Mistress Doreen Ch. 04 – BDSM

di | 21 de Giugno, 2022

Capitolo quattro – Profonda devozione

Nota dell’autore: questa è la storia di una relazione maschile dominante/sottomessa tra persone mature. È finzione. Se ti piacciono queste storie, leggile, commenta e vota. Altrimenti, scegli un’altra storia più a tuo piacimento. Questo capitolo è il quarto di questa serie. Si prega di leggere i capitoli precedenti per il contesto. Ai gentili lettori dei capitoli precedenti, vorrei esprimere la mia più profonda gratitudine per i vostri voti, incoraggiamenti e commenti. Divertiti!

************************************************

Mentre entravo nel nostro vialetto, sapevo di essere fortunato. L’auto di mia moglie Jane non c’era. Ho parcheggiato rapidamente, ho chiuso la porta del garage, sono andato nella nostra camera da letto, mi sono tolto i miei vestiti da golf ora sudati, ho ispezionato rapidamente il mio corpo alla ricerca di segni di storie (no!) e sono andato sotto la doccia.

A metà della mia doccia, Jane è entrata nel nostro bagno e mi ha salutato attraverso il vapore e la condensa. Anche con la mia vista ridotta attraverso l’acqua che si infrange, sono rimasto colpito da quanto fosse adorabile mia moglie di 67 anni. Un viso pieno, rotondo e bello, capelli biondi che le scendono a cascata sul collo, occhi verdi e una figura piena di 5’7″ in qualche modo oscurata dai chili di troppo che ha lentamente aggiunto nel corso degli anni.

Anche durante i periodi di disfunzione sessuale nel nostro matrimonio, ho sempre trovato Jane incredibilmente sexy e attraente. Prima di oggi, ho lasciato vagare la mia mente verso tempi sessuali più vecchi e più felici e ho iniziato a sentire un piacevole formicolio nel mio cazzo e nelle mie palle.

Ma oggi era diverso. Come spunto, quando la mia mente è passata al sesso, ho pensato a Doreen! I miei genitali formicolavano, ma con le immagini di me inginocchiato davanti a Doreen, che accettava il suo piede punitivo; baciare, leccare e succhiare le dita dei piedi; sentire il dolore della sua frusta sulla mia schiena nuda; succhiandole le tette mentre la mia mano le spingeva follemente nella figa; fissando i suoi occhi verdi grigiastri mentre abbassava la sua figa piena di sperma fino alla mia bocca desiderosa e in attesa!

Quando ho forzato la fine di questa fantasticheria sessuale, ero piuttosto duro. Abbasso rapidamente la temperatura dell’acqua e mi costringo a pensare a bilanciare il nostro libretto degli assegni. Fortunatamente ha funzionato e il mio piccolo cazzo si è calmato così ho potuto uscire in sicurezza dalla doccia, asciugarmi e vestirmi.

In più di quattro decenni di matrimonio, Jane è diventata ed è rimasta la mia migliore amica. Intelligente, veloce, divertente, bello, mi sono goduto il nostro tempo insieme. Avevamo una figlia, due nipoti, una casa confortevole e una vita confortevole. Eravamo affettuosi in modo non fisico, premurosi e affettuosi l’uno verso l’altro. Eravamo e siamo innamorati da oltre quarant’anni.

Da quando mi sono ritirato dalla pratica medica sei mesi fa, avevo notato che Jane sembrava meno rilassata, più critica nei miei confronti. Quando lavorava, trascorreva quasi 60 ore a settimana in ospedale. Jane, un’insegnante in pensione, era stata a casa “da sola” per anni. Sembrava naturale che ci fosse un periodo di adattamento.

I giorni seguenti furono diversi. Avevo deciso di lasciare che il problema di Doreen si sfogasse un po’, di permettermi di decomprimermi e pensarci, lontano dalla sua presenza dominante. Nonostante questa determinazione, mi sono ritrovata a pensare a Doreen troppo spesso, troppo, costantemente, anzi. Come era. Come sapeva. Cosa ha detto. Quello che avevamo fatto.

Ero distratto in un modo che aveva irritato Jane in passato. Ma ora sembrava non accorgersi, preoccuparsi, non criticare. Non fraintendermi, te ne sono stato grato. Ho concluso che si stava adattando al fatto che ero sempre sotto i miei piedi.

La mancata risposta di Jane e la nostra routine ormai consolidata mi hanno dato tregua per valutare la mia situazione. Cosa volevo? Facile – Volevo tutte le grandi cose dal mio matrimonio con Jane con un’intensità sessuale travolgente e una servitù profondamente soddisfacente nei confronti di Doreen.

Facile? Diritto! Non arrivare. “Hai mai dovuto prendere una decisione? Prendere uno e lasciare l’altro dietro? (Per gentile concessione di “The Lovin’ Spoonful”)

Sapevo che avere una relazione a lungo termine con queste due donne straordinarie e meritevoli era ben oltre le mie capacità. Inoltre, sapevo che non mi avrebbero “condiviso”. Sapevo che se avessi continuato a vedere Doreen, alla fine Jane l’avrebbe scoperto. Le farei del male – di nuovo. Probabilmente mi mancherebbe lei, il nostro matrimonio e la nostra famiglia.

Alcuni mi chiamerebbero maschio alfa: medico in pensione, ufficiale dell’esercito in pensione. Ogni giorno prendevo dozzine di importanti decisioni di vita e mi sentivo a mio agio nel farlo. Il fatto è che mi sento a disagio con l’indecisione. Sono stati due giorni molto scomodi.

Alla fine ho deciso e ho inviato un’e-mail a Doreen:

Cara signora Doreen,

Ti prego di concedermi il grande piacere e privilegio di servirti di nuovo.

Sei irresistibile. Chiedo umilmente l’opportunità di sottomettermi a te in qualsiasi modo

Desideri.

Per favore fatemi sapere se acconsentirete alla mia richiesta.

La tua schietta e devota sottomessa

Aspettavo disperatamente la risposta di Doreen. Volevo davvero che dicesse “sì”, ma ho pensato che un “no” potesse essere più facile e più saggio conviverci a lungo termine.

I giorni sono passati senza una risposta. Controllavo costantemente le mie e-mail. Jane sembrava soddisfatta e ignara della mia agitazione.

Poi, il terzo giorno, Doreen ha risposto:

Altre storie erotiche  The Photo Shop Ch. 19 - BDSM

caro franco,

puoi servirMi domani.

arriverai alle 11 e mi chiamerai dal parcheggio.

servirai il MIO piacere oscuro ed erotico – NON il tuo.

lascerai la mia casa alle 16:00

tua signora Doreen

PS Portare il cioccolato fondente.

Bene, eccolo lì. La mia scelta da fare.

La mia risposta diceva:

mia cara signora Doreen,

Grazie!

ti obbedirò.

La tua schietta e devota sottomessa

Sono andato nel panico. Come potevo essere stato così a lungo lontano da casa – anche una lenta partita di golf non richiede molto tempo, e Jane lo sapeva. È domani!

Forse dovrei semplicemente inviare un’e-mail a Doreen e provare a scambiare meno tempo in un giorno diverso. Poi ho pensato al luccichio feroce nei suoi occhi e all’acciaio nella sua voce quando l’avevo delusa al nostro primo appuntamento. Tuttavia, in seguito aveva mostrato tanta tenerezza e cura per me. Tuttavia, gli avevo già detto che avrei obbedito. Il pensiero di deludere Doreen mi causò angoscia e risolse la questione. Ho dovuto cercare di trovare un modo per eseguire le chiare istruzioni di Doreen senza destare i sospetti di mia moglie.

Mi sono lanciato per diverse ore invano. Il destino è intervenuto quando Jane ha portato la posta. Le solite bollette per me e le riviste di viaggio per lei. Ancora un’altra lettera del Dipartimento della sicurezza sociale della Florida, Dipartimento delle disabilità.

L’ho aperto e ho trovato almeno una salvezza temporanea.

Era una pubblicità per i medici per valutare i file di richiesta di invalidità. Mi addestrerebbero. Era a tempo parziale. Potrei impostare le mie ore. Lo stipendio era buono. Nessun contatto con il paziente. Deve essere fatto presso l’ufficio centrale.

L’ho mostrato a Jane e lei ha dato all’idea almeno un supporto provvisorio.

Ho chiamato e fissato un appuntamento domani alle 8:00, sperando di arrivare a Doreen in tempo per il nostro appuntamento delle 11:00. Dovrei mentire a Jane sulla durata dell’intervista. Non mi è piaciuto fare quell’ultima parte, ma non vedevo nessun altro modo per stare con Doreen.

Sono caduto nella mia solita routine per il resto della giornata.

Sveglia presto (che è tipico per me, Jane preferiva dormire), mi sono fatta la doccia, mi sono rasata e mi sono vestita con il mio miglior abbigliamento casual.

Il colloquio è andato bene e sono dovuto tornare il giorno successivo per ottenere il nulla osta di sicurezza, firmare i documenti e iniziare la formazione. Il lavoro era come descritto. Era come se lo fossi sono caduto nel travestimento perfetto per uscire di casa ogni volta che volevo.

Con questi pensieri felici e un senso di sollievo, ho viaggiato ancora una volta lungo le lussureggianti strade secondarie della Florida centrale fino a Doreen.

Sapevo allora che se avessi mantenuto questo incontro con Doreen non avrei mai potuto resisterle. Sapevo anche che se avessi continuato questo incontro con Doreen, Jane l’avrebbe inevitabilmente scoperto. Sapevo che questa era la mia ultima possibilità di scappare.

Sono entrato nel parcheggio e ho chiamato Doreen prontamente alle 11:00.

“Ciao Doreen? Sono Frank. Sono nel parcheggio. Sono qui per te.”

“Appena in tempo. Bravo ragazzo. Vieni da me!” Doreen ha dato istruzioni e ha interrotto bruscamente la nostra chiamata.

Raccolsi la busta blu contenente il cioccolato fondente di Doreen e andai a casa sua.

La sua macchina era sparita – e presumibilmente suo marito Bob – e io salii i pochi gradini della porta scorrevole a vetri di Doreen.

Doreen ha tirato le persiane verticali, ha aperto la porta e mi ha fatto entrare.

“Mi hai obbedito, Frank?” mi ha chiesto quando ho varcato la sua porta.

Mi ci è voluto un momento per rendermi conto che stava parlando del suo controllo dei miei pensieri sessuali e dei miei orgasmi, così come del regalo che le stavo facendo.

“Sì, completamente”, confermai rapidamente.

“Bravo ragazzo,” disse soddisfatta.

«Chiudi la porta, bloccala e tira le tende, Frank» ordinò Doreen.

Ho fatto come aveva ordinato, poi ho ricontrollato il costume di Doreen.

Strinsi il top/gilet di pelle nera che conteneva a malapena i suoi capezzoli ed esponeva acri di deliziosa cincia ai miei occhi affamati. La sua chiave penzolava in modo seducente dalla sua sottile catena d’oro alla sua profonda scollatura. Un perizoma di pelle nera abbinato le copriva la figa. Indossava tacchi alti, incredibilmente alti, neri e magri, portando i suoi seni incredibili fino al mio livello degli occhi.

Bevendo un lungo e sensuale sorso d’acqua da una grande bottiglia di plastica, Doreen prese la busta di cioccolatini fondenti assortiti e mi guardò direttamente negli occhi, aspettandosi che un cipiglio iniziasse ad attraversare il suo bel viso. Poi guardò il pavimento e tornò nei miei occhi.

Ho capito! Cadendo in ginocchio e baciandole i piedi nelle sue scarpe eleganti, ho borbottato delle scuse.

“Pagherai per aver dimenticato il tuo posto, Frank”, intonò seriamente Doreen.

“Sai di cosa ho bisogno – andiamo!” lei chiese.

L’ho fatto – mi sono spogliato goffamente sul pavimento ai piedi di Doreen; strisciando tra i miei vestiti e le mie scarpe fino alla sua scatola di legno decorata; posizionandoli con cura all’interno, chiudendo il coperchio, posizionando uno dei due piccoli chiavistelli di ottone abbinati sopra il pesante chiavistello, bloccandolo.

Su uno sgabello accanto alla scatola di Doreen c’erano due grandi colletti di pelle trapuntata, uno decorato con “Doreen’s Slut” su borchie di metallo argentato. Ho scelto questo colletto e l’adiacente guinzaglio a frusta intrecciato. Con questi e altri piccoli lucchetti di ottone, sono scivolato umilmente verso Doreen.

Altre storie erotiche  Letter From St. Paul - BDSM

In ginocchio, ho guardato quel viso ora severo e bello e ho implorato: “Per favore, fermatemi, fermatemi e legatemi, signorina Doreen”.

Ha riso di me per la sua taglia alta appollaiata sui suoi tacchi alti neri e sottili e ha detto: “Sai che dovresti usare ‘Signora’ solo quando sei al guinzaglio! Pagherai anche per quel vuoto di memoria mia piccola femmina cane!”

Doreen si chinò in vita, i suoi grandi seni a malapena confinati nel suo top di pelle, mi mise il colletto intorno al collo, lo chiuse a chiave e si attaccò al guinzaglio.

Si alzò in tutta la sua altezza, afferrò la sua acqua e, senza dire altro, attraversò la cucina, tirandomi con impazienza il guinzaglio. Lottai per seguirlo, sbattendo le ginocchia sul suo pavimento piastrellato mentre i suoi talloni scricchiolavano minacciosamente.

Quando siamo arrivati ​​nella sua camera familiare, era impossibile non notare l’ampia varietà di “giocattoli” disposti sul suo tavolino da caffè. In seguito avrei appreso che Doreen – e Bob – avevano accumulato un’incredibile varietà di tali giocattoli nel corso degli anni. Diventerei un ‘beneficiario’ della tua collezione.

Anche dalla mia posizione sul suo pavimento, spiccava un “giocattolo”. Al centro del tavolo c’era un remo di legno – robusto manico laccato rivestito, entrambi i lati della “fine attività” ricoperti di pelle, un lato decorato con lettere maiuscole in legno “DOREEN”!

Doreen ha notato la mia reazione imbarazzata a questo strumento di punizione se aveva intenzione di usarlo fin dall’inizio, o è stato solo il mio destino che Doreen abbia scelto casualmente di iniziare il nostro appuntamento. Chinandosi in avanti, offrendomi ancora una volta una vista incredibile dei suoi seni deliziosi, Doreen afferrò la pagaia dal tavolo, mi tirò il guinzaglio e disse: “Alzati”.

Ovviamente ho subito obbedito.

Guardando il mio cazzo ora duro, che stava già perdendo prima dello sperma, Doreen sorrise e rise: “Ti stai divertendo, Frank?”

Ero. Tutto quello. La mia umiliazione. La mia aspettativa. La mia paura. La mia eccitazione in presenza di Doreen.

“È bellissimo, vero?” chiese Doreen mentre presentava il suo remo alle mie labbra in attesa.

Senza incoraggiamento o esitazione, baciai delicatamente e rispettosamente la sua pagaia e supplicai: “Per favore, rema, padrona Doreen.

“Sono davvero la mia piccola troia del dolore”, ha risposto sarcasticamente. “Spero che il tuo piccolo diventi duro durante la tua punizione. Come stimolante, ti permetterò di guardare mentre raccolgo il tuo culo nero, blu e rosso! si è emozionata.

“Appoggiati al mio divano, Frank”, ordinò.

Appoggiato al suo divano di pelle, gli ho messo le mani sulla schiena e ho guardato il grande specchio appeso al muro proprio dietro di lui. Ho visto Doreen in tutta la sua imponente bellezza che mi fissava negli occhi attraverso lo specchio mentre iniziava a rilassarsi.

Senza ulteriori indugi, Doreen mise entrambe le mani sulla pagaia, allargò le gambe e mi schiacciò il culo esposto.

PAOLO!

C’erano due dolori: il primo per l’impatto del legno pesante, il secondo per una foratura nella superficie della pelle. Si sono combinati per togliermi il fiato con un udibile “OOF!”

PAOLO! PAOLO! PAOLO! PAOLO!

In rapida successione, Doreen ha fatto vesciche al mio culo ora dolorante altre quattro volte. Attutii le grida del mio dolore in gemiti attutiti, determinata a dimostrare il mio valore servendo Doreen. Non voleva codardi e io lo sapevo!

Con mia sorpresa, il mio cazzo è rimasto duro e gocciolante durante questa prova. Forse non così sorprendentemente come ho avuto una visione chiara di Doreen che lavora attraverso lo specchio. Il piacere concentrato era inciso sul suo bel viso. I suoi splendidi seni sgorgavano ad ogni colpo di pagaia.

Pensavo avessimo finito, ma no, Doreen si stava solo prendendo una piccola pausa per ammirare e apprezzare il suo lavoro. Bevve un altro lungo sorso d’acqua dalla sua bottiglia.

Proprio mentre l’intensità del mio dolore stava iniziando a svanire e senza preludio, Doreen ha ricominciato a martellarmi il culo con la sua pagaia viziosa.

PAOLO! PAOLO! PAOLO! PAOLO! PAOLO!

Altri cinque colpi sono atterrati sul mio culo livido. Il dolore aumentava ad ogni colpo. Sono stato in grado di continuare a convertire le mie grida di dolore in bassi gemiti. Potrei fare a meno di chiedere pietà. Ma non riuscivo a controllare le lacrime. Anche se subito dopo ha ripreso a sculacciarmi, alla fine del suo decimo colpo mi stavano correndo sul viso.

Doreen si riposò di nuovo dal suo lavoro, con un’aria serena e contenta. Ho avuto un momento per provare la sensazione di un intenso dolore unito a un’incredibile eccitazione sessuale, come evidenziato dal mio cazzo ancora duro e gocciolante – due sensazioni indissolubilmente legate alla splendida donna che riempiva lo specchio.

Ho sentito un panico crescente quando ho capito che questa tortura del piacere poteva andare avanti per sempre – Doreen e io non avevamo una “parola sicura” come avevo letto in altre relazioni dominanti/sottomesse e Doreen non aveva una “parola sicura” non dava alcuna indicazione di quanto tempo intendeva remare. il mio culo vulnerabile.

PAOLO! PAOLO!

Le mie fantasticherie furono bruscamente interrotte da altri due colpi di pagaia di Doreen. Il dolore divampò di nuovo e sembrò diffondersi in tutto il mio corpo. Continuavo a gemere e piangere e schivare il mio cazzo duro.

«Una dozzina. Per ora basta», disse Doreen con nonchalance.

“Per un certo tempo!” La mia mente vacillava per l’implicazione.

Altre storie erotiche  My Public Humiliation - BDSM

Doreen posò la pagaia sul tavolo e iniziò lentamente, massaggiandomi delicatamente le natiche piene di vesciche. Il suo tocco faceva male anche quando era confortante. Si appoggiò alla mia schiena, i suoi seni ricoperti di pelle mi strofinarono delicatamente. La sua mano sinistra raggiunse il mio capezzolo sinistro e iniziò a preoccuparla con crescente intensità – di nuovo dolore ed eccitazione. Fece scivolare la mano destra intorno alla mia vita per afferrare il mio cazzo che perdeva.

Diffondendo il mio pre-sborra lungo la sua lunghezza e nelle mie palle doloranti, ha commentato: “Sei davvero la mia troia del dolore, vero Frank?”

“Sì signora,” gemetti attraverso il dolore e le lacrime. “Grazie signora” aggiunsi.

Alzandosi e facendo un passo indietro, Doreen si tolse il top di pelle, liberando i suoi enormi seni, mostrando un sottile strato di sudore.

“Allontami le scarpe, Frank,” disse.

Mi voltai, mi inginocchiai davanti a lei e slegai le cinghie dei suoi alti tacchi neri. Dondolandosi con le mani sulle mie spalle, alzò a turno ogni piede mentre toglievo amorevolmente ogni scarpa.

“Rendimi nuda”, ha poi diretto.

Mi inginocchiai e tirai delicatamente il perizoma di pelle di Doreen dai suoi fianchi, lungo le sue lunghe gambe e lungo ogni piede.

“Ora adora il tuo carnefice”, lo elogiava.

In ginocchio, il mio viso era ora uniformato dalla figa succosa di Doreen: le sue labbra rosa e gonfie, bagnate di sudore e il suo nettare pungente. Spinsi il viso con gratitudine nelle sue pieghe calde. Leccandosi vigorosamente l’intera fessura, sussultò e mi afferrò la testa con entrambe le mani spingendomi forte contro il suo bacino che spingeva.

Se avessi dei dubbi sul fatto che a Doreen piacesse punirmi, la sua figa surriscaldata e gocciolante li stava finendo. Mi ha scopato la faccia mentre mi inginocchiavo davanti a lei, spingendo la mia lingua rigida in ogni fessura, piega e piega disponibile.

Doreen si chinò su di me e gridò: “Il mio clitoride ORA, cagna!”

Ho mosso le labbra e la lingua sulla sua tazza umida e ho cominciato a rosicchiare il suo sodo germoglio rosa di carne sensibile.

“Sì!” pianse mentre le sensazioni colpivano a casa. “SÌ!” pianse mentre attaccavo il suo clitoride con abbandono.

Diventando rigida, Doreen premette la mia faccia nella sua figa spruzzandomi mentre veniva, bagnandomi e lasciandomi a sputare disperatamente in cerca d’aria. Per lunghi momenti siamo rimasti intrappolati nel suo abbraccio orgasmico. Poi si è rilassata un po’, ha sorriso alla mia faccia sciatta con i suoi succhi e ha detto: “Buon inizio! Continuiamo a frequentarci!”

Fuori?

Ero confuso. Eravamo entrambi nudi tranne che per la mia collana “cagna”.

Fuori?

Doreen si voltò, presentando il suo bel culo sodo al mio sguardo ammirato, e salì i pochi gradini fino alla porta sul retro, trascinandomi al guinzaglio e al guinzaglio.

Aprendo la porta e indicando una pila di asciugamani sul pavimento, Doreen disse: “Portali”.

Ho lottato per infilarmi gli asciugamani sopra le mani e le ginocchia mentre cercavo di varcare la porta senza inciampare su Doreen. All’esterno c’era un piccolo ponte di legno, inondato di luce solare, completamente circondato da alti cespugli che fornivano una completa privacy visiva. Il ponte era coperto da uno spesso materasso!

Doreen mi guardò, si portò il dito sulle labbra rosse e sussurrò: «Silenzio.

Mi fece cenno di stendere gli asciugamani sul materasso.

L’ho fatto.

Poi si è abbassata dolcemente e mi ha fatto cenno di raggiungerla.

L’ho fatto.

Doreen tirò forte il guinzaglio finché non fui con lei, poi attaccò la mia bocca con la sua. Le sue labbra rosse e lussureggianti si aprirono per rilasciare la sua lingua sonda. Ha attaccato la mia bocca mentre spingeva saldamente il ginocchio nel mio inguine, intrappolando il mio cazzo e i miei testicoli contro il mio bacino.

Staccando la bocca dalla mia e guardando in profondità nei miei occhi ancora acquosi, Doreen disse piano: “Allattami!” mentre portava il seno destro alla mia bocca in attesa.

Gli baciai il petto con riverenza, assaporando la levigatezza salata della sua pelle. Feci scorrere la lingua sull’abbronzatura ruvida della sua grande areola. Ho succhiato delicatamente il suo capezzolo duro. Catturandolo tra i miei denti coperti dalle labbra, la mia lingua giocò con la sua lunghezza gommosa.

Doreen si è rilassata sul materasso, tirandomi con sé, abbracciandomi con il braccio destro. Mi accarezzò la schiena con calma e ritmo.

“Sei proprio un bravo ragazzo, Frank,” mi sussurrò Doreen all’orecchio.

Sono stato commosso dalla sua lode.

“Alcuni dei miei ragazzi scappano quando inizia la mia punizione. Alcuni non tornano mai più. Ma eri duro, eccitato per tutto il tempo delle sculacciate. Ti è piaciuta la mia punizione, vero, Frank”, ha detto Doreen.

“Sì,” mormorai attraverso un morso della sua gloriosa cincia.

“Vuoi che ti punisca di più, vero, Frank,” insistette, spingendo il mio viso più in profondità nel suo petto morbido e caldo.

Mi fa ancora male il culo. Il dolore delle mie percosse era ancora vivo, ma lo era anche l’eccitazione. Le mie lacrime erano appena asciutte sul mio viso. Una parte del mio cervello ha urlato “NO!”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *