Money Well Spent Ch. 01 – BDSM

di | 18 de Giugno, 2022

“E allora? Sei tipo, come un ragazzo o qualcosa del genere?”

È stato gridato. Anche lui era raggomitolato e, per ogni evenienza, una goccia di saliva mi scorreva lungo il viso. La mia espressione facciale, di appropriato disgusto, cadde in un pubblico bianco. Era in quello stato che ha un certo tipo di uomo quando porta gli occhiali, quello che si affida sempre meno a un avversario per tenere una conversazione. Riusciva a battere le palpebre una alla volta, e lei era concentrata su un punto appena sopra la mia testa o da qualche parte sopra la mia spalla, era difficile dirlo.

È stata una conferenza di tre giorni arricchente. Due giorni sono stati pieni di spettacoli, discorsi e lanci consecutivi, seguiti da cocktail party e cene progettate per essere più stravaganti di quanto qualsiasi partecipante avesse mai sperimentato prima.

È stato estenuante ma incredibilmente coinvolgente. La maggior parte dell’ultimo giorno è stato trascorso in discussioni in piccoli gruppi, creando collegamenti tra le idee straordinarie che sono state condivise e presentate nei primi due giorni. Ispirazione ed esperienza si sono unite alla perfezione per fornire un contenitore pieno di nuove idee da portare a casa con me.

Uno dei miei compagni dell’ultimo giorno era un amabile sciocco di mezza età con una carnagione rubiconda. Dal lato apparentemente piacevole e professionale del suo spettro, sembrava abbastanza dignitoso da accettare un’offerta di drink al bar dell’hotel. Riuscì a passare da un professionista dall’aspetto piacevole con qualche idea decente alla maglietta, cullando delicatamente il giullare in quattro drink veloci.

Su uno sfondo di pianoforte dolcemente solleticante, chiacchieriamo in modo piacevole e professionale fino alla fine del tuo secondo whisky pulito. Fino a che punto è arrivata l’inevitabile domanda?

“Allora com’è la seconda metà di stasera?” stava canticchiando. Per aggiungere un po’ di serietà alla sua seduzione, ha provato quello che secondo me pensava fosse un suggestivo urto del sopracciglio. In effetti, lo sguardo suggeriva meno seduzione e più un uomo di mezza età che aveva un ictus.

Dall’esterno, mi aspettavo che la mia espressione facciale trasmettesse la forte delusione nel mio giudizio che si sentiva all’interno. Ancora una volta, il mio dispiacere è passato del tutto inosservato. Ho deciso di abbandonare la finzione e sapendo che sarebbe stata l’ultima volta che ci saremmo visti, gli ho detto la verità.

“Oh, per me, questo comporterà l’incontro con il giovane uomo e la donna per cui ho pagato e riportarli nella mia stanza per fare sesso.”

Dato che quella sera era l’ultima notte della conferenza, e poiché non mi vergogno delle mie tendenze, non ho esitato a confondere la sua mente rapidamente avvizzita.

A una parte di me è piaciuta la parte successiva. La tua incredulità. l’incredibile. Il gomito che lo sosteneva mentre inarcava le sopracciglia verso di me scivolò via dal bordo del tavolo, evitando per un pelo la collisione del suo mento con il tavolo. Ho visto gli ingranaggi scattare goffamente mentre il suo cervello cercava di trovare l’ingranaggio che gli avrebbe permesso di cogliere la realtà che avevo presentato. Potevo vedere l’occhio della sua mente formare immagini fantastiche, riferendosi alla sua notte sudata mentre scorreva con una mano davanti allo schermo del suo laptop. Ho guardato con divertimento mentre questi pensieri cercavano di mettere insieme abbastanza punti per creare un’immagine in cui potesse insinuarsi, per quanto lunga potesse sembrare la scena, nella baldoria della notte.

Ha gestito tutto stoicamente fino a metà del suo terzo bicchiere. Ha fatto il tipo di domande affascinanti e amichevoli che una delle ragazze potrebbe porre. C’erano anche alcune spinte e una strizzatina d’occhio per completare il tutto. Le mie risposte dirette e senza senso hanno continuato ad alimentare la sezione fantastica del suo cervello mentre la parte logica e ragionevole che ha cercato di seguire è giunta alla conclusione che in effetti, no, la notte non lo avrebbe coinvolto.

Quando ha svuotato le ultime gocce del suo Glenwhatever, era completamente tornato a colpire; un pagliaccio ubriaco.

“Come un ragazzo?” Ho risposto.

“Sì, sai, un duuuuude. Ci vado solo a scopare!” Mi ha spinto i fianchi nel caso non riuscissi a collegare i punti.

Ho guardato il mio orologio. I miei ospiti sarebbero arrivati ​​tra poche ore e volevo tempo per prepararmi. Era ora di farla finita. Sebbene del tutto superfluo, ho sentito il bisogno di chiarire la mia posizione a Gary. O Geoff, o Warren, o come si chiama.

“Viaggio buona parte dell’anno, sono spesso lontano da casa. Mi piace il sesso in tutte le sue forme e non mi vengono negati i miei desideri solo perché sono in viaggio. Quindi invece di essere ridotto a incontrare i partecipanti alla serata di ieri conferenza, ho pagato profumatamente per soddisfare tutti i miei capricci sessuali.

dissi l’ultima volta allontanandomi, lasciandolo senza parole e dondolandosi dolcemente.

Ho passato molto tempo ed energie a cercare i miei acquisti per la notte. Passando attraverso i potenziali, combinando e incrociando simpatie, antipatie, preferenze, limiti difficili, esperienza, così come cose più semplici come le sensazioni e i sentimenti che ho provato guardando ogni candidato. Un buon segno, ho sempre pensato, era se avessi bisogno di chiudere lo schermo del mio laptop e curarmi.

Il giovane che ho incontrato era semplicemente magnifico. Il sorriso che si irradiava dalla sua foto avrebbe fermato il traffico e la sua biografia e descrizione mi hanno lasciato piuttosto stordito dal potenziale. Ho immaginato tutte le cose che avrei potuto fare a lui e con lui mentre ero sdraiato a letto, e sono arrivato molto più velocemente del previsto.

L’altra metà della festa di stasera è stata un’eccezione a una regola personale, anche se gommosa; una seconda interazione, un’esperienza di ritorno. Non è che abbia evitato di rivisitare lo stesso acquisto per un motivo specifico, a parte il fatto che finora non ho mai avuto una brutta esperienza. Perché stare in una stanza, pensavo, quando c’è un corridoio infinito di porte che nascondono nuovi incontri. Ma ho fatto un’eccezione per Sabine. Sarebbe stata, nonostante la miriade di possibilità, il perfetto contraccolpo per Alexander.

Quando ho chiuso la porta del mio attico e mi sono tolto le scarpe, ho ricordato la lunga e calda notte con l’adorabile e affascinante Sabine. Poteva fare cose così meravigliose con la lingua e le dita, ed era diventata una bellissima forma d’arte, implorando e gemendo. Mi sono tuffato nella fantasticheria del nostro precedente incontro, il mio corpo ricordando la sequenza di orgasmi che mi ha spremuto fuori mentre tenevo i suoi bei capelli stretti nel mio pugno. Era la perfetta combinazione di abilità suprema nel campo prescelto e una ninfa insaziabile.

Ho sollevato un buon sudore imbevuto nella mia stravagante vasca, intrecciando i due insieme nella mia mente, e sono stato felice quando il mio battito ha accelerato. Sott’acqua, potevo sentire la morbidezza tra le mie labbra gonfie. Dopo la doccia, ho lasciato scorrere un po’ d’acqua e ho afferrato la bacchetta portatile dell’acqua. Formicolio, mi sparai aghi di acqua fredda ai capezzoli, gemendo forte. Feci oscillare i piedi fuori dalla vasca, accendendo lentamente la doccia. Ho usato una mano per aprire le labbra della mia figa, esponendo il mio clitoride già palpitante. Il polso era abbastanza lento e deliberato da farmi imprecare e gemere senza alcun pericolo di andare troppo oltre.

Per garantire un buon livello di preparazione, ho lasciato che un solo dito scivolasse nelle mie pieghe bagnate e il mio mignolo di penetrare nel mio buco del culo, solo per un momento. Il tocco ha attivato tutte le terminazioni nervose corrette e, per un secondo, sono stato vicino all’orgasmo. Ho chiuso il rubinetto, le mie guance arrossate sia per l’acqua che per l’eccitazione. Ho dovuto saltare sotto la doccia e lasciare scorrere l’acqua fredda per un momento per avere la meglio sulle mie voglie. Per uniformare la mia mente con il raffreddamento del mio sangue, ho riflettuto sull’interazione nel bar dell’hotel.

Non avevo mentito a Terry. Il viaggio è stato una parte importante della mia vita professionale e ci sono stati molti anni in cui c’erano più mesi all’estero che a casa. Il mio ruolo è tale che ci sono sempre fuochi da spegnere, palme da olio ed ego da accarezzare e confortare.

Sono sempre la persona che viene presto alle riunioni, il più attento alla colazione dopo le cene tardive, e vado sempre oltre gli accorgimenti principali, creo sinergia e coltivo l’integrazione verticale. Qualunque cosa stia parlando in questo momento, mi assicuro di farlo. In breve, sono molto bravo in quello che faccio. Ma la vita in valigia è noiosa, solitaria e noiosa. Fin da piccola ho imparato a portare il mio vibratore. Poi i vibratori. Poi plug anali, pinze per capezzoli, dildo a ventosa e sempre più comfort ed esplorazione della mia stessa sessualità.

Ma come la vita in valigia, l’esplorazione in solitaria è diventata noiosa, solitaria e noiosa. Potrebbe essere un po’ duro. Amo masturbarmi. Sono un masturbatore appassionato, entusiasta e frequente. Ma ho capito che mi mancava l’elemento umano del sesso. Desideravo il calore e il formicolio della pelle. Desideravo l’odore, il gusto, la sensazione dell’eccitazione di qualcuno. Volevo la sensazione di un cazzo vero che mi scivolasse nel buco del culo, dita vere nella mia figa, la mano di qualcuno intorno alla mia gola.

Così sono stato coinvolto, brevemente, con i Kevin del circuito dei viaggi. C’era un Darren. Era dimenticabile. Un Michael stava bene finché non ha chiamato 82 volte e ha lasciato più messaggi di quanti ne potessi contare. Marguerite era di gran lunga la migliore del gruppo, sapeva ridere e non essere appiccicosa. Mentre giacevamo in una languida beatitudine, mi raccontò delle avventure che aveva avuto mentre si impegnava con quello che chiamava “fornitore pervertito promiscuo”.

“Non è così che si chiamano?!” ho chiesto sorridendo.

“No, credo solo nell’usare sempre l’alfabetizzazione ogni volta che è possibile”, ha riso e suonava come cascate. “Dimentica Tony”, mi ha detto. “Chiama, di’ quello che vuoi, fatti un regalo, vola nella prossima città.”

Ha raccontato esperienze e scappatelle.

“Che diavolo ci fai qui con me allora?!” gli ho chiesto incredulo.

“Hai sorriso, mi sono sciolto e all’improvviso il brivido dell’inseguimento ha avuto la precedenza sulla comodità.”

Sorrido io stesso. I suoi consigli avevano reso il viaggio molto più facile e molto più piacevole. La prima volta che ho chiamato il numero della carta ero più nervoso di quando ho perso la verginità. Ero lì, una donna forte e sicura di sé che pagava per il sesso. Tutti gli stigmi e le connotazioni che portano erano un ostacolo mentale prima ancora che avessi la possibilità di considerare il costo esorbitante.

Sono quasi caduto dalla sedia quando ho visto i prezzi accanto ai ragazzi e alle ragazze tra cui potevo scegliere. Ma era il mio compleanno e un vecchio amico mi ha picchiato che ha promesso di trovarmi. Così ho comprato un giovane di nome Seb, che ha alleviato immediatamente tutte le mie preoccupazioni. Era dolce e affascinante, e nel momento in cui il suo meraviglioso cazzo è scivolato dentro di me, mi sono chiesto perché non l’avessi provato prima.

Quella prima notte è stata piuttosto vanigliata, una serie di orgasmi attraverso la lingua, le dita e il cazzo mentre mi scopava con il controllo di un esperto. La seconda volta che sono entrato ero ancora nervoso, ma in un modo completamente diverso. Seb era stato fantastico, ma se fosse stato solo fortunato? Quindi ho fatto un pasticcio e ho ordinato una seconda porzione di Seb.

Era come le lasagne, meglio il secondo giorno. C’era meno imbarazzo da parte mia e più sicurezza da parte sua. C’era sempre il colore del nuovo, unito al brivido di una ciliegia già scoppiata. Mi sono avvicinato al piacere che mi ha portato per la seconda volta, e ricordo una sensazione di abbandono che mi era sconosciuta. Mi ha colpito con ferocia e tenerezza, ed è stato incredibile.

Ci siamo fermati per un bicchiere di vino, poi ha messo da parte le stoviglie, mi ha messo sopra e ha iniziato a scopare con più energia. Poi, quando la mia resistenza ha cominciato a indebolirsi, ho sentito un impulso. Non sapendo esattamente dove dovrebbero essere i miei limiti, oi suoi, ho preso a calci.

“Voglio che tu… voglio che tu venga sulle mie tette”, azzardai.

“Mio piacere,” rispose.

Poi, mentre si allontanava da me e prendeva in mano la sua furiosa erezione, e al pensiero della sua sborra che mi schizzava sul petto, un secondo impulso mi colpì. Scivolai giù dal tavolo sul pavimento di fronte a lui e aprii la bocca. Gemette e pompò il suo cazzo a pochi centimetri dalla mia faccia. Non riuscivo a credere a quanto fossi eccitato, quindi un’ultima spinta mi ha dato una spinta.

“Chiamami la tua cagna”, dissi.

Borbottò e iniziò a fare una serie di domande ridondanti sul mio desiderio di essere la sua puttana, cosa che mi eccitava più di quanto avrei mai potuto immaginare, prima di rilasciare un torrente di sperma su tutto il mio viso. , la mia bocca, il mio mento e il mio seno .

Lo salutai con lo sperma ancora gocciolante dal mio mento e una sensazione di soddisfazione sessuale che mi percorse fino ad allora inesperta. Non era che la stanza BDSM nella mia casa del sesso non si fosse avventurata fuori; Sono sempre stato coinvolto in torsioni leggere. È solo che ho scoperto una stanza squallida al di là delle mie tendenze familiari, una dietro una tenda rossa.

Le ore, i giorni, le settimane ei mesi trascorsi a presiedere i panel, a facilitare i gruppi, a gestire la logistica e a guidare i team sono stati entusiasmanti ma estenuanti. Quando mi sono ritirato nel mio mondo privato, ho capito che l’ultima cosa che volevo o di cui avevo bisogno era avere il controllo e il controllo. Ho scoperto che tutto ciò che volevo fare era dare il controllo a qualcun altro. Dimmi cosa fare, togli il peso di prendere decisioni in modo che rimanga solo la felicità della sensazione fisica.

Ho passato i successivi 12 mesi ad esplorare i miei impulsi di sottomissione. Ho detto ai miei partner che volevo essere preso, usato e punito, e ne ho amato ogni minuto. In un cocktail bar, mi hanno toccato le dita, facendo del mio meglio per mantenere la calma mentre ordinavo altro Manhattan. Ho succhiato e accarezzato due grossi cazzi contemporaneamente, coprendomi le guance con il mascara. Una notte, un giovane particolarmente entusiasta mi ha sculacciato molto forte mentre mi ordinava di sborrare intorno al suo cazzo.

Questo segno commovente ha lasciato un’impressione molto tempo dopo che il caldo era passato. Arrossii pensando a quanto amassi essere sculacciata. Era strano che in tutti gli scenari e le situazioni in cui mi sono abbandonata, non avessi mai pensato di esplorare il sadismo. La prossima volta che ero solo, un vibratore di vetro che mi riempiva la figa e un vibratore il mio clitoride, mi sono schiaffeggiato il culo. Questo meraviglioso mix di recettori del piacere e del dolore nel mio cervello mi ha fatto rabbrividire per l’eccitazione aggiunta. Ho trovato una spazzola per capelli nei miei articoli da toeletta e mi sono tuffato nelle punizioni corporali.

Da quel momento in poi ho avuto bisogno di una sculacciata e ho iniziato a esplorare gli strumenti in un sexy shop in una città che ho visitato solo una notte. Una frusta di cuoio mi ha fatto venire l’acquolina in bocca e il respiro accelerato mentre la pagavo, e la splendida donna che ho comprato per maneggiarla mi ha fatto sbavare ed estasiare. Sono stato catapultato in un’altra dimensione e sono stato fortunato che il secondo giorno della conferenza fosse principalmente dedicato alle presentazioni in piedi, poiché non potevo sedermi.

Fu anche in questo periodo che mi innamorai del mio sedere. Era il cuore dell’inverno e il mio godimento della notte era stato rovinato. Quando sono stato chiamato con la cattiva notizia, mi è stato offerto un rimborso completo e una sostituzione se avessi ancora intenzione di soddisfare il mio appetito quella notte, saluti da casa. Che offerta era quella.

Arrivò un misterioso giovane dai capelli scuri, fradicio e straordinariamente bello. Sebbene avesse poco tempo per organizzare i dettagli, aveva letto chiaramente il mio riassunto. Era un gentiluomo dalle labbra serrate, preferendo le sue azioni alle sue parole.

Ha iniziato con un massaggio lussuoso e mi sono sciolto rapidamente nelle sue mani. Una volta che ha superato la fase di rilassamento delle sue cure, le sue dita hanno iniziato a tessere la magia lungo le mie cosce interne prima di stuzzicare delicatamente la mia figa. Ero in un tale stato quando mi ha versato dell’olio nell’ano e ha iniziato a massaggiare lì, non c’era una forte spinta nel mio corpo. Mi era penetrato l’ano con il suo dito elegante dopo averlo stuzzicato troppo a lungo. Mi ha preparato così bene che l’ho aperto e l’ho accettato senza un briciolo di disagio. Quando ha infilato due dita nella mia figa, non mi ero mai sentito così deliziosamente pieno e troia. In effetti, ho allungato la mano per rimanere aperto con lui, implorando di essere fottuto nel culo. Ha continuato a toccare i miei buchi bisognosi con grazia facile, come faceva tutto il tempo del mondo. Conosceva i tempi giusti per riapplicare abbondanti quantità di lubrificante o olio in modo che l’esperienza diventasse un miasma di piacere.

Quando ha fatto scivolare il suo cazzo nel mio ano, mi ha allungato nel modo più delizioso. Ho imparato ad amare questa sensazione di un sentimento che potrebbe essere solo questo lato del dolore; un riconoscimento del corpo di questa invasione tabù. Ho urlato il mio primo orgasmo anale nel mio cuscino mentre il suo ritmo non si allontanava mai. Quando il mio secondo orgasmo iniziò a lavarmi attraverso, gemette e svuotò il mio culo.

Non era come se avessi bisogno di un’altra svolta per consegnare, ma ero lì. Cum trasudava da me e mi sentivo così meravigliosamente sporco. Aveva fatto un lavoro così straordinario la prima volta che non ho sentito alcun dolore o disagio che sembrava parte dell’esplorazione del sesso anale. A rendere le cose ancora più confuse, dopo non ho mai avuto i servizi di questo giovane. Ci ho provato, più volte, ma era come se fosse scomparso dai libri dei suoi datori di lavoro. Ancora oggi nutre molte sordide fantasie.

Così i miei gusti e le mie tendenze si sono allargati ed evoluti. Essere sottomessi è stato davvero sorprendente e credo fermamente di essere diventato più efficace nei miei numerosi ruoli. Essere in grado di “spegnere” la parte alfa della mia mente ogni volta che mi concedevo una pausa è stata una gradita pausa dall’essere la persona che ero sempre ricercata per la leadership o la guida. Come tutto il resto, però, il sapore era lo stesso, un po’ insipido e prevedibile.

Sentendo di aver superato tutte le tentazioni di sottomissione, ho iniziato a esplorare il mio lato dominante. L’ho vissuto in un modo che mi ha permesso di abbandonare la mia attenzione diurna ai dettagli e scappare. Ero quasi in ritardo per il lancio ufficiale di un evento in cui ero l’oratore principale perché ero impegnato a vedere quante volte avrei potuto portare una bellissima moglie sull’orlo dell’orgasmo senza permetterle di ribaltarsi. Ho afferrato un uomo per la prima volta, il suo cazzo tremante e gocciolante mentre il lubrificante che ho usato ha rovinato il bellissimo divano su cui mi ero appoggiato. Ho creato quadri complessi e stratificati della mia fantasia, uno di noi in particolare ha fatto ridere tutti e tre della sua assurdità.

In seguito ho fatto marcia indietro, mantenendo gli scenari più semplici anche se la complessità e gli strati si svolgevano nella mia mente. Avevo dei progetti per Alexandre e Sabine che si sono concretizzati durante la sessione del giorno prima. Tutto ciò che serviva erano alcuni oggetti di scena e alcuni corpi di volontari.

Ho guardato l’orologio e ho capito che era ora di vestirsi. Travestirsi era una cosa semplice, perché in queste circostanze “vestirsi” era un termine relativo. Calzini, reggicalze, girocolli, orecchini. Ho considerato per un po’ le mutandine di pizzo e poi ho deciso di non indossarle. C’erano strane occasioni in cui gli ospiti erano nervosi ed esitanti all’arrivo, forse non sapendo esattamente quale fosse il loro caso. Inesperienza forse, ma sono sempre riuscito a metterli a loro agio. Volevo che Sabine e Alexandre vedessero cosa mi avevano già fatto i loro pensieri.

Con un bicchiere di champagne in mano, ho iniziato a preparare la mia attrezzatura per la notte. Un collare e un guinzaglio, un cockring, un crop, una selezione di lingerie nuovissima e assolutamente bellissima. Altri giocattoli, ancora nella loro confezione, erano disposti ordinatamente e uniformemente lungo il tavolo da pranzo di vetro. Ho applicato il profumo e acceso le candele e, quando sono stati eseguiti gli ultimi ritocchi, si è sentito bussare alla porta.

“Sabina!” La salutai con sincero entusiasmo. Mi ha salutato con un caloroso abbraccio e bacio, dicendomi quanto fosse felice di ricevere di nuovo il mio invito.

“Stavo parlando con ‘Xander venendo qui di quello che abbiamo fatto l’ultima volta che sei venuto in città. Ammetto che gli è successo qualcosa!” rise, con un falso accento del sud che risuonava nel suo accento.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *