i vestiti.

Quando lui quasi abbastanza vicino perché le sue braccia più grandi si allungassero e mi afferrassero, si aprì come un fiore, oppure – il paragone gli venne irresistibilmente in mente e rimase lì – come una seppia pronta a piombare sulla sua preda.

Ricordai che Meridya mi aveva promesso che non mi avrebbe fatto del male.

Facevo fatica a crederci.

Quando fu a breve distanza e io tremavo in attesa senza perdere l’erezione, smise di muoversi. Una mano emerse dall’anello di arti aperti, si allungò lentamente e mi toccò la guancia. Faceva freddo, ma non freddo contro la mia pelle.

Era da qualche parte tra lo spaventoso e lo sconcertante conforto.

Potrei rilassarmi?

Lo stavo guardando, perplesso, quando altre due mani mi afferrarono da dietro e mi fecero cadere a terra.

Infatti ho gridato “Cazzo!” mentre le mie gambe si dibattevano selvaggiamente, il mio cervello che calciava per “cadere, dov’è il pavimento?” modo e le mie mani che stringono le dita fredde, dure e profondamente scomode che stringono la mia cassa toracica.

Manette – larghe, aderenti, senza punti di pressione e rivestite con quella che sembrava pelle scamosciata, ma innegabilmente manette – legate attorno ai miei polsi e alle caviglie, congelando i miei arti e poi allungandomi senza sforzo come una stella marina.

Non ho avuto il tempo di apprezzare come le manette fossero modellate sui miei arti.

Ho istintivamente cercato di reagire, ma l’unica cosa che potevo fare contro il ragno – che non aveva motori visibili, cilindri idraulici o cavi per alimentarlo – era tirare un muscolo.

Rimasi senza fiato per il dolore mentre mi stirava, poi emise un suono leggermente più articolato e molto poco dignitoso mentre mi faceva oscillare orizzontalmente, tenendo i miei polsi sullo stesso piano delle mie caviglie arcuate.

Le mani intorno alla cassa toracica, che cominciavano a sentire un sostegno quasi rassicurante, mi liberarono.

Sono caduto un po’, ma le mie giunture avrebbero dovuto tendersi per deludermi di più, e stavo pregando che non accadesse.

Con un sussulto, sono stato sollevato di mezzo metro in più e ho pensato per una frazione di secondo che almeno una delle mie spalle stesse per slogarsi.

Ma ho tenuto duro, anche se ho sobbalzato leggermente quando il movimento si è interrotto bruscamente come era iniziato.

I miei pensieri, raccolti, furono di nuovo dispersi dall’apparizione di un luccicante bisturi chirurgico davanti ai miei occhi.

Ho guardato con terrore mentre il braccio che reggeva lo strumento girava diverse volte intorno a una lama, lasciando che la luce risplendesse sull’acciaio e mi mostrasse l’affilatura del filo.

Si abbassò lentamente, muovendosi finché la punta lo trascinò sotto di me e poi lungo il mio corpo. La punta era verso di me, cosa che mi spaventava ancora di più, anche se il mio cazzo pulsava dentro i pantaloncini e facevo del mio meglio per combattere la paura che avrebbe dovuto consumarmi.

Di riflesso ho provato ad alzarmi, anche se non sono una ginnasta ei miei muscoli hanno urlato con scarso effetto.

Qualcosa mi ha colpito la schiena. Non mi ha colpito, ma sapeva esattamente dove stava andando, ed era a un centimetro dalla mia pelle. Era come un rinforzo. Mi ha impedito di muovermi anche più della posizione.

Ho dovuto guardare, paralizzato, allungare il collo per vedere, mentre la lama scivolava lentamente sotto il mio corpo, avvicinandosi lentamente alla mia pelle mentre la sua traiettoria orizzontale si avvicinava al mio busto inclinato.

Mi sono persino rimboccato lo stomaco, quando era già abbastanza piatto.

Quando la lama ha superato il mio ombelico, ha ruotato delicatamente per avere la punta verso il basso.

Non è stato molto confortante.

Si fermò alla mia vita, poi si sporse verso la cintura dei miei pantaloncini.

Mi bloccai, non osando respirare, tenendo lo stomaco il più fermo possibile.

La lama fu brevemente fredda contro la mia pelle prima che la cintura si separasse come se non fosse mai stata intera.

Il tessuto non offriva alcuna apparente resistenza al bisturi poiché era tagliato dalla vita, oltre i miei fianchi e lungo una gamba. Ho offerto una preghiera silenziosa a chiunque che i miei pantaloncini fossero abbastanza larghi da poter essere appesi senza toccare le mie mutandine.

Quindi il bisturi si è invertito, iniziando dall’altra gamba e lavorando fino alla vita. Un piccolo taglio sul lato ha aperto il cavallo prima che i pantaloncini venissero strappati lasciandomi in boxer attillati.

Il mio cuore quasi si fermò al pensiero del bisturi per rimuoverli.

“Oh, la tua paura è semplicemente deliziosa!” Meridia fece le fusa.

Il mio sguardo tornò su di lei. Sorrideva come una tigre del Cheshire. Ero più in alto della sua testa in modo che potesse camminare comodamente sotto di me.

Era una misura della paura che mi aveva dato il ragno di non rendermi immediatamente conto in quale posizione potesse trovarsi la sua testa se fosse passata sotto di me.

“Non preoccuparti, scoreggia, segretamente non sono un mio cugino che vive di terrore o dolore e si diletta nella tortura fisica o psicologica.

Allungò le lunghe dita artigliate per accarezzarmi delicatamente la guancia, poi mi graffiò la guancia con le unghie dall’orecchio al labbro, non abbastanza forte da rompermi la pelle. “Non più di quanto già sai,” aggiunse con un sorrisetto.

“Ma, oh mio, il tuo desiderio ha un sapore molto migliore con un po’ di incertezza, un po’ di terrore confuso mescolato. Quando smetti di essere compiacente.”

C’era una nota tagliente nella sua voce in quell’ultima frase che mi fece più freddo del bisturi.

Mi accarezzò di nuovo la guancia, poi fece una piccola risata che suonava come il cattivo che tiene il ferro caldo fingendo di essere carino e innocente. “Oh guardami, devo essere arrabbiato oggi se ho paura che tu sia compiacente! Come se non potessi fare quello che voglio con te tutto il tempo. Dopotutto, ti ho portato qui per fare quello che volevo con te tu. tu.”

Si è mossa sotto di me, inclinando la testa all’indietro finché, se si fosse stirata e io mi fossi avvicinato, avremmo potuto baciarci.

“Non ti dispiace, faccio quello che voglio con te?” lei chiese.

Prima che potessi pensare di formulare una risposta, si trasformò in un rantolo strozzato mentre lei mi afferrava i testicoli con la sua solita infallibile precisione, strizzandoli quasi facendomi vomitare in faccia.

La pressione si rilassò una frazione di secondo prima che urlassi, lasciandoli palpitanti di dolore e facendomi venire la nausea allo stomaco, ma non smorzò in alcun modo la mia erezione, che stava ancora urlando per la libertà.

Le sue dita si muovevano. Con un solo movimento, mi strappò di dosso i boxer, strappando di fatto un tessuto duro come carta velina e causandomi un altro dolore alle spalle tese.

Il mio cazzo si è rilasciato e ho sussultato di sollievo prima di pensare che la lama del bisturi fosse proprio lì.

Dovevo abbassare lo sguardo, non potevo farne a meno, anche se avvicinava pericolosamente la mia fronte a quella di Meridsya.

Il mio cazzo rimbalzava a mezzo centimetro dal bordo della lama.

Mentre guardavo con orrore, il bisturi è stato rimosso, scomparendo dalla vista dall’alto.

Quando ho guardato Meridsya, ho potuto solo descrivere il suo viso come un sorrisetto.

“Ricordi che ho promesso di non farti del male, vero?” lei sussurrò.

L’ho fatto, ma ha fornito solo troppa sicurezza.

Le sue dita fresche e setose toccarono il mio cazzo, cullando delicatamente l’asta e poi correndo, solo con la punta delle dita, non con le unghie, finché accarezzò leggermente il bordo del mio pene.

“Ma per favore continua a credere che posso,” fece le fusa, mentre le sue unghie afferravano il mio glande in un anello di artigli smussati ma ancora duri. “Potrei vivere una settimana con quello che mi dai qui.”

Beh, ero contento che fosse felice. Felicissimo. Ma non mi fidavo a dire qualcosa perché sapevo che avrei finito per dire qualcosa di sarcastico o autoironico, e dubitavo fortemente che fosse dell’umore giusto per ascoltarlo.

Mi ha schiacciato il glande con le unghie. gemo di nuovo. Mi ha fatto male, ma mi ha dato tanto piacere allo stesso tempo.

Senza rilasciare il mio cazzo, ha allungato la mano per pizzicarmi il naso l’altra sua mano. Si contorse leggermente e mi tirò a sé per un bacio.

Le sue labbra sigillate contro le mie, le sue dita che mi tengono chiuso il naso. Non ha lasciato andare fino a quando non ho avuto le vertigini, ha cercato di lottare e ha iniziato a farsi prendere dal panico.

Devo essere rimasto senza fiato quando ha rilasciato entrambe le prese contemporaneamente e mi ha lasciato fare un passo indietro, la testa mi girava e il mondo girava lentamente intorno a me.

Il rilascio della pressione sul mio cazzo lo fece palpitare selvaggiamente, volendo venire.

Senza preavviso, ha schiaffeggiato leggermente il mio cazzo, soprattutto sul glande. Era abbastanza difficile da pungere, una pugnalata acuta e seria, ma il motivo per cui ho urlato era il piacere.

“Penso che il mio giocattolo meriti qualcosa di più”, ha detto.

Mentre mi chiedevo se dovessi farmi di nuovo prendere dal panico, qualcosa di freddo e duro come il metallo mi premette contro il sedere.

Un grosso tappo mi ha speronato l’ano e ho dovuto disperatamente prenderlo o rischiare di farmi male. Non ci sono stati problemi di lubrificazione. Entrò con una serie di scoppiettii mentre gli anelli intorno a lui si infittivano lentamente, allungandomi quel tanto che bastava per farmi prendere dal panico finché non si fermò. Non avevo idea di quanto stavo male dentro. Sembrava mezzo metro, ma dubitavo che fosse più grande di un pene impressionante.

La pressione all’interno del mio cazzo ha raggiunto livelli strazianti.

Poi, ha fatto scorrere lentamente le unghie lungo il mio stomaco, abbastanza forte da sentire l’impulso di grattarsi, fino a quando due unghie hanno afferrato i miei capezzoli e li hanno attorcigliati dolorosamente.

Rise e mi affondò due unghie nei capezzoli, pugnalando finché mi sembrò di poter quasi sentire le mie costole flettersi.

Gli ho urlato contro, ma non mi ha reso meno duro.

Prese delicatamente ogni capezzolo tra il pollice e l’indice: le unghie, non le unghie. Mi guardò con amore, i suoi occhi pieni di tenerezza.

Ero di nuovo terrorizzato.

“Vuoi urlare ancora per me?” chiese dolcemente.

Il pensiero del dolore che mi avrebbe inflitto mi faceva rabbrividire, ma la consapevolezza del piacere che mi avrebbe dato, di come le sensazioni si sarebbero insinuate nel mio cervello e avrebbero reso il mio cazzo l’unica parte importante del mio corpo, mi fece accettare. improvvisamente la mia testa.

“Sì, per favore, signora,” gracchiai.

Ho urlato mentre un dolore lancinante esplodeva nei miei capezzoli. Pensavo li stesse sparando. Pensavo che la mia pelle si stesse lacerando. Pensavo che li stesse torcendo più volte di quanto i suoi polsi potessero – dovrebbero – essere in grado di raggiungere.

Ho pensato che sarebbe arrivato proprio lì, abbastanza forte da colpirla al petto e respingerla.

Quindi stavo ansimando, il fuoco usciva dai miei capezzoli e le lacrime uscivano dai miei occhi, quasi singhiozzando, mentre dita fredde e morbide toccavano non la carne che avevano appena torturato, ma il mio cazzo, accarezzandomi amorevolmente e ferendo totalmente il mio petto, totalmente irrilevante .

“Vieni da me”, sussurrò, come il più compassionevole degli innamorati.

Sono venuto così forte da causare il suo stesso dolore, le mie palle erano spasmi, il mio cazzo sembrava che potesse rompersi, il mio ruggito mi faceva male alle orecchie, tutto il mio corpo stava cercando di dimenarsi ma si rifiutava, le mie spalle gridavano nella loro stessa agonia mentre spingevo dentro di loro. senza pensare.

La mia seconda spinta è stata persino più grande di quella che ricordavo di aver ottenuto nel mio normale corpo umano. Così è stato il mio terzo.

La mia stanza è quasi vuota.

Finché la mia testa non cadde mollemente in avanti, il mio respiro rauco in gola, e lei stava ancora accarezzando con affetto il mio cazzo ancora duro.

“Buon animale domestico,” fece le fusa, poco amorevole. “Buona puttana. Adesso: la prossima cosa.”

La prossima cosa?

Dita di metallo freddo, o pinze, o qualcosa del genere, stavano chiudendo la mia borsa tra le palle e il cazzo, premendo e stirando la mia pelle, allontanando i miei testicoli dal mio corpo.

Non le mancavano modi per farmi improvvisamente irrigidire dal panico.

La spina si fermò quasi prima di causare dolore.

Mi sorrise, mostrando la mia incredulità sul mio viso.

Le sue dita si muovevano attorno al mio cazzo, stuzzicandolo abilmente con impotente urgenza. I miei testicoli hanno cercato di ritrarsi verso il mio corpo, poi ho sentito dolore.

Ma anche questo mi rendeva solo più sicuro che sarebbe tornato, e presto.

Meridsya fece scorrere lentamente le sue unghie lungo il mio stomaco, abbastanza forte da sentire l’impulso di grattarsi, finché due unghie mi afferrarono i capezzoli e li torsero dolorosamente. Sospirai. rabbrividii. Il mio cazzo pulsava.

Meridsya rise e mi affondò due unghie nei capezzoli, pugnalando finché mi sembrò di poter quasi sentire le mie costole flettersi.

Gli ho urlato contro, ma non mi ha reso meno duro.

Avrebbe ripetuto tutto allo stesso modo? Me lo avrebbe fatto credere, poi avrebbe cambiato qualcosa per farmi perdere l’equilibrio?

Prese delicatamente ogni capezzolo tra il pollice e l’indice. Mi guardò con amore, i suoi occhi pieni di tenerezza.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *