Mistress M – BDSM – Literotica.com

di | 18 de Giugno, 2022

Si sono incontrati sul loro strano sito di incontri preferito. E ora, dopo un breve scambio di messaggi, erano seduti in un caffè a parlare. Ha avuto dozzine di questi incontri. La maggior parte non ha funzionato. La maggior parte delle persone si è sgretolata quando le loro fantasie stravaganti si sono avverate o non ha avuto voglia di andare avanti con la relazione. Ma le piacevano le conversazioni. Le piaceva mettere le persone a disagio. Adorava vederli contorcersi in modi diversi. Le piaceva scopare con le persone. Già da bambina realizzava cose con le sue bambole – senza dubbio gli inventori di Barbie e Ken non avevano idea che una bambina avrebbe fatto cose con le bambole che lei realizzava con loro.

C’era qualcosa in questo ragazzo. Aveva una bellezza unica su di lui. Era fiducioso ma umile. Sorrideva quando lei lo metteva in imbarazzo, cosa che amava fare. Pensò quanto sarebbe stato divertente portarlo da qualche parte oltre il suo sorriso. Immaginò come sarebbe stata la sua faccia quando il dolore o il sovraccarico sensoriale erano diventati troppo per lui. La sua sicurezza gli fece pensare che avrebbe sopportato molto per lei. Era una tela su cui poteva creare qualcosa di memorabile.

Dopo essere stata soddisfatta delle sue risposte quando gli ha chiesto della sua esperienza e delle sue aspettative, ha chiesto il suo numero di telefono. Alcune persone gli hanno dato numeri sbagliati. Era abbastanza sicura che le avesse dato il suo vero numero.

Gli disse di chiamarla signora o signora M. Le piaceva l’anonimato di tutto. Nessuno di loro sapeva nulla della propria vita personale. La loro relazione era pura, libera dalle preoccupazioni quotidiane, un terreno di gioco per la loro immaginazione: la sua immaginazione. I colpi di scena elencati sui loro profili sembravano per lo più dritti. Si vantava di creare scene che giocavano sui desideri di una sottomessa, ma lo spingeva alle sue predilezioni e oltre le sue. Le piaceva spingere i sottotitoli oltre la sua zona di comfort.

Gli disse che gli avrebbe mandato un messaggio con le istruzioni. Se fosse stato obbediente, gli avrebbe concesso un “pubblico” personale.

“Sì signora”, ha risposto. Gli disse che non lo aveva sentito. Avrebbe bisogno di parlare. Parlava abbastanza forte da essere ascoltato dalle persone sedute ai tavoli vicini. Poi sorrise. Era una delle sue parti preferite di avere conversazioni come questa in uno spazio pubblico.

Il giorno dopo, gli ha mandato un messaggio. Dovrebbe comprare un paio di pinze per capezzoli a quadrifoglio. Nero. Con una catena che collega i morsetti. Cominciò, in diversi momenti del giorno o della notte, scrivendogli dei comandi: “Metti le graffette per un minuto e spegnilo per un minuto, dieci volte”. “Inserisci i morsetti per cinque minuti. Quindi ruota ciascun morsetto a destra e poi a sinistra dieci volte.” “Metti le pinze per un minuto, spegni per due, poi per tre. Poi metti la catena in bocca e alza velocemente la testa quindici volte più che puoi.” “Metti le graffette e inginocchiati con un libro. Prendi il libro, aprilo al centro e usa la catena come segnalibro. Quindi fai oscillare il libro avanti e indietro finché non tocca la tua faccia e poi lo stomaco… quei venti -cinque volte.”

Durò giorni. Il suo capezzolo divenne sempre più dolorante. Diverse volte gli ha mandato un messaggio e gli ha fatto tirare e torcere i capezzoli attraverso la maglietta. “Spremili e ruotali più forte che puoi”, ha scritto.

Ha detto che poteva masturbarsi tutte le volte che voleva, tuttavia, poteva venire solo quando stava guardando il porno e doveva mandarle il link al porno che stava guardando quando veniva. . Ha trovato un ottimo modo per entrare nella testa di una sottomessa. Dopo avergli inviato alcuni link, gli ha risposto con un messaggio e gli ha detto che voleva che uscisse con “il porno più brutto” solo per vedere cosa avrebbe fatto. Un giorno ti ha mandato quattro link diversi. Lo stava facendo impazzire.

Dopo otto giorni, gli mandò le istruzioni per comprare, per la domenica successiva, una notte in un motel vicino a casa sua. Era un vecchio posto della metà del secolo, il tipo di posto dove uscivano i venditori ambulanti e simili. Ora era un motel fatiscente in cui potevi immaginare i coniugi traditori che si incontravano per appuntamenti. Mentre passava davanti al posto, a volte si chiedeva quante persone avessero fatto sesso in quelle stanze.

Altre storie erotiche  The Bisexual Submissive Pt. 06 - BDSM

Le ha mandato un messaggio dopo aver completato il compito. Gli ha chiesto di comprare una felpa con cappuccio in spandex nera con una fascia rinforzata e solo un foro per la bocca, anche se poteva respirare attraverso lo spandex con il naso. Le piaceva l’idea di ridurlo a una semplice bocca. Le piaceva anche l’idea che non potesse vedere il suo corpo nudo quando lei aveva libero accesso al suo.

Gli ha anche chiesto di mettere le pinze per capezzoli per cinque minuti, per cinque minuti, per cinque minuti, tre volte al giorno. Voleva che i suoi capezzoli fossero così doloranti che lui non poteva dire se provava dolore o piacere quando li leccava o li succhiava. Si sarebbe assicurata di ricordargli il dolore, mordendosi di tanto in tanto i capezzoli quando erano in bocca.

Gli ha chiesto di andare in una farmacia specifica vicino a casa sua domenica. Doveva andare in quella farmacia e trovare una donna che lavorava lì di nome Tracy. Era una giovane donna sui vent’anni. Era carina. Un tipo di aspetto dolce. La signora l’aveva vista più volte in farmacia. Hanno avuto poche brevi conversazioni: piccole chiacchierate sul tempo o sulle sfide del lavoro in farmacia.

L’amante le ha chiesto di trovare Tracy e chiedere dove fossero i “clisteri usa e getta”. Ha dovuto comprare dieci clisteri usa e getta e un pacchetto di preservativi. Così una domenica si ritrovò a vagare per il corridoio di una farmacia alla ricerca di una donna di nome Tracy. Quando la trovò e gliela chiese, lei lo guardò con uno sguardo che gli fece pensare che forse sapeva chi lo aveva mandato in farmacia. Si chiese se lei ne sapesse di più sul suo destino di lui. Si chiese se lei avrebbe avuto un ruolo nel suo prossimo futuro. Ma, imbarazzato com’era da tutti questi possibili scenari, ha comprato clisteri e preservativi e li ha portati al motel con le pinze per capezzoli e la maschera.

Quando si è registrato al motel, le ha mandato un messaggio con il numero della camera e ha portato le sue cose al piano di sopra, nella stanza del secondo piano. Come lei ha chiesto, ha iniziato a farsi i clisteri: “prendi uno, tieni premuto per cinque minuti, poi spingi fuori e prendi il successivo finché non hai usato tutti i clisteri”.

Ha dovuto usare un po’ di matematica per capire le sue istruzioni sull’opportunità di essere nudo, in ginocchio, con la maschera addosso, in attesa che lei arrivasse alle 15:00. I clisteri le hanno dato un piccolo crampo e le hanno fatto tremare le gambe. Ma gambe traballanti e tutto il resto, era lì in ginocchio alle 3:00. Quando ha bussato alla porta alle 3:17 del mattino, l’ha aperta un po’ e si è inginocchiato con le spalle alla porta come lei aveva chiesto. La sentì entrare e sentì il tonfo di quello che pensava fosse uno zaino: il suo arsenale di giocattoli, pensava.

Con la sua maschera, non poteva vederla. Ma a giudicare da quello che aveva sentito, poteva dire che era andata a prendere il suo zaino e ne aveva tirato fuori qualcosa. Quel qualcosa si rivelò essere le manette che si era legata ai polsi. Poi le sono state legate le manette dietro la schiena. Poi gli girò intorno, tirò fuori una sedia laterale e all’improvviso si sedette sulla sedia di fronte a lui – poteva sentire il suo respiro.

Ha iniziato a pizzicarsi e tirarsi i capezzoli. I suoi gemiti e sospiri la fecero bagnare. Poi intinse le dita sotto le mutandine e prese un buon strato dei suoi succhi e si fece scivolare le dita in bocca.

Altre storie erotiche  Making the Perfect Husband - Step 09 - BDSM

“Buon gusto, puttana?” ha preso in giro retoricamente.

“Sei in una situazione difficile qui. Potrei fare quello che volevo”, gli disse. “Quindi, visto che mi sembra di essere al comando, lascia che ti dica come va.”

“Quando esci di qui, cagna, il tuo culo, il tuo cazzo, le tue palle e il tuo capezzolo saranno così doloranti. E la parte migliore è che avrò un tonnellate di orgasmi. Ultimamente ti stai masturbando così tanto che non penso che meriti di venire”.

“Sì signora,” rispose lui mentre cercava di capire cosa gli aveva appena detto.

“Penso che per ora dovremmo nominarti Padrona M. Non credo che tu mi conosca abbastanza bene da chiamarmi Padrona.”

“Sì, signora M.”

“In primo luogo, penso che dovremmo chiarire la gerarchia qui. Sai, la gerarchia.”

Detto questo, si tolse le manette, poi lo tirò in piedi per le palle e lo portò in bagno. Spinse da parte la tenda della doccia, fece alcuni aggiustamenti e lo mise supino nella vasca. Gli disse di chiudere gli occhi, quindi si tolse il cappuccio dicendogli di tenere gli occhi chiusi. Sentì le sue caviglie toccarlo mentre si arrampicava nella vasca e si arrampicava su di lui. Sentì la sua pelle e immaginò che fosse nuda. Subito dopo questa realizzazione, sentì la sua pipì sopra. Ha iniziato a pisciare sulla pancia e sul cazzo. Alla fine è andata fino in fondo alla sua faccia e gli ha dato uno spray completo. Aveva coperto la vasca e ora la sua urina era abbastanza profonda da iniziare ad abbracciare il suo corpo. Uscì dalla vasca, si sedette sul water e lo guardò.

“Sai che sei sdraiato in una pentola di piscio?” gli chiese.

“Sì, signora M,” rispose lui, attento a non pisciarle troppo in bocca.

“Ora questa è una differenza tra te e me. Non ho mai e non sarò mai sdraiato in una pozza di urina di qualcuno. Sai perché quella puttana?”

“No, signora M.”

“Perché sono migliore di te. E nella nostra dinamica, sarà sempre così. Sarai sempre sottomesso a me. Capisci?”

“Sì, signora M.”

“Bene. Ora che è sistemato, quando esco dal bagno, faccio una doccia, poi asciugati. Quando hai finito, rimetti il ​​cappuccio, è nel lavandino. Quindi apri la porta del bagno. Fai il bagno e inginocchiati con le spalle al bagno.” la porta .”

Pensò di fargli annusare l’urina, ma poi si rese conto che avrebbe dovuto annusarla. Ma ha preso due dita, le ha immerse nell’urina e ha immerso l’area della maschera dove sarebbe stato il suo naso. Stava per annusare la sua pipì per un po’.

Dopo che ha fatto come aveva ordinato, gli ha messo un colletto al collo, ha attaccato una catena e lo ha trascinato fuori dal bagno. Ha sostituito le manette, lo ha messo in manette alle caviglie e lo ha legato alla sedia laterale con le natiche alzate.

“Penso che per ora sarai il mio schiavo idiota. Sai cosa significa puttana?”

“No, signora M.”

“Ciò significa che l’unica parte di me che meriti di adorare in questo momento è il mio culo. Se fai un buon lavoro, posso promuoverti ad adorare altre parti del mio corpo. Ma non preoccuparti, cagna. Ho portato il mio dildo preferito , e lo userò molto mentre adori il mio culo. Forse se sei bravo, ti lascerò leccare il mio sperma dal dildo.

“E dato che sei uno schiavo così idiota, penso che sarà la tua password.” Quando le cose si fanno troppo intense perché tu mi implori di adorare il mio idiota. Capisci ?

“Sì, signora M.”

Così ha iniziato a sperimentare con i suoi diversi giocattoli di impatto su di lui. Gli disse che gli avrebbe dato dieci colpi con ogni strumento. Alla fine, le avrebbe detto il suo preferito e lei gli avrebbe dato più di quel giocattolo. Quando arrivò il momento di scegliere il suo preferito, esitò. Quindi decise che, dato che non riusciva a decidersi, l’avrebbe fatto di nuovo. Dopo un secondo round, ha finito per picchiarlo con la sua racchetta di pelle fino a quando non l’ha implorato di leccarle il buco del culo.

Altre storie erotiche  His Loving Wife - BDSM

Ben presto fu in ginocchio con la faccia sepolta nel suo culo, leccandole freneticamente nella speranza di evitare ulteriori punizioni corporali. Le piaceva farsi leccare il culo. Dopo aver lottato per un secondo orgasmo, ha tirato fuori la testa dal culo e gli ha fatto leccare il vibratore. Poi prese degli spilli e se li infilò nella lingua e la fece oscillare su e giù. Voleva che la sua lingua si sentisse bene e dolorante prima di spingerla indietro tra le sue natiche per un po’ più di adorazione. Sapere che i movimenti della sua lingua erano dolorosi rese il suo prossimo orgasmo ancora più intenso. È sempre stata una di quelle donne che possono avere orgasmi facilmente e ripetutamente.

Poco dopo aveva le gambe larghe, le caviglie legate saldamente ai bordi del giroletto ai piedi del letto, i cuscini sotto il bacino le costringevano le natiche in una posizione molto esposta; i suoi polsi erano bloccati agli angoli della testiera. Lei gli punse la coda. È stata felice di vedere quanto fosse comodo per i suoi giocattoli. Si è riempita e si è tuffata con un assortimento di dildo e plug. Si è messa lo strap-on e lo ha scopato, passando da un vibratore all’altro. Provava il più grande piacere nel sentirsi. Lo ha posizionato perfettamente dentro di sé e ha posizionato la superficie sporgente sul suo clitoride e ha acceso il vibratore. Lo ha scopato lentamente, poi velocemente. Tirò forte, poi spinse forte. Ha avuto il maggior numero di orgasmi dal suo culo mentre spingeva su per il culo e sogghignava il suo clitoride contro i rigonfiamenti vibranti mentre lui gemeva e urlava.

Dopo un breve riposo, lo legò a pancia in giù, in piedi sul letto. Poi ha torturato il suo cazzo dolorante, i testicoli ei capezzoli. Ha usato fermagli, graffette e rotoli di stoffa. Lo colpì ripetutamente con lo schiaffo, il cucchiaio di legno e la frusta dalla coda di gomma. Ha usato le sue ruote Wartenberg. Ad un certo punto gli ha messo un mucchio di mollette sui capezzoli, sul cazzo e sulle palle e gliele ha scosse con il frustino finché lui non l’ha pregata di leccarle il culo. Lo salutò sedendosi sulla sua faccia e venendo mentre lui aveva la lingua nel suo culo, gemendogli mentre si torceva uno dei capezzoli.

Si è presa una pausa intorno alle 19:00 e ha attraversato la strada fino al bar e ha cenato tranquillamente. Lo lasciò nudo e legato al letto con un grosso plug anale vibrante nel culo. Si affida all’intensità e ai difetti.

Al suo ritorno, gli fece mangiare i resti di una scatola di polistirolo che aveva posato per terra con le mani legate dietro la schiena. Così ha ricominciato a usarlo. Alla fine si è stancata intorno alle 2 del mattino. Gli fece baciare i piedi e ringraziarla per averlo portato. Così è andata a casa a prendere un po’ di Nina Simone e si è fatta una lunga doccia. Non appena è entrata nella vasca, Nina ha iniziato a cantare “I Put A Spell On You”. Rilassata e completamente soddisfatta, dormiva come un bambino.

Lui, invece, era dolorante e arrapato come aveva promesso. Si tolse il cappuccio e crollò sul letto nella stanza del motel, troppo esausto per masturbarsi. Si è svegliato la mattina dopo al suono di due persone fuori dalla sua camera da letto che litigavano ad alta voce in una lingua straniera. Stava ancora soffrendo. Si chiese quanti giorni ci sarebbero voluti prima che il dolore andasse via.

Le ha mandato un messaggio: “Grazie, ancora una volta, per avermi usato, signora M.”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *