Mistress Jenn’s Handywork – BDSM

di | 28 de Giugno, 2022

Ero sdraiato nel mio giardino, era venerdì sera e non vedevo l’ora che arrivasse. Chi è lei, mi chiedi? È fantastica, ecco cos’è, ma per quanto riguarda chi è… beh, ok, esco e lo dico. Sono un pervertito, mi piace ogni tipo di attività sessuale depravata, eccentrica, ma ovviamente legale. Mi piace molto il BDSM e sono abbastanza sottomesso alle belle ragazze. Ok, sto scherzando qui sottometterò praticamente a qualsiasi donna dominante giovane, vecchia, grassa, magra, sexy, brutta anche se ha un cazzo, la amerò ma questa è un’altra storia per un’altra volta. Questa storia parla di Jenn e lei non ha un cazzo. L’ho incontrata su un sito di incontri BDSM qualche mese fa. Ho trovato il suo profilo una sera mentre navigavo sul sito e abbiamo iniziato a chattare. Si scopre che viveva molto vicino a me e condividevamo molti interessi comuni. È molto dominante e cercava ragazzi del posto con cui giocare. Come me, le piace scherzare ogni tanto e non cercava niente di serio.

Tutto questo ed è anche molto attraente… 21 anni, 5’7″, 65 kg, lunghi capelli lisci castano chiaro, occhi verdi, figura incredibile, 2 piccoli tatuaggi, la scritta della sua sorellanza sulla caviglia e sto rompendo la rana su di lei Quindi ha un piercing alla lingua, al labbro e al capezzolo e una vita di 6 1/2 piedi incredibilmente sexy Sono piccoli, morbidi e soffici con dita corte sexy Sì, sono assolutamente un uomo con i piedi. Si prende così cura dei suoi piedi con pedicure settimanali e adora indossare tacchi alti e altre scarpe alla moda.

È così che è andato il nostro primo appuntamento, in realtà. Stavamo chattando online e al telefono per alcune settimane quando un giorno mi ha scritto un messaggio e mi ha chiesto se volevo incontrarci in un centro commerciale locale per un pranzo veloce. Le ho risposto “Solo pranzo? lol” a cui lei ha risposto “SÌ! Domani ho un esame e devo studiare”. Ebbene, quel pranzo veloce si è trasformato in un pranzo di 2 ore in cui abbiamo parlato per lo più che si è trasformato in una corsa allo shopping per lei e come fossi così gentile e generoso nel pagare il pranzo e circa $ 600 di scarpe, ha deciso di smettere di studiare. .STUDIO ha saltato STUDIO, togli la mente dalla grondaia. Oh aspetta. Se la tua mente non fosse nella fogna, non leggeresti questa storia.

Ad ogni modo, siamo tornati nel suo appartamento, dove ha iniziato a modellarmi delle scarpe nuove, poi mi ha concesso il privilegio di adorare i suoi piedi mentre sedeva alla sua scrivania e redigeva una tesi. Quindi è stata la scorsa settimana e abbiamo parlato molto da allora e quando l’ho invitata a suonare nella mia prigione/sala giochi appena completata, ha detto “certo come venerdì sera intorno alle 20:00”.

Quindi ora siete tutti occupati e io mi sto rilassando su una sdraio vicino alla mia piscina aspettando l’arrivo di Jenn. Mi ha ordinato di non giocare con me tutta la settimana e io ho obbedito come uno schiavo obbediente. Ho avuto un’erezione furiosa cercando di spingerlo fuori dai miei jeans. Ho visto la sua macchina entrare nel garage ed è scesa. Avevo ripetuto la scena nella mia testa diverse volte da lunedì, chiedendomi cosa avrebbe indossato quando sarebbe arrivata. Non mi aspettavo una maglietta tie-dye dei Grateful Dead, pantaloni della tuta grigi e quelle scarpe Croc di gomma e plastica. Jenn si è avvicinata e mi ha abbracciato, ho notato che non aveva una borsa o altro. Penso che potesse sentire la delusione sul mio viso.

“Oh Davey. Lo sai bene quanto me che anche se vestito come sono ora, ti possiedo ancora.”

Si chinò verso di me e mi sussurrò all’orecchio. “Sarai il mio giocattolo per la notte… vero?” Mettiti in ginocchio e baciami le scarpe.

Caddi in ginocchio e mormorai “Sì, signora”. Quando ho iniziato a piantare baci bagnati sulle tue zanne. Me lo ha lasciato fare per qualche secondo.

“Alzati, sembri ridicolo, cosa penseranno i tuoi vicini? Diamo un’occhiata alla tua nuova stanza dei giochi.”

Siamo andati al garage indipendente per due auto ed siamo entrati attraverso una porta laterale. Avevo convertito l’appartamento con una camera da letto sopra il mio garage nella mia immaginaria stanza dei giochi. Mentre salivamo le scale fino al secondo piano, ogni sorta di pensieri mi attraversava la mente. Siamo entrati e Jenn ha notato la grande TV a schermo piatto montata sul muro dove guardo il porno. Gli ho fatto fare un rapido giro della cucina, del soggiorno/teatro porno, del bagno e, naturalmente, della camera da letto che ora era una prigione completamente attrezzata.

“Va bene… penso che mi piacerà portarti qui. Ora togliti i vestiti.”

“Sì signora.”

Mi ha schiaffeggiato in faccia. “Attento a quello che dici ragazzo. Sono la signorina Jenn per te e nient’altro.

“Sì, signora Jenn.”

“Buon schiavo. Adesso togliti i vestiti. Non farmi dire questo una terza volta. Non ti piaceranno le conseguenze.”

“Sì, signora Jenn.”

Mi sono rapidamente spogliata e ho iniziato ad accettare che la signora Jenn avrebbe probabilmente indossato il suo vestito “casual” per la sessione di gioco di stasera. Mi fece inginocchiare e mi legò un collare di pelle intorno al collo. Mi ha spinto a terra in modo che fossi sdraiato sulla schiena, poi mi ha ammanettato i polsi e le caviglie. Poi ha legato una barra di lancia alle mie caviglie e l’ha attaccata a una catena attaccata a un gancio nel terreno. Alla fine ha incatenato i miei polsi e ha agganciato la catena a un altro gancio nel terreno in modo che fossero estesi sopra la mia testa. Il pavimento di legno duro era molto freddo sulla mia schiena, il mio sedere e la parte posteriore delle mie cosce e mi ha fatto venire la pelle d’oca. Ero troppo vulnerabile a qualunque cosa avesse in serbo per me stasera. Jenn mi ha bendato e io sono sprofondato nell’oscurità totale.

“Ti stai ancora divertendo?” lei chiese.

“Oh sì, signora Jenn.”

Dato che non potevo vedere, non ho notato che mi metteva le cuffie nelle orecchie. La musica classica soft iniziò a suonare e gradualmente divenne più forte. Potevo sentire l’odore di qualcosa che mi entrava in bocca e mi copriva il naso che sapeva di stoffa e a causa dei meravigliosi profumi pensavo fossero le sue mutandine. La musica si fermò e iniziò a suonare un ritmo di musica da club. Poi ho sentito la voce di Jenn nelle cuffie.

“Ciao Davey… sei in una situazione difficile in questo momento, vero?” , sono miei. mutandine in bocca. Li ho indossati tutto il giorno e mi sono masturbato con loro due volte. Divertiti. Ho cose da fare. Io tornerò presto. di tempo in questo momento. Da quanto tempo pensi di essere cieco e sordo? Quattro minuti? Cinque minuti ? NO ! Un minuto e quindici secondi infatti. Sono in piedi di fronte a te? Hai lasciato la stanza? Vedrai a tempo debito ovviamente. Il tuo errore mi ha parlato del tuo amore per l’attesa. Come eri così eccitato quando sei andato in quel dungeon in città. Come l’attesa ti stava uccidendo mentre aspettavi che tutti i Domme venissero a trovarti in quella saletta d’attesa… …uno dopo l’altro entrarono. Tutti si presentano e dicono cosa gli piace fare a ragazzi come te e poi se ne vanno. Proprio così. Uno per uno. Poi dovevi decidere chi volevi servire. È stata una scelta così difficile, vero? Quindi hai dovuto aspettare in quella fredda prigione finché non è venuta a usarti. Sembrava un’eternità, vero? Ma hai amato ogni minuto. Tre minuti… Ho lasciato solo tre minuti. Scommetto che pensavi fosse più vicino alle dieci. Tornerò presto… per ora, goditi la mia band death metal preferita”.

La musica è diventata troppo alta e si è trasformata in urla. Era questo un presagio di ciò che doveva venire? Dato che ero ammanettata, cieca e sorda con un paio di mutandine in bocca e sul naso, non avevo idea che Jenn fosse andata alla sua macchina ed era tornata con una grande valigia. Non riuscivo a sentirlo partire o tornare o le ruote della valigia che rotolavano sul pavimento della prigione. Jenn è entrata in bagno e ha iniziato a fare una lunga doccia calda che includeva la rasatura delle gambe e dei glutei e l’obbligatoria autogratificazione dell’orgasmo urlante. Ma sfortunatamente, Ero nella mia situazione e non ne sapevo nulla. La canzone death metal finì e ne iniziò un’altra, poi un’altra e un’altra ancora. Poi la musica del club è ricominciata e la voce rassicurante e sexy di Jenn mi ha preso in giro di nuovo, dicendomi che era quasi ora. A questo punto erano passati quasi quarantacinque minuti, ma sembrava una vita. Jenn si era fatta la doccia, si era asciugata, si era sistemata i capelli, si era truccata e si era vestita in modo più appropriato per il divertimento di stasera.

Adesso era semplicemente seduta su un divano di pelle nera e mi guardava. Ovviamente non lo sapevo all’epoca, ma dato che questa è una rivisitazione della storia in un secondo momento, lo so ora, capisci? A quel punto la musica/il discorso era finito e potevo sentirla vicina. Ho sentito le sue labbra sulla mia guancia mentre mi baciava dolcemente. Quindi le cuffie sono state rimosse, quindi l’archetto è stato rimosso. Alzai lo sguardo mentre i miei occhi si abituavano alla luce fioca e la mia mascella si abbassava e un enorme sorriso apparve sul mio viso.

“Mi ami adesso, Davey?”

“Oh sì, signora Jenn… sei bellissima.

Ora indossava un top in pelle nera rivelatore, una minigonna aderente in pelle nera, calze a rete nere e tacchi alti e plateau neri con cinturini aperti.

Era una vera bellezza dominante in ciò che questo umile schiavo pensa che tutte le Domme dovrebbero indossare. Ma allora chi diavolo sono? Solo uno schiavo… solo uno schiavo, nessuno di speciale. Già abbastanza divagazioni… concentrati, e ora torniamo alla nostra storia sexy. Quando abbiamo lasciato il nostro eroe per l’ultima volta, era appena stato reintrodotto alla sua Padrona…

(Nota dell’autore, ADD fa schifo anche a lasciarti andare su strane tangenti mentre scrivi, ma come ho cercato di fare per trenta secondi.

Jenn è stata fantastica, lo era davvero. Mi ha calpestato con un piede a tacco alto su entrambi i lati della mia testa. Ora, anche se amo una donna con i tacchi alti, è stato molto sconvolgente vederla in piedi sopra di me perché ora potevo guardare la sua gonna incredibilmente corta e voilà… niente mutandine (ricordate che è sulla mia bocca). Mi accarezzò il lato della guancia con la suola di una delle sue scarpe e io mi voltai per baciarla mentre le sue mutandine cadevano a terra. Avevo piantato diversi baci sui cinturini di pelle quando lei l’ha tolto rapidamente.

“Ho detto baciami la scarpa?”

“N…n…no, Miss Jenn, non l’ha fatto.” ho balbettato

Wack wack wack. Mi ha colpito alla coscia 3 volte velocemente con una frusta. il mio senso di colpa, ovviamente, lo meritavo e vergogna su di me per non aver realizzato cosa stesse trattenendo.

Wack Wack Wack Wack Wack… più 5 schiaffi in rapida successione.

“Il mio animale domestico dovrebbe guardare oltre la mia gonna.

Chiusi gli occhi in fretta e mi preparai per di più. ma invece la signora Jenn si sedette sul divano di pelle a pochi passi dalla mia testa.

“Facciamo un piccolo gioco. Farai qualcosa per me, quindi farò qualcosa per te… ti interessa?”

Sembrava divertente e non potevo rifiutare l’invito.

“Sì, signora Jenn, mi piacerebbe fare un gioco con lei.”

“Bravo ragazzo.”

Ha allungato il piede sinistro verso di me. Il tacco a spillo da sei pollici mi sfiorò le labbra, ma non feci nulla. Non mi faccio ingannare, imparo dai miei dolorosi errori.

“Succhia il tallone.”

“Sì, signora Jenn.”

Chiusi le labbra attorno all’asta magra e me lo risucchiai in bocca. Andavo su e giù come meglio potevo. Anche la padrona Jenn ha seguito un ritmo su e giù. Poi ha tirato il tallone e ha messo la suola sulle mie labbra.

“Leccata.”

Ho fatto scorrere la lingua su e giù per la suola in pelle liscia, poi mi sono spostato di lato e ho leccato ogni centimetro della piattaforma di due pollici. Quelle scarpe erano così sexy. Ho notato attraverso i suoi calzini che le sue unghie erano ricoperte di smalto nero freddo, sembravano molto calde. Ma ho pensato tra me e me che con un po’ di fortuna, a tempo debito, mi sarebbero piaciuti anche loro. Ho perso la cognizione del tempo, ma ho passato molto tempo ad apprezzare le tue scarpe, prima la sinistra, poi la destra. Ripetere i passaggi il più fedelmente possibile. Mentre ero impegnato a giocare con la seconda scarpa, non mi sono accorto della signora. Jenn si era tolta la prima scarpa. Tirò fuori l’altro e spinse il calzino verso il mio viso.

“Annusalo. Annusalo e basta. Inspira la potente fragranza della tua Dea.”

Ho obbedito e ho inalato il sexy profumo sudato. Si tolse l’altra scarpa e mi mise entrambi i piedi in faccia e me li fece annusare. Era pura tortura. La mia libido stava impazzendo e c’era un paio di piedi perfetti sulla mia faccia che non potevo davvero apprezzare per paura di essere punito. La signora Jenn spinse via i piedi e si sedette.

“Non essere così deluso, la notte è giovane. E poi, ora tocca a te.”

Jenn abbassò la bocca a pochi centimetri dal mio cazzo. Tutti i tipi di pensieri stavano attraversando la mia mente in quel momento. Pompino? Assolutamente no come. Ma forse? Aprì la bocca e lasciò che un denso rivolo di saliva scorresse lungo il mio cazzo. Quando lo toccò, lei lo prese con la mano sinistra e iniziò ad accarezzarlo lentamente. Dapprima delicatamente poi con più intensità.

“Divertirsi?”

“Sì, signorina Jenn.”

“Vicino allo sperma?”

“Sìsssssssssssssssssssssssssss.”

Gli sputò di nuovo addosso e iniziò ad accarezzarlo sempre più velocemente. Non riuscii a sopportarlo a lungo per ovvi motivi e gli caddero rapidamente in mano.

“Mi hai sporcato la mano.” Ha scherzato. Jenn mi ha messo le dita in bocca e senza esitazione le ho leccate per pulirle. Non mi piace particolarmente il sapore dello sperma, ma se una Domme di 21 anni follemente sexy con una mente follemente sporca mi dice di mangiare il mio sperma, allora buon appetito. Avevo appena avuto un potente orgasmo, poi la mia mente si è schiarita e mi sono ricordata che aveva detto che la notte era giovane.

“Va bene, di nuovo il mio turno.”

Mi ha messo un calzino sul viso e mi ha ordinato di adorarla. Feci come mi era stato detto e inalai il suo piede come se non mangiassi da giorni. Non un centimetro di un piede è mancato alla mia lingua dotata. Sono partita da sinistra, succhiandole le dita perfettamente pedicure e prendendole ognuna in bocca, una alla volta. Le mie labbra si spostarono sulla pianta dei suoi piedi, dove la baciai su e giù, punta contro punta. Jenn infilò le mani sotto il calzino e scivolò fino al ginocchio.

“Strappalo con i denti.”

Riuscii a malapena a rivolgermi correttamente alla mia Padrona prima che la rete di nylon fosse tra i miei denti e tirasse giù la sua gamba liscia. Lo gettò a terra e mi mise il piede destro sulle labbra. Ho adorato questo piede ancora più avidamente del primo e ho persino gemito di piacere diverse volte mentre leccavo la parte superiore del suo piede. Nel frattempo, Secret my penis (sì, si chiama Secret, è da una barzelletta sporca che una volta ho sentito che la battuta era “Il nome del mio pene è Secret perché è abbastanza forte per un uomo, ma fatto per una donna”.) sarebbe tornato alla vita e alzarsi in piedi in modo da poter guardare il divertimento. Jenn mi ha lasciato stare ai suoi piedi un po’ più a lungo ed ero così assorto in quello che stavo facendo che non mi sono reso conto che le era scivolata la mano. , spinse via i piedi.

“Va bene, è di nuovo il tuo turno.” Lo disse con tono pratico mentre si alzava dal divano e attraversava la stanza, tornando un momento dopo con una piccola bottiglia di lubrificante.

“Penso che questa volta potresti aver bisogno di più di uno sputo.” Jenn ha spruzzato alcune gocce del liquido scivoloso sul mio cazzo e ha ripreso ad accarezzarmi. Ha iniziato lenta e più deliberata questa volta, impiegando più tempo per farmi venire. Tuttavia, sono tornato e ancora una volta ero dalla sua mano. Jenn non dovette nemmeno dire una parola mentre mi portava le dita alle labbra. È stato brutto come la seconda volta e mi sono sentito prosciugato sessualmente. Ebbene, la signora Jenn non avrebbe accettato nulla di tutto ciò, il suo piccolo gioco non era ancora finito. Ora era tempo che altre parti del corpo ricevessero un po’ d’amore. Ero ancora a terra, con le braccia e le gambe incatenate sopra e sotto di me. Jenn si è accovacciata sulla mia faccia e ha posizionato lentamente il suo culo sul mio naso e sulla mia bocca, la sua gonna che mi copriva la testa.

“Respirami nel culo Davey… prendi un lungo e profondo respiro.”

Ho fatto come mi era stato detto e una volta che si è stancata di questo tormento ho iniziato a leccarle il culo. La mia bocca è andata su e giù nella sua fessura e quando ha sussultato un po’ quando la punta della mia lingua è entrata nel suo buco increspato, ho continuato a farla impazzire in quel modo. Il suo profumo di muschio mi ha riempito i seni, gli ho leccato e succhiato il culo mentre le sue dita lo esploravano. Ha raggiunto rapidamente l’orgasmo e ha cavalcato la mia lingua per un altro potente orgasmo.

Ora ecco il punto, Secret (ricordatelo?) Bene, ora era un po’ flaccido, anche con tutta questa attività in corso. Jenn lo sapeva, quindi dopo la sua seconda ondata di piacere, si alzò e si tolse la camicetta di pelle e la minigonna. Ora completamente nuda e in piedi sopra di me, Secret ha iniziato a muoversi un po’ guardando i suoi seni perfetti con gli anelli scintillanti dei capezzoli. Potrei essere stato in una piccola psicosi perché avrei giurato che il suo tatuaggio Kermit mi stesse facendo l’occhiolino.

“Di nuovo il tuo turno.” Lei rise. Ho aspettato altro lubrificante, ma Jenn ha messo le sue labbra sul mio cazzo e ha baciato la punta. La sua bocca ingoiò la testa ora gonfia mentre se la prendeva tutta in bocca. Su e giù la sua testa si mosse su e giù per il mio albero con una leccata o due lungo i lati. Da qualche parte, in qualche modo, c’era della sborra nei miei testicoli e dopo pochi minuti di questa tortura incredibilmente piacevole, gli sono esploso in bocca. È stato doloroso, non ho intenzione di mentire. Ho provato a masturbarmi 4 volte al giorno una volta al college e quando sono arrivata la terza volta è stato doloroso ma questa volta è stato molto peggio. I miei occhi erano chiusi, mi stavo concentrando sul dolore e non ho notato che Jenn ha iniziato a baciarmi. È diventato un caldo bacio alla francese molto rapidamente e mi ha fatto dimenticare il dolore all’inguine fino a quando non mi sono ricordato della sorpresa che Jenn aveva in bocca. C’era molto meno volume questa volta e oserei dire che stavo avendo un gusto per lo sperma, se è possibile?

“Sì, di nuovo il mio turno. Ecco l’accordo. Se riesci a farmi venire sei volte in dieci minuti, non ti farò venire di nuovo stasera. Se non vieni altre 3 volte, diavolo fortunato.”

Jenn si sedette sul mio petto con le gambe divaricate. “Il tempo inizia adesso.” disse posando un cronometro sul pavimento accanto al suo piede. Ho iniziato a farmi prendere dal panico, ma presto mi sono reso conto della gravità del fallimento e mi sono concentrato su ciò che dovevo fare. Penso che ci volesse troppo tempo per iniziare, quindi Jenn mi ha afferrato la nuca e l’ha spinta nel suo inguine. Leccavo ovunque potessi cercando di prestare attenzione ai suoi gemiti oa qualsiasi altro suono di piacere per valutare i miei progressi. L’ho leccata fino a raggiungere un rapido orgasmo, anche se penso che sia stato causato più dalla sua eccitazione sessuale che dalle mie capacità. Forse mi sbagliavo, perché è tornata troppo in fretta e io ho sorriso tra me e me. Avevo trovato un posto che la stava facendo impazzire. Una certa pressione sul suo clitoride dalle mie labbra ha funzionato. Aggiungi a ciò una leccata occasionale con la punta della mia lingua e lei gemeva in estasi. Ho continuato il mio assalto orale alla sua figa, accumulando orgasmi dopo orgasmi come i punteggi più alti in un videogioco. Ho perso il conto, ma quando è suonato il timer ho capito di aver vinto.

“Ooooooooh così vicino Davey. Ce l’hai quasi fatta. Mi hai fatto venire nove favolose volte e lo apprezzo.”

“Nemmeno… nove?” Come mi sono perso questo? Hai detto sei.

“Sono io al comando, stupida oca, ho cambiato le regole in dieci orgasmi in sei minuti. Penso che ne valga la pena, vero?”

“Sì, signora Jenn.”

In quel momento ho capito che avevo una lunga notte davanti a me. Oh gioia.

La fine

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *