Miss Natalie Returns – BDSM

di | 22 de Settembre, 2022

La signorina Natalie ritorna: un giovane avvocato riceve un’offerta interessante.

Il personaggio principale di questa storia, Natalie, è basato su un personaggio introdotto per la prima volta da susanstoryteller. Il personaggio appare per la prima volta nella sua storia intitolata La storia di Natalia e fa anche la sua apparizione in alcune delle sue altre storie. Dopo aver letto la sua prima storia, ho pensato che il personaggio meritasse un seguito tutto suo. Il personaggio di Natalie è qui utilizzato con la piena conoscenza e il consenso di susanstoryteller. Gli eventi della mia storia successiva si svolgono circa dieci anni dopo la storia originale. Questa storia sarà presentata in tre parti. Tutte e tre le parti sono complete. Spero di caricare ogni parte successiva poiché la parte precedente viene rilasciata. Se c’è interesse, proverò a scrivere parti aggiuntive se il tempo lo consente.

Niente sesso in questa prima parte, solo preparazione.

prima parte

Mi chiamo Natalia. Ho ventotto anni. I miei capelli sono castano chiaro un po’ lunghi che cadono appena sotto le mie spalle. Non sono molto grande. Solo circa 5’5 “e 115 libbre. Le mie misure sono 34C-24-34. Nel complesso direi che sono una giovane donna piuttosto attraente. Ora cos’altro dovrei dire di me stesso.

Mi sono laureato in giurisprudenza quattro anni fa vicino al primo posto della mia classe e meno di un anno dopo ho superato gli esami di stato. Dopo la laurea ho lavorato in un piccolo ma molto prestigioso studio legale nella stessa città in cui sono cresciuto. Grazie in parte a un’eccellente lettera di raccomandazione del socio anziano dello studio legale per cui mia madre lavora come segretaria, e ho anche trascorso le mie estati lì come impiegata laureata.

All’inizio di questa settimana, ho fatto parte di un team che ha chiuso con successo un caso molto ampio e importante per lo studio legale. Questa mattina i soci hanno annunciato, grazie al mio duro lavoro e dedizione, che otterrò una meritata promozione e riceverò anche un bonus. Insomma, direi che la mia vita stava andando molto bene. Ma stava per migliorare ancora. E molto più interessante.

Attualmente, visto che era venerdì sera, ho deciso di regalarmi una bella cena dopo il lavoro e magari un drink dopo. Essendo tra amici o addirittura fidanzata al momento, ho scoperto molto giovane di essere decisamente bisessuale, decido di uscire da sola.

Dopo aver cenato in una delle migliori steakhouse della città, ho deciso di prendere un drink dopo cena in un bar vicino dietro l’angolo. Mi è piaciuto molto questo particolare bar. La clientela era generalmente composta da giovani professionisti. C’erano avvocati come me, agenti di borsa e gestori di fondi e molte persone coinvolte in vari tipi di vendite che cercavano di fare rete.

Altre storie erotiche  My Journey to Submission Pt. 08 - BDSM

Seduto da solo al bar, bevo un ottimo single malt. Non conosco molte donne che piacciono. Questo è un assaggio che ho avuto da una buona vecchia conoscenza. Dato che ero andato al ristorante direttamente dal lavoro, indossavo sempre una gonna blu scuro molto tradizionale che arrivava ben al di sotto delle mie ginocchia e una semplice camicetta bianca. Sopra la camicetta ho un cappotto blu scuro da abbinare alla mia gonna. Ero seduto con le spalle alla porta. Non ho nemmeno guardato molto intorno al bar le persone intorno a me. Nessuno lì mi interessava molto. Questo finché non si avvicina a me e dice: “Ehi, sembri sola”. Posso unirmi a te? Come ho detto prima, la mia vita stava per diventare molto più interessante.

La donna che mi ha raggiunto adesso era bionda. Probabilmente primi anni ’40. Ma ovviamente si è sempre presa molta cura di se stessa. Era molto attraente. Indossava un abito nero con scollo a V che mostrava chiaramente un’ampia scollatura che metteva in mostra il suo seno grande e decisamente valorizzato. Ho anche notato il grande anello di diamanti al dito.

Ha iniziato la nostra conversazione presentandosi: “Sono Linda. Spero che tu non mi stia disturbando”.

” Affatto. Sono Natalie, piacere di conoscerti”, cercando di essere educato. “Siediti, per favore,” indicando lo sgabello vuoto alla mia sinistra.

“Ti osservo da un po’,” iniziò, “seduta da sola da sola. È abbastanza ovvio che non stai aspettando che qualcuno si unisca a te. E sei troppo carino per sederti da solo con lei.”

“Come fai a sapere che non aspetto nessuno?” Ho chiesto.

“È da un po’ che sei seduto qui con le spalle alla porta. Non ti guardi intorno aspettando che qualcuno si unisca a te. Sorseggiando lentamente e assaporando il tuo drink. Che diavolo è? È? È whisky?”

“Sì, da una piccolissima distilleria nel nord della Scozia. È l’unico posto in città che lo serve.”

“Mio marito ed io siamo in città per il nostro anniversario. Lui e io ci chiedevamo se ti piacerebbe unirti a noi. È seduto proprio lì.” Linda fece un cenno a un gentiluomo seduto in una delle cabine curve contro la parete più lontana. Sembrava un po’ più vecchio, forse quarantacinque, ma non cinquanta. Capelli neri leggermente brizzolati. Ma da quella distanza, sembrava ancora molto bello. Linda si alzò e mi fece segno di seguirla. Sorseggiando il mio drink ora molto incuriosito l’ho seguita al loro tavolo.

Quando mi sono avvicinato non sono rimasto deluso. L’uomo seduto nella cabina era davvero molto bello, considerando che probabilmente aveva quasi vent’anni più di me. “Natalie, vorrei presentarti mio marito, Gary. Gary, questa è Natalie.”

Altre storie erotiche  Please Let Me Serve You Pt. 09 - BDSM

“È davvero un piacere conoscerti, Natalie,” disse Gary alzandosi e allungando la mano per stringermi la mano.

Piacere di conoscerti anche tu, Gary,” prendendole la mano tesa.

“Ecco, siediti”, poi facendomi segno di sedermi alla sua sinistra mentre Linda si avvicinava al tavolo alla sua destra.

Cercando di riprendere la conversazione, chiedo: “Allora, Gary, da quanto tempo tua moglie mi ha detto che voi due siete stati in città per festeggiare il vostro anniversario?”

“Venti”, rispose.

“Sembrate entrambi molto felici. Spero di essere altrettanto felice dopo essere stato sposato con qualcuno per vent’anni.

“Hai un ragazzo? Oh aspetta, scusa, è troppo personale. Ci siamo appena conosciuti.” chiese Linda.

“No, nessun ragazzo. Ecco perché sono solo stasera. Immagino di essere troppo impegnato con la mia carriera in questo momento per avere tempo per qualsiasi tipo di relazione.”

“Cosa stai facendo?” è di Gary.

“Sono un avvocato. Lavoro in un piccolo studio legale a pochi isolati da qui.”

“Oh, sembra molto interessante”, disse Linda.

“Sì, può essere. Ma possono essere un sacco di lunghe ore. Soprattutto da quando inizi come socio junior. Ma poi ho recentemente ricevuto una promozione. Ecco perché sto prendendo questa sera. Sto solo festeggiando un po’ . Come voi due.”

“E voi due cosa state facendo?” Ho chiesto: “Se non ti dispiace che te lo chieda?”

Linda ha risposto: “Lavoro nel settore immobiliare. E Gary è un architetto”.

Noi tre abbiamo parlato e parlato per circa un’ora. Entrambi mi hanno raccontato tutto di se stessi. Come si sono conosciuti. Hanno due figli un maschio e una femmina. Entrambi ora sono adulti e lontani da casa al college.

E ho parlato di me. Basta conoscersi un po’ di più. Mi sono davvero divertito con queste due persone.

“Natalie,” le ton de Linda devint soudainement très sérieux, mais parlant à voix basse, “Comme je l’ai mentionné, nous célébrons aussi ce soir, et je voulais faire quelque chose de très spécial pour mon mari et l’homme que amo.”

Ascolta cosa sta arrivando. Cosa mi aspettavo. Stanno cercando qualcuno con cui fare una cosa a tre.

Linda ha continuato: “E non abbiamo mai chiesto a nessuno prima o fatto qualcosa del genere prima”. Fermandomi per riprendere fiato, “Voglio vederti dormire con mio marito”.

Ora che non me l’aspettavo.

«Oppure no, potrei aspettare fuori nella stanza accanto. Abbiamo un completo con due camere da letto nell’hotel dall’altra parte della strada. disse Linda ora quasi disperata. E prova a non spaventarmi allo stesso tempo.

Altre storie erotiche  Femdom Farms Ch. 10

Dopo aver preso qualche momento per pensare, mi sono chinato sul tavolo per parlare a bassa voce con Linda: “Linda, voglio che tu usi il bagno della signora. Ho bisogno di una conversazione privata con tuo marito.

Senza nemmeno chiedermelo, Linda si è scusata. Quando era fuori portata d’orecchio. Ho parlato con Gary: “Ora dimmi la verità, non è la prima volta che tu e tua moglie lo fate?” Probabilmente non è nemmeno tuo. anniversario di matrimonio.”

“Hai ragione su entrambi i fronti. L’abbiamo già fatto. A volte con successo, ma di solito no.”

“E importa che sia lei a rimorchiare e rimorchiare una donna in un bar per te? Ma soprattutto, è lei che si diverte davvero a rimorchiare una ragazza per suo marito?”

“Sì, hai di nuovo ragione”, disse Gary rispondendo alle mie domande.

“E tu non vieni da fuori città, vero?”

“No, non lo siamo. Abitiamo nella periferia nord della città.”

Crescendo in città, sapevo che questa zona era composta principalmente da case grandi e molto costose.

“Pensavo di sì. Anch’io ho qualche esperienza con queste cose. Anche se è passato un po’ di tempo.” Tirando fuori il telefono dalla borsa, chiedo: “Presto, qual è il tuo numero di cellulare?” Prima che Linda torni.

Quando Gary mi dà il suo numero, lo aggiungo ai miei contatti. “Ci vediamo domani pomeriggio. Ti scrivo l’ora e il luogo. Non dire a Linda che mi stai incontrando. Trova solo una scusa per stare fuori casa per qualche ora. Ora vai a pagare.” caricare e aspettare davanti alla porta. Manderò Linda quando avrò finito di parlarle.

Poco dopo la partenza di Gary, Linda tornò.

“Dov’è Gary?” »

“Ti sta aspettando davanti alla porta. Per favore, siediti.” Mentre toccavo lo spazio ora vuoto alla mia destra.

Une fois que Linda était confortablement assise à côté de moi, je me suis penché près de son oreille et lui ai chuchoté : “Je vais baiser ton mari. Et même te laisser regarder. Mais pas ce soir. Demain soir. Et dans ton lit . Adesso.” unisciti a tuo marito”.

Dopo che Gary e Linda hanno lasciato il bar, sono tornato a prendere un posto vuoto al bar. Ho ordinato un altro drink. Così ho iniziato a pensare e pianificare la notte successiva sorseggiando lentamente il mio bicchiere del miglior whisky.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *