Mike’s Submission – BDSM – Literotica.com

di | 28 de Giugno, 2022

Mentre andavo al bar, sapevo cosa dovevo fare, ma sapevo anche che la mia determinazione era debole.

Erano passati quasi sei mesi da quando avevo incontrato la donna che sarebbe diventata la mia amante in un bar di Wrigleyville. Conoscevo il barista da anni e lei mi ha presentato Samantha su mia richiesta, dopo avermi avvertito che era una cattiva idea. Stavo cercando una cravatta e l’ho presa in giro con un giro caldo e selvaggio con una bellezza tatuata in contrasto con le donne delle Sette Sorelle che ho incontrato al lavoro. Invece, la signora Samantha mi ha gettato nelle profondità del BDSM.

Dopo solo un mese ho sviluppato una forte tolleranza al dolore, sono stato violentato con una stecca e mi è stato dato un dispositivo di castità. Esattamente 43 giorni fa, il mio capo mi ha detto che avrei dovuto prendere una decisione e che una certa separazione mi avrebbe aiutato a fare una scelta. Mi ha proibito di contattarla e ha lasciato acceso il dispositivo di castità. Ha detto che si sarebbe messa in contatto quando sarebbe arrivato il momento.

Per più di un mese ho sofferto. Quando mi avrebbe contattato? E se non l’avesse mai fatto e avesse raccontato ai suoi amici dell’idiota di cui ha parlato di castità e che ha scatenato per le strade di Chicago? Dovrei semplicemente tagliare il lucchetto e andare avanti con la mia vita? Mi aveva già condotto a depravazioni che non avevo immaginato quando mi sono avvicinato a lei. Sono arrivato ad aver bisogno di lei e delle sue depravazioni.

Due giorni fa, finalmente è arrivato il testo. Dovevo incontrarla in un bar gay a Boystown, dovevo indossare mutandine rosa sotto i vestiti e dovevo portarle un regalo. “Qualcosa di costoso”, ha chiarito.

Il bar gay ha deciso per me. Le ho detto quando ci siamo incontrati per la prima volta che bi era un confine difficile per me e ora stava segnalando la sua intenzione di violare quel confine. Quindi sono andato al bar per rompere con lei. Presentagli il regalo, digli che non funzionava, prendi la chiave del dispositivo e poi ci siamo separati.

Il locale aveva appena aperto e c’erano pochi clienti. Il barista è stato ovviamente informato che stavo arrivando – mi ha lanciato un’occhiata e mi ha fatto segno verso la stanza sul retro.

Altre storie erotiche  Consorts for Ladies Ch. 02 - BDSM

Lady Samantha sedeva al bar sul retro. Era ancora bella come sempre, alta, vestita semplicemente con jeans e una maglietta dei Ramones, i suoi capelli blu tagliati a folletto. Quando mi sono avvicinato a lei, ha subito ripreso la conversazione, come aveva fatto sin dalla nostra presentazione.

“Ciao Mike. Hai portato il mio regalo?”

“Sì, signora. Ma dobbiamo parlare.”

“Sì, Mike. E lo faremo. Ma prima lascia il tuo regalo al bar. Anche la tua carta di credito, dato che sei tu a comprare da bere. Poi parliamo.”

Obbedii e cominciai a parlare, ma non era ancora il mio turno.

“Bene. Adesso togliti le mutandine e mettiti in ginocchio.”

“Signorina Samantha, è di questo che voglio parlare. Quando ci siamo incontrati per la prima volta, abbiamo discusso dei miei limiti rigorosi e qualsiasi esposizione pubblica era uno. La bisessualità era un altro. Ricordi?”

“Certo che mi ricordo, Mike. Ricordo anche di averti detto che sarebbe arrivato il momento in cui avresti lasciato andare volentieri i tuoi cosiddetti ‘limiti duri’ e mi hai persino pregato di prenderti. non ascoltare adesso come il tuo cazzo non ha orecchie, ma ho detto. È ora.

“Ma signora, non credo…”

“Esatto, Mike. Tu non pensi. Dopo 43 giorni di ossessione per me senza sollievo, hai perso la capacità di pensare. Sto pensando per te ora. Ho bisogno che tu lo capisca, quindi tu’ Dimostrerò quanto costerebbe un morsetto economico se volessi rimuovere la gabbia?

“Qualche dollaro, signora.”

“E’ vero. Eppure non lo facevi da più di un mese, eri così disperato di rivedermi. Per farmi piacere. Prossima domanda: cosa c’è nella borsa e come? l’hai scelto?”

“Uno Château Latour del 2009. Ti piacciono le miscele di Cabernet, una volta hai detto di non aver mai avuto un Premier Cru Classé e il 2009 è stata una delle migliori annate di sempre”.

“Pensavi fosse un regalo d’addio costoso, ma lo sapevi davvero meglio, vero?”

“Sì signora.”

“Va bene. Andiamo avanti. Sapevi che tipo di bar è questo prima che tu andassi a cercarmi?”

Altre storie erotiche  African Discovery - BDSM - Literotica.com

“Sì signora, l’ho fatto.”

“Anche questo è vero. Sei entrato in un bar gay con indosso mutandine rosa a volant, anche se non ho specificato quanto dovevano essere eleganti, vero?”

“Sì signora, l’ho fatto.”

“Probabilmente pensi di aver fatto quelle scelte. Che pensi sempre con la tua testa. Ho bisogno che tu capisca che non è così. Quindi ti darò la possibilità di scegliere, se puoi. Quando fai quello che dico, quando sarai costretto a obbedirmi anche se sei venuto qui esplicitamente per lasciarmi, capirai che hai fatto la tua ultima scelta diverse settimane fa”.

Detto questo, la proprietaria Samantha ha tirato fuori una chiave – la mia chiave – dalla sua borsa, me l’ha mostrata e l’ha gettata nella borsa con il vino.

“Ora Mike, ecco la tua scelta. Puoi prendere questa borsa e andartene. Puoi bere il vino per celebrare la tua libertà, puoi liberarti e masturbarti finché il tuo cazzo sanguina, puoi fare quello che vuoi. finché va bene .” Non avvolgermi Non mi vedrai mai più Oppure puoi semplicemente indossare le mutande e piegare i vestiti e metterli sullo sgabello accanto a me e inginocchiarti so quale di queste due cose sai anche tu ma tu vuoi l’illusione della scelta. Pensavi di venire qui per accompagnarmi. Fallo. Fai la valigia e parti se puoi. Fai la tua scelta ora, Mike.

E con questo, sapevo di essere stato sconfitto. Senza dire una parola, mi sono tolto la maglietta, l’ho piegata e l’ho messa sullo sgabello del bar. Mi sono tolto le scarpe e le ho messe sotto il sedile. I miei pantaloni erano i prossimi e infine i miei calzini. Ora indossavo solo le mie mutandine rosa e il mio CB3000 sotto. Mi inginocchiai, di fronte a Lady Samantha, terrorizzata da ciò che sarebbe successo, ma impotente a resistere.

“Girati verso la sbarra e piegati in avanti finché la tua testa non è sulla ringhiera.” Ho obbedito. “Mani dietro la schiena. Voglio che ti sostenga con la fronte.” L’ho fatto anche io.

“Devi finalmente capire. Dimmi cosa capisci.”

“Sono il tuo schiavo, completamente. Non prendo più decisioni da solo. Tu prendi le mie decisioni e io obbedisco.”

Altre storie erotiche  Insidious Angel Ch. 09

“Esatto. Ma non ci sei tu. Non puoi chiamarti con un pronome personale. Non hai nemmeno un nome. Ah, puoi ancora usare il tuo vecchio nome nel tuo lavoro, ma ogni volta che sei con me o ovunque nel mio nome, non hai nome. Se diventa necessario un tag, sei il cane di Lady Samantha. Dimmelo.

“Non ci sono io. Io sono il cane di Lady Samantha.”

“Ora spiega i tuoi limiti rigorosi e cosa accadrà.”

“Non ho limiti precisi, padrona Samantha. Sono spariti. Farò quello che mi hai chiesto. Stai per dimostrarlo facendomi succhiare un cazzo.”

“Sento che sei diventato più stupido mentre eri lontano da me, e all’inizio non eri esattamente Einstein. Non ti farò succhiare il cazzo. Nemmeno ti farò fare niente; io cosa Ho detto quando ci siamo incontrati per la prima volta e cosa ti ho utilmente ripetuto quando eri ancora vestito E ricorda quello che hai appena detto di te stesso Riprova.

“La tua cagna succhierà il cazzo per te.”

“Sei?”

“Per favore. Per favore, signora Samantha, lasciate che la vostra cagna vi succhi il cazzo per voi.”

“Meglio. Non molto convincente, ma migliore. Tuttavia, non ti lascerò succhiare il mio cazzo qui. Sono amico della sicurezza e non possiamo mettere a repentaglio la licenza di questo locale in questo momento, vero? no? “

“No…”

“Non rispondere. In effetti, parla molto meno, d’ora in poi. castità adatta al servizio per me. Quindi puoi succhiargli il cazzo per gratitudine. Da parte tua, puoi avere un orgasmo dopo avermi succhiato il cazzo almeno 20 volte, da almeno 10 uomini diversi. Implorerai ogni opportunità e se quando raggiungi i 20 anni l’uomo non dice che è stato il miglior pompino che abbia mai fatto, ricominci da capo.

“Vado in bagno. Vestiti e paga il conto. Ce ne andiamo e inizia la tua nuova vita.”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *