Mistress Doreen Ch. 03 – BDSM

di | 5 de Agosto, 2022

Capitolo Tre – Servizio, Seduzione, Abbandono

Nota dell’autore: questa è la storia di una relazione maschile dominante/sottomessa tra persone mature. È finzione. Se ti piacciono queste storie, leggi e commenta, in caso contrario scegli un’altra storia più a tuo piacimento. Questo capitolo è il terzo di questa serie. Si prega di leggere i capitoli precedenti per il contesto. Ai gentili lettori dei capitoli precedenti, vorrei esprimere la mia più profonda gratitudine per i vostri voti, incoraggiamenti e commenti. Divertiti!

******************************

Dal mio punto di vista limitato – guinzaglio, guinzaglio, in ginocchio che strisciavano il più velocemente possibile per tenere il passo con i lunghi e determinati passi di Doreen – la sua stanza era piccola, dominata da un letto king size in cui si è letteralmente buttata! Questa mossa ha confermato l’agilità, la grazia, la forza e la determinazione di Doreen, il tutto in una donna di 75 anni straordinariamente bella!

Una caratteristica insolita che ho notato prima che Doreen stringesse la mia presa al guinzaglio mi ha chiamato al suo servizio immediato – la scatola delle molle e il materasso erano sostenuti da solide travi di legno, macchiate, verniciate e lucidate – il sostanzioso lavoro di un artigiano.

“Non essere così lento, Frank,” disse Doreen con una leggera irritazione nella voce.

Il mio guinzaglio continuava ad allungarsi mentre mi alzavo da terra ai piedi del letto e guardavo oltre il materasso. Una visione mi aspettava. Doreen si era già posizionata al centro del suo grande letto. Era sdraiata su lisce lenzuola di raso nero, le spalle e la testa appoggiate su diversi cuscini in abiti simili. Mi guardò attraverso la scollatura dei suoi seni enormi. Teneva la frusta come un guinzaglio nella mano destra, tirandomi per il collo sul letto e tra le gambe ampiamente aperte. Lì ho visto con mio immediato piacere ed eccitazione la mano sinistra di Doreen accarezzarle delicatamente la figa.

“È ora di vedere se puoi fornire il servizio di cui ho bisogno”, ha detto con acciaio nella sua voce sexy.

Non sarebbe stato un viaggio lento e languido, baciare e leccare dolcemente le gambe lunghe, abbronzate e toniche di Doreen. Doreen mi ha tirato forte il guinzaglio finché la mia testa non è stata incastrata tra le sue cosce, la mia faccia a pochi centimetri dalla sua figa.

“Mangiami”, ordinò Doreen.

Le sue labbra rosa e abbronzate erano gonfie, bagnate e si aprivano facilmente per la sua mano ancora curiosa. Cominciai lentamente a baciare la sua superficie esterna mentre Doreen mi tirava violentemente il guinzaglio, immergendomi il viso in profondità nel suo sesso mentre spingeva il suo bacino verso l’alto, usando tutta la mia faccia per strofinare.

“HO DETTO MANGIAMI!” Doreen quasi urlò.

Ho aperto la bocca, ho spinto la lingua il più in profondità possibile nelle sue pieghe vaginali e ho iniziato a rendermi schiavo della sua carne gloriosa. Ho afferrato il labbro sinistro della figa di Doreen in bocca, l’ho succhiato, l’ho picchiettato con la mia lingua dura e ho masticato delicatamente la sua sostanza gonfia.

“È più così,” ringhiò Doreen soddisfatta.

Doreen mi afferrò la testa con entrambe le mani, dirigendomi il viso verso le aree di cui aveva più urgente bisogno. Ha ritmicamente lavorato il bacino contro il mio viso mentre la sua figa esalava un flusso crescente di fluido aromatico. Leccai e succhiai le sue labbra carnose. Ho immerso la mia lingua sempre più in profondità nella sua figa in crescita. Leccai e succhiai il suo succo sessuale denso e pungente, ingoiandolo con gratitudine – desiderando sempre di più.

E Doreen ha sempre fornito di più. Le sue labbra rosa frastagliate avevano un sapore così buono. Li succhiai più forte, li masticai più forte, lavorai più duramente con ogni muscolo della mia mascella e lei rispose con più nettare divino da bere, più punizione pelvica pulsante per il mio viso ansioso.

Le cosce di Doreen si chiusero sopra la mia testa e riuscivo a malapena a sentire “PIÙ FORTE. PIÙ FORTE”.

La mia testa era bloccata dalle potenti cosce di Doreen, la mia faccia che sbatteva ripetutamente contro il suo osso pelvico ricoperto di carne. Sembrava avere infinite pieghe di carne su cui banchettare. A poco a poco, ho cominciato a reagire al suo assalto – afferrando le membrane calde e umide del suo sesso con la mia bocca avida – leccando, sondando, masticando, assaggiando – perdendomi felicemente nel mondo di frenesia sessuale di Doreen.

Sono stato ricompensato con sempre più del dolce nettare sessuale di Doreen; aumento della pressione dalle sue cosce, guidando le sue mani e la figa mentre usava la mia faccia e la mia testa per il suo piacere; e le grida urgenti, appena udibili di “SI!” e “NON OSARE FERMARSI!”

Fermare? Nonostante i lividi che mi stavano facendo le labbra, la lingua e il naso e nonostante la mia crescente mancanza di respiro, tutto ciò che volevo era continuare a essere usato da Doreen per il suo piacere – essere soffocato, se necessario, per la sua gratificazione sessuale. Ero eccitato oltre ogni immaginazione, il mio cazzo era piccolo e duro come una roccia e di nuovo perdeva molto precum. Ma tutto ciò a cui riuscivo a pensare era come dare a Doreen più piacere che ovviamente desiderava e godeva.

Ho spostato entrambe le mani sotto le sue natiche sode e muscolose e ho tirato il suo cazzo ancora più forte contro la mia faccia. Potevo sentire i muscoli del suo culo contrarsi nelle mie mani e sentire la voce acuta di Doreen, “SÌ MERDA! Così bene! NON FERMARTI! PIÙ!”

Non stava facendo l’amore. Era CAZZO. Crudo. Amante. Di base.

Non era un piacere sessuale condiviso nel senso tradizionale della vaniglia. Era il servizio volontario e disperato di un partner per il massimo piacere erotico dell’altro. Entrambi i partner conoscono e apprezzano i loro ruoli, esplorandosi a vicenda per i loro bisogni sessuali profondi e diversi.

secondi. minuti ore. Eterno. Questa festa sessuale è continuata.

“LA MIA CLITTA, ADESSO!” Doreen urlò mentre manovrava la mia faccia con durezza per posizionare la mia bocca stanca sul suo bocciolo rosa gonfio.

Affondai, non avendo più il controllo del mio corpo, solo una grata estensione della volontà e del desiderio di Doreen. Premetti la lingua nel suo elastico rigonfiamento di carne, appiattendolo contro il suo osso pelvico.

“SÌ, ANCORA!” Doreen urlò mentre i suoi muscoli si strinsero e io premetti la bocca sul suo clitoride. L’ho colpito con la lingua, l’ho schiacciato con la lingua e ho iniziato a masticare delicatamente la sua carne gommosa.

Doreen è esplosa!

“DIO SÌ! MASSA IL MIO clitoride! NON FERMARMI MAI!” pianse ad alta voce.

Tutti i suoi muscoli si tesero mentre tremava intorno alla mia testa, stringendomi sempre più profondamente nella deliziosa gola del suo sesso. I fianchi di Doreen mi hanno spinto ancora più forte in faccia e ha rilasciato un flusso del suo delizioso sperma.

Pensavo che l’orgasmo di Doreen non sarebbe mai finito – che sarei soffocato o affogato – e che sarei morto felice per averle dato così tanto piacere. A quel tempo, il suo piacere era tutto il mio mondo.

Ma inevitabilmente, con disappunto di entrambi, la tempesta sessuale di Doreen è passata. Si rilassò rapidamente e completamente, liberando la mia testa dalla meravigliosa prigione del suo corpo. Ho provato a leccare delicatamente lo sperma dalle labbra della sua figa, ma un leggero strattone sulla mia cervice ha indicato che Doreen voleva che mi unissi a lei a capo del suo letto.

Mentre strisciavo sul suo corpo ormai inerte, fui accolto da uno spettacolo che non mi sarei mai aspettato. Doreen singhiozzava piano, le lacrime le rigavano il bel viso!

“Oh no!” Ho pensato. “L’ho ferita!”

Il mio viso deve aver rivelato la mia preoccupazione e il mio panico perché Doreen, sorridendo leggermente, ha detto: “Sto bene”, con una voce bassa e calma. “Tienimi stretto adesso, Frank,” lo invitò.

Mi sono avvicinato al suo fianco destro e le ho fatto scivolare il braccio sinistro sotto le spalle, piegandola contro di me. Mentre le leccavo e baciavo delicatamente le sue lacrime, notai che le poche rughe che rovinavano il suo bel viso vecchio si erano ammorbidite. Si è rilassata contro di me e l’ho cullata dolcemente. Ho consolato Doreen servendola in un altro modo.

Ero felice.

Ci siamo entrambi calmati e Doreen ha sussurrato: “Quando ho una scopata enorme, piango”.

“Pochi dei miei sottomessi possono darmi un tale orgasmo per via orale. Grazie, Frank”, ha continuato.

Ero orgoglioso.

Doreen mi afferrò il bavero e lo lasciò andare. Ha messo il guinzaglio tra noi.

“Senti la pelle intrecciata del mio colletto contro il tuo corpo”, disse Doreen.

“Un giorno ti frusterò con esso. Brucerà e brucerà. Mi amerai per questo”, disse Doreen con voce ferma e ferma.

Ero eccitato e allarmato.

Doreen alzò il viso verso di me e iniziammo a baciarci dolcemente. Mise la mano sul mio cazzo semiduro e gocciolante, accarezzandomi lentamente.

Dopo qualche minuto di carezze gentili, Doreen interruppe il nostro bacio.

“Ora ti lascerò adorare le mie tette Frank”, disse mentre si sdraiava sul letto.

Le tette grandi, morbide e perfette di Doreen erano di fronte a me. Lasciando andare il mio braccio sinistro, mi chinai sul petto di Doreen per baciarle il capezzolo sinistro. Doreen ha messo una mano dietro la mia testa e ha spostato la coscia per continuare a lavorare sulla mia canna bagnata e dura.

Il sapore della sua carne era divino. Salato, dolce, perfetto. Ho succhiato il suo capezzolo grande e sodo, tenendolo tra le mie labbra e facendo scorrere avidamente la lingua sulla sua superficie.

Mi sono avventurato fuori, muovendo la mano sul suo ventre liscio e arrotondato per toccare delicatamente la parte superiore della piega della sua figa.

“Sì, Frank,” sibilò Doreen in accordo.

Ho succhiato più forte il suo capezzolo sinistro, intrappolandolo tra le mie labbra, spingendolo forte con la lingua. Ho iniziato ad accarezzare l’intera lunghezza della figa di Doreen con la mia mano. Era umido, caldo, pieno e si apriva facilmente, desideroso delle mie carezze.

Doreen gemette piano nel mio orecchio: “Bravo ragazzo”.

Ho aperto le sue labbra gonfie della figa, sondando sempre più in profondità, cercando il suo ingresso vaginale. Trovato, ho infilato facilmente il mio dito medio tra le sue pieghe unte mentre contemporaneamente spingevo il pollice nel suo clitoride indurito.

Doreen si irrigidì e spinse il mio viso più a fondo nel morbido cuscino del suo petto mentre iniziavo a masticarle delicatamente il capezzolo con i denti. Succhiando, masticando, toccandole il capezzolo incessantemente con la lingua, ho cominciato a far scivolare delicatamente il dito medio dentro e fuori dalla figa bagnata di Doreen, ora fradicia.

Il suo bacino iniziò a incontrare ogni mia spinta del dito, spingendo il suo clitoride sempre più forte contro il mio pollice fermo. Ora stavo ingoiando enormi sorsi del suo enorme petto, leccando, masticando, assaggiando e Doreen ha risposto schiacciando la mia faccia nella carne dei suoi seni, coprendomi completamente bocca e naso.

“PIÙ FORTE!” Doreen mi sussultò nell’orecchio.

Infilai un secondo dito nel suo buco affamato, spingendo più forte, più a fondo. I suoi succhi mi hanno ricoperto la mano che ho esteso per tutta la lunghezza della sua figa, coprendo il suo clitoride duro con i suoi stessi succhi.

“Ora ama il mio seno destro,” ordinò Doreen, afferrandomi i capelli con entrambe le mani e posando la mia faccia sul suo seno destro. La mia bocca aperta ha consumato il suo capezzolo duro. Ho risucchiato in profondità la sua carne, leccandola dappertutto con la lingua. Con i denti coperti dalle labbra, cominciai a masticare la sua carne abbondante.

Soffocata dai suoi seni gloriosi, ho spinto tre dita nella figa di Doreen, spingendo il mio pollice sul suo clitoride per tutto il tempo.

” PIÙ FORTE ! PIÙ VELOCE ! fu la sua risposta.

Ho obbedito volentieri. Spingendo la mia mano nella sua figa più forte, più velocemente e più a fondo, ho incontrato spinte pelviche più urgenti e il battito ritmico dei muscoli vaginali di Doreen sulla mia mano sonda. Ha spinto la sua coscia soda e carnosa nel mio cazzo duro e gocciolante e nelle palle morbide in tempo per l’incessante sondaggio della mia mano sulla sua figa. Mi ha dato sempre più piacere e dolore, il che mi ha spinto a sforzi maggiori.

” Piacere mio ! Non tuo! mi sussurrò all’orecchio.

“Sì”, risposi attraverso il suo petto glorioso.

” Non venire ! lei ha ordinato. “È per me!”

“Sì,” soffocai di nuovo.

Ho sbavato e le ho masticato i seni. Ho spinto la mia mano più in profondità e più velocemente nella sua figa calda e bagnata. Il mio pollice ha giocato senza pietà con il suo clitoride. Ho aperto le gambe per dargli un migliore accesso per punire il mio cazzo e le palle con la sua coscia.

“ADESSO!”

“DIVIETO DI SOSTA!”

“OUISSSS! »

Doreen gridò in una serie di sussulti mentre il suo orgasmo la investiva. Mi ha schiacciato la faccia contro il petto, soffocandomi nella carne morbida della cincia. Le sue cosce hanno smesso di punirmi per il piacere di intrappolare il mio avambraccio in profondità nella sua vagina spasmodica.

Il suo corpo si tese mentre premeva la figa contro il mio braccio, mi nutriva con il seno e gemeva di piacere selvaggio. Abbiamo sopportato così per un’eternità di beatitudine sessuale, e poi Doreen è ricaduta, flaccida ed esausta.

Lentamente iniziò a piangere.

Lentamente mi sono liberato dal bel corpo di Doreen, le ho fatto scivolare il braccio sinistro sotto le spalle e l’ho tirata contro di me. Lentamente e con attenzione, ho cullato questa donna speciale con tutto il mio corpo.

Si rilassò completamente e, posando la testa sul mio petto, si sciolse in me. Il suo respiro lento le fece muovere i seni con una pigra sensazione rilassante sulla mia pelle. Ha spostato la sua coscia tra la mia per premere facilmente il mio cazzo e le mie palle leggermente rimpicciolite, ora lisce con il mio pre-sborra. Ha allungato le braccia intorno a me e abbiamo condiviso un lungo e rilassante abbraccio.

Dopo alcuni minuti la mano di Doreen ha sostituito la sua coscia e ha iniziato a toccarmi il cazzo e le palle. Accarezzando alternativamente il mio albero in aumento e impastando le mie palle doloranti, ha riacceso la mia eccitazione e urgenza sessuale.

Era sessualmente insaziabile.

Il mio mondo sembrava sgretolarsi quando Doreen disse casualmente: “Non pensi che sia ora che tu te ne vada? Per te tornare nel tuo mondo vanigliato? Non sarebbe bello insospettire tua moglie per ora, giusto? ??

“No!” Sospirai. “Per favore, lasciami restare,” implorai.

“Ma mi hai già servito Frank. E anche molto bene. Sono felice con te. Ricordi che è per il mio piacere, non per il tuo, vero?” chiese con voce ferma.

“Sì, certo, signora”, risposi. “Speravo solo che forse…” La mia voce si spense, rivelando la mia frustrazione.

“Ti aspettavi solo che ti facessi entrare, vero?” Doreen finì il mio pensiero.

“Sì signora,” dissi un po’ timidamente. “Farò quello che vuoi,” ho offerto disperatamente.

“Farai quello che voglio, che ti permetta di venire o meno, vero Frank”, disse severamente.

“Sì, signora”, risposi con la risposta che entrambi sapevamo essere vera.

“Inoltre ‘qualcos’altro’ non è abbastanza Frank,” insistette Doreen.

“Devi darmi tutto!” ha continuato insistentemente.

Ora ci sdraiamo a pochi centimetri l’uno dall’altro, uno di fronte all’altro.

La mano di Doreen stava manipolando il mio cazzo e le mie palle con maggiore intensità, ora allargando liberamente il mio precum su ciascuno di essi. Avevo così tanto bisogno del rilascio. Ma la mia faccia deve aver riflesso la mia confusione.

“Tutto?” Ho chiesto.

“Tutto, Frank,” disse Doreen.

“Devi affidare a me tutta la tua attività sessuale, ora e per sempre!” ha detto Doreen.

Il mio cazzo le è saltato in mano.

“Oh, ti piace quell’idea, vero Frank?” domandò Doreen in risposta, spremendo il mio cazzo eretto.

“Tutti i tuoi pensieri sessuali saranno per me e solo per me”, ha continuato.

Il mio cazzo è scoppiato di nuovo. La sua mano rispose.

“Controllerò tutto il tuo sperma. Non verrai senza il mio esplicito permesso,” gli occhi di Doreen brillarono mentre sfruttava il suo vantaggio.

Il mio cazzo è saltato ancora una volta. La sua mano rispose in modo gentile.

“E poiché il tuo cazzo e le tue palle d’ora in poi saranno miei, così sarà il tuo cazzo. Lo tratterai con il rispetto che merita. D’ora in poi, ogni volta che verrai, lo mangerai tutto per me!” insistette Doreen, i suoi occhi grigioverdi incontrarono i miei.

Sorprendentemente, il mio cazzo sussultò di nuovo a quell’ultima richiesta. La mano di Doreen afferrò il mio cazzo e scivolò giù per spremere anche le mie palle.

“SEI OK PER RESTARE CON ME?” domandò Doreen mentre mi stringeva le palle sull’orlo del dolore.

“SI, SIGNORA DOREEN! Ho ceduto con gratitudine, impotente, disperatamente, felicemente.

“Bravo ragazzo. Sdraiati sulla schiena. Allarga braccia e gambe”, ordinò Doreen.

Ha spostato abilmente il suo letto sul pavimento e ha aspettato sul lato sinistro mentre mi sistemavo, come da istruzioni. Si chinò, indicando inavvertitamente i suoi bei seni e quella piccola chiave di ottone che significava così tanto per entrambi. Tirò fuori da sotto il letto, saldamente attaccata alla robusta struttura di legno, una spessa cinghia di pelle nera regolabile, con un polsino di pelle imbottito altrettanto spesso attaccato all’estremità. L’ha legato al mio polso sinistro assicurandosi una perfetta aderenza al mio polso (nessuna possibilità che scivolasse fuori da quel polsino!), ma lasciando il cinturino allentato.

Doreen lo ripeté con attenzione per le mie caviglie e il mio polso destro. Poi strinse metodicamente ogni cinghia finché non mi tenni saldamente contro il suo letto, braccia e gambe immobili, solo il mio bacino e la testa avevano una certa libertà. Mi ha spinto due dei suoi cuscini rivestiti di raso nero sotto le mie spalle in modo da avere una visione chiara di Doreen e di me, io, legato e indifeso nel suo letto.

Quando Doreen mi ha preso il polso destro, si è chinata e ha messo il suo bel viso a pochi centimetri dal mio.

“Sei pronto Frank? chiese scherzando.

“SI!” Sono seriamente d’accordo.

Doreen salì sul letto e si mise a cavalcioni sul mio petto. Con la sua mano destra si è allungata dietro di lei e ha iniziato a lavorare il mio cazzo lentamente, allargando il mio pre-sborra fino in fondo. Con la mano sinistra, iniziò a lavorare la figa, a pochi centimetri dalla mia faccia.

La sua figa si aprì facilmente, rivelando labbra bagnate, piene, arrabbiate, rosse e irregolari. Il mio viso era inondato dal suo calore e dal suo profumo.

Il mio cazzo era grosso e duro come sempre, anche in gioventù.

Sono stato completamente sopraffatto dalla potente sessualità di Doreen – e l’ho adorato!

Con un ghigno da predatore sul viso, Doreen si alzò dal mio petto, fece un passo indietro e per un attimo bilanciava la sua figa sopra il mio cazzo teso.

Poi si abbassò costantemente, inesorabilmente sul mio albero che perdeva. Ho spinto al limite delle mie restrizioni e ho sentito la sua figa contorcersi attorno al mio cazzo.

Semaforo. Benedizione. Shock. Felicità. Tutto quello che ho provato quando Doreen ha appoggiato saldamente il suo bacino sopra il mio, permettendo al suo peso di intrappolarmi nelle sue lenzuola di raso. Le sue pareti vaginali iniziarono a succhiare ritmicamente il mio albero.

Poi ha cominciato a sollevare lentamente la figa dal mio cazzo duro, massaggiandola fino in fondo con i muscoli della figa. Quando è sembrato con mio disperato sgomento che Doreen avrebbe completamente abbandonato il mio cazzo, ha invertito la direzione e ha sbattuto forte, le nostre ossa pelviche si scontravano.

“DIO MIO!” esclamai mentre il piacere drastico di questa collisione correva attraverso il mio corpo.

Gli occhi grigioverdi di Doreen incontrarono i miei. Il suo viso esprimeva la sua soddisfazione per la mia reazione.

Ha iniziato a colpi duri e pieni del mio cazzo con la sua figa. Ogni volta suscitando un’esclamazione di indescrivibile piacere dal suo servitore dal collare, legato e indifeso.

Ha aumentato la velocità delle sue spinte, facendomi corrispondere le mie spinte verso l’alto. I suoi succhi vaginali e il mio pre-sborra hanno lubrificato questa frenesia carnale.

Doreen si appoggiò allo schienale e iniziò a far rotolare le mie palle nella sua mano, senza mai interrompere il contatto visivo, ancora in completo controllo.

Questa sensazione in più mi ha quasi spinto oltre il limite.

Doreen, nel suo modo istintivo, sentendo il mio stato di urgenza mi ha ordinato: “Verrai SOLO quando lo dico io!”

Le sue parole ebbero – inaspettatamente per me – l’effetto sperato. Il mio corpo ha obbedito al comando di Doreen e ho sentito il mio orgasmo diminuire un po’.

Doreen godeva del controllo che aveva già su di me.

Continuava a colpirmi con forza e frequenza crescenti.

Entrambi i nostri corpi erano ora madidi di sudore. È volato dalle tette rimbalzanti di Doreen, è atterrato sul mio petto e sulla mia faccia. Ho rischiato di dare un’occhiata alla sua carne del seno danzante e ho sentito il mio orgasmo ricominciare.

Sempre in ascolto, Doreen mi avverte ancora: “Non è ancora FRANK!”

Ancora una volta, il mio corpo obbedisce al suo ordine e non ai miei impulsi.

Si sporse ulteriormente dietro di sé ed esplorò il mio buco del culo con il dito. I miei occhi si spalancarono. Doreen ha raccolto il sudore dal mio concavo anale e ha immerso il suo lungo dito medio ossuto nel mio intimo ano!

“SEI MIO ORA FRANK! CUM PER ME!” Doreen sibilò di trionfo nella sua voce combinata con lo sguardo di trionfo sul suo bel viso.

“SI SIGNORA!” Sussultai mentre il mio corpo obbediva felicemente, impotente, al suo comando.

Le enormi tette di Doreen rimbalzano al nostro ritmo sessuale, la sua chiave d’ottone e la catena d’oro che sferzano selvaggiamente; la sua vagina vorace che stringe il mio cazzo palpitante; il suo lungo dito si tuffa ripetutamente nel mio culo vergine, massaggiando la mia prostata volenterosa.

La sessualità selvaggia di Doreen mi ha sopraffatto con un piacere carnale e sottomesso. Ho pompato infiniti flussi di sperma nella sua figa stretta.

“OH DIO SSSSSS!” Ho pianto mentre un’onda dopo l’altra di pura estasi mi ha travolto.

Alla fine, completamente esausto, il mio minuscolo cazzo iniziò ad appassire all’interno del forno vaginale di Doreen.

Perplessa e in pieno controllo su entrambi, Doreen mi sorrise e scherzò: “È ora del dessert?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *