Miss Emma Pt. 02 – BDSM

di | 21 de Giugno, 2022

Matti rimase sulla soglia della camera da letto della sua suite, a guardare la donna che serviva. Sdraiato sul grande letto, con indosso solo una sottile camicia da notte di seta, che arrivava appena sopra il ginocchio, serena e bella al chiaro di luna che filtrava dalla finestra aperta. Il silenzio della notte marocchina fuori dalla sua villa era rotto solo dal cinguettio degli insetti, dal ritmico sciabordio delle onde e dal dolce fruscio degli alberi nella brezza leggera.

Emma sorrise, chiamando il ragazzo a lei. Attraversò la stanza, a piedi nudi sul morbido tappeto, la luce che brillava sulla pelle pallida del suo corpo nudo. Salendo sul letto, si sdraiò accanto a lei e lei lo prese tra le braccia, tenendolo stretto, la bocca sulla sua. La pelle di Matti era ancora un po’ umida per la doccia, i suoi capelli morbidi mentre Emma ci passava sopra le dita, la pelle liscia, l’altra mano che scivolava su di lei, prendendole a coppa le natiche e attirandolo più vicino.

Le posò una mano sulla coscia, morbida e calda al tatto. Li separò per lui mentre lui faceva scorrere la mano sulla carne setosa, emettendo un gemito gutturale di sorpresa mentre le sue dita non trovavano la morbida umidità della sua figa, ma la morbida durezza del tocco che aveva già messo dentro di lei in preparazione. Si fermò solo per un momento, la mano che le circondava il sesso, muovendo il pugno chiuso su e giù per la sua lunghezza oliata come se fosse un organo vivo e pulsante.

La punta del moncone si mosse dentro di lei, l’asta premette contro il suo clitoride e lei gemette contro di lui. Allungandosi tra le sue stesse cosce e afferrando la sua vera erezione, imitando i suoi movimenti, sentendola pulsare contro il suo palmo. Per qualche minuto continuarono a baciarsi con rinnovata passione accarezzandosi a vicenda i cazzi; ma era impaziente, e non era il suo cazzo dove erano i suoi desideri in quel momento. Lasciando andare la presa su di lui, si allungò ulteriormente tra le sue cosce, sollevando la sua borsa rigonfia da parte mentre lui rispondeva sollevando la gamba superiore, piegandola al ginocchio. Gemette profondamente contro di lei quando le sue dita trovarono il loro bersaglio, mentre lei premeva con movimenti stretti con la punta di due dita, scivolando attraverso e intorno al muscolo teso del suo ano.

Dèi come lei voleva e come lui voleva lei. La semplice vista o il tocco della squisita apertura del suo animale domestico era sufficiente per accendere le sue passioni più insaziabili. Ora applicò pressione al suo ingresso, e l’anello lubrificato del suo ano cedette e lui gemette, il suo cazzo che rimbalzava mentre le sue due dita si curvavano su di lui. Adesso stavano entrambi ansimando, come se solo poco tempo fa, un bisogno disperato li opprimeva. I suoi baci divennero frenetici mentre muoveva le dita dentro e fuori dal suo ragazzo diverse volte, aprendo il suo dolce retto quel tanto che bastava per riceverlo. Mentre si muovevano, facendolo rotolare sulla schiena, a cosce divaricate, lei si inginocchiava sopra di lui tra di loro.

Lei lo guardò, e lui la guardò con tanto amore e supplica che si sentì commossa, un’ondata di tenerezza per il suo fardello la riempiva. Senza interrompere lo sguardo, alzò le ginocchia al petto, mettendo a coppa le gambe dietro le ginocchia, aprendosi, offrendole il suo cuore.

“Il mio ragazzo perfetto,” sussurrò, allungando una mano sotto la camicia da notte per afferrare la mazza, portando la punta unta per trovare il suo buco lucido. Guardandolo in profondità negli occhi, si spinse lentamente dentro di lui, dentro di lui, i suoi stessi occhi si chiudevano, la testa piegata all’indietro, la bocca aperta in un sospiro silenzioso mentre entrava.

Mentre lo riempiva, appoggiò il suo peso sopra il suo. La sua camicia da notte si stava alzando un po’, e il suo ventre nudo premette contro quello di lui, il suo grosso cazzo in mezzo, già colando il suo pre-sborra appiccicoso.

“Puoi venire stasera,” sussurrò, con un dolce sorriso, mentre iniziava a fare l’amore con il suo ragazzo.

Nel tardo pomeriggio successivo, Emma e Matti erano sdraiati sulla spiaggia, a pochi minuti dalla loro villa, godendosi il caldo immobile della giornata. A parte una breve vacanza piena di sesso e visite, era la prima volta che si separavano da quando lui era tornato alla sua proprietà. Erano trascorse quattro notti dall’inizio del loro soggiorno di due settimane ed Emma intendeva assolutamente continuare come avevano iniziato; con lunghe e languide sessioni di fare l’amore, giocare e scoparsi in ogni modo, godersi il bel tempo, la spiaggia incontaminata e l’acqua calda, e la sera, una facile passeggiata di dieci minuti fino al villaggio più vicino per cenare con deliziosi cibi locali.

Erano meravigliosamente isolati; il suo unico vicino, un villaggio apparentemente vuoto simile nella costruzione al suo, a breve distanza attraverso un palmeto. I due erano diventati più audaci nella loro solitudine e, infatti, avevano fatto l’amore sulla spiaggia la sera prima. Portando alternativamente l’altro dentro di sé, muovendosi insieme all’unisono al ritmo delle onde che si alzano a pochi metri da loro.

Emma guardò suo figlio, nudo com’era, sdraiato sulla schiena, la sua pelle pallida che lentamente abbronzava sotto il sole africano. Gli sorrise, prese la crema solare, si chinò per baciarlo dolcemente mentre si inginocchiava su di lui.

“Penso che tu abbia bisogno di un animale domestico. Non vogliamo che arrossisci. Be’, a meno che non sia il tuo culo se ti metto in grembo.” Lei rise e lui sorrise, tirandola indietro per un altro bacio, la lingua che scorreva tra le sue labbra, gemendo piano contro di lei.

Altre storie erotiche  A New Cuckold Ch. 02

Emma si appoggiò allo schienale, un ampio sorriso sul viso, beatamente felice. Si tirò indietro, le ginocchia su entrambi i lati di lui, sedendosi sopra di lui, il suo cazzo caldo che premeva contro il suo stomaco, intrappolando il suo cazzo già in crescita sotto il suo culo rotondo. Aprendo la lozione, se ne versò un po’ sul petto e iniziò a strofinarsela sulla pelle liscia. Mentre lo faceva, lei lo stuzzicava, ondeggiando un po’ i fianchi, strofinando il culo e la figa contro di lui, sorridendo di piacere mentre lui sentiva la sua erezione crescere sotto di lei.

In quel momento, colse il movimento e alzò lo sguardo, fermandosi sorpresa nel vedere una donna alta dalla pelle color miele che si avvicinava alla duna sopra di loro. Era magra, con folti capelli neri e ricci. Indossava solo un paio di mutandine da bikini e i suoi seni castani erano alti sul petto, con capezzoli marrone scuro in cima.

“Oh ciao,” chiamò la donna, salutando mentre si avvicinava, i suoi movimenti e modi casuali. Emma sorrise e le fece un cenno con la mano, mentre Matti inclinava la testa all’indietro per vedere chi stava salutando la sua amante.

Mentre lo sconosciuto si avvicinava, Emma fece oscillare la gamba sul corpo di Matti, inginocchiandosi accanto a lui, osservando il nuovo arrivato. Entrambe le donne si valutavano apertamente e calorosamente, nessuna delle due era minacciosa, entrambe apertamente ammirate. Emma sentì gli occhi della donna più alta vagare su di lei come una sensazione quasi fisica, specialmente quando si insinuavano tra le sue cosce, i suoi capelli corti e sottili ramati non facevano nulla per nascondere la forma delle sue labbra.

Allontanandosi da lui, Emma lasciò che l’erezione di Matti si liberasse. Arrossì, muovendosi per coprirsi, e la donna alta sorrise divertita.

Per qualche ragione, Emma si sentiva completamente a suo agio, incurante del fatto che il suo paradiso apparentemente privato fosse ora condiviso.

“Non essere stupido Matti,” lo rimproverò dolcemente, “sono sicura che il nostro nuovo vicino ha già visto ragazzi nudi sulla spiaggia.”

Guardò la donna, sorridendo calorosamente: “Voglio dire, immagino che tu sia la nostra vicina, nel villaggio proprio lì?” chiese con un cenno del capo.

“Sì, sono appena arrivato. Sto da mia nipote. Mi chiamo Amira.”

Porse la mano. Emma si alzò per salutarla, ma invece di una stretta di mano si ritrovò stretta tra le sue braccia, Amira si chinò per baciare prima una guancia poi l’altra, i seni di Emma premuti contro quelli della bellezza marocchina.

“Emma,” rispose semplicemente, prima di voltarsi e indicare il suo bambino. “È Matty.”

Matti si alzò, le guance ancora rosse, il cazzo ancora un po’ eretto. Quando Amira si allungò per ripetere l’abbraccio, Emma fu divertita nel vedere Matti inarcare la schiena, allungando le natiche per evitare di premersi completamente contro di lei. Era anche divertita dal fatto che Amira non avesse nulla di tutto ciò, tirando forte il ragazzo contro di sé mentre si scambiavano baci leggeri, la loro dimensione simile significava che il tessuto morbido dei suoi boxer sfiorava il suo cazzo mentre i suoi seni sodi premevano contro il suo petto.

“Perché non ci dai una bibita fresca Matti?” chiese Emma, ​​alzando un sopracciglio verso di lui, uno sguardo d’intesa sul viso.

“Sì signora,” rispose, ed Emma notò lo sguardo fugace che passò sul suo viso. termine amore.

Si voltò e attraversò la sabbia calda fino al frigorifero e si fermò. Emma sapeva perché, e lo ha incoraggiato,

“Svelto Matti, fa sempre così caldo.”

Lo guardò irrigidirsi, poi chinarsi per aprire il frigorifero. Quando si avvicinò, il suo culo si aprì e il tappo gioiello che aveva messo nel suo ano dopo aver fatto sesso durante il pranzo era chiaramente visibile.

Amira si voltò di nuovo verso Emma, ​​valutandola questa volta con uno sguardo di severo interesse, mascherando un velo di sorpresa.

“Una donna secondo il mio cuore”, dice, un sorriso che gioca sui suoi lineamenti esotici. “È così bello vedere un ragazzo obbediente e una donna serena con lui.”

“Sì, è un bravo ragazzo per la maggior parte del tempo.” Emma ridacchiò e Matti arrossì mentre porgeva gli occhiali alle donne.

“Grazie Mattia. Allora Amira, hai detto che non eri sola in vacanza? »

“Oh no, ho mia nipote con me. Si sta trasferendo in città per continuare i suoi studi e le permetto di stare con me. La sua famiglia, mia sorella e suo marito, vivono nell’estremo sud. Pensavo che saremmo andati a trovarla la spiaggia come un piacere prima che inizi il suo corso. Di solito siamo soli qui, ma non credo che la compagnia mi disturberà questa volta.

Amira rivolse a entrambi un caldo sorriso, i suoi lineamenti si illuminarono.

“Grazie per il drink. Piacere di conoscerti, Emma, ​​​​Matti.”

Con un cenno, si voltò e tornò alla spiaggia, i suoi fianchi ondeggiavano, la sua pelle liscia e marrone che brillava nell’oscurità. In cima alla duna, si voltò e fece un cenno, poi scomparve.

Emma si voltò verso il ragazzo, sentendosi improvvisamente estremamente affettuoso.

“Forza scoreggia, andiamo a casa.”

Tornata alla villa, disse a Matti di aspettare sul balcone mentre andava in camera sua. Tirò fuori la cerva, infilandola dentro la sua figa già bagnata, lubrificando frettolosamente la sua lunghezza, poi si mosse per unirsi al suo animale domestico, lo spesso albero che le faceva cenno mentre camminava.

Altre storie erotiche  Mel and Donnie Ch. 03 - Submission - BDSM

Fuori, al tramonto, suo figlio era appoggiato alla ringhiera del balcone e guardava oltre la palma, l’oceano al di là. Lei avvolse le sue braccia intorno a lui, stringendolo, e lui gemette in attesa mentre sentiva la sua lunghezza lubrificata scivolare tra le sue natiche.

Girò la testa verso di lei e si baciarono avidamente, mentre la mano di Emma scivolava tra di loro, le sue dita lubrificate cercavano il caldo abbraccio del suo ano. Il suo ragazzo allargò obbedientemente le gambe, rilassandosi mentre le sue dita sondavano delicatamente, premendo contro, poi dentro il suo buco. La sua apertura liscia e pronta, Emma ha ritirato le dita, ha tirato fuori il vibratore per sostituirle e con un movimento fluido ha fatto scivolare il suo corpo accogliente.

“E se qualcuno potesse vederlo?” ringhiò quando ebbe finito di premersi contro di lui.

“Quindi lascia che loro vedano che bravo ragazzo sei. Sii orgoglioso, non vergognarti”, rispose Emma, ​​inarcando i fianchi all’indietro, facendo scivolare fuori l’asta da lui, prima di scivolare delicatamente all’indietro.

Matti si appoggiò alla ringhiera, la sua erezione spingeva oscenamente tra le sbarre mentre la sua Padrona dondolava i fianchi, aprendo le sue profondità bisognose. Dietro Emma, ​​si chiedeva se i suoi vicini fossero al buio, a guardare, a sentire i deboli gemiti dei loro amanti. Il pensiero le fece venire un brivido e lei accelerò il ritmo, un delizioso orgasmo già cominciando a formarsi.

“Sai che mi appartieni, non mi accarezzi,” gli sussurrò Emma all’orecchio, fissandolo. “Che anche se ti lascio usare da qualcun altro, sarai comunque mio?”

“uuurrgghh…yeah…yeah” rispose Matti ansimando.

“Penso che ad Amira piacerebbe usarti. Penso che le piacerebbe vederla usarti.”

Emma accelerò il ritmo mentre pensieri e fantasie iniziavano a dispiegarsi nella sua mente. In parte persa nel suo climax imminente, in parte esibendosi per un possibile pubblico, gemeva e urlava mentre il pipistrello dondolava contro il suo clitoride palpitante.

“Oh sì piccola. Adoro fotterti il ​​culo. Ecco fatto piccola, dammi quella figa dolce, fammi venire. Sì. Sì. È proprio così!”

Con un grido, Emma gettò la testa indietro, spingendo i fianchi in avanti, i muscoli delle sue stesse aperture sessuali si tendevano, si contraevano mentre il suo orgasmo la attraversava.

Ansimando, esausta, si accasciò contro Matti, appoggiandosi a lui, le braccia intorno a lui, baciandogli la schiena tra due respiri profondi.

“Sei straordinaria signorina,” sussurrò Matti, ugualmente senza fiato, “si sente così bene dentro di me.”

Con un leggero sussurro d’amore per il suo carico, Emma fece scivolare il grosso cazzo fuori dal suo stretto passaggio, il ragazzo dando al suo ora familiare quella sgradita sensazione di vuoto unita alla pesantezza nelle sue palle causata dalla mancanza del suo stesso orgasmo. .

Prendendolo per mano, Emma lo riportò in camera da letto. Fermandosi a prendere il Feeldoe tra le sue labbra gonfie, appoggiandolo sul comò, si avvicinò al letto, appoggiandosi allo schienale dei cuscini, le cosce aperte che mostravano le sue parti più perfette al suo giovane amante.

“Vieni qui amore mio. Voglio che tu venga sopra di me.”

Con un sorriso ansioso sul volto, Matti ha risposto con entusiasmo, spostandosi verso il letto, inginocchiato tra le proprie ginocchia aperte.

“Aspettare.”

La guardò con aria interrogativa.

“Voglio godermi la tua figa mentre tu ti godi la mia.”

Matti le sorrise, arrampicandosi accanto a lei, girandosi e mettendole a cavalcioni con le ginocchia ai lati delle sue spalle. Abbassò la testa tra le sue cosce aperte, dondolandosi fino a posizionarsi sopra la sua stessa testa. Quando le sue morbide labbra si posarono tra le sue gambe, Emma gli mise le mani sulla parte bassa della schiena, premendolo contro di lei. Appiattisce la lingua e la fa scivolare con movimenti lunghi e pigri sullo scroto, sul perineo e sul piccolo ano rosa. Affamata, leccò la sua apertura, lubrificandola e rilassandola ancora di più per il suo prossimo giro di fare l’amore. Nel frattempo, il ragazzo stava baciando e leccando le sue morbide labbra, succhiando il tenero nodo del suo clitoride nella sua bocca. Emma allargò le gambe, inarcando la figa verso la sua bocca affamata. Le conseguenze furono silenziose, fatta eccezione per i suoni di bocche che adoravano la carne che mancava di carne, e frequenti gemiti e sussulti di piacere mentre gli amanti usavano le loro lingue per sondarsi e stuzzicarsi a vicenda. Prendendo tra le mani le giovani natiche sode del ragazzo, le allargò larghe e con forza, desiderosa di accedere al suo posto più privato. Le sue attenzioni ora fermamente sul suo bellissimo ano, tracciò la punta della lingua attorno al bordo, poi l’arricciò fino a un punto, premette dentro di lui. Gemette profondamente, raddoppiò gli sforzi nel suo corpo; le sue labbra gonfie e gonfie di desiderio, le morbide pieghe scivolose della sua saliva e dei suoi succhi, il rosa intenso delle sue labbra interne visibile mentre lui baciava e succhiava. Con la punta delle dita, il ragazzo socchiuse le sue labbra esterne, esponendo la morbida bellezza del suo sesso, stuzzicandole il clitoride eretto sotto il cappuccio, le sue labbra lo circondavano, la sua lingua lo accarezzava.

Il cazzo del ragazzo, grosso ed eretto, premette contro i suoi seni, lasciando una scia di precum sulla sua pelle mentre si muoveva contro di lei. Voleva che venisse, ma non ancora. Prima l’avrebbe fatta venire con la sua bocca meravigliosamente talentuosa, poi lei l’avrebbe ripreso e il suo corpo sensibile avrebbe raggiunto l’orgasmo di nuovo mentre pompava il suo vibratore dentro di lui. Solo allora, mentre continuava a usare il suo bel corpo giovane, mentre lui chiedeva il suo rilascio, avrebbe fatto venire anche lui. Il suo seme sarebbe stato la sua offerta per lei, il suo amante, la sua dea, la sua Lilith, e il suo corpo si sarebbe teso, ogni muscolo avrebbe stretto saldamente la parte di lei che era dentro di lui, come se volesse trattenerla nel disperato tentativo. In un certo senso, era vero, pensò; sapeva quanto il suo ragazzo la desiderasse, quanto lui si sentiva vuoto senza che lei gli riempisse le viscere con la spessa verga del suo Feeldoe, com’era ansioso di sottomettere il suo corpo al suo piacere.

Altre storie erotiche  Charmaine Expands Her Horizons - BDSM

La sua mente si riempì di immagini deliziose e il suo meraviglioso animale domestico che le accarezzava il clitoride palpitante esposto con la sua lingua morbida le portarono presto quella sensazione familiare e benvenuta. Sentì i suoi sforzi raddoppiare mentre lui sentiva i segni in lei, il suo corpo teso, il suo respiro corto e acuto, inarcandosi verso di lui, tanto vicino quanto lei, la dominante, era venuta a mendicare. In quel momento, lei era sua mentre il suo mondo esplose in un lampo di squisita estasi.

Emma gettò indietro la testa, urlando di pura gioia. animale mentre il suo ragazzo le ingoiava il clitoride, la sua lingua la guidava attraverso le onde del suo orgasmo. Come sempre, estese abilmente il suo climax, prima di regolare la sua tecnica per portarla delicatamente giù da quell’altezza vertiginosa, posando ora dolci baci lungo la sua carne sensibile.

“Oh grazie piccola,” Emma ansimò mentre si rilassava nelle sue cure. “Sei così bravo e adoro la vista quando compiamo 69 anni”.

Alzò la testa e gli posò un dolce bacio direttamente sul suo dolce ano.

“Facciamo l’amore,” sussurrò, sfiorando con le labbra la stretta apertura.

Mentre si avvicinava al comò e lo afferrava, Feeldoe Matti si rotolò sulla schiena, sollevando le ginocchia fino al petto. Emma si prese il tempo per lubrificare il cazzo ora orgoglioso sotto il suo stomaco, poi fece scivolare dentro due dita, aprendo il suo giovane culo. Era ancora abbastanza rilassato, e lei aveva solo bisogno di toccare il suo delizioso buco per un momento. Quando si mosse tra le sue gambe, gli sussurrò:

“Fai di lui un animale domestico.”

Guardandola in profondità negli occhi, si chinò e afferrò la lunghezza liscia di Feeldoe, guidandolo verso la sua stessa apertura mentre la sua Padrona si abbassava su di lui, ansimando dolcemente per quella sensazione familiare del suo ano che cedeva, aprendosi davanti a lei mentre scivolava. facilmente dentro. Gemettero all’unisono, quell’iniziale perfetta che si univa mentre lei lo riempiva, mentre lui si rilassava attorno a lei. La tensione nel suo corpo si trasmetteva lungo l’asta fino al clitoride dolorante.

Le loro mani l’una sull’altra, le labbra serrate in un abbraccio appassionato, hanno fatto l’amore, Emma li ha guidati attraverso tutto, controllando il ritmo e il movimento, premendo i suoi colpi tra le sue natiche aperte per massimizzare il piacere per entrambi, lui rispondendo a sua volta , inarcando il suo corpo, stringendo i muscoli lisci e stretti della sua figa mentre lo usava come aveva inteso. Spingendo se stessa in un movimento in cui Feeldoe si sfregava contro il suo clitoride dolorante, Emma ha accelerato il ritmo, urlando quando un terzo orgasmo l’ha sopraffatta, continuando a scopare il suo dolce ragazzo mentre si rotolava su di lei, finché non gli crolla addosso, baciandosi a vicenda altri senza fiato. lui mentre la teneva stretta.

Si coccolarono l’uno nelle braccia dell’altra per un momento, prima che Emma si sollevasse sui gomiti, guardando il ragazzo.

“Voglio provare il Feeldoe davvero grande. Pensi che possiamo accarezzarlo?” chiese lei dolcemente.

“mmm…ok” rispose Matti, un po’ nervoso, ma sorridente.

“Bravo ragazzo. Vacci piano, non voglio farti del male, o rovinare quel culo stretto,” ridacchiò, sporgendosi per baciarlo profondamente.

Quando ha baciato Matti, Emma ha tirato indietro i fianchi ed è stata ricompensata con un piccolo gemito mentre la cinghia scivolava lentamente fuori dall’apertura sessuale del suo animale domestico.

“Odio quando mi lasci vuoto,” sussurrò Matti all’orecchio della sua Padrona. Emma rispose con un sorriso silenzioso mentre si alzava dal letto e si dirigeva verso il comò. Il Feeldoe XL era nel cassetto in alto e lo tirò fuori, girandosi verso il suo animale domestico, tenendolo tra le mani.

Matti sbirciò tra le cosce della sua padrona, dove il vibratore normale stava ancora sporgendo, il cazzo più grosso nelle sue mani. Per lui, la differenza sembrava enorme, ma Emma gli stava sorridendo in modo incoraggiante e lui si fidava di lei implicitamente. Tornando al bordo del letto, i suoi fianchi ondeggiavano in modo seducente, Emma mise un piede sul bordo e sorridendo al giovane, fece scivolare il normale Feeldoe fuori dalla sua figa. mormorò Matti, lo sguardo fisso tra le gambe,

“Sei così perfetta signorina, amore mio, così bella.”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *